Golosità da computer

Per gli amanti del cioccolato, una confezione di praline non edibili

Siete dei golosoni di prim’ordine ed adorate il cioccolato in tutte le sue forme? Come potreste dunque resistere ad una scatola di cioccolatini che si presenta così?

chocohub

Niente acquolina in bocca, poiché l’apparenza a volte inganna: quella splendida confezione di praline altri non è che un hub USB.

Dal design assolutamente goloso, l’USB Chocolate Hub di Brando, è un replicatore di porte USB destinato ad adornare in modo più decoroso le scrivanie già invase da cavi e gadget elettronici. Costruito in poliresina, l’hub presenta 3 porte USB, compatibili con lo standard 2.0, in grado di garantire una velocità di trasferimento dei dati fino a 480 Mbps.

L’hub cioccolatoso funziona con tutti i sistemi operativi Windows, con Mac OSX e con Linux e può essere acquistato direttamente sul portale di Brando , al prezzo di 17 dollari.
Un’unica accortezza: una volta posizionato sulla scrivania, ricordate di avvertire i colleghi golosi che quei cioccolatini non si mangiano!

( via Brando )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Maledetto Vespa scrive:
    Dati sanitari
    Ciao Cassandra,a breve moltissimi dati sanitari saranno in mano a tantissime aziende che garantiranno la privacy conto terzi, per le regioni ad esempio, e tutto sarà ancora più difficile perchè che siano le Regioni stesse a detenere quei dati oppure queste aziende, ci saranno spioni che cercheranno di capire le nostre condizioni di salute per venderci farmaci, quando va bene, per aumentarci i premi delle assicurazioni, quando va male. Sicuramente ci saranno scenari che nemmeno immagino che salteranno fuori fra qualche anno.Chissà se poi a questi spioni basterà spendere qualche eurino per farsi passare sottobanco un po' di dati dalle aziende che detengono la privacy sanitaria dei cittadini.A che serve tutto il nostro PGP ed il nostro anonimato quando poi, come avviene già oggi in parti dell'ambito sanitario, basta poco per conoscere la storia clinica di un paziente?
  • Minnie scrive:
    Marco, controlla questo
    tu sai quanto sia fondato questo?http://www.privacylover.com/encryption/analysis-is-there-a-backdoor-in-truecrypt-is-truecrypt-a-cia-honeypot/
  • MeX scrive:
    ma Facebook
    è una bolla... l'ha detto Calamari!Non lo usa nessuno... ma che ve preoccupate a fa?
  • DepreGol scrive:
    come cancellare dati exif
    basato su un programma recensito anche da PI tempo fa, ecco un micro spunto sulla cancellazione totale dei dati exif:http://depressogioioso.splinder.com/post/15289991/cancellare-tutti-i-dati-exif-e-metadata-dalle-immagini
    • pippO scrive:
      Re: come cancellare dati exif
      - Scritto da: DepreGol
      basato su un programma recensito anche da PI
      tempo fa, ecco un micro spunto sulla
      cancellazione totale dei dati
      exif:da riga di comando:jpegtran -o miafoto.jpg miafoto_pulita.jpg
  • rudy scrive:
    servono regole legali
    Hai ragione, nonostante l'anticipo preveggente di visionari, scrittori, attivisti, eff (e anche la ns autorita sulla privacy), il problema e' in prospettiva sempre piu pericoloso.secondo me servono nuove regole legali. la chiave e' che un normale essere umano non ha biologicamente e culturalmente la percezione della gravita della sua privacy per sempre sbandierata fuori (fanno eccezione quelli politicamente e culturalmente paranoici..).come minimo dovrebbero cancellare dopo un certo tempo le informazioni e la cessione diversa dei propri dati dovrebbe essere illegale come la schiavitu'.In sostanza: e' una trappola psicologica e i consumatori vanno protetti attivamente dalla legge, e si devono poter difendere in azioni legali collettive.Ma anche mettere su dei sistemi open e wiki (guardate wikipedia!!) che supportino i social network tra le persone... basterebbe abbastanza poco, partendo da sottoreti in gruppi omogenei (facebook e' partito piu o meno cosi')
    • Regur Mortis scrive:
      Re: servono regole legali
      lascia stare le leggi che in italia come si muovono fanno danni, e per la cronaca l'articolo non sta in piedi gli EXIF vengono cancellati dalla maggior parte dei servizi di upload (Facebook compreso). Per quanto riguarda la privacy basta un minimo di intelligenza e francamente l'intelligenza non deve e non può essere sostituita da leggi, tra l'altro nazionali che in questo settore non servono a una XXXX di nulla :D
      • calamarim scrive:
        Re: servono regole legali
        - Scritto da: Regur Mortis
        lascia stare le leggi che in italia come si
        muovono fanno danni, e per la cronaca l'articolo
        non sta in piedi gli EXIF vengono cancellati
        dalla maggior parte dei servizi di upload
        (Facebook compreso).Nella copia che viene visualizzata a te si, ma gli EXIF originali sono comunque stati caricati ed il gestore ce li ha.Sempre essere andreottiani ....
  • paoloholzl scrive:
    Facebook e il trionfo dell'ignoranza
    Una cosa che non faccio mai il link diretto al mio blog ma lo faccio per evitare di riscrivere tutto.http://blog.holzl.it/?p=96
    • libre libre scrive:
      Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza
      - Scritto da: paoloholzl
      Una cosa che non faccio mai il link diretto al
      mio blog ma lo faccio per evitare di riscrivere
      tutto.

      http://blog.holzl.it/?p=96hai i tasti CTRL+C e CTRL+V rotti?
      • bubba scrive:
        Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza
        - Scritto da: libre libre
        - Scritto da: paoloholzl

        Una cosa che non faccio mai il link diretto al

        mio blog ma lo faccio per evitare di riscrivere

        tutto.



        http://blog.holzl.it/?p=96

        hai i tasti CTRL+C e CTRL+V rotti?no, peggio. Ha l'ipad.:)
      • paoloholzl scrive:
        Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza

        hai i tasti CTRL+C e CTRL+V rotti?Se vai a vedere i miei numerosi post negli anni vedrai che ho sempre operato così e molte discussioni su questo forum le trovi anche sul mio blog.In questo caso non l'ho fatto in quanto lo avevo già copia/incollato alcuni mesi fa nello stesso forum relativo ad una notizia diversa.Se lo avessi fatto anche qui avrei avuto la stessa discussione in tre posti diversi.Ripensandoci la cosa migliore sarebbe stata quella di citare il link alla discussione precedente sempre sul forum di Punto Informatico che però é una discussione praticamente chiusa, comunque la prossima volta farò così.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 gennaio 2011 18.24-----------------------------------------------------------
    • pippo75 scrive:
      Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza
      - Scritto da: paoloholzl
      Una cosa che non faccio mai il link diretto al
      mio blog ma lo faccio per evitare di riscrivere
      tutto.
      Facebook può piacere oppure no, ma questo sono giudizi personali.Io lo uso e lo apprezzo, ma con il cavolo che gli fornisco le password del mio account di email ( ci credo che le usano solo per fini buoni, ma le tengo io ).FB rimane comunque un mezzo, questo può essere usato in modo positivo o negativo, posso usarlo per comunicare con altri ( al posto del telefono ), posso usarlo per condividere qualcosa ( anche un pensiero ).Si può usarlo per fare "conoscenza" con altre persone che vivono lontano, magari per uno scambio di opinioni su un qualcosa che abbiamo in comune.Giudicheresti ignorante chi scrive su usenet? Anche li si condivide materiale. Anche li i commenti rimangono, anzi sono visibili da tutti ( ma proprio tutti, usando google ).Prima di dare un giudizio cosi perentorio controllerei i singoli casi.Dici nel tuo blog che FB è pieno di persone che un giorno si pentiranno, questo aspetto ( il pentirsi ) è una cosa normale della vita, con il senno di dopo molte cose non le avremmo mai fatte, ma sbagliando si impara.
      • paoloholzl scrive:
        Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza

        Facebook può piacere oppure no, ma questo sono
        giudizi
        personali.Il titolo é volutamente un po provocatorio ma non sparato a caso.Il problema non é se usi Facebook, ma se si consapevole di ogni implicazione conseguente.Io stesso ho due account su Facebook e sono pienamente consapevole delle conseguenze dell'averlo e di come li gestisco.E se li uso li trovo utili, so anche che può essere un mezzo per ritrovare contatti difficilmente rintracciabili.Ma la differenza sta proprio nella consapevolezza.
        Giudicheresti ignorante chi scrive su usenet?
        Anche li si condivide materiale. Anche li i
        commenti rimangono, anzi sono visibili da tutti (
        ma proprio tutti, usando google
        ).Gli ignoranti che usano gli Usenet sono molti di meno semplicemente perché é più una piattaforma per 'addetti ai lavori', che di norma sono estremamente più consapevoli delle implicazioni di un post rispetto all'utente medio di Facebook.
        Prima di dare un giudizio cosi perentorio
        controllerei i singoli
        casi.Il giudizio mio é personale ma perentorio, ma non ho scritto che riguarda tutti, penso riguardi tanti!, in Facebook ci sono pure io.Il termine ignorante ha un senso ben preciso (non vuol dire deficente).Ignorante é colui che ignora la conseguenza di ciò che fa.E a mio parere é così per buona parte degli utenti dei Social Network.
        Dici nel tuo blog che FB è pieno di persone che
        un giorno si pentiranno, questo aspetto ( il
        pentirsi ) è una cosa normale della vita, con il
        senno di dopo molte cose non le avremmo mai
        fatte, ma sbagliando si
        impara.E' vero, il problema é che il Social Network ha attivato delle dinamiche in cui sei 'spinto all'errore' sfruttando la 'beata inconsapevolezza'.Messaggi del tipo 'vuoi che vada a leggermi tutta la tua rubrica per aiutarti a trovare gli amici?' ...Poi uno può sempre rispondere 'neanche per idea!' ma sei convinto che la maggioranza degli utenti siano consapevoli di cosa vuol dire un sì in termini di privacy?
        • pippo75 scrive:
          Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza

          Il problema non é se usi Facebook, ma se si
          consapevole di ogni implicazione
          conseguente.il problema non è FB, sono le persone, però FB mi ha permesso di segnalare ad alcuni dei miei contatti alcune cose, tipo non fidarsi subito delle catene di S. Antonio.Ogni volta che ne vedevo una, FB mi dava la possibilità di segnalare al mio "amico" il segnale di fare attenzione.Stesso discorso per lo spam.
          Ma la differenza sta proprio nella consapevolezza.FB è anche una possibilità, sfruttiamola.
          Messaggi del tipo 'vuoi che vada a leggermi tutta
          la tua rubrica per aiutarti a trovare gli amici?'
          ...se ti chiedessero i tuoi pin ( telefono, banca, ... ) via telefono, li fornisci senza battere ciglio oppure parti diffidando, perchè su internet la gente cambia?

          Poi uno può sempre rispondere 'neanche per idea!'
          ma sei convinto che la maggioranza degli utenti
          siano consapevoli di cosa vuol dire un sì in
          termini di privacy?perchè pensi che le cartoline ( che trovi nei giornali ) da inviare per avere non so cosa al prezzo di un euro siano tanto diverse.Manca la zucca.Come dicevo, FB da la possibilità di avvisare i nostri contatti, almeno sfruttiamo questo, se poi si viene ignorati: pazienza.
        • pippO scrive:
          Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza
          - Scritto da: paoloholzl
          Poi uno può sempre rispondere 'neanche per idea!'
          ma sei convinto che la maggioranza degli utenti
          siano consapevoli di cosa vuol dire un sì in
          termini di
          privacy?Già, per il direttore della CIA, se non ci fosse fessbuk dovrebbe inventarlo lui...
        • DOG scrive:
          Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza
          Appena hai sentito Facebook ti sei fiondato nella discussione pubblicizzando in continuazione i tui blog, links ecc....Hai finito di farti pubblicità????!!!!!!
          • DOG scrive:
            Re: Facebook e il trionfo dell'ignoranza
            Naturalmente mi riferisco a paoloholzl.- Scritto da: DOG
            Appena hai sentito Facebook ti sei fiondato nella
            discussione pubblicizzando in continuazione i tui
            blog, links
            ecc....
            Hai finito di farti pubblicità????!!!!!!
  • tritonet scrive:
    Coopbook
    Facezoz è indubbiamente utile, altrimenti non avrebbe avuto sucXXXXX.Tuttavia se fai soldi con le mie informazioni, diventi straricco, mi fotti per contratto. Bhe allora se sul mercato in futuro esce un nuovo social-spremi-info-mkt che per fare concorrenza a facezoz ridistribuirà un po' di ricchezza agli utenti, forse vederemo una migrazione di massa. Un COOPBOOK!:-DDD eheheHo già lo slogan: Coopbook il marketing se tu!
  • must scrive:
    Amici impiccioni
    Beh come darti torto?Faccio un esempio (anzi chiedo): se un mio amico mette una foto dove compaio anch'io su FB, e ciò lo vengo a sapere da altri amici, dato che io non utilizzo FB; cosa posso fare? Se non invitarlo ad eliminare la suddetta foto.Mmmm
    • sentinel scrive:
      Re: Amici impiccioni
      - Scritto da: must
      Beh come darti torto?
      Faccio un esempio (anzi chiedo): se un mio amico
      mette una foto dove compaio anch'io su FB, e ciò
      lo vengo a sapere da altri amici, dato che io non
      utilizzo FB; cosa posso fare? Se non invitarlo ad
      eliminare la suddetta
      foto.
      MmmmSoluzione: Lettera di diffida a Fessobuuk con richiestaperentoria e minatoria di togliere immediatamente tuttii bit che ti riguardano.
      • must scrive:
        Re: Amici impiccioni
        Cioè un procedura, non proprio banale e dai risvolti non determinstici.
        • Eledril scrive:
          Re: Amici impiccioni
          Un tuo amico mette una tua foto su facebook e tu fai causa a facebook?Ma leggete quello che scrivete prima di postare?
          • krane scrive:
            Re: Amici impiccioni
            - Scritto da: Eledril
            Un tuo amico mette una tua foto su facebook e tu
            fai causa a facebook?
            Ma leggete quello che scrivete prima di postare?Bhe, fai causa al sito dove hai visto la tua foto, poi sta a facebook prendersela a sua volta con chi vuole.
          • asdasd scrive:
            Re: Amici impiccioni
            e' il modo migliore per avere un sacco di (ex) amici
          • Regur Mortis scrive:
            Re: Amici impiccioni
            ma che dici facebook non è responsabile per quello che gli utenti caricano, cosi come non lo è youtube etc... quindi se non vuoi che i tuoi amici ti caricano la lettera la mandi agli amici e ti ritrovi senza amici ovviamente ma non si può volere tutto.Puoi risolvere anche comprandoti una macchina fotografica e facendo tu le foto :D
      • Get Real scrive:
        Re: Amici impiccioni
        - Scritto da: sentinel
        Soluzione: Lettera di diffida a Fessobuuk con
        richiesta
        perentoria e minatoria di togliere immediatamente
        tutti
        i bit che ti riguardano.Allora, da una parte un'azienda multimiliardaria, potentissima, dotata di un esercito di avvocati.Dall'altra, tu.Vince il Denaro. Vince Facebook. Sarai fortunato se di te rimarrà abbastanza da farne una scatoletta di cibo per cani.
        • buh scrive:
          Re: Amici impiccioni
          proprio perchè vince il denaro toglierebbero, in maniera grezza probabilemnte. Perchè sprecare avvocati e risorse in una lenta e costosa causa quando con una frazione del lavoro ci si toglie una seccatura?Logga vah.
          • gerlos scrive:
            Re: Amici impiccioni
            - Scritto da: buh
            proprio perchè vince il denaro toglierebbero, in
            maniera grezza probabilemnte. Perchè sprecare
            avvocati e risorse in una lenta e costosa causa
            quando con una frazione del lavoro ci si toglie
            una
            seccatura?Quoto. È capitato in realtà diverse volte, e facebook senza fare una grinza ha tolto la foto in discussione dalle proprie pagine. Che l'abbia tolta dai database però non lo sappiamo e non lo sapremo mai, forse...
    • pippO scrive:
      Re: Amici impiccioni
      - Scritto da: must
      Beh come darti torto?
      Faccio un esempio (anzi chiedo): se un mio amico
      mette una foto dove compaio anch'io su FB, e ciò
      lo vengo a sapere da altri amici,Sparare al tuo EX amico? ;)
      • pippo75 scrive:
        Re: Amici impiccioni
        - Scritto da: pippO
        - Scritto da: must

        Beh come darti torto?

        Faccio un esempio (anzi chiedo): se un mio amico

        mette una foto dove compaio anch'io su FB, e ciò

        lo vengo a sapere da altri amici,
        Sparare al tuo EX amico? ;)perchè sparare quando si può fare una causa milionaria ( in euro ).se spari magari lo prendi e sporchi per terra.
  • djechelon scrive:
    Fingerprint della macchina
    Confermo al 200% la possibilità di correlare foto scattate dalla stessa macchina anche quando i tag EXIF vengono "anonimizzati", ho letto una tesi di laurea che trattava anche questo aspetto. In effetti tramite l'analisi del rumore si può verificare che una foto non sia mai stata "ritoccata" o, appunto, provenga da una ben nota macchina fotografica.Giusto per completezza aggiungo che, a differenza dei tag EXIF o dell'inchiostro giallo col numero di serie della stampante, questa "feature tracciante" non è intenzionale da parte dei produttori, ma soltanto dovuta al proXXXXX produttivo del sensore al semiconduttore.Un po' come l'inevitabile fatto che ogni arma da fuoco ha striature uniche che permettono di riconoscere il proiettile, o le varie imperfezioni che si verificano nella produzione industriale di qualsiasi oggetto al mondo (quando si va a livello microscopico)
    • Gino Felino scrive:
      Re: Fingerprint della macchina
      Perdona l'ignoranza, ma l'impronta unica lasciata dalla meccanica/ottica della macchina fotografica non risulta compromessa dalla compressione lossy del formato JPG?
      • matik scrive:
        Re: Fingerprint della macchina
        credo che quel "rumore di fondo" del sensore si possa rilevare solo su foto "RAW"
        • gips scrive:
          Re: Fingerprint della macchina
          sui raw "con precisione" sui jpg in maniera degradata e non so quanto riconoscibile, a questo punto... mha chissà...
          • Regur Mortis scrive:
            Re: Fingerprint della macchina
            non si può anche perchè quasi tutti i siti di upload eliminano ogni forma di watermark tra cui exif tra l'altro la conversione di formati aggiungono rumore quindi anche quello va a farsi benedire.PIPPE MENTALI!!!
          • gerlos scrive:
            Re: Fingerprint della macchina
            - Scritto da: Regur Mortis
            non si può anche perchè quasi tutti i siti di
            upload eliminano ogni forma di watermark tra cui
            exif tra l'altro la conversione di formati
            aggiungono rumore quindi anche quello va a farsi
            benedire.Mh. Hai provato a farti un giro su flickr? Se condivisi, puoi tranquillamente leggere i dati exif delle foto (ed è molto comodo se sei un fotografo che vuole emulare un maestro...). Anche i watermark rimangono tali.E anche se tutte queste informazioni per tracciarti singolarmente fossero degradate, incrociandole potrebbero comunque essere utili per tracciarti.
            PIPPE MENTALI!!!Per nulla. Il fatto che tu oggi non veda minacce da queste tecnologie non vuol dire che tra una settimana, un mese, un anno o dieci anni queste informazioni raccolte a tua insaputa non ti si possano rivoltare contro.L'importante è conoscere questa possibilità, "accollarsela" se uno se la vuole accollare, altrimenti evitarla se uno la vuole evitare.
        • KaysiX scrive:
          Re: Fingerprint della macchina
          Penso si possa giocare anche con questi; invece di (o oltre a) fare la sottrazione del "dark frame" dall'immagine RAW, si potrebbe aggiungere un dark frame generato casualmente per ogni immagine, confondendo l'impronta tipica di quella macchina fotografica......e resistere alla tentazione di aggiungere un commento EXIF del tipo "and now Luminol this, suckers!" :P
  • Marco scrive:
    A proposito di privacy...
    Un vecchio articolo di PI sullo stato delle PEThttp://punto-informatico.it/1811559/PI/Commenti/cassandra-crossing-stato-delle-pet.aspxinteressante, specie rivisto oggi :-)
  • jack scrive:
    bei tempi andati
    condivido molte delle tue paure e anche io quando posso evito il social network, anonimizzo, non condivido ecc eccmi piace comunque ricordare che la "privacy" (o meglio la riservatezza) è sempre stato un oggetto mica tanto garantitonella società di cinquanta anni fa, di fortissimi rapporti umani faccia a faccia, tutti "sapevano tutto" degli altri e succedeva spesso che qualcuno a te vicino agisse alle tue spalle sulla base di quello che sapeva di te... e anche allora non era possibile dominare le fughe di notizie
    • pippO scrive:
      Re: bei tempi andati
      - Scritto da: jack
      condivido molte delle tue paure e anche io quando
      posso evito il social network, anonimizzo, non
      condivido ecc
      ecc

      mi piace comunque ricordare che la "privacy" (o
      meglio la riservatezza) è sempre stato un oggetto
      mica tanto
      garantito

      nella società di cinquanta anni fa, di fortissimi
      rapporti umani faccia a faccia, tutti "sapevano
      tutto" degli altri e succedeva spesso che
      qualcuno a te vicino agisse alle tue spalle sulla
      base di quello che sapeva di te... e anche allora
      non era possibile dominare le fughe di
      notizieSi, ma erano solo i tuoi vicini, non certo macdonald
      • Guybrush scrive:
        Re: bei tempi andati
        - Scritto da: pippO
        - Scritto da: jack

        condivido molte delle tue paure e anche io[...] possibile dominare le fughe di

        notizie
        Si, ma erano solo i tuoi vicini, non certo
        macdonaldGia', ma il peggio che ti puo' fare McDonald e' prepararti un panino "mirato" sui tuoi gusti che, se mangiato tutti i giorni, ti trasformerà in una balla di colesterolo ambulante.GT
        • sentinel scrive:
          Re: bei tempi andati
          - Scritto da: Guybrush
          Gia', ma il peggio che ti puo' fare McDonald e'
          prepararti un panino "mirato" sui tuoi gusti che,
          se mangiato tutti i giorni, ti trasformerà in una
          balla di colesterolo
          ambulante."balla di colesterolo ambulante" che di conseguenza chiederà sempre più panini Schifezza con carne di poveri animali super-anabolizzati per farli crescere spaventosamente più rapidamente.
          • Nico scrive:
            Re: bei tempi andati
            incrociando i dati le assicurazioni recuperano le tue abitudini di vita, stimano il tuo rischio di infarto.. e (probabilmente andrà cosi anche da noi) non ti pagano le cure perchè te lo sei cercato ingoiando tutto quel colesterolo.
          • MaxX scrive:
            Re: bei tempi andati
            se ti sei ingozzato di panini mondezza è giusto che ti paghi le cure !!
          • GioCa83 scrive:
            Re: bei tempi andati
            OT Ma no, ma no, suvvia: lascia che si ingozzi. Tutte le cure per malattie cardiovascolari che ci costringerà a pagare saranno sempre inferiori ai risparmi che il nostro sistema previdenziale realizzerà visto che lui versa i contributi ma creperà prima e non gli saranno erogati anni di pensione...[In Olanda c'hanno studiato davvero, per dire che la tutela della salute e la cultura alimentare sono più importanti di ogni calcolo economico. Un sistema sanitario pubblico mi consente di mangiare il panino-schifezza e obbliga (...) il pubblico a impegnarsi perché io non mangi schifezze. È un circolo virtuoso, se ci s'impegna un po']Sempre grazie, Calamari.
          • pippO scrive:
            Re: bei tempi andati
            - Scritto da: sentinel
            - Scritto da: Guybrush

            Gia', ma il peggio che ti puo' fare McDonald e'

            prepararti un panino "mirato" sui tuoi gusti
            che,

            se mangiato tutti i giorni, ti trasformerà in
            una

            balla di colesterolo

            ambulante.

            "balla di colesterolo ambulante" che di
            conseguenza chiederà sempre più panini Schifezza
            con carne di poveri animali super-anabolizzati
            per farli crescere spaventosamente più
            rapidamente.Non dare scuse agli atleti dopati, già me li vedo: "non sono stato io, avevo fame e mi sono fatto due macAnabol... :D
  • anonimo scrive:
    Il vero problema
    Secondo me il vero problema e' la dabbenaggine di molta gente che si fa irretire credendo che facebook e le altre scemenze social siano "indispensabili". Basta non usarli. Ci sono gia' abbastanza pericoli per la privacy usando il computer "normalmente", perche' aggiungere l'asso di briscola?Non usate facebook. Non usate myspace. Non usate qualunque scemenza sociale che gli amici vi propinano. Guadagnerete in tempo libero e serenita'.
    • Gaglia scrive:
      Re: Il vero problema
      Concordo pienamente
    • paoloholzl scrive:
      Re: Il vero problema
      - Scritto da: anonimo
      Secondo me il vero problema e' la dabbenaggine di
      molta gente che si fa irretire credendo che
      facebook e le altre scemenze social siano
      "indispensabili". Basta non usarli. Putroppo non usarli non basta più, chi ha il tuo contatto con il tuo nome in rubrica della posta può averlo passato inconsciamente a Facebook (per trovare gentilmente i tuoi amici).Se cerco una persona con il tuo nome e cognome magari non lo trovo, ma c'é traccia che l'ho cercato.Se taggano una foto dove ci sei tu, danno a questa foto un nome e cognome (se sei registrato), ma posso comunque dire che c'eri anche tu nei commenti.E tutte le foto che ti ritraggono poste in rete possono essere rintracciate teoricamente tramite il riconoscimento facciale.Tutto questo anche se in Facebook non ci sei ...
      • Eledril scrive:
        Re: Il vero problema
        Se poi spieghi come si fa a taggare una persona che non è su facebook...
        • actuals scrive:
          Re: Il vero problema
          Si puo' tranquillamente taggare una foto con una qualunque stringa di testo (compreso quindi il nome-cognome di un non utente di fb).
    • rudy scrive:
      Re: Il vero problema
      senz'altro l'utente ci mette di suo, ma il problema centrale e' che le cose devono essere fatte in modo che un utente normale "non si faccia male" comunque.questa regola vale per tutto, leggi le istruzione di qualsiasi oggetto dato ad un consumatore, perche non dovrebbe valere anche qui?
  • pippO scrive:
    ficoooo
    Lo "taggo" subito sul mio profilo fessbuk :DSeriamente: quanto hai ragione, purtroppo... :'(
Chiudi i commenti