GNOME 3 è qui

Gli sviluppatori del noto ambiente desktop propongono una major release completamente ripensata, che punta dritto al sodo. Nel frattempo esce KDE 4.6.2

Roma – Dopo una serie di ritardi sulla tabella di marcia, lo GNOME Project Team rilascia la terza versione del celebre desktop environment dedicato all’ambiente Linux. La nuova major release, che ha rimesso in discussione gran parte del codice originale, ha richiesto quasi quattro anni di sviluppo.

In linea con lo slogan di GNOME 3.0 , “made of easy”, la nuova interfaccia si presenta con un elegante tema grafico più pulito, che resta sullo sfondo senza risultare invadente. Il sistema propone nuovi modi per esplorare le impostazioni e cerca di fornire una panoramica immediata di tutte le attività. Per spostarsi tra le aree di lavoro e tenere traccia delle varie finestre aperte basta un movimento del mouse o la pressione di un tasto.

La shell è stata progettata anche per ridurre al minimo le distrazioni e le interruzioni. Il nuovo sistema di notifiche integrato, ad esempio, presenta i messaggi nel modo più discreto possibile e li conserva nella parte inferiore dello schermo, fino a quando non si è pronti a gestire la conversazione. La possibilità di inserire una risposta direttamente nella finestra a scomparsa della notifica, senza utilizzare un programma dedicato, velocizzerà lo scambio.

Le altre novità dell’aggiornamento, includono nuovi effetti video per il software che gestisce la webcam (Cheese), nuove funzioni per l’editor di testo (Gedit), un visualizzatore d’immagini (Eye) più scattante e un browser web (Epiphany) più reattivo, che introduce il supporto alla geolocalizzazione.

Come noto, Ubuntu ha scelto di abbandonare la GNOME Shell a favore di Unity, ma altre distribuzioni Linux come OpenSUSE o Fedora continuano a credere nelle sue capacità. Ovviamente, gli utenti smaliziati affezionati a GNOME 2 potrebbero anche non apprezzare questa nuova organizzazione semplificata, con meno “distrazioni”, che obbliga ad utilizzare determinati metodi di lavoro e offre meno possibilità di personalizzazione.

Chi cerca un’alternativa all’ambiente desktop predefinito GNOME, potrà sempre ripiegare su Xfce o KDE ]. Quest’ultimo environment grafico è appena giunto alla versione 4.6.2, che include correzioni di bug riguardanti il visualizzatore di documenti Okular e il file manager Dolphin. Il team di sviluppo ha ribattezzato l’edizione con il nome in codice “Congrats”, proprio per rendere omaggio alla concorrenza “amichevole” con Gnome.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AMEN scrive:
    Studio Aperto
    Nessuno ha mai letto un articolo del sign. Annunziata in cui denunci apertamente come viene dipinto internet dal suddetto telegiornale?
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Studio Aperto
      dici che valga la pena?dare rilevanza e autorevolezza a Studio Aperto?ma avete, dico in generale, una minima percezione di come si scelgono i propri interlocutori? ;)
      • AMEN scrive:
        Re: Studio Aperto
        - Scritto da: Luca Annunziata
        dici che valga la pena?
        dare rilevanza e autorevolezza a Studio Aperto?E' una testata giornalistica nazionale, mica il giornalino del parroco. Lo vedono milioni di persone. Non importa che faccia schifo (la penso come te). Ogni giorno "usano" internet per i loro pessimi servizi, dipingendolo di volta in volta come il male, un luogo divertentissimo, un covo di pedofili, dove trovare l'amore, ecc, ecc. E tu non hai risposto alla mia domanda.
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Studio Aperto
          se ne parli ne fai un interlocutorese lo ignori...
          • AMEN scrive:
            Re: Studio Aperto
            - Scritto da: Luca Annunziata
            se ne parli ne fai un interlocutore
            se lo ignori...Bel ragionamento non c'è dubbio.Se lo ignori, lui continua comunque a "formare" i suoi spettatori.E poi non lamentiamoci della scarsa consapevolezza degli utenti della rete.Aspetto trepidante un Suo articolo in merito.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Studio Aperto
            vediamo se riesco a farmi capiresecondo te, quanti spettatori di studio aperto sono opinion leader nella loro comunità rispetto a questioni tecnologiche? quanti spettatori di report lo sono?PS: ma soprattutto, allora ci mettiamo a fare le pulci a ogni trasmissione TV? non siamo mica puntotv...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 aprile 2011 11.10-----------------------------------------------------------
          • AMEN scrive:
            Re: Studio Aperto
            - Scritto da: Luca Annunziata
            secondo te, quanti spettatori di studio aperto
            sono opinion leader nella loro comunità rispetto
            a questioni tecnologiche? quanti spettatori di
            report sono?Opinion leader? E adesso cosa centrano gli opinion leader?Si parlava delle "casalinghe di Voghera" (indicante l'utente medio televisivo) e Lei mi tira fuori gli opinion leader? Oggettivamente, poi, direi che fanno pari e patta tra opinion leader degli spettatori di SA con quelli di Report nelle rispettive comunità (qualsiasi cosa esse siano). Uno spettatore di SA va al mercato e parla di facebook e youtube come uno spettatore di Report, o parlano lingue diverse? Se Report invita a pensare anche uno che guarda SA, ritengo che abbia raggiunto il suo scopo (anche se uno spettatore medio di SA diffilmente guarderebbe Report).
            PS: ma soprattutto, allora ci mettiamo a fare le
            pulci a ogni trasmissione TV? non siamo mica
            puntotv...Ha cominciato Lei, gentile Annunziata, mica io.Se le sta bene il comportamento di SA (o di qualsiasi altro media disinformativo riguardo la rete), continui pure a criticare Report e a ignorare dolcemente gli altri. Vorrei poter parlare di coda di paglia, ma non la conosco personalmente e non mi permetto certi giudizi affrettati.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Studio Aperto
            stai spostando il centro del discorsosei soddisfatto di come si è espresso report?
          • AMEN scrive:
            Re: Studio Aperto
            - Scritto da: Luca Annunziata
            stai spostando il centro del discorso?? Lo ha spostato Lei parlando degli "opinion leader"....
            sei soddisfatto di come si è espresso report?Si. Nel tempo a loro disposizione hanno fatto un buon lavoro.E hanno anche il coraggio di metterci la facciahttp://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f8e81723-a81d-409c-9cec-5cdf3b654a5c.html
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Studio Aperto
            secondo me hanno sbagliatol'ho scrittolibero di pensarla altrimenti :)
          • AMEN scrive:
            Re: Studio Aperto
            - Scritto da: Luca Annunziata
            secondo me hanno sbagliato.
            l'ho scritto
            libero di pensarla altrimenti :)Lo so. Io posso essere libero di pensare che Lei si sia mosso, in questo caso, a "senso unico"?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Studio Aperto
            certoma sbagli :)e, come detto in altre occasioni, PI e il sottoscritto non vogliono entrare nel giochino "o sei con noi o contro di noi"... :)
          • AMEN scrive:
            Re: Studio Aperto
            - Scritto da: Luca Annunziata

            e, come detto in altre occasioni, PI e il
            sottoscritto non vogliono entrare nel giochino "o
            sei con noi o contro di noi"...
            :)Nemmeno io, sia chiaro.Il fatto di Studio Aperto era solo una osservazione circa il trattamento dei media da parte di PI.Quando Report fece un ottimo servizio sulla SIAE qualche anno fa, Lei lo trovò corretto?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Studio Aperto
            non lo ricordo con esattezza, dovrei rivederlo e al momento non posso
        • JosaFat scrive:
          Re: Studio Aperto
          "Testata giornalistica nazionale"... diciamo che è un rotocalco scandalistico di serie Z.Chiedere a PI di fare un articolo per come in genere SA (ma pure il TG1, il TG5, insomma) parla di Internet è come lamentarsi che la Guida Michelin non critichi la cucina di Gigi Er Sozzone de Tor Pignattara.
        • gianni nuzzo scrive:
          Re: Studio Aperto
          - Scritto da: AMEN
          - Scritto da: Luca Annunziata

          dici che valga la pena?

          dare rilevanza e autorevolezza a Studio Aperto?

          E' una testata giornalistica nazionale, mica il
          giornalino del parroco. E' più serio e professionale il giornaletto del parroco
          Lo vedono milioni di
          persone. Questo non ha importanza.Anche il grande fratello e l'isola dei famosi lo vedono milioni di persone, e allora?Studio Aperto non fa giornalismo, è un semplice programma trash di intrattenimento.
  • giaci scrive:
    commento
    bravo, bravo, bravo, pur ammirando spassionatamente la gabanelli con posso che convenire con i tuoi commenti.come mai concetti così semplici e banali non vengano capiti resta per me un mistero
  • paolo facchini scrive:
    libero mercato
    a Report considerano il denaro un male assoluto. E il libero mercato un nemico da abbattere, soprattutto se i concorrenti del mercato non gli sono simpatici.Televisivamente sono sicuramente ottimi, la regia e il montaggio sono funzionali all'obbiettivo che non è informare ma dare un giudizio e farlo passare come l'unico possibile e corretto.
  • Funz scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    Il servizio di youtube è enormemente più importante della pretesa, seppur legittima, di qualcuno di non vedere diffusi i propri video. La soluzione tecnica c'è e funziona (segnalazione e rimozione a posteriori), pretendere di chiudere l'intero servizio perché Google non può visionare ogni video prima di caricarlo è irragionevole, ingiusto e pazzesco. Non posso credere che persone razionali possano addirittura pensare certe assurdità...
  • EmanueleMinotto scrive:
    README
    "Voi siete ignoranti!"Mi scuso, non voleva essere un offesa, spero che nessuno se la prenda, vorrei solo che chiunque legga questa frase si fermi a riflettere sull'accusa: è giusta? è sbagliata? Entrambi si ed entrambi no. Io non ti conosco lettore di questo commento, ma posso affermare sia che hai delle conoscenze su certi argomenti sia che sei ignorante su altri argomenti (come lo sono io, sia ben chiaro, spero che nessuno si creda onniscente).Non voglio difendere nessuno, vorrei semplicemente farvi notare la differenza di approccio nell'affermare due verità: da una parte avrei potuto dire che tutti avete delle conoscenze, dall'altra affermare la vostra ignoranza senza il timore di essere smentito; allo stesso modo quella puntata avrebbe potuto mostrare le potenzialità e le precauzioni necessarie per navigare in rete invece delle avvertenze e dei difetti della rete.Anche un mix lo avrei trovato corretto, magari parlando solo di precauzioni ed avvertenze invece di incastrare un argomento così vasto in un'unica puntata (concordiamo tutti che il Web 2.0 non è solo Facebook, Google, Twitter e Wikileaks vero?).PS: i molti informatici che commentano potrebbero dare qualche indicazione generica sul loro lavoro (non sulle referenze, sia chiaro)? No perchè vorrei sapere se sto parlando con qualcuno che si occupa di SEM, di SEO, di SMM o di programmazione in Visual Basic...
    • panda rossa scrive:
      Re: README
      - Scritto da: EmanueleMinotto
      No perchè
      vorrei sapere se sto parlando con qualcuno che si
      occupa di SEM, di SEO, di SMM o di programmazione
      in Visual
      Basic...Per fortuna l'informatica e' ben altro di queste sciocchezze!
  • Luco, giudice di linea mancato scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    si facciano un sito personale così
    ognuno diventa responsabile delle proprie azioni
    e finePerché, se fai un sito personale cosa cambia? Il video non è disponibile da subito? E l'hoster non l'ha controllato il file che hai inviato (tipicamente via ftp). Quindi, secondo il tuo metro, l'hoster è responsabile visto che non ha controllato il file.
    Questa sentenza è stata un esempio di grandissima
    civiltàINciviltà e soprattutto BECERA IGNORANZA DELLA TECNOLOGIA da parte del giudice che l'ha fatta. Ma stai tranquillo, verrà sicuramente ribaltata in secondo grado, come verrà ribaltata quella di Yahoo.Se così non sarà, semplicemente quei servizi non avranno più una sede in Italia: perdita di posti di lavoro (complimenti) e non si risolverà nulla, perché secondo le leggi di TUTTO IL RESTO DEL PIANETA i provider non sono responsabili. Quindi eventuali rogatorie internazionali andranno a farsi friggere, perché il primo punto per cui venga accolta la richiesta di rogatoria internazionale è che il reato sia tale in entrambi gli stati.
    • mr_caos scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      Hai collezionato il piu' grosso elenco di metafore ed esempi fuori luogo mai visto.Vorrei prenderli uno per uno e spiegarti il perchè ma, primo, non ho tempo, secondo, sarebbe inutile, quindi evito.
      • Gasogen scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        - Scritto da: mr_caos
        Vorrei prenderli uno per uno e spiegarti il
        perchè ma, primo, non ho tempo, secondo, sarebbe
        inutile, quindi
        evito.Erudiscici :D
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        - Scritto da: mr_caos
        Hai collezionato il piu' grosso elenco di
        metafore ed esempi fuori luogo mai
        visto.
        Vorrei prenderli uno per uno e spiegarti il
        perchè ma, primo, non ho tempo, secondo, sarebbe
        inutile, quindi
        evito.E allora non rispondere, se non hai tempo e ritieni sarebbe inutile.
  • Lemon scrive:
    Report ha fatto bene
    Bisogna spaventare gli utenti che usano Internet, altro che incuriosirli. Io ai miei figli non ho insegnato che il fuoco è pericoloso facendoli incuriosire, li ho fatti letteralmente ca..re addosso e questo non vuol dire che adesso non sanno accendere un fiammifero o il caminetto, però lo fanno con attenzione. C'è chi lo impara dopo essersi scottato, c'è chi lo impara dalla voce di un maestro autorevole. Forse Report è tra questi, una voce autorevole (non un maestro!).
  • dante alighieri scrive:
    legislando
    si vuole e si sta legislando in materia di InternetLEGISLANDO???ma l'italiano è un optional? legiferare[le-gi-fe-rà-re](legìfero)v. intr. (aus. avere)1 Emanare, promulgare leggi da parte delle autorità competenti: il Parlamento ha legiferato
  • ninjaverde scrive:
    Semplifichiamo
    Ho visto che l'articolo ha sciuscitato una gran discussione. Da un lato Report ha portato delle questioni importanti al grande pubblico, quello formato da gente che usa la rete ed anche alla gente che ancora non la usa.Anche i giornalisti conduttori non sono persone del settore, ma giornalisti che si interessano di molte cose e poco di informatica.Certo si poteva fare meglio, ma a volte è meglio la mediocrità che niente.Come quelli che si lamentano del governo italiano, che non è un granchè, ma di certo un nulla sarebbe peggio.(Magari si potesse fare a meno del governo, vorrebbe dire che l'umanità avrebbe raggiunto un livello superiore di civiltà...ma per ora non è così).Dire che internet è un "territorio pericoloso": si dice una mezza verità. Ma a volte è un bene bloccare la faciloneria di tantissimi utoni, che una volta che riescono ad aprire un browser si sentono già dei geni dell'informatica. Oppure gli utoni che usano FB e che credono di usare un servizio gratuito, che Bill Gates e Zuckerberg siano dei benefattori dell'umanità ed inventori dei computer e di tutto il conoscibile informatico.Cerdono anche che FB sia una grande opportunità per la libertà di espressione, solo perchè lì si possono scrivere tante "XXXXXXXte" e le idee politiche, religiose, l'indirizzo di casa le foto o i link con il filamto dei bimbi e compagnia bella.Quindi Record ha fatto informazione, sia pure un pò approssimata non eccessivamente esatta, ma ha anche fatto notare che gli utenti di FB e di altri servizi accettino contratti senza leggerli.Cosa grave ma che è una operazione che quasi tutti fanno con estrema leggerezza. Del resto tanta è la "fregola" per iscriversi ed ottenere la "meraviglia" che non si tova il tempo per la lettura... poichè, tanto, se non la si accetta, non si potrà accedere. Quindi si clicca dando OK anche se lì ci fosse scritto esplicitamente l'assenso alla sodomizzazione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 aprile 2011 15.53-----------------------------------------------------------
  • nchiar scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    Quindi spegniamo internet? Perchè se "spegni youtube" perchè non è in grado di filtrare i contenuti, devi "spegnere" anche qualsiasi altra fonte di informazione non filtrabile quindi praticamente internet. Eliminazion totale dei forum, niente blog, eliminazione del 99% dei siti internet. Personalmente la trovo una cavolata, è come tagliare la lingua a tutti perchè così non si rischi che qualcuno dica parolacce,bestemi o faccia "falsa testimonianza". Ben più giusto è punire i responsabili di atti criminali che usano internet(o la piattaforma youtube nel caso in esame).
  • Mario Cavallaro scrive:
    Facebook su Report
    Credo che Report abbia svolto e svolga un'azione meritoria per la quale mi sono sempre chiesto com'è che ancora va in onda; detto questo, capisco il senso della nota di Luca Annunziata e penso possa essere opportuno non creare contrapposizioni fra strutture aventi lo stesso impegno civile e provare a incontrarsi per una corretta ed opportuna puntualizzazione.Grazie per l'attenzione e buon lavoro.Mario Cavallaro
  • Mario Cavallaro scrive:
    Facebook su Report
    Credo che Report abbia svolto e svolga un'azione meritoria per la quale mi sono sempre chiesto com'è che ancora va in onda; detto questo, capisco il senso della nota di Luca Annunziata e penso possa essere opportuno non creare contrapposizioni fra strutture aventi lo stesso impegno civile e provare a incontrarsi per una corretta ed opportuna puntualizzazione.Grazie per l'attenzione e buon lavoro.Mario Cavallaro
  • Michele scrive:
    social blogger egocentrici permalosi
    I social blogger investono talmente tanto tempo a dire la loro su tutto, spesso senza prendere un centesimo (ma loro lo fanno per la causa (il loro ego ipertrofico)), che quando sentono in lontananza arrivare un giornalista, cioè uno di quelli che disprezzano perché prima di scrivere pensano, uno comincia ad abbaiare, l'altro lo sente e abbaia anche lui, e alla fine abbaiando tutti si fanno sentire, e si sentono importanti.Alla fine che han detto? Nulla! Ma non importa, l'importante è che si sono fatti sentire.
    • collione scrive:
      Re: social blogger egocentrici permalosi
      d'accordissimo su tutto ma questa
      lontananza arrivare un giornalista, cioè uno di
      quelli che disprezzano perché prima di scrivere
      pensanoi giornalisti pensano? e da quando? :Dhai guardato di recente la tv o letto un giornale?a parte che oltretutto la stampa è asservita totalmente ai vari potenti di turno
    • sentinel scrive:
      Re: social blogger egocentrici permalosi
      - Scritto da: Michele
      I social blogger investono talmente tanto tempo a
      dire la loro su tutto, spesso senza prendere un
      centesimo (ma loro lo fanno per la causa (il loro
      ego ipertrofico)), che quando sentono in
      lontananza arrivare un giornalista, cioè uno di
      quelli che disprezzano perché prima di scrivere
      pensano, uno comincia ad abbaiare, l'altro lo
      sente e abbaia anche lui, e alla fine abbaiando
      tutti si fanno sentire, e si sentono
      importanti.

      Alla fine che han detto? Nulla! Ma non importa,
      l'importante è che si sono fatti
      sentire.Infatti è tutto rumore digitale.
  • eugenio ambrosi scrive:
    Maggiore attenzione?
    Chi lavora nell'ambito web sa che ciò che è passato in tv è vero, forse un pò pompato, ma vero. E' inutile raccontarsela, quale azienda non utilizza i dati degli utenti per creare delle profiliazioni per efficenti campagne di marketing?Dire poi che il programma ha trattato argomenti che avrebbero bisogno di maggiore attenzione da parte del pubblico non so ben cosa voglia dire precisamente. Di che attenzione stiamo parlando?E ancora di chi sarebbe il compito di alfabetizzare gli utenti della rete ? Di chi il compito di dire loro cosa è giusto fare (anzi nel nostro caso cliccare) o no? A mio parere la puntata voleva solo mettere in guardia gli utenti meno esperti della rete (che magari non visitano punto informatico) sull'importanza della privacy e sul valore dei nostri dati personali nel "nuovo" mondo digitale.
  • giuseppe ridda scrive:
    precisazione
    Io ho visto evidentemente un altro report. La donna che si ritrova il video su youtube non è che si sia indignata perchè alcune migliaia di persone abbiano visto il video, bensì perchè il servizio in cui andava in onda quel video parlava di pedofilia (e nel video veniva pure usato il nome della bimba). Inoltre a me non è parso che il pericolo mostrato da report fosse indicato in "internet", bensì nei meccanismi di condivisione insiti in certe realtà (facebook e google) in cui il tuo "mi piace" serve a profilare il consumatore perfetto.La base non è stata, a mia modesta opinione, "internet è pericoloso" bensì "il prodotto sei tu". Come scrive Jaron Lanier "Prima di condividere voi stessi, dovete fare in modo di essere qualcuno".Mi dispiace ma ritengo questo articolo molto impreciso e "scomposto".
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: precisazione
      e la parte in cui al siore rubavano l'email, perché (come da lui ammesso) aveva una password indovinabile?
      • reXistenZ scrive:
        Re: precisazione
        - Scritto da: Luca Annunziata
        e la parte in cui al siore rubavano l'email,
        perché (come da lui ammesso) aveva una password
        indovinabile?Premesso che l'intervento dell'OP è ragionevole, che dire del consiglio di scegliere una password lunga almeno 4 caratteri?
        • Luco, giudice di linea mancato scrive:
          Re: precisazione
          - Scritto da: reXistenZ
          - Scritto da: Luca Annunziata

          e la parte in cui al siore rubavano l'email,

          perché (come da lui ammesso) aveva una password

          indovinabile?

          Premesso che l'intervento dell'OP è ragionevole,
          che dire del consiglio di scegliere una password
          lunga almeno 4 caratteri?Che 4 caratteri è una password idiota.Una password appena decente è di 8 caratteri. Numeri, maiuscole, minuscole e caratteri speciali (se consentiti dal sito; non tutti i siti li consentono)Ovviamente è meglio superare i 10 caratteri.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 aprile 2011 03.07-----------------------------------------------------------
      • Giuseppe Ridda scrive:
        Re: precisazione
        Scusa ma davvero non colgo il nesso. Io non credo che il pezzo di cui tu parli abbia voluto dire "internet è male", ma che bisogna dare importanza a cose che chi non è del mestiere (io lo sono) trascura bellamente; il nome del figlio/figlia, la data di matrimonio, il nome paro paro, oppure reverso, sono le prime password che chiunque abbia un minimo di dimestichezza con queste cose prova (e un numero incredibile ci azzecca). Il punto è: è una puntata educativa? Dice cose giuste/vere? Io non ho la tv dal 2000 e il video l'ho visto dal tubo; ciononostante i link li ho postati a quasi tutti i miei conoscenti perchè potessero vedere la trasmissione. Ho letto quasi tutti (ripeto: quasi tutti) gli interventi a questo commento e mi domando: Dice XXXXXXX? E' dolosamente fuorviante? Descrive una realtà che non esiste? Secondo me no. Per te Luca, si, ma dall'articolo davvero non si capisce DOVE e in cosa è lacunoso. Io il mio pensiero l'ho espresso NEL MERITO del tuo articolo. Tu scrivi cose semplicemente false (sicuramente solo per superficialità, non credo per dolo) riguardo per esempio la scena del video della bambina (la voce è pure di Iacona... sigh!); delle altre cose sinceramente non ne ho capito il punto finale. In molti siete d'accordo sul fatto che è una puntata fatta con i piedi (eh voi si che avreste saputo farla una puntata con i fiocchi!) solo che non ho letto UNA RIGA su cosa sia sbagliato e, soprattutto, sulla grandezza dell'errore. Dire che vi sono delle imprecisazioni è MOLTO DIVERSO dal dire che sparano XXXXXXX. Per la questione google poi, mi pare che non ci siano andati nemmeno pesante, anzi mi pare che il confronto che ne fanno con FB sia tutto a favore di BIG G. Durante tutto il pezzo poi mi sono scomXXXXXXto a sentire i vecchietti che paragonavano FB all'oratorio... ma quale terrore!!! Il vero FUD secondo me viene dallo spaccare il capello in 4 per evitare di affrontare l'argomento. Un po'come in certa politica in cui si sa: "Sono tutti ladri" senza distinguere tra chi ruba la marmellata e chi invece una auto sportiva. Ripeto: quali cose FALSE ha detto la citata puntata di report? E il grado di falsità quanto è grave? E' dolosa? E' data da imperizia? No perchè per esempio la Gabbanelli descrivendo come va fatta una password vera ha cannato di brutto perchè non ha citato i caratteri speciali! EcchecXXXXX no! Una password senza caratteri speciali, anche scritta con i num3r1 4l p0s70 d3ll3 l3773r3, è una password debolissima, che basta una cluster di mainframe che in un mese te la scoprono subito (ora viene fuori quello che dice: "Ma che XXXXX dici? Non lo sai che i mainframe non possono andare in cluster se non...").
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: precisazione
          Io dico cose false? :)Il problema è che non sono solo io a dirlo... ;)
          • giuseppe ridda scrive:
            Re: precisazione
            - Scritto da: Luca Annunziata
            Io dico cose false? :)"Non è questione di sentire invaso il proprio campo, da addetti ai lavori, è questione di approccio: l'approccio di Report è stato drammatico e sensazionalista"OK, mi dici PERCHE' secondo te è stato drammatico e sensazionalistico? Mi dici i passaggi in cui SECONDO TE la Gabbanelli ha "esagerato" I FATTI?"Il problema è che, a oggi, neppure gli addetti ai lavori sanno esattamente quali siano le soluzioni "Mi dici dove, Report, ha indicato delle soluzioni? A me pare solo che abbia posto il problema in una TV di stato con grande audience."Limitarsi a liquidare la questione con un "noi contro voi" è un errore, così come relegare in coda la più centrale questione di come in Italia si vuole e si sta legiferando in materia di Internet."Scusa, LORO chi? VOI chi? Non è chiaro. Secondo me tutto il programma ha tentato di far capire come GOOGLE e FB facciano i soldi in mancanza di ferrea o chiara legislazione in materia."Prendiamo un esempio su tutti: quello della mamma che ha visto il video di sua figlia, poco più che neonata, messo in onda in TV in prima serata. È un colpo duro per la mamma, ed è giusto che sia indignata: soprattutto perché chi ha usato quel video prelevandolo forzosamente dal Web..... Ma, e l'errore a giudizio di chi scrive è tutto qui, Report ne fa un problema di privacy partendo dal lato sbagliato: l'errore è sì di chi prende il video senza chiedere il permesso, ma anche di chi mette il video su YouTube senza curarsi di renderlo privato, senza conoscere quindi adeguatamente lo strumento che utilizza per sfruttarlo al meglio."E qui hai proprio detto il falso e non di poco. Il fatto non era che un video privato venisse usato come pubblico, ma, bensì che un video PUBBLICO fosse di PUBBLICO DOMINIO cosa che non è affatto vera. Tanto è che lo stesso sbaglio viene commesso dal commerciante che spamma dicendo "Perchè è un email segreto?" Eh no ciccio, il fatto che sia pubblico non vuol dire che ne puoi fare quel che XXXXX ti pare."Vividown.. la Gabanelli, commentando il pezzo del servizio appena andato in onda, dice che la sentenza è stata raccontata male, ma allo stesso modo lei pecca di competenza sull'analisi del contesto in cui essa è maturata e sulle conseguenze che avrà. La questione, sul caso Vividown, è tutt'altro che chiusa."Scusa cosa vuoi dire con "lei pecca di competenza sull'analisi del contesto in cui essa è maturata e sulle conseguenze che avrà." mi sembra un filino contorto, roba che neanche un azzeccagarbugli.Vabbè mi fermo qui, l'articolo (non è un commento manco per nulla, manca un "a mio avviso" in tutto l'articolo) ruota su un concetto che Report ha espresso benissimo PUBBLICO != PUBBLICO DOMINIO ma che chi scrive non ha capito molto secondo me.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: precisazione
            concordi con me che se io utilizzo male youtube non è responsabilità di youtube?concordi con me che se un'azienda abusa di youtube non è colpa di youtube?infine, basti un esempio per chiarire il mio punto di vista: cosa c'è di strano nell'avere un distruggi documenti in un ufficio? il servizio di report si apriva con questa precisazione, come se fosse una colpa...ti "sfido": trovami quanti minuti hanno dedicato a facebook, quanti a wikileaks, quanti a bradley manning ;)poi però mi spieghi anche il significato del comunicato diramato ieri dall'autrice del servizio, che chiama alla "mobilitazione"... noi sono mesi, anni che ci mobilitiamo: arriva lei e pesca di fiore in fiore... :)
          • giuseppe ridda scrive:
            Re: precisazione
            "concordi con me che se io utilizzo male youtube non è responsabilità di youtube?"Beh, la responsabilità viene definita legislativamente ed io cosa dice la legge in materia non ne ho idea. Se intendi responsabilità morale, no, io non ritengo che google sia moralmente responsabile, ma non è proprio una cosa scontata... si basa su una mia sensibilità non su dati oggettivi (per cui chi invece ritiene il contrario non è uno troll)"concordi con me che se un'azienda abusa di youtube non è colpa di youtube?"Hem, dipende. Se youtube ci guadagna dall'abuso, beh, io qualche idea maligna me la faccio eccome."cosa c'è di strano nell'avere un distruggi documenti in un ufficio?"Dai, su, hai detto una sciocchezza. Non puoi farmi questo paragone! Sai benissimo che in internet non esistono distruggi documenti. Le informazioni sono presenti potenzialmente per sempre.Però scusa, mi sfugge qualcosa. Non stavamo parlando delle falsità di Report? Che mi frega a me del comunicato che dirama chicchessia. Lo ha fatto in prima serata?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: precisazione
            lo ha fatto l'autrice del servizio il comunicatoed è lei ad aver scelto, come prima cosa, di sottolineare che nell'ufficio di FB c'era un distruggi-documentia me pare un modo pregiudizievole di esporre un fattose a te va bene, libero di pensare quello che vuoima non cercare a tutti i costi di dimostrare che report ha ragione a prescindere da tutto :)non sono il solo a pensarla così, e ci sono persone più autorevoli di me che concordano con quanto dico
          • giuseppe ridda scrive:
            Re: precisazione
            A parte il fatto che io nel mio ufficio non ho un distruggi "documenti riservati", magari sono loro che scrivendo "documenti riservati" per scherzo o meno (ma stiamo parlando di un'azienda che gestisce 500000 milioni di pagine personali) si tirano un po' addosso certi servizi.L'autrice del comunicato e la trasmissione non sono la stessa cosa. Magari si, e allora io dovrei XXXXXXXrmi come una scimmia perchè quello che tu vuoi mascherare come un TUO commento in realtà è il pensiero di tutto PUNTO INFORMATICO, dico bene?Io cerco di dimostrare "a tutti i costi" che il tuo articolo è "pregiudizievole" e fatto semplicemente MALE e dice cose palesemente FALSE (la donna che condivide il video).
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: precisazione
            ti sbagliio guardo la cosa su un piano tecnico, da addetto ai lavorimi pongo il problema legale, dell'informativa, della licenza d'uso: nel caso del video, non si può liquidare la faccenda senza prendere in considerazione questi fattoriè successa una cosa sgradevole con quel video, questo è indubbiovuoi che ti scriva la scaletta?1.mamma racconta del trauma2.giornalista ricostruisce quanto accaduto3.google spiega posizione rispetto a video4.mediaset chiarisce sua posizione5.legale spiega differenza tra pubblico e pubblico dominio6.tecnico spiega come usare correttamente certi strumenti7. giornalista integra e semplificail risultato sarebbe dovuto essere chiarire la differenza tra video pubblico, non elencato e privatoraccontare cosa dice la licenza di youtube, per gli utenti e per chi preleva i video con o senza autorizzazionequello che è passato è che una mamma ha messo un video su internet e che internet ha rubato l'innocenza della sua bimbaquella mamma ha fatto una stupidaggine perché non si è resa conto di come usare correttamente quello strumentocoloro i quali hanno prelevato e usato il video (per fini commerciali) senza autorizzazione hanno fatto malevogliamo raccontarci che report è infallibile?raccontiamocelo purevuoi sostenere che sia più autorevole di PI sulla materia internet? libero di pensarlo, e così chiunque altronaturalmente io non rappresento TUTTO punto informatico: ma prima di scrivere certe cose, se ne parla in redazione (e anche fuori) e ci sono fior fior di professori, avvocati, dottori, medici, studenti, professionisti che la pensano come mee sono persone che fanno la Rete e la società, perché la Rete È la societàl'errore di fondo, in tutta questa storia, è tentare di sostenere la tesi secondo cui Internet sia diversa dalla società reale: niente affatto, il mondo è pieno da sempre di furbi...
          • giuseppe ridda scrive:
            Re: precisazione
            "l'errore di fondo, in tutta questa storia, è tentare di sostenere la tesi secondo cui Internet sia diversa dalla società reale: niente affatto, il mondo è pieno da sempre di furbi..."Eh no, secondo me sbagli perchè l'errore di fondo è che mancano leggi e legislazioni ad hoc, rendendo internet ESTREMAMENTE diversa dalla società reale, dove chiunque può farsi i XXXXX degli altri senza avere alcuna responsabilità, non per niente esistono in internet I TROLL (e non esistono sui quotidiani o altre riviste mi pare) e non per niente è piu facile XXXXXXX una password che un pin bancomat (senza parlare dei dongle). Quando le leggi mancano ci si affida alla morale del singolo e in questi tempi...Secondo me, scusa, ma il tuo articolo è scritto male. La trasmissione di report con mille difetti che pure ha, è stata utilissima e io ne ho fatto "un arma di informazione di massa" presso le persone digiune e non.Certo, lo ammetto, io sono un programmatore ma non ho mai avuto un account facebook e molto recentemente ho un account twitter per seguire i "guru" del mondo della programmazione. Ho un cellulare da 4 anni e non ho la televisione da 10 anni. Ovviamente non mi chiamo Giuseppe Ridda. O forse si. Da tutto ciò si capisce come io sia molto di parte, ma il punto per me non è che la puntata di report sia buona o cattiva, il punto è che, secondo me, il tuo articolo è scritto male e dice cose non vere.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: precisazione
            mia madre usa computer dal 1980, per lavoroha lavorato sulle VAX, poi sulle SPARC, poi sui PC, oggi usa il Mac di mia sorellanon è esattamente un'illetterata: e lei stessa ha trovato la trasmissione dell'altra sera insinuantequella non è informazione, quelli sono fatti mischiati a opinioni: è un'altra cosanon capisco perché ti ostini tanto a voler dire che io ho fatto male e loro beneil bello è che tutti abbiamo il diritto di pensare a modo nostro, o no?btw, su internet valgono le stesse leggi che fuori: se mi ciuli la carta di credito, io la denuncia la faccio lo stesso, allo stesso modo, nello stesso posto
          • giuseppe ridda scrive:
            Re: precisazione
            "non capisco perché ti ostini tanto a voler dire che io ho fatto male e loro bene il bello è che tutti abbiamo il diritto di pensare a modo nostro, o no?"Io mi "ostino" a dire che l'articolo è fatto male PORTANDO DELLE PROVE alle mie affermazioni, non dicendo semplicemente (come altri invece hanno fatto) "Report è bene, Luca non capisci una mazza". Io ti ho detto PUNTO PER PUNTO cosa secondo me era sbagliato nel tuo articolo e in generale molte altre persone hanno detto che hanno letto solo fino a metà perchè non si capiva nulla."btw, su internet valgono le stesse leggi che fuori: se mi ciuli la carta di credito, io la denuncia la faccio lo stesso, allo stesso modo, nello stesso posto"Un cavolo. Diciamo che l'utente si muove allo stesso modo ma le autorità preposte e le leggi sottostante ai vari ambiti variano e di parecchio (o almeno dovrebbero). Certo un furto è un furto ma un furto di un account è un pelino diverso dal furto di qualsiasi altro oggetto. Se rubi una mela rischi tot, se rubi una carta di credito rischi tot, ma se rubi un account? Sicuramente rischi qualcosa ma la legislazione si limita a paragonare una cosa del mondo "virtuale" con una cosa del mondo "reale"; come giustamente si dice in report, per spamming rischi più che per stupro... è inutile il mondo di internet, secondo me, non è il mondo reale e forse è questo l'errore più grande (dal mio punto di vista) dell'articolo.E per favore non tirarmi continuamente fuori che non sei l'unico a pensarla così, ve ne sono altrettanti che la pensano come me. Il mio non è un giudizio (in quanto non posso e non voglio far nulla per modificare l'articolo) è solo un confronto. Tu dici che il tuo articolo è fatto bene e che Report ha fatto una brutta puntata, io quasi l'opposto. Non ti ho convinto, non mi hai convinto, dubito che non sia servito a nulla al di là dell'assenza di un risultato.ciao.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: precisazione
            "Tu scrivi cose semplicemente false (sicuramente solo per superficialità, non credo per dolo) riguardo per esempio la scena del video della bambina (la voce è pure di Iacona... sigh!); "la voce era di nicoletti, credodetto questo, indicami queste cose FALSE scritte nel mio articolole parole sono importanti, eh...a ogni modo, la questione è: come intendi il giornalismoio lo intendo informazione obiettiva, tu preferisci il metodo report (al lupo al lupo)PS: io intendo conversare, qualcun altro preferisce fare broadcasting (prima via tv, poi sul web in spazi senza commenti... credo di aver dedicato al commento del pubblico molto più tempo ed energie di quante ne abbia investito report...)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 aprile 2011 12.17-----------------------------------------------------------
          • giuseppe ridda scrive:
            Re: precisazione
            "tu preferisci il metodo report (al lupo al lupo)"Già le parole sono importanti ;)"la voce era di nicoletti, credo"Vero, ho detto una XXXXXXX.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: precisazione
            perciò ti dico: io voglio parlare, discutereè l'essenza, QUESTA, della Retenon mi piace l'idea, fatta passare, che Internet sia un covo di truffatori
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: precisazione
            - Scritto da: Luca Annunziata
            perciò ti dico: io voglio parlare, discutere
            è l'essenza, QUESTA, della Rete

            non mi piace l'idea, fatta passare, che Internet
            sia un covo di
            truffatorie ridaje*NON* Internet, bensì Facebook e Google :|
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: precisazione
        - Scritto da: Luca Annunziata
        e la parte in cui al siore rubavano l'email,
        perché (come da lui ammesso) aveva una password
        indovinabile?L'ho trovata profondamente banale.A tutta la gente che quando deve scegliere una password mi dice "che ci metto? La data di nascita?" rispondo sempre "Potendo scegliere il PIN del Bancomat, ci metteresti la tua data di nascita?"Se poi è uno talmente stupido da rispondere "sì così me la ricordo" allora chi è causa del suo mal pianga sé stesso.Finora mi hanno sempre risposto "no" e hanno capito al volo cosa intendevo per "sicurezza".
    • gianni nuzzo scrive:
      Re: precisazione
      - Scritto da: giuseppe ridda
      Io ho visto evidentemente un altro report. La
      donna che si ritrova il video su youtube non è
      che si sia indignata perchè alcune migliaia di
      persone abbiano visto il video, bensì perchè il
      servizio in cui andava in onda quel video parlava
      di pedofilia (e nel video veniva pure usato il
      nome della bimba). Inoltre a me non è parso che
      il pericolo mostrato da report fosse indicato in
      "internet", bensì nei meccanismi di condivisione
      insiti in certe realtà (facebook e google) in cui
      il tuo "mi piace" serve a profilare il
      consumatore
      perfetto.
      La base non è stata, a mia modesta opinione,
      "internet è pericoloso" bensì "il prodotto sei
      tu". Come scrive Jaron Lanier "Prima di
      condividere voi stessi, dovete fare in modo di
      essere
      qualcuno".
      Mi dispiace ma ritengo questo articolo molto
      impreciso e
      "scomposto".finalmente qualcuno che s'è ricordato che facebook *NON* è Internet.Facebook è solo lo 0,00000000000000000 0000000000000000000000000000000000 0000000000000000 00000000000000000000000 0000000000001 % di Internetquindi far notare (giustamente) che Facebook è XXXXX non vuol dire 'attaccare Internet', bensì *DIFENDERE* Internet e i suoi utenti.
  • Riasunto scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    - Scritto da: lellykelly
    SICOME alla roulette russa puoi morire, NON provaci.Fixed
  • longinous scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    - Scritto da: Jert
    La tua libertà finiscè là dove inizia quella
    degli
    altriE stranamente quella degli altri inizia sempre a uno sputo dalla mia, anzi a volte anche prima.Allora io ti dico che le libertà degli altri finiscono dove iniziano le mie.
  • salvone scrive:
    Facebook e l'amicizia commerciale
    A proposito dell' "amicizia" alla Facebook,io non credo che ci sia una persona nel mondo che non faccia differenze almeno tra AMICI, CONOSCENTI, TUTTI GLI ALTRI. Ma in facebook tutti gli amici sono uguali; teoricamente con tutti ci dovrebbe essere lo stesso tipo di confidenza, ma non esite proprio.Dici: allora creo un gruppo Chiuso e ci metto solo gli amici più intimi che scelgo io per comunicare certe cose solo a loro. Ma poi scopri che nel gruppo, un tuo amico può aggiungere altre persone senza la tua autorizzazione (visto che il gruppo l'hai creato tu). E allora non abbiamo fatto proprio niente; questo può andar bene per il gruppo "amici dell'inter" che non te ne frega niente.Possibile che non hanno pensato al fatto che tu devi poter creare il tuo gruppo e devi potertelo gestire?E così banale che non può essere una cosa che nessuno ha pensato.Poi il fondatore ti dice, bello chiaramente, "guardate che abbiamo migliorato qualcosa nella privacy; ma ora voi inseritele le vostre informazioni personali (nda: mi pare che solo il 5% le mette)". Già, e perché lo dice? A fini umanitari? Eppure sà che attraverso il suo FB è stato vittima di stalking e quindi questo avrebbe dovuto indurre a profondi ripensamenti.Però tutto si fa per il Dio Denaro.E' la mia opinione. Ciao
    • sentinel scrive:
      Re: Facebook e l'amicizia commerciale
      - Scritto da: salvone
      Dici: allora creo un gruppo Chiuso e ci metto
      solo gli amici più intimi che scelgo io per
      comunicare certe cose solo a loro. Ma poi scopri
      che nel gruppo, un tuo amico può aggiungere altre
      persone senza la tua autorizzazione (visto che il
      gruppo l'hai creato tu). E allora non abbiamo
      fatto proprio niente; questo può andar bene per
      il gruppo "amici dell'inter" che non te ne frega
      niente.
      Possibile che non hanno pensato al fatto che tu
      devi poter creare il tuo gruppo e devi potertelo
      gestire?
      E così banale che non può essere una cosa che
      nessuno ha
      pensato.Invece proprio Google ci ha pensato e proprioper questo sta creando Google Me
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Facebook e l'amicizia commerciale
      ti sbagli: su FB puoi creare categorie di persone con privilegi diversi rispetto ai tuoi update
      • salvone scrive:
        Re: Facebook e l'amicizia commerciale
        Sicuramente è vero quel che dici, non ho motivi di dubitarlo (anzi mi farebbe piacere come si fa, visto che non è per niente immediato capirlo; e se come me la maggior parte degli utilizzatori non l'hanno capito e non sanno come si fa, allora i casi sono due: o è una scelta, quella di nasconderla per bene, o non sono bravi nel realizzare interfacce semplici, e a questo ci credo meno.
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: Facebook e l'amicizia commerciale
          - Scritto da: salvone
          Sicuramente è vero quel che dici, non ho motivi
          di dubitarlo (anzi mi farebbe piacere come si fa,
          visto che non è per niente immediato capirlo;

          e se come me la maggior parte degli utilizzatori
          non l'hanno capito e non sanno come si fa, allora
          i casi sono due: o è una scelta, quella di
          nasconderla per bene, o non sono bravi nel
          realizzare interfacce semplici, e a questo ci
          credo
          meno.Oppure tu e la maggioranza della gente volete la pappa pronta e programmi che funzionano intuendo quello che vorreste e realizzandolo senza farvelo esprimere.Ma questa non è informatica, è magia.
  • Giglio scrive:
    Non è vero!
    Se si va in giro per luoghi malfrequentati, in Rete e nel mondo, si aumentano queste probabilità: ma non c'è un rischio immediato per chi naviga, così come non c'è quando si va al supermercato a comprare il latte. L'altro giorno un mio amico è andato proprio al supermercato a fare spesa. Non è più tornato. Qualcuno sostiene che lo hanno fatto a pezzi e venduto al banco macelleria. Altri dicono di averlo visto vagare in cerca del reparto che tiene il bicarbonato.
  • carlo gadda scrive:
    marchetta?
    Forse l'autore del testo non ha le idee chiare su come l'utente medio si approccia a google o a facebook e della difficoltà, anche per un utente smaliziato, a trovare il link che ti permette di fare la scelta per una maggiore tutela, link messo per obbligo di legge ma volutamente difficile da trovare. Ben venga l'allarme, temo ben poco, che report può aver creato. La gran parte degli utenti non si curano della privacy perchè non conoscono i rischi pratici che la scarsa tutele comporta.In tutto il mondo si fanno leggi draconiane con pene assurde per il ragazzino che scarica un film ma poi non si vuole obbligare facebook e soci a comportamenti che qualsiasi commerciante del mondo reale è obbligato a tenere
    • eugenio ambrosi scrive:
      Re: marchetta?
      Quoto e condivido.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: marchetta?
      forse non è chiaro, come scritto in altri commenti, che il modo giusto di mettere sull'avviso è informare: non spaventare ;)
    • gianni nuzzo scrive:
      Re: marchetta?
      - Scritto da: carlo gadda
      Forse l'autore del testo non ha le idee chiare su
      come l'utente medio si approccia a google o a
      facebook e della difficoltà, anche per un utente
      smaliziato, a trovare il link che ti permette di
      fare la scelta per una maggiore tutela, link
      messo per obbligo di legge ma volutamente
      difficile da trovare. Ben venga l'allarme, temo
      ben poco, che report può aver creato. La gran
      parte degli utenti non si curano della privacy
      perchè non conoscono i rischi pratici che la
      scarsa tutele comporta.In tutto il mondo si fanno
      leggi draconiane con pene assurde per il
      ragazzino che scarica un film ma poi non si vuole
      obbligare facebook e soci a comportamenti che
      qualsiasi commerciante del mondo reale è
      obbligato a
      tenereQUOTO al 100%
  • dont feed the troll/dovella scrive:
    I miei 2 cent sulla questione
    Facciamo delle doverose premesse:1) non ho visto la puntata di report, ho letto solo qualche commento alla stessa2) Luca Annunziata mi sta sui XXXXXXXX.Dico questo, in modo che ognuno possa farsi le adeguate considerazioni su quello che scriverò.Trovo, francamente, scorretto parlare di sensazionalismo quando la situazione reale è che ormai frotte e frotte di ignoranti telematici (e non solo) pubblicano in rete qualsiasi cosa grazie ai "social network" tanto amati, senza avere la minima consapevolezza di quello che stanno facendo, e se tu li metti sul chivalà allora devi essere tacciato pure di essere uno che dipinge la rete come il diavolo, proprio come fanno i tg per motivi diametralmente opposti. Certo, caro Luca, il problema è spesso tra la sedia e la tastiera piuttosto che nella rete, ma glielo vuoi spiegare alla gente che si sta mettendo nella XXXXX da sola, o lasciamo che "l'idiozia telematica" si spanda senza controllo, giustificando poi, di fatto, quelli poi che per ignoranza e per voglia di controllo indicano internet come un covo di pedosatanoterroristi?E non è vero nemmeno che "navigando normalmente" (poi ce lo spieghi tu cosa significa "navigare normalmente") non si corrono pericoli immediati. Innanzitutto perché per molti navigare normalmente significa cliccare qua e la alla "pene di segugio", iscriversi a ogni pagina, gruppo e applicazione che gli passa su facebook e iscriversi a ogni newsletter che gli passa per il cervello, oppure passare le proprie credenziali bancarie per ritirare fantomatici premi di 200 euro sul proprio conto corrente. E poi perché virus e malaware li prendi pure se non fai tutte queste cose e non hai un buon antivirus e un firewall (e ringraziamo quelli che credono che la piattaforma windows vada bene così e si adatta anche ai non esperti). Giusto per dirne una il sito ISTITUZIONALE di una certa facoltà di una certa Università Italiana Meridionale è affetta da un trojano, l'unico modo per iscriversi a certi esami è infettarsi. Beh a meno che non usi linux...Se contatti il webmaster non sa nemmeno di cosa stai parlando. Sarà un altro "tecnico" del clicca clicca.E' scorretto sventolare lo spauracchio che non si demonizza internet altrimenti rimaniamo arretrati, arretrati si rimane finchè siamo inconsapevoli, non se siamo spaventati. Vivere è pericoloso e conduce sicuramente alla morte. Questo non vuol dire che dobbiamo vivere in una campana di vetro aspettando la morte, ma nemmeno che dobbiamo correre in autostrada a fari spenti di notte e bendati, altrimenti la società autostrade potrebbe licenziare un casellante.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: I miei 2 cent sulla questione
      guardati reportse avessero detto: occhio che a cliccare a caso si rischia, mi sarebbe andato benehanno detto, io ho percepito come altri: facebook, google, sono aziende che pensano solo ai fatti loro e vi tendono ogni genere di trappola per carpirvi informazioni che vendono a chicchessiail mio auspicio? che dicano: internet non è il male, bisogna avere consapevolezza di quello che si fa come in qualunque altro campo dell'esperienza umanaper internet non c'è una patente? molto bene, ma allora non buttate i vostri figli in Rete senza prepararli, così come non gli fate attraversare la strada da soli prima di avergli insegnato come si fa...
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: I miei 2 cent sulla questione
        - Scritto da: Luca Annunziata
        guardati report

        se avessero detto: occhio che a cliccare a caso
        si rischia, mi sarebbe andato
        bene
        hanno detto, io ho percepito come altri:
        facebook, google, sono aziende che pensano solo
        ai fatti loro e vi tendono ogni genere di
        trappola per carpirvi informazioni che vendono a
        chicchessia
        Il che, però, non è mica falso.Facebook e google (e molti altri) pensano ai fatti loro, al profitto, non pensiate che vi facciano un favore: vendono roba, e tra quella pure ifnormazioni personali (soprattutto facebook)
        il mio auspicio? che dicano: internet non è il
        male, bisogna avere consapevolezza di quello che
        si fa come in qualunque altro campo
        dell'esperienza
        umana
        per internet non c'è una patente? molto bene, ma
        allora non buttate i vostri figli in Rete senza
        prepararli, così come non gli fate attraversare
        la strada da soli prima di avergli insegnato come
        si
        fa...La differenza è che il pericolo di finire sotto a un tram è facilmente comprensibile all'uomo della strada o alla casalinga di Voghera, i pericoli derivanti dall'uso inconsapevole della rete sono meno chiari ai +.Cmq quando avro' tempo guardero la puntata.
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: I miei 2 cent sulla questione
          il punto è: perché non invitare tutti a LEGGERE e PRETENDERE condizioni d'uso comprensibili, piuttosto che dirgli che su internet c'è il male? :)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            - Scritto da: Luca Annunziata
            il punto è: perché non invitare tutti a LEGGERE e
            PRETENDERE condizioni d'uso comprensibili,
            piuttosto che dirgli che su internet c'è il male?
            :)E' come pretendere che tutti si informino prima di andare a votare, non solo su programmi e promesse dei partiti ma pure sulla loro storia pregressa: non lo fa nessuno. Tanto è vero che le campagne elettorali si fanno a botte di terrorismo psicologico a proposito di comunisti mangiabambini e pisconani.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            e quindi lasciamo tutto andare alla deriva, per sempre, su questi binari?magari potremmo invece sperare di cambiare il mondo, no? :)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            - Scritto da: Luca Annunziata
            e quindi lasciamo tutto andare alla deriva, per
            sempre, su questi
            binari?
            magari potremmo invece sperare di cambiare il
            mondo, no?
            :)Eh piacerebbe pure a me un mondo di gente informata, cosciente e intelligente, quando sono diventato + grandicello mi sono reso conto pero' che non c'è nulla da fare, la "ggente" non solo è ignorante e stupida di default ma vuole anche pervicacemente rimanere tale, se cerchi di farla ragionare ti si rivoltano contro.L'unica è cercare stratagemmi per evitare che faccia danno senza privarla dei diritti (che tra l'altro spesso nemmeno comprendono)
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            Sottoscrivo!!!
          • Cretino Coerente scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            Caro Luca,la gente non legge perchè è talmente ignorante che ignora anche di essere ignorante...Non è questione di numero di parole,è proprio uso incauto dello strumento per demenza innata.Oggi dopo la trasmissione shock hanno aggiornato tutti le immagini del profilo,visto il caldo hanno pensato bene di sfoderare un bel bikini ;)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            anche tu, e quindi? lasciamo andare tutto allo scatafascio? :)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            - Scritto da: Luca Annunziata
            anche tu, e quindi? lasciamo andare tutto allo
            scatafascio?
            :)siamo già allo scatafascio!
          • Cretino Coerente scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            Probabilmente l'unica cosa sensata sarebbe quella di regolamentare seriamente il trattamento dei dati raccolti,di accertarsi che questi dati siano rivenduti in maniera anonima anche per fini pubblicitari,quindi offrire alle aziende terze un numero non un nome e cognome schedabile per fini poco chiari.
      • say no scrive:
        Re: I miei 2 cent sulla questione
        - Scritto da: Luca Annunziata
        guardati report[...]
        hanno detto, io ho percepito come altri:
        facebook, google, sono aziende che pensano solo
        ai fatti loro e vi tendono ogni genere di
        trappola per carpirvi informazioni che vendono a
        chicchessiacosa che coincide perfettamente CON LA REALTA' DEI FATTI!quindi, o pensi che le multinazionali quotate in borsa sono enti di beneficenza che si preoccupano del bene dei "consumatori" a discapito del profitto e dei dividendi degli azionisti, o stai confermando che report ha (giustamente) presentato le cose ESATTAMENTE così come di fatto stanno
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: I miei 2 cent sulla questione
          semplicemente, non tutto è bianco o nero
          • say no scrive:
            Re: I miei 2 cent sulla questione
            - Scritto da: Luca Annunziata
            semplicemente, non tutto è bianco o nerovero: le suddette multinazionali vedono infatti SOLO ED ESCLUSIVAMENTE il colore verde dei dollari...
      • gianni nuzzo scrive:
        Re: I miei 2 cent sulla questione
        - Scritto da: Luca Annunziata
        guardati report
        hanno detto, io ho percepito come altri:
        facebook, google, sono aziende che pensano solo
        ai fatti loro e vi tendono ogni genere di
        trappola per carpirvi informazioni che vendono a
        chicchessia
        e che c'è di male?"facebook, google, sono aziende che pensano solo ai fatti loro e vi tendono ogni genere di trappola per carpirvi informazioni che vendono a chicchessia"giustissimo. E' la realtà.Tu nei panni di quelli di Report che avresti fatto? Avresti optato per nascondere questi dati di fatto?
        il mio auspicio? che dicano: internet non è il
        male, bisogna avere consapevolezza di quello che
        si fa come in qualunque altro campo
        dell'esperienza
        umanaInternet ? cerca di fare distinzione fra Internet e facebookfacebook è solo un sito.Internet ha molti siti.
        per internet non c'è una patente? molto bene, ma
        allora non buttate i vostri figli in Rete senza
        prepararli, così come non gli fate attraversare
        la strada da soli prima di avergli insegnato come
        si
        fa...
  • Nome e cognome scrive:
    Report ha ragione
    Report non ha detto nulla di inesatto, il fatto che paia allarmistico è solo perchè ha doverosamente messo in luce certi aspetti che vengono di solito sottovlautati. Sinceramente Luca potevi rispsrmiarti metà dell'articolo. Il fatto stesso che molti siano d'accordo con quello che dici dimostra quanto in basso è caduto l'utente medio di questo sito. mi spiace veramente essere così categorico, ma oggi lo è stato anche questo forum e quindi mi adeguo al clima vigente.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Report ha ragione
      quindi secondo te i commenti sono rappresentativi della popolazione che legge PI? e hai effettuato uno studio statistico per affermare che i commenti siano pro o contro quello che ho scritto?dalle mie parti si cerca di tenere equilibrio in quello che si dice, scrive, legge... non ce lo vedo, in quella puntata, e lo diconon tutti sono d'accordo?amen :)
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Report ha ragione
        io non ho detto questoho detto che il metodo giusto per sensibilizzare è raccontare, non spaventare
  • Bruno C scrive:
    meglio poco che niente
    Per favore, ricordiamoci che la Gabanelli e tutta la sua redazione vivono oggi giorni difficili e rischiano la chiusura al primo passo "falso".Diciamo che ci hanno abituato ad argomenti ben piu scottanti negli anni passati, ma oggi la redazione rischia di chiudere se nn cambia linea editoriale.Ed oggi parlano di internet, probabilmente male; solo perche non è il loro lavoro parlare di questi argomenti. Dunque non critichiamo i pochi giornalisti veri rimasti in Italia, anzi facciamo pubblicità e magari perche no, approfittare degli errori per coalizzarsi e cooperare invece di criticare ...
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: meglio poco che niente
      quindi secondo il tuo ragionamento se domani dicessero che la terra è piatta dovremmo dargli ragione?
    • Cretino Coerente scrive:
      Re: meglio poco che niente
      Report rischia di chiudere perchè fa parte delle trasmissioni scomode...
      • Bruno C scrive:
        Re: meglio poco che niente
        Luca mi spiace vedere che non hai letto con tempo dovuto la mia risposta; capisco anche che di risposte da dare oggi ne hai tante.Dico che critichi Report,sul tuo terreno, cioè il "tuo" giornale.E ti poni dunque come avversario di Report.Potresti invece contattare Report, e dirgli, scusate ma noi testata informatica non siamo d'accordo con quanto detto. Perche avete detto questo? Non credete piuttosto che si doveva dire quest'altro? Che ne dite se collaboriamo quando dovete affrontare degli argomenti informatici?Dopotutto un bravo giornalista tenta di prendere contatto con i diretti interessati, tenta di spiegare ed evita di giudicare, quando possibile.Ed allora quest'articolo sarebbe stato: Report e la privacy per i comuni mortali (Autori: Gabanelli e Annunziata)
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: meglio poco che niente
          scusa, ma perché? dovrei cedere un terreno mio a un'altra testata?
          • Non Me scrive:
            Re: meglio poco che niente
            Egoista???
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: meglio poco che niente
            no, informato parlo con cognizione di causa
          • Non Me scrive:
            Re: meglio poco che niente
            Poi forse qualcuno della redazione di Report é capitato sul tuo articolo lo stesso, dopo un ricerca in google, e magari ne trova spunto di riflessione.Peró per precauzione gli ho mandato il link... lo seguiranno? :-)
  • Alessandro Leopardi scrive:
    risposta a Report
    Ottimo articolo, La trasmissione Report a mio avviso ha creato il panico in coloro che si avvicinano al computer in questo momento.Grazie per la vostra risposta.
    • Cretino Coerente scrive:
      Re: risposta a Report
      - Scritto da: Alessandro Leopardi
      Ottimo articolo, La trasmissione Report a mio
      avviso ha creato il panico in coloro che si
      avvicinano al computer in questo
      momento.si infatti stamattina ancora tutti impauriti ,visto il caldo estivo hanno pensato bene di cambiare le immagini del profilo con delle belle foto in bikini...
  • dfsgsdfgshs fghsds scrive:
    seconda fesseria

    se quanto fanno non incontra il favore del pubblico, il pubblico può
    boicottarle o fargli comunque mancare il supporto dei numeri di cui hanno
    bisogno di per sopravviveresi ma per farlo il pubblico deve prima essere informato su che uso fanno quelle piattaforme dei loro dati, ed è esattamente quel che ha fatto report
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: seconda fesseria
      secondo me l'ha fatto in maniera parzialepuò report dissentire su facebook? puòpossiamo noi dissentire su report? possiamo :)
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: seconda fesseria
        - Scritto da: Luca Annunziata
        secondo me l'ha fatto in maniera parziale

        può report dissentire su facebook? può
        possiamo noi dissentire su report? possiamo :) possiamo noi dissentire da Annunziata che dissente da Report che dissente da Facebook?
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: seconda fesseria
          e i roditori? (cit)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: seconda fesseria
            - Scritto da: Luca Annunziata
            e i roditori? (cit)Non l'ho capita
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: seconda fesseria
            the secret of monkey island
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: seconda fesseria
            beato te che non hai un XXXXX da fare
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: seconda fesseria
            http://en.wikipedia.org/wiki/The_Secret_of_Monkey_Island1990
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: seconda fesseria
            - Scritto da: Luca Annunziata
            http://en.wikipedia.org/wiki/The_Secret_of_Monkey_

            1990Naturalmente so di cosa parli, semplicemente non coglievo e non colgo il nesso con la discussione.D'altronde: -Chi gioca in prima base? -Chi!-Quello che gioca in prima base.-D'accordo, Chi.-Il giocatore alla prima.-CHI!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 aprile 2011 14.28-----------------------------------------------------------
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: seconda fesseria
            a ogni modo, hai tutto il diritto di criticare chi ti parema chi ti pare può anche ribattere, no?
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: seconda fesseria
            - Scritto da: Luca Annunziata
            a ogni modo, hai tutto il diritto di criticare
            chi ti
            pare
            ma chi ti pare può anche ribattere, no?Certo tutto sta a come si ribatte.
          • Funz scrive:
            Re: seconda fesseria
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: Luca Annunziata


            http://en.wikipedia.org/wiki/The_Secret_of_Monkey_



            1990

            Naturalmente so di cosa parli, semplicemente non
            coglievo e non colgo il nesso con la
            discussione.

            D'altronde:
            -Chi gioca in prima base?
            -Chi!
            -Quello che gioca in prima base.
            -D'accordo, Chi.
            -Il giocatore alla prima.
            -CHI!Mitici Abbot & Costellohttp://www.youtube.com/watch?v=VW_qa6swnOM&feature=related
          • attonito scrive:
            Re: seconda fesseria
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: Luca Annunziata

            e i roditori? (cit)

            Non l'ho capitatranquillo, quando a corto di argomenti, Annunziata la butta sull'ironico per sviare il riscorso. Ormai conosciamo l'uomo ed il suo schema logoro di difesa.
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: seconda fesseria
            - Scritto da: attonito
            Ormai conosciamo l' uomo inguaribile ottimista
  • dfsgsdfgshs fghsds scrive:
    fesseria

    l'errore è sì di chi prende il video senza chiedere il permesso,
    ma anche di chi mette il video su YouTube senza curarsi di renderlo
    privato, senza conoscere quindi adeguatamente lo strumento che utilizza
    per sfruttarlo al meglioma che stai dicendo? tu ne fai un problema tecnico e di buon senso mentre il problema è squisitamente di natura giuridica, e giuridicamente mediaset non ha alcun diritto di prendere un video pubblicato su youtube e trasmetterlo in tv, anche perchè io ho dato l'assenso affinchè quel video fosse pubblicato su una data piattaforma ma questo non implica che tale assenso si estenda ad altre piattaforme ed altri media.
  • quijaokam3f scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    allora NON
    LO FAI . punto senza sè e senza

    quoto e aggiungo che forse volendo potrebbero anche controllare tutti tutti i video... basterebbe assumere qualche centinaio di migliaia di dipendenti-T1000..i soldi per assumere migliaia di dipendenti ci sono, a patto di ridurre il profitto aziendale
    • mr_caos scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      Ci sono 35 ore di video upload ogni minuto.http://cdn4.reelstatic.com/wp-content/uploads/2010/11/35-hours.pngDovendo solo verificare che nei video non siano presenti contenuti chiaramenti inappropriati, una persone potrebbe verificare piu' di un video alla volta. Supponiamo 4.35 * 60 / 4 uguale 525. Il che vuol dire che, lavorando su turni di 8 ore, 1575 persone sarebbero sufficienti a verificare personalmente ogni video.Con un software che faccia un filtraggio preliminare automatico si potrebbe ancora ridurre questo numero.
      • mr_caos scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        ...considerando per ecXXXXX 2$ l'ora il costo di un impegato in Cina1575 * 8 * 365 * 2 uguale circa 9.2 milioni di dollari. Facciamo 15 con le indennità festivi e lavoro notturno supponendo che esistano.
      • panda rossa scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        - Scritto da: mr_caos
        Con un software che faccia un filtraggio
        preliminare automatico si potrebbe ancora ridurre
        questo
        numero.Filtraggio preliminare automatico sulla base di quali parametri?
        • mr_caos scrive:
          Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
          Che ne so, di certo riflettendoci un attimo qualche sistema si puo' trovare.Ad esempio si potrebbero filtrare tutti i video in cui sono presenti i loghi dei canali TV che lo richiedono. Oppure in cui la traccia audio non è di proprietà dell'utente...
          • panda rossa scrive:
            Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
            - Scritto da: mr_caos
            Che ne so, di certo riflettendoci un attimo
            qualche sistema si puo'
            trovare.
            Ad esempio si potrebbero filtrare tutti i video
            in cui sono presenti i loghi dei canali TV che lo
            richiedono. Oppure in cui la traccia audio non è
            di proprietà
            dell'utente...Stai parlando di tentare un riconoscimento analogico all'interno di un file digitale.E poi che cosa ne sa il sito se la traccia audio e' o non e' di proprieta' dell'utente?E soprattutto come la riconosce la traccia audio?Hai competenze tecniche o stai solo facendo ipotesi campate in aria?
          • mr_caos scrive:
            Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
            Le 2 proposte che ho fatto sono implementabili senza alcuna difficoltà.Il riconoscimento in real time di una immagine all'interno di un flusso video è banale. Tanto piu' se l'immagine da cercare è un logo stilizzato.Per quanto riguarda l'audio, innanzitutto ti ricordo che non devi coprire il 100% dei casi. Lo scopo è solo filtrarne una parte. Se realizzi un database contenente i brani di proprietà delle principali case discografiche, e ognuna di queste ha un suo utente registrato verificato, il gioco è fatto. Hai presente come funziona Shazam?Poi sbizzarisciti pure quanto vuoi a trovare altri sistemi.
          • panda rossa scrive:
            Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
            - Scritto da: mr_caos
            Le 2 proposte che ho fatto sono implementabili
            senza alcuna difficoltà.Complimenti!Spiegami come.
            Il riconoscimento in real time di una immagine
            all'interno di un flusso video è banale. Tanto
            piu' se l'immagine da cercare è un logo
            stilizzato.Ed e' altrettanto facilmente sovrascrivibile con un altro logo diverso, tipo un bel bollino rotondo.E adesso?
            Per quanto riguarda l'audio, innanzitutto ti
            ricordo che non devi coprire il 100% dei casi. Ah, no. E quanto allora?
            Lo
            scopo è solo filtrarne una parte. Se realizzi un
            database contenente i brani di proprietà delle
            principali case discografiche, e ognuna di queste
            ha un suo utente registrato verificato, il gioco
            è fatto. Ma io posso rieseguirlo, posso fischiettarlo, posso canticchiarlo.E ho sempre il diritto di citazione previsto anche dalla legge sul copyright.
            Hai presente come funziona Shazam?Certo che lo so: funziona che ti succhia il credito dell'iPhone.
            Poi sbizzarisciti pure quanto vuoi a trovare
            altri sistemi.io?Io al massimo li posso implementare, ma ci vuole qualcuno che mi spieghi che cosa fare, e che poi si prenda pure la colpa se il metodo non funziona.Perche' non puo' funzionare.
    • Non Me scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      non servono t-1000... basta IPv6
  • fabrizioT scrive:
    Concordo
    Concordo con te, Luca. Il servizio di Report è stato ben al di sotto dei suoi standard consueti, condito da molto pressapochismo. Peccato. Poteva essere una utile occasione per "alfabetizzare" un poco i tanti utenti che utilizzano le tecnologie informatiche con leggerezza e noncuranza.Purtroppo l'informazione è stata troppo dispersiva, frammentata e disomogenea: troppi temi, troppe voci, molta confusione e poca chiarezza.
  • Carlo scrive:
    Grande Luca
    Concordo appieno la tua analisi
  • Nicola Fullin scrive:
    Report è una trasmissione attendibile?
    Purtroppo non è la prima volta che Report pecca di sensazionalismo ed affronta senza la dovuta preparazione argomenti spinosi.E sotto questo profilo non mi stupisco.Non ho visto la puntata citata proprio perchè da un paio d'anni ho smesso di guardare la trasmissione dopo che su due argomenti sui quali ero preparato ho visto servizi davvero approssimativi.Ciò mi ha fatto dubitare di tutti gli altri servizi ed il vostro pezzo, purtroppo me lo conferma.
    • rops scrive:
      Re: Report è una trasmissione attendibile?
      Fatti e facci una cortesia allora:la trasmissione guardatela, e poi rileggiti l'articolo di Annunziata.
  • Matteo Devilli scrive:
    Libro
    vorrei segnalare a proposito dell'argomento il libro "La rete nelle Reti" di Michele Facci edito da Erickson, scaricabile gratuitamente su http://www.ericksonlive.it/catalogo/tecnologie-e-media/media-e-societa/le-reti-nella-rete/
  • Nunzio scrive:
    Annunziata...
    .... non è stato invitato ... e s'è incaz**to.
    • Arpista Bretone scrive:
      Re: Annunziata...
      - Scritto da: Nunzio
      .... non è stato invitato ...

      e s'è incaz**to.Avranno visto l'intervista a RaiNews24 di qualche tempo fa...
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Annunziata...
      ma anche no :)e c'erano due persone, in quella trasmissione, anzi 3, che scrivono su PI... ;)
      • rops scrive:
        Re: Annunziata...
        - Scritto da: Luca Annunziata
        c'erano due persone, in quella trasmissione,
        anzi 3, che scrivono su PI...
        ;)Ma tu non eri fra questi ;)
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Annunziata...
          evidentemente quelle interpellate erano le persone con più titoli per parlare
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            Appunto ;)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            questo non significa che io, o tu, non possiamo parlare :)
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            Certamente!Ma secondo me tu la puntata non l'hai vista, a giudicare da ciò che scrivi.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            stai scherzando, vero?non ho l'abitudine di parlare per sentito dire ;)
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            E allora stai facendo un giochino molto pericoloso. Cosa assai più grave del parlare per sentito dire.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            quale sarebbe questo giochino?basta con 'ste cose dette e non dette... che palle...
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            Cose non dette? :-DLe palle purtroppo son quelle che hai scritto tu. Report non ha affatto seminato il panico nelle persone che si avvicinano a internet, ma quando mai !! Il taglio della trasmissione era un altro, e tu che fai lo stesso mestiere dovresti saperlo.E' chiaro che gente come te - come altri che scrivono qui - che campa grazie alla pubbllicità on-line, s'è sentita un attimino "fuori equilibrio" dopo una "sXXXXXXXta" di quel tipo, nel senso buono del termine, eh beninteso...Altre che cose non dette: diciamole! Così vediamo anche se ce le lasci dire ;)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            ma piantala :P1. pi ha sempre tenuto un certo atteggiamento rispetto alla privacy2. pi ha sempre tenuto un certo atteggiamento rispetto alla pubblicità3. nessuno si è nascosto dietro un dito: ma non si può non contestare certe affermazioni e certe imprecisioni
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            Si vabbè.... allora dai retta a me che tu la trasmissione non l'hai vista :-D
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            /plonk
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            E certo caspita!!Mi vieni a tirare fuori le policy sulla privacy di PI, quando il sistema che sta dietro a Feissbuuk e compagnia cantante da da amangiare anche voialtri.Di cosa stiamo parlando?Perché non hai scritto 2 righe sull'opportunità o meno che in rete si torni all'anonimato, unico strumento reale di difesa contro queste cose? Report ne ha parlato, con una fugace apparizione pure del buon Calamari: perché tu NO?Ma quale paura di chi e di cosa!Questi hanno trattato un argomento serio, in modo serio, con un target televisivo della Domenica sera delle 21:30, dove solitamente vedi nani e ballerine.Suvvia, fai il bravo ;-)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            stai davvero sostenendo questo in un sito dove vige la possibilità di scrivere da anonimi, come fai tu stesso?ma ti rendi conto con chi stai parlando? non luca, che è l'ultimo dei fessi, ma con l'editor di Punto Informatico...giusto per farti un'idea: http://punto-informatico.it/cerca.aspx?s=cassandra&t=4&o=0
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            Perché a voi la pubblicità chi ve la vende?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            la nostra concessionaria
          • rops scrive:
            Re: Annunziata...
            Appunto
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Annunziata...
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ma ti rendi conto con chi stai parlando? non
            luca, che è l'ultimo dei fessi, ma con l'editor
            di Punto
            Informatico...

            Che invece è il penultimo?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            intendo dire che PI non è Luca, e ci mancherebbe pure... :)
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Annunziata...
            - Scritto da: Luca Annunziata
            intendo dire che PI non è Luca, e ci mancherebbe
            pure...
            :)Eh ma la tua impronta artigliata e deforme si vede, eh, non credere. :P
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            speravo nell'occhio di mordor
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Annunziata...
            Al solito, ti sopravvaluti
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            ma almeno un palantir...?
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Annunziata...
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ma almeno un palantir...?E' nel sedere di quel tizio che si era infilato pure i server linux e che non hai voluto censurare.Vallo a prendere.
          • Non Me scrive:
            Re: Annunziata...
            Scommettiamo che tu conosci l'IP da cui scrivo?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Annunziata...
            no che non lo conosco (non ho acXXXXX a quei log, non mi serve tra l'altro)e anche se fosse, cosa me ne dovrei fare?
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: Annunziata...
            - Scritto da: Luca Annunziata
            no che non lo conosco (non ho acXXXXX a quei log,
            non mi serve tra
            l'altro)
            e anche se fosse, cosa me ne dovrei fare?Anche se, volendo, non è che a mascherare l'IP via http sia così difficile, eh
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Annunziata...
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            Anche se, volendo, non è che a mascherare l'IP
            via http sia così difficile,
            ehquesto è vero, ma la cosa non è poi così semplice, dato che è fattibile solo in certi periodi dell'anno.Se non sbaglio l'IP si può mascherare solo in un periodo che va da metà febbraio fino agli inizi di marzo.Se anche solo provi a mascherare l'IP in altri periodi dell'anno ti sgamano subito perchè da troppo nell'occhio.:)
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Annunziata...
            - Scritto da: rops
            Si vabbè.... allora dai retta a me che tu la
            trasmissione non l'hai vista
            :-Dho la stessa impressione
          • attonito scrive:
            Re: Annunziata...

            2. pi ha sempre tenuto un certo atteggiamento
            rispetto alla pubblicitàtutto sta a definire il termine "certo".Dobbiamo tutti mangiare, d'accordo, ma smetti di fare la vergine oltraggiata: ci rimetti e basta.
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Annunziata...
            - Scritto da: rops
            Cose non dette? :-D

            Le palle purtroppo son quelle che hai scritto tu.
            Report non ha affatto seminato il panico nelle
            persone che si avvicinano a internet, ma quando
            mai !! Il taglio della trasmissione era un altro,
            e tu che fai lo stesso mestiere dovresti
            saperlo.
            esatto.Report ha messo all'erta gli utenti dei pericoli in cui si può incorrere se ci si iscrive a facebook.uno può comunque usare il 99,9999999999999 % di internet e decidere di non cag*re facebook manco di striscio.giustamente facebook *NON* è internet, ma chi ha scritto l'articolo sembra sembra non aver compreso questo semplice concetto.
            E' chiaro che gente come te - come altri che
            scrivono qui - che campa grazie alla pubbllicità
            on-line, s'è sentita un attimino "fuori
            equilibrio" dopo una "sXXXXXXXta" di quel tipo,
            nel senso buono del termine, eh
            beninteso...non vedo come PI possa sentirsi attaccato dalla puntata di Report che tratta il pericolo facebook.PI è un sito internet.Facebook è un altro sito internet.criticare facebook non vuol dire criticare tutti gli altri siti, vuol dire criticare *SOLO* il sito Facebook
  • paoloholzl scrive:
    Piuttost che nient l'é mei piuttost
    Detto ferrarese che recita un po ... piuttosto di niente é meglio piuttosto.Report ha portato tantissimi argomenti che da tempo affronto quando faccio delle conferenze e a cui tengo particolarmente.C'é stato un po di 'mescolone' mettendo sullo stesso piano cose assolutamente eticamente discutibili (delle quali anche FaceBook é zeppo), con cose assolutamente 'normali' come il fatto che il gioco sia gratis fino ad un certo livello e chi scrive videogiochi non lo faccia per il bene dell'umanità ma per il suo portafoglio.Facendo un bilancio comunque penso che la cosa abbia fatto molto più bene che male.Non avremo milioni di persone che hanno capito, ma milioni di persone che dicono 'ma allora non é tutto bello tutto gratis e tutto sicuro ...'Già arrivare qui é stato uno straordinario sucXXXXX.
    • loris demilio scrive:
      Re: Piuttost che nient l'é mei piuttost
      - Scritto da: paoloholzl
      Già arrivare qui é stato uno straordinario
      sucXXXXX.dovevo arrivare a leggere un commento di paolo ;) per poter dire: concordo!
    • Bruno C scrive:
      Re: Piuttost che nient l'é mei piuttost
      Concordo!Bravo!
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Piuttost che nient l'é mei piuttost
      non è verose le cose si fanno, si devono fare beneparlarne non basta, occorre sensibilizzare senza terrorizzarelo stato, la tv, non sono entità astratte che devono inculcarci un credo: sono strumenti di approfondimento, e ci vuole un approccio corretto per tutto
      • dont feed the troll/dovella scrive:
        Re: Piuttost che nient l'é mei piuttost
        - Scritto da: Luca Annunziata
        non è vero
        se le cose si fanno, si devono fare beneUn po' come la moderazione di PI
  • Niz scrive:
    Tecnicamente non è possibile?
    A mio avviso non è vero che tecnicamente non è possibile controllare tutti i video...Semplicemente è COSTOSO. Mi sembra che Google (in riferimento a Youtube e a qs. argomento) voglia solo la pappa buona, lasciando il brutto dietro un "tecnicamente non è possibile")Vuoi lucrare con un servizio di pubblicazione video e pubblciità? Si? e allora devi accollarti anche le responsabilità. COME AVVIENE PER QUALSIASI ALTRA ATTIVITA' ECONOMICA E PRIVATA.
    • Traduttore scrive:
      Re: Tecnicamente non è possibile?
      A mio avviso non è vero che tecnicamente non è possibile controllare tutte le telefonate...Semplicemente è COSTOSO. Mi sembra che Telecom/Infostrada/Tre (in riferimento alla rete telefonica) voglia solo la pappa buona, lasciando il brutto dietro un "tecnicamente non è possibile").Mentre invece dovrebbero controllare ogni telefonata e avvisare la polizia se, ad esempio, c'è un mafioso che organizza delle attività illegali.
      • krane scrive:
        Re: Tecnicamente non è possibile?
        - Scritto da: Traduttore
        A mio avviso non è vero che tecnicamente non è
        possibile controllare tutte le telefonate...
        Semplicemente è COSTOSO. Mi sembra che
        Telecom/Infostrada/Tre (in riferimento alla rete
        telefonica) voglia solo la pappa buona, lasciando
        il brutto dietro un "tecnicamente non è
        possibile").
        Mentre invece dovrebbero controllare ogni
        telefonata e avvisare la polizia se, ad esempio,
        c'è un mafioso che organizza delle attività
        illegali.Quindi basterebbe che il 50% della popolazione lavorasse all'intercettazione dell'altro 50%, ma c'e' il problema di chi controlla il primo 50% !
      • shevathas scrive:
        Re: Tecnicamente non è possibile?

        Mentre invece dovrebbero controllare ogni
        telefonata e avvisare la polizia se, ad esempio,
        c'è un mafioso che organizza delle attività
        illegali.un altro che vuol far carne di XXXXX della costituzione italiana.
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: Tecnicamente non è possibile?
        Le telefonate degli abbonati non sono pubbliche i video su YouTube... ti sfugge questa PICCOLA differenza.
    • Ex Utonto Televisivo scrive:
      Re: Tecnicamente non è possibile?
      E chi cancella Emilio Fido da rete 4?
    • massimo maiurana scrive:
      Re: Tecnicamente non è possibile?
      sono d'accordissimo.ma poi siamo sicuri che non venga gia' fatto? non so, io penso che un servizio simile se fosse veramente aperto a tutti sarebbe costituito per il 70% da materiale XXXXXgrafico, e invece non mi sembra che sia cosi'.e comunque se io non posso fornire un servizio garantendo al contempo il rispetto di norme elementari come il rispetto della privacy semplicemente non devo fornirlo.secondo me l'articolo discutibile e' quello di annunziata che ho appena letto: come si fa a dire che il problema e' quello dell'educazione all'uso (giustissimo!) e al tempo stesso criticare chi avverte del problema? e se nessuno dice che la mamma e' stata incauta ad utilizzare la funzionalita' della sua fotocamera appena acquistata per caricare il video su youtube, quante mamme faranno lo stesso?bah...
  • lellykelly scrive:
    ma poi
    è un problema di fiducia:queste simpatiche realtà ti offrono pubblicità mirate il più delle volte in cambio delle tue preferenze di vita. il chè è anche utile: su fb clicco mi piace sulla mozzarella di bufala e dopo mi compare una pubblicità su di essa, se la pubblicità la fa la grande azienda, magari francese che ha comprato i marchi di tutta europa, magari mi da fastidio, ma se la fa il piccolo/medio produttore, bè, potrebbe pure essermi utile. vuoi non aiutare l'economia facendo pubblicità in questa maniera?se poi, come accade, tra spam e link pericolosi, andiamo a finire nei XXXXXX, è ovvio che abbiamo paura a mettere i nostri dati in giro.se fb legge che abito in una città x e mi fà apparire le offerte entro tot km, è come ricevere i volantini nella buchetta della posta.cioè, se veramente i dati servono solo per questo, non è una brutta cosa.se il tutto fosse più protetto e non che cani e porci facessero applicazioni o pagine fittizie solo per potenzialmente installare keylogger o altro, potremmo navigare tranquilli.IMHO
    • sentinel scrive:
      Re: ma poi
      - Scritto da: lellykelly
      è un problema di fiducia:
      queste simpatiche realtà ti offrono pubblicità
      mirate il più delle volte in cambio delle tue
      preferenze di vita. il chè è anche utile: su fb
      clicco mi piace sulla mozzarella di bufala e dopo
      mi compare una pubblicità su di essa, se la
      pubblicità la fa la grande azienda, magari
      francese che ha comprato i marchi di tutta
      europa, magari mi da fastidio, ma se la fa il
      piccolo/medio produttore, bè, potrebbe pure
      essermi utile. vuoi non aiutare l'economia
      facendo pubblicità in questa
      maniera?Peccato per te che il piccolo/medio produttorenon ce li ha i sordi (soprattutto a causa della CRISI)per pagare la pubblicità...
      se poi, come accade, tra spam e link pericolosi,
      andiamo a finire nei XXXXXX, è ovvio che abbiamo
      paura a mettere i nostri dati in
      giro.
      se fb legge che abito in una città x e mi fà
      apparire le offerte entro tot km, è come ricevere
      i volantini nella buchetta della
      posta.Si, ma chi infila i volantini nella tua buchetta dellaposta non detieni tue informazioni personali tipola tua data di nascita, se ti piacciono gli uominio le donne, se sei buddista o altro...
      cioè, se veramente i dati servono solo per
      questo, non è una brutta
      cosa.No, mi sa che non hai ancora capito molti meccanismidel marketing e delle statistiche di massa.
      se il tutto fosse più protetto e non che cani e
      porci facessero applicazioni o pagine fittizie
      solo per potenzialmente installare keylogger o
      altro, potremmo navigare
      tranquilli.E' lo scotto da pagare per aver accettato il "servizio"...
  • Ex Utonto Televisivo scrive:
    Internet e TV, che ci azzeccano?
    Quelli delle TV tentano di mesacolare le due cose da quando si sono accorti che il loro business lavacervello nel giro di una decida di anni si sarebbe ridimensionato e non poco (scomparirà con le prossime generazioni)Non ho visto il servizio di Report perchè non quardo la TV da piu di 2 anni (a parte Rai Storia su DDT quando parla delle guerre mondiali) però leggendo il riflessivo articolo di Annunziata, faccio quello che internet mi permette di fare, DO LA MIA OPINIONEEd è qui la sostanziale differenza tra inteternet e tv. La TV è un canale di comunicazione a senso unico in cui la voce ed il pensiero di pochi arriva(va) a moltissimi, senza possibilità di replica e soprattuto senza possibilità di riflessione su quanto detto.Quando guardavo Report mi piaceva il modo "anarchico" con cui facevano le indagini, ma non lo critico su questo servizio (anche perchè non l'ho visto) ma basandomi su quanto scritto da Annunziata, mi sento di fare un paragone. E' come se professore di filosofia avesse una fatto una lezione di anatomia...Saluti televisivi.
  • Jimmy scrive:
    Mah...
    Secondo me il servizio di Report ha creato sconcerto perché il cosiddetto pubblico generalista, che voi adducete come unico della specifica trasmissione, si è reso semplicemente conto che tutti questi strumenti non sono semplici giocattoli innocui. E questo credo fosse l'intenzione della trasmissione. Mi fa specie che Lei, Annunziata, si sia cosi prontamente scandalizzata, cosi come i responsabili di questo sito che frequento da anni. Credo che questo articolo sia solo un attacco ad una trasmissione che perlomeno, cerca di aprire gli occhi alla massa ignorante del pubblico generalista su quello cui può andare incontro in rete. E si evince solamente che è stato scoperto qualche nervo di colossi ed interessi che vivono dell'ignoranza altrui e si sono sentiti minacciati. Il responsabile di Google, mentiva in modo evidente quando affermava che i dati non vengono ceduti a terze parti. Insomma, mi sembra che questo articolo e questo sito si siano scoperti evidenziando i loro interessi convergenti con quello dei colossi in questione.
  • prot scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    Va bene che sei un trollone, va bene che sto sprecando il mio tempo a rispondere al tuo commento e va bene che certe cose sono state dette e ridette n volte (dove n=un numero davvero grandissimo, anzi enorme) ma se accettiamo la tua visione della faccenda allora io vengo a scrivere insulti, bestemmie, minacce e ci sbatto pure qualche simbolo di organizzazioni terroristiche sul muro di casa tua e tu devi andare in galera perché il muro è tuo, sebbene il colpevole del misfatto sia io e, magari, mi abbiano anche identificato con delle telecamere.Bastava bastonare ben bene i responsabili del misfatto e lasciare in pace google, non trovi trollo'?
  • Cip e ciop scrive:
    Per me era ok tranne...
    quando hanno fatto la dimostrazione di sheepfire. Ha detto che il pulsante da premere se loggarsi come lo spiato era quello per stoppare lo sniffing.
  • Deda scrive:
    Internet fa paura a chi non lo conosce.
    secondo me, ma è solo una teoria, il pubblico televisivo è abituato SOLO al sensazionalismo.Mi domando spesso se alcuni programmi, restando sulle loro roccaforti, non smettano di parlare il linguaggio dei comuni mortali... ma è una mia impressione (i miei genitori, ad esempio, capiscono meno del 50% di quello che viene detto).Per cui mi domandavo: non è che hanno cambiato modo di fare notizia proprio per arrivare al pubblico televisivo? (anche perché se scendono gli ascolti le trasmissioni le cancellano).Magari non c'è possibilità di approfondire il contenuto in un solo report e possono riproporlo altrove ma se ci pensiamo bene una delle trasmissioni più seguite non è proprio la finto-documentaristica Voyager?Io mi ci diverto un sacco perché è di un trash allucinante... ogni tanto però un servizio serio e abbastanza decente lo azzeccano ( e nei generation Y stimolano la necessità di andare a ricercare più informazioni, tipo sul meccanismo di Antichitera).La questione di internet è sempre il nocciolo della questione. Il problema è sempre lo stesso: quelli che parlano di internet, fanno leggi per internet, provano ad applicare la legge non virtuale su un mondo virtuale non conosce internet. La gente andrebbe educata. Certo non è male instillare il seme del dubbio. Non è internet a essere cattivo ma sai come diceva McLuhan che il media è il messaggio. Molti adulti parcheggiano i figli davanti a internet e ce li lasciano, SOLI. Col risultato che questa nuova generazione (e io insegno all'estero eh ma è la stessa cosa, c'è una globalizzazione impressionante) è praticamente passive-aggressive, incapace di contatto umano, ha ADD a livelli massimi, è piuttosto ignorante e non è poi tecnologicamente così sagace come si suol dire (tumblr è troppo complicato per loro).Insomma internet non è un posto sicurissimo per chi non sa usarlo. Volendo citare nuovamente i miei genitori. Ho trascorso 4 anni a istruirli sui mali del web e sono incappati in tutti: dalle frodi nigeriane, physhing, spam, virus...Adesso sono un po' più "scafati" come si dice dalle mie parti. Ma lasciati alle loro risorse sarebbero stati cotti e mangiati da mezzo mondo! Mia sorella, un discorso del genere, con loro, non lo farebbe mai. Ma del resto anche lei è stata una di quelle persone che mi è toccato istruire, vive su Facebook e lo vive come: il regno del gossip!Ora per chi non lo conosce bene o per chi c'è nato il web è un posto assai diverso da quello che può essere per chi, come noi, è cresciuto CON internet.Non so se il mio discorso è abbastanza chiaro, devo ammettere che spaventare la gente non fa mai bene, però certe volte preferirei non vedere i miei genitori o i miei nipoti che si avventurano da soli in posti malfamati senza un avvertimento; guardate che potrebbe essere pericoloso... se non lo si usa bene.Ovvio che se non si aggiunge: se non lo si sa usare, se non lo si usa bene.Allora non ha senso mandare avvertimenti.O no?Speriamo che trovino una via di mezzo!
    • Deda scrive:
      Re: Internet fa paura a chi non lo conosce.
      Almeno usa un altro nick, diverso dal mio!
    • ciccio quanta ciccia scrive:
      Re: Internet fa paura a chi non lo conosce.
      L'utonto è come i bambini piccoli.. tocca (clicca) tutto... visto che i bambini non si educano più, idem vale x gli utonti... Una volta sparite le nostre generazioni... faremo la fine di Idiocracy se non peggio.
  • Lorenzo scrive:
    vediamo se ho capito...
    Salve,complimenti per l'articolo.
  • bubba scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    - Scritto da: Jert

    Questa sentenza è stata un esempio di grandissima
    civiltà che mostra come l'italia che se ne dica
    su alcune questione è avanti mille miglia
    rispetto agli altri
    paesidi la verita jert, sei un AZZECCAGARBUGLI vero? no perche' quella sentenza e' il TIPICO caso di sentenza "lose-lose" (il contrario di win-win, mutuando il gergo della teoria dei giochi)... cioe' dove perdono tutti (ivi compreso il buonsenso) TRANNE gli avvocati, che vincono la parcella.
  • iPuddu scrive:
    Ma cosa e' sucXXXXX?
    Non ho visto la puntata e dall'articolo non si capisce niente! vale la pena vedersi la replica della puntata?
    • bubba scrive:
      Re: Ma cosa e' sucXXXXX?
      - Scritto da: iPuddu
      Non ho visto la puntata e dall'articolo non si
      capisce niente!

      vale la pena vedersi la replica della puntata?beh guardare Report vale sempre la pena... hai il fastidio di doverti installare quell'aborto di silverlight, ma fatto questo ... basta solo clickare sul portale rai, non e' difficile
      • lellykelly scrive:
        Re: Ma cosa e' sucXXXXX?
        o tubbo
      • Arpista Bretone scrive:
        Re: Ma cosa e' sucXXXXX?
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: iPuddu

        Non ho visto la puntata e dall'articolo non si

        capisce niente!



        vale la pena vedersi la replica della puntata?
        beh guardare Report vale sempre la pena... hai il
        fastidio di doverti installare quell'aborto di
        silverlight, ma fatto questo ... basta solo
        clickare sul portale rai, non e'
        difficileMeglio il mulo.
    • oronzo scrive:
      Re: Ma cosa e' sucXXXXX?
      - Scritto da: iPuddu
      Non ho visto la puntata e dall'articolo non si
      capisce niente!

      vale la pena vedersi la replica della puntata?no, non ne vale la pena.Comunque non é un articolo, é un commento, anche se scritto coi piedi. Leggi qui che si capisce meglio cosa é sucXXXXX: http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=14563&numero=907
      • bubba scrive:
        Re: Ma cosa e' sucXXXXX?
        - Scritto da: oronzo
        - Scritto da: iPuddu

        Non ho visto la puntata e dall'articolo non si

        capisce niente!



        vale la pena vedersi la replica della puntata?

        no, non ne vale la pena.
        Comunque non é un articolo, é un commento, anche
        se scritto coi piedi. Leggi qui che si capisce
        meglio cosa é sucXXXXX:
        http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=14Da un commento su zeusnews : Immagino già chi possano essere stati i "lamentoni"... (fb in primis, per intenderci) A pensar male si fa peccato ma, di solito, ci si azzecca!
  • Deda scrive:
    Paura eh?
    Non condivido affatto il tuo punto di vista, nè tantomeno le tue paure. Anzi credo che questo tuo pezzo sia poco efficace proprio perchè intriso di paura e ce lo spieghi molto bene nella chiusa: "Internet, come abbiamo ripetuto in diverse occasioni, è ormai oggi soprattutto un terreno di caccia per nuovi affari. Dimenticarselo crea un doppio problema: trascurare l'importanza del "vil denaro" in tutte le questioni..."Stando ai dati nessun virus ha mai tenuto i cittadini distanti dalla rete, men che meno quelli italiani. Sapere che i virus esistono, li ha soltato resi più consapevoli nell'utilizzo del mezzo e creato altro business (Symantec docet). Idem per i social. Che strano, com'è che a me è parso che Report promuovesse proprio un uso più consapevole di questi strumenti? Forse perchè invece di parlare di sesso, droga e rock 'n roll su feisbuc (come per altro fanno da tempo trasmissioni più fortunate negli ascolti) ha deciso di trattare temi seri sui quali gli addetti ai lavori dibattono già da tempo? E' vero: alcune argomentazioni meritavano un approfondimento, ma ci sono tempi televisivi da rispettare e non credo che il pezzo avesse l'ambizione di essere esaustivo. Mi fa piacere comunque, nella valanga di interventi sulla trasmissione, averne trovato alcuni onesti ed obiettivi firmati da marketer, SEO & Co., capaci di mettere per una volta da parte gli interessi della propria lobby. Come avrai inteso, non mi è parso altrettanto del tuo.
    • bubba scrive:
      Re: Paura eh?
      - Scritto da: Deda(...)
      Stando ai dati nessun virus ha mai tenuto i
      cittadini distanti dalla rete, men che meno
      quelli italiani. Sapere che i virus esistono, li
      ha soltato resi più consapevoli nell'utilizzo del
      mezzo e creato altro business (Symantec docet).
      Idem per i social. Che strano, com'è che a me è
      parso che Report promuovesse proprio un uso più
      consapevole di questi strumenti? Forse perchè
      invece di parlare di sesso, droga e rock 'n roll
      su feisbuc (come per altro fanno da tempo
      trasmissioni più fortunate negli ascolti) ha
      deciso di trattare temi seri sui quali gli
      addetti ai lavori dibattono già da tempo? sono parecchio concorde, come spiegato in altro post
      E'
      vero: alcune argomentazioni meritavano un
      approfondimento, ma ci sono tempi televisivi da
      rispettare e non credo che il pezzo avesse
      l'ambizione di essere esaustivo. Vero... ma appunto il mezzo (tv), i tempi, il tipo di pubblico, le molteplici sfacettature della cosa, permettono solo accenni... e come dicevo altrove, nell'insieme anchio trovo che ne sia uscito un buon risultato (unica vera critica: al caso vividown -spiegato MALE- e al caso streetview)
    • reXistenZ scrive:
      Re: Paura eh?

      l'ambizione di essere esaustivo. Mi fa piacere
      comunque, nella valanga di interventi sulla
      trasmissione, averne trovato alcuni onesti ed
      obiettivi firmati da marketer, SEO & Co., capaci
      di mettere per una volta da parte gli interessi
      della propria lobby. Come avrai inteso, non mi è
      parso altrettanto del
      tuo.Chi??? Dove??? Io non me ne sono accorto...
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Paura eh?
      io non difendo la castaio contesto l'atteggiamento incriminatoriocosì come contesto coloro i quali dicono che la TV serve (solo) a rincitrullire lo spettatore :)
      • dfsgsdfgshs fghsds scrive:
        Re: Paura eh?
        - Scritto da: Luca Annunziata
        io non difendo la casta
        io contesto l'atteggiamento incriminatorio
        così come contesto coloro i quali dicono che la
        TV serve (solo) a rincitrullire lo spettatore
        :)è normale, stai solo difendendo la categoria dei rincitrulliti
  • SCF IS EVIL scrive:
    Report Vs Iene
    Tra l'articolo di ieri e quelli del programma di mediaset non c'era tanta differenza (a parte Ilary Blasi Vs Gabanelli!)(rotfl)
  • Salvone scrive:
    Una difesa d'ufficio del redattore
    Chi ha visto la puntata di Report,se è uno che ne sa poco, avrà scoperto quali meccanismi si muovono dietro le facciate amichevoli e rassicuranti di certi servizi, ed è bene che lo sappia;se è uno che sa come vanno le cose, non si sarà stupito che qualcuno illustri in modo divulgativo quelle cose.D'altra parte, vorrei dire che non è vero che non esistono mezzi per tutelare meglio la privacy, combattere lo spam, ecc. (almeno due soluzioni io le ho) perché anche le migliori soluzioni si scontrano con gli interessi economici che spingono in senso inverso, e questo è il problema. Lo è oggi e lo sarà sempre più in futuro, come Report ha voluto far capire.
  • attonito scrive:
    Report, ovvero la voglia di stupire
    un po' come PI quando fa i titoli a capocchia per attirare i lettori.Mi viene in mente la famosa barzelletta dei pomodorini....ecche', avete fatto voi gli strxxi tutto il giorno e non posso fare io il pomodorino per 5 minuti?
  • Luigi Catinella scrive:
    articolo su report
    scusa Luca ti posso dare del tù?MA XXXXXXXXXXXX!!!!!
    • Be&O scrive:
      Re: articolo su report
      Non posso perdermi un avviso di moderazione a cascata sicuro !!Beeeellloooooo!Ne ho fatto collezione !!!
      • lellykelly scrive:
        Re: articolo su report
        anche io!!argento vivosbiancantefiguoklahomasigaretteputtanopaciugogarellismarmittarefigafiga pelosafiglio di XXXXXXXXXXXX diesel
  • Ginko biloba scrive:
    perepèquaquà
    Va bene, tutto quello che vuoi...ma Report , UNICA, parla di queste cose. Ha messo l'accento più sugli aspetti negativi che su quelli positivi ? Quelli positivi ( sull'uso di Internet ) li conosciamo tutti, QUELLI NEGATIVI NO.Hanno fatto benissimo.Lunga, lunghissima vita a Report
  • Carlo scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    - Scritto da: Jert
    1) Leggetevi molto ma molto ma molto bene un buon
    libro di Educazione Civica, si vede che non
    l'avete mai fatto in vita
    vostraPrima leggi tu qualcosa, e prova a riflettere:http://www.strozzi.it/cgi-bin/CSA/tw7/I/it/LRI/Attualit%C3%A0.Il%20Paese%20di%20Acchiappacitrulli
    • mr_caos scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      Su cosa si dovrebbe riflettere leggendo questo articolo? C'è una cozzaglia di farneticazione denigratorie del lavoro dei magistratura è nulla piu'. Non c'è neanche uno spunto interessante.Almeno il commento originale proponeva un punto di vista ben formulato, che io trovo piu' che sensato. Poi puoi condividerlo o meno, ma invitare a riflettere sul nulla assoluto non l'ho proprio capita.
  • Utente scrive:
    mmmh...
    è pur vero che per un profano l'uso "medio" è senz'altro più "rischioso" (relativamente) che "sicuro"...
  • Be&O scrive:
    Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
    Hanno pure intervistato il tizio che è sempre quì a piangere che gli chiudono il videonoleggio, stavolta è andato a piangere direttamente dalla gabbanelli !!! (rotfl)
    • Uno scrive:
      Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
      - Scritto da: Be&O
      Hanno pure intervistato il tizio che è sempre quì
      a piangere che gli chiudono il videonoleggio,
      stavolta è andato a piangere direttamente dalla
      gabbanelli !!!
      (rotfl)E un suo collega è andato da AGCOM oggi:http://www.pantareiweb.com/body/forum/3/viewtopic.php?f=2&t=8471
      • spacevideo scrive:
        Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
        il mio collega è andato lì come Presidente Nazionale ANVI ... rappresenta quindi tutti noi.
        • Uno scrive:
          Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
          - Scritto da: spacevideo
          il mio collega è andato lì come Presidente
          Nazionale ANVI ... rappresenta quindi tutti
          noi.Tanto le proposte che ha fatto sono alquanto difficili da realizzare perfino nei paesi non democratici, figurarsi in Italia.
    • bubba scrive:
      Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
      - Scritto da: Be&O
      Hanno pure intervistato il tizio che è sempre quì
      a piangere che gli chiudono il videonoleggio,
      stavolta è andato a piangere direttamente dalla
      gabbanelli !!!
      (rotfl)eeeheheh e' vero! nel mio post di controcritica a questo articolo me n'ero dimenticato (tanto ha il peso il videotechino nella mia mente)... la cosa buffa e' che e' passato un messaggio DIVERSO da quello che spingono normalmente... cioe' ha abbaiato (sostanzialmente) contro i carrier e contro i siti legittimi di streaming che ,a suo dire, gli stanno togliendo il pane. Curioso...
      • lellykelly scrive:
        Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
        vedi itunes e affini.è un bene perchè non è la pirateria che reca danno (lo sanno anche le major perchè altrimenti non punterebbero sul noleggio con questi nuovi media), da l'altro lo reca a chi ha investito su il videonoleggio classico (però come per tutti i settori, bisogna reinventarsi ed avere l'occhio più lungo degli altri).
    • spacevideo scrive:
      Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
      - Scritto da: Be&O
      Hanno pure intervistato il tizio che è sempre quì
      a piangere che gli chiudono il videonoleggio,
      stavolta è andato a piangere direttamente dalla
      gabbanelli !!!
      (rotfl)1) non c'è una mia intervista2) non piango niente, voglio solo che vengano fermati i ladri che su internet scaricano di tutto3) non sto chiudendo alcun videonoleggiosu 4 righi scritti .... hai scritto solo cose non vere, ha che scopo poi ... bo ....
      • Uno scrive:
        Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!

        2) non piango niente, voglio solo che vengano
        fermati i ladri che su internet scaricano di
        tuttoDiffamazione.Il download non è furto secondo la cassazione.
      • Be&O scrive:
        Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
        Essendo che "Report" ha direttamente intervistato un rappresentante di alto rango del videonoleggio, la cosa ormai è stereotipata a te.Tu con la tua solita Menia, sempre uguale sei DE FACTO il Rappresentante non ufficiale di categoria su PI, quindi da "Rompi" ti cucchi anche le nostre rimostranze, non avrai solo tu il diritto di "Piangere" e quindi come media riconosciuto, tu CIUCCI in toto le nestre critiche.1) Non potendo dimostrare di non essere TU, per noi quello di Report resti TU ! (Sta a te dimostrare l'Innocenza)2) Il lamentarsi continuamente è di definizione considerato Pianto, o Lamento.3) Stai chiudendo, che tu lo voglia o no..... via Premium o Sky !4) i quattro righi scritti sono il minimo che ti meriti, il motivo è che ci stressi talmente tanto che avendo visto un...Vittimista Piagniucoloso in TV mi sei venuto subito in mente, e se succede ci sarà un motivo.
        • AMEN scrive:
          Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
          - Scritto da: Be&O
          4) i quattro righi scritti sono il minimo che ti
          meriti, il motivo è che ci stressi talmente tanto
          che avendo visto un...Vittimista Piagniucoloso in
          TV mi sei venuto subito in mente, e se succede ci
          sarà un motivo.Il vero problema è che di Vittimisti Piagnucolosi è ormai pieno (a partire da un certo politico....)
        • Roberto Giamminuti scrive:
          Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
          Vorrei che si avesse più rispetto per i "videonoleggini", sono persone che vedono infrangere tutti i sogni legati a un lavoro che si ama e che qualcuno vuol distruggere. Scaricare è illecito e immettere nella rete è reato penale e molto spesso il downloader è anche uploader. Noi cerchiamo solo di difendere il nostro lavoro come fanno gli operai a rischio licenziamento o gli studenti che si arroccano sui tetti, nulla di più. Report ha tagliato l'intervista del nostro collega facendo in modo che si capisse che la colpa dei mali sia Medusa e Mediaset premium (due aziende a caso)che riconducono al Premier, quando invece tutta la nostra rabbia va contro l'illegalità dilagante e non certo contro il nuovo (legale) che avanza, dal momento che anche noi siamo online con contenuti legali. La trasmissione ha fatto anche disinformazione, prima su Fabook e poi sull'AGCOM, dicendo che chiuderanno i blog o i siti non simpatici alla politica. Falso, oscureranno solo i siti dove palesemente si viola la legge sul diritto d'autore. Ti auguro di conservare sempre il tuo lavoro, che nessuno mai tenti di rubartelo e che nessuno mai ti offenda quando sei in difficoltà. Presidente nazionale ANVI Confesercenti, uno firma quel che dice con il suo nome.
          • Be&O scrive:
            Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
            I lavori cambiano e bisogna adeguarsi.Attualmente ho un lavoro che mi da soddisfazione fin che dura nella sanità.Ho studiato come Eletrotecnico in un corso sperimentale, che avrebbe dovuto aprire porte immense, ma..... niente.Sono diventato Esperto Avanzato nell'campo dell'informatica, ma..... niente.Sono stato un Pioniere della rete con adirittura "L'adattatore Telematico" del commodor 64, ma..... niente.Faccio pure siti internet per diletto, statici e dinamici, usando pacchetti prefatti, ma..... niente.Ho una laurea ed un Master.... ma ..... Quasi Niente.Pure io ho sempre cercato un lavoro che mi piacesse e dopo essere stato scavalcato da tutti i raccomandati di questo mondo, dopo aver fatto centinaia di concorsi in cui in un paio la commissione e pure venuta a scusarsi perchè pur avendo il massimo dei voti nelle prove pratiche, il colloquio non era "nei loro standard" ho trovato un lavoro in un campo TOTALMENTE diverso di quello che inizialmente cercavo ed amavo.NON VENIAMO A MENARCELA-----------------------Pure io difendo il mio lavoro, ma "Le impellenze Economiche" lo rendono ogni anno sempre meno gratificante, con riduzione di libertà di movimento, a discapito della gente, che paga, son di tasse, ma alla fine i dividendi dei dirigenti son sempre maggiori.Tecnicamente a me mi Scassa Assai alzare il XXXX dalla poltrona ed andare al noleggio, faccio prima fare un Click e vederlo sul TV o sulla Playstation 3 dai vari affitti al volo.Si rischia pure la vita ad uscire ora come ora.Blockbuster ad esempio avrebbe dovuta essere la prima a passare alla distribuzuione digitale, di fatto i servizi PayTv stanno Aumentando alla grande con investimenti enormi, e di certo SKY non è al lastrico e Mediaset ora propone anche i film su "Ordinazione" vuol dire che la gente spende e il denaro va altrove, la gente comune ormai predilige spendere 2 e casomai rispenderli tra un anno per lo stesso film piuttosto di acquistarlo definitivamente.Se ho 100 e li spendo tra sky e premium di certo non ne spendo altri cento in videoteca o in originali, e ultimamente le famiglie non possono spendere 100 ma 50 quindi ancor meno.Poi ogniuno mostra la propria visione del mondo, e quì non ci si verrà mai a capo, sta di fatto che il comparto PayTV sta facendo faville, a parte Cubovision che è un aborto di sistema, ma per esempio l'ultima soluzione Mediaset è una cosidetta "Killer Application" accedi da tutti i media al tuo "Abbonamento Premium" quindi Ovunque tu Vada.Senza problemi di "Riportare" o che "Manchi la tua Copia", e loro lavorano in digitale, quindi nessuna spesa, se non l'acquisto di una licienza, e possono dare via quante "Copie Virtuali" vogliono.Permetti che le Vidioteche non possono farci concorrenza, sono Spiazzate.
    • prot scrive:
      Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
      Non era spacevideo ma Winston Smith.All'agcom invece è andato bobgiam a fare il saluto romano col suo fido gerarca deodato dai lucidi stivali.Si sta verificando un divertente cortocircuito informatico tra televisione, punto informatico, fohe, utenti di PI che commentano le gesta dei videonoleggianti e videonoleggianti che salvano screenshots dei commenti su PI.
      • gianni nuzzo scrive:
        Re: Hanno intervistato pure Spacevideo !!!
        - Scritto da: prot
        Non era spacevideo ma Winston Smith.
        All'agcom invece è andato bobgiam a fare il
        saluto romano col suo fido gerarca deodato dai
        lucidi
        stivali.

        Si sta verificando un divertente cortocircuito
        informatico tra televisione, punto informatico,
        fohe, utenti di PI che commentano le gesta dei
        videonoleggianti e videonoleggianti che salvano
        screenshots dei commenti su
        PI.LMAO
  • Franco Cinel scrive:
    Facebook e twitter fanno beneficenza!
    A leggere Annunziata sembra che questi nuovi e abominevoli modi di comunicare siano nati per fare beneficenza! Lo fanno per fare i soldi e più informazioni riescono a raccogliere più valgono soldi, tutto il resto sono balle!
  • Carlo scrive:
    complimenti a Luca
    Ottimo articolo. Purtroppo in RAI (come altrove) hanno ancora in mente solo la TV, e tutto viene proposto nella chiave di lettura di quest'ultima, e del vasto pubblico che perde il proprio tempo a guardarla invece di usare un po' di più Internet.
  • Franco Cinel scrive:
    Facebook e twitter fanno beneficenza!
    A leggere Annunziata sembra che questi nuovi e abominevoli modi di comunicare siano nati per fare beneficenza! Lo fanno per fare i soldi e più informazioni riescono a raccogliere più valgono soldi, tutto il resto sono balle!
  • gerry scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    allora NON
    LO FAI . punto senza sè e senza
    màE' tecnicamente impossibile impedire gli incidenti mortali sulle autostrade? allora LE CHIUDI. Punto, senza se e senza ma.
    • riwolp2g scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      allora NON

      LO FAI . punto senza sè e senza



      E' tecnicamente impossibile impedire gli
      incidenti mortali sulle autostrade? allora LE
      CHIUDI. Punto, senza se e senza
      ma.pessimo paragonel'incidente stradale non è un illecito premeditato, inoltre chi guida le auto deve avere una patente registrata, quindi è identificabile immediatamente (salvo i casi rari che fanno cronaca)le soluzioni sono due imho: o si toglie in qualche modo l'anonimato in maniera seria, oppure ci si attrezza per controllare quanti più filmati che vanno online...è così che andrebbero le cose nei paesi civili
      • Shu scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        - Scritto da: riwolp2g
        l'incidente stradale non è un illecito
        premeditato, inoltre chi guida le auto deve avere
        una patente registrata, quindi è identificabile
        immediatamente (salvo i casi rari che fanno
        cronaca)Chiudi le armerie, gli arrotini, i negozi di articoli per la casa. Vendono coltelli che potrebbero essere usati per gli omicidi.Ma non dimentichiamo le corde, i cuscini, le lenzuola, ma anche i sassi, i mattoni, le mazze, i bastoni, ecc. ecc.Rinchiudiamo tutti in un bel guscio, colleghiamoli a una A.I. e facciamogli vivere una vita virtuale, che è meglio.
        le soluzioni sono due imho: o si toglie in
        qualche modo l'anonimato in maniera seria, oppure
        ci si attrezza per controllare quanti più filmati
        che vanno
        online...

        è così che andrebbero le cose nei paesi civiliNei paesi civili si userebbe quel video come aggravante contro chi ha malmenato il ragazzo (down o meno che sia), e le persone intelligenti non lo considererebbero peggio perché è stato pestato, ma considererebbero XXXXXXXXX quelli che lo hanno fatto.
      • Non Me scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        IPv6
    • sentinel scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      allora NON

      LO FAI . punto senza sè e senza



      E' tecnicamente impossibile impedire gli
      incidenti mortali sulle autostrade? allora LE
      CHIUDI. Punto, senza se e senza
      ma.E' tecnicamente impossibile impedire che unfulmine cada sul tetto di una casa ed incenditutto? Allora non si dovrebbero costruire più case, e si deve tornare a vivere nelle grotte.
      • Non Me scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        È tecnicamente possibile invece... poi che una casa dentro una gabbia sia bruttina... ma qui si parla di capacitá tecnica... e quella c'è!Esempio bocciato!
      • panda rossa scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        - Scritto da: sentinel
        E' tecnicamente impossibile impedire che un
        fulmine cada sul tetto di una casa ed incendi
        tutto?Fulmine non so, ma recentemente e' stato dimostrato che non esiste ancora la tecnologia per rendere una casa contemporaneamente resistente ad un terremoto e ad uno tsunami.
        • Gasogen scrive:
          Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
          - Scritto da: panda rossa
          ma recentemente e' stato
          dimostrato che non esiste ancora la tecnologia
          per rendere una casa contemporaneamente
          resistente ad un terremoto e ad uno
          tsunami.[img]http://dipankara.files.wordpress.com/2010/12/up.jpg[/img]
  • Luca scrive:
    siete fuori dal gregge...
    Probabilmente vi sfugge un piccolo particolare...l'utente medio non se ne frega niente della privacy,parlare di privacy in un mondo esibizionista è quantomeno anacronistico.La trasmissione non è stata certo una delle più brillanti ma la gente comune è totalmente a digiuno per quanto riguarda il phishing,il trattamento dei dati personali,naviga con disinvoltura clickando ovunque facendo il pieno di trojan e adware fin quando il sistema operativo pieno di spazzatura non tira le cuoia...Il target non è l'utente smaliziato ne il nerd con l'ossessione per la sicurezza,il target è il gregge,quindi se il servizio voleva essere un'infarinatura superficiale sui pericoli della rete probabilmente non è andato tanto lontano dal bersaglio.
    • gioca90 scrive:
      Re: siete fuori dal gregge...

      particolare...l'utente medio non se ne frega
      niente della privacy,parlare di privacy in un
      mondo esibizionista è quantomeno anacronistico.concordo, il problema e' tutto li'? dov'e' la telecamera, che dico la mia?
    • dwd56dw scrive:
      Re: siete fuori dal gregge...
      - Scritto da: Luca
      Probabilmente vi sfugge un piccolo
      particolare...l'utente medio non se ne frega
      niente della privacy,parlare di privacy in un
      mondo esibizionista è quantomeno anacronistico.La
      trasmissione non è stata certo una delle più
      brillanti ma la gente comune è totalmente a
      digiuno per quanto riguarda il phishing,il
      trattamento dei dati personali,naviga con
      disinvoltura clickando ovunque facendo il pieno
      di trojan e adware fin quando il sistema
      operativo pieno di spazzatura non tira le
      cuoia...Il target non è l'utente smaliziato ne il
      nerd con l'ossessione per la sicurezza,il target
      è il gregge,quindi se il servizio voleva essere
      un'infarinatura superficiale sui pericoli della
      rete probabilmente non è andato tanto lontano dal
      bersaglio.Ho visto solo una parte di Report, poi - dopo essermi rotto il razzo per la superficialità con cui venivano trattati gli argomenti - ho deciso di cambiare canale.Vogliamo fare informazione? Facciamola SERIA.altrimenti l'informazione superficiale è DISINFORMAZIONE.altro esempio: puntata di Sabato di ULISSE.Secondo Alberto Angela gli Spartani strappavano i figli ai genitori subito dopo la nascita e lasciavano morire quelli non considerati idonei su un monte.Ok, affascinato da sempre di storia, in genere se vedo un documentario dopo vado ad approfondire se l'argomento mi interessa.Inizio da wikipedia e dopo aver letto questa pagina: http://it.wikipedia.org/wiki/Spartadevo dire che ciò che la Sparta vista nel documentario presentato da Angela aveva ben poco a che fare con la Sparta descritta minuziosamente su wikipedia. Addirittura scopro che la leggenda che gli spartani uccidessero i "non adatti" è una bufala storica non comprovata dagli studi fatti sul campo O_OChe wikipedia sia la Verità assoluta?Non penso proprio, ma le argomentazioni sono decisamente più approfondite e meno tendenziose. Wikipedia non ha lo scopo di lasciarmi piantato davanti allo schermo senza annoiarmi e farmi vedere la pubblicità.
  • attonito scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    non offri il servizioPoiche e' tecnicamente impossibile impedire che si eccedano i limiti di velocita', BLOCCHIAMO tutte le strade d'Italia, eh?Fesso....
    • lellykelly scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      il concetto non è sbagliato, inapplicabile per come sono le cose ora magari si.se non puoi limitare la velocità su strada, rendi illegali i mezzi di trasporto... sarebbe da riconsiderare tutto il vivere moderno.
      • sentinel scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        - Scritto da: lellykelly
        il concetto non è sbagliato, inapplicabile per
        come sono le cose ora magari
        si.
        se non puoi limitare la velocità su strada, rendi
        illegali i mezzi di trasporto... Ma pure rendi illegali quelle macchine orrendee pericolose che si celano dietro l'acronimo SUV(Stupid Useless Vehicle)
  • rossi giovanna scrive:
    blocco a facebook
    non ho capito chi si lamentava di avere l acXXXXX a facebook bloccato, e di poterlo sbloccare solo inviando il proprio numero di cellulare.valutandola una violazione privacy.pensano che la polizia postale non sia in grado di arrivare al loro cell..?o hanno violato le regole non mettendo i loro dati?veri????????????
  • Riasunto scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    Siccome una medicina può far male non prenderla.
  • Antonio scrive:
    Non sono d'accordo
    Credo che invece il servizio di Report sia ben fatto, ha posto l'accento sui pericoli rispetto alle opportunità, ma mi pare sacrosanto: in effetti è il modo di lavorare di Report, tanto caro quando si trattano argomenti sconosciuti e meno caro quando si invadono i propri. In tutti gli argomenti trattati da Report c'è un lato positivo ed uno negativo: è giusto evidenziare quello negativo proprio per i non addetti ai lavori.Insomma, un buon lavoro.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Non sono d'accordo
      E quello positivo?Non sto dicendo che debba essere "garantito il pluralismo": sto dicendo che quello di domenica era un servizio troppo allarmistico. Dubitare ok, speculare meno...
      • AMSOFT scrive:
        Re: Non sono d'accordo
        E' il frutto quel servizio, come altri creati in passato da Report, della ricerca dello scoop e del sensazionalismo. Un informazione parziale proprio perché tende solo a vedere solo un lato della medaglia, evitando scrupolosamente interviste o argomenti che possano portare a soluzioni.Ricordo ad esempio anni fa, un servizio sulle nuove province dove le interviste furono volutamente tagliate e venne fuori una frase estrapolata dal contesto in cui un presidente diceva "la nostra provincia è nata perché si fa la Sagra del Melone all'asciutto". Divenne una barzelletta (quindi riuscirono nello scopo), ma il presidente stimato e conosciuto da tutti è ancora in carica.Il risultato finale non sono bugie, ma solo un'amplificazione di una parte della verità, lasciando perdere l'altra parte della verità che viene semplicemente ignorata.Io credo che qualsiasi programma indipendentemente dalla sua parte politica, se non lascia spazio ad un contraddittorio o cerca la Verità assoluta mostrando solo una parte di verità sia semplicemente da cestinare.
        • Non Me scrive:
          Re: Non sono d'accordo
          Report segue una linea editoriale, cercando di argomentare televisivamente una tesi basandosi su materiale raccolto.Essenzialmente si appoggia a dei giornalisti free-lance che espongono una loro tesi, se il comitato di redazione crede che la tesi sia sostenibile, la presenta al pubblico raccogliendo altro materiale a suffragio.Ora mi pare che anche il caro Luca di PI (ma sei figlio dell'altra giornalista Annunziata?) ogni tanto sostenga delle tesi e che non sempre queste siano condivise dai lettori (almeno dai commenti).Insomma, sembra proprio che la veritá stia nel mezzo (inteso come posizione tra i due estremi) e che sia molto facile cadere in estremi del tipo: tizio é il Giusto, caio spara bojate.Quindi come sempre una notizia va presa sempre con spirito critico: Report sarebbe stato migliorabile, ma per accorgertene prima bisogna guardarlo ;-)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Non sono d'accordo
            non siamo manco parenti, che io sappiain famiglia sono l'unico che fa 'sto mestiere
  • vac scrive:
    Concordo al 100%
    Se un ragazzino ha un incidente in motorino con chi ce la prendiamo?Con i vigili?Con la piaggio?
    • fede scrive:
      Re: Concordo al 100%
      con il ragazzino in primo luogo se e' colpa sua e se il caso con i genitori se non l'hanno educato ai pericoli della strada e con chiunque avesse il "dovere" di avvertire se non l'ha fattoAdesso un minimo di patentino mi pare sia obbligatorio per fortuna. Quando avevo 16 anni io manco il casco era obbligatorio e infatti qualche incidente l'ho fatto pure io :)
      • lellykelly scrive:
        Re: Concordo al 100%
        una volta ai bimbi veniva fatto capire cosa non dovevano fare e chi comandava, ora ,comunque, non è mai colpa loro...
        • ciccio quanta ciccia scrive:
          Re: Concordo al 100%
          E infatti io tutta questa differenza tra DENTRO Internet e FUORI Internet non la vedo... la gente è idiota e sprovveduta su Internet perché lo è fuori, nel cosiddetto mondo reale. Forse su Internet lo è un po' di più perché ne sa di meno e perché viene percepito come diverso, come un "gioco". È la stessa gente che guida senza cinture, ubriaca e col telefonino in mano... Che chiama i maghi in TV.. che non educa i figli ecc. ecc. L'utonto è utonto anche con biro e quaderno.
    • came88 scrive:
      Re: Concordo al 100%
      In america sui bicchieri del caffè scrivono ATTENZIONE SCOTTA perché se non lo facessero sarebbe colpa loro se qualcuno si scotta.Questo è secondo molti esagerato, ma non per questo tutto è esagerato, chi produce o commercializza qualcosa deve avvertire i consumatori finale dei rischi che ci sono e dire che precauzioni vanno prese.Se, per rimanere nel tuo esempio, l'incidente fosse causato da un difetto ai freni attribuibile alla Piaggio, la colpa non sarebbe del ragazzino...
      • prot scrive:
        Re: Concordo al 100%
        Mi trattengo dal vomitare antipatiche generalizzazioni sugli americani ma non posso trattenermi dall'affermare che è inutile scrivere su un pacchetto di chiodi "non ingerire". Chi decidesse di ingerirli deve morire, lo deve proprio e peste colga chi tentasse di salvarlo.Se si salva comunque e poi fa causa alla ferramenta che gli ha venduto i chiodi, dovrebbe essere condannato a morte mediante abbrustolimento!Io sono contro l'idiotificazione di massa.
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: Concordo al 100%
        Perché hanno messo gi studi legali davanti all'educazione e al buon senso... se il giudice rideresse dietro e multasse quello che denuncia il bar o il produttore del caffè perché se l'è versato addosso e si è scottato stai pur certo che non servirebbe scrivere quelle avvertenze ASSURDE. Nel resto del mondo come facciamo??? Mi fa venire in mente un batterista/comico australiano, Steve Hughes, che su cose del genere risponderebbe: "I miei genitori mi hanno educato a non essere un idiota".
  • barca scrive:
    Critiche fuori luogo
    Non ho niente contro ma ultimamente Luca esagera qualcosina:continua a postare i suoi commenti sullo spazio dedicato, ma lui è la redazione, che senso ha? Si commenta i suoi articoli da solo? (RICCORDO CHE SENSO DEI COMMENTI E' QUELLO DI ESPRIMERE PARERI SUI ARTICOLI)Inoltre non capisco come si fa a criticare in modo implicito (che da esplicitare dista ben poco) un suo collega.Non mi pare che nella puntata di Report si siano dette cose inesatte anzi. Verificate e alquanto giuste.Che non si siano rilevati lati positivi questo è ben chiaro, siamo difronte ad un programma che sottolinea soprattutto lati che non funzionano.Poi che la puntata non sia piaciuta questo è tutto da discutere: se qualcuno spende 8/10 ore su Facebook è ovvio che non apprezza critiche sul suo modo di essere.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Critiche fuori luogo
      c'erano degli errori nella puntata di ieri di reporte ho tutto il diritto, come chiunque, di partecipare a una community di cui faccio evidentemente parte :)
  • mr_caos scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    Quotone!
    • fede scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      semplicemente le segnalazioni, che funzionano solo quando c'e' effettivamente una parte (di pubblico) "offesa". I XXXXX tendenzialmente vengono segnalati in tempo zero perche' ritenuti da alcuni che li visualizzano come offensivi.I video del grande fratello nessuno ha interesse a segnalarli perche' non li ritengono offensivi (Mediaset li ritiene lesivi di copyright ovviamente ma agli utenti non solo non frega ma addirittura sta bene cosi').Poi puo' essere che youtube chiuda un occhio su certi video perche' le portano click (che mi pareva di aver capito fosse un'accusa mossa).Anche in questo caso Report mi pare abbia riportato l'altra faccia della medaglia: Mediaset in primis "prende in prestito" video dalla rete spesso tagliandoli e fregandosene di copyright. Basta vedere i "mittici" servizi di Studio Aperto piuttosto che la rubrica Fatto Matto di Striscia la Notizia per citare solo due esempi.
  • Francesco scrive:
    D'accordo su tutta la linea
    Per una volta, sono d'accordo con tutto quanto scritto
  • lellykelly scrive:
    effettivamente
    report ha sparso terrore in giro e si è evinto che internet è tutto XXXXX.sicuramente non era questa l'intenzione dato che anche per loro è fondamentale, infatti anche dal titolo si capiva che parlavano di un argomento ma ne hanno esaltato principalmente i lati negativi.i mericani approfittano spavaldamente degli altri popoli sottomettendoli, le multinazionali sono schiaviste, noi siamo indifesi, ecc.questa visione è di parte.ma è anche un po' vera.nel senso che per mantenere i soldono devono infrangere la legge, la quale viene interpretata secondo l'umidità relativa...però per chi non sa, è uno spavento utile, per chi sa è irrilevante ("si bon più o meno ma io so cosa non fare", ecc...).IMHO
    • Gurzo2007 scrive:
      Re: effettivamente
      caso mai tu e qualche altro ha dedotto alla pene di seguggio che report considera internet tutto XXXXX, ha dato una visione e diramato l'altolà, se poi la gente non ci arriva a questo, allora peggio per voi
  • ciccio messere scrive:
    Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
    ma se fosse cosi tecnicamente impoddibile come mai non ci sono XXXXX su youtube?
    • Gurzo2007 scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      misteri del web :)
    • lellykelly scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      /b/per qualche orabasta leggere i post
    • reXistenZ scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      - Scritto da: ciccio messere
      ma se fosse cosi tecnicamente impoddibile come
      mai non ci sono XXXXX

      su youtube?ciccio, sei un grande
      • gianni nuzzo scrive:
        Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
        - Scritto da: reXistenZ
        - Scritto da: ciccio messere

        ma se fosse cosi tecnicamente impoddibile come

        mai non ci sono XXXXX



        su youtube?

        ciccio, sei un grande... meglio non dire cosaLOL
    • gianni nuzzo scrive:
      Re: State sbagliando sulla vicenda vividown
      - Scritto da: ciccio messere
      ma se fosse cosi tecnicamente impoddibile come
      mai non ci sono XXXXX

      su youtube?e come lo sai?ci sono ci sonosolo che vengono rimossi appena vengon segnalati da qualche utentecome vedi i controlli sono possibili, ma *SOLO* dopo che il video è stato postato e *SOLO* se qualcuno lo segnala come inadatto
  • Antonio Mela scrive:
    A parte questo...
    ...anche se condivido in linea di principio quanto scritto da Luca Annunziata debbo sottolineare una cosa che da sola vale tutto il servizio di report e fa dimenticare le tonnellate di svarioni sensazionalistici che s'erano visti nel servizio su facebook: quella cosa è il servizio relativo all'agcom e al diritto d'autore.Alla fine credo che quelli di report siano riusciti a dimostrare che nemmeno ai consiglieri dell'agcom fa piacere fare in modo che l'inutile e dannoso (vedi la delirante "condanna" riguardo all'affaire Tremonti alla fine della puntata) organismo amministrativo diventi lo sceriffo della rete (con tanto di poteri sanzionatori che competerebbero solo ad un vero magistrato penale) come vorrebbero governo e lobby, senza neanche coinvolgere il parlamento al quale spetterebbe in maniera prevalente una simile riforma (visto che la costituzione affida a tale organo il potere legislativo).Finora le critiche a questa "riforma" erano rimaste confinate a noi freak della rete e a poche testate "di nicchia" tipo PI, adesso la cosa è sbarcata sul piccolo schermo in prima serata: temo che una simile copertura mediatica contribuirà non poco a mettere la parola fine su una simile folle iniziativa.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: A parte questo...
      L'unico espressosi contro quell'ordinanza in pubblico è il commissario intervistato, nicola d'angelo. Il resto di loro, la maggioranza, per ora risulta non Pervenuto.
      • Antonio Mela scrive:
        Re: A parte questo...
        E' già qualcosa: non sono così uniti come vorrebbero apparire all'esterno.Qualcuno ha già iniziato a fare i suoi conticini elettorali e valutare se vale di più il peso economico di qualche lobby (che avrebbe grande interesse all'agcom sceriffa) o il peso elettorale di qualche grosso gruppo di elettori (che invece l'agcom sceriffa non la vuole).Questa cosa sarebbe dovuta passare in sordina, e magari finire dentro qualche oscuro comma di qualche norma minore pronta per uscire a giugno quando anche i parlamentari votano si a tutto pur di non perdere l'aereo per le ferie.La puntata di domenica è stato un vero e proprio riflettore puntato su chi stava spingendo questa cosa, e l'accozzaglia di cose buttate lì da report tutte in una volta (facebook, virus, censure, affaire tremonti) ha fatto passare l'agcom agli occhi dell'ascoltatore comune come un ente pubblico che vuole attuare una censura totale della rete italiana in stile cinese per chiudere la bocca a chi critica Berlusconi.Alla fine il progetto anti p2p ha fatto qualche passo indietro: sono sicuro che le lobby ci riproveranno prima o poi, magari dando alla cosa una parvenza di legalità lasciando che sia il parlamento ad occuparsene (tanto la Carlucci o Barbareschi sarebbero subito pronti a trascrivere e firmare il dettatino come han già fatto in passato), ma la cosa non avverrà subito: magari un altro giro di vite in materia di copyright è inevitabile, ma non imminente...
  • tuxtedi scrive:
    Articolo noioso
    Mi sembra un lamentela il tuo articolo altro che Report inizi l'articolo lamentandoti senza prima spiegare su cosa ti lamenti non è giornalismo questo.Ho letto i due primi paragrafi e basata perché poi mi ha annoiato e non ho nemmeno capito in che modo Report abbia trattato l'argomento della serata.Ma non ve li fanno rileggere prima gli articoli.Non c'è nessuno che approva???
    • Angelo scrive:
      Re: Articolo noioso
      Devo dire che anche io ho dovuto impormi di leggerlo, solo per poi poter postare il mio disapprovo a PI e approvo a Report... Luca Annunziata.. mi sorprendi.. Report ha colto nel segno.. io ci lavoro con il web ed è proprio così! .. i naviganti sono solo info da sfruttare!.. Questo è "il business!" .. ho fatto un pò di riprese per pubblicità e quando andavo a portare le clip sentivo i discorsi dei pubblicitari.. sono al limite (...mmm ... oltre il limite...) della legalità. Privacy!!!???? ma dove! .. in italia non si possono prelevare info.. allora richiedo i dati a siti esteri filtrando gli accessi dall'italia.. facile (e ripeto... sempre se sono particolarmente "buono").
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Articolo noioso
        E quindi? :) chiudiamo tutto?
        • Angelo scrive:
          Re: Articolo noioso
          NO!.. non certo chiudere al web... Però se fossi in voi farei unbel manualetto tipo "Trucchi e regole per mantenere un pò di privacy nel web"Sopratutto cercare di portate all'attenzione di tutti, anche e sopratutto ai non smalizziati, che il web non è controllabile e i "parac..." ci sono anche li.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Articolo noioso
            lo facciamo, giorno per giorno, quando per esempio parliamo (come Mauro Vecchio fa bene) delle nuove feature di FB...
  • valerio scrive:
    Report 10 aprile
    Personalmente non sono del tutto d'accordo con il Dott.Annunziata.E' vero che navigare troppo disinvoltamente corrisponde a frequentare posti poco raccomandabili, quindi con tutti i rischi del caso.Ma è altrettanto vero che le generazioni di oggi si sono trovate di colpo a questo universo-strumento che è Internet senza essere preparati. In altri termini per quanto nella vita reale una persona possa essere accorta e prudente perchè la vita reale fa parte del nostro DNA dalla comparsa dell'uomo, è invece possibile che lo stesso individuo pecchi di leggerezza nell'ambito virtuale. Per ignoranza o perlomeno per difetto di adeguata informazione e assimilazione di quest'ultima.E' il mio personale pensiero di 44enne, navigatore dagli albori della Rete e ancor prima in BBS.
    • il mio scrive:
      Re: Report 10 aprile
      - Scritto da: valerio
      Personalmente non sono del tutto d'accordo con il
      Dott.Annunziata.
      E' vero che navigare troppo disinvoltamente
      corrisponde a frequentare posti poco
      raccomandabili, quindi con tutti i rischi del
      caso.
      Ma è altrettanto vero che le generazioni di oggi
      si sono trovate di colpo a questo
      universo-strumento che è Internet senza essere
      preparati. In altri termini per quanto nella vita
      reale una persona possa essere accorta e prudente
      perchè la vita reale fa parte del nostro DNA
      dalla comparsa dell'uomo, è invece possibile che
      lo stesso individuo pecchi di leggerezza
      nell'ambito virtuale. Per ignoranza o perlomeno
      per difetto di adeguata informazione e
      assimilazione di
      quest'ultima.STRAQUOTOlo scorso anno partecipai ad una cena tra vecchi compagni di scuola delle superiori che si ritrovarono tramite facebook, tranne il sottoscritto (e pochi altri) invitato a voce visto che ancora frequento alcuni dei mie ex compagnia fine cena quando il tasso alcolemico era piuttosto altino qualcuno affrontò l'argomento facebook e io me ne stavo zitto ascoltando tutte le fesserie che dicevano, ad un certo punto fecero l'errore di chiedermi "perchè non hai un account facebook nonostante tu ci lavori con internet?" io risposi con un'altra domanda "secondo voi come fa una azienda basata su un sito internet senza pubblicità e/o un apparente fonte di ricavo a valere miliardi di dollari"ricorderò sempre quei trenta secondi di silenzio tombale come una vignetta satirica con una nuvoletta sopra ogni testa con la scritta "mumble mumble"non lavessi mai fatto, ho avviato una accesissima discussione durata + di un'ora a cui si unirono pure persone dei tavoli vicini(eravamo in una birreria, potete immaginare...) da cui io mi divincolai quasi subito visto il bassissimo livello della discussione e delle argomentazioni
      E' il mio personale pensiero di 44enne,
      navigatore dagli albori della Rete e ancor prima
      in
      BBS.io ne ho 37 ma quelli erano bei tempi, a scaricare livelli aggiuntivi di doom ed heretic dalle bbs, ricordo pure i XXXXXatoni di mio padre all'arrivo delle bollette telefoniche
      • gianni nuzzo scrive:
        Re: Report 10 aprile
        - Scritto da: il mio
        - Scritto da: valerio

        Personalmente non sono del tutto d'accordo con
        il

        Dott.Annunziata.

        E' vero che navigare troppo disinvoltamente

        corrisponde a frequentare posti poco

        raccomandabili, quindi con tutti i rischi del

        caso.

        Ma è altrettanto vero che le generazioni di oggi

        si sono trovate di colpo a questo

        universo-strumento che è Internet senza essere

        preparati. In altri termini per quanto nella
        vita

        reale una persona possa essere accorta e
        prudente

        perchè la vita reale fa parte del nostro DNA

        dalla comparsa dell'uomo, è invece possibile che

        lo stesso individuo pecchi di leggerezza

        nell'ambito virtuale. Per ignoranza o perlomeno

        per difetto di adeguata informazione e

        assimilazione di

        quest'ultima.

        STRAQUOTO

        lo scorso anno partecipai ad una cena tra vecchi
        compagni di scuola delle superiori che si
        ritrovarono tramite facebook, tranne il
        sottoscritto (e pochi altri) invitato a voce
        visto che ancora frequento alcuni dei mie ex
        compagni
        a fine cena quando il tasso alcolemico era
        piuttosto altino qualcuno affrontò l'argomento
        facebook e io me ne stavo zitto ascoltando tutte
        le fesserie che dicevano, ad un certo punto
        fecero l'errore di chiedermi "perchè non hai un
        account facebook nonostante tu ci lavori con
        internet?" io risposi con un'altra domanda
        "secondo voi come fa una azienda basata su un
        sito internet senza pubblicità e/o un apparente
        fonte di ricavo a valere miliardi di
        dollari"
        ricorderò sempre quei trenta secondi di silenzio
        tombale come una vignetta satirica con una
        nuvoletta sopra ogni testa con la scritta "mumble
        mumble"

        non lavessi mai fatto, ho avviato una accesissima
        discussione durata + di un'ora a cui si unirono
        pure persone dei tavoli vicini(eravamo in una
        birreria, potete immaginare...) da cui io mi
        divincolai quasi subito visto il bassissimo
        livello della discussione e delle
        argomentazioni


        E' il mio personale pensiero di 44enne,

        navigatore dagli albori della Rete e ancor prima

        in

        BBS.

        io ne ho 37 ma quelli erano bei tempi, a
        scaricare livelli aggiuntivi di doom ed heretic
        dalle bbs, ricordo pure i XXXXXatoni di mio padre
        all'arrivo delle bollette
        telefonichequoto,è grottesco come si venga poi tacciati di 'comportamento antisociale' se si critica facebook o si dichiara orgogliosamente di non essere iscritti e aver settato iptables nel router appositamente per bloccare tutti gli ip riconducibili a facebook (forse qualcuno ancora non sa che iscriversi a fb aumenta esponenzialmente il profiling che l'azienda fa e userà a scopo di marketing, ma pure se non sei iscritto contribuisci comunque [in pare molto minore] alla schedatura quando visiti siti 'convenzionati con facebook' )non usare FB è un po' come tenere spento il televisore nel romanzo 1984 di Orwell (tv con spy-camera e microfono interni)l'errore delle nuove generazioni è credere che FB sia internet.Invece è solo un sito.Quella corporation ha acquisito potere grazie a milioni di *utOnti*la gente dovrebbe capire che per ogni uso di facebook esiste già un sostituto 'facebook-free' da sempre presente su internet:messaggi ---
        protocollo SMTP (email)gruppi di discussione ----
        protocollo NNTP (Newsgroups)chat ---
        protocollo IRC ecc eccFacebook is watching you
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Report 10 aprile
      io ti dico: sono d'accordo con te sulla "impreparazione" di alcune categorie di navigatorima la soluzione non è spaventarli, bensì istruirli :)
      • sentinel scrive:
        Re: Report 10 aprile
        - Scritto da: Luca Annunziata
        io ti dico: sono d'accordo con te sulla
        "impreparazione" di alcune categorie di
        navigatori
        ma la soluzione non è spaventarli, bensì
        istruirli
        :)Che è anche giusto, ma per questo esisterebbero anchei corsi di alfabetizzazione informatica. Magarisarebbero da fare PRIMA di comprarsi un computer! ;-)
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Report 10 aprile
          ok, assodato che non si può fare... vogliamo iniziare seriamente a fare alfabetizzazione digitale?o vogliamo dire che fuori è tutto brutto? :)
          • sentinel scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ok, assodato che non si può fare... vogliamo
            iniziare seriamente a fare alfabetizzazione
            digitale?Perché non si può fare? Io per esempio conun'associazione di volontariato ho fatto peranni assistenza informatica ai portatori di handicap e amolte categorie svantaggiate (inclusi i disoccupati).Tutte queste persone ancora ci stanno ringraziandodell'aiuto iniziale che abbiamo loro fornito perentrare e districarsi poi nel mondo informatico.Basta che ci sia un'associazione od ente prepostoper lo scopo in ogni paese e tutto sarebbe più facile.
            o vogliamo dire che fuori è tutto brutto? :)No, ma neanche che fuori è tutto bello ;)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            intendevo la patente per internet, quella preventiva non si può
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: sentinel
            - Scritto da: Luca Annunziata

            o vogliamo dire che fuori è tutto brutto? :)

            No, ma neanche che fuori è tutto bello ;)esattoe facebook è tutto fuorchè 'bello'Facebook is watching you
          • panda rossa scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ok, assodato che non si può fare... vogliamo
            iniziare seriamente a fare alfabetizzazione
            digitale?E facciamola!Se PI si impegna ad aprire una sezione di alfabetizzazione digitale, io mi impegno a postare i miei contributi.
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ok, assodato che non si può fare... vogliamo
            iniziare seriamente a fare alfabetizzazione
            digitale?
            o vogliamo dire che fuori è tutto brutto? :)criticare facebook vuol dire criticare facebook.non significa affatto attaccare InternetInternet != facebookSe si vuole fare opera di alfabetizzazione basta spiegare ai giovani che facebook va evitato. Far questo non vuole dire in alcun modo che si vuole attaccare Internet, anzi, è un'azione in difesa di InternetFacebook is watching you
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            Caro Gianni,Non sono sicuro di quale sia lo scopo di rispolverare una discussione di 1 anno fa.Di certo la situazione nel frattempo non è mutata nel merito, bensì nelle condizioni a contorno: FB e il principio dei social media è oggi imperante, il neoluddismo strisciante resta un problema serio soprattutto in un paese come l'Italia che stenta a riconoscere l'importanza del digitale e di Internet.Detto ciò, se tu - al contrario di molti addetti ai lavori - ritieni la posizione di Report più corretta, libero di pensarla come ti pare. Ma la mancanza di obiettività, la carenza in fatto di distacco dalla questione che si analizza, il "giornalismo" fatto di tesi da dimostrare, non giovano all'informazione. Nè in questo caso alla serena accettazione della crescita del valore di Internet nella vita di tutti i giorni: lottare contro vecchi e nuovi "padroni" è una prospettiva vecchia che va archiviata alla luce dell'evoluzione della società. Bada bene, non dimenticata: ma come si evolve la società, deve evolversi pure la protesta.Buona giornata, ci rivediamo nel 2013.L
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            Caro Gianni,

            Non sono sicuro di quale sia lo scopo di
            rispolverare una discussione di 1 anno
            fa.semplice: ho letto solo ora questo articolo.che importa che sia di 1 anno fa? I pericoli di cui parlò Report sono tutt'altro che sorpassati. (basta leggere anche recenti articoli di PI riguardandi il tasto I-like di FB e vari aspetti che tracciano il comportamento anche quando l'utente non è iscritto a FB, trammite siti terzi)
            Di certo la situazione nel frattempo non è mutata
            nel merito, bensì nelle condizioni a contorno: FB
            e il principio dei social media è oggi imperante,motivo in più per stare in guardia e *sconsigliarne* l'uso a più gente possibile.
            il neoluddismo strisciante resta un problema
            serio soprattutto in un paese come l'Italia cheche cosa c'entra il luddismo ? consideri forse Facebook innovativo? LOLFacebook consiste di fatto nel trasformare la rete Internet in un sistema feudale.
            serio soprattutto in un paese come l'Italia che
            stenta a riconoscere l'importanza del digitale e
            di
            Internet.io non ho detto nulla contro Internet, ANZI!Ho difeso Internet perchè Facebook è una minaccia che mira a sostituirsi a Internet.Un tempo, quando i n00b chiedevano a utenti più capaci di fargli l'installazione di OS etc per il pc nuovo chiedevano alla fine "OK, ma me l'hai attivato/configurato il collegamento a Internet?" ora invece chiedono "OK, ma me l'hai attivato/configurato il collegamento a Facebook?"si tente troppo, ultimamente, a confondere Facebook con Internet e di conseguenza a considerare erroneamente le critiche anti-facebook come attacco a Internet.

            Detto ciò, se tu - al contrario di molti addetti
            ai lavori Addetti ai lavori?!? LMAO ma quali addetti ?!?si parla di utenti.oppure per 'addetti ai lavori' intendi i pubblicitari i quali usano FB per mungere gli utenti e ottenere marketing mirato e indagini di mercato ?
            - ritieni la posizione di Report più
            corretta, libero di pensarla come ti pare. io ritengo che abbiano detto cose giustissime, per quanto concerne i problemi di privacy di google e soprattutto di FB.Il problema semmai è che sono stati un tantino leggeri.
            Ma la
            mancanza di obiettività, la carenza in fatto di
            distacco dalla questione che si analizza, il
            "giornalismo" fatto di tesi da dimostrare, non
            giovano all'informazione. esatto. Mancanza di obiettività. Ecco come descriverei il tuo articolo.Forse perchè usi troppo Facebook.Dopotutto l'hai detto tu che il tuo articolo non è una analisi tecnica della puntata di Report ma piuttosto la tua opinione sulla questione, no?Essendo una opinione non puoi dirla obiettiva, no?
            Nè in questo caso alla
            serena accettazione della crescita del valore di
            Internet nella vita di tutti i giorni:e ridaje! Internet == GOOD!Facebook == SHIT!chiaro il concetto? non ho mosso alcuna critica a Internet.Ho solo criticato certi siti e aziende.Non ho certo detto che 'Internet è il male' , anzi , sono il primo ad affermare il contrario.
            lottare
            contro vecchi e nuovi "padroni" è una prospettiva
            vecchia che va archiviata alla luce
            dell'evoluzione della società.cioè ? sudditanza? schiavitù?auspichi questo? ti pare evoluzione? ROTFL
            Bada bene, non
            dimenticata: ma come si evolve la società, deve
            evolversi pure la
            protesta.certo, ma di sicuro non su Facebook. Sennò si perde fin dal principio.L'unico modo per protestare contro FB è:1) NON iscriversi2) informare la gente che FB è IL MALE e che la sua diffusione rischia seriamente di portarci in scenari a dir poco da distopia (stile 1984, se non peggio)

            Buona giornata, ci rivediamo nel 2013.

            Leh !??!?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            la questione non sta nel modo in cui tu la ponici sono 2 questioni:- la qualità puntuale della trattazione- la qualità generale del metodonel primo caso, a mio parere è sbagliato ritenere FB il male assoluto: è uno strumento, che si muove nelle pieghe del sistema, e la consapevolezza non si promuove col terrorismo o il neoluddismonel secondo caso, report sbaglia il modo in cui affronta la questione giornalistica: una tesi, data per vera a priori, ascoltando solo le campane che tirano acqua al suo mulinol'hanno rifatto, coi cellulari e domenica scorsa con i dolcificantiè un modo molto sbagliato e molto pericoloso di fare giornalismo: è la mia opinione, ma non sono solo a pensarla cosìinfine, nella vita ci sono vincitori e vinti: facebook ha vinto, è un dato di fatto, e vanno prese le misure a questa faccenda e non a quello che potrebbe essere e non sarà - che fine ha fatto diaspora? che sucXXXXX ha avuto g+, pur promosso da un colosso come google? la realtà è questa e va affrontata per quel che è
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            con i
            dolcificantiChi lo sa vivrà (cylon)
          • Sgabbio scrive:
            Re: Report 10 aprile
            Luca odia report e chiaro, altrimenti non direbbe niente per la storia dei dolcificanti....
          • krane scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Sgabbio
            Luca odia report e chiaro, altrimenti non direbbe
            niente per la storia dei dolcificanti....Invidia per i giornalisti seri ?
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Sgabbio
            Luca odia report e chiaro, altrimenti non direbbe
            niente per la storia dei
            dolcificanti....oppure odia lo zucchero <_<:)
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile


            nel primo caso, a mio parere è sbagliato ritenere FB il male assoluto: è uno strumento, che si muove nelle pieghe del

            sistema, non penso che nessuno creda che FB sia l'unico 'male'.Anche google, con doubleclick etc etc, fa qualcosa di simile.

            e la consapevolezza non si promuove col terrorismo o il neoluddismoterrorismo?no. Informazioni.neoluddismo?no. Credo che tu non conosca bene il significato della parola 'luddismo' e quindi la usi a sproposito in un contesto sbagliato.Per tua informazione la gente usava Internet anche prima che arrivasse FB.E non venirmi a dire che "FB è un modo innovativo di usare Internet" perchè quella è una teoria che non sta in piedi.1) perchè FB mira a una 'feudalizzazione della rete' (stessa tecnica di MSN anni e anni fa. Tentativo fallito della M$, per fortuna)2) perchè Ajax non è nulla di nuovo.2) lo scopo di FB è *CHIUDERE* la rete, permettendo così un capillare monitoraggi ai fini di marketing e di intelligence. (Se Orwell fosse ancora vivo straccerebbe 1984 per riscriverlo completamente: la realtà infatti ha di gran lunga superato la fantasia :( )

            nel secondo caso, report sbaglia il modo in cui affronta la questione giornalistica: una tesi, data per vera a

            priori, ascoltando solo le campane che tirano acqua al suo mulinoa me pare che le voci che criticano FB siano fin troppo poche.La maggior parte della gente non conosce la quantità di informazione e profiling fatto da FB e nemmeno che ciò è possibile anche dopo il logout (per non parlare ad esempio del caso in cui nella rete [NAT] di casa più utenti accedono con lo stesso IP [azz!] )

            l'hanno rifatto, coi cellulari e domenica scorsa con i dolcificanticellulari: è ovvio che i produttori hanno tutto l'interesse a nascondere gli effetti collaterali che l'uso di cellulari può provocare. dolcificanti: puntata interessante.È ovvio che lo stesso discorso valido per i cell. vale anche per i dolcificanti.Di più! La tesi "i dolcificanti sono pericolosi" diventa teorema, visti i vari casi di conflitti d'interessi in FDA e nella 'FDA' europea.Il finale 'certificato di pericolosità' è il coinvolgimento del loschissimo Ramsfield, giusto per levare dubbi su un progetto lucrativo che definire 'progetto nazista' è poco.ok, report: 1) inchiesta su facebook ? ---
            non ti piace affatto2) inchiesta sui produttori di cellulari? ---
            idem, secondo te è XXXXX3) inchiesta su aspartame ed altri veleni simili ---
            XXXXXa me son piaciute tutte e tre.PERO' ...reputo una XXXXXTA la puntata di Report in cui la Gabanelli propone l'abolizione del contante e l'obbligo di cc bancario fin dalla nascita.che dire ... in un periodo in cui la fiducia verso le banche è pari a ZERO , la Gabanelli propone profiling/schedatura di tutti i cittadini per mezzo delle banche ...specialmente in un periodo in cui, giustamente, in molti stanno seriamente pensando di chiudere il proprio conto in banca perchè non voglion più contribuire al marcio potere finanziario che ha creato le recenti crisi economiche. che dire ... un GENIO stà Gabanelli ... LOL(fra l'altro l'abolizione del contante è un'idea *nazista*. Avrebbe come conseguenza lo sterminio di tutti i senzatetto... o la Gabanelli s'immaginava dei senzatetto muniti di POS per chiedere elemosina ? )Prima che tu me lo faccia notare ... so già che il servizio in questione è stato fatto dalla stessa giornalista che fece il servizio su FB :( ... che dire .. mica tutti i servizi possono essere ottimi. Nel caso del servizio pro-banche direi che Gabanelli e co. hanno preso una bella cantonata .il servizio 'abolire il contante' è il motivo per cui ho cercato sono arrivato a leggere e postare qui (anche se con 1 anno di ritardo).Stavo cercando un eventuale articolo di PI riguardo quella puntata e cercando 'site:punto-informatico.it gabanelli report' sono arrivato qui.Immagino che se ci fosse stato un articolo anche su quella puntata sarebbe stato un tuo articolo pieno di elogi per la Gabanelli che 'ha finalmente capito che la privacy è un fardello inutile che frena l'innovazione'LMFAO

            infine, nella vita ci sono vincitori e vinti: facebook ha vinto, è un dato di fatto, eh , già ...come SecondLife , vero? anche quello 'aveva vinto', ai suoi tempi.Spero che Facebook fallisca per la bolla che difatto è.Inoltre sarebbe pericoloso se si diffondesse come sostituto dell' e-mail/chat/ecc perchè vorrebbe dire che tutte le comunicazioni interpersonali via Internet passerebbero per i server di una multinazionale senza scrupoli, con tutti i pericoli che ne conseguono (censura politica, schedatura, spionaggio, sorveglianza, profiling per scopi governativi e di marketing).Facebook, di per sè rappresenta il maggiore pericolo per la neutralità di Internet.

            che sucXXXXX ha avuto g+, pur promosso da un colosso come google? idem, g+ può esser 'meno peggio', ma spero sparisca anche quello :)

            la realtà è questa e va affrontata per quel che èovvero? schifo?suvvia! sii ottimista.Facebook non sarà immortale Dopotutto le cose non vanno poi tanto male, infatti:Fonte: wikipedia.Facebook: 901 millionInternet: more than 2.2 billion people infatti oltre 1 Miliardo e 300 milioni di persone NON USA FACEBOOK:)Facebook? NO THANKS.La rete può trovar di meglio.Facebook is watching YOU!
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            proponi alternative: altrimenti è solo una lotta contro i mulini a ventoaboliamo facebook: come? aboliamo l'iniziativa privata?lo regoliamo? come? come armonizziamo 200 leggi nazionali in materia?alternative a facebook? quali? con cosa lo sostituiamo? chi garantisce che il nuovo sia meglio del vecchio?nota bene, esempio classico dei cellulari: se lo studio che dice che fanno male lo promuove l'associazione delle famiglie di malati di tumore, a me pare UGUALMENTE non neutrale - la metodologia di valutazione giornalistica, anzi non giornalistica visto che non rimane neutrale nel report, è sbagliata
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            aboliamo facebook: come? aboliamo l'iniziativa
            privata?basta informare la gente.All'amico che per la prima volta s'avvicina alla rete basta spiegare che esitono svariati servizi utili e più *affidabili* di FB e che non subiscono le stesse censure (sono infatti numerosi i casi di censura , politica e non, esercitata da facebook sui post degli utenti)
            lo regoliamo? come? come armonizziamo 200 leggi
            nazionali in
            materia?sarebbe una strada da tentare (oltre al boicottaggio).Ad esempio come fa la Germania (anche se son quisquillie in confronto a tutto ciò che va fatto).Ad esempio porre limiti seri al tipo di dati che facebook può tenere.Leggi serie in materia di privacy per prevenire e sanzionare duramente gli abusi.Serve anche una legge che vieti alle aziende di imporre agli utOnti contratti ridicolamente umilianti.Ad esempio un contratto che prevede che i tuoi post, foto, chat ecc diventino proprietà di facebook. (una sorta di schiavitù/contratto del 'servo della gleba' in salsa digitale) Questo tipo di contratto andrebbe *VIETATO* per legge.
            alternative a facebook? quali? con cosa lo
            sostituiamo? chi garantisce che il nuovo sia
            meglio del
            vecchio?esatto! chi lo garantisce?facebook viene presentato come 'nuovo' ma altro non è che un modello vecchio, ovvero la concentrazione di più servizi in un unica entità.il modello è simile a quello delle BBS (mail, chat , giochi) solo che le bbs erano in mano agli utenti o di svariate entità.Ora invece facebook mira a ottenere il controllo di gran parte delle comunicazioni (con tutto ciò che comporta a livello di privacy e di sicurezza)le alternative ci sono e c'erano già da prima e funzionano benissimo:messaggi ---
            protocollo SMTP (email)gruppi di discussione ----
            protocollo NNTP (Newsgroups)chat ---
            protocollo IRCecc ecc
            nota bene, esempio classico dei cellulari: se lo
            studio che dice che fanno male lo promuove
            l'associazione delle famiglie di malati di
            tumore, a me pare UGUALMENTE non neutrale - la
            metodologia di valutazione giornalistica, anzi
            non giornalistica visto che non rimane neutrale
            nel report, è
            sbagliatal'opinione dei produttori è già stata imposta pure troppo nelle sedi istituzionali.mi piacerebbe sapere (se l'hai visto) cosa pensi del servizio di report che propone l'abolizione del contante (a favore quindi di uno strapotere delle banche)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: gianni nuzzo
            le alternative ci sono e c'erano già da prima e
            funzionano
            benissimo:

            messaggi ---
            protocollo SMTP (email)
            gruppi di discussione ----
            protocollo NNTP
            (Newsgroups)
            chat ---
            protocollo IRC
            ecc eccva beh, addiosi stava meglio quando si stava peggioil mondo è andato avanti, la gente vuole facebook: facciamocene una ragione
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            - Scritto da: gianni nuzzo

            le alternative ci sono e c'erano già da
            prima
            e

            funzionano

            benissimo:



            messaggi ---
            protocollo SMTP (email)

            gruppi di discussione ----
            protocollo
            NNTP

            (Newsgroups)

            chat ---
            protocollo IRC

            ecc ecc

            va beh, addio

            si stava meglio quando si stava peggio

            il mondo è andato avanti, la gente vuole
            facebook: facciamocene una
            ragioneLOL'quando si stava peggio' dici ??!?!?1) QUESTO E' Internet. (IRC, HTTP, SMTP, NNTP , VOIP etc etc)tentare di far passare tutti quei servizi in un unico punto (l'azienda Facebook) è un abominio. E' *grottesco*con FB il mondo sta andando indietro (come t'ho spiegato prima)ricorda la MSN ( che microsoft voleva usare per [LOL] fare concorrenza a Internet ) e che fine ha fatto.2) non è che 'la gente "vuole" facebook'semplicemente parecchia gente (la maggior parte degli utenti) è costretta.(coercizione, da parte di conoscenti e del conformismo , a causa dei quali "se non usi FB sei un asociale" )
            va beh, addiook, ciaoma gradirei, appena hai tempo, un parere sulla puntata che la Gabanelli ha fatto riguardo l'abolizione del contante.favorevole o contrario?(immagino che l'eventuale risposta non mi stupirà molto .. eh eh :) )
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            favorevole all'abolizione del contante in italia: eliminerebbe il problema dell'evasione fiscale endemicafacebook fa tutto, in modo facilefunziona, piace: hanno fatto un buon lavoromi piace? non proprione sono contento? nome ne faccio una ragione e cerco di analizzare il presente e il futuro, invece di rimanere fermo a guardare indietro
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            il mondo è andato avanti, la gente vuole
            facebook: facciamocene una
            ragioneche è un po' come se qualcuno, negli anni '30 avesse detto che "il mondo è antato avanti, la gente vuole Hitler al governo: facciamocene una ragione"la tua è in pratica una non-risposta.se tutti ragionassero al tuo stesso modo accetteremmo chissà quali altre barbarie senza fare una piega.Una simile sudditanza al volere dei governi è tutto fuorchè "progresso"
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            mettere sullo stesso piano hitler e facebookcerto, certo
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            mettere sullo stesso piano hitler e facebook

            certo, certoperchè no?dopotutto non era forse Goebbels (e le SS stesse, durante i rastrellamenti) a dire "Se non hai nulla da nascondere non hai nulla da temere" ?la linea di facebook è la stessa: l'Anti-privacy. Cioè far credere all'utente che la privacy sia un disvalore.Dopotutto chi, se non i nazisti, furono i maggiori promotori del controllo totale e dell'estinzione di ogni forma di dissenso?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            l'artificio del paradosso non funzionaè forzatoin un caso c'erano crimini contro l'umanità, nell'altro non ci sono violazioni di leggi vigentimi spiace
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            l'artificio del paradosso non funzionaquale paradosso ? quale artificio?

            è forzato
            tutt'altro che forzato,specialmente se tieni conto che facebook controlla non solo quello che l'utente fa su facebook ma anche su altri siti.
            in un caso c'erano crimini contro l'umanità,
            nell'altro
            non ci sono violazioni di leggi
            vigenti
            nemmeno allora c'erano, infatti le leggi razziali erano appunto... leggiscacco, amico
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            ma scacco de che?in un caso il legislatore si faceva le leggi, in un altro un'azienda in un libero mercato ci prova e per il momento non sgarrano, ma continuate pure: i mulini a vento ci sono ancora, prego :)
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            @Luca Annunziatainoltre facebook si è spesso dimostrato uno strumento del governo americano.quando viene usato per portare libertà di espressione e comunicazione in paesi avversari (economici: China, Russia o militari: Siria, Iran) va bene e Internet e Facebook vengono incentivati.Quando invece si tratta della libertà dei cittadini nord americani o europei allora viene invertita la rotta: -Idee politiche censurate su facebook (un esempio è quello del referendum di qualche mese fa in California)-Schedatura facebook al servizio (oltre che del marketing) dei servizi USA (FBI, NSA) oltre ovviamente a datamining e estrapolazione di reti di relazioni tra attivisti pacifisti, noglobal ecc.-proposte di legge per "cinesizzare" la rete.quello dell'abuso di informazione a scopo di marketing è solo un ruolo di facebook.l'altro ruolo è quello di arma globale per abbattere governi nemici.quando tutti i governi degli 'stati canaglia' saranno sostituiti da governi fantoccio amici del governo USA allora verrà nettamente invertita la rotta. In quel momento non avranno più freni per passare leggi tipo ACTA ecc.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            hai dimenticato i rettiliani e le scie chimiche
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            e tu hai dimenticato di citare paolo attivissimo tra le tue fonti ROTFL- Scritto da: Luca Annunziata
            hai dimenticato i rettiliani e le scie chimiche(rettiliani?!? da dove esce sta soria? star trek ?)quando finisci gli argomenti passi al tentativo di delegittimazione dell'interlocutore attribuendogli cose che non ha detto?alla prossimo utente che posterà una riflessione critica che ritieni scomoda che risponderai? scriverai che crede ai complotti alieni, area51 e altre XXXXXXXte?fortuna che anzichè giornalista sei un semplice opinionista, perchè sennò con un atteggiamento meschino di questo tipo non avresti fatto altro che infangare il buon nome di Punto-Informatico.bye bye
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            sostieni contemporaneamente che FB sia il bene e il malea seconda dei contestihai ragione: sono gli illuminatifortuna che questi sono forum di discussione: se no dovrei pensare che fai sul serio
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            sostieni contemporaneamente che FB sia il bene e
            il
            male
            a seconda dei contesti

            hai ragione: sono gli illuminati

            fortuna che questi sono forum di discussione: se
            no dovrei pensare che fai sul
            seriocontinui a distorcere ciò che scrivo, sai leggere almeno?dove avrei scritto che facebook "è il bene" ?t'ho spiegato che viene incentivato dagli USA per rovesciare i governi.la politica USA in merito di libera espressione in rete è questa:1) ai cittadini di paesi il cui governo ci è nemico VA garantito il diritto di espressione e acXXXXX a internet.2) quando si tratta di cittadini americani o europei o di paesi amici/sottoposti allora la storia della "libera espressione da tutelare" non vale più e internet va assoggettata al volere dei governi.due casi simili ma opposti:A) un cittadino siriano (o Iraniano), su un sito americano, esprime critiche antigovernative.B) un cittadino Afghano, su un sito americano, esprime critiche antigovernativeA)nel primo caso facebook ignorerà richieste di informazioni provenienti dal governo siriano (o iraniano) e lo stesso governo USA farà di tutto per evitare che tale collaborazione avvenga.B)nel secondo caso invece l'afghano che ha criticato la politica di Karzai verrà sXXXXXXXto da facebook, con la benedizione del governo USA. (facendo quindi una brutta fine)due pesi due misure , capisci?immagina quando tutti i regimi considerati "nemici degli USA" verranno "convertiti" (magari a suon di bombe. Negli ultimi anni è così che si "esporta la democrazia" ) , a quel punto non avranno più interesse nella "libertà di espressione" chiaro il concetto ora ?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            sono tue supposizionio, se vuoi, opinioninon hai prove oggettive di quanto affermi: dimostrami, matematicamente, che è vero quanto sostieni e sarò lieto di cambiare ideafino ad allora resto convinto che sia opera dei grigi
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            sono tue supposizioni
            o, se vuoi, opinioni

            non hai prove oggettive di quanto affermi:
            dimostrami, matematicamente, che è vero quanto
            sostieni e sarò lieto di cambiare
            idea

            fino ad allora resto convinto che sia opera dei
            griginon capisco se parli seriamente o prendi per i fondelli la gentetu scrivi su punto-informatico.possibile che non ti sia mai capitato di leggere articoli scritti da altri qua su punto-informatico?ACTA? (mondo)SOPA? (USA)Telekom packet ? (EU)invece riguardo al fatto che il governo USA*, nonostante faccia di tutto per ostacolare la libertà di espressione dei suoi cittadini abbia molto a cuore quella dei cittadini di potenze nemiche eccoti una notizia pubblicata di recente:http://www.bluermes.it/2011/06/13/internet-in-valigetta-il-progetto-usa-contro-i-dittatori/*precisazione sui miei post precedenti: se non si era capito quando il soggetto della frase erano "gli USA" in realtà mi riferivo al GOVERNO Usa, non certo al volere degli utenti di nazionalità Usa .
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            eccoci dove volevi arrivareè tutto un pianoe c'è un link abbinatoguarda, ne ho uno anche io: http://punto-informatico.it/3189237/PI/News/usa-internet-ombra-contro-censura.aspxpensi di saperla più lunga di me? accomodatiil problema è che le tue sono opinioni: pensi che un governo, legittimo, abbia creato un "programma" che mescola tante cosine assieme per controllare il mondosi chiama "teoria del complotto", ci fanno i filmalla fine dei film si scopre che il complotto c'è, ma di solito il protagonista sgomina il piano: vuoi andare ad hollywood?parliamoci chiaro: privacy, copyright, diritto alla libera espressione, sono tutti problemi importantima non c'è niente dietroti regalo un link anche io: http://it.wikipedia.org/wiki/MacGuffinleggilo, ti spiegherà perché io non credo alla teoria del complotto
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            eccoci dove volevi arrivare

            è tutto un piano

            e c'è un link abbinato

            guarda, ne ho uno anche io:
            http://punto-informatico.it/3189237/PI/News/usa-in

            pensi di saperla più lunga di me? accomodati
            il problema è che le tue sono opinioni: pensi che
            un governo, legittimo, abbia creato un
            "programma" che mescola tante cosine assieme per
            controllare il
            mondoscusa ma LA NATO, che senso credi che abbia al giorno d'oggi?(ti ricordo che era nata per "difendere" l'occidente dal "pericolo" comunista)sbagli inoltre quando sostieni che "si tratta di complotto".esiste invece un termine in uso da parecchi anni, si chiama IMPERIALISMO.

            si chiama "teoria del complotto", ci fanno i film"teoria del complotto" non vuol dire niente.quello è un termine inventato dall'establishment per permettere ai leccapiedi di delegittimare chi fa opposizione. L'utilizzo consiste nell'attribuire agli avversari politici opinioni del tipo "tu credi agli ufo" ecc ecc.
            parliamoci chiaro: privacy, copyright, diritto
            alla libera espressione, sono tutti problemi
            importanti
            ma non c'è niente dietromi stai dicendo leggendo i miei post sei convinto che io sostenga che "privacy, libertà di espressione ecc ecc sono create dall'establishment" ???mai detto nulla del genere, tantomeno non ho mai detto che dietro a quei diritti ci sia un governo che spinga alla loro difesa.ho solo detto che al governo USA la difesa della libertà di espressione e della neutralità della rete vale solo quando si parla di cinesi, iraniani ecc. (perchè fa comodo destabilizzare quei paesi)quando invece si parla favorire la libertà e contrastare la censura NEGLI USA (e in EU) allora cambiano radicalmente opinione.ho poi teorizzato che se non ci fossero dittature in contrasto con la politica estera degli Usa agli Usa non interesserebbe PER NIENTE la tutela della libertà d'espressione in rete e la neutralità di internet.ho quindi detto che quando tutte quelle dittature nemiche degli Usa verranno , a poco a poco, sostituite da dittature amiche degli Usa si arriverebbe appunto a quella situazione di "cinesizzazione" della rete da parte di Usa e EU.appena un governo ha la possibilità di limitare la libertà dei cittadini, stai pur certo che lo farà.La dimostrazione di ciò è appunto sotto gli occhi di tutti: la CINA.ora dimmi: se sostengo che in CINA non c'è neutralità della rete, c'è censura e la libera espressione non è possibile, merito che mi venga detto "bah , tu credi agli UFO" ?:|

            ti regalo un link anche io:
            http://it.wikipedia.org/wiki/MacGuffin

            leggilo, ti spiegherà perché io non credo alla
            teoria del
            complotto" io non credo alla teoria del complotto"embè ? manco io ci credoti faccio un esempio:Una notte Hitler fece incendiare il parlamento tedesco, fece ricadere la colpa sulle opposizioni (comunisti, sindacati), fabbricando volantini di rivendicazione taroccati. Il giorno dopo mise in moto rastrellamenti facendo arrestare parecchi oppositori e facendo dare fuoco a sedi di partito e di sindacati.ora dimmi, è una "fantasiosa teoria del complotto" ?NO, è una storia documentata, che ho letto al museo del campo di concentramento di Dachau.bisogna informarsi, sennò fra pochi anni anche uno pronuncia "P2" potrà venir tacciato di "complottismo" . È ad esempio una tecnica che venne usata da silvio B., quella di dire "la P2 è un'invenzione campata in aria, non esiste". (fonte: "mille balle blu", Travaglio. Berlusconi parla al telefono con Craxi e gli assicura che farà pressioni al giornale perchè gli articoli della P2 definiscano le accuse "pura fantasia" "assurde teorie di complotto" )Mentre Andreotti in quegli anni diceva "la mafia non esiste" ...tornando al discorso USA vs China/Iran/Siria, ti regalo un link anche io:https://en.wikipedia.org/wiki/Imperialismleggilo, ti spiegherà perché non si tratta di"teoria del complotto" ma semplicemente di politica e economia
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            eccoci dove volevi arrivare

            è tutto un piano

            e c'è un link abbinato

            guarda, ne ho uno anche io:
            http://punto-informatico.it/3189237/PI/News/usa-in

            pensi di saperla più lunga di me? accomodati
            il problema è che le tue sono opinioni: pensi che
            un governo, legittimo, abbia creato un
            "programma" che mescola tante cosine assieme per
            controllare il
            mondo

            si chiama "teoria del complotto", ci fanno i film
            alla fine dei film si scopre che il complotto
            c'è, ma di solito il protagonista sgomina il
            piano: vuoi andare ad
            hollywood?

            parliamoci chiaro: privacy, copyright, diritto
            alla libera espressione, sono tutti problemi
            importanti
            ma non c'è niente dietro

            ti regalo un link anche io:
            http://it.wikipedia.org/wiki/MacGuffin

            leggilo, ti spiegherà perché io non credo alla
            teoria del
            complottonota inoltre che, guardacaso, quando si tratta di strumenti di forte anonimato (remailers) gli Usa fanno di tutto per ostacolarli, questo perchè nemmeno loro possono facilmente monitorare quei sistemi.È notizia recente (giusto per fare un esempio) che hanno bloccato (anche se pare, e si spera, momentaneamente) un remailer della rete antifascista ECN.come mai? anche i dissidenti cinesi e iraniani ne facevano uso ..semplice: può fornire anonimato forte anche a cittadini-dissidenti europei e americani.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            per fortuna ci sei tu che tieni tutti sotto controllo[yt]NPoHPNeU9fc[/yt]
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            per fortuna ci sei tu che tieni tutti sotto
            controllo

            [yt]NPoHPNeU9fc[/yt]trovo punto-informatico un giornale serio, però a qualcuno tutta questa serietà potrebbe sembrare eccessiva. Ecco quindi che entri in gioco tu ad allietare i lettori e svagarli con sana arte giullaresca.a qualcuno la (dis)informazione che difendi tanto (l'anti-privacy, per esempio) potrebbe anche interessare, per carità non sta a me decidere....anche se comunque, da questa discussione è emerso che saresti più utile in questo settore:http://www.punto-informatico-network.it/news.php?news=90(ok, ok , la Clerici è un po' rozza, ma mai dire mai , forse ti troveresti bene)ultima nota: Calamari scrive su PI una marea di articoli interessanti che sono in netta collisione con tutto ciò che hai sostenuto tu in questa discussione ( mitica la sezione "Cassandra Crossing" : http://punto-informatico.it/cerca.asp?s=cassandra%20calamari&t=4 )Sostiene tra l'altro che col passare del tempo privacy e anonimato in rete sono sempre più in pericolo."complottista" anche lui?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            non sono affatto in contraddizione con quello che dico iosei tu che ci vuoi leggere dietro *altro*io prendo molto più seriamente di te la faccenda: perché mi limito ad affrontarla con approccio scientifico, ovvero basarmi sulle evidenze e non sulle supposizioni
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            guarda che stai prendendo un granchio enormeevidentemente non hai la minima idea di quello che pensi, scriva, facciacortesemente, la lezioncina valla a fare da un'altra parte: PI scrive di 'sti argomenti (non per merito mio ma di chi l'ha fondato) dal 1995e piantala con 'sta storia del giornalista: cosa c'entra con il racconto e l'analisi (ed eventualmente la difesa) dei diritti digitali?
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            guarda che stai prendendo un granchio enorme

            evidentemente non hai la minima idea di quello
            che pensi, scriva,
            facciaun'idea credo di essermela fatta.certo è che tu, coi post che hai scritto qua fino ad ora non fai altro che confermare ciò che dico.
            PI scrive di 'sti argomentinulla da obiettare. PI scrive di questi argomenti e fa il 90% delle volte un lavoro impeccabile.
            (non
            per merito mio ma di chi l'ha fondato) dal
            1995su questo non ho dubbio alcuno

            e piantala con 'sta storia del giornalista: cosa
            c'entra con il racconto e l'analisi (ed
            eventualmente la difesa) dei diritti
            digitali?c'entra.perchè io a supporto di quel che dico ho portato dei fatti verificabili.Invece l'unico link che hai postato tu punta a una notizia di punto-informatico che altro non fa che confermare ciò che ho scritto in precedenza.trovo a dir poco "trollesco" il fatto che dopo centinaia di righe da me postate tu risponda sempre con "non è vero" senza portare nulla a supporto delle tue teorie.
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            in ogni commento ho postato centinaia di righe contenenti esempi, spiegazioni, fatti , notizie.ogni volta la tua risposta è consistita in commenti stringati lunghi 3 righe in cui dicevi "non è vero" "io son più bravo di te" .se uno pone dei fatti alla tua attenzione il minimo che puoi fare è ribattere cercando di dimostrare PERCHÈ secondo te "non sono veritieri" troppo semplice tacciare l'interlocotore con un "quel che dici non è vero"io ho detto delle cose e le ho dimostrate.Sta a te argomentare perchè (a detta tua) "non starebbero in piedi".Di certo non sta a me continuare a postarle o postarne di nuove dato che tu manco fino ad ora manco ti sei degnato di scrivere dettagli sul perchè le trovi infondate.hai semplicemente detto "per me ste teorie non stanno in piedi". Nei dettagli invece non hai scritto nulla per dimostrare che "non stanno in piedi"troppo facile così.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            tu hai portato unicamente delle teorie strampalate, con un po' di supposizioni e nessuna proval'idea di assimilare Facebook a FBI o, peggio, CIA è demenzialeed è questa demenzialità complottistica che mette in ridicolo qualsiasi sforzo argomentativoc'è un problema di accentramento e di privacy? probabilmente sì, ma non c'entra niente il governo USA, non in modo direttoci piace il mondo così com'è? forse no, ma non è rispolverando teorie vecchie di 30 anni (imperialismo! non si sentiva fuori da un circolo PCI da almeno 10 anni) che si può cambiarlo
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            tu hai portato unicamente delle teorie
            strampalate, con un po' di supposizioni e nessuna
            provafammi un esempio di queste "teorie strampalate"Gli Usa, è vero o non è vero che traggono ispirazione al modello cinese di gestione della rete quando si tratta di diritti dei cittadini Usa e europei?E' vero o forse non che, sempre gli Usa, hanno più a cuore la libertà d'espressione dei cinesi di quella degli americani stessi?

            l'idea di assimilare Facebook a FBI o, peggio,
            CIA è
            demenzialesbagli, è demenziale non rendersene conto.Dimentichi i casi di censura politica negli Usa fatti ad opera di Facebook (referendum cannabis in California) ? inoltre ci sono anche casi italiani (imprenditori, in fallimento, che criticano il governo Monti)secondo te chi aveva interesse a fare queste censure? facebook? ma per piacere!FB ha semplicemente avuto qualche richiesta (dai due governi) perchè venissero fatte le censure.questi sono solo 2 esempi, ma sono solo la punta dell'iceberg, ce ne sono molti altri.guardacaso invece non si sente mai parlare di facebook che censura o fa la spia quando si tratta di cittadini iraniani/cinesi ecc.
            ed è questa demenzialità complottistica che mette
            in ridicolo qualsiasi sforzo
            argomentativoin questo contesto gli unici "complottisti" sono quel manipoli di paranoici che governa gli Usa e teme che la libertà di espressione possa ritorcergli contro.
            c'è un problema di accentramento e di privacy?
            probabilmente sì, ma non c'entra niente il
            governo USA, non in modo
            diretto"non in modo diretto" la dice lunga.come dire "non ufficialmente, ma è vero che c'entra"

            non è
            rispolverando teorie vecchie di 30 anni?!?!?
            (imperialismo! non si sentiva fuori da un circolo
            PCI da almeno 10 anni) che si può
            cambiarloperchè sei di destra.-chi è noglobal ad esempio ne ha sentito parlare fin da prima dei tempi di del G8 di Genova e ne sente parlare tutt'ora.-chi a scuola ha studiato storia sa che imperialismo è un termine attuale oggi così come lo era nei primi del '900lo sapevi?no?vedi? non si finisce mai di imparare :-)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            imperialismo si diceva negli anni della guerra freddaforse dovresti pensarci bene prima di attribuire patenti di "destra" e "sinistra" in giroè impressionante la tua ostinazione nel confondere le tue opinioni con fatti conclamatibuona serataPS: anzi, eccoti la definizione wiki di imperialismohttp://it.wikipedia.org/wiki/Imperialismo-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 maggio 2012 19.47-----------------------------------------------------------
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            imperialismo si diceva negli anni della guerra
            freddaanche,imperialismo si dice quando si studia la prima guerra mondiale, quando si parla di guerre imperialiste fatte dagli Usa decenni fa, si usa pure in riferimento alla guerra fredda, ma si parla sempre di più ADESSO di imperialismo. Questo perchè sparita l'Unione Sovietica, che aveva un effetto bilanciante, gli Usa hanno avuto campo libero per fare le loro scorribande (Irak, Afghanistan, di nuovo Irak ecc ecc)difendi tanto gli spioni di (FB e) google ma vedo che non lo sai usare...aiutino:https://encrypted.google.com/search?&q=site:indymedia.org+anti+imperialismnon mi pare un termine così caduto in disuso, no?
            forse dovresti pensarci bene prima di attribuire
            patenti di "destra" e "sinistra" in
            giroribadisco, da quel che hai scritto nei posts non posso che pensare che tu sia di destra (con evidenti tendenze al neoliberismo sfrenato, visto come difendi a spada tratta i poteri forti, i trusts, le MULTINAZIONALI e i governi autoritari).

            è impressionante la tua ostinazione nel
            confondere le tue opinioni con fatti
            conclamatino.è impressionante la tua ostinazione nel pretendere che fatti incontestabili (e pubblicati su varie testate italiane e non) , presenti anche su PI, siano semplicemente delle opinioni.sono dei fatti, realmente accaduti.trattasi di REALTÀ.fattene una ragione.se vuoi saperne di più ti consiglio di provare a leggere qualche articolo di PI che non sia scritto da te.Ci sono molti articoli che trattano di privacy/anonimato e neutralità della rete.
            PS: anzi, eccoti la definizione wiki di
            imperialismo

            http://it.wikipedia.org/wiki/Imperialismoahahhahahahhahhacaspita, che faticaccia eh?http://punto-informatico.it/b.aspx?i=3131042&m=3512550#p3512550un link a wikipedia alla definizione di imperialismo l'ho postato io proprio qualche post fa.questo a dimostrazione che ripeti in loop frasi tipo "son stati i grigi""non è dimostrato""è solo una tua opinione""FB è buono ... perchè ... mmm ... perchè di Sì!"e che non leggi i post.ovvi che poi, dopo che ho postato numerosi esempi di notizie e fonti (che puoi tranquillamente reperire e verificare tu stesso in rete) salti fuori nuovamente dicendo che non ho dimostrato nulla ...semplice: io posto le prove che da 10 posts tu mi chiedi, e tu non le leggi e chiedi le prove LOL
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            ma in soldoni qual è la tua proposta?torniamo ad arco, lancia e pugnali di selce?
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ma in soldoni qual è la tua proposta?
            torniamo ad arco, lancia e pugnali di selce?no.usiamo Internet, evitando come la peste trappole come facebook.la tua proposta invece?ci facciamo impiantare tutti un chip sottopelle? (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            come supplisci a facebookserve un'alternativa, adesso, subitouna cosa funzionantealtrimenti sono chiacchiere al vento
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            come supplisci a facebook
            serve un'alternativa, adesso, subito
            una cosa funzionante
            altrimenti sono chiacchiere al ventote le ho elencate prima le alternative, ma tu non leggi.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            deve essere un servizio unico, come facebookdeve rispondere alle stesse logiche di accentramento di facebookaltrimenti la gente non lo userà, per gli stessi motivi per cui non c'è la folla delle grande occasioni sui newsgroup
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            ah, riguardo all'imperialismo e al fatto che secondo te "è un termine obsoleto e fuori contesto" :)guarda che ho trovato:It's Imperialism, Stupidhttp://www.chomsky.info/articles/20050704.htm(Noam Chomsky)- Scritto da: Luca Annunziata
            deve essere un servizio unico, come facebooke perchè mai?te l'ha prescritto il medico?
            deve rispondere alle stesse logiche di
            accentramento di
            facebookforse non hai capito che sono *esattamente* quelle logiche di "accentramento" ( o "concentramento" , visto che sembra un "mega lager" di gente da mungere ... mi ricorda la storia del parco giochi dei somari , hai presente quello che Collodi scrisse ? XD)
            altrimenti la gente non lo userà, per gli stessi
            motivi per cui non c'è la folla delle grande
            occasioni sui
            newsgroup[battuta] certo, perchè sono tutti su FB a farsi schedare [/battuta]Alternative:al profilo/wall su FB ? semplice: ci sono i blog.ai "gruppi"? semplice: ci sono i forum, son andati bene fino ad ora e continueranno ad andare bene.Inoltre ci sono, appunto, i newsgroups. Se non trovi quello che ti interessa puoi crearene uno (avviene questo anche su FB, coi "gruppi di FB" )e le chat di FB?c'è irc.e i messagi privati?c'è l'e-mailecc eccnon mi pare d'aver tralasciato nulla.facebook può essere debellato dall'oggi al domani se la gente viene informata che esistono valide alternative che non hanno come scopo PRIMARIO il monitoraggio dell'utente e la gestione di quel che viene trasmesso (censura).
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            chomsky è un mito della linguisticac'entra nulla con la politica, nel senso che è un estremista da sempredetto ciò, FB ha vinto: fattene una ragionele tue alternative polverizzate non funzionano, la gente vuole facebookquindi NON hai un'alternativa unica: ne prendo atto
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            chomsky è un mito della linguistica
            c'entra nulla con la politica,eh già, non capisce nulla di politica come no ! XDinfatti la definizione di "modello di propaganda" è stato lui a darla.Inoltre non vedo come possa essere smentito quando spiega che secondo il governo USA terrorista è chiunque critichi la politica imperialista americana.

            detto ciò, FB ha vintoeh già,così come tempo fa "aveva vinto" myspace.a proposito, che fine ha fatto poi? LOL
            : fattene una ragionehai torto marcio fattene, TU, una ragione.
            le tue alternative polverizzate non funzionano,sta di fatto che vengono quotidianamente usate dalla maggioranza degli utenti Internet ed esistono da oltre 20 anni senza che nessun governo le abbia finanziate.(ad esempio le chat IRC sono moltissime ma non stanno tutte sui server di una sola azienda)
            la gente vuole
            facebook
            quindi NON hai un'alternativa unica: ne prendo
            attoprendi atto di questo:se la risposta è un'alternativa UNICA, è la domanda ad essere sbagliata.nessuno sente il bisogno compulsivo di farsi spiare tutto il tempo da una multinazionale e dal governo USA e l'unico motivo del (si spera momentaneo) sucXXXXX di FB ha semplicemente un nome: si chiama *conformismo*
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            ma non è vero che vengono usate dalla maggioranza degli utenti :Dsei fantastico XDok, dai, hai ragione tu: contento?
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ma non è vero che vengono usate dalla maggioranza
            degli utenti
            :D2 miliardi - 900 milioni = 1,1 miliardi1,1 miliardi è minore di 1 miliardo ?no.quindi stai sparando XXXXXXX
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            1,1 miliardi di persone usano TUTTI gli strumenti da te descrittinon credo proprio
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            1,1 miliardi di persone usano TUTTI gli strumenti
            da te
            descritti
            non credo proprionon cercare di voltare la frittata.tu hai scritto "la maggioranza usa facebook"e io ti ho fatto notare che non è affatto vero:la maggioranza di 2 miliardi è 1 miliardo + 1.quindi FB non ha la "maggioranza" visto che oltre 1,1 miliardi di utenti NON usa facebook.Inoltre:Nevertheless, Facebook's market growth started to stall in some regions, with the site losing 7 million active users in the United States and Canada in May 2011.[14]lol 7 mln di utenti persi solo nel mese di maggio 2011(fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Facebook )giusto un altro appunto interessante che ho trovato scritto da un tuo collega di PI:"Quello che invece possiamo dire già ora è che il sucXXXXX stesso di Facebook è da sempre legato ad una idea leggermente *tossica* dell'esperienza di Rete. Quella della graduale costruzione di un muro fra la piattaforma ed il mondo esterno, in una contrapposizione fra "noi" e Internet che ha non solo ricadute negative sullo sviluppo della Rete in generale ma che ha anche analogie significative con tentativi analoghi di delimitazione del territorio (la internet chiusa di AOL della metà degli anni '90) che, *per fortuna* nostra, *non finirono bene*."di Massimo Mantellini (punto-informatico.it)http://punto-informatico.it/3512972/PI/Commenti/contrappunti-caso-facebook.aspx"comunista" anche lui?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            continui a non capiretutti in quei commenti o articoli fanno i conti con facebook in quanto realtà già vincente: non immutabile o venerabile, emendabile, ma vincentese (e non è vero) 900 milioni di persone davvero ogni mese facessero uso di facebook, sarebbero comunque la maggioranza rispetto a qualsiasi altro strumento: per alcune categorie di persone facebook ha soppiantato l'emailnon rendersene conto costituisce lo stesso errore ideologico di quanti oggi continuino a professarsi comunisti: il comunismo ha fallito - questo non significa che non possa esistere una visione dello stato e della società diversa da quella attuale, ma una strada ha fallito e si deve cercarne una nuovafacebook ha vinto, i newsgroup hanno perso: ora, cosa possiamo fare? cambiare le regole? forse sì, ma come? continuare a fare il gioco delle tre scimmie o, peggio, ripetere urlando "LALALALNONTISENTOLALALALA" solo per ignorare la realtà non serve a nullale minestre riscaldate non funzionano: trova il modo di creare un social network migliore di facebook, sia sotto il profilo del sucXXXXX di pubblico che del rispetto per il pubblico stesso, e sarò felice di darti ragione: fino a quel momento le tue rimangono pie utopie
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            continui a non capire
            tutti in quei commenti o articoli fanno i conti
            con facebook in quanto realtà già vincente: non
            immutabile o venerabile, emendabile, ma
            vincenteAnche MSN (Microsoft Network) era una "realtà vincente" e mirava a raggiungere un obiettivo simile a quello mirato da facebook: *chiudere Internet in un recinto*sappiamo tutti che fine ha poi fatto: MSN così come era intesa è sparita e si è convertita a semplice ISP che oltre a acXXXXX internet cerca di farsi largo nel settore IM/chat.Direi che è un bel ridimensionamento di intenti, no?

            se (e non è vero) 900 milioni di persone davvero
            ogni mese facessero uso di facebook,quindi ammetti che non si tratta di maggioranza ma di *moda* (concetto statistico)per chiarire meglio ti faccio l'esempio dei bestseller nel settore libri:quando si dice "questo mese il nuovo libro della Littizzetto è un bestseller" bisogna capire che la frase non implica affatto che la maggioranza degli acquirenti di libri questo mese ha acquistato il nuovo libro della Littizzetto.Difatti (e il 99% delle volte è così) il bestseller rappresenta *solo* la moda statistica e la *maggiorparte* degli acquirenti ha acquistato un libro che *non è* quello scritto dalla Littizzetto.
            sarebbero
            comunque la maggioranza rispetto a qualsiasi
            altro strumento: per alcune categorie di persone
            facebook ha soppiantato
            l'emaile comunque,900 milioni in realtà non sono gli utenti che usano FB, bensì è il numero di utenti *registrati*ora fai conto che è pratica diffusa:- iscriversi più di una volta a un sito (non tutti lo fanno ma una buona parte sì)- ogni volta che "salta fuori l'ennesimo nuovo servizio internet" tutti corrono a iscriversi semplicemente per vedere "di che si tratta".Tieni conto poi che FB è un recinto per "bestiame" CHIUSO. Quindi chi vuole anche solo sapere cos'è FB è COSTRETTO ad iscriversi.- tieni conto inoltre che spesso l'account viene usato una volta e poi abbandonato e resterà comunque a FAR NUMERO.- tieni conto poi che È raro il caso di utente FB che usa TUTTI i servizi da FB offerti, quindi l'alternativa a FB spesso (per molti utenti) è UNO SOLO DEI SERVIZI DA ME CITATI (ad esempio solo newsgroups o solo IRC o solo email ecc )chiaro?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            come pensi di scavalcare il "problema" facebook?continuando a ripetere che è il male? e poi?
          • neIson scrive:
            Re: Report 10 aprile

            continuando a ripetere che è il male? e poi?veramente sei tu che ti sei ostinato a ripetere a mo di karma che "fb è bene, fb è progresso, hail fb!" xD- Scritto da: Luca Annunziata
            come pensi di scavalcare il "problema" facebook?"scavalcare" ?io lo "scavalco" semplicemente non usandolo e a livello IP l'acXXXXX agli ip delle sue reti. In questo modo posso tranquillamente girare per internet stando certo di non ingerire i suoi cookies avvelenati :-)per il resto faccio quello che ho fatto in questa discussione:spiego PERCHÈ Fb è IL male e spiego che ci sono (e quali sono) le alternative a facebook.
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            e come volevasi dimostrare ....ecco l'ennesima dismostrazione di quello che dicevo su controllo della rete, e varie robe tipo facebook :http://www.pastie.org/3867284
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            segnalo anche questo:http://www.torrentismi.it/anti-pirateria/125-cispa-il-grande-fratello-del-copyright.html"... Lennesimo disegno di legge contro la condivisione selvaggia dei contenuti su Internet, presentato alla House of Representatives e ora supportato da numerosi congressmen oltre che da colossi high-tech come *Microsoft* e *Facebook.* Nota come Cyber Intelligence Sharing and Protection Act (CISPA), la proposta legislativa andrebbe a colpire tutti quegli utenti visti come una minaccia alla sicurezza cibernetica. ..."Facebook non solo ha come scopo principale quello di schedare gli utenti.Non gli basta: vuole che TUTTI i principali fornitori di servizio si uniscano al monitoraggio in modo da tracciare più utenti possibile e al meglio possibile.Insomma, veri e propri *rastrellamenti*.
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            se uno cerca di vendermi un auto catorcio al prezzo di un auto funzionante e un tizio mi mette in guardia dicendomi "va che ti sta fregando, manca una ruota e nel cofano non c'è il motore"io non rispondo "ma che XXXXXXX dici! sei il solito complottista!"
          • nelson scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            fino ad allora resto convinto che sia opera dei
            grigiancora ..non capisco a che cosa ti riferisca con "i grigi" ma dai sempre più l'idea di essere uno dei fanatici seguaci di paolo attivissimo :-)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Report 10 aprile
            seguaci? fanatici?amenpoi sarei io quello coi pregiudizi... :Dsi chiama metodo scientifico, ne avrai sentito parlare: ipotesi, tesi, dimostrazioneè utile: serve a creare cose, tipo internetbuonanotte, vado a piegare la biancheria ;)
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            altro 'piccolo' dettaglio: mai sentito parlare di AntiTrust?se l'AntiTrust non è in grado di contenere la 'piaga' Facebook è giusto che siano gli utenti più accorti a mettere in guardia il resto dell'utenza, con boicottaggi e informazione.
      • Deus Ex scrive:
        Re: Report 10 aprile
        - Scritto da: Luca Annunziata
        io ti dico: sono d'accordo con te sulla
        "impreparazione" di alcune categorie di
        navigatori
        ma la soluzione non è spaventarli, bensì
        istruirli
        :)Sono perfettamente d'accordo a metà. La soluzione non è spaventarli, ma prima dell'istruzione io metto informazione e responsabilizzazione. L'istruzione poi se tutto va bene viene di conseguenza.
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Report 10 aprile
          giusto, informazionee responsabilizzazione: se non leggete le EULA non è colpa di chi le scrive (non solo)
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Report 10 aprile
            - Scritto da: Luca Annunziata
            giusto, informazione
            e responsabilizzazione: se non leggete le EULA
            non è colpa di chi le scrive (non
            solo)e questo che c'entra?se non mi iscrivo a facebook facebook scheda lo stesso la mia navigazione e viola la mia privacy per fare soldi con la gente del marketing.non ti pare che alla gente andrebbero date queste informazioni?(e soprattutto andrebbero date info per l'autodifesa della privacy dell'utente)Facebook is watching you
  • Nome e cognome scrive:
    Report sostanzialmente corretto
    Nonostante presentasse alcune imprecisioni, il servizio aveva come principale obiettivo quello di mostrare lo strapotere che oggi hanno aziende come facebook o google, nei confronti delle quali anche i governi sono spesso impotenti.
    • gianni nuzzo scrive:
      Re: Report sostanzialmente corretto
      - Scritto da: Nome e cognome
      Nonostante presentasse alcune imprecisioni, il
      servizio aveva come principale obiettivo quello
      di mostrare lo strapotere che oggi hanno aziende
      come facebook o google, nei confronti delle quali
      anche i governi sono spesso
      impotenti.QUOTO totalmente
  • Carmine IACIOFANO scrive:
    ... quindi?
    Gentile Luca,... e quindi, la conclusione dell'articolo sembra essere che l'etica debba essere messa da parte rispetto al profitto e al giudizio del mercato. Mi sembra che questa posizione non tenga conto, o non voglia tenere conto, delle dinamiche della comunicazione e delle posizioni dominanti.Inoltre, da tecnico del settore, come altri che ti leggono e che potranno confermarmi o smentirmi, se lo giustificheranno tecnicamente, affermare che è tecnicamente impossibile monitorare un video prima della sua pubblicazione è un'affermazione che può essere vera solo se non si considera una moderazione e, siccome sappiamo gli enormi costi della moderazione web, allora si preferisce dire che la pubblicazione dei contenuti è libera, dandolo come valore aggiunto invece che come maggior profitto.Ovviamente, per moderazione non intendo censura ma intendo solo la verifica di rispondenza, per quello che si pubblica, rispetto alle leggi vigenti. Così come è scritto in fondo a questo post:"Ho letto e approvato la policy dei commenti. Il post che sto inserendo non contiene offese e volgarità, non è diffamante e non viola le leggi italiane."Un caro saluto,Carmine
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: ... quindi?
      proponi un modo per avere un sistema di pubblicazione e host di video con la stessa velocità e flessibilità di youtube ma con controllo preventivopoi mi dai anche un metodo per gestire in maniera oggettiva e univoca TUTTI i video caricatidove entra il fattore umano, entra la soggettivitàe cosa facciamo se si posta online il video di un omicidio? lo si toglie? e se quel video serve a documentare un eccidio di un tiranno? chi lo decide?
      • came88 scrive:
        Re: ... quindi?
        Chiariamo il punto di vista.Punto di vista LEGALE:Il video di un omicidio se è rilevante giornalisticamente può non essere contrario alle policy e alle leggi, purché magari lo si faccia vedere solo a dei maggiorenni, ma è un caso molto marginale.Che io sappia non esiste nessuna legge che obblighi youtube o altri a offrire un servizio gratuito, semplice e veloce di condivisione di video.Esistono tuttavia altre leggi più generiche che possono limitare l'immediatezza di youtube o il suo business.Non è vero che il mercato si autoregola, sarebbe bello ma non è così, per cui il libero mercato (base del capitalismo) è regolato da molte rigide norme. È una contraddizione forse, ma così funziona.Il fatto che per youtube non sia possibile TECNICAMENTE visionare manualmente ogni vide non è vero, tecnicamente è semplicissimo, forse il problema è PRATICO ed economico: servirebbero molti addetti con un background culturale e legale molto vasto per poter poi operare una giusta decisione sulla pubblicazione di ogni video inviato...Sono d'accordo che le leggi non sono statiche e non sono state concepite per questo, tuttavia neanche la costituzione è stata prevista per essere applicata ad internet, eppure il diritto ad esprimere le proprie opinioni vale anche lì, quindi in assenza di leggi più specifiche si applicano al meglio quelle che abbimamo ora.Se il punto è se dobbiamo modificare le leggi, probabilmente la risposta è si, ma fino ad allora google, facebook, twitter come tutti devono essere giudicati secondo le leggi in vigore. Se per questo si rende necessario oscurare il sito (anche se di principio io sono contro oscurare i siti) allora va fatto.Punto di vista non legale:Sono d'accordo che la rimozione (celere, quindi dovrebbe avere una scadenza) su segnalazione può essere più che sufficiente a coprire gli interessi delle parti lese, fatta salva la responsabilità di chi ha caricato il video; in questo caso la responsabilità di youtube ci sarebbe solo se non intervenisse in modo celere a segnalazione avvenuta.
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: ... quindi?
          youtube lo può vedere DOPO che è andato sulla piattaformase lo rivedesse prima di farlo diventare pubblico, eserciterebbe una funzione editoriale (e non vuole e non deve)se lo rivedesse dopo, il video starebbe almeno X secondi sulla piattaforma, pubblico: e allora siamo punto e a capo, che se qualcuno si fa un dump istantaneo è dovunque senza più controllo
          • came88 scrive:
            Re: ... quindi?
            Non vuole, appunto, ma perché non deve? È una loro scelta, se le leggi attuali permettono che si possa fare una piattaforma di video sharing solo esercitando una funzione editoriale, allora deve esercitare una funzione editoriale, con tutti gli annessi e connessi, oppure non fare una piattaforma di video sharing finché le leggi non cambiano.Poi sono io il primo a dire che la legge è eccessiva...
        • panda rossa scrive:
          Re: ... quindi?
          - Scritto da: came88
          servirebbero
          molti addetti con un background culturale e
          legale molto vasto per poter poi operare una
          giusta decisione sulla pubblicazione di ogni
          video inviato...E chi controlla il controllore?Io ritengo aberrante il delegare a "molti addetti con background culturale e legale molto vasto" il giudizio su cosa si possa e cosa non si possa pubblicare.E quanto tempo hanno a disposizione per decidere?E come fanno a stabilire se quel filmato sia realta' o una fiction?E nel dubbio che fanno? Pro reo o pro censura?Ci sono collegi di alti magistrati che ci mettono un sacco di tempo per decidere se una cosa sia o non sia legale, e tu vorresti demandare ad un addetto che clicca una cosa cosi' difficile come il giudizio?
          • came88 scrive:
            Re: ... quindi?
            No, io sono per la rimozione su segnalazione, attualmente tuttavia questa non è sufficiente secondo le leggi attuali.Il problema che sollevi non è di poco conto, ma per adesso non vedo nessuna soluzione legale al 100% migliore...Se google decide di non stare alle leggi italiane operando però in Italia se ne deve assumere piena responsabilità
          • panda rossa scrive:
            Re: ... quindi?
            - Scritto da: came88
            No, io sono per la rimozione su segnalazione,E che cosa cambia?Tu segnali un messaggio perfettamente lecito ma del quale non condividi il contenuto, magari su uno dei soliti temi spinosi, come politica o religione.Chi riceve la segnalazione deve ancora una volta giudicare.E per non avere rogne, rimuove, di fatto praticando censura.
            attualmente tuttavia questa non è sufficiente
            secondo le leggi
            attuali.
            Il problema che sollevi non è di poco conto, ma
            per adesso non vedo nessuna soluzione legale al
            100% migliore...La soluzione legale al 10O% e' quella di scrivere chiaro e forte: "chi pubblica si assume ogni responsabilita' dei contenuti, il gestore non e' responsabile e non e' tenuto a rimuovere niente se non su mandato della magistratura competente."
            Se google decide di non stare alle leggi italiane
            operando però in Italia se ne deve assumere piena
            responsabilitàInternet non e' geograficamente delimitabile.Si puo' offrire un servizio di indicizzazione di pagine italiane per italiani senza avere il server in italia.
          • came88 scrive:
            Re: ... quindi?
            - Scritto da: panda rossa
            se non su mandato della magistratura
            competente."
            Internet non e' geograficamente delimitabile.E quale sarebbe la magistratura competente allora?
          • panda rossa scrive:
            Re: ... quindi?
            - Scritto da: came88
            - Scritto da: panda rossa

            se non su mandato della magistratura

            competente."


            Internet non e' geograficamente delimitabile.

            E quale sarebbe la magistratura competente allora?Va definita!Cosi come stanno le cose adesso, e' tutta una gara a collocare i server che scottano in aree fuori dalle giurisdizioni infastidite.Invece basterebbe trovare un accordo presso l'ONU per esempio, avendo cura di tenere fuori dalla porta le lobby parassite del copyright, a cui tutti poi si atterranno.
          • Carmine IACIOFANO scrive:
            Re: ... quindi?
            Carissimi,scusate se ritorno sull'argomento ma mi sembra che un punto da recuperare dovrebbe essere quello del controllo. Mi sembra manifesto che in Italia, da molto tempo, abbiamo abbandonato gli strumenti di controllo all'etica individuale, semplicemente innalzando le sanzioni ma non dotando il controllo di una sua struttura.I paesi anglosassoni, dove questa struttura ancora esiste ed è radicata (perché da questo meccanismo passa anche il senso dello stato), le evasioni fiscali sono le più ridotte.Vero è che la giurisprudenza anglosassone ha regole diverse, più basate sulla vita reale e, difatti, proprio da questi paesi noi abbiamo ricevuto internet e manteniamo vivi i concetti della libertà di informazione. E sono anche paesi liberisti!E sono anche paesi in cui trasmissioni come quella di Report, appunto, sono più normali, perché la critica al potere dominante è nelle corde di una democrazia che ha una storia molto più lunga e rodata di quella italiana.Infine, non penso che siamo noi a decidere cosa o come fare per risolvere questioni così articolate, altrimenti, si rischia di rimanere invischiati in quelle discussioni da bar in cui si discute solo per arrivare a dimostrare la propria leadership, ma senza una vera ricerca della correttezza delle enunciazioni. Possiamo, invece, contribuire ad approfondire gli argomenti, affinché si possa evolvere il ragionamento e, ove possibile, anche il comune pensiero.Grazie per la pazienza,Carmine
  • Wait scrive:
    puntata molto interessante
    Ho seguito la puntata con molto interesse, sono stato uno dei primi a conoscere Facebook quando era ancora in inglese sino a cancellarmi FELICEMENTE quasi un anno fa, peccato che la certezza di questa cancellazione non l'avrò mai; ...adesso comunque sono costretto a frequentare amici veri :)Come spero molti di voi, lavoro da quasi trenta anni come sviluppatore di software e so quello che possiamo fare con le macchine; trovo che tutto quello che è stato detto a Report è la semplice verità.Bisognerebbe smetterla di considerare Facebook come un gioco o peggio come indispensabile, bisogna fare capire qual'è il prezzo che si paga anche quando si dice che qualcosa è gratis. A mio parere Report lo ha fatto bene, anzi dovrebbe approfondire ancora e ancora. Dopo che sei consapevole di quello che fai, iscriviti pure.Sarebbe interessante capire perchè una persona abbia bisogno di Facebook per avere dei rapporti con altri esseri umani... che rapporti poi, e cercare di risolvere il problema diversamente, non insegnando alla nonna a postare sulla bacheca, dandole l'illusione di essere in compagnia di qualcuno.Signal()
    • bubba scrive:
      Re: puntata molto interessante
      - Scritto da: Wait
      Ho seguito la puntata con molto interesse, sono
      stato uno dei primi a conoscere Facebook quando
      era ancora in inglese sino a cancellarmi
      FELICEMENTE quasi un anno fa, peccato che labravo :)
      certezza di questa cancellazione non l'avrò mai;
      ...adesso comunque sono costretto a frequentare
      amici veri
      :)lol
      Bisognerebbe smetterla di considerare Facebook
      come un gioco o peggio come indispensabile,
      bisogna fare capire qual'è il prezzo che si paga
      anche quando si dice che qualcosa è gratis. A mio
      parere Report lo ha fatto bene, anzi dovrebbe
      approfondire ancora e ancora. Dopo che sei
      consapevole di quello che fai, iscriviti
      pure.questo lo QUOTO proprio... in effetti ,come dicevo altrove, NON mi pare che Report abbia prodotto questa grande drammatizzazione e 'terrorismo psicologico' verso gli utenti.... TUTTI I GIORNI sentiamo citare facebook dentro al tg, ai programmi di mezza mattina o mezzo pomeriggio, ma MAI (a mia memoria) si e' fatto una trasmissione relativamente lunga (come report) dedicandola alle problematiche "che stanno dietro" facebook & affini, ossia il freemium, la profilazione di massa ecc. Ovviamente su internet se ne parla tutti i giorni, ma non in tv. Come dire, per elogiare (anche di sfuggita) direi ci sono gia sufficienti programmi, per criticare per ora ho visto solo Report..
    • Carlo scrive:
      Re: puntata molto interessante
      - Scritto da: Wait
      Bisognerebbe smetterla di considerare Facebook
      come un gioco o peggio come indispensabile,Ah, su questo ti do ragione al mille per mille. Infatti quando si dice "... google, facebook, ..." si accomunano cose che non hanno nulla in comune, perché google fa una cosa (molto) utile, facebook ne fa una (completamente) inutile. Un po' come second life, qualcuno se ne ricorda ? Per quanto mi riguarda non ho mai aperto un account su second life, né su facebook, né sulla stragrande maggioranza degli altri cosiddetti siti social "di cassetta" (di cui l'unico che secondo me fa una cosa di una qualche utilità è twitter). Forse proprio perché Internet la frequento assiduamente (e la "programmo") da quasi vent'anni, da quando cioè la cosa più social che c'era era usenet, e i post viaggiavano via uucp.
      • bubba scrive:
        Re: puntata molto interessante
        - Scritto da: Carlo
        - Scritto da: Wait
        (..)
        quasi vent'anni, da quando cioè la cosa più
        social che c'era era usenet, e i post viaggiavano
        via
        uucp.ohhh, da quanto tempo non sentivo nominare uucp... il buon vecchio uucico! e uuxqt e uux...
      • sentinel scrive:
        Re: puntata molto interessante
        - Scritto da: Carlo
        - Scritto da: Wait


        Bisognerebbe smetterla di considerare Facebook

        come un gioco o peggio come indispensabile,

        Ah, su questo ti do ragione al mille per mille.
        Infatti quando si dice "... google, facebook,
        ..." si accomunano cose che non hanno nulla in
        comune, perché google fa una cosa (molto) utile,
        facebook ne fa una (completamente) inutile. UnTra l'altro molte delle cose inutili che sifanno su Facebook (tipo chattare...) Google tipermette di farle in maniera PRODUTTIVA (tipola comodissima chat interna a GMail con i colleghidi lavoro)
        po' come second life, qualcuno se ne ricorda ?Si, fu solo una moda passeggera.
        Per quanto mi riguarda non ho mai aperto un
        account su second life, né su facebook, né sulla
        stragrande maggioranza degli altri cosiddetti
        siti social "di cassetta" (di cui l'unico che
        secondo me fa una cosa di una qualche utilità è
        twitter).Bene, anche io considero twitter già più utiledi Facebook, in quanto permette di postare linke notizie utili che siano condivise e visibili a tutto il popolodi Internet, non ai solo "iscritti alla cerchia".
        • gianni nuzzo scrive:
          Re: puntata molto interessante
          - Scritto da: sentinel
          - Scritto da: Carlo

          - Scritto da: Wait




          Bisognerebbe smetterla di considerare Facebook


          come un gioco o peggio come indispensabile,



          Ah, su questo ti do ragione al mille per mille.

          Infatti quando si dice "... google, facebook,

          ..." si accomunano cose che non hanno nulla in

          comune, perché google fa una cosa (molto) utile,

          facebook ne fa una (completamente) inutile. Un

          Tra l'altro molte delle cose inutili che si
          fanno su Facebook (tipo chattare...) Google ti
          permette di farle in maniera PRODUTTIVA (tipo
          la comodissima chat interna a GMail con i colleghi
          di lavoro)


          po' come second life, qualcuno se ne ricorda ?

          Si, fu solo una moda passeggera.


          Per quanto mi riguarda non ho mai aperto un

          account su second life, né su facebook, né sulla

          stragrande maggioranza degli altri cosiddetti

          siti social "di cassetta" (di cui l'unico che

          secondo me fa una cosa di una qualche utilità è

          twitter).

          Bene, anche io considero twitter già più utile
          di Facebook, in quanto permette di postare link
          e notizie utili che siano condivise e visibili a
          tutto il
          popolo
          di Internet, non ai solo "iscritti alla cerchia".quoto, tranne la parte su google.se vuoi chattare c'è IRC :)facebook e google non servono, anzi sono *DANNOSI*
    • gianni nuzzo scrive:
      Re: puntata molto interessante
      - Scritto da: Wait
      Ho seguito la puntata con molto interesse, sono
      stato uno dei primi a conoscere Facebook quando
      era ancora in inglese sino a cancellarmi
      FELICEMENTE quasi un anno fa, peccato che la
      certezza di questa cancellazione non l'avrò mai;
      ...adesso comunque sono costretto a frequentare
      amici veri
      :)
      Come spero molti di voi, lavoro da quasi trenta
      anni come sviluppatore di software e so quello
      che possiamo fare con le macchine; trovo che
      tutto quello che è stato detto a Report è la
      semplice
      verità.
      Bisognerebbe smetterla di considerare Facebook
      come un gioco o peggio come indispensabile,
      bisogna fare capire qual'è il prezzo che si paga
      anche quando si dice che qualcosa è gratis. A mio
      parere Report lo ha fatto bene, anzi dovrebbe
      approfondire ancora e ancora. Dopo che sei
      consapevole di quello che fai, iscriviti
      pure.
      Sarebbe interessante capire perchè una persona
      abbia bisogno di Facebook per avere dei rapporti
      con altri esseri umani... che rapporti poi, e
      cercare di risolvere il problema diversamente,
      non insegnando alla nonna a postare sulla
      bacheca, dandole l'illusione di essere in
      compagnia di
      qualcuno.

      Signal()quoto, con riserva: Internet *NON* è il male.Facebook *E'* il maleinoltre l'autore dell'articolo mi pare finisca con confondere facebook con internet.facebook è un sito e fa parte di internet (FB è la parte marcia di internet, la parte tanto amica della NSA )facebook != internetLunga vita a Internet!Morte a Facebook!
  • fabio scrive:
    e la casalinga di voghera?
    Ciao,leggo con sempre maggior stupore da ieri la valanga di commenti che girano in rete sulla puntata di Report.Una cosa non mi è chiara se come dici il problema è navigare in modo consapevole allora credo che Report abbia colto nel segno, infatti il messaggio che ho interpretato io era:ok, navigate ma state attenti!!!Quest'approccio mi sembra ssolutamente corretto proprio in considerazione del media utilizzato da Report.Infatti, la TV è vista da chi capisce di PC e chi non ne capisce nulla (vedi la signora che spiegava come avesse subito danni dall'aver cliccato distrattamente un link in una mail di phishing).Il problema come lo vedo io è che gli utonti dovrebbero essere giustamente terrorizzati nel navigare visto che la maggior parte della volta non sono consapevoli di ciò che fanno e giustamente Google e/o Facebook possono difendersi se sono gli utenti a sbagliare.Allora prendersela con Report mi sembra francamente sbagliato
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: e la casalinga di voghera?
      dov'era la parte in cui si esaltava la partecipazione, la trasparenza, la comunicazione? c'era forse un'intervista via skype all'inizioa me è sembrato tutto vagamente luddista... non è mai internet il problema, sono gli uomini il problema
      • Nome e cognome scrive:
        Re: e la casalinga di voghera?
        Non mi risulta che report se la sia presa con internet in quanto tale, ma con quelle multinazionali che stanno monopolizzando la vita in rete
        • lellykelly scrive:
          Re: e la casalinga di voghera?
          un po' si è percepito questo atteggiamento da "vecchi", in effetti una parte sugli aspetti positivi (perchè di cose buone su internet ci sono) andava fatta, probabilmente o non c'era lo spazio o non ci sono ancora arrivati. è ovvio che report fa di tutto ma un qualcosa di più equilibrato potevano farlo impostando diversamente la puntata oppure farne due con le cose cattive e quelle buone. bo.IMHO
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: e la casalinga di voghera?
            - Scritto da: lellykelly
            un po' si è percepito questo atteggiamento da
            "vecchi", in effetti una parte sugli aspetti
            positivi (perchè di cose buone su internet ci
            sono) andava fatta, probabilmente o non c'era lo
            spazio o non ci sono ancora arrivati. è ovvio che
            report fa di tutto ma un qualcosa di più
            equilibrato potevano farlo impostando
            diversamente la puntata oppure farne due con le
            cose cattive e quelle buone.
            bo.
            IMHOInternet: Non è un paese per vecchi :DA parte le facezie, secondo me meglio parlarne dei pericoli del web in tv, dove si può arrivare ad un pubblico generalista (quanti di coloro che hanno seguito la puntata di Report seguono anche PI?), piuttosto che lasciare la massa priva del pur minimo concetto di sicurezza, privacy e simili sul web!
        • Ex Utonto Televisivo scrive:
          Re: e la casalinga di voghera?
          Monopolizzare se non sbaglio vuol dire che non ci sono alternative. Non mi sembra che tutti i datacenter e tutta la rete in fibra siano in mano a facebook e soci. La scelta c'è eccome, se poi uno si accontenta di raccontare la propria giornata su facebook fatti suoi.
      • mah scrive:
        Re: e la casalinga di voghera?
        il problema non è mai la pistola, ma la persona che ne la usa ...... o che magari non venga anche in mente che non producendole, sarebbe difficile usarle male? :)un po' semplicistico buttarla tutta sugli utenti
        • longinous scrive:
          Re: e la casalinga di voghera?
          Peccato che SIA tutta sugli utenti.Inutile nascondersi dietro un dito, se uno è un XXXXXXXXX che non sa cosa sta facendo la responsabilità e la colpa sono sue.Punto.Fine del discorso.Tutto il resto è pappetta predigerita per tenie che non vogliono prendersi responsabilità alcuna.Troppo comodo.
      • Haran scrive:
        Re: e la casalinga di voghera?
        - Scritto da: Luca Annunziata
        dov'era la parte in cui si esaltava la
        partecipazione, la trasparenza, la comunicazione?
        c'era forse un'intervista via skype
        all'inizio

        a me è sembrato tutto vagamente luddista... non è
        mai internet il problema, sono gli uomini il
        problemaE' FACEBOOK IL PROBLEMA E QUELLI CHE LO DIFENDONO COME TE...
      • sentinel scrive:
        Re: e la casalinga di voghera?
        - Scritto da: Luca Annunziata

        a me è sembrato tutto vagamente luddista... non è
        mai internet il problema, sono gli uomini il
        problemaMa sono gli uomini che manipolano i fili che tengonoin piedi molti meccanismi di Internet (con la I maiuscola...)
    • JosaFat scrive:
      Re: e la casalinga di voghera?
      Personalmente sono d'accordo con Annunziata. Sono stato molto contento quando ho sentito che Report faceva una puntata su Google e Facebook, perché ritengo che sia una buona trasmissione e potesse parlare di temi interessanti ad un pubblico spesso poco alfabetizzato.Ma come ha detto correttamente Annunziata, non si può far di meglio, che volgere tutta la trasmissione al negativo? Mettendo assieme malware, rischi per la privacy, giochi a pagamento (mamma, li turchi!) e sottrazione dei video su youtube, facendone un faldone unico e cercando di mostrare come tutto questo sia colpa dei cattivoni di Internet.Una trasmissione seria deve fare informazione seria, a dir XXXXXte ci pensano già i TG Mediaset e le trasmissioni di finto approfondimento giornalistico.Il colmo è stata l'intervista al videotechino che diceva che i pirati fanno il gioco delle grandi corporazioni che puntano a distribuire film via streaming; per tacere delle stupidate riguardo al caso Vividown: qui non hanno lesinato l'intervista al tipo di Vividown, ma non hanno chiesto invece nulla al riguardo a Google o a l'avvocato che ha parlato invece di questioni di copyright (quello che scrive anche qui su PI, non mi ricordo il nome).E' vero che ci sono stati punti positivi, come l'intervista a Bottoni e a Calamari, ma si poteva e doveva far di più. Se punti a informare i disinformati devi rendere chiaro il messaggio che dai, non fare mischioni come hanno fatto.
  • ZioTibia scrive:
    Quanti integralisti
    Quanti integralisti del web. La puntata non era per voi di Punto Informatico ma per quei poveri cristi che non sanno più o meno nulla della vita su internet e si affacciano su un pc solo per aggiornare i propri stupidi profili sui social network
  • fiertel91 scrive:
    Complimenti
    L'articolo è l'esatta espressione della mia opinione. Mi dispiace per il servizio di ieri, da Report mi aspettavo più equilibrio e puntualità, come ci ha abituato.
  • Mauro Ozenda scrive:
    Errato approccio Report
    Concordo su tutto Luca, ottimo articolo hai centrato perfettamente il problema legato all'errato approccio di Report ieri sera ! :)
  • Fede scrive:
    Articolo da blog
    mah faccio un po' l'avvocato del diavolo e anche abbastanza male perche' non ho potuto vedere l'intera puntata causa DVB-T che funziona in base alla potenza delle tempeste solari.Onestamente leggendo l'articolo ho avuto l'impressione che sia un opinione/critica da blog e non un articolo di giornale.Fin dove sono riuscito a seguire, la puntata mi e' parsa tuttosommato ben presentata considerando che il pubblico a cui si rivolgeva non era di esperti.A me sembra che Luca non tenga conto del target a cui e' rivolta la trasmissione. Le cose che chi ha un minimo di cultura informatica da' per scontate non sono certamente tali per la maggior parte della gente che di informatica non sa quasi nulla, ed e' ovvio porre l'accento sulle cose che il grande pubblico puo' capire e sui cui si puo' fare della sensibilizzazione. Ovviamente avendo a disposizione 1h circa devi semplificare da qualche parte.Mi riguardero' la puntata su rai.tv ma ripeto: almeno fino a dove ho visto, a mio avviso, la puntata non era cosi' ufo. Mi pare molto spropositata e un po' senza fondamento la critica.
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Articolo da blog
      è un commento, non un articoloma, detto questo, se ti rivolgi ai profani perché far sembrare tutto rischioso?non sarebbe meglio incuriosire invece di spaventare? :)
      • bubba scrive:
        Re: Articolo da blog
        - Scritto da: Luca Annunziata
        è un commento, non un articolo

        ma, detto questo, se ti rivolgi ai profani perché
        far sembrare tutto
        rischioso?
        non sarebbe meglio incuriosire invece di
        spaventare?
        :)ma perche era l'intento del servizio quello di guardare "dietro lo specchio" di servizi apparentemente gratuiti usati ,con noncuranza, da TANTI milioni di italiani... perche funzionano/perche incassano/cosa incassano ...quali criticita' ci sono... Bisogna tener conto che noi che stiamo h24 su internet (e su punto informatico ;) le conosciamo BENE (e quindi ci suonano banalizzate)... ma la casalinga di voghera NO..Poi 2 elementi positivi ,che non sono a caccia di profilazione e abitudini per rivenderli, li hanno citati : wikipedia (ciao frieda!) e liberliber
      • Mela avvelenata scrive:
        Re: Articolo da blog
        - Scritto da: Luca Annunziata
        è un commento, non un articolo

        ma, detto questo, se ti rivolgi ai profani perché
        far sembrare tutto
        rischioso?
        non sarebbe meglio incuriosire invece di
        spaventare?
        :)Mettere in guardia, no?
      • vgaber scrive:
        Re: Articolo da blog
        - Scritto da: Luca Annunziata
        è un commento, non un articolo

        ma, detto questo, se ti rivolgi ai profani perché
        far sembrare tutto
        rischioso?
        non sarebbe meglio incuriosire invece di
        spaventare?
        :)Molto "demoscristiano": lanciare il sasso e nascondere la mano. senza dire qualcosa di vero, ma poco popolaare e che possa infilarti in un mare di guai. Ottimo giornalismo quello che proponi. Sei per caso parente di Vespa?
    • cianoz scrive:
      Re: Articolo da blog
      Io invece dico bell'articolo (o commento...) Luca, direi che riassume bene bene quello che la maggior parte di noi "internettiani" di lunga data bene o male interpreta. Mi sento di condividere in pieno gran parte delle osservazioni. E' proprio per il target, quello di una trasmissione televisiva comunque generalista, che condivido quanto detto da Luca: perché spiegare Internet a chi non la conosce (bene) descrivendola come un covo di pericoli e manipolatori e basta? Noi sappiamo benissimo che non è così, quindi una trasmissione televisiva non si dovrebbe permettere di usare toni così personali per descrivere quello che nemmeno i suoi autori probabilmente conosce.
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Articolo da blog
        dico per dire: noi, molti di noi, fanno parte di un ecosistema economico che è legato a internetse si sgonfia, per ragioni esogene, andiamo in mezzo a una stradama tutto fa pensare che debba invece andare avanti, crescere: perché spaventare così? ci sono dei vantaggi e degli svantaggi in tutte le imprese, economiche e umane, ma non vale la pena non affrontarle per il timore che possa accadere qualcosa...
        • lellykelly scrive:
          Re: Articolo da blog
          anche io mangio dal web, ma aprofittare della stupidità altrui non mi piace. quindi, per me, il servizio di report, fatto bene o no, può dare uno stimolo per prendere coscenza del mondo in cui si vive.IMHO
        • sentinel scrive:
          Re: Articolo da blog
          - Scritto da: Luca Annunziata
          dico per dire: noi, molti di noi, fanno parte di
          un ecosistema economico che è legato a
          internetMa molti no e non hanno necessità di farne parte.
          se si sgonfia, per ragioni esogene, andiamo in
          mezzo a una
          stradatranquillo, non si sgonfierà.
          ma tutto fa pensare che debba invece andare
          avanti, crescere: perché spaventare così? ci sono
          dei vantaggi e degli svantaggi in tutte le
          imprese, economiche e umane, ma non vale la pena
          non affrontarle per il timore che possa accadere
          qualcosa...Ma infatti qui di questo stiamo discutendo:informare quanta più gente possibile sui vantaggie sugli svantaggi derivati dall'uso dei social network & C.
    • Jimmy scrive:
      Re: Articolo da blog
      Concordo, personalmente l'unica cosa che si evince è che L'Annunziata e questo sito hanno interessi convergenti con le famose multinazionali...
  • M S scrive:
    Non esageriamo...
    Mah, non stiamo esagerando con le critiche? La trasmissione ha detto le cose come stanno senza accusare nessuno di nulla, ma ponendosi interrogativi su cosa ci viene preso in cambio di certi servizi e sul danno che potrebbe essere fatto abusando d. Non sono si questo "pagamento". Non sono stati colpevolizzati nè google nè facebook, davvero non credo di aver visto nulla di tanto terribile da far meritare una critica tale. O.o
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Non esageriamo...
      è stato il mischiare spam, phishing, privacy... parrebbe che la Rete sia tutto un pericolo...
      • Analfabeta scrive:
        Re: Non esageriamo...
        - Scritto da: Luca Annunziata
        parrebbe che la Rete sia tutto un pericolo...E perché non è così?Non sai che bisogna procurarsi antivurus, antispyware, firewall, ecc. e neanche tutto ciò ci fa stare del tutto sicuri?La puntata ha descritto la realtà dei fatti, semmai l'unica pecca è che avrebbe dovuto colpevolizzare di più l'incoscienza degli utonti invece di prendersela soltanto con le aziende, che invece informano tramite le condizioni contrattuali, lette da nessuno.
        • lellykelly scrive:
          Re: Non esageriamo...
          esatto, terrorizzare i biNbi affinchè usino diverse password e diverse email per vari siti, e non la stessa per la banca, i XXXXX ecc, è cosa buona.e provate con i vostri amici su fb, trovate l'email e la data di nascita, dentro un account email ci entrate di sicuro...
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: lellykelly
            esatto, terrorizzare i biNbi affinchè usino
            diverse password e diverse email per vari siti, e
            non la stessa per la banca, i XXXXX ecc, è cosa
            buona.
            e provate con i vostri amici su fb, trovate
            l'email e la data di nascita, dentro un account
            email ci entrate di
            sicuro...Ma anche terrorizzare i genitori dei bimbini...Anche perchè se non gli metti un pò di paura, questi non imparano mai!
          • iii scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: lellykelly
            e provate con i vostri amici su fb, trovate
            l'email e la data di nascita, dentro un account
            email ci entrate di
            sicuro...Ogni tanto ho pensato di fare una prova, specialmente con i miei amici più sprovveduti, però ha prevalso il mio lato corretto
        • Angelo scrive:
          Re: Non esageriamo...
          concordo- Scritto da: Analfabeta
          E perché non è così?
          Non sai che bisogna procurarsi antivurus,
          antispyware, firewall, ecc. e neanche tutto ciò
          ci fa stare del tutto
          sicuri?

          La puntata ha descritto la realtà dei fatti,
          semmai l'unica pecca è che avrebbe dovuto
          colpevolizzare di più l'incoscienza degli utonti
          invece di prendersela soltanto con le aziende,
          che invece informano tramite le condizioni
          contrattuali, lette da
          nessuno.
      • lellykelly scrive:
        Re: Non esageriamo...
        volendo lo è.ok sulle critiche ma io ho percepito molto il fatto che la gente accede ad ogni cosa senza leggere le policy dei vari social network e affini. in sostanza si mettono dati personali senza essere consapevoli di poi cosa ne fanno gli altri. il servizio ha stabilito chi sono i cattivi, ma ha anche stabilito chi siano gli stupidi.quindi, sempre secondo me, questo gridare "al lupo al lupo" (anche in maniera un po' ignorante) può aiutare a farsi delle domande prima di spargere la propria email e altri dati.IMHO
        • Alfio Muschio scrive:
          Re: Non esageriamo...
          - Scritto da: lellykelly
          volendo lo è.
          ok sulle critiche ma io ho percepito molto il
          fatto che la gente accede ad ogni cosa senza
          leggere le policy dei vari social network e
          affini. in sostanza si mettono dati personali
          senza essere consapevoli di poi cosa ne fanno gli
          altri. il servizio ha stabilito chi sono i
          cattivi, ma ha anche stabilito chi siano gli
          stupidi.Infatti, ad esempio quello a cui avevano fregato l'account Gmail, ha dovuto poi dire per quale motivo era accaduto (ma io l'avevo già intuito): password debole.
          quindi, sempre secondo me, questo gridare "al
          lupo al lupo" (anche in maniera un po' ignorante)
          può aiutare a farsi delle domande prima di
          spargere la propria email e altri
          dati.
          IMHOCome c'è gente che deve sbatterci il naso, prima di capire che i muri sono duretti, così ci sono persone che per capire l'importanza delle proprie cose, prima deve perderle.
          • iii scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: Alfio Muschio
            Infatti, ad esempio quello a cui avevano fregato
            l'account Gmail, ha dovuto poi dire per quale
            motivo era accaduto (ma io l'avevo già intuito):
            password
            debole.Oppure l'ha scritta su qualche sito che gli prometteva chissà-che-cosa: qualche tempo fa c'erano siti che chiedevano le credenziali di acXXXXX a MSN "per scoprire se i tuoi amici ti bloccano" o per qualche altra scusa
          • Gasogen scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: iii
            Oppure l'ha scritta su qualche sito che gli
            prometteva chissà-che-cosa: qualche tempo fa
            c'erano siti che chiedevano le credenziali di
            acXXXXX a MSN "per scoprire se i tuoi amici ti
            bloccano" o per qualche altra
            scusaOggi è Facebook che te le chiede per trovare altri amici
        • reXistenZ scrive:
          Re: Non esageriamo...

          ok sulle critiche ma io ho percepito molto il
          fatto che la gente accede ad ogni cosa senza
          leggere le policy dei vari social network e
          affini. in sostanza si mettono dati personali
          senza essere consapevoli di poi cosa ne fanno gli
          altri. il servizio ha stabilito chi sono i
          cattivi, ma ha anche stabilito chi siano gli
          stupidi.
          quindi, sempre secondo me, questo gridare "al
          lupo al lupo" (anche in maniera un po' ignorante)
          può aiutare a farsi delle domande prima di
          spargere la propria email e altri
          dati.
          IMHOQuesta è solo una parte del problema. L'altra, ineliminabile, è che se anche leggi le policy, o mangi la minestra o salti la finestra. Metti putacaso di non essere d'accordo con la policy di Facebook. Che fai, non ti iscrivi o minacci di parlarne male se non cambiano le regole?
      • Haran scrive:
        Re: Non esageriamo...
        SEI PAGATO DA GOOGLE E FACEBOOK...PAGATO PAGATYO PAGATO PAGATO PAGATO
    • lol copter scrive:
      Re: Non esageriamo...
      non ho visto report, ma leggendo questo articolo ho avuto le stesse impressioni...internet è un fenomeno sociale, e come tale va studiato, così come si studiano gli effetti della tv o di qualsiasi altra cosa...troppo facile semplificare il problema dicendo "beh, è colpa degli utenti che non mettono privato il video", non significa forse dire che c'è un problema e sbattersene, perchè tanto è colpa degli utenti?se il mondo va a puttane sono libero di lamentarmi, a prescindere se è colpa di uno o di tutti
      • francone scrive:
        Re: Non esageriamo...
        io direi che attribuire alla inadeguatezza degli utenti i pericoli è vero quanto è vero che se una donna viene stuprata è anche colpa della minigonna che indossa.
        • Punto scrive:
          Re: Non esageriamo...
          - Scritto da: francone
          io direi che attribuire alla inadeguatezza degli
          utenti i pericoli è vero quanto è vero che se una
          donna viene stuprata è anche colpa della
          minigonna che indossa. E questa XXXXXXXta l'hai partorita da solo o te l'hanno suggerita?Quindi secondo il tuo ragionamento se una donna viene stuprata la colpa non è dei maschi che ragionano come uomini delle caverne e che considerano le donne come oggetti di cui disporre a proprio piacimento, ma di come lei si veste, complimenti questo chiarisce perfettamente il tuo quoziente intellettivo.
          • sentinel scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: Punto
            - Scritto da: francone

            io direi che attribuire alla inadeguatezza degli

            utenti i pericoli è vero quanto è vero che
            se
            una

            donna viene stuprata è anche colpa della

            minigonna che indossa.

            E questa XXXXXXXta l'hai partorita da solo o te
            l'hanno
            suggerita?No, si trova bellamente su Facebook:http://www.facebook.com/note.php?note_id=128758553859137
            Quindi secondo il tuo ragionamento se una donna
            viene stuprata la colpa non è dei maschi che
            ragionano come uomini delle caverne e che
            considerano le donne come oggetti di cui disporre
            a proprio piacimento, ma di come lei si veste,
            complimenti questo chiarisce perfettamente il tuo
            quoziente
            intellettivo.Vedi il link sopra.
          • Punto scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: sentinel
            - Scritto da: Punto

            - Scritto da: francone


            io direi che attribuire alla inadeguatezza
            degli


            utenti i pericoli è vero quanto è vero che

            se

            una


            donna viene stuprata è anche colpa della


            minigonna che indossa.



            E questa XXXXXXXta l'hai partorita da solo o te

            l'hanno

            suggerita?

            No, si trova bellamente su Facebook:

            http://www.facebook.com/note.php?note_id=128758553Quindi te l'hanno suggerita

            Quindi secondo il tuo ragionamento se una donna

            viene stuprata la colpa non è dei maschi che

            ragionano come uomini delle caverne e che

            considerano le donne come oggetti di cui
            disporre

            a proprio piacimento, ma di come lei si veste,

            complimenti questo chiarisce perfettamente il

            tuo quoziente intellettivo.

            Vedi il link sopra.E quindi?Questo cosa centra con quello che hai scritto?Tu hai fato un affermazione stupida il postare link di altre affermazioni stupide non è che rendono la tua intelligente.
          • sentinel scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: Punto
            - Scritto da: sentinel

            - Scritto da: Punto


            - Scritto da: francone



            io direi che attribuire alla inadeguatezza

            degli



            utenti i pericoli è vero quanto è vero
            che


            se


            una



            donna viene stuprata è anche colpa della



            minigonna che indossa.





            E questa XXXXXXXta l'hai partorita da solo o
            te


            l'hanno


            suggerita?



            No, si trova bellamente su Facebook:




            http://www.facebook.com/note.php?note_id=128758553

            Quindi te l'hanno suggeritaSi, me l'ha suggerita Woody Allen...


            Quindi secondo il tuo ragionamento se una
            donna


            viene stuprata la colpa non è dei maschi che


            ragionano come uomini delle caverne e che


            considerano le donne come oggetti di cui

            disporre


            a proprio piacimento, ma di come lei si veste,


            complimenti questo chiarisce perfettamente il


            tuo quoziente intellettivo.



            Vedi il link sopra.

            E quindi?
            Questo cosa centra con quello che hai scritto?
            Tu hai fato un affermazione stupida il postare
            link di altre affermazioni stupide non è che
            rendono la tua
            intelligente.Perché, era più intelligente la proposta portataanni fa all'Opinione Pubblica da una causa giudiziariain cui si riconosceva non colpevole l'uomo che avrebbestuprato una donna che indossava i jeans?
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: Punto
            - Scritto da: francone

            io direi che attribuire alla inadeguatezza degli

            utenti i pericoli è vero <b
            quanto è vero che
            se
            una

            donna viene stuprata è anche colpa della

            minigonna che indossa. </b


            E questa XXXXXXXta l'hai partorita da solo o te
            l'hanno
            suggerita?
            Quindi secondo il tuo ragionamento se una donna
            viene stuprata la colpa non è dei maschi che
            ragionano come uomini delle caverne e che
            considerano le donne come oggetti di cui disporre
            a proprio piacimento, ma di come lei si veste,
            complimenti questo chiarisce perfettamente il tuo
            quoziente
            intellettivo.impara a leggere prima di ribattere
        • Shu scrive:
          Re: Non esageriamo...
          - Scritto da: francone
          io direi che attribuire alla inadeguatezza degli
          utenti i pericoli è vero quanto è vero che se una
          donna viene stuprata è anche colpa della
          minigonna che
          indossa.Ti hanno già fatto notare la XXXXXXXta (senza censure) che hai scritto.Io lo confronterei piuttosto al camminare in mezzo alla strada fregandosene delle macchine che passano, o all'andare in barca senza saper nuotare e senza salvagente.Se ci rimani secco è per colpa tua.Solo che alcune cose le riteniamo già stupide (e quelli che le fanno li mettevamo in manicomio), mentre altre "la massa" non le ritiene ancora stupide.Bye.
          • gianni nuzzo scrive:
            Re: Non esageriamo...
            - Scritto da: Shu
            - Scritto da: francone


            io direi che attribuire alla inadeguatezza degli

            utenti i pericoli è vero quanto è vero che se
            una

            donna viene stuprata è anche colpa della

            minigonna che

            indossa.

            Ti hanno già fatto notare la XXXXXXXta (senza
            censure) che hai
            scritto.

            Io lo confronterei piuttosto al camminare in
            mezzo alla strada fregandosene delle macchine che
            passano, o all'andare in barca senza saper
            nuotare e senza
            salvagente.

            Se ci rimani secco è per colpa tua.

            Solo che alcune cose le riteniamo già stupide (e
            quelli che le fanno li mettevamo in manicomio),
            mentre altre "la massa" non le ritiene ancora
            stupide.

            Bye.ecco l'altro tizio che non sa leggere.se leggi bene, il senso del suo post è che: così come la storia della donna stupriata per colpa sua è una XXXXXXX, è una XXXXXXX anche pensare che sia colpa dell'utente, ad esempio, se facebook lo scheda.a tutti gli effetti Facebook ti scheda anche se non ti iscrivi (mai sentito parlare di cookies di facebook ottenuti da siti terzi)
  • ocram scrive:
    Quando Internet fa paura
    Non voglio amplificare il coro di critiche a Report, anche perché c'è chi eccede, quasi si trattasse di una guerra TV contro Internet.Ma è vero che forse oggi, più che avvertire il pubblico dei pericoli, c'è bisogno di fornirgli strumenti (per lo più culturali) per difendersi.Del resto, calcare la mano sui rischi cosa presuppone; che si deve rinunciare a Internet? Ma noi rinunciamo ai mezzi di trasporto perché c'è chi attraversa la strada senza guardare?Ecco, c'è gente (milioni di persone) che usa la stessa password per tutti i siti. Naviga usando Windows senza firewall e antivirus. Non distingue un banner da un bottone del sistema operativo.Questi vanno avvertiti, e la TV generalista può essere un buon canale, visto che di solito chi usa Internet in modo così ingenuo, non si sofferma a leggere riviste online, forum e manuali.Ciao.
    • ZX Spectrum scrive:
      Re: Quando Internet fa paura
      A proposito di usare la stessa password per tutti i siti, l'impiegata della mia banca mi aveva consigliato la stessa cosa, perchè sennò "password diverse si dimenticano"..
      • sentinel scrive:
        Re: Quando Internet fa paura
        - Scritto da: ZX Spectrum
        A proposito di usare la stessa password per tutti
        i siti, l'impiegata della mia banca mi aveva
        consigliato la stessa cosa, perchè sennò
        "password diverse si
        dimenticano"..Ora devi condividere il nome di quella bancaper evitare che altre persone affidino i lororisparmi ad impiegati di quella risma...
      • panda rossa scrive:
        Re: Quando Internet fa paura
        - Scritto da: ZX Spectrum
        A proposito di usare la stessa password per tutti
        i siti, l'impiegata della mia banca mi aveva
        consigliato la stessa cosa, perchè sennò
        "password diverse si
        dimenticano"..Non ti e' venuto da chiederle se in casa sua si e' fatta mettere serrature tutte uguali in modo che possa aprire tutto con la stessa chiave, che con chiavi diverse uno perde tempo a cercare la chiave giusta nel mazzo?
        • Zoom scrive:
          Re: Quando Internet fa paura
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: ZX Spectrum

          A proposito di usare la stessa password per
          tutti

          i siti, l'impiegata della mia banca mi aveva

          consigliato la stessa cosa, perchè sennò

          "password diverse si

          dimenticano"..

          Non ti e' venuto da chiederle se in casa sua si
          e' fatta mettere serrature tutte uguali in modo
          che possa aprire tutto con la stessa chiave, che
          con chiavi diverse uno perde tempo a cercare la
          chiave giusta nel
          mazzo?Beato tu che vivi in una casa con 100 porte.
  • nchiar scrive:
    Parere su report
    Felice di vedere che al solito report è pattume. Tutte le volte in cui hanno parlato di qualcosa di cui avessi conoscenza ho sentito solo cose inesatte o descritte in modo tendenzioso con buona pace di chi la ritiene un ottima trasmissione d'informazione.è chiaro che se parlano di nucleare non posso capire che la qualità dell informazione è pessima.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Parere su report
      Quoto tutto.
      • GGG scrive:
        Re: Parere su report
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Quoto tutto.+1-- GGG
        • MacBoy scrive:
          Re: Parere su report
          - Scritto da: GGG
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Quoto tutto.

          +1+2
          • reXistenZ scrive:
            Re: Parere su report
            +3viva Barnard, abbasso la Gabanelli.
          • Pindy scrive:
            Re: Parere su report
            Definire Report Pattume e' veramente ideologico e opportunistico.Parlare dei social network approfondendo i vantaggi e gli svantaggi di starci dentro e' giornalismo.Questo e' il metodo che viene utilizzato da Report nei servizi che propone.Grande Milena avanti cosi !
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            mi citi il passaggio dove parlavano dei vantaggi?
          • PGStargazer scrive:
            Re: Parere su report
            Mi pare sottintesoconoscere persone o socializzare, condividere ma anche fare affari se è un contatto di una ditta un negozio ecctwitter mica lo usano i ricercatori per casoCerto mi fa un po' sorridere te ne parla uno che sui social network non esiste :p
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            non è sottinteso, imho
          • sentinel scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            non è sottinteso, imhoGià vero, non è sottinteso neanche uno deivantaggi principali di Facebook sfruttatodal 95% degli utenti maschi: andare a caccia di tipe...
          • Zoom scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: sentinel
            - Scritto da: Luca Annunziata

            non è sottinteso, imho

            Già vero, non è sottinteso neanche uno dei
            vantaggi principali di Facebook sfruttato
            dal 95% degli utenti maschi: andare a caccia di
            tipe...Il 95% degli utenti maschi non è composto da te.
          • sentinel scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Zoom
            - Scritto da: sentinel

            - Scritto da: Luca Annunziata


            non è sottinteso, imho



            Già vero, non è sottinteso neanche uno dei

            vantaggi principali di Facebook sfruttato

            dal 95% degli utenti maschi: andare a caccia di

            tipe...

            Il 95% degli utenti maschi non è composto da te.Sarebbe troppo bello in effetti.
          • nchiar scrive:
            Re: Parere su report
            è sottointeso per te che conosci il mezzo esattamente come per te sono sottointesi i rischi all'uso scorretto di questi mezzi. Per una persona che non conosce facebook o yuotube(cioè tutti quelli che non erano in grado di capire che il servizio non era per niente oggettivo)non era per niente scontato. Ecco perchè era Fuffa. Se "parli" con persone che non conoscono il mezzo devi spiegarlo nella sua interezza e non demonizzarlo.
    • max scrive:
      Re: Parere su report
      - Scritto da: nchiar
      Felice di vedere che al solito report è pattume.
      Tutte le volte in cui hanno parlato di qualcosa
      di cui avessi conoscenza ho sentito solo cose
      inesatte o descritte in modo tendenzioso con
      buona pace di chi la ritiene un ottima
      trasmissione d'informazione.è chiaro che se
      parlano di nucleare non posso capire che la
      qualità dell informazione è
      pessima.non mi pare il caso di generalizzare neanche parlando di report.io ricordo che la gabanelli è l'unica che sia riuscita a fare stare zitto quel saputello di tremonti (che poi l'ha anche denunciata)...reporto è una trasmissione "critica", quindi direi per partito preso tendenziosa... se non ti piacr non guardarla, ma ci ha "azzeccato" diverse volte. ci "azzecca" ogni volta che vedi il potente di turno sudare freddo... e succede a report, non sempre, nemmeno spessissimo, ma succede.per quanto riguarda il nucleare (quello diffuso oggi e del prossimo futuro) non è solo report ad essere critico... anche un certo Carlo Rubbia, che forse sull'argomento ne sa qualcosina più di me, di te e di report
      • zobia scrive:
        Re: Parere su report
        d'accordo con max. cerchiamo di non fare come oramai da oltre 15 anni ci hanno abituato i politici, e cioè a schierarci o PRO o CONTRO evitando la discussione (una volta si chiamava dibattito). report poteva fare meglio, lo credo anch'io, ma almeno ha fatto qualcosa. personalmente credo avrebbero potuto fare meglio, perché in alcune fasi hanno fatto un po' di confusione, però a mio parere resta l'unico programma di giornalismo delle reti pubbliche (si chiamano ancora così?).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 aprile 2011 19.19-----------------------------------------------------------
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Parere su report
          domanda: pensi che il mio sia "contro"?nel caso non sono stato chiaro... e mi spiacenon è contro: è, piuttosto, ma non si poteva fare diversamente?
          • zobia scrive:
            Re: Parere su report
            no, non intendevo dire questo. la mia era una considerazione di carattere generale.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            ok :)
          • max scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            domanda: pensi che il mio sia "contro"?
            nel caso non sono stato chiaro... e mi spiace
            non è contro: è, piuttosto, ma non si poteva fare
            diversamente?penso che rispondesse a nchiar, e non che dicesse a te.sì, si poteva fare diversamente... però report spaventa sempre molto meno della vostra "cassandra". spero non vorrai negarlo ;-)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            il target e il pubblico sono diversi, no? :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 aprile 2011 19.40-----------------------------------------------------------
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            domanda: pensi che il mio sia "contro"?
            nel caso non sono stato chiaro... e mi spiace
            non è contro: è, piuttosto, ma non si poteva fare
            diversamente?Sì. Ma anche no. Per la prossima volta offritevi come consulenti voi di PI.Penso che la gente apprezzerebbe (?)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            non posso imporre il mio parere su altri, lo posso esprimere nei luoghi dove mi è conXXXXXanche Report ha fatto lo stesso, e io esercito il mio "diritto di critica" :)
          • AMEN scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            anche Report ha fatto lo stesso, e io esercito il
            mio "diritto di critica"
            :)Forse me lo sono perso io (correggimi se sbaglio), ma non ho mai visto un tuo intero articolo dedicato a come viene dipinta internet da Studio Aperto (per fare un nome a caso).
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            c'è una bella differenza, di approccio, non credi? :)e anche di pubblico e target
          • Nome e Cognome scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            c'è una bella differenza, di approccio, non
            credi?
            :)
            e anche di pubblico e targetE certo sono numeri diversi:800.000.000 invece di 800.000Mw invece di Gw(rotfl)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            abbiamo sbagliato e chiesto scusa, a che serve insistere? :)
          • krane scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            abbiamo sbagliato e chiesto scusa, a che serve
            insistere?
            :)Certo, anche il mio meccanico monta i bulloni delle ruote al contrario ad un cliente su 4, ma poi quando questi si schianta chiede scusa, quindi perche' migliorarsi ?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            come pensi di risolvere la questione?crocifissione in sala mensa?
          • krane scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            come pensi di risolvere la questione?
            crocifissione in sala mensa?Personalmente io ho smesso di leggere le notizie qua, vengo solo piu' a trollare nel forum.Ne' consiglio ad alcuno di leggerle, anzi ormai non si puo' che fare pubblicita' negativa.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            ok, registratopoi però mi spieghi, se non leggi, come fai a sapere di cosa stiamo parlando...ah, mi raccomando: parla male di noi a tutti quelli che incontri
          • krane scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ok, registrato
            poi però mi spieghi, se non leggi, come fai a
            sapere di cosa stiamo parlando...Basta leggere nei commenti da dove avete preso le notizie.
            ah, mi raccomando: parla male di noi a tutti
            quelli che incontriNon serve piu', basta mandarli su nonciclopedia per un'adeguata descrizione.
          • Video scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            abbiamo sbagliato e chiesto scusa, a che serve
            insistere?
            :)Spero che la maestra che insegna ai tuoi figli faccia il suo lavoro meglio, altrimenti ottieni degli analfabeti e le sue scuse.
          • Video scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            abbiamo sbagliato e chiesto scusa, a che serve
            insistere?
            :)Spero che la maestra che insegna ai tuoi figli faccia il suo lavoro meglio, altrimenti ottieni degli analfabeti e le sue scuse.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            errare è umanoanche tu, come pensi di venir fuori da questa bega?
          • Video scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            errare è umano
            anche tu, come pensi di venir fuori da questa
            bega?Cambiando scuola....Avete mai pensato di fare l'aggregatore di news stile Ziobudda.net + forum ?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            va beh...
          • AMEN scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            c'è una bella differenza, di approccio, non
            credi?
            :)
            e anche di pubblico e targetE quindi uno è giustificato e l'altro no?Voglio sinceramente capire.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            no, uno lo ignoril'altro lo critichi
          • AMEN scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            no, uno lo ignori
            l'altro lo critichiIgnorare chi quotidianamente sforna "servizi" su internet e li propone a milioni di spettatori non mi sembra una grande idea....
          • loris demilio scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            domanda: pensi che il mio sia "contro"?
            nel caso non sono stato chiaro... e mi spiaceah ecco, allora mi tornano i conti.no, imho non sei stato chiaro: leggendo il tuo articolo il piatto della bilancia pende più dalla parte del "contro" che del "pro".Ho preferito di più le riflessioni di Anna Masera su La Stampa.
            non è contro: è, piuttosto, ma non si poteva fare
            diversamente?più che farla diversamente, mi aspetto (spero!) che facciano ALMENO altre due puntate puntando il focus sulla questione diritti d'autore / copyright vs copyleft / creative commons, e panorama nazionale / internazionale legislativo (con tutti gli interessi delle varie lobbies che questo si tira dietro). Come ho sottolineato quotando Paolo Holzt, primo se n'è parlato IN PRIMA SERATA (che già è roba da non credersi), secondo se n'è parlato per più di un'ora (rispetto ai 3-5 minuti sparsi qua e là di tanto in tanto in diversi programmi tv), terzo se n'è parlato da utOnti per utOnti :-D anche io ridacchiavo su certi passaggi perchè, seppure da utOnto, certe cose le conosco e le do ormai per acquisite. Purtroppo, se mi guardo intorno, mi rendo conto che acquisite non sono. ieri (fino a pochi anni fa) su Usenet ce ne dicevamo peste e corna (flames), e forse c'è scappata pure qualche denuncia con condanna (ma poco s'è saputo). Oggi per un "vaffa" su FB ti becchi sei mesi più la multa. La legge non è cambiata, è cambiato il mezzo e soprattutto la diffusione di questo. E gli adolescenti di oggi forse (?) sono molto più avvezzi al vaffa telematico, rispetto a noi. Perchè non dirgli che rischi corrono? poi, che mandino pure all'altro paese su FB l'ex amico del cuore, ma almeno sanno a cosa vanno incontro!Cmq, tra qualche settimana dovrei incontrare un gruppo di adolescenti che ha chiesto ai loro responsabili di poter parlare un po' di social network e ragionarci su ... vediamo che ne esce fuori ;)
          • PGStargazer scrive:
            Re: Parere su report
            Se hai da esprimere opinioni a riguardo non era meglio se andavi a spiegarlo alla chat dello staff? ;)Io spesso e volentieri l'ho fattoanche per dire sul servizio della croce rossa dove ne parlavano male della mia città senza conoscere alcuni fattori determinanti
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            scusa, e io che curo un giornale online su ICT di che dovrei parlare?
          • sentinel scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: Luca Annunziata
            domanda: pensi che il mio sia "contro"?
            nel caso non sono stato chiaro... e mi spiace
            non è contro: è, piuttosto, ma non si poteva fare
            diversamente?Tipo?
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Parere su report
            tipo dare spazio a metà degli argomenti, ma declinarli in due varianti ciascuno (cosa fa bene, e cosa fa male... )
      • nchiar scrive:
        Re: Parere su report
        Per quanto mi riguarda il buon giornalismo non può essere per definizione "tendenzioso" ma deve esporre i fatti non i pareri dei giornalisti del caso. In caso contrario ci troveremo davanti a tanti editoriali dove invece di raccontarmi gli eventi del mondo mi raccontano la visione del giornalista di turno del mondo. Se partiamo dall'assunto che una trasmissione è critica quindi tendenziosa le parole di quel giornalista sono al pari di quelle di Fede, cambia solo la campana. Il discorso sul nucleare era solo per fare un esempio, non conosco le tematiche quindi devo fidarmi di quello che mi dicono. non voleva essere un parere sull'uso o meno della tecnologia.
    • bubba scrive:
      Re: Parere su report
      - Scritto da: nchiar
      Felice di vedere che al solito report è pattume.
      Tutte le volte in cui hanno parlato di qualcosa
      di cui avessi conoscenza ho sentito solo cose
      inesatte o descritte in modo tendenzioso con
      buona pace di chi la ritiene un ottima
      trasmissione d'informazione.è chiaro che se
      parlano di nucleare non posso capire che la
      qualità dell informazione è
      pessima.cioe hai perso tempo a iscriverti a P.I. solo per dir sta XXXXXXccia? mah :)
      • nchiar scrive:
        Re: Parere su report
        No, ero già iscritto. Hai scritto una cosa ed era pure sbagliata.
        • bubba scrive:
          Re: Parere su report
          - Scritto da: nchiar
          No, ero già iscritto. Hai scritto una cosa ed era
          pure
          sbagliata.iscritto, ma con ZERO messaggi. Interessante :)
          • FinalCut scrive:
            Re: Parere su report
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: nchiar

            No, ero già iscritto. Hai scritto una cosa ed
            era

            pure

            sbagliata.
            iscritto, ma con ZERO messaggi. Interessante :)Chi critica Report senza fare accusa "precise" ed "altamente circostanziate" è solamente in malafede... su questo non si scappa.Repost fa male, molto male a certe persone... @^(linux)(apple)
    • Layer scrive:
      Re: Parere su report
      - Scritto da: nchiar
      Felice di vedere che al solito report è pattume.
      Tutte le volte in cui hanno parlato di qualcosa
      di cui avessi conoscenza ho sentito solo cose
      inesatte o descritte in modo tendenzioso con
      buona pace di chi la ritiene un ottima
      trasmissione d'informazione.è chiaro che se
      parlano di nucleare non posso capire che la
      qualità dell informazione è
      pessima.Il tuo pregiudizio è superiore alla supponenza del servizio di Report, che a me pure è parso semplicistico e superficiale, ma i più hanno capito il perchè: in tv sono ammessi "brevi cenni sull'universo" e l'approfondimento è per certo attraverso altri media.Perchè non limitarsi a valutare la puntata, motivando il giudizio senza andare oltre? Strumentalizzare un servizio imperfetto non equivale a bollare la trasmissione come disinformativa...ma tu lo stai facendo e forse so anche il perchè.
      • nchiar scrive:
        Re: Parere su report
        Secondo trecani la definizione di pregiudizio è "Idea, opinione concepita sulla base di convinzioni personali e prevenzioni generali, senza una conoscenza diretta dei fatti, delle persone, delle cose, tale da condizionare fortemente la valutazione, e da indurre quindi in errore "Dato che io la trasmissione l'ho vista quindi ho conoscenza diretta dei fatti direi che il mio non è pregiudizio ma un giudizio.Potevo limitarmi a esprimere un giudizio sulla singola puntata o come ho fatto esprimere un giudizio più generico sulla trasmissione, questione di scelte. Diciamo che ha prevalso la voglia di esprimere il mio parere su una trasmissione sopravalutata(ovviamente sempre secondo me) che molto spesso invece viene definita "l'ultima vera forma di informazione in tv". Sembra che se lo dice la Gabanelli "è la verità".
        • Layer scrive:
          Re: Parere su report
          Estendendo il tuo personale giudizio alla trasmissione in toto altro non fai che anteporre una pregiudiziale sulle presenti, passate e future puntate. Questo è pregiudizio e non ci vuole la Treccani per capirlo.Ad ogni modo oggi la Gabanelli spiega quello che è stato facilmente intuibile: una tv generalista ha i suoi limiti comunicativi, così come il web. Se poi altri,parecchi si esaltano per i suoi servizi un motivo ci sarà pure. Forse perchè il panorama informativo d'approfondimento sulle tv generaliste è più vuoto di uno sconfinato deserto?
    • Francesco scrive:
      Re: Parere su report
      MEGA QUOTE- Scritto da: nchiar
      Felice di vedere che al solito report è pattume.
      Tutte le volte in cui hanno parlato di qualcosa
      di cui avessi conoscenza ho sentito solo cose
      inesatte o descritte in modo tendenzioso con
      buona pace di chi la ritiene un ottima
      trasmissione d'informazione.è chiaro che se
      parlano di nucleare non posso capire che la
      qualità dell informazione è
      pessima.
    • Jimmy scrive:
      Re: Parere su report
      Ti consiglio di non guardarla visto che offende la tua sensibilità. Io l'ho trovata ottima per far capire che internet non è un giochino, ad un pubblico generalista.
      • nchiar scrive:
        Re: Parere su report
        Invece è meglio guardarla perchè così posso commentarla anche negativamente. Oppure la trasmissione può avere solo commenti positivi?
    • McHollyons scrive:
      Re: Parere su report
      nessuno ti obbliga a guardare report, guardati il grande fratello va la
      • Punto scrive:
        Re: Parere su report
        - Scritto da: McHollyons
        nessuno ti obbliga a guardare report, guardati il
        grande fratello va
        laIo non capisco questo atteggiamento perché non dovrebbe guardarlo o meglio perché dovrebbe essere sempre d'accordo con quello che viene detto da un programma che guarda, avete la tendenza a liquidare le persone solo dicendo se non condividi quello che viene detto non guardarlo come se foste chiusi all'interno di una setta segreta, non è così Report è un programma televisivo trasmesso su una rete pubblica ed è diritto di chiunque tesserne le lodi o criticarlo, in fondo non ha detto nulla di così sconvolgente e non è l'unico che a volte trova i servizi di report non proprio precisi e con un taglio più sensazionalistico che giornalistico sono opinioni si può condividerle o meno ma ognuno è libero di esprimerle, ricordate che è la critica che stimola a migliorare
      • nchiar scrive:
        Re: Parere su report
        Ahahahah ecco il "superiore", dato che a te la trasmissione piace, gli altri devono guardare il "grande fratello" in quanto gente frivola... Ridicolo.Ti ripropongo una risposta già data.Invece è meglio guardarla perchè così posso commentarla anche negativamente. Oppure la trasmissione può avere solo commenti positivi?
    • 444 scrive:
      Re: Parere su report
      - Scritto da: nchiar
      Felice di vedere che al solito report è pattume.
      Tutte le volte in cui hanno parlato di qualcosa
      di cui avessi conoscenza ho sentito solo cose
      inesatte o descritte in modo tendenzioso con
      buona pace di chi la ritiene un ottima
      trasmissione d'informazione.è chiaro che se
      parlano di nucleare non posso capire che la
      qualità dell informazione è
      pessima.Quoto tutto parola per parola. È esattamente il pensiero che mi passa per la mente ogni volta che ne sento parlare. Tutte le volte che conoscevo l'argomento di cui parlavano mi rendevo conto dell'ammasso di sciocchezze che dicevano. le altre volte... beh ovviamente mi colpivano, ma come posso fidarmi se ogni volta in cui toccano argomenti in cui sono ferrato ho sentito cretinate?
      • 444 scrive:
        Re: Parere su report
        Non ho idea di cosa tu stia parlando e nemmeno mi interessa. Non ho facebook e non l'ho mai usato. Il servizio di report magari è perfetto, ma guarda caso non posso dare giudizi in merito. Ma a parte questo... sei sicuro di aver risposto alla persona giusta? Io parlavo di report in generale, non ho nemmeno nominato questo servizio.
        • ne1son scrive:
          Re: Parere su report
          - Scritto da: 444
          sei sicuro di aver risposto
          alla persona giusta? Sì
          Io parlavo di report in
          generale, non ho nemmeno nominato questo
          servizio.infatti ti ho detto che questa puntata è fatta bene e ti saresti ricreduto.
  • il signor rossi scrive:
    Bravo Luca!
    Ho visto Report e ho avuto le stesse sensazioni.Fra l'altro, anche sul "tutto gratis" ci sarebbe da discutere. La parte che metteva alla berlina i giochi online presentando come scandaloso il fatto che a un certo punto devi pagare era, francamente, ridicola.In primo luogo, a meno che vostro figlio di 13 anni non abbia una carta di credito non potrà pagare alcunché, ma è ridicolo il presentare come scandaloso o come una minaccia il concetto stesso del pagare per avere un servizio online.Sviluppare giochi costa, perciò i genitori sanno benissimo che i figli vogliono un gioco per wii o xbox devono acquistarlo (pirateria a parte), lo stesso vale con le app dei vari iphone o ipad, ma allora cosa c'è di scandaloso a chiedere soldi per poter accedere a giochi online?Per non parlare della parte in cui sembrava che qualsiasi cosa tu facessi su internet prendevi un keylogger e ti ipotecavano finanche le mutande.Insomma, francamente sono completamente d'accordo con te: l'idea di fondo era buona, incluso lo spronare Facebook e il garante a affrontare le questioni della privacy, ma messa in questo modo sensazionalistico hanno fatto un po' una figura dei dilettanti che non sanno di cosa stanno parlando. Purtroppo in Italia l'alfabetizzazione informatica media è bassa, e non si capisce perché quella della redazione di Report dovrebbe essere maggiore della media, visto che fanno un altro lavoro. Magari consultare un po' di esperti seri gli avrebbe giovato.
    • il signor rossi scrive:
      Re: Bravo Luca!
      Fra l'altro, per concludere... nella stessa puntata prima ci si indigna per il fatto che Facebook per offrire quei servizi gratis lucra sui dati personali degli utenti, poi ci si indigna perché invece i giochi sono a pagamento... allora decidiamoci!
      • Internetcrazia scrive:
        Re: Bravo Luca!
        hai ragione e sono d'accordo con te..però l'importante è che la trasmissione almeno abbia insinuato un minimo dubbio di chi con leggerezza utilizza questi strumenti. Insomma è comico come molti si riempiano la bocca con la parola "privacy" e poi nessuno si vada a leggere le condizioni contrattuali di un certo servizio che appunto lucra sulla privacy altrui.
    • pamao scrive:
      Re: Bravo Luca!
      A me la puntata di Report è sembrata consona con la linea editoriale solita: si deve far pensare la gente, soprattutto quando ci sono in ballo cose importanti come la privacy. Tutti quelli che "bazzicano" internet da abbastanza tempo sanno come comportarsi, ma la maggior parte della gente no, vista la diffusione massiccia di malware e il sucXXXXX del phishing! Quindi ben venga Report, che mi pare non abbia detto niente di falso o scorretto.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Bravo Luca!
        Ehm sul caso vivi down ed alcune cose ha detto delle scemenze, comunque faccio notare che non è la prima volta che fanno fuffa di servizio, chi si ricorda di quel servizio dove davano peste e corna al WI FI ?
        • iii scrive:
          Re: Bravo Luca!
          Casualmente argomenti su cui sei molto informato...non ti si insinua il dubbio che anche gli altri argomenti vengano trattati allo stesso modo, solo che ne sei meno informato e non te ne rendi conto?
      • IAIO scrive:
        Re: Bravo Luca!
        mi sembra assurda tutta 'sta polemica dei pseudoguru di internet.. che c'è paura di perdere la rendita di quei quattro banner!!
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Bravo Luca!
        a me vedere marco calamari, uno dei massimi esperti di profilazione italiani, parlare 3 minuti per far vedere come funziona TOR mi pare riduttivo... ;)
        • bubba scrive:
          Re: Bravo Luca!
          - Scritto da: Luca Annunziata
          a me vedere marco calamari, uno dei massimi
          esperti di profilazione italiani, parlare 3
          minuti per far vedere come funziona TOR mi pare
          riduttivo...
          ;)Vabbe ma e' la TV... ho paura che non hai meditato a lungo cosa significa far dei servizi, che abbracciano tante cose da scriverci 3 enciclopedie, per un pubblico generalista, non palloso, che duri un ora.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Bravo Luca!
            ne sono consapevole, e sono felice (come ho scritto) che ne abbiano parlatoavrei dato un taglio diverso, più volto a incuriosire che a spaventare
          • bubba scrive:
            Re: Bravo Luca!
            - Scritto da: Luca Annunziata
            ne sono consapevole, e sono felice (come ho
            scritto) che ne abbiano
            parlato

            avrei dato un taglio diverso, più volto a
            incuriosire che a
            spaventaremhh .. "incuriosire" ..si capisco... PERO' in tv vedo che ci sono gia' svariati servizi e rubriche che puntano a 'incuriosire' senza spiegare una mazza (penso a : Pixel) o a fare 'hype positivo' (i telegiornali)... una trasmissione CRITICA su certi aspetti (e non il solo solito 'pericolo dell'allegato col virus') mi e' sembrata UTILE. Come dicevo in altro messaggio, alcuni punti li hanno cannati (2 su google) e quello dell'l'alfabetizzazione digitale l'hanno (colpevolmente) tralasciato.. ma per il resto mi pareva BUONO. Migliorabile ma buono... conoscendo la media dei servizi Tv sull'argomento 'internet'...
          • sentinel scrive:
            Re: Bravo Luca!
            - Scritto da: Luca Annunziata

            avrei dato un taglio diverso, più volto a
            incuriosire che a
            spaventareEssì, così con la curiosità si aumenta il numerodi iscritti che vuole provare i "servizi" dei socialnetwork, e si getta nuova benzina sul fuocofacendo incrementare il bottino di dati personalisu cui fare mero markentig
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Bravo Luca!
            curiosità verso la privacy, non verso i social network
          • Francesco scrive:
            Re: Bravo Luca!
            - Scritto da: bubba
            - Scritto da: Luca Annunziata

            a me vedere marco calamari, uno dei massimi

            esperti di profilazione italiani, parlare 3

            minuti per far vedere come funziona TOR mi pare

            riduttivo...

            ;)
            Vabbe ma e' la TV... ho paura che non hai
            meditato a lungo cosa significa far dei servizi,
            che abbracciano tante cose da scriverci 3
            enciclopedie, per un pubblico generalista, non
            palloso, che duri un
            ora.Ragione di più! Visto che devono spiegare le cose al popolo che non sa nulla, che lo facessero in modo corretto.
          • bubba scrive:
            Re: Bravo Luca!
            - Scritto da: Francesco
            - Scritto da: bubba

            - Scritto da: Luca Annunziata


            a me vedere marco calamari, uno dei massimi


            esperti di profilazione italiani, parlare 3


            minuti per far vedere come funziona TOR mi
            pare


            riduttivo...


            ;)

            Vabbe ma e' la TV... ho paura che non hai

            meditato a lungo cosa significa far dei servizi,

            che abbracciano tante cose da scriverci 3

            enciclopedie, per un pubblico generalista, non

            palloso, che duri un

            ora.
            Ragione di più! Visto che devono spiegare le cose
            al popolo che non sa nulla, che lo facessero in
            modo
            corretto.Per i limiti della tv, E' stato un servizio corretto (a parte vividown e streetview). Nell'insieme molto piu corretto delle cose -penose- che mi e' capitato di vedere nella tv generalista a riguardo.
      • Jimmy scrive:
        Re: Bravo Luca!
        Concordo.
    • Sgabbio scrive:
      Re: Bravo Luca!
      si può dire che alcuni giochi si fingono gratuiti, poi pretendono soldi per altro, spesso cose inutili, ma che te le rendono obbligatorie.Va detto questo, giusto per precisare.
      • il signor rossi scrive:
        Re: Bravo Luca!
        - Scritto da: Sgabbio
        si può dire che alcuni giochi si fingono
        gratuiti, poi pretendono soldi per altro, spesso
        cose inutili, ma che te le rendono
        obbligatorie.

        Va detto questo, giusto per precisare.è verissimo, ma allora perché non stigmatizzare proprio questo fatto invece di indignarsi in maniera generica perché alcune cose su internet si devono pagare?
    • freebeer scrive:
      Re: Bravo Luca!
      Si poteva fare di meglio, questo è vero.Una delle cose migliori della puntata è stato il sottolineare (finalmente!) la differenza fra hacker e cracker, cosa mai vista nè sentita su un media generalista fino ad oggi.
      • FridayChild scrive:
        Re: Bravo Luca!
        Bravo Luca, si', mi sei piaciuto. Ieri guardando Report ho pensato piu' o meno le stesse cose.Anche se quel "legislando"... mamma mia, che ti ha fatto il verbo "legiferare"? ;)
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Bravo Luca!
          hai ragione!!!!
          • Haran scrive:
            Re: Bravo Luca!
            Mah...una volta che non hanno detto minkiate fate i gradassi...REPORT HA RAGIONE ...FACEBOOK E' UNA PATTUMIERA , UN GRANDE FRATELLO...SIETE DEGLI IGNORANTI SE AFFERMATE IL CONTRARIO
          • Ashura scrive:
            Re: Bravo Luca!
            - Scritto da: Haran
            Mah...
            una volta che non hanno detto minkiate fate i
            gradassi...
            REPORT HA RAGIONE ...
            FACEBOOK E' UNA PATTUMIERA , UN GRANDE FRATELLO...
            SIETE DEGLI IGNORANTI SE AFFERMATE IL CONTRARIO(troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Bravo Luca!
            davanti a queste argomentazioni... :D
      • Marco Calamari scrive:
        Re: Bravo Luca!
        - Scritto da: freebeer
        Si poteva fare di meglio, questo è vero.
        Una delle cose migliori della puntata è stato il
        sottolineare (finalmente!) la differenza fra
        hacker e cracker, cosa mai vista nè sentita su un
        media generalista fino ad
        oggi.Eh, partecipare, anche se un'ora e mezza di intervista son diventati 54 secondi di montato, probabilmente e' servito a qualcosa.Anche sulla nota riguardo la difesa ad oltranza delle liberta' di espressione penso di aver avuto influenza.
    • reXistenZ scrive:
      Re: Bravo Luca!
      Concordo con il complimento. Forse in qualche punto marginale non sono completamente d'accordo, ma la replica alla trasmissione è sicuramente meritoria e ha centrato i punti più importanti. Un buon articolo. P.S.: s'è visto anche Calamari, in uno spazio però che non gli ha fatto onore ne a mio avviso ha aiutato la comprensione dei telespettatori.
    • pignolo scrive:
      Re: Bravo Luca!
      Eurostat ha valutato che il 30% dei PC domestici in europa nel 2010 abbia avuto a che fare con del malware. Una persona che conosco, per il furto della sua identità, si è fatto 6 mesi in carcere, in Siria. I pericoli esistono, non è che nascondendoli diventano meno pericolosi!Report è forse stata allarmista (a me non è parso), ma neanche noi tecnici che vendiamo Internet come la soluzione di tutti i mali della democrazia siamo proprio senza peccato. Una nota sull'articolo di Annunziata: il libero mercato funziona con consumatori informati, altrimenti è il dominio del più forte (cfr. Akerlof The market for lemons)
      • Luca Annunziata scrive:
        Re: Bravo Luca!
        informati, certo :)
      • panda rossa scrive:
        Re: Bravo Luca!
        - Scritto da: pignolo
        Eurostat ha valutato che il 30% dei PC domestici
        in europa nel 2010 abbia avuto a che fare con del
        malware. Eurostat ha valutato che il 100% dei PC domestici che in europa nel 2010 abbia avuto a che fare con del malware, montava windows.
        Una persona che conosco, per il furto
        della sua identità, si è fatto 6 mesi in carcere,
        in Siria.In Siria ci sono mille motivi per cui uno si fa 6 mesi di carcere.
        I pericoli esistono, non è che
        nascondendoli diventano meno
        pericolosi!
        Report è forse stata allarmista (a me non è
        parso), ma neanche noi tecnici che vendiamo
        Internet come la soluzione di tutti i mali della
        democrazia siamo proprio senza peccato. ? (newbie)
        Una nota
        sull'articolo di Annunziata: il libero mercato
        funziona con consumatori informati, altrimenti è
        il dominio del più forte (cfr. Akerlof The market
        for lemons)Infatti oggi come oggi non c'e' ancora il libero mercato, ma solo abusi di posizioni dominanti.
Chiudi i commenti