Giocare online con Android si può. Quasi

In attesa della commercializzazione degli smartphone basati su Android, T-Mobile rende disponibile sul web una sorta di simulazione delle sue funzionalità, scarna ma capace almeno di dare un'idea

Roma – Android è arrivato. O quasi: T-Mobile G1, lo smartphone polifunzionale recentemente presentato dall’omonimo operatore tedesco in una conferenza stampa alquanto lontana dall’ipnotismo monolitico dagli show di “Apple Jobs”, sarà disponibile nei negozi statunitensi solo a partire dal prossimo 22 ottobre. Nel mentre, chi volesse dare uno sguardo ravvicinato al gingillo può servirsi del simulatore in tecnologia Flash sviluppato dalla stessa T-Mobile.

il cosino Definito impropriamente un “emulatore” del googlefonino, l’ appliance del provider che per primo si è accollato l’investimento necessario ad adottare Android non è in realtà granché usabile o funzionale , limitandosi a fornire un’idea di massima e un colpo d’occhio su forma e contenuti del G1.

L’applicazione offre una visione “a 360 gradi” dello smartphone riprodotto in grafica di sintesi, anche se la suddetta visione sembra piuttosto eterodiretta e limitata, giusto il tempo di vedere i marchi “Google”, “HTC” e “T-Mobile” stampati sul telaio, lo schermo scorrere a rivelare o coprire la micro-tastiera QWERTY e il balenìo dei finti riflessi pre-renderizzati che farebbero apparire bello anche il device più brutto e anonimo .

La sezione “Guide” del simulatore offre poi una panoramica delle operazioni meccaniche possibili con il googlefonino , utili a far comparire la tastiera, sostituire la batteria, montare la SIM-card e la memory stick. Il tutto ancora una volta in pre-rendering e senza particolari possibilità di interazione da parte dell’utente.

La parte del simulatore definita “emulatore” da T-Mobile offre una rappresentazione a pieno schermo del G1, e permette di “giocare” con la tastiera, i pulsanti presenti sulla base longitudinale del dispositivo e una riproduzione del desktop di Android , con tanto di icone per le chiamate, le e-mail, i contatti, il browser , Google Maps e quant’altro.

Oltre a poter cliccare un po’ a casaccio e visualizzare pagine statiche sul “browser” simulato, però, non si va: tutto è finto , pura estetica che nelle intenzioni di T-Mobile dovrebbe traghettare gli utenti interessati dritti verso l’acquisto e quindi l’esborso di quei 180 dollari scarsi necessari.

Navigando tra i menu e le appliance del simulatore ci si trova, più spesso che no, di fronte all’avviso “questo schermo non è pienamente operativo”, riducendo la prova a una successione un po’ asettica di screenshot in bassa risoluzione . Chi fosse interessato a vedere davvero all’opera G1, suggerisce T-Mobile, dovrà comprarselo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pabloski scrive:
    MS torna alla shell
    ebbene winari, a Redmond sono diventati cantinari avete visto? Hyper-V è gestibile tramite shell con comandi unix like :Dbene bene sembra che la shell sia reputata migliore del punta e clicca anche a Redmond
    • Andrea scrive:
      Re: MS torna alla shell
      la shell c'e' da sempre.
    • Mino scrive:
      Re: MS torna alla shell
      - Scritto da: pabloski
      ebbene winari, a Redmond sono diventati cantinari

      avete visto? Hyper-V è gestibile tramite shell
      con comandi unix like
      :D

      bene bene sembra che la shell sia reputata
      migliore del punta e clicca anche a
      RedmondAnche Windows 2000, Windows 2003 e Windows 2008... quindi ?
  • Polemik scrive:
    MD5
    Qualcuno ha già l'MD5 dell'immagine ISO ServerHyper_MUIx10-080912 ? Perché la Microsoft non rilascia mai un checksum in bella vista, come accade per le disrto Linux? :(
Chiudi i commenti