Google: andate e moltiplicatevi

BigG manda i suoi discepoli in giro per il Mondo affinché apprendano i costumi degli uomini e trasformino poi le proprie esperienze in ricchezza per il suo impero

Roma – “Hai mai sentito parlare di Google?” Poche le risposte positive restituite a diciotto giovani Associate Product Manager APM che si sono rivolti a sorridenti cittadini dell’India disconnessa, una delle quattro destinazioni in cui BigG li ha spediti per una vacanza formativa. A raccontare il loro grand tour è un corposo reportage di Newsweek .

Niente gavetta per i talenti in erba selezionati da BigG, pronti per essere proiettati in incarichi di responsabilità , pronti per gestire con freschezza persone più vecchie di vent’anni. Google ha semplicemente previsto per loro un training sul campo, un’esplorazione di realtà variegate e contrastanti.

Un giovane APM in un villaggio indiano Sono partiti da Shibuya , dove è localizzato il quartier generale giapponese di Google. Qui hanno dovuto affrontare una delle competizioni previste dall’addestramento: divisi in squadre con un budget di 100 dollari si sono dovuti procacciare i gadget più assurdi in circolazione sul mercato nipponico.

Seconda tappa, Pechino, dove i giovani APM hanno appreso da voci del posto come sia difficile fare affari in Cina, come sia complesso bilanciare il delicato equilibrio tra lo stile imprenditoriale scanzonato di BigG e l’austerità delle regole imposte dal governo della Repubblica Popolare, che tenta di spingere sull’autarchia favorendo i concorrenti locali.

Una realtà completamente diversa attendeva il gruppo a Bangalore. Marissa Mayer , amorevole guida del gruppo di talenti, li ha invitati a gestire al meglio le 500 rupie loro assegnate, meno di dieci euro da amministrare in una contrattazione con i mercanti locali. Un esercizio utile agli APM, che rischiano di dover affrontare situazioni simili sul posto di lavoro, caricati della responsabilità del futuro di un’azienda.
Ultima destinazione del viaggio, Tel Aviv, fervente fulcro dell’economia israeliana, dove, a conclusione del loro grand tour , i diciotto giovani si sono confrontati con la realtà imprenditoriale e tecnologica locale.

BigG ha cercato di offrire ai giovani dipendenti un’esperienza che esula dai corsi delle più prestigiose università. Ha mostrato loro realtà complesse, dalle quali trarre spunti per il prosieguo della loro carriera lavorativa. Una carriera durante la quale i pargoli spesso finiscono per inseguire progetti ambiziosi , rinunciando a lasciarsi cullare dalla cultura aziendale dinamica e totalizzante di mamma Google.
“Se il venti per cento di loro rimanesse sarebbe comunque una buona percentuale. Anche se decidessero di andarsene è altrettanto positivo per noi – chiosa con ironia Marissa Mayer – Sono certa che qualcuno di loro fonderà un’azienda che un giorno acquisiremo”.

Libertà, viaggi intorno al mondo, la possibilità di gestire compiti di responsabilità presso una struttura multiforme e vitale: c’è chi si inventa l’impossibile per entrare a far parte della schiera di APM. Ma i talenti che Google sta cercando sono rari e si riconoscono a vista: “Bastano cinque minuti per accorgersi di chi è tagliato per questo lavoro”, parola di Jeff Ferguson, il talent scout incaricato di reclutare i giovani pupilli di BigG.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti