Giappone, iPhone al filtraggio?

Le autorità del Sol Levante vorrebbero costringere Apple Japan e il carrier SoftBank Mobile ad implementare uno specifico software per il filtraggio di certi contenuti web inadatti ai minori
Le autorità del Sol Levante vorrebbero costringere Apple Japan e il carrier SoftBank Mobile ad implementare uno specifico software per il filtraggio di certi contenuti web inadatti ai minori

Che il mercato nipponico dei telefoni cellulari sia particolarmente affollato è cosa ormai nota. Produttori affermati come Sharp, Panasonic e Fujitsu provvedono alla certosina divisione degli utili, con un occhio sempre vigile verso competitor sempre più agguerriti.

Costantemente in ascesa, iPhone sta conquistando i desideri dei consumatori del Sol Levante. Il Melafonino è così riuscito ad entrare nella classifica dei primi cinque dispositivi mobile più venduti in Giappone. Un successo che per certi aspetti non sembra piacere affatto alle autorità locali.

Un efficace meccanismo di filtraggio dei contenuti web . È quanto richiesto in via ufficiale dal ministero giapponese delle Comunicazioni, preoccupato che i minori possano risultare esposti ad una serie di siti poco consoni al loro sano e robusto sviluppo psichico.

Le autorità nipponiche hanno dunque richiamato sia Apple Japan che il carrier SoftBank Mobile, affinché si studi al più presto un modo per implementare il meccanismo di filtraggio nei vari device della Mela. I filtri dovranno essere predisposti al momento dell’acquisto di un iPhone .

I responsabili di SoftBank Mobile hanno tuttavia criticato la richiesta del governo: installare un software di filtraggio su ogni iPhone venduto richiederebbe procedimenti lunghi e difficoltosi. Ogni utente dovrebbe consegnare in negozio i suoi dati identificativi oltre che quelli sulla sua carta di credito.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 01 2011
Link copiato negli appunti