Giappone, la sedia a rotelle scalatrice

I ricercatori del Chiba Institute of Technology presentano una sedia capace di muoversi su qualsiasi tipo di superficie. Le ruote motrici, spiegano i progettisti, sono state concepite per funzionare come gambe umane

Roma – Una sedia a rotelle capace di muoversi su superfici discontinue e spazi stretti con una certa facilità: è il progetto sviluppato in Giappone dal Chiba Institute of Technology . L’apparecchio utilizza una serie di sensori in grado di individuare gli ostacoli e i dislivelli del terreno prima di eseguire correttamente il movimento.

La sedia robotica sarà in grado di salire lungo le scale mediante l’uso delle quattro ruote motrici e dei cinque assi che permetteranno di affrontare ostacoli insormontabili per le sedie a rotelle tradizionali.


Dopo che l’utente comunica la direzione di marcia attraverso un joystick, il sistema attiva la rilevazione dello spazio circostante per poi compiere il movimento nella maniera giusta. In caso si vada incontro a un terreno irregolare, il robot predispone un meccanismo in grado di mantenere in equilibrio il corpo .

Al momento, il prototipo presentato è considerato come un esperimento , anche se la maggior parte delle azioni necessarie per un corretto movimento sono contemplate.

Il prossimo passo sarà condurre un test con persone realmente affette da paraplegia. Shuro Nakajima, responsabile del progetto, ha spiegato che le ruote sono state concepite per svolgere le stesse funzioni delle gambe umane. Tuttavia, precisa Nakajima, dovranno essere eseguiti degli interventi di perfezionamento prima che la sedia a rotelle robotica possa debuttare sul mercato.

Cristina Sciannamblo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    una bella pubblicita'
    una "bella" pubblicita' per gli hosting made-in-USA... "Ocio che qui siamo proni ai dragasaccocce del (c)! Appena vediamo la parola DMCA stacchiamo la spina a prescindere"...
Chiudi i commenti