Google annunci a performance per gli hotel

Google avvia un programma globale per albergatori partner, chiamato Pay Per Stay e pensato per far pagare l'ads solo in caso di effettiva prenotazione.
Google avvia un programma globale per albergatori partner, chiamato Pay Per Stay e pensato per far pagare l'ads solo in caso di effettiva prenotazione.

Google tende una mano agli albergatori in difficoltà in vista di una stagione estiva del tutto unica: il nuovo programma Pay Per Stay, infatti, imporrà pagamenti agli esercenti soltanto nel caso in cui la prenotazione vada a buon fine. Un progetto di pubblicità a performance, insomma, cucito appositamente sul sistema delle prenotazioni per hotel:

Le commissioni (per soggiorno), dette anche “pagamento per soggiorno” e precedentemente note come GHACP (programma Google Hotel Ads Commission Program), sono una strategia di offerta per le campagne per hotel. Questa strategia di offerta consente ai partner di pagare solo quando il soggiorno degli ospiti è stato effettivamente effettuato, eliminando così qualsiasi rischio per i partner correlato a prenotazioni cancellate.

Google, ecco il Pagamento per soggiorno

Nessun costo aggiuntivo a livello globale, insomma: Google si mette in gioco al fianco di chi acquisterà pubblicità sui propri canali attraverso un “pagamento per soggiorno” (basato sul principio della “tariffa di commissione”) disponibile da oggi.

Hotel e strutture alberghiere stanno vivendo un periodo di incertezza e difficoltà senza precedenti. Abbiamo fin da subito usato la nostra esperienza e tecnologia per implementare Pay Per Stay, la nuova funzionalità di Google Hotel Ads che permette agli hotel sostenere i costi relativi alla campagna pubblicitaria soltanto a soggiorno concluso. Grazie a Pay Per Stay, Google mette a disposizione la propria tecnologia al servizio degli hotel, garantendo loro sostegno e flessibilità per incontrare i bisogni del proprio pubblico

Filippo Fasolo, CEO di AdsHotel del gruppo Nozio

In  aggiunta, spiega Google, “verrà reso disponibile un filtro ‘cancellazione gratuita’ relativo alla ricerca delle strutture alberghiere, per dare risalto alle tariffe rimborsabili in casi di cancellazione della prenotazione da parte dell’utente“. Tutti i dettagli sul tema sono disponibili  sull’apposita guida online. Ulteriori indicazioni, inoltre, sono disponibili proprio per accompagnare i gestori di hotel durante questo periodo di grande complessità, con consigli mirati su come modificare le proprie strategie di advertising e gestire nuovi strumenti per affrontare il momento.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 05 2020
Link copiato negli appunti