Gli scout? Ora sono Open

Cosa accade se gli scout italiani scoprono l'open source? Succede che partono nuove iniziative online e una distribuzione Linux per scout. Ecco di che si tratta


Roma – Qual è la vostra immagine di scout? Un ragazzo che aiuta gli anziani ad attraversare la strada? Un gruppo di giovanotti in pantaloni corti che accendono un fuoco senza accendini o fiammiferi? Chi è rimasto ancora a questi luoghi comuni, forse non si è reso conto di vivere ormai nel terzo millennio; gli scout italiani invece sì e lo dimostrano con il progetto Openscout.

L’iniziativa, nata in origine per l’ Agesci (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani), consiste in un semi-portale , che attualmente si appoggia alla comunità di Scoutlink, “open source” e aperto a tutte le forme e associazioni di scoutismo (in conformità ad un articolo della Legge Scout Agesci che afferma: “La Guida e lo Scout sono fratelli e amici di ogni altra Guida e Scout”).

Lo scopo di Openscout è quello di “sensibilizzare il “popolo Scout”, se così possiamo chiamarlo, all’utilizzo del software libero , partendo proprio dal parallelismo tra open source e scoutismo”, ha raccontato a Punto Informatico lo scout Francesco Settembre di Taranto (Agesci Taranto 20), autore con il forlivese Marco Bartolini (Agesci Forlì 4) dell’articolo-saggio “L’altro computer degli scout” che contiene i fondamenti teorici del progetto Openscout.

“Nulla di nuovo”, continuano i due educatori, “abbiamo preso come punto di partenza ed in eredità due articoli di Marco Fioretti ( BitPrepared e BitPrepared II ), tradotti in Italiano su Scoutnet da Gino Lucrezi e Davide Grisafi”.

L’iniziativa non si limita semplicemente ad un’opera di sensibilizzazione all’open source o di introduzione alla legalità informatica (per utilizzare un software libero non serve alcun crack): sono infatti già allo studio una serie di attività importanti che caratterizzano l’evoluzione di Openscout dalla fase teorica alla fase pratica.

Tra le principali c’è la progettazione di un software di gestione di gruppi scout , rilasciato sotto licenza GPL. “L’idea principale è di realizzare una sorta di ?core?, nel quale verranno poi caricati i vari moduli associativi, a seconda dell’Associazione di cui si fa parte”, riferiscono Settembre e Bartolini.

Inoltre è prevista la realizzazione di una distribuzione Linux per Scout , per la quale gli ideatori auspicano di riuscire ad aprire una sorta di “dialogo costruttivo” con le altre associazioni, e di una lista di software libero utilizzabile nella progettazione e realizzazione di attività Scout (dalla stesura di brochure al disegno di carte topografiche).

Tra le intenzioni del progetto c’è anche la volontà di allinearsi ai contenuti del campo di competenza con “Informatica e tecniche Scout” che si tiene, dal 1998, a Costigiola (Vicenza), il cui principio base è quello di “unire l’attività informatica ad una tecnica scout in modo da completare quest’ultima”, per favorire l’impiego della tecnologia a fianco degli strumenti tradizionali.

I consensi finora raccolti dal progetto nel mondo dello scoutismo sono di primissimo rilievo e Eduardo Missoni, segretario generale del WOSM (The World Organisation of Scout Movements), si è definito addirittura entusiasta e disponibile, in futuro, a portare il progetto nel consiglio generale.

Dario Bonacina

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Edge..... DI ESCREMENTO
    "EDGE si può raggiungere una velocità di 200Kbps"Allora, cado spesso, la connessione s'imppala e la velocità del 200kbps non lo mai raggunto, pensate che ho scaricato un piccolo programma a 0.1 kb?!?!?!?Gia gia......bella m.ps: parlo della mia esperienza ovviamente.
  • Anonimo scrive:
    Bella ladrata come promozione
    1 euro per miseri 5 mega?(circa 30 minuti di connessione=allora con lo stessometro la flat da 400 mega la dovrebbero fare pagare 80 euro ??ma chi ce al marketing ?=??Carcarlo Pravettonoi saprebbe fare di meglio..
  • Anonimo scrive:
    Mi piscio addosso....
    ...dalle risate.Complimenti a chi la sottoscriverà.
  • Anonimo scrive:
    [ot] per la redazione... ma tutte questi
    Articoli su Tim, in poco tempo come mai?Daii pubblicita eh?:Dciao
    • Anonimo scrive:
      Re: [ot] per la redazione... ma tutte qu
      mentre leggevo il tuo "interessante" commento in alto scorre il banner di Squillo ;)
      • Anonimo scrive:
        Ecco perche' andiamo a rotoli
        Per le cose serie siete tutti pecoroni, per le c@zzate vi fomentate subito. Pochi giorni fa si parlava di Wind e anche li il solito genio, colpito dalla sindrome di striscia la notizia, ci ha visto subito la pubblicita' occulta.Se eravate cosi' inc@zzati una trentina di anni fa, forse oggi non avremmo tutto il debito pubblico che ci sta strangolando.Riserva la tua rabbia per questo:http://www.confesercenti.it/notizia.php?id=308scarica il word in basso, alla fine della notizia.Cosi' forse prenderai coscienza dei veri problemi, che nessuno a destra, centro e sinistra ha mai pensato di risolvere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ecco perche' andiamo a rotoli
          La colpa è sempre del diavolo, vero ? Sicuro, ci sono sprechi per la burocrazia, ma che la confesercenti possa essere il paladino dei diritti mi sambra un poco esagerato.Tra l'altro se ogni cittadino ha sopportato i costi dello spreco a chi sono andati i quattrini se non al "virtuoso" mondo produttivo che va in crisi non appena si riduce la spesa pubblica?Con quello che è successo in Italia (e *solo* in Italia) con l'Euro credo che Venturi potrebbe fare un lavoro migliore spiegando ai propri iscritti che il cliente lo puoi fregare solo una volta, dopo si da da fare e si porta il panino da casa. O va a fare le vacanze all'estero (benzinai permettendo ...).
          • Anonimo scrive:
            Re: Ecco perche' andiamo a rotoli
            - Scritto da: Anonimo
            La colpa è sempre del diavolo, vero ? Sicuro, ci
            sono sprechi per la burocrazia, ma che la
            confesercenti possa essere il paladino dei
            diritti mi sambra un poco esagerato.Il fatto che si facciano notare degli sprechi non spinge il cittadino, tu in questo caso, ad inc@zzarsi contro chi li mette in pratica, ma contro chi li ha denunciati pubblicamente.Sia ben chiaro, io non mi fido di nessuno, confesercenti compresa, credo pero' che questo loro dossier che ho letto ora per la prima volta sia comunque una nota di merito.Se i giornalisti avessero le p@lle, questa denuncia sarebbe dovuta finire nelle prime pagine. Voi l'avete vista? Eppure sono anche soldi vostri........
  • Anonimo scrive:
    Davvero conveniente :P
    Capisco che qualcuno cerchi di venderla, ma fermandosi a pensarci su mi sembra che si cerchi di vendere ad 1? circa 5 minuti di navigazione in UMTS.Un po come se tentassero di venderci 5ml di ferrarelle a 20 cent..dove sta l'affare ?L'articolo di P.I. contiene una sottile ironia che non riesco a cogliere ? Tra un po compreremo i KB dal gioielliere ?
Chiudi i commenti