GNOME si aggiorna, apre il suo store

GNOME Project ha rilasciato la versione 2.30 del suo popolare desktop environment multipiattaforma e inaugurato lo GNOME Store. La prossima release del software sarà la 3.0, attesa fra sei mesi

Roma – In attesa del rilascio di GNOME 3.0, recentemente annunciato per l’autunno , gli sviluppatori del celebre desktop environment open source hanno appagato la brama di novità dei loro utenti pubblicando la versione 2.30 .

GNOME 2.30 Sebbene GNOME Project abbia serbato molte delle novità più importanti per la prossima major release del suo software, GNOME 2.30 è ben più di una collezione di bug fix e piccoli ritocchi: questa release aggiorna le funzionalità di molte applicazioni integrate , a partire dal gestore di file Nautils, dove è stata aggiunta la vista affiancata , per finire al client di instant messaging Empathy, che tra le altre cose supporta ora il trasferimento dei file via drag and drop.

Tra le altre novità si citano l’aggiunta della sincronizzazione automatica delle note in Tomboy, una sostanziale semplificazione degli strumenti dedicati alla gestione degli utenti e dei relativi permessi, un migliorato supporto alla stampa nel viewer di PDF Evince, la reintroduzione nel browser Epiphany di funzionalità quali anteprima di stampa e menù contestuali, e l’aggiunta del supporto al tunneling SSH nel client per desktop remoti Vinagre. Una descrizione in italiano delle principali novità di GNOME 2.30 è riportata nelle note di rilascio .

Per provare GNOME 2.30 senza installarlo è possibile scaricare (non appena diventerà disponibile) GNOME Live Media , un disco virtuale contenente tutto il software incluso in GNOME 2.30. Tale disco è compatibile con software per la virtualizzazione come QEMU, KVM, VirtualBox o VMWare.

GNOME Store In occasione del rilascio di GNOME 2.30, la fondazione che ne cura lo sviluppo ha inaugurato lo GNOME Store , un negozio online che permette agli utenti di sostenere economicamente il progetto acquistando merchandising.

Come si è detto, il prossimo autunno debutterà la versione 3.0 di GNOME. Dal momento che il ciclo dei rilasci seguito da GNOME Project è semestrale, la prossima release di GNOME è attesa per il mese di ottobre.

“GNOME 3.0 continuerà a fornire la piattaforma desktop e le applicazioni che ha sempre incluso, così come potrebbe, potenzialmente, includere la nuova interfaccia GNOME Shell e il GNOME Activity Journal, che è di aiuto nell’esplorare e trovare i file sul computer” si legge nelle note di rilascio. “GNOME 3.0 includerà anche nuove funzioni per l’accessibilità, nuova documentazione e aiuti per gli utenti, il primo servizio web di GNOME con Tomboy Online e molto altro. Per gli sviluppatori, GNOME 2.30 renderà deprecate diverse vecchie librerie”.

Un’anteprima della GNOME Shell è già disponibile per l’attuale versione 2.30 di GNOME, e può essere scaricata per la propria distribuzione seguendo queste istruzioni .

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Internetcrazia scrive:
    R.I.P. Roberts
    anche grazie a te siamo qui a scrivere e confrontarci...ciao..
  • Renato Manfreddi scrive:
    Invenzione Personal Computers
    La notizia è molto interessante specialemte per me che sono un collega di Roberts avendo progettato e costuito un vero personal computer in Italia completo di Monitor 12", tastiera, CPU 8080, periferiche come interfaccia stampante, lettore/perforatore di nastri, controller floppy disk, ecc. la commercializzazione del PC avvenuta con gravi difficoltà e del controller per floppy disk ha permesso l'avvio della DMD tuttora all'avanguardia nel settore computers industriali.
  • collione scrive:
    Re: Altair... Star Trek...
    beh nel 2 sono usciti gli alieni, quindi non è così difficile :Dil prossimo assassino sarà il capitano Pickard :D
  • ullala scrive:
    sigh
    Altair 8800La scheda da 4 k di memoria statica.... della ProXXXXXr Technology (fondata da Bob Marsh e Gary Ingram) era l'unico modo di fare funzionare il primo Altair (le schede a memoria dinamica MITS avevano grossi problemi arrivarono dopo)...La prima ordinata e comprata (la seconda copiata in laboratorio perchè quella originale costava troppo)...Il primo microcomputer in italia.... e il secondo "compatibile" (IMSAI) ma con bus S-100 IMSAI 8080 che sarebbe diventata la base per il primo vero OS standard per microcomputers il CP/M .....Il nastro di carta forato a codice baudot (quello delle telescriventi dei telex) il lavoro per fare il primo micro-compilatore per l'8080....E solo molto tempo dopo ... il primo floppy da 8 pollici!sigh!Bei ricordi...Grazie Ed !WELL DONE!
    • rita lewis scrive:
      Re: sigh
      non c'ero ancora ma...good!!!very good!!!
    • ruppolo scrive:
      Re: sigh
      - Scritto da: ullala
      E solo molto tempo dopo ... il primo floppy da 8
      pollici!Veramente il floppy da 8" nacque anni prima.Quello da 5¼" l'anno successivo, prodotto da Shugart e utilizzato per l'Apple II.
      • carlo scrive:
        Re: sigh
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: ullala

        E solo molto tempo dopo ... il primo floppy da 8

        pollici!

        Veramente il floppy da 8" nacque anni prima.
        Quello da 5¼" l'anno successivo, prodotto da
        Shugart e utilizzato per l'Apple
        II.Non ti è possibile fare un post in cui non parli di Apple, eh Ruppolo? ;-)
        • ruppolo scrive:
          Re: sigh
          - Scritto da: carlo
          - Scritto da: ruppolo

          - Scritto da: ullala


          E solo molto tempo dopo ... il primo floppy
          da
          8


          pollici!



          Veramente il floppy da 8" nacque anni prima.

          Quello da 5¼" l'anno successivo, prodotto da

          Shugart e utilizzato per l'Apple

          II.

          Non ti è possibile fare un post in cui non parli
          di Apple, eh Ruppolo?
          ;-)Lo faccio di proposito, è ora che la gente sappia che il personal computer lo ha fatto Apple, ed anche gran parte delle tecnologie ad esso correlate.Ed ora, all'alba del terza generazione del personal computer (infatti a Cupertino sono le 5:23), ancora di più è d'uopo parlare di Apple.
      • ullala scrive:
        Re: sigh
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: ullala

        E solo molto tempo dopo ... il primo floppy da 8

        pollici!

        Veramente il floppy da 8" nacque anni prima.
        Quello da 5¼" l'anno successivo, prodotto da
        Shugart e utilizzato per l'Apple
        II.Il floppy da 8 pollici lo ha fatto ibm e nello specifico quella di cui parlo è la prima interfaccia floppy su un microcomputer e si parla del 1975, Apple non esisteva e tantomeno il floppy da 5.25!sei un povero troll!
        • mela avariata scrive:
          Re: sigh
          XXXXXXX ragazzi..ma non smettete di fare i bambocci neanche in un articolo commemorativo...ruppolo sei di una tristezza devastante, get a life per la XXXXXXX, togliti quell'etto di fesa di tacchino dagli occhi plz, ridicolooooo
Chiudi i commenti