Porno, i genitori contro iPhone

Secondo un'associazione di stampo conservatore, Apple non starebbe facendo abbastanza per tenere i contenuti più osceni lontani dalla vista dei pargoli. La moralizzazione annunciata da Jobs non pare dunque servire a molto

Roma – “Crediamo di avere una responsabilità etica nel mantenere il porno fuori da iPhone. La gente che desidera la pornografia può comprarsi un telefono Android”. Così parlò Steve Jobs, in risposta ad una lettera inviatagli da un giovane adepto di Apple, in cui la Mela veniva dipinta come un poliziotto tecnologico della morale .

Ma questa stessa responsabilità etica non sembra aver soddisfatto i più esigenti palati delle organizzazioni familiari statunitensi. Per la precisione, dell’organizzazione conservatrice Parents Television Council (PTC), che ha recentemente bacchettato Cupertino, rea di non aver fatto abbastanza per tenere i contenuti più osceni fuori da iPhone .

Al centro della piccola bufera , un pugno di app attualmente disponibili per gli utenti di Apple, tra cui My Vibe – sviluppata da Sawhorse Enterprises – che in pratica trasforma il dispositivo in un poco ortodosso strumento di piacere personale. Oppure Love Positions Free , che metterebbe in bella vista una serie di posizioni decisamente troppo piccanti.

Contenuti espliciti, che a detta di PTC sarebbero alla facile portata delle generazioni più giovani, assidue frequentatrici del ben noto App Store . L’associazione si è infatti lamentata anche di altre piattaforme mobile , ma quella della Mela è parsa la più bersagliata.

Il tutto nonostante la moralizzazione voluta da Steve Jobs, concretizzatasi ad esempio nella rimozione dell’app Dirty Fingers Screen Wash , in cui alcune provocanti donne in bikini si mettevano languidamente all’opera per pulire lo schermo di iPhone dall’interno. O in quella di Shawna Lenee Private Dance – sotto pressione dello stesso PTC – orbitante intorno alle prestazioni solitarie di una ex- vixen di Penthouse , poi divenuta porno-attrice.

Ma questa rapidità nel cassare le applicazioni non basta, almeno secondo un rappresentante di PTC: ha sottolineato come i genitori a stelle e strisce non possano stare tutto il giorno a controllare quello che scaricano i propri innocenti pargoli, soprattutto perché non esistono filtri adeguati a loro dedicati . Qualcuno ha tuttavia precisato che, in fondo, la pornografia è protetta dal Primo Emendamento degli Stati Uniti.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ottomano scrive:
    WiMax azzoppatto dall'UMTS
    Credo che, almeno in Italia, il WiMax sia stato azzoppato dall'UMTS (e sue varianti HSDPA ecc...)E' da qualche anno che, quando non ho l'ADSL disponibile vuoi perchè sono fuori ufficio o fuori casa, utilizzo le connessioni via cellulare.Certo, inizialmente si andava davvero lenti (penso alla connessione UMTS pura, che non superava mai i 400 Kbitsec)... però non mi potevo lamentare, riuscivo a navigare in piena città così come dalla casa al mare o in mezzo alle campagne sperdute.Oggi con l'HSDPA viaggio tranquillamente da 800Kbit/aec a 1.5 Mbitsec, che è sufficiente per la maggior parte degli utilizzi casalinghi/professionali.Certo non ci fai il P2P (anche se si potrebbe), ma per il resto funziona tutto a dovere.Mettere antenne Wi-Max sarebbe molto più costoso, IMHO.Nicola
  • vday scrive:
    L'importante è che.....
    sia finalmente GRATIS sostenuto dalle TASSE che vengono pagate dai cittadini, che FINALMENTE saranno contenti di pagare le tasse PER QUALCOSA DI UTILE, non come ora che vanno a finire per finanziare SOLO quella XXXXXta di digitale terrestre di interesse SOLO di un nanerottolo pelato!!!! :$
  • Marco Ravich scrive:
    Beh, la differenza è sostanziale !
    WiMax è wifi LTE è UMTS (ed uno dei due prevede la tariffazione, indovinate quale...)
    • aracosta scrive:
      Re: Beh, la differenza è sostanziale !
      - Scritto da: Marco Ravich
      WiMax è wifi LTE è UMTS (ed uno dei due prevede
      la tariffazione, indovinate
      quale...)Da quando in qua è vietato farsi pagare per la connessione wifi ?La tariffazione è slegata dalla tecnologia trasmissiva, entrambi possono essere gratuiti od a pagamento.
      • Sborone di Rubikiana memoria scrive:
        Re: Beh, la differenza è sostanziale !
        Più che altro la differenza sta nella qualità.Io ancora devo capire la gente masochista che fa un abbonamento con la vodafone in pieno centro quando non permette manco di usare gli IM. (newbie)
  • Marcello scrive:
    bluray vs. hd-dvd 2 ?
    bluray vs. hd-dvd 2 ?
    • Alfonso Maruccia scrive:
      Re: bluray vs. hd-dvd 2 ?
      All'inizio c'ho pensato anch'io, poi ho lasciato perdere perché non mi sembrava proprio il caso (lì intrattenimento e hollywood, qui telecomunicazioni e provider, banalizzando molto)....
  • ruppolo scrive:
    In Italia certamente non ha futuro
    Hanno ben pensato di liberare 2 canali, invece di 200.I nostri cari politici, così cari...
Chiudi i commenti