Google Apps Marketplace, 1 candelina e 300 app

Dopo 365 giorni l'offerta è cresciuta di 6 volte. In attesa della svolta di Chrome OS, per traghettare tutti nella cloud

Roma – Google Apps Marketplace , il negozio di app con cui Mountain View vuole sfidare Office e le tradizionali suite per ufficio, compie un anno e raggiunge quota 300 prodotti offerti.

In 12 mesi online l’offerta è cresciuta dalle 50 applicazioni iniziali a oltre 300 .

Guardando in particolare alle esigenze delle aziende e ai programmi di gestione e suite per ufficio, con esso Google punta ad offrire strumenti web più economici rispetto alle controparti tradizionali (quali appunto Office di Microsoft). Strategicamente rilevante è la piattaforma cloud su cui si basato le app. Garantiscono inoltre integrazione con le altre app, con Gmail e gli altri prodotti Google, in quanto funzionano come applicazioni native di Mountain View.

L’obiettivo finale è quello che Google chiama 100 per cento Web : nient’altro che il Web, risorse di memoria individuale ridotte all’osso, in un ambiente in cui potranno svolgere un ruolo chiave sia il suo browser Chrome che il sistema operativo su esso basato, Chrome OS, e che fanno delle app uno strumento centrale.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ubunto scrive:
    Altra sfida ad Apple, nuovo logo!
    [img]http://img23.imageshack.us/img23/8866/melanzana.jpg[/img]Mark Shuttleworth ha dichiarato di essere orgoglioso di presentare questo logo veramente innovativo. Un nuovo passo avanti per la comunità linux grazie ad uno dei pochi capitani coraggiosi della scena.
  • Anonymous scrive:
    Re: Sono IMPAZZITI ?

    ADESSO mi vogliono mettere la SHELL UNITY ?Sì, direi che è FONDAMENTALMENTE INUTILE. Una XXXXXXX.
    Ma che vadano a quel paese, anzi, che se ne torni
    nello
    spazio.Ahuauhahuahu
  • Ottav(i)o Nano scrive:
    Re: Sono IMPAZZITI ?
    Sul mio Samsung Q1 Ultra la 9.04 è l'ultima in cui il touch screen funziona bene, da lì in poi è cambiato qualcosa (che non sono riuscito a capire malgrado le abbia provate tutte) ed il touch screen non risponde più. Però funziona la webcam, che prima non vedeva!- Scritto da: Bad Sapper
    Ma qualcuno di voi ha mai usato la SHELL UNITY ?
    Qualcuno ha avuto il coraggio di installare la
    netbook edition 10.10 e usare la UNITY
    ???
    • Darwin scrive:
      Re: Sono IMPAZZITI ?
      - Scritto da: Ottav(i)o Nano
      Però funziona la webcam,
      che prima non
      vedeva!Se la webcam è una microdia, allora il driver è stato implementato dal kernel 2.6.30 e incluso in ubuntu con la 9.10 (kernel 2.6.31).Se vuoi usare quel driver ricompila un kernel più recente sulla jaunty con il config originale e attiva il driver della tua webcam tra quelli proposti nella sezione v4l. Capitai anche io così con la mia webcam trust. All'inizio mi arrangiai con i driver microdia esterni, ma erano una noia in quanto dovevi ripetere la stessa compilazione del modulo ad ogni upgrade del kernel. Dalla 2.6.30 sono nella mainline ed ora mi sono tolto un pò di rogne dalle scatole :D
      • Ottav(i)o Nano scrive:
        Re: Sono IMPAZZITI ?
        - Scritto da: Darwin
        Se la webcam è una microdia, allora il driver è
        stato implementato dal kernel 2.6.30 e incluso in
        ubuntu con la 9.10 (kernel
        2.6.31).
        Se vuoi usare quel driver ricompila un kernel più
        recente sulla jaunty con il config originale e
        attiva il driver della tua webcam tra quelli
        proposti nella sezione v4l. Capitai anche io così
        con la mia webcam trust. All'inizio mi arrangiai
        con i driver microdia esterni, ma erano una noia
        in quanto dovevi ripetere la stessa compilazione
        del modulo ad ogni upgrade del kernel. Dalla
        2.6.30 sono nella mainline ed ora mi sono tolto
        un pò di rogne dalle scatole
        :DSi, dalla 9.10 funzionava la webcam posteriore, con l'ultima versione anche la webcam anteriore.
      • A Light In The Sky scrive:
        Re: Sono IMPAZZITI ?
        - Scritto da: Darwin
        Se vuoi usare quel driver ricompila un kernel più
        recente sulla jaunty con il config originale [...]E no eh, che esempio diamo ai neofiti? Compilare, su Ubuntu poi? :D
        Capitai anche io così con la mia webcam trust. Ubuntu + Trust? Azz, doppie condoglianze... Mi dispiace tanto :D
        All'inizio mi arrangiai
        con i driver microdia esterni, ma erano una noia
        in quanto dovevi ripetere la stessa compilazione
        del modulo ad ogni upgrade del kernel. Dalla
        2.6.30 sono nella mainline ed ora mi sono tolto
        un pò di rogne dalle scatole
        :DPer tua informazione, esisteva almeno un'altra soluzione, più comoda: dkms (se ricordo bene :D)), utile anche, ad esempio, per i driver proprietari NVIDIA.
        • Darwin scrive:
          Re: Sono IMPAZZITI ?
          - Scritto da: A Light In The Sky
          E no eh, che esempio diamo ai neofiti? Compilare,
          su Ubuntu poi?
          :DNon uso più ubuntu ormai ;)Beh quando mancava il driver quella era l'unica procedura possibile. Oggi non serve più.
          Ubuntu + Trust?
          Azz, doppie condoglianze... Mi
          dispiace tanto
          :DPer ubuntu, l'ho detto sopra.Per la webcam lo so. Neanche a me piacciono i prodotti trust (specie tastiere e mouse :@ ).Ma sinceramente è un dettaglio insignificante, visto che la webcam non la uso nemmeno.
          Per tua informazione, esisteva almeno un'altra
          soluzione, più comoda: dkms (se ricordo bene
          :D)),Non amo dkms. All'inizio della mia migrazione verso il pinguino non lo conoscevo. Tra l'altro ogni volta che aggiornavo il kernel il driver andava reinstallato, quindi non credo che dkms abbia mai fatto il suo dovere. Ma non lo conosco bene e non ho mai approfondito più di tanto visto che è un tool che non uso.
          utile anche, ad esempio, per i driver
          proprietari
          NVIDIA.Preferisco compilarmeli da me ;)Tra l'altro nella mia distro non è nemmeno presente di default. Dovrei compilarlo e pacchettizzarlo, ma sinceramente non ne vedo l'utilità.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2011 16.32-----------------------------------------------------------
          • A Light In The Sky scrive:
            Re: Sono IMPAZZITI ?
            - Scritto da: Darwin
            Non uso più ubuntu ormai ;)
            Beh quando mancava il driver quella era l'unica
            procedura possibile. Oggi non serve
            più.Pensavo ai neofiti, soprattutto ;)
            Per ubuntu, l'ho detto sopra.
            Per la webcam lo so. Neanche a me piacciono i
            prodotti trust (specie tastiere e mouse :@).Ho comprato una tastiera Trust ed ho avuto modo di leggere altri pareri (negativi) dopo.
            Non amo dkms.Beh, mi è capitato di usarlo e l'ho trovato comodo, ma non credo di essermene proprio innamorato :P
            All'inizio della mia migrazione
            verso il pinguino non lo conoscevo. Tra l'altro
            ogni volta che aggiornavo il kernel il driver
            andava reinstallato, quindi non credo che dkms
            abbia mai fatto il suo dovere.A me su Ubuntu aveva funzionato, forse ti mancavano gli header...
            Preferisco compilarmeli da me ;)Io preferisco driver aperti e AMD, che tra l'altro uso regolarmente :D
            Tra l'altro nella mia distro non è nemmeno
            presente di default. Dovrei compilarlo e
            pacchettizzarlo, ma sinceramente non ne vedo
            l'utilità.A che distribuzione sei passato? Mi sembra una minore... (ghost)
          • Darwin scrive:
            Re: Sono IMPAZZITI ?
            - Scritto da: A Light In The Sky
            Io preferisco driver aperti e AMD, che tra
            l'altro uso regolarmente
            :DPurtroppo i nouveau ancora sono penosi sull'accelerazione grafica.Purtroppo mi tocca usare gli nvidia proprietari. :(
            A che distribuzione sei passato? Mi sembra una
            minore...
            (ghost)Slackware ;)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 19 marzo 2011 17.56-----------------------------------------------------------
  • benkj scrive:
    Re: Sono IMPAZZITI ?
    Ma qual'e' il problema? Canonical va elogiata per cercare di portare un po' d'aria fresca nel mondo Linux, che essendo da sempre rivolto ai server ha sempre cercato la stabilita' piu' che le nuove caratteristiche.Se non vuoi accettare i cambiamenti puoi continuare ad usare una vecchia LTS o passare ad altre distribuzioni (il bello di Linux e' anche questo), come Debian: e' uscita da poco la 6.0 con pacchetti di 3 anni fa... Se tutto va bene (per te) anche quando uscira' la nuova versione non si saranno neanche accorti dell'uscita di Unity e Gnome Shell
  • benkj scrive:
    e le EFL?
    Il vecchio netbook launcher funzionava bene. Perche' hanno deciso di abbandonare completamente EFL in favore di Qt?
  • Bad Sapper scrive:
    Re: Sono IMPAZZITI ?
    Sono d'accordo ma mi preoccupa quando loro vanno in una direzione, tendono ad ottimizzare tutto perché funzioni in quella direzione. Solo togliere evolution per mettere Thunderbird, fino a qualche distro fa ti disinstallava Ubuntu Desktop (adesso no per fortuna). La vedo molto male in questo senso.
  • Torsolo scrive:
    Re: Sono IMPAZZITI ?
    - Scritto da: gnulinux86
    Io con la 10.04, 0 problemi, ma non in
    Virtualbox, installazione classica.Idem
  • iRoby scrive:
    Alla grande col touch
    Ne vedremo delle belle con i tablet X86.Lo portassero anche su ARM...http://www.tomshw.it/cont/news/ubuntu-scarta-gnome-shell-il-futuro-e-unity/27717/1.html[yt]q25lYk75dcA[/yt]
    • logicuz scrive:
      Re: Alla grande col touch
      - Scritto da: iRoby
      Ne vedremo delle belle con i tablet X86.

      Lo portassero anche su ARM...

      http://www.tomshw.it/cont/news/ubuntu-scarta-gnome
      musica fa schifounica applicazione interessante il solitario klondikeaddirittura la command line (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      [yt]q25lYk75dcA[/yt]
      • iRoby scrive:
        Re: Alla grande col touch
        Sì sì come no, Linux fa solo toast pizzette...[yt]Co3FONI6kHU[/yt]Si aprono un mare di possibilità anche ibride sia per i tablet pc con tastiera fisica che per i vari pad.[yt]gj590HkBwYg[/yt]
    • vistabuntu.wordpress.com scrive:
      Re: Alla grande col touch
      - Scritto da: iRoby
      Ne vedremo delle belle con i tablet X86.

      Lo portassero anche su ARM...

      http://www.tomshw.it/cont/news/ubuntu-scarta-gnome

      [yt]q25lYk75dcA[/yt]Pare un ibrido desktop - tablet. La tastiera e' scomodissima, e molti comandi ancora derivano dalla versione desktop...si spera che col tempo miglioreranno.
      • iRoby scrive:
        Re: Alla grande col touch
        Mah dal video capisco che il touchscreen è resistivo e a singola via, ed anche poco preciso e che necessita una certa pressione ad ogni tocco.Chissà come va su nuovi tablet Atom 16:9 capacitivi multitouch.Spero di comprarne uno anche cinese prima dell'uscita di questa Ubuntu 10.10. già adesso si prendono intorno ai 250 con Atom N450, 1G di ram e 160GB di hd Sata. Poi data la mancanza di un tasto specifico come il tasto Home dei terminali pensati per Android, alcune funzioni vanno fatte con alcune gestures come lo zigzag che gli vedi fare con le dita per accedere all'elenco delle miniature delle finestre...D'altronde un sistema operativo con una GUI completa è più sofisticato di un Android o iOS, per cui il terminale dovrebbe avere qualche tasto in più specifico, oppure si ripensa ad una GUI come hanno fatto Android, Bada, Meego.Unity sembra voler semplificare la GUI, ottimizzarla per display piccoli wide con risoluzioni WSVGA o WSXGA come i netbook o i tablet 16:9.
        • vistabuntu.wordpress.com scrive:
          Re: Alla grande col touch
          - Scritto da: iRoby
          Mah dal video capisco che il touchscreen è
          resistivo e a singola via, ed anche poco preciso
          e che necessita una certa pressione ad ogni
          tocco.
          Chissà come va su nuovi tablet Atom 16:9
          capacitivi
          multitouch.
          Spero di comprarne uno anche cinese prima
          dell'uscita di questa Ubuntu 10.10. già adesso si
          prendono intorno ai 250 con Atom N450, 1G di ram
          e 160GB di hd Sata.


          Poi data la mancanza di un tasto specifico come
          il tasto Home dei terminali pensati per Android,
          alcune funzioni vanno fatte con alcune gestures
          come lo zigzag che gli vedi fare con le dita per
          accedere all'elenco delle miniature delle
          finestre...

          D'altronde un sistema operativo con una GUI
          completa è più sofisticato di un Android o iOS,
          per cui il terminale dovrebbe avere qualche tasto
          in più specifico, oppure si ripensa ad una GUI
          come hanno fatto Android, Bada,
          Meego.
          Unity sembra voler semplificare la GUI,
          ottimizzarla per display piccoli wide con
          risoluzioni WSVGA o WSXGA come i netbook o i
          tablet
          16:9.Il problema, almeno secondo me,e' che stanno cercando di creare una interfaccia ibrida, che secondo loro dovrebbe andare bene sia sui desktop che sui tablet. Ma come fare dico io? molti "Oggetti" nel vero senso della parola, nascono per i desktop (combobox, textbox abbinate a tastiere a schermo), e per adattarli ai tablet dovrebbero essere "reinventati" gli ottetti stessi che compongono l'interfaccia. Mi chiedo quanto questo sia possibile, ed in che tempo e denaro, visto l'avanzata di iOS che ad oggi utilizza oggetti che sono pienamente compatibili con le interfacce touch. Ricordiamoci anche che, pensando ai tablet come desktop, Microsoft e' fallita miseramente con il suo tentativo di trasporre un OS desktop su tablet (slate?).A mio parere, canonical se vuole inserirsi in questo mercato, oltre a stringere accordi FORTI con produttori di hardware e negozi di vendita (apple se la gioca soprattutto nella diminuzione di prezzi dovuta a questi due elementi), dovrebbe rivedere seriamente l'interfaccia grafica. Purtroppo penso che nel 2011 all'utente comunue utilizzatore di tablet non nerd poco interessi se cliccando col dito su un bel pulsante, si vede comparire il terminale (ammesso che sappia cosa sia).
          • iRoby scrive:
            Re: Alla grande col touch
            A me piacerebbe molto avere un tablet comodo ed efficace con Ubuntu Linux.Poi per Linux le interfacce sono intercambiabili, ora basta un comando e ti diventa Gnome, KDE, Xfce.Se Unity fa lavorare bene con i tablet per me va bene, la userò su un tablet tra quelli che stanno arrivando sempre più belli e ricchi di features quando viaggio e non voglio la scomodità di un notebook.E mi ci metto un'interfaccia desktop personalizzata da me quando uso il netbook con tutti i miei strumenti di lavoro e programmazione.Io ho provato un tablet con Windows 7 ma sinceramente tutta questa comodità non mi è sembrata. Molto meglio quelli con Android, che però anche lui ha i suoi problemi essendo nato su smartphone e quindi molte applicazioni sono per schermi piccoli e la risoluzione maggiore di un tablet non viene sfruttata.Forse Android 3.0 cambierà parecchio le cose, ma devono essere anche le applicazioni a prevedere di girare indistintamente su telefono o su pad.Siamo in un periodo di transizione, in questo periodo si provano diverse strade e quando il mercato dei tablet sarà maturo vedrai affinare numerosi prodotti e le loro interfacce. Ora come ora mi spiace dirlo ma sono i prodotti Apple quelli meglio studiati e più efficaci, ma perché sono anche 3 prodotti soli proprietari.Solo che io dentro un apparecchio Apple ci sto come dentro un maglione stretto a collo alto che mi punzecchia la pelle. Mi danno fastidio e mi sento asfissiare... :)
          • vistabuntu.wordpress.com scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: iRoby
            A me piacerebbe molto avere un tablet comodo ed
            efficace con Ubuntu
            Linux.
            Poi per Linux le interfacce sono intercambiabili,
            ora basta un comando e ti diventa Gnome, KDE,
            Xfce.
            Se Unity fa lavorare bene con i tablet per me va
            bene, la userò su un tablet tra quelli che stanno
            arrivando sempre più belli e ricchi di features
            quando viaggio e non voglio la scomodità di un
            notebook.
            E mi ci metto un'interfaccia desktop
            personalizzata da me quando uso il netbook con
            tutti i miei strumenti di lavoro e
            programmazione.

            Io ho provato un tablet con Windows 7 ma
            sinceramente tutta questa comodità non mi è
            sembrata. Molto meglio quelli con Android, che
            però anche lui ha i suoi problemi essendo nato su
            smartphone e quindi molte applicazioni sono per
            schermi piccoli e la risoluzione maggiore di un
            tablet non viene
            sfruttata.
            Forse Android 3.0 cambierà parecchio le cose, ma
            devono essere anche le applicazioni a prevedere
            di girare indistintamente su telefono o su
            pad.

            Siamo in un periodo di transizione, in questo
            periodo si provano diverse strade e quando il
            mercato dei tablet sarà maturo vedrai affinare
            numerosi prodotti e le loro
            interfacce.

            Ora come ora mi spiace dirlo ma sono i prodotti
            Apple quelli meglio studiati e più efficaci, ma
            perché sono anche 3 prodotti soli
            proprietari.
            Solo che io dentro un apparecchio Apple ci sto
            come dentro un maglione stretto a collo alto che
            mi punzecchia la pelle. Mi danno fastidio e mi
            sento asfissiare...
            :)Pienamente d'accordo su tutto.
    • Bad Sapper scrive:
      Re: Alla grande col touch
      Wow, bellissimo. Chi mi sa adesso quantificare il numero di secondi necessari per raggiungere un programma trascinando invece la unity col mouse o col pad tra diciamo 200 programmi diversi che normalmente si trovano sul desktop di lavoro di un programmatore medio ? - Scritto da: iRoby
      Ne vedremo delle belle con i tablet X86.

      Lo portassero anche su ARM...

      http://www.tomshw.it/cont/news/ubuntu-scarta-gnome

      [yt]q25lYk75dcA[/yt]
      • iRoby scrive:
        Re: Alla grande col touch
        È ovvio che un tale tipo di utente non può usare Unity e display piccoli con risoluzioni basse come i tablet che sono macchinette per la connettività mobile, navigazione, lettura, comunicazione.Se devi usarlo per lo scopo che hai scritto ti rivolgi ad altra GUI e soprattutto altro tipo di monitor con un minimo di 1440x900 o più di risoluzione.La Dell fino a qualche tempo fa faceva anche laptop con display 15,6" e 17" da 1680x1050 o addirittura 1920x1200.
        • Bad Sapper scrive:
          Re: Alla grande col touch
          PS : Guarda che Linux ha sempre girato su ARM, Debian è da un bel pò che è stata portata e Ubuntu gira su arm da almeno un paio di anni.http://www.youtube.com/watch?v=iEovlXFKm84
      • panda rossa scrive:
        Re: Alla grande col touch
        - Scritto da: Bad Sapper
        Wow, bellissimo. Chi mi sa adesso quantificare il
        numero di secondi necessari per raggiungere un
        programma trascinando invece la unity col mouse o
        col pad tra diciamo 200 programmi diversi che
        normalmente si trovano sul desktop di lavoro di
        un programmatore medio ?200 programmi diversi?Io ho solo 3 icone: quella del browser, quella del terminale, e quella del file manager a doppio pannello.
        • Prozac scrive:
          Re: Alla grande col touch
          - Scritto da: panda rossa
          200 programmi diversi?
          Io ho solo 3 icone: quella del browser, quella
          del terminale, e quella del file manager a doppio
          pannello.Mi sembra abbia parlato di programmatori...
          • nome e cognome scrive:
            Re: Alla grande col touch

            Sì, scrivi in binario.. ma per favore!Giovanotto eh?
          • FDG scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: panda rossa

            Mi sembra abbia parlato di programmatori...

            Per questo ho detto la mia.Qualche script di shell non ti definisce un programmatore medio.Io non arrivo a 200 ma tengo aperti Eclipse, almeno due browser, più finestre del file manager, più finestre di shell, un editor, sqldeveloper, soapui, skype, il client di posta...
          • panda rossa scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: panda rossa



            Mi sembra abbia parlato di programmatori...



            Per questo ho detto la mia.

            Qualche script di shell non ti definisce un
            programmatore
            medio.No, ma 25 anni di attivita' remunerata, forse si...
            Io non arrivo a 200 ma tengo aperti Eclipse,
            almeno due browser, più finestre del file
            manager, più finestre di shell, un editor,
            sqldeveloper, soapui, skype, il client di
            posta...tenere aperti != avere icona sul desktop
          • FDG scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: panda rossa

            Qualche script di shell non ti definisce un

            programmatore

            medio.

            No, ma 25 anni di attivita' remunerata, forse
            si...Ti definisce un programmatore, non un programmatore "medio", cioè con esigenze che rientrano nella media.

            Io non arrivo a 200 ma tengo aperti Eclipse,

            almeno due browser, più finestre del file

            manager, più finestre di shell, un editor,

            sqldeveloper, soapui, skype, il client di

            posta...

            tenere aperti != avere icona sul desktopSi, perché si aprono da soli.Le icone che apro più frequentemente le tengo sulla barra del menu di ubuntu in alto. Le altre le raggiungo dal menu' delle applicazioni.
          • Bad Sapper scrive:
            Re: Alla grande col touch


            Le icone che apro più frequentemente le tengo
            sulla barra del menu di ubuntu in alto. Le altre
            le raggiungo dal menu' delle
            applicazioni.Esatto, e le altre per favore le voglio in un menù, non mischiate nella stessa barra sul fianco e possibilmente sempre nello stesso posto, senza che qualcuno decida di spostarmele in modo che non le riesca più a trovare.Sto unsando un sistema operativo non un cacchio di Bookmarks accidenti !
          • panda rossa scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: shevathas

            il file manager per cercare ed aprire i files

            il terminale per lanciare il compilatore

            il browser per testare l'applicazione

            e per scriverla ? o usi il browser anche per
            scaricarla
            ?Quale parte di "il file manager per aprire i files" non ti e' chiara?Per scriverla dal nulla premo F7 sul file manager che mi crea un nuovo file.
          • shevathas scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas



            il file manager per cercare ed aprire i files


            il terminale per lanciare il compilatore


            il browser per testare l'applicazione



            e per scriverla ? o usi il browser anche per

            scaricarla

            ?

            Quale parte di "il file manager per aprire i
            files" non ti e'
            chiara?
            Per scriverla dal nulla premo F7 sul file manager
            che mi crea un nuovo
            file.e la scrivi con il file manager ?
          • panda rossa scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: shevathas





            il file manager per cercare ed aprire i
            files



            il terminale per lanciare il compilatore



            il browser per testare l'applicazione





            e per scriverla ? o usi il browser anche per


            scaricarla


            ?



            Quale parte di "il file manager per aprire i

            files" non ti e'

            chiara?

            Per scriverla dal nulla premo F7 sul file
            manager

            che mi crea un nuovo

            file.

            e la scrivi con il file manager ?Ma sto parlando con ruppolo travestito?Dal file manager, con doppio click, o con tasto destro/apri con... posso aprire il file con l'editor o con altra roba.Altrimenti da linea di comando faccio vi nomefile.Quando abbiamo finito con le domande stupide, posso passare a rispondere a qualcosa di piu' significativo?
          • Prozac scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: panda rossa
            No, non tutti, ci mancherebbe.
            La roba mia e' pochissima in confronto a tutto
            quello che c'e'
            la'.Mah... forse non hai capito la mia domanda allora...A me parlare di sourceforge non interessa molto. Ero interessato al tuo concetto di programmazione, e quindi ti avevo chiesto se potevi farmi vedere alcuni tuoi programmi. Tutto qui
    • FDG scrive:
      Re: Alla grande col touch
      - Scritto da: iRoby
      Ne vedremo delle belle con i tablet X86.

      Lo portassero anche su ARM...

      http://www.tomshw.it/cont/news/ubuntu-scarta-gnomeCioè, il filmato è accelerato e già si vede che è poco reattiva. E a velocità normale com'è?Poi, questa specie di ibrido desktop/touch dubito che abbia qualche possibilità con la concorrenza che c'è e che è anche molto più avanti.Se continuano così mi sa che mollo Ubuntu.
      • iRoby scrive:
        Re: Alla grande col touch
        Ma sono solo io che la trovo ottima la Ubuntu?In casa ho un server con la 10.04 LTS che va a meraviglia, con CPU Intel Dual Core E5300 raffreddato con ventolona grande e silenziosa e alimentatore anch'esso stabile e con ventola da 12cm.Ci girano da anni 3 siti molto trafficati e un forum con centinaia di utenti molto attivi. Ci tengo anche Virtual Box dove lancio Solaris o Linux con Oracle 10g per lo sviluppo di applicazioni che usano Oracle.E la aggiorno regolarmente, ma solo dopo essermi documentato e avere verificato che le nuove distro si stabilizzino. Ossia non installo subito l'ultima novità, ma lascio che escano i primi aggiornamenti e si dimostri più stabile e affinata.Sul portatile un Acer Timeline 1810TZ uso la 10.10 e funziona tutto alla perfezione, compresa la sospensione e il wake-up, tanto che non lo spengo più ma lo metto solo in sospensione.Tornando ai tablet Intel, la piattaforma Atom NM10 è ben supportata da Linux e quindi confido che i tablet Atom-based funzioneranno in ogni loro componente.E i tablet cinesi economici ma ben fatti con schermo capacitivo multitouch sono appetibili per installarci Linux perché vengono tutti venduti con una versione gratuita di valutazione di Windows 7 che poi scade. Perché Win7 sui tablet incide per circa 60-80 del prezzo.Tablet con Ubuntu Unity sarebbero l'ideale per affiancarsi a ciò che già propone il mercato.E se continua l'attuale trend di standardizzazione del web, pian piano non avrà più importanza se si usa Windows o qualsiasi altra cosa di alternativo, perché saranno tanti i device e sistemi operativi che userà la gente per fruire del web e per piccola produttività personale.E lo spazio per Linux c'è...
        • panda rossa scrive:
          Re: Alla grande col touch
          - Scritto da: iRoby
          Ma sono solo io che la trovo ottima la Ubuntu?No, sono solo loro che non la sanno usare per limiti sinaptici.E ci tengono a farlo sapere.
        • FDG scrive:
          Re: Alla grande col touch
          - Scritto da: iRoby
          Ma sono solo io che la trovo ottima la Ubuntu?Aspetta. A me va bene così com'è. Se però me la fanno diventare come quella dei video, non mi rimane che cercare altre soluzioni.
          Tornando ai tablet Intel, la piattaforma Atom
          NM10 è ben supportata da Linux e quindi confido
          che i tablet Atom-based funzioneranno in ogni
          loro componente.Intel sui tablet al posto di ARM?
          E lo spazio per Linux c'è...Si, come Android, tra un anno, un anno e mezzo.
          • iRoby scrive:
            Re: Alla grande col touch
            Ma non credo che nessuno ti tolga Xfce e ci sarà sempre una XUbuntu leggera e tradizionale.È la mainstream che vogliono semplificare e attualizzare per la diffusione dei netbook e device mobili.In quanto al tuo commento su Android, io direi che ormai è talmente diffuso e ci sono talmente tante applicazioni che è di fatto un grande protagonista. Suscita talmente tanta invidia che Bada, Meego e WebOS sono la prova che altre aziende vogliono imitarne il sucXXXXX.Linux sui tablet, ARM o Atom che siano è un più per l'utente che viene già da Linux e lo vuole con tutte le sue potenzialità anche su un tablet.Parlo di Atom solo perché un tablet Atom non è altro che un netbook senza tastiera e col touchscreen. Ci installi al volo una distro x86 di Linux e lo sfrutti immediatamente, con il supporto al touchscreen. Ed essendo x86 c'è già tutto il parco software compilato senza dover fare il porting su ARM di nulla. Ci gira anche Moonlight e Flash per Linux.Tanto è vero che se metti uno di questi tablet su un piedistallo e ci attacchi una tastiera ed un mouse ridiventa un netbook x86. E gli ultimi hanno perfino il display da 10.2" a 1366x768 pixel.
          • FDG scrive:
            Re: Alla grande col touch
            - Scritto da: iRoby
            In quanto al tuo commento su Android, io direi
            che ormai è talmente diffuso e ci sono talmente
            tante applicazioni che è di fatto un grande
            protagonista...Android tablet ha bisogno di device e di applicazioni per la nuova versione. Sui device i produttori ancora devono fare esperienza, come purtroppo hanno dimostrato. E il software va sviluppato, anche se questo mi pare sia il problema minore. Quindi, prima di un anno, un anno e mezzo Android non avrà molta rilevanza (cioè, per capirci che calcolo faccio, prima del natale 2012).
            Suscita talmente tanta invidia che
            Bada, Meego e WebOS sono la prova che altre
            aziende vogliono imitarne il sucXXXXX.Ehm, WebOS è arrivato sul mercato prima di Android. Semplicemente Palm non è stata in grado di promuoverlo adeguatamente.Comunque parliamo di tablet, non di smartphone.
            Linux sui tablet, ARM o Atom che siano è un più
            per l'utente che viene già da Linux e lo vuole
            con tutte le sue potenzialità anche su un
            tablet.Cioè, senza offesa, quattro gatti.
            Parlo di Atom solo perché un tablet Atom non è
            altro che un netbook senza tastiera e col
            touchscreen. Ci installi al volo una distro x86
            di Linux e lo sfrutti immediatamente, con il
            supporto al touchscreen...A questo punto meglio un netbook.
            Ed essendo x86 c'è già
            tutto il parco software compilato senza dover...Si, certo, usi Open Office con l'interfaccia touch... già sentite...Robe del genere sono semplicemente inutilizzabili. Certo, i quattro gatti a cui piacciono sono liberissimi di usarle. Sono decisioni rispettabili. Ma nulla che possa aver un sucXXXXX significativo.
  • nome e cognome scrive:
    a proposito di borsa...
    Tempo fa i linari si sono esaltati per il passaggio di london stock exchange ad una piattaforma basata su linux, chissà com'è andata a finire? TIME LINE | TECHNOLOGICAL GLITCHES ON THE LSE27 February 2011: LSE website hit by virus hosted in an advert provided by an external agency. Warnings tell users their internet security could be compromised.25 February 2011: LSE suspends trading at 8.03am after it discovers a real time data dissemination issue. Trading opens again four hours later at 12:15, LSE chief executive Xavier Rolet apologises for the glitch.15 February 2011: A glitch causes trading to run over by 43 seconds. Some prices are displayed incorrectly. The LSE blames vendors of its data for the error.14 February 2011: LSE migrates to faster Linux based trading technology provided by Millenium IT in an attempt to put past glitches behind it.E poi ricordando che Borsa Milano usa la stessa piattaforma...http://qn.quotidiano.net/economia/2011/02/22/462961-borsa_milano_sospesa_problema_tecnico.shtmlOoops... un affarone.
    • zaor scrive:
      Re: a proposito di borsa...
      - Scritto da: nome e cognome

      TIME LINE | TECHNOLOGICAL GLITCHES ON THE LSE

      27 February 2011: LSE website hit by virus hosted
      in an advert provided by an external agency.
      Warnings tell users their internet security could
      be
      compromised.

      25 February 2011: LSE suspends trading at 8.03am
      after it discovers a real time data
      dissemination issue. Trading opens again four
      hours later at 12:15, LSE chief executive Xavier
      Rolet apologises for the
      glitch.

      15 February 2011: A glitch causes trading to run
      over by 43 seconds. Some prices are displayed
      incorrectly. The LSE blames vendors of its data
      for the
      error.

      14 February 2011: LSE migrates to faster Linux
      based trading technology provided by Millenium IT
      in an attempt to put past glitches behind
      it.

      Ooops... un affarone.si ma leggila tutta la notizia, sopratutto:Netcraft cyber security analyst Paul Mutton, who monitors internet safety for firms including BT and Lloyds of London, said: Malware uses vulnerabilities in the software on your computer to run a piece of code. It pretends to be antivirus software then claims your computer is infected.The user is then practically extorted into paying for the malware to fix the artificial problem.http://yep.it/dfwdgECOC
      • nome e cognome scrive:
        Re: a proposito di borsa...

        si ma leggila tutta la notizia, sopratutto:Devo leggerla io tutta? Il virus è solo l'ultima delle fantastiche feature del fantastico linux alla LSE e MIB. Almeno quella su .NET si è piantata una volta sola in anni... questa dopo un mese si è già schiantata 3 volte.Vediamo quanto ci metteranno a tornare indietro, come del resto fanno tutti...
        • ulas scrive:
          Re: a proposito di borsa...
          - Scritto da: nome e cognome

          si ma leggila tutta la notizia, sopratutto:

          Devo leggerla io tutta? Il virus è solo l'ultima
          delle fantastiche feature del fantastico linux
          alla LSE e MIB. Almeno quella su .NET si è
          piantata una volta sola in anni... questa dopo un
          mese si è già schiantata 3
          volte.

          Vediamo quanto ci metteranno a tornare indietro,
          come del resto fanno
          tutti...ahaha... tornare indietro appunto, regredire su M$http://www.highseverity.com/2011/02/london-stock-exchange-hit-by-malware.htmltorna a rifare gli esami di informatica al cepu
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: a proposito di borsa...
      Notizia completamente falsa!L'allarme era stato lanciato pure da quel furbacchione di Attivissimo senza alcuna verifica. E meno male che proprio lui fa il cacciatore di bufale.Poi si è scoperto che si trattava di un banner pubblicitario ospitato su un server che non c'entra nulla con la Borsa di Londra.Notizia iniziale di Attivissimo: "In questo momento Londonstockexchange.com, sito ufficiale della Borsa di Londra, viene segnalato come sito pericoloso dai sistemi automatici di Google: distribuisce un falso antivirus per Windows. Brutta notizia per gli appassionati di Borsa, ma anche del software libero, perché secondo Netcraft il sito usa appunto Linux" Successiva smentita dello stesso Attivissimo: "HighSeverity ha chiarito che il sito veicolava malware tramite un sito pubblicitario esterno che ora è stato bloccato. Linux non c'entra." Ma andate a zappare!
    • iRoby scrive:
      Re: a proposito di borsa...
      Ad oggi il migliori sistema di trading online è un cluster Red Hat Enterprise con Oracle 11g, una piattaforma software dedicata.Ha abbattuto i costi e migliorato le prestazioni di qualsiasi soluzione basata su Solaris Sunfire multipartizionabili sempre con Oracle.Le hanno testate nel gruppo Intesa Sanpaolo e in altre grandi banche europee.Di Windows nessuna traccia in questo tipo di applicazioni... E nessuno lo vuole ovviamente...
      • banca scrive:
        Re: a proposito di borsa...
        - Scritto da: iRoby
        Ad oggi il migliori sistema di trading online è
        un cluster Red Hat Enterprise con Oracle 11g, una
        piattaforma software
        dedicata.

        Ha abbattuto i costi e migliorato le prestazioni
        di qualsiasi soluzione basata su Solaris Sunfire
        multipartizionabili sempre con
        Oracle.

        Le hanno testate nel gruppo Intesa Sanpaolo e in
        altre grandi banche
        europee.

        Di Windows nessuna traccia in questo tipo di
        applicazioni... E nessuno lo vuole
        ovviamente...merito di linux o del miglior dmbs in commercio?
    • collione scrive:
      Re: a proposito di borsa...
      e quindi? i bug dei software applicativi sono colpa di linux?ti ricordi il blocco della borsa di Londra dovuto a windows ce? si si proprio quello che tu spacci per un sistema hard realtimealmeno in questo caso hanno capito che bisognava aggiungere server, lì invece ( fatte le dovute analisi ) capirono che era proprio il sistema operativo a fare fiascoGET THE FACTS (rotfl)
    • western scrive:
      Re: a proposito di borsa...
      no, la borsa di milano non usa la stessa piattaforma, buffone, ma è ancora a .net, e si pianta ogni tre x due... E poi, in quei giorni si sono avuti problemi anche su altre borse eutropee che non hanno linux, quindi prima di sparare XXXXXXXte informati un po'...
  • collione scrive:
    Re: Sono IMPAZZITI ?
    inutile che t'inXXXXXubuntu ha scelto unitygnome ha scelto gnome-shell che è del tutto simile a unity ( hanno tolto pure i pulsanti per massimizzare/minimizzare )evidentemente il trend oggi è questose non ti piace ubuntu puoi sempre cambiare distribuzione e installare kde4 che è un DE vecchio stile
    • Torsolo scrive:
      Re: Sono IMPAZZITI ?
      - Scritto da: collione
      se non ti piace ubuntu puoi sempre cambiare
      distribuzione e installare kde4 che è un DE
      vecchio
      stileVero e KDE adesso merita. Se si vuole restare su Ubuntu, c'è Kubuntu. Poi c'è LXDE che non è male, pur coi suoi limiti.
      • Piero scrive:
        Re: Sono IMPAZZITI ?

        Vero e KDE adesso merita. Se si vuole restare su
        Ubuntu, c'è Kubuntu. Poi c'è LXDE che non è male,
        pur coi suoi
        limiti.Dopo duemila distro provate, con lo scopo di usare KDE su un sistema Debian, dico la mia: non ne ho trovata una che fosse stabile _E_ veloce da mettere su. O l'una (Debian, aptosid, antix) o l'altra (Kubuntu, Mint KDE).Non sono un esperto Linux, ma so cmq metterci le mani quel tanto che basta. Ma il portatile lo uso al lavoro e non posso permettermi di rimanere intrappolato in un problema di configurazione. Alla fine, a chi piace KDE e vuole un sistema gestibile, consiglio solo OpenSuse o Fedora. Se poi uno volesse smanettare Kubuntu è da sconsigliare lo stesso, e suggerirei Arch o Chakra.
        • Torsolo scrive:
          Re: Sono IMPAZZITI ?
          Sto scrivendo da Kubuntu 10.04 Lucid Lynx e mi trovo benissimo. Stabile e veloce. Opensuse: installata e disistallata. Fedora: problemi di stabilità. A proposito, la galleria degli orrori di Opensuse di Pollycoke :Dhttp://pollycoke.org/2010/10/31/fotorecensione-di-kde-4-5-2-e-opensuse-11-3/2/
          • Piero scrive:
            Re: Sono IMPAZZITI ?
            Se ti trovi bene, continua con Kubuntu. Per la verità della 10.04 ne ho letto solo male, a partire proprio da Pollycoke: http://pollycoke.org/2010/04/30/che-ce-di-lts-in-kubuntu-10-04/Ma ho letto anche di peggio... così alla fine ho provato la Mint KDE 9, che non è malaccio. Però è tutto un guazzabuglio di applicazioni Gnome e KDE e le varie applicazioni sono buttate lì ad XXXXXXXm. KpackageKit per esempio crasha in continuazione.Ho provato la ultimissima Opensuse 11.4 e devo dire che non c'è paragone, il sistema è coerente, la scheda grafica è gestita per bene fin dall'avvio in Live (e non è merito solo di KDE 4.6, ho provato anche la Mint 10 KDE, con la stessa versione, ed è stato un disastro) e in generale mi sembra che si sia un feeling reale con KDE e non solo un matrimonio di convenienza. Cmq è opinione diffusa che Opensuse sia la distro che si sposa meglio con KDE, non ho link ma ho girato quanti + forum e recensioni possibile.Per la Fedora so che è un pò + "on the edge", ma chiamarla instabile mi sembra eccessivo.
    • Bad Sapper scrive:
      Re: Sono IMPAZZITI ?
      Ci si XXXXXXX per modo di dire ovviamente.Io arrivo da KDE 2 e poi 3, ho usato quel gioiello per cinque o sei anni.Poi ho iniziato a usare la 4 che non mi permetteva di fare più nulla, non era configurabile ed era piena di nuove features che però non erano ancora state implementate.Ho iniziato con la 4.1 che doveva essere stabile ma non lo era, poi la 4.2 che doveva essere stabile ma non lo era, alla 4.3. Apprezzavo particolarmente il menù copiato da Vista di Novell era una meraviglia e il desktop dove non si potevano mettere le icone ma poi si poteva però non erano più icone.Ho riprovato la Kubuntu mi pare con la 4.6 che mi han detto che era stabile, mi voleva obbligare a installare MySQL per usare il messenger e non partiva nemmeno la posta.Piangendo (sempre per modo di dire) ho rinunciato e sono passato a Gnome, dopo qualche mese ho incominciato ad abituarmi, ora mi trovo bene e adesso ovviamente me lo cambiano con qualcosa di completamente diverso.Non sono molto felice per questo.
      • Torsolo scrive:
        Re: Sono IMPAZZITI ?
        - Scritto da: Bad Sapper
        Ho iniziato con la 4.1 che doveva essere stabile
        ma non lo era, poi la 4.2 che doveva essere
        stabile ma non lo eraNo, la 4.2 "The Answers" doveva essere la risposta, ma si erano dimenticati quale fosse la domanda :D
        Piangendo (sempre per modo di dire) ho rinunciato
        e sono passato a Gnome, dopo qualche mese ho
        incominciato ad abituarmi, ora mi trovo bene e
        adesso ovviamente me lo cambiano con qualcosa di
        completamente
        diverso.Pensa che io ho fatto il percorso inverso e dopo Gnome, LXDE, XFCE e ogni possibile DE che ho provato (e concordo su KDE3), dopo avere schifato alla grandissima KDE 4.0, 4.1, 4.2... 4.3 così così, poi ha cominciato a piacermi e adesso ho smesso di saltare da un DE all'altro. Solo su un Netbook ho messo LXDE, per il resto solo KDE 4. Non dico che valga per tutti, anzi, ma le esperienze comunque vedo che sono varie.
        Non sono molto felice per questo.Capisco il discorso "abitudine". Canonical sta stravolgendo di tutto di più. Non so se fanno bene, ma il bello di GNU/Linux è che puoi scegliere e non devi sottostare troppo ai capricci di chi fa la distro o altro. A me stavano sempre più stretti i capricci di Gnome, non era un DE adatto a me alla fine e ho cambiato.
    • Anonymous scrive:
      Re: Sono IMPAZZITI ?

      se non ti piace ubuntu puoi sempre cambiare
      distribuzione e installare kde4 che è un DE
      vecchio
      stileTorna a Windows XDDDDDDDD ahhauhauhuahua
  • pippo75 scrive:
    Re: Sono IMPAZZITI ?

    schede NVIDIA, e l'ext4 bacato e se lanciavo
    Chrome dopo Virtualbox si piantava il KERNELnon ho presente ubuntu, ma con fedora ho dovuto aggiornarlo, niente di difficile c'è il comando "yum......" che al momento non ricordo oppure scarichi gli aggiornamenti dal programma grafico.Comunque ho notato che VB con linux non va a nozze come con windows.
    Ma qualcuno di voi ha mai usato la SHELL UNITY ?
    Qualcuno ha avuto il coraggio di installare la
    netbook edition 10.10 e usare la UNITY
    ???ho scaricato la versione alfa di ubuntu 11.04 non mi ha convinto molto, ma considerando che era alfa spero che poi le piccole pecche vengano risolte.
    (10.04) sul netbook e dopo un giorno ho brasato
    la partizione e rimesso immediatamente XP, è
    brutta che più brutta non si
    può.spero esca ancora con lo gnomo classico, tolto qualche difetto non di dispiace affatto.
  • alefra scrive:
    metal gear
    Mitico! revolver Ocelot, che chi ha pensato al nome sia fan di hideo kojima?La prossima sarà Sniper Wolf o Psycho Mantis :D
    • Sgabbio scrive:
      Re: metal gear
      hahahah strano che tu sia l'unico ad aver pensato a questo :D
      • Drummer scrive:
        Re: metal gear
        Non è affatto l'unico, è la prima cosa che ho pensato quando ho visto il nome della nuova release. Tra l'altro Ocelot (Liquid Ocelot, per intero) è l'avversario principale del quarto MGS, a mio avviso il migliore della saga. E non credo solo per me.Sì, qui ci deve essere lo zampino di qualche fan di Kojima, in Canonical, forse Shuttleworth stesso.
  • MacBoy scrive:
    Ocelot
    Ma come???Hanno preso l'ultimo gattone che mancava ad Apple per la sua fiera di felini?E poi l'ocelotto è BELLISSIMO, speravo in lui per dopo Lion! :P
  • Shiba scrive:
    Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
    No, sul serio? ._.
    • Funz scrive:
      Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
      - Scritto da: Shiba
      No, sul serio? ._.E' un post semestrale tradizionale ^^
    • panda rossa scrive:
      Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
      - Scritto da: Shiba
      No, sul serio? ._.Dopo centinaia di articoli sul nome del tablet apple, qualcosa di diverso ci voleva, se no ci si stufa.
      • Darwin scrive:
        Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Shiba

        No, sul serio? ._.

        Dopo centinaia di articoli sul nome del tablet
        apple, qualcosa di diverso ci voleva, se no ci si
        stufa.Peccato che non ho visto qullo sulla RC1 di Slackware 13.37 :(
    • nome e cognome scrive:
      Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
      - Scritto da: Shiba
      No, sul serio? ._.Oggi il marketing di apple ha deciso di fare una pausa.
      • ulas scrive:
        Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: Shiba

        No, sul serio? ._.

        Oggi il marketing di apple ha deciso di fare una
        pausa.quello dei sudditi di M$ invece è instancabile; daltronde vi pagheranno con qualche licenzietta in più
        • nome e cognome scrive:
          Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10

          quello dei sudditi di M$ invece è instancabile;
          daltronde vi pagheranno con qualche licenzietta
          in
          piùDel resto ne vale la pena.
    • Torsolo scrive:
      Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
      - Scritto da: Shiba
      No, sul serio? ._.Certo! È il nome di un felino, proprio come Apple. :DPer la P sarà dura, Puma è già andato, ma c'è sempre Pink Pussycat.
      • Prozac scrive:
        Re: Un articolo sul nome di Ubuntu 11.10
        - Scritto da: Torsolo
        Per la P sarà dura, Puma è già andato, ma c'è
        sempre Pink
        Pussycat.Pensavo Pink Panther!
  • western scrive:
    e opensuse?
    E' uscita ieri l'ultima versione di opensuse, che rimane una delle distribuzioni linux più diffuse; LA PRIMA A METTERE LIBREOFFICE DI DEFAULT (non ubuntu come ha scritto qualche articolista qui..), e voi fate la recensione di una alpha... ma come lavorate in questa .. ehm.. redazione?
    • zabaione scrive:
      Re: e opensuse?
      sei su PI, non lo dimenticare... non ti aspettare piu' di tanto... in compenso ogni XXXXXXXXX Apple viene messa in 1 pagina alla velocità della luce.
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: e opensuse?
      - Scritto da: western

      E' uscita ieri l'ultima versione di opensuse, che
      rimane una delle distribuzioni linux più diffuse ...L'ho appena provata. Assolutamente magnifica!
  • Logico scrive:
    La mia esperienza con Linux - fail...
    Al lavoro, il grande capo ha deciso che non voleva più pagare licenze e bisognava passare al software open-source.Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA e competenza tecnica non sono state ascoltate.migrazione windows 2003 - Linux = roll-back dopo due mesi. Impossibile avere una policy di backup stabile, impossibile avere una gestione dei permessi utenti coerente. Impossibile eseguire una corretta e SEMPLICE policy di quota management, semplicemente questa cosa semplice e basilare non si puo' fare su linux (a meno di fare la danza della pioggia).Glisso su i problemi di sicurezza (si passano giornate intere a patchare la patch della patch).Cose semplicissime come fare un network sharing prendono ORE ed ORE ad essere realizzate: bisogna cercare il buon file di config, ogni tanto ricompilare qualcosa, scaricare pacchetti e double-check delle dipendenze, continualmente digitare comandi!!!! nel 2011!!!migrazione exchange - sendmail: fail totale, impossibile di trovare un modo semplice ed efficace per il deploy di un calendar server come si deve.migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO con un paio di click, non ti serve nemmeno conoscere SQL. con il prodotto open, miriadi e miriadi di comandi da lanciare a manina.Per non parlare delle decine di manuali da leggere, come se non avessi altro da fare io!Insomma, la mia azienda mi ha finalmente ascoltato: FUORI LINUX DALLE SCATOLE!!!!!!!!!!
    • Spock scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Potevano licenziarti ed assumere un sistemista che conoscesse veramente Linux...
      • Cbuttius scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        Oppure licenziarlo per assumere un sistemista...
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Spock
        Potevano licenziarti ed assumere un sistemista
        che conoscesse veramente
        Linux...certo, questo è proprio un commento ricco di spiegazioni tecniche
        • bmx scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          - Scritto da: Spock

          Potevano licenziarti ed assumere un sistemista

          che conoscesse veramente

          Linux...

          certo, questo è proprio un commento ricco di
          spiegazioni
          tecniche...be, dai anche le tue tipo hai tentato di migrare un exchange su sendmail la dice alla stragrande sulle tue conoscenze :-)
      • kaiserxol scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        Senza mancar di rispetto a nessuno:se vuoi un server Windows non ti serve nulla, compri la licenza e può usarlo chiunque sappia mettere le mani su Windows.se vuoi usare Linux devi conoscere non solo Linux, ma tutto quello che sta dietro alla macchina. Quello che hai detto non solo è impensabile, ma anche impossibile...ovvio che se però una persona non sa nemmeno di cosa si tratti è difficile!Non sono un sistemista, sto solo frequentando un corso Windows e Linux da sistemista...non mi dire che ci hai messo ore e ore per rete, condivisione ecc perchè allora han ragione gli altri: non sei un sistemista.Nel mio corso c'è un ragazzo che fa già il sistemista e sta facendo il corso per imparare Linux, che ovviamente odia e reputa stupido...Dopo mesi di corso sto capendo il perchè...perchè lui sa cliccare sui wizard e farli funzionare, non si è mai posto il problema di cosa succeda dietro il wizard, di cosa possa esser modificato e personalizzato e di quanti problemi si possono avere su Windows.Non sono pro Linux io, ma ad oggi e dopo una preparazione di 800 ore di sicuro se devo tirare su un server non lo metto su Windows!! E tutto quello che ho imparato su Linux mi è servito tantissimo anche riportato su WIndows in cui ora posso metter mano nei file di configurazione capendo cosa sto facendo e soprattutto nelle reti.Sai fare un dns con Windows? Bene!Sai come funziona? No!Se per te esser sistemista vuol dire tirar su il server e basta...forse non hai ben chiaro qualcosa o forse la realtà in cui lavori non ha bisogno di un vero sistemista.
        • FDG scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: shevathas
          per esperienza ti posso dire che prima si vedono
          le esigenze e poi si cerca il sistema migliore
          per risolverle. Per la gestione di grosse realtà
          con diversi profili, regole complesse per
          l'acXXXXX alle risorse e alle macchine Active
          Directory è molto più performante di linux. Per
          gestire una cartella condivisa e due client è
          semplicemente sprecato.Mi chiedo però perché nessuno si sia dato la briga di creare una soluzione _veramente_ alternativa.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Mi chiedo però perché nessuno si sia dato la
            briga di creare una soluzione _veramente_
            alternativa.forse perché è un lavoro che richiede un bel po' di tempo e di lavoro, non è interessante o appagante come lo sviluppare altri tipi di software e non consente di vendere facilmente personalizzazioni come i CMS. In pratica è un campo abbastanza snobbato da community e finanziatori.
          • FDG scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas
            forse perché è un lavoro che richiede un bel po'
            di tempo e di lavoro, non è interessante o
            appagante come lo sviluppare altri tipi di
            software e non consente di vendere facilmente
            personalizzazioni come i CMS. In pratica è un
            campo abbastanza snobbato da community e
            finanziatori.E quindi non ci si può lamentare se si è costretti ad usare exchange, che parla bene solo con MS*
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: shevathas


            forse perché è un lavoro che richiede un bel po'

            di tempo e di lavoro, non è interessante o

            appagante come lo sviluppare altri tipi di

            software e non consente di vendere facilmente

            personalizzazioni come i CMS. In pratica è un

            campo abbastanza snobbato da community e

            finanziatori.

            E quindi non ci si può lamentare se si è
            costretti ad usare exchange, che parla bene solo
            con
            MS*dammi un mail server performante ABBINATO ad un eccellente calendar server. Il tutto open source, ovviamente... :(
          • FDG scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            dammi un mail server performante ABBINATO ad un
            eccellente calendar server. Il tutto open source,
            ovviamente...
            :(Ok, ma questo è UN problema. Nell'azienda in cui lavoro exchange svolge questo ruolo. Ma tante altre cose non sono basate su software MS.
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: Logico


            dammi un mail server performante ABBINATO ad un

            eccellente calendar server. Il tutto open
            source,

            ovviamente...

            :(

            Ok, ma questo è UN problema. Nell'azienda in cui
            lavoro exchange svolge questo ruolo. Ma tante
            altre cose non sono basate su software
            MS.ok, quindi per esempio, si tiene exchange. Che ovviamente gira su win2008.Ed, ovviamente, lo abbini con AD. E, ovviamente, non ti resta che utilizzare Sharepoint per la gestione documentale / workflow.......insomma, effetto domino: quindi alla fin fine ci si tiene l'infrastruttura MS e via.
          • FDG scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            ok, quindi per esempio, si tiene exchange. Che
            ovviamente gira su win2008.
            Ed, ovviamente, lo abbini con AD.Che da noi svolge solo una parte del lavoro, vista la dualità degli utenti, che possono essere interni ed esterni. E c'è un'integrazione realizzata sia con strumenti esistenti che con altri sviluppati ad hoc (per necessità particolari).
            E, ovviamente, non ti resta che utilizzare
            Sharepoint per la gestione documentale /
            workflow.JIRA e Confluence. SharePoint per noi non va bene.
            insomma, effetto domino: quindi alla fin fine ci
            si tiene l'infrastruttura MS e via.Ti ho detto di no. È il caso di una grossa azienda, tra l'altro. Non posso darti troppi dettagli per una questione di riservatezza.
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            dammi un mail server performante ABBINATO ad un
            eccellente calendar server. Il tutto open source,
            ovviamente...
            :(Zimbra, per dirne uno. Da noi gestisce perfettamente tutto (2500 dipendenti), nessun problema con webmail, Thunderbird, Outlook, Netscape mail (si, c'è ancora chi lo usa!), sincronizza gli appuntamenti con Google Calendar, iPhone, Blackberry, Symbian e chippiunehapiunemetta...
          • Anonymous scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Zimbra, per dirne uno. Da noi gestisce
            perfettamente tutto (2500 dipendenti), nessun
            problema con webmail, Thunderbird, Outlook,
            Netscape mail (si, c'è ancora chi lo usa!),
            sincronizza gli appuntamenti con Google Calendar,
            iPhone, Blackberry, Symbian e
            chippiunehapiunemetta...Io qui leggo: Download 60-Day Free Trial, oltre a VmWare Zimbra.
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Anonymous

            Zimbra, per dirne uno. Da noi gestisce

            perfettamente tutto (2500 dipendenti), nessun

            problema con webmail, Thunderbird, Outlook,

            Netscape mail (si, c'è ancora chi lo usa!),

            sincronizza gli appuntamenti con Google
            Calendar,

            iPhone, Blackberry, Symbian e

            chippiunehapiunemetta...

            Io qui leggo: Download 60-Day Free Trial, oltre a
            VmWare
            Zimbra.C'è la Community Edition senza tutta la rava e la fava del supporto mobàil e quella roba lì, che se non sei una grande azienda ne puoi pure fare a meno, e se no la paghi che mi sembra pure giusto, ecco...
          • Anonymous scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            forse perché è un lavoro che richiede un bel po'
            di tempo e di lavoro, non è interessante o
            appagante come lo sviluppare altri tipi di
            software e non consente di vendere facilmente
            personalizzazioni come i CMS. In pratica è un
            campo abbastanza snobbato da community e
            finanziatori.L'active directory, in logica almeno, su Linux? Beh, devi capire che il principio percui le aziende passano al pinguino è molto semplice: non spendere soldi. Se devo passar a linux, che è gratis (tranne chi ci fa 2 ache, gli cambia il nome e poi te lo rivende, come ho visto fare), e poi spender soldi in software aggiuntivi (es. Centrify), auguri. Resto su Windows. E' già tutto integrato. Chi me lo fa fare di andare in un sistema ove la mano destra NON SA cosa sta facendo la sinistra (perchè linux è così), ove per via delle dipendenze, se disinstalli un software, corri il rischio che il sistema ti faccia sparire o ti costringa a disinstallare pure altri che ti servono, solo perchè i 2 tool sono totalmente ignari dell'esistenza dell'altro? Perchè io ho visto una miriade di volte sta baggianata e sono DISGUSTATO. E' totalmente user-unfriendly. Piuttosto ti fai le copie delle librerie, che non sono quei 100 Mbyte che ti mancano nel disco.Per non parlare della UI. Anche su Ubuntu, non c'è niente di uniformato. Ora hanno rifatto l'interfaccia introducendo unity e decidendo 2 ache riguardo i futuri software predefiniti. Il pannello di controllo è caotico. Se vuoi un tool GUI per gestire le ACL dei file, c'è EiCiEl, ma se non sai della sua esistenza, nada. Niente implementato a liv. d'interfaccia di sistema (cosa che uno s'aspetterebbe). Le ACL estese ed i permessi estesi, sono sconosciuti (devi ricorrere alla riga di comando e sono molto disordinati; oltre al fatto che, ad esempio, io personalmente trovo molto più logica l'implementazione fatta sul MacOSX/DarwinBSD a riguardo). Se poi, per sbaglio, su fstab non è presente l'opzione "acl" non è che il software faccia il controllo. No, ti da un messaggio d'errore generico. E si che basta semplicemente fare un dannatissimo controllo. Ti ritrovi una "Selinux Context" anche se Ubuntu implementa nativamente Apparmor, il quale, andrebbe esteso seguendo una logica stile Group Policies, secondo me. Apparmor, per l'appunto, aveva una voce buttata là nel pannello di controllo, che adesso non funziona più. Durante un upgrade, il software che ci stava sotto, che forniva un GUI (se così lo si poteva chiamare, ma proprio per cocciutaggine sindacale, eran due finestrine in croce, buttate là), ora non va più e, cosa interessante, il bottone è rimasto. Te lo devi togliere a mano. Idem per il menù. Unity non riconosce le icone che non arrivino con il package (io uso Faenza, ma tutto ciò che non è incluso nel package, Unity non lo visualizza, ti lascia senza icona). I GUI dei software sono illogici. Tu puoi allargare o rimpicciolire le finestre, con un effetto grafico da martellate sui denti, visto che spariscono pulsanti, la struttura della finestra non viene rielaborata, nelle traduzioni in altre lingue oltre l'inglese, le scritte sconfinano dai pulsanti. Gli emblemi, non è possibile aggiungere o rimuovere emblemi aggiuntivi. La tab di proprietà "Extended user attributes" è anonima (non si sa cosa faccia). Gli attributi, su MacOSX sono in parte presenti nelle proprietà del file, percui facilmente accessibili. In linux? O via shell, con il comando chattr o t'attacchi. Ti fai delle ricerche in internet per i comandi... ti trovi pezzi di codice C/C++, che magari interesserà ad un programmatore, ma ad un sistemista, che deve preoccuparsi di altri aspetti, semplicemente complica inutilmente le ricerche.Linux necessita di una marea di lavoro per uscire dal concetto fighetto dei programmatori occhialuti ed entrare nelle aziende, o meglio, nei desktop. Neanche Linux Mint riesce a far miracoli (sebbene lo sforzo sia lodevole). E' questo l'errore, ma non vogliono capirlo e così, Windows e Mac si spartiscono la torta ed il resto, tra fumi e FUD campato in aria da qualche fanboy, resta per linux (che è meno del 5%, non contando Android).
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Anonymous
            Beh, devi capire che il principio percui le
            aziende passano al pinguino è molto semplice: non
            spendere soldi.Questa è una sciocchezza.Chi lo fa, è un incompetente.
            Resto su Windows. E' già tutto
            integrato. Non mi pare proprio.
            Chi me lo fa fare di andare in un
            sistema ove la mano destra NON SA cosa sta
            facendo la sinistra (perchè linux è così)Semplicemente sei TU che non lo sai.
            Linux necessita di una marea di lavoro per uscire
            dal concetto fighetto dei programmatori
            occhialuti ed entrare nelle aziende, o meglio,
            nei desktop.Si accontenterà di spadroneggiare nei server, allora :D
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Anonymous
            Chi me lo fa fare di andare in un
            sistema ove la mano destra NON SA cosa sta
            facendo la sinistra (perchè linux è così),Falsita' n.1
            ove
            per via delle dipendenze, se disinstalli un
            software, corri il rischio che il sistema ti
            faccia sparire o ti costringa a disinstallare
            pure altri che ti servono, solo perchè i 2 tool
            sono totalmente ignari dell'esistenza dell'altro?Falsita' n.2
            Perchè io ho visto una miriade di volte sta
            baggianata e sono DISGUSTATO. Quindi non ti sara' difficile citare UN CASO.
            E' totalmente user-unfriendly. Linux e' estremamente user frendly, solo che e' molto selettivo nello scegliere gli amici.
            Piuttosto ti fai le copie delle
            librerie, che non sono quei 100 Mbyte che ti
            mancano nel
            disco.Tu hai capito tutto delle librerie e delle dipendenze.Bravo!
            Per non parlare della UI. Anche su Ubuntu, non
            c'è niente di uniformato. Ora hanno rifatto
            l'interfaccia introducendo unity e decidendo 2
            ache riguardo i futuri software predefiniti. Chi ti proibisce di installare la UI che vuoi?A me pare che sia winsozz quello dove non puoi scegliere la UI.
            Il pannello di controllo è caotico. Opinione personale.
            Se vuoi un tool
            GUI per gestire le ACL dei file, c'è EiCiEl, ma
            se non sai della sua esistenza, nada. La gestione delle ACL di files e directory su linux esiste da SEMPRE.E se tu per gestirla hai bisogno del mouse e' un limite tuo.E comunque lo strumento esiste.E siccome esiste lo devi conoscere.L'utilizzo dei computer non ammette ignoranza. Come la legge.
            Niente
            implementato a liv. d'interfaccia di sistema
            (cosa che uno s'aspetterebbe). Che significa?
            Le ACL estese ed i
            permessi estesi, sono sconosciuti (devi ricorrere
            alla riga di comando e sono molto disordinati;
            oltre al fatto che, ad esempio, io personalmente
            trovo molto più logica l'implementazione fatta
            sul MacOSX/DarwinBSD a riguardo).Se ti piace prendere i virus devi scegliere un sistema operativo diverso.
            Se poi, per
            sbaglio, su fstab non è presente l'opzione "acl"
            non è che il software faccia il controllo. No, ti
            da un messaggio d'errore generico. Falsita' n.3
            E si che basta
            semplicemente fare un dannatissimo controllo. Si, sul file di log per esempio. Lo hai fatto?
            Ti
            ritrovi una "Selinux Context" anche se Ubuntu
            implementa nativamente Apparmor, il quale,
            andrebbe esteso seguendo una logica stile Group
            Policies, secondo me. Chi ti vieta di implementarla?
            Apparmor, per l'appunto,
            aveva una voce buttata là nel pannello di
            controllo, che adesso non funziona più. Durante
            un upgrade, il software che ci stava sotto, che
            forniva un GUI (se così lo si poteva chiamare, ma
            proprio per cocciutaggine sindacale, eran due
            finestrine in croce, buttate là), ora non va più
            e, cosa interessante, il bottone è rimasto. Non conosco, non posso dire nulla qui.
            Te lo
            devi togliere a mano. Sai quanta roba ho dovuto togliere a mano da winsozz?
            Idem per il menù. Unity non
            riconosce le icone che non arrivino con il
            package (io uso Faenza, ma tutto ciò che non è
            incluso nel package, Unity non lo visualizza, ti
            lascia senza icona). Questa roba puzza tanto di falsita' n.4
            I GUI dei software sono
            illogici. Implementa la tua logica, allora: non e' vietato.
            Tu puoi allargare o rimpicciolire le
            finestre, con un effetto grafico da martellate
            sui denti, visto che spariscono pulsanti, la
            struttura della finestra non viene rielaborata,
            nelle traduzioni in altre lingue oltre l'inglese,
            le scritte sconfinano dai pulsanti. Gli emblemi,
            non è possibile aggiungere o rimuovere emblemi
            aggiuntivi. La tab di proprietà "Extended user
            attributes" è anonima (non si sa cosa faccia).
            Gli attributi, su MacOSX sono in parte presenti
            nelle proprietà del file, percui facilmente
            accessibili. In linux? O via shell, con il
            comando chattr o t'attacchi. Ti fai delle
            ricerche in internet per i comandi... ti trovi
            pezzi di codice C/C++, che magari interesserà ad
            un programmatore, ma ad un sistemista, che deve
            preoccuparsi di altri aspetti, semplicemente
            complica inutilmente le
            ricerche.In altre parole tu sei un altro di quei sistemisti clicca clicca che hanno paura di venire sgamati perche' non sanno un tubo di informatica.
            Linux necessita di una marea di lavoro per uscire
            dal concetto fighetto dei programmatori
            occhialuti ed entrare nelle aziende, o meglio,
            nei desktop. Sul mio desktop c'e' gia' e funziona a meraviglia.
            Neanche Linux Mint riesce a far
            miracoli (sebbene lo sforzo sia lodevole). E'
            questo l'errore, ma non vogliono capirlo e così,
            Windows e Mac si spartiscono la torta ed il
            resto, tra fumi e FUD campato in aria da qualche
            fanboy, resta per linux (che è meno del 5%, non
            contando
            Android).E a te che ti frega, se tanto, per tua stessa ammissione non lo sai usare?Torna ai tuoi balocchi clicca clicca.
          • bubu scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            Altro sistemista 'punta e clicca', vedo....
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: shevathas


            per esperienza ti posso dire che prima si vedono

            le esigenze e poi si cerca il sistema migliore

            per risolverle. Per la gestione di grosse realtà

            con diversi profili, regole complesse per

            l'acXXXXX alle risorse e alle macchine Active

            Directory è molto più performante di linux. Per

            gestire una cartella condivisa e due client è

            semplicemente sprecato.

            Mi chiedo però perché nessuno si sia dato la
            briga di creare una soluzione _veramente_
            alternativa.perchè è molto complesso da creare ex-novo. Figurati che ai miei tempi (..... sono un dinosauro...) nessuno superava Novell come Directory server. Oggi nessuno batte Active Directory (parlo di grosse realtà, ovvio che le esigenze di una PMI sono diverse).
        • Logico scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: kaiserxol
          Senza mancar di rispetto a nessuno:

          se vuoi un server Windows non ti serve nulla,
          compri la licenza e può usarlo chiunque sappia
          mettere le mani su
          Windows.stai scherzando, vero?
          se vuoi usare Linux devi conoscere non solo
          Linux, ma tutto quello che sta dietro alla
          macchina. Quello che hai detto non solo èdietro alla macchina ci sono i cavi della corrente e del kvm (rotfl)
          impensabile, ma anche impossibile...ovvio che se
          però una persona non sa nemmeno di cosa si tratti
          è
          difficile!
          Non sono un sistemista, sto solo frequentando un
          corso Windows e Linux da sistemista...non mi dire
          che ci hai messo ore e ore per rete, condivisione
          ecc perchè allora han ragione gli altri: non sei
          un
          sistemista.beh, detto da un non sistemista...
          Nel mio corso c'è un ragazzo che fa già il
          sistemista e sta facendo il corso per imparare
          Linux, che ovviamente odia e reputa
          stupido...fantastico, fa il corso... udite udite, magari studia al Cepu.
          Dopo mesi di corso sto capendo il perchè...perchè
          lui sa cliccare sui wizard e farli funzionare,
          non si è mai posto il problema di cosa succeda
          dietro il wizard, di cosa possa esser modificato
          e personalizzato e di quanti problemi si possono
          avere su
          Windows.
          Non sono pro Linux io, ma ad oggi e dopo una
          preparazione di 800 ore di sicuro se devo tirare
          su un server non lo metto su Windows!! E che cosa utilizzi come OS?
          E tutto
          quello che ho imparato su Linux mi è servito
          tantissimo anche riportato su WIndows in cui ora
          posso metter mano nei file di configurazione
          capendo cosa sto facendo e soprattutto nelle
          reti.Cioè quindi tu conosci il funzionamento del registry di windows e l'hai imparato su linux, giusto?(geek)

          Sai fare un dns con Windows? Bene!
          Sai come funziona? No!Come funziona un DNS? Io lo so eccome. Scusa, tu sai vero che un DNS non c'entra una cippa con un OS? Al massimo, puoi parlare di configurazione di un server (o client, dipende dal contesto) DNS su un server. Magari non lo hai ancora studiato, eh?
          Se per te esser sistemista vuol dire tirar su il
          server e basta...forse non hai ben chiaro
          qualcosa o forse la realtà in cui lavori non ha
          bisogno di un vero
          sistemista.Comunque hai ragione, io non sono (più) un sys-admin full-time da qualche anno oramai (l'ho detto in un altro post, mi sembra...).Mi occupo di file-system forensics e integrity. NON su windows, tanto per risponderti in anticipo.Immagino che tu non sappia che cosa sia...
      • FDG scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Spock
        Potevano licenziarti ed assumere un sistemista
        che conoscesse veramente Linux...Quoto.Detto questo, sul groupware ho sentito anche pareri rispettabili sulla completezza delle soluzioni MS. Giudizi da inquadrare sempre in un'ottica di scelta dello strumento migliore per l'esigenza particolare.
        • Logico scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: FDG
          - Scritto da: Spock


          Potevano licenziarti ed assumere un sistemista

          che conoscesse veramente Linux...

          Quoto.

          Detto questo, sul groupware ho sentito anche
          pareri rispettabili sulla completezza delle
          soluzioni MS. Giudizi da inquadrare sempre in
          un'ottica di scelta dello strumento migliore per
          l'esigenza
          particolare.alternative open source dello stesso livello?
          • FDG scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            - Scritto da: FDG

            Detto questo, sul groupware ho sentito anche

            pareri rispettabili sulla completezza delle

            soluzioni MS. Giudizi da inquadrare sempre in

            un'ottica di scelta dello strumento migliore per

            l'esigenza

            particolare.

            alternative open source dello stesso livello?Forse non hai capito: non c'è e nessuno lo mette in discussione. Quello che si mette in discussione è la grossolanità delle tue affermazioni su linux. Per voi non andava bene. Avete fatto pure una grossa caxxata a fare questo salto al buio. Ma da qui a trasformare considerazioni particolari in giudizi assoluti ce ne vuole.L'azienda per cui lavoro, una grossa azienda, usa exchange per il groupware. Ma per il resto, tranne qualche eccezione, non usiamo software MS.
          • mava scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            - Scritto da: FDG

            - Scritto da: Spock




            Potevano licenziarti ed assumere un sistemista


            che conoscesse veramente Linux...



            Quoto.



            Detto questo, sul groupware ho sentito anche

            pareri rispettabili sulla completezza delle

            soluzioni MS. Giudizi da inquadrare sempre in

            un'ottica di scelta dello strumento migliore per

            l'esigenza

            particolare.

            alternative open source dello stesso livello?Più che Logico, mi sembri C0glione...
      • caneblu scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Spock
        Potevano licenziarti ed assumere un sistemista
        che conoscesse veramente
        Linux...Ho pensato la stessa cosa, perché nell'elenco ci sono cose ultrasemplici e se non riesci a fare quelle è il caso che lo licenzino..
      • fufu scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        licenziarlo per un troll meno ovvio no,eh? la parte sulle patch e su sendmail e' pirandelliana.
      • HuSkY scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Spock
        Potevano licenziarti ed assumere un sistemista
        che conoscesse veramente
        Linux...straquoto, oltre a win2003 bisognava cambiare amche il (presunto) sistemista
      • Giurato scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        Hahaha... appunto.Pensa che quelle cose che dice io non le so fare... con windows.
      • SatHack scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Spock
        Potevano licenziarti ed assumere un sistemista
        che conoscesse veramente
        Linux...quoto!
    • Sistemista Linux scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      avrei solo una domanda da porti,è l'ecosistema linux a non essere adatto, non configurabile, senza software adatto,... etc..... o è la persona che deve configurarlo a non essere capace di adattarsi ad un qualcosa di diverso da quello che ha visto finora??sono convinto che nel caso in cui da linux avessi dovuto migrare a windows avreti trovato delle lamentele comunque...ti rimando ad una pagina di wikipedia a mio avviso illuminantehttp://it.wikipedia.org/wiki/PEBKAC
      • Sistemista Linux scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        avresti, non avessi ;) pardon
        • western scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          ma no, lui è un grandissimo sistemista.. faceva tutto con un paio di click... La sua azienda ha sbagliato in pieno: se voleva semplicemente non pagare le licenze, avrebbe avuto bisogno di assumere dei sistemisti veri.. Se invece vuole tenersi dei cialtroni, allora avrebbe dovuto passare a red hat o suse
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: western
            ma no, lui è un grandissimo sistemista.. faceva
            tutto con un paio di click...

            La sua azienda ha sbagliato in pieno: se voleva
            semplicemente non pagare le licenze, avrebbe
            avuto bisogno di assumere dei sistemisti veri..
            Se invece vuole tenersi dei cialtroni, allora
            avrebbe dovuto passare a red hat o
            susesuse = novell = microsoft/plonk
          • collione scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            da quando suse è microsoft?e pure redhat è microsoft?e scommetto che direi, come disse un tipo che ho conosciuto tempo fa, che linux era stato creato da bill gates nel tempo libero per creare una finta concorrenza(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)hahahaha ma vai a zelig e spera che ti assumano perchè sei troppo scarso pure per loro
      • Valeren scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        Il progetto su cui sto lavorando proprio ora si chiama casualmente PEBKAC
        • Sistemista Linux scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          :D che progetto è?
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Sistemista Linux
            :D che progetto è?"come fare il boot di linux in meno di 4 giorni"
          • kaiserxol scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            Guarda che non fai bella figura secondo me!A tempo perso leggiti una mini guida su come fare un qualsiasi cosa su Linux, poi prova a farlo, una volta finito guarda il lavoro che hai fatto, guarda quante cose hai imparato e soprattutto guarda la velocità e stabilità del sistema che hai creato.Capisco benissimo che mettere un dvd cliccare, installare e aggiungere ruoli e funzionalità sia molto figo, ma non vuol dire fare il sistemista. Non prenderla come una presa per il XXXX, come fanno in molti qua, ma iscriviti ad un corso da sistemista, magari quelli gratuiti della comunità europea...fidati che molte lacune le colmi e se vuoi fare il sistemista non c'è solo Windows in giro ;-)Prendilo come un consiglio, veramente!
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: kaiserxol
            Guarda che non fai bella figura secondo me!
            A tempo perso leggiti una mini guida su come fare
            un qualsiasi cosa su Linux, poi prova a farlo,
            una volta finito guarda il lavoro che hai fatto,
            guarda quante cose hai imparato e soprattutto
            guarda la velocità e stabilità del sistema che
            hai
            creato.
            ma di che cosa stai parlando? ma perchè dai per scontato che io sia un WIN sysadmin?Immagino che tu conosca a menadito AIX e HP-UX.
            Capisco benissimo che mettere un dvd cliccare,
            installare e aggiungere ruoli e funzionalità sia
            molto figo, ma non vuol dire fare il sistemista.grazie per l'analisi.
            Non prenderla come una presa per il XXXX, come
            fanno in molti qua, ma iscriviti ad un corso da
            sistemista, magari quelli gratuiti della comunità
            europea...fidati che molte lacune le colmi e se
            vuoi fare il sistemista non c'è solo Windows in
            giro
            ;-)appunto, io non faccio il sistemista
            Prendilo come un consiglio, veramente!no problem, si fa ovviamente per discutere.
          • bmx scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico

            Non prenderla come una presa per il XXXX, come

            fanno in molti qua, ma iscriviti ad un corso da

            sistemista, magari quelli gratuiti della
            comunità

            europea...fidati che molte lacune le colmi e se

            vuoi fare il sistemista non c'è solo Windows in

            giro

            ;-)
            appunto, io non faccio il sistemista
            owned
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: bmx
            - Scritto da: Logico


            Non prenderla come una presa per il XXXX, come


            fanno in molti qua, ma iscriviti ad un corso
            da


            sistemista, magari quelli gratuiti della

            comunità


            europea...fidati che molte lacune le colmi e
            se


            vuoi fare il sistemista non c'è solo Windows
            in


            giro


            ;-)

            appunto, io non faccio il sistemista



            owned???
          • Pantografo scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            - Scritto da: bmx

            - Scritto da: Logico



            Non prenderla come una presa per il XXXX,
            come



            fanno in molti qua, ma iscriviti ad un corso

            da



            sistemista, magari quelli gratuiti della


            comunità



            europea...fidati che molte lacune le colmi e

            se



            vuoi fare il sistemista non c'è solo Windows

            in



            giro



            ;-)


            appunto, io non faccio il sistemista






            owned

            ???QED
          • kaiserxol scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            Ah comunque...su Windows esiste la core edition, senza interfaccia grafica. Sapresti utilizzarla? A differenza di 6/800 mb di ram utilizzata da Windows 2008 server ne usa meno di 200, ma la utilizzi solo da linea di comando.Un sistemista deve saper creare un sistema anche solo in core e gestirlo, ne saresti in grado?Se la risposta è no...sempre il consiglio di prima ;-)
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: kaiserxol
            Ah comunque...su Windows esiste la core edition,
            senza interfaccia grafica. Sapresti utilizzarla?
            A differenza di 6/800 mb di ram utilizzata da
            Windows 2008 server ne usa meno di 200, ma la
            utilizzi solo da linea di
            comando.
            Un sistemista deve saper creare un sistema anche
            solo in core e gestirlo, ne saresti in
            grado?
            Se la risposta è no...sempre il consiglio di
            prima
            ;-)come detto in un altro post, quindi per esempio CDE non serve a nulla, giusto?
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: kaiserxol
            Ah comunque...su Windows esiste la core edition,
            senza interfaccia grafica. Sapresti utilizzarla?
            A differenza di 6/800 mb di ram utilizzata da
            Windows 2008 server ne usa meno di 200, ma la
            utilizzi solo da linea di
            comando.
            Un sistemista deve saper creare un sistema anche
            solo in core e gestirlo, ne saresti in
            grado?E perché mai? A voi sistemisti vi fanno partecipare a dei reality in cui bisogna per forza gestire sistemi senza monitor?
          • ulas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome
            - Scritto da: kaiserxol

            Ah comunque...su Windows esiste la core edition,

            senza interfaccia grafica. Sapresti utilizzarla?

            A differenza di 6/800 mb di ram utilizzata da

            Windows 2008 server ne usa meno di 200, ma la

            utilizzi solo da linea di

            comando.

            Un sistemista deve saper creare un sistema anche

            solo in core e gestirlo, ne saresti in

            grado?

            E perché mai? A voi sistemisti vi fanno
            partecipare a dei reality in cui bisogna per
            forza gestire sistemi senza
            monitor?E che colpa ne abbiamo noi se MS rilascia un sistema core edition? Sono dei pazzi scriteriati che non sanno fare business informatico?
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            E che colpa ne abbiamo noi se MS rilascia un
            sistema core edition? Sono dei pazzi scriteriati
            che non sanno fare business
            informatico?No il pazzo scriteriato è quello che la installa, microsoft viene incontro alle esigenze di tutti: persino dei cantinari non appena capiscono che linux è un bidone.
          • ulas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome

            E che colpa ne abbiamo noi se MS rilascia un

            sistema core edition? Sono dei pazzi scriteriati

            che non sanno fare business

            informatico?

            No il pazzo scriteriato è quello che la installa,
            microsoft viene incontro alle esigenze di tutti:
            persino dei cantinari non appena capiscono che
            linux è un
            bidone.quindi M$ rilascia prodotti per pazzi scriteriati, ottimo a sapersi!
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: ulas
            - Scritto da: nome e cognome


            E che colpa ne abbiamo noi se MS rilascia un


            sistema core edition? Sono dei pazzi
            scriteriati


            che non sanno fare business


            informatico?



            No il pazzo scriteriato è quello che la
            installa,

            microsoft viene incontro alle esigenze di tutti:

            persino dei cantinari non appena capiscono che

            linux è un

            bidone.

            quindi M$ rilascia prodotti per pazzi
            scriteriati, ottimo a
            sapersi!beh, se son disposti a pagarli...
          • FDG scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            - Scritto da: Sistemista Linux

            :D che progetto è?

            "come fare il boot di linux in meno di 4 giorni"Questa scemenza te la potevi risparmiare.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            - Scritto da: Sistemista Linux

            :D che progetto è?

            "come fare il boot di linux in meno di 4 giorni"Eccolo qua!Altro che sistemista.Sei il solito linux hater, in quanto sedicente sistemista che senza il mouse non e' capace neanche di accendere il monitor.Gia' me lo immagino il modo in cui avrai sconsigliato il tuo capo: "No, capo, non mettiamo linux: e' difficile, bisogna usare la linea di comando nel 2011, e poi ho paura che se passiamo a linux ti accorgi che io di computer non ci capisco una mazza, ma che fino ad oggi sono riuscito a farti credere il contrario, cliccando di qua e di la'..."Ne ho visti tanti di tipi come te!La zappa ci vuole! Altro che il mouse.
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Logico

            - Scritto da: Sistemista Linux


            :D che progetto è?



            "come fare il boot di linux in meno di 4 giorni"

            Eccolo qua!
            Altro che sistemista.
            Sei il solito linux hater, in quanto sedicente
            sistemista che senza il mouse non e' capace
            neanche di accendere il
            monitor.

            Gia' me lo immagino il modo in cui avrai
            sconsigliato il tuo capo: "No, capo, non mettiamo
            linux: e' difficile, bisogna usare la linea di
            comando nel 2011, e poi ho paura che se passiamo
            a linux ti accorgi che io di computer non ci
            capisco una mazza, ma che fino ad oggi sono
            riuscito a farti credere il contrario, cliccando
            di qua e di
            la'..."

            Ne ho visti tanti di tipi come te!
            La zappa ci vuole! Altro che il mouse.quale parte di "non sono più un sistemista" non hai capito?
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Logico


            - Scritto da: Sistemista Linux



            :D che progetto è?





            "come fare il boot di linux in meno di 4
            giorni"



            Eccolo qua!

            Altro che sistemista.

            Sei il solito linux hater, in quanto sedicente

            sistemista che senza il mouse non e' capace

            neanche di accendere il

            monitor.



            Gia' me lo immagino il modo in cui avrai

            sconsigliato il tuo capo: "No, capo, non
            mettiamo

            linux: e' difficile, bisogna usare la linea di

            comando nel 2011, e poi ho paura che se passiamo

            a linux ti accorgi che io di computer non ci

            capisco una mazza, ma che fino ad oggi sono

            riuscito a farti credere il contrario, cliccando

            di qua e di

            la'..."



            Ne ho visti tanti di tipi come te!

            La zappa ci vuole! Altro che il mouse.

            quale parte di "non sono più un sistemista" non
            hai
            capito?Io in realta' ho capito che non lo sei mai stato, ma hai fatto solo finta.
          • Informatico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Logico

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: Logico



            - Scritto da: Sistemista Linux




            :D che progetto è?







            "come fare il boot di linux in meno di 4

            giorni"





            Eccolo qua!


            Altro che sistemista.


            Sei il solito linux hater, in quanto sedicente


            sistemista che senza il mouse non e' capace


            neanche di accendere il


            monitor.





            Gia' me lo immagino il modo in cui avrai


            sconsigliato il tuo capo: "No, capo, non

            mettiamo


            linux: e' difficile, bisogna usare la linea di


            comando nel 2011, e poi ho paura che se
            passiamo


            a linux ti accorgi che io di computer non ci


            capisco una mazza, ma che fino ad oggi sono


            riuscito a farti credere il contrario,
            cliccando


            di qua e di


            la'..."





            Ne ho visti tanti di tipi come te!


            La zappa ci vuole! Altro che il mouse.



            quale parte di "non sono più un sistemista" non

            hai

            capito?

            Io in realta' ho capito che non lo sei mai stato,
            ma hai fatto solo
            finta.te lo ha detto Linus in persona? questi linari, pure veggenti...
          • Darwin scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Informatico
            te lo ha detto Linus in persona? questi linari,
            pure
            veggenti...Non siamo veggenti. Il fatto è che vi classificate da soli...
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Sistemista Linux
        avrei solo una domanda da porti,
        è l'ecosistema linux a non essere adatto, non
        configurabile, senza software adatto,... etc.....
        o è la persona che deve configurarlo a non essere
        capace di adattarsi ad un qualcosa di diverso da
        quello che ha visto
        finora??quindi tu mi puoi dimostrare che in sendmail esista un calendar server performante, come in exchange. Giusto?
        sono convinto che nel caso in cui da linux avessi
        dovuto migrare a windows avreti trovato delle
        lamentele
        comunque...un po' come scoprire l'acqua calda: un cambiamento porta sempre delle grane, by defautl.
        ti rimando ad una pagina di wikipedia a mio
        avviso
        illuminante

        http://it.wikipedia.org/wiki/PEBKACguarda, ho trovato una pagina con un link alle tue competenze preferite: http://it.wikipedia.org/wiki/Ippica
        • Filuz scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          - Scritto da: Sistemista Linux

          avrei solo una domanda da porti,

          è l'ecosistema linux a non essere adatto, non

          configurabile, senza software adatto,...
          etc.....

          o è la persona che deve configurarlo a non
          essere

          capace di adattarsi ad un qualcosa di diverso da

          quello che ha visto

          finora??

          quindi tu mi puoi dimostrare che in sendmail
          esista un calendar server performante, come in
          exchange.
          Giusto?



          sono convinto che nel caso in cui da linux
          avessi

          dovuto migrare a windows avreti trovato delle

          lamentele

          comunque...
          un po' come scoprire l'acqua calda: un
          cambiamento porta sempre delle grane, by
          defautl.



          ti rimando ad una pagina di wikipedia a mio

          avviso

          illuminante



          http://it.wikipedia.org/wiki/PEBKAC

          guarda, ho trovato una pagina con un link alle
          tue competenze preferite:

          http://it.wikipedia.org/wiki/IppicaGuarda che sei tu ad aver dimostrato di non essere competente eh!
        • Mr. X scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          - Scritto da: Sistemista Linux

          avrei solo una domanda da porti,

          è l'ecosistema linux a non essere adatto, non

          configurabile, senza software adatto,...
          etc.....

          o è la persona che deve configurarlo a non
          essere

          capace di adattarsi ad un qualcosa di diverso da

          quello che ha visto

          finora??

          quindi tu mi puoi dimostrare che in sendmail
          esista un calendar server performante, come in
          exchange.
          Giusto?
          ROTFL triplo carpiato... Sendmail è un MTA è perfettamente normale che non faccia da calendario.
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Mr. X
            - Scritto da: Logico

            - Scritto da: Sistemista Linux


            avrei solo una domanda da porti,


            è l'ecosistema linux a non essere adatto, non


            configurabile, senza software adatto,...

            etc.....


            o è la persona che deve configurarlo a non

            essere


            capace di adattarsi ad un qualcosa di diverso
            da


            quello che ha visto


            finora??



            quindi tu mi puoi dimostrare che in sendmail

            esista un calendar server performante, come in

            exchange.

            Giusto?



            ROTFL triplo carpiato... Sendmail è un MTA è
            perfettamente normale che non faccia da
            calendario.non mi dire :(Exchange non è un MTA? quindi cosa proponi?
          • collione scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            eppure basta leggere wikipedia prima di sparare XXXXXXX http://en.wikipedia.org/wiki/Microsoft_Exchange_Serverse sei un tecnico IT ( ma non lo sei e si capisce da quello che scrivi ) saprai gli equivalenti open di exchange sono citadel, zimbra e open-xchangea questo punto mi chiedo "ci sei o ci fai?"
        • caneblu scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          quindi tu mi puoi dimostrare che in sendmail
          esista un calendar server performante, come in
          exchange.
          Giusto?che ignoranza... cambia mestiere, va.. è un buon consiglio credimi...
          • iRoby scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: caneblu
            che ignoranza... cambia mestiere, va.. è un buon
            consiglio credimi...Eppure sapessi, che le PMI italiane, tipo quelle del nord-est con il "Padron" che assume solo parenti e amici selezionati, è pieno di minchioni incompetenti che si improvvisano super tecnici...Ma non li licenziano mica per selezionare dei veri tecnici. E così l'Italia arranca, invece di innovare e diventare più efficiente.E sai perché? Perché la paura dell'ignoto fa parte della stupidità umana, ossia parenti e amici li si preferisce perché tutto sommato si conoscono, hanno bisogno di quel rapporto sociale che si instaura tra padrone e sottoposto, e vivono contenti così...
    • GiPi scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Per la posta in effetti non si può negare che una soluzione integrata come exchange manchi.Invece un amministratore di db che non conosce sql mi lascia sempre molto perplesso perchè no, non sempre due click sono la soluzione del problema.Ah, già... siamo nel 2011 non serve saper fare le cose per essere dei professionisti.
      • Cbuttius scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        Ma vedi, spesso si tende a confondere "sistemista" con "mulettista"...http://giovysyle.wordpress.com/
        • Logico scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Cbuttius
          Ma vedi, spesso si tende a confondere
          "sistemista" con
          "mulettista"...

          http://giovysyle.wordpress.com/fossi in te rivaluterei le fonti: http://giovysyle.wordpress.com/2010/09/21/primo-principio-di-equivalenza/
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: GiPi
        Per la posta in effetti non si può negare che una
        soluzione integrata come exchange
        manchi.quindi cosa proponi?
        Invece un amministratore di db che non conosce
        sql mi lascia sempre molto perplesso perchè no,
        non sempre due click sono la soluzione del
        problema.un DB admin non deve mica conoscere il codice, ma ammisitrare il server da un punto di vista sistemistico.Non è che un admin IIS (o Apache, se preferite) sia anche lo sviluppatore del sito in ASP.NET (o php, o quello che volete voi).
        Ah, già... siamo nel 2011 non serve saper fare le
        cose per essere dei
        professionisti.sei un parlamentare anche tu?
        • GiPi scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...

          quindi cosa proponi?Propongo di rimanere su exchange perché non mi risulta ci sia una soluzione altrettanto semplice, integrata e ricca di funzionalità.Vorrei sottolineare però che il discorso mi pare ben diverso per un fileserver.
          un DB admin non deve mica conoscere il codice, ma
          ammisitrare il server da un punto di vista
          sistemistico.
          Non è che un admin IIS (o Apache, se preferite)
          sia anche lo sviluppatore del sito in ASP.NET (o
          php, o quello che volete
          voi).Già però chi gestisce application server deve essere in grado di capire come l'applicazione impatta sul servizio.Il discorso è ancora più valido per chi gestisce un db. Sinceramente non credo che chi non conosce l'sql sia in grado ci compredere bene i problemi (concorrenza, lock, indicizzazione, caching, transazionalità, ecc) e sappia collaborare con lo sviluppatore nel tuning della coppia db-applicazione.Con queste premesse non mi stupisce, in effetti, che la migrazione SQL -
          MySQL non sià andata a dovere.
          sei un parlamentare anche tu??Agguingo una riflessione: non sempre migrare porta a costi minori o a maggior efficenza. Chi decide queste cose dovrebbe, con i dovuti tempi e modi, coinvolgere il proprio team (che a sua volta dovrebbe valutare realisticamente e in modo professionale gli impatti, non limitarsi a rifiutare di leggere i manuali), fare un piano accurato, realistico e se occorre farsi aiutare e/o formare il personale interno.
          • crsn scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: GiPi
            Agguingo una riflessione: non sempre migrare
            porta a costi minori o a maggior efficenza. Chi
            decide queste cose dovrebbe, con i dovuti tempi e
            modi, coinvolgere il proprio team (che a sua
            volta dovrebbe valutare realisticamente e in modo
            professionale gli impatti, non limitarsi a
            rifiutare di leggere i manuali), fare un piano
            accurato, realistico e se occorre farsi aiutare
            e/o formare il personale
            interno.il problema di queste conversazioni è che spesso chi ha lavorato con un prodotto e/o "tifa" per l'open source o il close source (già, c'è anche chi tifa per quello) e tende a mischiare in un'unica soluzione tutto.sono pienamente d'accordo con quello che dici tu. passare ad un altro sistema non è un gioco; nelle aziende che hanno questo tipo di sensibilità, la migrazione viene valutata, testata ed eventuali problemi vengono *sviscerati* e risoltiinoltre, non ci si deve vergognare di ammettere che un determinato compito è fuori dalle proprie competenze. del resto se hai passato gli ultimi 10 anni a lavorare su windows è impensabile che ti trasformi in sistemista unix nel giro di due mesi, no?purtroppo per queste ragioni - e parlo solo in ambito prettamente economico - spesso si sbagliano delle valutazioni. sia per troppo orgoglio, che per scetticismo o per ragioni filosofico-politiche.ma siamo tutti troppo orgogliosi per ammetterlo.c
        • Mr. X scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          - Scritto da: GiPi

          Per la posta in effetti non si può negare che
          una

          soluzione integrata come exchange

          manchi.
          quindi cosa proponi?
          Ad esempio Zimbra per rimanere su un groupware.oppure come hanno consigliato... se non si sa di cosa si sta parlando lasciare perdere, è facile parlar male di qualcosa che non si conosce

          Invece un amministratore di db che non conosce

          sql mi lascia sempre molto perplesso perchè no,

          non sempre due click sono la soluzione del

          problema.
          un DB admin non deve mica conoscere il codice, ma
          ammisitrare il server da un punto di vista
          sistemistico.
          Non è che un admin IIS (o Apache, se preferite)
          sia anche lo sviluppatore del sito in ASP.NET (o
          php, o quello che volete
          voi).


          Ah, già... siamo nel 2011 non serve saper fare
          le

          cose per essere dei

          professionisti.
          sei un parlamentare anche tu?
          • Informatico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Mr. X
            - Scritto da: Logico

            - Scritto da: GiPi


            Per la posta in effetti non si può negare che

            una


            soluzione integrata come exchange


            manchi.

            quindi cosa proponi?



            Ad esempio Zimbra per rimanere su un groupware.
            oppure come hanno consigliato... se non si sa di
            cosa si sta parlando lasciare perdere, è facile
            parlar male di qualcosa che non si
            conosce



            Invece un amministratore di db che non conosce


            sql mi lascia sempre molto perplesso perchè
            no,


            non sempre due click sono la soluzione del


            problema.

            un DB admin non deve mica conoscere il codice,
            ma

            ammisitrare il server da un punto di vista

            sistemistico.

            Non è che un admin IIS (o Apache, se preferite)

            sia anche lo sviluppatore del sito in ASP.NET (o

            php, o quello che volete

            voi).




            Ah, già... siamo nel 2011 non serve saper fare

            le


            cose per essere dei


            professionisti.

            sei un parlamentare anche tu?Zimbra si interefaccia con blackberry server (parlo sempre del calendar)? come?sarebbe interessante
          • maurizio scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Informatico

            Zimbra si interefaccia con blackberry server
            (parlo sempre del calendar)?
            come?
            sarebbe interessantedirei alla grandehttp://yep.it/ybcym
      • nome e cognome scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: GiPi
        Per la posta in effetti non si può negare che una
        soluzione integrata come exchange
        manchi.
        Invece un amministratore di db che non conosce
        sql mi lascia sempre molto perplesso perchè no,
        non sempre due click sono la soluzione del
        problema.Beh c'è una bella differenza tra l'essere obbligati ad usare SQL per le operazioni di manutenzione e avere a disposizione una bella interfaccia grafica. Capisco che lo sport nazionale del cantinaro sia mandare a memoria lunghe liste di comandi e grant ma generalmente le persone normali preferiscono vivere.
        • ulas scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: nome e cognome
          Beh c'è una bella differenza tra l'essere
          obbligati ad usare SQL per le operazioni di
          manutenzione e avere a disposizione una bella
          interfaccia grafica. Capisco che lo sport
          nazionale del cantinaro sia mandare a memoria
          lunghe liste di comandi e grant ma generalmente
          le persone normali preferiscono
          vivere.SQLyoghttp://www.webyog.com/en/screenshots.phpwinscimmia
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            SQLyog
            http://www.webyog.com/en/screenshots.php
            winscimmiaNoooo hanno scritto una gui per amministratori di mysql? E ora? Come faranno i cantinari... vedi che anche nel tuo ritardo mentale alla fine ci arrivi? Una gui è utile per risparmiare tempo, per evitare di imparare comandi inutili, per fare meglio il proprio lavoro. Qualche tuo collega cantinaro ci è arrivato, ora prova a sforzare il cervellino anche tu.
          • ulas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome

            SQLyog

            http://www.webyog.com/en/screenshots.php

            winscimmia

            Noooo hanno scritto una gui per amministratori di
            mysql? E ora? Come faranno i cantinari... vedi
            che anche nel tuo ritardo mentale alla fine ci
            arrivi? Una gui è utile per risparmiare tempo,
            per evitare di imparare comandi inutili, per fare
            meglio il proprio lavoro. Qualche tuo collega
            cantinaro ci è arrivato, ora prova a sforzare il
            cervellino anche
            tu.Così anche gli informatici del CEPU come te possono usarlo
    • sg4m0 scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...

      Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA
      e competenza tecnica non sono state
      ascoltate.
      Ovviamente tu avrai collaborato molto al sucXXXXX del progetto...Complimenti, professionale al 100%Cos'è, se domani passate ad AS/400, tu ti licenzi xè la tua esperienza è solo Win?
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: sg4m0

        Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA

        e competenza tecnica non sono state

        ascoltate.


        Ovviamente tu avrai collaborato molto al sucXXXXX
        del
        progetto...
        Complimenti, professionale al 100%un proXXXXX votato alla disfatta, non posso mica fare dei miracoli io, eh?
        Cos'è, se domani passate ad AS/400, tu ti licenzi
        xè la tua esperienza è solo
        Win?AS/400 è una piattaforma stabilissima ed estremamente affidabile (ovviamente molto di nicchia). Linux è un'accozzaglia di codice scritto con i piedi da developers-wannabe, studenti fuori corso e informatici disoccupati nei centri sociali.Non è proprio la stessa cosa, eh?
        • Shiba scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          Linux è un'accozzaglia di codice scritto con i
          piedi da developers-wannabe, studenti fuori corso
          e informatici disoccupati nei centri
          sociali.
          Non è proprio la stessa cosa, eh?E a te puzzano molto i piedi.
        • crsn scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          Linux è un'accozzaglia di codice scritto con i
          piedi da developers-wannabe, studenti fuori corso
          e informatici disoccupati nei centri
          sociali.
          Non è proprio la stessa cosa, eh?perdonami, ma suppongo tu sia ironico, vero?personalmente il codice scritto sotto linux è spesso esemplare, sia da un punto di vista di stile che da un punto di vista di architettura software (questa sconosciuta). non ti disturbare a chiedermelo, ci lavoro ogni giorno con sw open, quindi sì, prendilo come un dato di fatto.c
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: crsn
            - Scritto da: Logico

            Linux è un'accozzaglia di codice scritto con i

            piedi da developers-wannabe, studenti fuori
            corso

            e informatici disoccupati nei centri

            sociali.

            Non è proprio la stessa cosa, eh?

            perdonami, ma suppongo tu sia ironico, vero?

            personalmente il codice scritto sotto linux è
            spesso esemplare, sia da un punto di vista di
            stile che da un punto di vista di architettura
            software (questa sconosciuta). non ti disturbare
            a chiedermelo, ci lavoro ogni giorno con sw open,
            quindi sì, prendilo come un dato di
            fatto.

            cun po' di trolling, ma non ho messo le emoticon. ;)
        • collione scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          ecco adesso abbiamo la certezza che sei un troll http://jobsearchtech.about.com/b/2010/05/23/getting-paid-for-linux-contributions.htmstudenti fuori corso e dei centri sociali? mi pare che la stragrande maggioranza siano ingegneri di alto livello delle più grandi multinazionali hardware e softwareè evidente che tu non sai di cosa parli e dubito fortemente che tu sia uno che lavora nell'ITnon sarai mica l'ennesimo nick farlocco di nome e cognome aka il supertennico? GET THE FACTS (rotfl)
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            non sarai mica l'ennesimo nick farlocco di nome e
            cognome aka il supertennico?Ma tu che ci fai qui? Vai al pwn2own ad hackerare windows phone altrimenti ti tocca ammettere che è il miglior sistema operativo mobile.
          • collione scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            non mi tocca proprio niente perchè per windows phone non si è presentato nessuno così come per androidriguardo linux invece in passato ( quando linux era ammesso al pwn2own ) è rimasto imbattutoGET THE FACTS ( rotfl)p.s. che c'è ti ho sgamato trollazzo? :D
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: collione
            non mi tocca proprio niente perchè per windows
            phone non si è presentato nessuno così come per
            android

            riguardo linux invece in passato ( quando linux
            era ammesso al pwn2own ) è rimasto
            imbattutoE come al solito presenterai un link che conferma la tua affermazione, con i nomi di chi ha tentato e fallito, giusto? http://www.engadget.com/2008/03/29/linux-becomes-only-os-to-escape-pwn-2-own-unscathed/In the end, it was reported that some folks on hand had discovered bugs in the Linux OS, but many of them "didn't want to put the work into developing the exploit code that would be required to win the contest."Hai bisogno, come al solito, della traduzione? Oppure vuoi l'opinione di uno che se ne intende?http://www.oneitsecurity.it/01/03/2010/intervista-charlie-miller-pwn2own/No, Linux non è più difficile, probabilmente è addirittura più semplice, sebbene questo dipenda da quale variante di Linux a cui ti riferisci. Gli organizzatori del contest non scelgono Linux perché non ci sono abbastanza utenti che lo usino sui propri dekstop. Laltro motivo è che le vulnerabilità sono nei browser, nella maggior parte dei casi, gli stessi browser che girano su Linux, girano anche su Windows.
            GET THE FACTS ( rotfl)Li vedo i facts, magari se ne confermassi qualcuno ogni tanto eviteremmo di riderti in faccia (io e tutti i miei cloni).
            p.s. che c'è ti ho sgamato trollazzo? :DSi Sherlock hai capito tutto, come al solito.
          • ulas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome
            http://www.engadget.com/2008/03/29/linux-becomes-o

            In the end, it was reported that some folks on
            hand had discovered bugs in the Linux OS, but
            many of them "didn't want to put the work into
            developing the exploit code that would be
            required to win the
            contest."

            Hai bisogno, come al solito, della traduzione?
            Non serve i folks anonimi erano mio nonno e la marmotta che incarta la cioccolata, che oltre a non divulgare l'exploit di "Linux OS" (tra virgolette) non hanno divulgato nemmeno la violazione dei sistemi della Corea del Nord e gli MMS di ruby rubacuori.
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Non serve i folks anonimi erano mio nonno e la
            marmotta che incarta la cioccolata, che oltre a
            non divulgare l'exploit di "Linux OS" (tra
            virgolette) non hanno divulgato nemmeno la
            violazione dei sistemi della Corea del Nord e gli
            MMS di ruby
            rubacuori.Evidentemente la stupidità è di famiglia.
          • ulas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome

            Non serve i folks anonimi erano mio nonno e la

            marmotta che incarta la cioccolata, che oltre a

            non divulgare l'exploit di "Linux OS" (tra

            virgolette) non hanno divulgato nemmeno la

            violazione dei sistemi della Corea del Nord e
            gli

            MMS di ruby

            rubacuori.

            Evidentemente la stupidità è di famiglia.Ha parlato il leccacul0 di microsoft
          • collione scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            ma se lui non c'ha nemmeno provato a bucare linux come fa a dire che è più facile? è preveggente? (rotfl)riguardo il pwn2own, i ricercatori non si presentarono perchè non riuscirono a sviluppare l'exploit nel tempo dato, il resto è fuffa giornalisticavisto che ti piacciono così tanti i link, postami un link dove si afferma ( con argomentazioni tecniche e non opinioni personali ) che linux è più facile da bucare di windowsd'altro canto pure sui server web, dove linux stradomina, arrivano sempre notizie di windows server bucati e mai di linuxcome mai?
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: collione
            ma se lui non c'ha nemmeno provato a bucare linux
            come fa a dire che è più facile? è preveggente?
            (rotfl)Diciamo che ne sa sicuramente più di te visto che l'altro bidone con la mela lo buca con regolarità (non siete mica voi a dire che osshit è uno unix-like quindi sicurissimo, come linux del resto).
            riguardo il pwn2own, i ricercatori non si
            presentarono perchè non riuscirono a sviluppare
            l'exploit nel tempo dato, il resto è fuffa
            giornalisticaCerto, tu eri li, e tuo cugggino ti ha detto che hanno provato a violare linux ma poi il server e morto e risorto e gli ha detto "non violerete altro sistema al di fuori di windows".
            visto che ti piacciono così tanti i link, postami
            un link dove si afferma ( con argomentazioni
            tecniche e non opinioni personali ) che linux è
            più facile da bucare di
            windowsIl fatto che sia un orrenda accozzaglia di codice? E' abbastanza tecnica se lo dice linus thorvalds?
            d'altro canto pure sui server web, dove linux
            stradomina, arrivano sempre notizie di windows
            server bucati e mai di
            linux

            come mai?Stai parlando di redhat e apache? Quelli che sono stati trapanati due volte di fila? Oppure hai un link con delle statistiche?
          • ulas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome
            Il fatto che sia un orrenda accozzaglia di
            codice? E' abbastanza tecnica se lo dice linus
            thorvalds?
            non sapevo che voi al cepu mettevate mano al codice
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: ulas
            - Scritto da: nome e cognome


            Il fatto che sia un orrenda accozzaglia di

            codice? E' abbastanza tecnica se lo dice linus

            thorvalds?



            non sapevo che voi al cepu mettevate mano al
            codiceAl massimo mettono mano ai serial numbers di tutta la roba che scaricano craccata.
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            non sapevo che voi al cepu mettevate mano al
            codiceSono tante le cose che non sai... dovresti provare anche tu il CEPU, magari con un po' di aiuto qualcosa ti entra.
    • Filuz scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      - Scritto da: Logico
      Al lavoro, il grande capo ha deciso che non
      voleva più pagare licenze e bisognava passare al
      software
      open-source.
      Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA
      e competenza tecnica non sono state
      ascoltate.

      migrazione windows 2003 - Linux = roll-back dopo
      due mesi. Impossibile avere una policy di backup
      stabile, impossibile avere una gestione dei
      permessi utenti coerente. Impossibile eseguire
      una corretta e SEMPLICE policy di quota
      management, semplicemente questa cosa semplice e
      basilare non si puo' fare su linux (a meno di
      fare la danza della
      pioggia).
      Glisso su i problemi di sicurezza (si passano
      giornate intere a patchare la patch della
      patch).
      Cose semplicissime come fare un network sharing
      prendono ORE ed ORE ad essere realizzate: bisogna
      cercare il buon file di config, ogni tanto
      ricompilare qualcosa, scaricare pacchetti e
      double-check delle dipendenze, continualmente
      digitare comandi!!!! nel
      2011!!!

      migrazione exchange - sendmail: fail totale,
      impossibile di trovare un modo semplice ed
      efficace per il deploy di un calendar server come
      si
      deve.

      migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e
      totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO con
      un paio di click, non ti serve nemmeno conoscere
      SQL. con il prodotto open, miriadi e miriadi di
      comandi da lanciare a
      manina.

      Per non parlare delle decine di manuali da
      leggere, come se non avessi altro da fare
      io!

      Insomma, la mia azienda mi ha finalmente
      ascoltato: FUORI LINUX DALLE
      SCATOLE!!!!!!!!!!Hai pensato che sei semplicemente un incapace?
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Filuz
        - Scritto da: Logico

        Al lavoro, il grande capo ha deciso che non

        voleva più pagare licenze e bisognava passare al

        software

        open-source.

        Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA

        e competenza tecnica non sono state

        ascoltate.



        migrazione windows 2003 - Linux = roll-back dopo

        due mesi. Impossibile avere una policy di backup

        stabile, impossibile avere una gestione dei

        permessi utenti coerente. Impossibile eseguire

        una corretta e SEMPLICE policy di quota

        management, semplicemente questa cosa semplice e

        basilare non si puo' fare su linux (a meno di

        fare la danza della

        pioggia).

        Glisso su i problemi di sicurezza (si passano

        giornate intere a patchare la patch della

        patch).

        Cose semplicissime come fare un network sharing

        prendono ORE ed ORE ad essere realizzate:
        bisogna

        cercare il buon file di config, ogni tanto

        ricompilare qualcosa, scaricare pacchetti e

        double-check delle dipendenze, continualmente

        digitare comandi!!!! nel

        2011!!!



        migrazione exchange - sendmail: fail totale,

        impossibile di trovare un modo semplice ed

        efficace per il deploy di un calendar server
        come

        si

        deve.



        migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e

        totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO con

        un paio di click, non ti serve nemmeno conoscere

        SQL. con il prodotto open, miriadi e miriadi di

        comandi da lanciare a

        manina.



        Per non parlare delle decine di manuali da

        leggere, come se non avessi altro da fare

        io!



        Insomma, la mia azienda mi ha finalmente

        ascoltato: FUORI LINUX DALLE

        SCATOLE!!!!!!!!!!
        Hai pensato che sei semplicemente un incapace?incapace di fare miracoli umanamente impossibili, come far funzionare un software estremamente buggato e non-professionale come linux?effettivamente...
        • Shiba scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          O come dire cose sensate.
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Shiba
            O come dire cose sensate.gogle usa sendmail? non lo sapevo
        • Filuz scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          - Scritto da: Filuz

          - Scritto da: Logico


          Al lavoro, il grande capo ha deciso che non


          voleva più pagare licenze e bisognava passare
          al


          software


          open-source.


          Ovviamente le mie lamentele basate su
          ESPERIENZA


          e competenza tecnica non sono state


          ascoltate.





          migrazione windows 2003 - Linux = roll-back
          dopo


          due mesi. Impossibile avere una policy di
          backup


          stabile, impossibile avere una gestione dei


          permessi utenti coerente. Impossibile eseguire


          una corretta e SEMPLICE policy di quota


          management, semplicemente questa cosa
          semplice
          e


          basilare non si puo' fare su linux (a meno di


          fare la danza della


          pioggia).


          Glisso su i problemi di sicurezza (si passano


          giornate intere a patchare la patch della


          patch).


          Cose semplicissime come fare un network
          sharing


          prendono ORE ed ORE ad essere realizzate:

          bisogna


          cercare il buon file di config, ogni tanto


          ricompilare qualcosa, scaricare pacchetti e


          double-check delle dipendenze, continualmente


          digitare comandi!!!! nel


          2011!!!





          migrazione exchange - sendmail: fail totale,


          impossibile di trovare un modo semplice ed


          efficace per il deploy di un calendar server

          come


          si


          deve.





          migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e


          totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO
          con


          un paio di click, non ti serve nemmeno
          conoscere


          SQL. con il prodotto open, miriadi e miriadi
          di


          comandi da lanciare a


          manina.





          Per non parlare delle decine di manuali da


          leggere, come se non avessi altro da fare


          io!





          Insomma, la mia azienda mi ha finalmente


          ascoltato: FUORI LINUX DALLE


          SCATOLE!!!!!!!!!!

          Hai pensato che sei semplicemente un incapace?

          incapace di fare miracoli umanamente impossibili,
          come far funzionare un software estremamente
          buggato e non-professionale come
          linux?

          effettivamente...Effettivamente in ambito server linux non lo usa nessuno. Quindi non sei tu il problema. Vai tranquillo!
        • FDG scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          effettivamente...Guarda che non ci fai tutta questa figura con le tue affermazioni grossolane.
        • Fabio scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          Software instabile e buggato utilizzato da aziende come Google e Facebook...
        • dont feed the troll/dovella scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          incapace di fare miracoli umanamente impossibiliFoss'anche solo quotare in maniera decente.
    • nessuno scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      secondo me, se dai il nome dell'azienda, domani verrà subissata di curricula di gente che GNU/Linux lo conosce.Non persone che lo ritengono migliore, soltanto persone che lo sanno amministrare e gestire.Forse poteva valere la pena chiedere al capo, quando ha preso la decisione, di prevedere un po' di formazione preventiva, qualche corso, qualche certificazione, tanto per non mandare allo sbaraglio le persone, per poi trovarsi le sorprese.Ma questa non è colpa tua: è il capo che non ha capito nulla dell'Open Source.Open Source non significa 'gratis', ma libero.Si può risparmiare sui costi delle licenze, in acquisto ed upgrade, ma non certo sui costi di installazione, manutenzione, gestione, upgrade, integrazione, etc.Se poi hai degli SLA critici, è da incoscienti non avere un contratto di supporto con chi può intervenire e risolvere i problemi in tempi certi.Un po' di evangelizzazione al capo sul buon senso potrebbe non fare affatto male ... indipendentemente dalla marca del software.
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: nessuno
        secondo me, se dai il nome dell'azienda, domani
        verrà subissata di curricula di gente che
        GNU/Linux lo
        conosce.
        con tutti i disoccupati che ci sono in giro...
        Non persone che lo ritengono migliore, soltanto
        persone che lo sanno amministrare e
        gestire.come te, immagino...

        Forse poteva valere la pena chiedere al capo,
        quando ha preso la decisione, di prevedere un po'
        di formazione preventiva, qualche corso, qualche
        certificazione, tanto per non mandare allo
        sbaraglio le persone, per poi trovarsi le
        sorprese.io ho chiesto di annullare il progetto: questo avrebbe garantito una riuscita del 100%
        Ma questa non è colpa tua: è il capo che non ha
        capito nulla dell'Open
        Source.
        Open Source non significa 'gratis', ma libero.guarda, io sono contrario all'open source per tanti motivi. Eppure questa cosa l'ho capita pure io, ma moltissima gente crede che libero e gratis sia la stessa cosa.E non parlo solo del software, ma anche nella 'vita reale' (ma qui poi vado OT...)

        Si può risparmiare sui costi delle licenze, in
        acquisto ed upgrade, ma non certo sui costi di
        installazione, manutenzione, gestione, upgrade,
        integrazione,
        etc.

        Se poi hai degli SLA critici, è da incoscienti
        non avere un contratto di supporto con chi può
        intervenire e risolvere i problemi in tempi
        certi.
        CLAP CLAP CLAP CLAP CLAP. Come non darti ragione!
        Un po' di evangelizzazione al capo sul buon senso
        potrebbe non fare affatto male ...
        indipendentemente dalla marca del
        software.purtroppo spesso in Italia il livello di management è quello che è (promozione non basata sui risultati, ma sulla tessera di partito / amicizie altolocate / etc.).ciao
      • shevathas scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: nessuno
        secondo me, se dai il nome dell'azienda, domani
        verrà subissata di curricula di gente che
        GNU/Linux lo
        conosce.
        ma, parlo per esperienza, raramente conosce il problema.E la rogna è che devi sostituire una situazione esistente con una funzionante quasi allo stesso modo senza fare disastri e garantendo il più possibile la continuità del lavoro. Prova a dire ai boss: basta piantare tutto per 6 mesi, piallare e ripartire praticamente da zero per finire scartato in meno di 1''.
        Non persone che lo ritengono migliore, soltanto
        persone che lo sanno amministrare e
        gestire.
        il problema non è tanto il gestire linux, quanto il gestire linux e tutto il sistema informativo vecchio che girava su M$ e che dovrà girare su linux.
        Forse poteva valere la pena chiedere al capo,
        quando ha preso la decisione, di prevedere un po'
        di formazione preventiva, qualche corso, qualche
        certificazione, tanto per non mandare allo
        sbaraglio le persone, per poi trovarsi le
        sorprese.
        più che formazione serviva fare una seria indagine costi - benefici. E' inutile risparmiare 100 di licenza se poi ti trovi a dover spendere il quadruplo in assistenza, fermi macchina e consulenza per il trasferimento del sistema informativo.
        Si può risparmiare sui costi delle licenze, in
        acquisto ed upgrade, ma non certo sui costi di
        installazione, manutenzione, gestione, upgrade,
        integrazione,
        etc.
        e se si va a vedere alla fine, rispetto ai costi di cui sopra, i costi di licenza, di sistema operativo e suite office, sono poca cosa.
        Un po' di evangelizzazione al capo sul buon senso
        potrebbe non fare affatto male ...
        indipendentemente dalla marca del
        software.quoto.
    • bubu scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Mi sa tanto che qui di epic fail c'è solo la tua consulenza!Personalmente sconsiglio Linux sul desktop (e vai coi flame...) ma non toccarmi assolutamente i server!Uso Linux su postazioni server (web ed intranet) da 7 anni e non ho mai, dico MAI, avuto i problemi che hai descritto tu.Poi, va bèh... se sei uno abituato ad exchange e interfaccia a finestre (che su un server è uno spreco di risorse, il server deve essere accessibile da remoto, non è necessario assolutamente che impieghi memoria e CPU per il window manager che usi una tantum in fase di configurazione), non posso farci nulla. La configurazione deve essere fatta a colpi di VI o NANO o similia! Installi SSHD e con Putty amministri il tutto anche da un misero netbook......ma cosa lo sto a dire ad uno che afferma che SQL Server (per carità, un buon db server) è superiore ad altri solo perchè ha un wizard che ti consente di fare tutto con pochi click del mouse!Senza offesa ma, sinceramente, non riesco a capire come tu possa essere stipendiato da una ditta solo per fare due click quà e là! Fosse per me ti lascerei a casa in pianta stabile, di tipi come te sono ormai pieni i fossi e ne trovo quanti ne voglio.
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: bubu
        Mi sa tanto che qui di epic fail c'è solo la tua
        consulenza!
        Personalmente sconsiglio Linux sul desktop (e vai
        coi flame...) ma non toccarmi assolutamente i
        server!che bello, io la penso esattamente al contrario. Se le applicazioni sono web-based, perchè non si potrebbe avere n-mila OS diversi sulle workstation?
        Uso Linux su postazioni server (web ed intranet)
        da 7 anni e non ho mai, dico MAI, avuto i
        problemi che hai descritto
        tu.

        Poi, va bèh... se sei uno abituato ad exchange e
        interfaccia a finestre (che su un server è uno
        spreco di risorse, il server deve essere
        accessibile da remoto, non è necessario
        assolutamente che impieghi memoria e CPU per il
        window manager che usi una tantum in fase di
        configurazione), non posso farci nulla. La
        configurazione deve essere fatta a colpi di VI o
        NANO o similia! Installi SSHD e con Putty
        amministri il tutto anche da un misero
        netbook...
        quindi quelli che hanno sviluppato CDE sui vecchi solaris e HP-UX (lo so, lo so, sono un dinosauro...) sono tutti cretini, giusto?
        ...ma cosa lo sto a dire ad uno che afferma che
        SQL Server (per carità, un buon db server) è
        superiore ad altri solo perchè ha un wizard che
        ti consente di fare tutto con pochi click del
        mouse!ti rigiro la frittata. Dove sta scritto che difficili = alta qualità?

        Senza offesa ma, sinceramente, non riesco a
        capire come tu possa essere stipendiato da una
        ditta solo per fare due click quà e là! Fosse per
        me ti lascerei a casa in pianta stabile, di tipi
        come te sono ormai pieni i fossi e ne trovo
        quanti ne
        voglio.ma tu che cosa ne sai di cosa faccio io?
        • bubu scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico[...cut...]
          che bello, io la penso esattamente al contrario.
          Se le applicazioni sono web-based, perchè non si
          potrebbe avere n-mila OS diversi sulle workstation?Perchè le applicazioni non sono tutte web based, e a mio parere linux sui desktop fà pena così come è ottimo sui server.Punti di vista personali.
          quindi quelli che hanno sviluppato CDE sui vecchi
          solaris e HP-UX (lo so, lo so, sono un
          dinosauro...) sono tutti cretini,
          giusto?Ti è mai saltato in mente che CDE e altri sono stati sviluppati per offrire un'interfaccia grafica a sistemi desktop più o meno dedicati?Hai mai visto CAD altamente specializzati per il VHDL su Solaris? Oppure prodotti per il montaggio video non lineare su IRIX?Ai tempi i PC e Windows non detenevano le quote attuali del mercato desktop (sottolineo: desktop, non server o tablet o mobile), per cui ogni ditta pensava ad accaparrarsi una fetta del mercato.C'è stato persino chi ha sviluppato il TOS, AmigaOS ed Archimedes, pensa un po'!
          ti rigiro la frittata. Dove sta scritto che
          difficili = alta qualità?E chi ha parlato di difficoltà?Leggili un po' i manuali, per favore.... scoprirai che alla fine non cambia poi tanto fare un paio di click o editare un paio di linee di un file di configurazione.
          ma tu che cosa ne sai di cosa faccio io?Sicuramente quello che so io di te è che hai scritto un post con toni abbastanza trollosi. Sei tu che ti sei messo in piazza ed hai fatto persino una misera figura, IMHO
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            (anonimo)- Scritto da: bubu
            - Scritto da: Logico
            [...cut...]


            che bello, io la penso esattamente al contrario.

            Se le applicazioni sono web-based, perchè non si

            potrebbe avere n-mila OS diversi sulle
            workstation?

            Perchè le applicazioni non sono tutte web based,
            e a mio parere linux sui desktop fà pena così
            come è ottimo sui
            server.
            Punti di vista personali.


            quindi quelli che hanno sviluppato CDE sui
            vecchi

            solaris e HP-UX (lo so, lo so, sono un

            dinosauro...) sono tutti cretini,

            giusto?

            Ti è mai saltato in mente che CDE e altri sono
            stati sviluppati per offrire un'interfaccia
            grafica a sistemi desktop più o meno
            dedicati?
            Hai mai visto CAD altamente specializzati per il
            VHDL su Solaris? Oppure prodotti per il montaggio
            video non lineare su
            IRIX?
            Ai tempi i PC e Windows non detenevano le quote
            attuali del mercato desktop (sottolineo: desktop,
            non server o tablet o mobile), per cui ogni ditta
            pensava ad accaparrarsi una fetta del
            mercato.
            C'è stato persino chi ha sviluppato il TOS,
            AmigaOS ed Archimedes, pensa un
            po'!
            quindi sii più chiaro: l'interfaccia grafica serve oppure no?

            ti rigiro la frittata. Dove sta scritto che

            difficili = alta qualità?

            E chi ha parlato di difficoltà?
            Leggili un po' i manuali, per favore....
            scoprirai che alla fine non cambia poi tanto fare
            un paio di click o editare un paio di linee di un
            file di
            configurazione.


            ma tu che cosa ne sai di cosa faccio io?

            Sicuramente quello che so io di te è che hai
            scritto un post con toni abbastanza trollosi. Sei
            tu che ti sei messo in piazza ed hai fatto
            persino una misera figura,
            IMHOIMHO, puoi pensare come credi
          • bubu scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico[...cut...]
            quindi sii più chiaro: l'interfaccia grafica
            serve oppure no?Lo ammetto, ci sono cascato come una pera... Non è umanamente possibile non capire cosa ho scritto nei miei post precedenti, ma a questo punto non penso che tu voglia capire....Semplicemente sto dando corda al solito troll, e ci sono cascato come un novellino!!PS: i manuali lasciali stare, molti di loro sono scritti pure in inglese! Vuoi mettere la facilità di cliccare su un wizard tradotto in italiano?Passo e chiudo, tanto vedo che non riesci ad argomentare le tue affermazioni e, peggio, sto perdendo il mio tempo.
        • FDG scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          che bello, io la penso esattamente al contrario.
          Se le applicazioni sono web-based, perchè non si
          potrebbe avere n-mila OS diversi sulle workstation?Perché purtroppo non è sempre vero.
          quindi quelli che hanno sviluppato CDE sui vecchi
          solaris e HP-UX (lo so, lo so, sono un
          dinosauro...) sono tutti cretini, giusto?Che infatti può funzionare su un server grafico remoto...
          • Logico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: FDG
            - Scritto da: Logico


            che bello, io la penso esattamente al contrario.

            Se le applicazioni sono web-based, perchè non si

            potrebbe avere n-mila OS diversi sulle
            workstation?

            Perché purtroppo non è sempre vero.


            quindi quelli che hanno sviluppato CDE sui
            vecchi

            solaris e HP-UX (lo so, lo so, sono un

            dinosauro...) sono tutti cretini, giusto?

            Che infatti può funzionare su un server grafico
            remoto...??? x-server DEVE essere installato sul server in locale. Tu al massimo ACCEDI in remoto (in mille modi) all'interfaccia grafica che è installata SUL SERVER IN LOCALE
          • FDG scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Logico

            Che infatti può funzionare su un server grafico

            remoto...

            ??? x-server DEVE essere installato sul server in
            locale.Il server grafico può essere installato su un client remoto. Anzi, la prima configurazione in cui ho visto all'opera x è stata con terminali grafici x collegati ad un host remoto.
            Tu al massimo ACCEDI in remoto (in mille modi)
            all'interfaccia grafica che è installata SUL
            SERVER IN LOCALEIl "server grafico" sta sul tuo client, non sul "server" su cui devi lavorare.
          • iRoby scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            Lascialo perdere non ha nessuna idea di come funzioni X...È solo un troll fazioso e incompetente.
      • FDG scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: bubu
        Personalmente sconsiglio Linux sul desktop (e vai
        coi flame...)Io invece lo consiglio a chi fa sviluppo software (non ms o apple).
      • nome e cognome scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...

        Poi, va bèh... se sei uno abituato ad exchange e
        interfaccia a finestre (che su un server è uno
        spreco di risorse, il server deve essere
        accessibile da remoto, non è necessario
        assolutamente che impieghi memoria e CPU per il
        window manager che usi una tantum in fase di
        configurazione), non posso farci nulla. LaMa che razza di server vi danno da gestire a voi cantinari?
        configurazione deve essere fatta a colpi di VI o
        NANO o similia! Installi SSHD e con Putty
        amministri il tutto anche da un misero
        netbook...Ma che vi, ma che nano... il vero sistemista deve usare hexedit e quale sshd mica vorrai sprecare risorse per un demone inutile, attacchi una tastiera al server e lo configuri a memoria.
        ...ma cosa lo sto a dire ad uno che afferma che
        SQL Server (per carità, un buon db server) è
        superiore ad altri solo perchè ha un wizard che
        ti consente di fare tutto con pochi click del
        mouse!Se ti consente di risparmiare tempo è sicuramente migliore degli altri.
        Senza offesa ma, sinceramente, non riesco a
        capire come tu possa essere stipendiato da una
        ditta solo per fare due click quà e là! Fosse per
        me ti lascerei a casa in pianta stabile, di tipi
        come te sono ormai pieni i fossi e ne trovo
        quanti ne
        voglio.Io lo lascerei a casa perché non ha convinto il capo a soprassedere prima di partire con quel bidone di linux.
        • ulas scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: nome e cognome

          Ma che razza di server vi danno da gestire a voi
          cantinari?
          ...in genere server ottimi senza quel chiodo di windows 2008 che li uccide.


          Ma che vi, ma che nano... il vero sistemista deve
          usare hexedit e quale sshd mica vorrai sprecare
          risorse per un demone inutile, attacchi una
          tastiera al server e lo configuri a
          memoria.
          che se ne fa una capra di windows di ssh?

          ...ma cosa lo sto a dire ad uno che afferma che

          SQL Server (per carità, un buon db server) è

          superiore ad altri solo perchè ha un wizard che

          ti consente di fare tutto con pochi click del

          mouse!

          Se ti consente di risparmiare tempo è sicuramente
          migliore degli altri.
          il buon db non è quello che fa risparmiare tempo al sistemista, ma ai suoi utilizzatori, caprone
    • FDG scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      - Scritto da: Logico
      Insomma, la mia azienda mi ha finalmente
      ascoltato: FUORI LINUX DALLE
      SCATOLE!!!!!!!!!!Beh, se non siete capaci di fare gli informatici, inutile che ci tentiate.
    • Funz scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Insomma: niente pianificazione, niente competenza, niente cervello. Ci credo che avete fatto fiasco.
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Il municipio di castello di godego, provincia di treviso (ci lavora mia mamma) ha avuto brutte esperienze con linux.. anche loro tentativi andati a male, ma quando sono riusciti a sbarazzarsi del vecchio addetto ai server per prenderne uno che CONOSCESSE linux pian piano stanno ammodernando i server.. quello della posta non salta quasi più e hanno poi potuto unirlo con quello internet, cosa prima impossibile perché le risorse con i server windows non sarebbero state sufficienti. il tipo poi cercava tempo fa un ragazzo da prender su, a condizione che fosse sveglio e che conoscesse appunto linux perché installa praticamente solo quello ai suoi clienti... tanto per fare un paragone mi metto a suonare per la prima volta con uno o due musicisti nuovi.. mai visti ne sentiti... e puntualmente faccio nonononono così non ci siamo. cambiare... perché non li conosco e non so come "funzionano" -.-'
      • shevathas scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...

        stanno ammodernando i server.. quello della posta
        non salta quasi più e hanno poi potuto unirlo con
        quello internet, cosa prima impossibile perché le
        risorse con i server windows non sarebbero state
        sufficienti.mi sembra uno spreco che un comune di 7000 abitanti gestisca in casa un server mail e un server web. Imho sarebbe stato più sensato darle in outsorcing.
        il tipo poi cercava tempo fa un
        ragazzo da prender su, a condizione che fosse
        sveglio e che conoscesse appunto linux perché
        installa praticamente solo quello ai suoi
        clienti... ??? parli di un interno o di un fornitore ?
        tanto per fare un paragone mi metto a
        suonare per la prima volta con uno o due
        musicisti nuovi.. mai visti ne sentiti... e
        puntualmente faccio nonononono così non ci siamo.
        cambiare... perché non li conosco e non so come
        "funzionano"
        -.-'comunque le pagine del sito ufficiale del comune sono in ASP...
    • ElPrimoMona ChePasa scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      diciamo la verita:1) non sei un sistemista unix.2) non avevi voglia di sbatterti e imparare.Perche' quello che hai scritto fa ridere.
      • Logico scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: ElPrimoMona ChePasa
        diciamo la verita:
        1) non sei un sistemista unix.da quando in qua linux = unix?
        2) non avevi voglia di sbatterti e imparare.vero
        Perche' quello che hai scritto fa ridere.a me fa piangere
        • panda rossa scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Logico
          - Scritto da: ElPrimoMona ChePasa

          diciamo la verita:

          1) non sei un sistemista unix.
          da quando in qua linux = unix?cvd
          • Informatico scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Logico

            - Scritto da: ElPrimoMona ChePasa


            diciamo la verita:


            1) non sei un sistemista unix.

            da quando in qua linux = unix?

            cvdio ho parlato di migrazione a linux, mica di unix.ma tu conosci unix? lo sai vero che linux is not unix, eh?o sei uno di quei sbarbatelli che arriva in azienda e dice: "perche' usate ancora HP-UX? ma passate a linux, molto piu' moderno""SAP gira al meglio su AIX, ma non si puo' provare a ricompilare i sorgenti di SAP per linux?""red hat non mi piace, e poi gentoo ha un supporto fantastico sul forum"ok, mi sa che ti ho inquadrato...
    • cotton scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...

      Per non parlare delle decine di manuali da
      leggere, come se non avessi altro da fare
      io!e le nozioni come le impari... per osmosi..???non ci fai una bella figura con sto post, è chiaro che sei un po gnorri in materia....
      • opal scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: cotton

        Per non parlare delle decine di manuali da

        leggere, come se non avessi altro da fare

        io!

        e le nozioni come le impari... per osmosi..???

        non ci fai una bella figura con sto post, è
        chiaro che sei un po gnorri in
        materia....Un po' gnorri? Direi che è un c0gli0nazz0 a tutto tondo :-)
    • zaor scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Sarai il solito raccomandato o il nipote del padrone o il classico yesman aziendale che non capisce una fava
    • collione scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      pessimo tentativo di trollaggiohai scritto un mucchio di cavolate, parli di ricompilazione quando qui c'è gente che non ricompila più da 5 anniparli di network shares difficili quando ci sono nfs e samba che si configurano in 2 minutiparli di politiche di backup instabili quando c'è rsync che fa di tutto e di più e che è stato preso a modello da apple per realizzare time machineparli di problemi di sicurezza quando le statistiche danno tutte contro windows server che è un colabrodo parli di permessi senza sapere che esiste novell zenworks e che linux supporta pure le capabilitiesinsomma, quand'è che la smetteremo di dire bugie su linux? e se poi hai davvero avuto problemi, beh, vuol dire che tu di linux non conosci un tuboallora non prenderla col sistema ma prenditela con la tua ignoranza
      • ohmygosh scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        LOAL ma che XXXXX di film vedete un po tutti? :°D1 da quando in qua per fare un quota o una share serve ricompilare?2 solo un folle passerebbe da exchange a sendmail, è come dire "ho deciso che butto la barca e mi faccio la moto da cross". Nonsense totale, inutile qualsiasi replica3 il backup....e che ti hanno messo una pistola alla tempia urlandoti di scriptartelo a manella a te? Esistono fior fiore di sistemi di backup enterprise....Te ne dico uno, Tivoli.4 a quelli che dall'alto della loro XXXXXXX ridono dicendo che "Io non ho MAAAI avuto problemi, fo tutto con putty" che gestite? Se gestite il sitarello fatto con Joomla dell'azienda si, ci può stare....ma la fuori c'è anche tutto un mondo di cose anche *un tot* più complesse. Il fatto che gridiate orgogliosi che per qualiasi cosa bastano VI o NANO vi qualifica sul nascere....La differenza tra voi e chi realmente lavora nel mondo IT, come si capisce al volo leggendo shevatas, è che chi lavora nel mondo IT deve raggiungere un obiettivo, e usa ciò che per quello scopo funziona meglio.Senza farsi le pippe sui DE, putty o le soluzioni wannabe-faidate.Se devo tenere su un dominio misto con 800 utenti e qualche TB di share uso AD, non mi vado a incastrare con altro, idem se devo tirare su un proxy uso Squid e per un PBX uso Asterisk.
        • ulas scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: ohmygosh
          La differenza tra voi e chi realmente lavora nel
          mondo IT, come si capisce al volo leggendo
          shevatas
        • collione scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: ohmygosh
          LOAL ma che XXXXX di film vedete un po tutti? :°D

          1 da quando in qua per fare un quota o una share
          serve
          ricompilare?non prendertela con me, non l'ho detta io questa scemenzaio parlavo di ricompilazioni ma relativamente ad altre situazioni e comunque si tratta di una pratica in voga molti molti anni fa, ai tempi di linux 2.4
          2 solo un folle passerebbe da exchange a
          sendmail, è come dire "ho deciso che butto la
          barca e mi faccio la moto da cross". Nonsense
          totale, inutile qualsiasi
          replicama infatti non è sendmail l'equivalente linux di exchange
          3 il backup....e che ti hanno messo una pistola
          alla tempia urlandoti di scriptartelo a manella a
          te? Esistono fior fiore di sistemi di backup
          enterprise....Te ne dico uno,
          Tivoli.e lo so, ma l'amico sembra non essere in grado di guardare oltre il suo naso
          4 a quelli che dall'alto della loro XXXXXXX
          ridono dicendo che "Io non ho MAAAI avuto
          problemi, fo tutto con putty" che gestite? Se
          gestite il sitarello fatto con Joomla
          dell'azienda si, ci può stare....ma la fuori c'è
          anche tutto un mondo di cose anche *un tot* più
          complesse. Il fatto che gridiate orgogliosi che
          per qualiasi cosa bastano VI o NANO vi qualifica
          sul
          nascere....
          non ho mai detto questo, ho semplicemente fatto notare all'amico sopra che lui di linux non conosce una mazzatu sei tra quelli che pensa che un equivalente per activedirectory sotto linux non esiste? se è così, beh, che dire, cambia mestiere!!!
          La differenza tra voi e chi realmente lavora nel
          mondo IT, come si capisce al volo leggendo
          shevatas, è che chi lavora nel mondo IT deve
          raggiungere un obiettivo, e usa ciò che per
          quello scopo funziona
          meglio.e infatti qui, a parte l'amico che ha aperto il thread, nessuno fa guerre di religione men che meno ioio lavoro su linux e lo conosco certamente mille volte di windowsho certamente un bias verso linux ( come i sysadmin windows ce l'hanno verso quest'os ) e so che con linux si può fare di tutto, quindi le affermazioni dell'amico sopra mi sembrano palesemente fasulle
          Se devo tenere su un dominio misto con 800 utenti
          e qualche TB di share uso AD, non mi vado aperchè, zenworks ( da cui activedirectory è stato emulato ) ti fa così schifo? ci sono anche situazioni in cui ti viene imposto di non usare windows e quindi activedirectory puoi solo implementarlo via zenworks
          incastrare con altro, idem se devo tirare su un
          proxy uso Squid e per un PBX uso
          Asterisk.logicamente e nessuno dice il contrario come invece il già citato amico di sopra ha fatto
    • Enterprise Profession al scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Questo è il risultato di affidarsi 100% a tecnologie Microsoft. E' chiaro che una migrazione di punto in bianco non è indolore, specialmente se affidata a una sola persona che, senza offesa, si vede lontano due km che è un sistemista del punta e clicca. Ripeto, senza offesa, non c'è nessuna colpa in tutto questo, se è questo che hai sempre fatto.Il tuo capo avrebbe dovuto prima farti formare con qualche corso o quantomeno darti un certo periodo di tempo per impratichirti. Ora il risultato è che siete legati mani e piedi a Microsoft, continuerete a pagare licenze vita natural durante e a combattere con virus, antivirus e compagnia bella.E Microsoft, ancora una volta, è riuscita nel suo intento.
    • Gigi scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Nelle mia esperienza di ne ho conosciuti di personaggi che si spacciavano per sistemista e anche sviluppatori..Gente che quando qualcosa non funziona nel router/firewal/access point la prima cosa che fanno è premere il pulsante di reset che sta dietro alla macchina.Con il server non parliamo, non funziona qualcosa bisogna reinstallare tutto.E' cosi per tutti i lavori non solo per i sistemisti..Purtroppo la gente viene assunta per amicizia non perchè sa fare il proprio lavoro, e poi si lamentano se aziende italian vanno a putt...
    • Darwin scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      - Scritto da: Logico
      Al lavoro, il grande capo ha deciso che non
      voleva più pagare licenze e bisognava passare al
      software
      open-source.Ottima idea. Così smette anche di stipendiare gli incompetenti.
      Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA
      e competenza tecnica non sono state
      ascoltate.Le tue lamentele non erano a causa di esperienza. Erano a causa di ignoranza.
      migrazione windows 2003 - Linux = roll-back dopo
      due mesi.Mancanza di Virus e registry, eh?
      impossibile avere una gestione dei
      permessi utenti coerente. :| ahahahahahahahahahahahhahLinux non avrebbe una policy di permessi coerente?Ma se è Windows che ha implementato UAC in user space lasciando scoperto il kernel :DNon sai di cosa stai parlando evidentemente....
      Impossibile eseguire
      una corretta e SEMPLICE policy di quota
      management,
      semplicemente questa cosa semplice e
      basilare non si puo' fare su linux (a meno di
      fare la danza della
      pioggia).Non serve la danza della pioggia. Bisogna solo studiare.Ma si vede che sei un TeNNico che è nato già imparato e non ha bisogno di dare uno sguardo alla documentazione.
      Glisso su i problemi di sicurezza (si passano
      giornate intere a patchare la patch della
      patch).Eh certo. Hai ragione. è uno spreco. Meglio rimanere col sistema operativo emmenthal come Windows, che viene bucato un giorno si e l'altro pure.
      Cose semplicissime come fare un network sharing
      prendono ORE ed ORE ad essere realizzate:Se avessi studiato avresti speso qualche minuto.
      bisogna
      cercare il buon file di config,Se ti servono li trovi in /etc
      ogni tanto
      ricompilare qualcosa,Non devi ricompilare nulla su Linux. Se vuoi ricompilare qualcosa, ricompila il cervello. Magari ti rendi conto delle putt*nate che stai dicendo.
      scaricare pacchetti e
      double-check delle dipendenze, continualmente
      digitare comandi!!!! nel
      2011!!!Hai ragione! È scandaloso!!! Una shell nel 2011!!!! Ma come si fa?Visto che sei un Windowsiano convinto, immagino tu conosca PowerShell, vero?
      migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e
      totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO con
      un paio di click,Bravo bravo. Continua a cliccare su avanti
      avanti
      avanti
      fine. Poi quando trovi il file trojan.win32 dai i permessi con il solido UAC e hai configurato SQL :D
      non ti serve nemmeno conoscere
      SQL.Ottima affermazione. Stai dimostrando che più che un sistemista, sei braccia tolte all'agricoltura.
      con il prodotto open, miriadi e miriadi di
      comandi da lanciare a
      manina.Poverino. Attento a non sciuparti.
      Per non parlare delle decine di manuali da
      leggere, come se non avessi altro da fare
      io!Ti pagano per questo.
      Insomma, la mia azienda mi ha finalmente
      ascoltato: FUORI LINUX DALLE
      SCATOLE!!!!!!!!!!Io avrei proposto: FUORI GLI IGNORANTI DALLE SCATOLE!!
      • Ottimo scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: Darwin
        - Scritto da: Logico

        Al lavoro, il grande capo ha deciso che non

        voleva più pagare licenze e bisognava passare al

        software

        open-source.
        Ottima idea. Così smette anche di stipendiare gli
        incompetenti.ma anche no, come dice Veltrauz :)


        Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA

        e competenza tecnica non sono state

        ascoltate.
        Le tue lamentele non erano a causa di esperienza.
        Erano a causa di ignoranza.l'unica cosa che so è di non sapere... sai chi l'ha detto? google is your friend...


        migrazione windows 2003 - Linux = roll-back dopo

        due mesi.
        Mancanza di Virus e registry, eh?No, nostalgia di uptime a iosa


        impossibile avere una gestione dei

        permessi utenti coerente.
        :| ahahahahahahahahahahahhah
        Linux non avrebbe una policy di permessi coerente?
        Ma se è Windows che ha implementato UAC in user
        space lasciando scoperto il kernel
        :D
        Non sai di cosa stai parlando evidentemente....linux se lo sogna uno UAC! siete ancora con i permessi da 4 soldi, 9 letterine magiche vicino ad un file. che bello il progresso, eh???


        Impossibile eseguire

        una corretta e SEMPLICE policy di quota

        management,

        semplicemente questa cosa semplice e

        basilare non si puo' fare su linux (a meno di

        fare la danza della

        pioggia).
        Non serve la danza della pioggia. Bisogna solo
        studiare.
        Ma si vede che sei un TeNNico che è nato già
        imparato e non ha bisogno di dare uno sguardo
        alla
        documentazione.


        Glisso su i problemi di sicurezza (si passano

        giornate intere a patchare la patch della

        patch).
        Eh certo. Hai ragione. è uno spreco. Meglio
        rimanere col sistema operativo emmenthal come
        Windows, che viene bucato un giorno si e l'altro
        pure.
        vedo che argomenti...

        Cose semplicissime come fare un network sharing

        prendono ORE ed ORE ad essere realizzate:
        Se avessi studiato avresti speso qualche minuto.


        bisogna

        cercare il buon file di config,
        Se ti servono li trovi in /etcnon tutti, mio caro. anzi, più della metà non vi si trova. Ritenta, sarai più fortunato.

        ogni tanto

        ricompilare qualcosa,
        Non devi ricompilare nulla su Linux. Se vuoi
        ricompilare qualcosa, ricompila il cervello.
        Magari ti rendi conto delle putt*nate che stai
        dicendo.aaaaaaahhhhhhhhhhh(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)appena appena hai un hardware un pochino professionale (ma proprio proprio proprio) ti tocca ricompilare driver, dependencies ed il mondo intero!!!!!


        scaricare pacchetti e

        double-check delle dipendenze, continualmente

        digitare comandi!!!! nel

        2011!!!
        Hai ragione! È scandaloso!!! Una shell nel
        2011!!!! Ma come si
        fa?
        Visto che sei un Windowsiano convinto, immagino
        tu conosca PowerShell,
        vero?è un additional feautre, non sei obbligato ad utilizzarla. Capisci la differenza o vuoi un aiutino?

        migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e

        totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO con

        un paio di click,
        Bravo bravo. Continua a cliccare su
        avanti
        avanti
        avanti
        fine. Poi quando trovi il
        file trojan.win32 dai i permessi con il solido
        UAC e hai configurato SQL
        :D
        perchè non vai a lavorare a Zelig? Sei proprio dotato come comico

        non ti serve nemmeno conoscere

        SQL.
        Ottima affermazione. Stai dimostrando che più che
        un sistemista, sei braccia tolte
        all'agricoltura.meglio contadino (anche mezzadro, eh???) che linaro

        con il prodotto open, miriadi e miriadi di

        comandi da lanciare a

        manina.
        Poverino. Attento a non sciuparti.voi linari almeno esercitate Federica, la mano amica :)


        Per non parlare delle decine di manuali da

        leggere, come se non avessi altro da fare

        io!
        Ti pagano per questo.NO, MI PAGANO PER DARE RISULTATI!!!!!


        Insomma, la mia azienda mi ha finalmente

        ascoltato: FUORI LINUX DALLE

        SCATOLE!!!!!!!!!!
        Io avrei proposto: FUORI GLI IGNORANTI DALLE
        SCATOLE!!miticoooooooo :)
        • panda rossa scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Ottimo

          Non sai di cosa stai parlando evidentemente....
          linux se lo sogna uno UAC! siete ancora con i
          permessi da 4 soldi, 9 letterine magiche vicino
          ad un file. che bello il progresso,
          eh???Bello si: funziona.Pensa che la ruota l'hanno inventata nel neolitico inferiore.Puoi pensare di reinventarne una quadrata, se ritieni il modello attuale troppo vetusto.


          bisogna


          cercare il buon file di config,

          Se ti servono li trovi in /etc
          non tutti, mio caro. anzi, più della metà non vi
          si trova. Ritenta, sarai più fortunato.Ritenta tu.Cita quale applicazione non scrive il file di configurazione in /etc o nella home directory.Oppure stai zitto.Dopo che l'avrai citata andiamo a controllare nella documentazione di questa applicazione se c'e' scritto dove sta il file di configurazione.


          ogni tanto


          ricompilare qualcosa,

          Non devi ricompilare nulla su Linux. Se vuoi

          ricompilare qualcosa, ricompila il cervello.

          Magari ti rendi conto delle putt*nate che stai

          dicendo.
          aaaaaaahhhhhhhhhhh(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rot
          appena appena hai un hardware un pochino
          professionale (ma proprio proprio proprio) ti
          tocca ricompilare driver, dependencies ed il
          mondo
          intero!!!!!Quindi non e' il tuo caso, visto che hai il computer della mediaworld.


          scaricare pacchetti e


          double-check delle dipendenze, continualmente


          digitare comandi!!!! nel


          2011!!!

          Hai ragione! È scandaloso!!! Una shell nel

          2011!!!! Ma come si

          fa?

          Visto che sei un Windowsiano convinto, immagino

          tu conosca PowerShell,

          vero?
          è un additional feautre, non sei obbligato ad
          utilizzarla. Capisci la differenza o vuoi un
          aiutino?No, non e' che non sei obbligato, sei impossibilitato!Prova a modificare il registry con la shell!


          migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e


          totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO
          con


          un paio di click,

          Bravo bravo. Continua a cliccare su

          avanti
          avanti
          avanti
          fine. Poi quando trovi il

          file trojan.win32 dai i permessi con il solido

          UAC e hai configurato SQL

          :D


          perchè non vai a lavorare a Zelig? Sei proprio
          dotato come
          comicoSi potrebbe, ma poi magari mi tocca uscire subito dopo di te, e per me non ci sarebbe partita.


          non ti serve nemmeno conoscere


          SQL.

          Ottima affermazione. Stai dimostrando che più
          che

          un sistemista, sei braccia tolte

          all'agricoltura.
          meglio contadino (anche mezzadro, eh???) che
          linaroUna cosa non esclude l'altra.E' il winaro quello che non e' capace neppure di zappare.


          con il prodotto open, miriadi e miriadi di


          comandi da lanciare a


          manina.

          Poverino. Attento a non sciuparti.
          voi linari almeno esercitate Federica, la mano
          amica
          :)Tu, invece usando solo il mouse, hai sempre la sinistra libera.Sara' per quello che hai i calli solo li'?


          Per non parlare delle decine di manuali da


          leggere, come se non avessi altro da fare


          io!

          Ti pagano per questo.
          NO, MI PAGANO PER DARE RISULTATI!!!!!Poveretto.Vabbe', se proprio vuoi un piatto di minestra, non te la si nega, perche' se devi confidare sui risultati...
          • Ottimo scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Ottimo


            Non sai di cosa stai parlando
            evidentemente....

            linux se lo sogna uno UAC! siete ancora con i

            permessi da 4 soldi, 9 letterine magiche vicino

            ad un file. che bello il progresso,

            eh???

            Bello si: funziona.

            Pensa che la ruota l'hanno inventata nel
            neolitico
            inferiore.
            Puoi pensare di reinventarne una quadrata, se
            ritieni il modello attuale troppo
            vetusto.EPIC FAIL: per questo hanno inventato SEHLINUX?



            bisogna cercare il buon file di config,


            Se ti servono li trovi in /etc

            non tutti, mio caro. anzi, più della metà non vi

            si trova. Ritenta, sarai più fortunato.

            Ritenta tu.
            Cita quale applicazione non scrive il file di
            configurazione in /etc o nella home
            directory.
            Oppure stai zitto.una su tutte: apache

            Dopo che l'avrai citata andiamo a controllare
            nella documentazione di questa applicazione se
            c'e' scritto dove sta il file di
            configurazione.




            ogni tanto



            ricompilare qualcosa,


            Non devi ricompilare nulla su Linux. Se vuoi


            ricompilare qualcosa, ricompila il cervello.


            Magari ti rendi conto delle putt*nate che stai


            dicendo.


            aaaaaaahhhhhhhhhhh(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rot

            appena appena hai un hardware un pochino

            professionale (ma proprio proprio proprio) ti

            tocca ricompilare driver, dependencies ed il

            mondo

            intero!!!!!

            Quindi non e' il tuo caso, visto che hai il
            computer della
            mediaworld.
            poverino...



            scaricare pacchetti e



            double-check delle dipendenze,
            continualmente



            digitare comandi!!!! nel



            2011!!!


            Hai ragione! È scandaloso!!! Una shell nel


            2011!!!! Ma come si


            fa?


            Visto che sei un Windowsiano convinto,
            immagino


            tu conosca PowerShell,


            vero?

            è un additional feautre, non sei obbligato ad

            utilizzarla. Capisci la differenza o vuoi un

            aiutino?

            No, non e' che non sei obbligato, sei
            impossibilitato!
            Prova a modificare il registry con la shell!
            perchè dovrei voler modificare il registry con la shell? dammi una sola buona ragione, trolletto open sorcio...



            migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e



            totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO

            con



            un paio di click,


            Bravo bravo. Continua a cliccare su


            avanti
            avanti
            avanti
            fine. Poi quando trovi il


            file trojan.win32 dai i permessi con il solido


            UAC e hai configurato SQL


            :D




            perchè non vai a lavorare a Zelig? Sei proprio

            dotato come

            comico

            Si potrebbe, ma poi magari mi tocca uscire subito
            dopo di te, e per me non ci sarebbe
            partita.al massimo faremo a metà con gli incassi




            non ti serve nemmeno conoscere SQL.


            Ottima affermazione. Stai dimostrando che più

            che un sistemista, sei braccia tolte


            all'agricoltura.

            meglio contadino (anche mezzadro, eh???) che

            linaro

            Una cosa non esclude l'altra.
            E' il winaro quello che non e' capace neppure di zappare.mostraci la via, noi ti seguiremo compatti



            con il prodotto open, miriadi e miriadi di comandi da lanciare a



            manina.


            Poverino. Attento a non sciuparti.

            voi linari almeno esercitate Federica, la mano amica :)

            Tu, invece usando solo il mouse, hai sempre la
            sinistra
            libera.
            Sara' per quello che hai i calli solo li'?Questa è bella, te la concedo :D



            Per non parlare delle decine di manuali da



            leggere, come se non avessi altro da fare



            io!


            Ti pagano per questo.

            NO, MI PAGANO PER DARE RISULTATI!!!!!

            Poveretto.
            Vabbe', se proprio vuoi un piatto di minestra,
            non te la si nega, perche' se devi confidare sui
            risultati...e se non mi piace, la minestra? mi butto dalla finestra?
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Ottimo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Ottimo



            Non sai di cosa stai parlando

            evidentemente....


            linux se lo sogna uno UAC! siete ancora con i


            permessi da 4 soldi, 9 letterine magiche
            vicino


            ad un file. che bello il progresso,


            eh???



            Bello si: funziona.



            Pensa che la ruota l'hanno inventata nel

            neolitico

            inferiore.

            Puoi pensare di reinventarne una quadrata, se

            ritieni il modello attuale troppo

            vetusto.
            EPIC FAIL: per questo hanno inventato SEHLINUX?No, per questo hanno inventato winsozz, il sistema che devi cliccare START se vuoi spegnerlo!

            Ritenta tu.

            Cita quale applicazione non scrive il file di

            configurazione in /etc o nella home

            directory.

            Oppure stai zitto.
            una su tutte: apacheapache e' documentatissimo.E perfino un winaro intelligente potrebbe configurarlo.Riprova, sarai piu' fortunato.

            Quindi non e' il tuo caso, visto che hai il

            computer della

            mediaworld.


            poverino...Io? Sei tu che hai il computer della mediaworld.

            No, non e' che non sei obbligato, sei

            impossibilitato!

            Prova a modificare il registry con la shell!


            perchè dovrei voler modificare il registry con la
            shell? dammi una sola buona ragione, trolletto
            open sorcio...Nessuna buona ragione: 1) non sei capace2) non vedi nessuna buona ragione per farlotorna ad amministrare il tuo giocattolino col clicca clicca.

            Vabbe', se proprio vuoi un piatto di minestra,

            non te la si nega, perche' se devi confidare sui

            risultati...
            e se non mi piace, la minestra? mi butto dalla
            finestra?A te le finestre piacciono tanto.Io invece con le conchiglie non ho questi problemi.
          • Darwin scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Ottimo
            EPIC FAIL: per questo hanno inventato SEHLINUX?No. SELinux lo hanno implementato per gestire polic aggiuntive attraverso gli indirizzi MAC.
            una su tutte: apacheè software open source. Durante la compilazione dei sorgenti avresti potuto scegliere il path predefinito. In ogni caso se non viene specificato i file di configurazione vengono scritti in /etc.Ritenta, troll.
            poverino...Già poverino. Fai pena....
            perchè dovrei voler modificare il registry con la
            shell? dammi una sola buona ragione, trolletto
            open
            sorcio...Perchè dovrei gestire un server con l'interfaccia grafica? spiegacelo trollone.
            e se non mi piace, la minestra? mi butto dalla
            finestra?No. Prendi i libri e studi informatica.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2011 01.23-----------------------------------------------------------
          • Prozac scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            No, non e' che non sei obbligato, sei
            impossibilitato!
            Prova a modificare il registry con la shell!Apri una shell qualsiasi (non serve powershell, basta il classico command) e digiti:reg add -
            per aggiungere una sottochiavereg delete -
            per eliminare una sottochiavereg query -
            visualizzare i dati di una sottochiave o di un valorereg compare -
            comparare sottochiaviecc... ecc... ecc...
        • Darwin scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: Ottimo
          ma anche no, come dice Veltrauz :)Eh già purtroppo quelli rimangono in pista :(
          l'unica cosa che so è di non sapere... sai chi
          l'ha detto? google is your
          friend...Chi sa di non sapere farebbe meglio a tacere e a lasciar spazio a chi ne sa più di lui...
          No, nostalgia di uptime a iosaDavvero? E da quando i server Windows hanno uptime di anni? Lo hai installato l'ultimo aggiornamento da Windows Update? :D
          linux se lo sogna uno UAC!Ci mancherebbe. è un software da quattro soldi che implementa una policy di permessi facilmente raggirabile in user space.Non è implementato a livello kernel, pertanto non copre un bel niente nei settori di basso livello di un sistema operativo.Riprova trollone....
          siete ancora con i
          permessi da 4 soldi,Che rendono i sistemi UNIX i più solidi e robusti al mondo.Rosica di meno e studia di più.
          9 letterine magiche vicino
          ad un file. che bello il progresso,
          eh???Pensa che voi usate ancora dll registry e basate il tipo dei file sul valore delle estensioni :DIl vostro progresso è proprio bello, vero?
          vedo che argomenti...Argomentare cosa? L'installazione delle patch?
          non tutti, mio caro. anzi, più della metà non vi
          si trova. Ritenta, sarai più fortunato.Le configurazioni totali del sistema le trovi in /etc quelle personali in /home/nomeutente/.nomeapplicazione.Ritenta....
          aaaaaaahhhhhhhhhhh(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rot
          appena appena hai un hardware un pochino
          professionale (ma proprio proprio proprio) ti
          tocca ricompilare driver, dependencies ed il
          mondo
          intero!!!!!E ovviamente non ti sei degnato di postare un link al riguardo.
          è un additional feautre, non sei obbligato ad
          utilizzarla. Capisci la differenza o vuoi un
          aiutino?E tu capisci il senso della sua implementazione? Capisci quanto sia importante in ambito mission-critical? No? Poverino....Mi dispiace, dovresti prendere lezioni di informatica. Non basta aver passato l'esame della patente europea. Su, corri a prendere i libri.
          perchè non vai a lavorare a Zelig? Sei proprio
          dotato come
          comicoNo. Quel posto lo lascio a te.
          meglio contadino (anche mezzadro, eh???) che
          linaroIl linaro ti dà lezioni di informatica.
          voi linari almeno esercitate Federica, la mano
          amica
          :)Ovviamente questa tua risposta è frutto di una tremenda rosicata derivata da una mancanza di argomenti di base. Ti classifichi da solo. Vali 0 come troll. Prendi esempio dai tuoi amichetti.
          NO, MI PAGANO PER DARE RISULTATI!!!!!Appunto. Visto che non sei in grado di accendere il computer è meglio che ti dedichi ad altro. In quel campo non sei in grado di produrre.
          miticoooooooo :);)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 marzo 2011 16.46-----------------------------------------------------------
    • Giuseppe scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Mi dispiace.Intendo, che non abbiate un sistemista valido...
    • Ottav(i)o Nano scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Da me, con un parco server direi abbastanza nutrito (RedHat per lo più) e circa 2000 client (XP/Win2003 e Win7 in arrivo), LDAP per gestire il Single Sign-On, Zimbra come gestione mail/agenda, non c'è mai stato il minimo problema di integrazione. Magari sono bravi i sistemisti? O forse abbiamo solo XXXX?- Scritto da: Logico
      Al lavoro, il grande capo ha deciso che non
      voleva più pagare licenze e bisognava passare al
      software
      open-source.
      Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA
      e competenza tecnica non sono state
      ascoltate.
      • shevathas scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...

        Da me, con un parco server direi abbastanza
        nutrito (RedHat per lo più) e circa 2000 client
        (XP/Win2003 e Win7 in arrivo), LDAP per gestire
        il Single Sign-On, Zimbra come gestione
        mail/agenda, non c'è mai stato il minimo problema
        di integrazione. Magari sono bravi i sistemisti?
        O forse abbiamo solo
        XXXX?
        solo una curiosità su zimbra. Che versione avete ? quella OS oppure una di quelle avanzate, che a me sembrano essere a pagamento ?http://www.zimbra.com/products/compare_products.html
        • Ottav(i)o Nano scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...
          - Scritto da: shevathas
          solo una curiosità su zimbra. Che versione avete
          ? quella OS oppure una di quelle avanzate, che a
          me sembrano essere a pagamento
          ?Sicuramente quella Enterprise a pagamento, chi comanda qui non adotta nulla che sia gratis, misteri della PA!!!
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano
            - Scritto da: shevathas

            solo una curiosità su zimbra. Che versione avete

            ? quella OS oppure una di quelle avanzate, che a

            me sembrano essere a pagamento

            ?

            Sicuramente quella Enterprise a pagamento, chi
            comanda qui non adotta nulla che sia gratis,
            misteri della
            PA!!!Vedendo la tabella comparativa si possono fare alcune ipotesi. Quella OS ha solo funzionalità base-base, per avere funzionalità avanzate bisogna mettere mano al portafoglio.Secondariamente la PA, e molte aziende, preferiscono pagare e avere la possibilità di "prendere qualcuno per il collo" nel caso di rogne, ovvero avere un contratto che ti garantisce l'assistenza sul prodotto.
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano

            - Scritto da: shevathas


            solo una curiosità su zimbra. Che versione
            avete


            ? quella OS oppure una di quelle avanzate,
            che
            a


            me sembrano essere a pagamento


            ?



            Sicuramente quella Enterprise a pagamento, chi

            comanda qui non adotta nulla che sia gratis,

            misteri della

            PA!!!

            Vedendo la tabella comparativa si possono fare
            alcune ipotesi. Quella OS ha solo funzionalità
            base-base, per avere funzionalità avanzate
            bisogna mettere mano al
            portafoglio.
            Secondariamente la PA, e molte aziende,
            preferiscono pagare e avere la possibilità di
            "prendere qualcuno per il collo" nel caso di
            rogne, ovvero avere un contratto che ti
            garantisce l'assistenza sul
            prodotto.La seconda che hai detto, sicuramente. Anche se, nel caso della RedHat Advanced Server, i sistemisti non hanno mai fatto una singola chiamata all'assistenza, con i newsgroup si risolve tutto prima!
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            La seconda che hai detto, sicuramente. Anche se,
            nel caso della RedHat Advanced Server, i
            sistemisti non hanno mai fatto una singola
            chiamata all'assistenza, con i newsgroup si
            risolve tutto
            prima!solo che con newsgroup non hai la certezza che qualcuno ti risponda, e ti risponda in tempi rapidi. Cosa che invece hai con il contratto di assistenza. Anche io preferirei avere anche quella sicurezza ulteriore dovendo gestire sistemi critici.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas

            La seconda che hai detto, sicuramente. Anche se,

            nel caso della RedHat Advanced Server, i

            sistemisti non hanno mai fatto una singola

            chiamata all'assistenza, con i newsgroup si

            risolve tutto

            prima!

            solo che con newsgroup non hai la certezza che
            qualcuno ti risponda, e ti risponda in tempi
            rapidi. Guarda che stiamo parlando di usenet non dell'assistenza M$, dove li' la certezza che ti rispondano male ce l'hai di sicuro.
            Cosa che invece hai con il contratto di
            assistenza. Il contratto di assistenza e' solo cartaccia per i commerciali ai quali interessano solo sla e penali.A me interessa risolvere il problema invece.E le risposte alle domande, in usenet si trovano, altrove ben difficilmente.
            Anche io preferirei avere anche
            quella sicurezza ulteriore dovendo gestire
            sistemi
            critici.Sicurezza di che tipo? Sicurezza di poter risolvere i problemi o sicurezza di poter far pagare a qualcuno quando i problemi non si riescono a risolvere?Perche' sono due cose diverse, e la prima delle due non richiede alcun contratto.
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: shevathas


            La seconda che hai detto, sicuramente. Anche
            se,


            nel caso della RedHat Advanced Server, i


            sistemisti non hanno mai fatto una singola


            chiamata all'assistenza, con i newsgroup si


            risolve tutto


            prima!



            solo che con newsgroup non hai la certezza che

            qualcuno ti risponda, e ti risponda in tempi

            rapidi.

            Guarda che stiamo parlando di usenet non
            dell'assistenza M$, dove li' la certezza che ti
            rispondano male ce l'hai di
            sicuro.


            Cosa che invece hai con il contratto di

            assistenza.

            Il contratto di assistenza e' solo cartaccia per
            i commerciali ai quali interessano solo sla e
            penali.
            A me interessa risolvere il problema invece.
            E le risposte alle domande, in usenet si trovano,
            altrove ben
            difficilmente.


            Anche io preferirei avere anche

            quella sicurezza ulteriore dovendo gestire

            sistemi

            critici.

            Sicurezza di che tipo? Sicurezza di poter
            risolvere i problemi o sicurezza di poter far
            pagare a qualcuno quando i problemi non si
            riescono a
            risolvere?
            Perche' sono due cose diverse, e la prima delle
            due non richiede alcun
            contratto.In fondo i sistemisti li si paga per risolvere i problemi, no?
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano
            In fondo i sistemisti li si paga per risolvere i
            problemi,
            no?Ma soprattutto li si paga perche' non capitino i problemi.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...


            solo che con newsgroup non hai la certezza che

            qualcuno ti risponda, e ti risponda in tempi

            rapidi.

            Guarda che stiamo parlando di usenet none allora ? sbaglio o il bombardare il newsgroup di "sollecitazioni" viene considerato maleducato dalla netiquette ? e che senso ha quella regola se nel newsgroup trovi sempre e rapidamente la risposta ?
            dell'assistenza M$, dove li' la certezza che ti
            rispondano male ce l'hai di
            sicuro.
            e da quando in quando hai bisogno dell'assistenza M$ ?

            Il contratto di assistenza e' solo cartaccia per
            i commerciali ai quali interessano solo sla e
            penali.hai detto niente. Peccato che tutti i contratti "seri" prevedano sia sla che penali. Cosa penseresti di un produttore che, alla rottura di un suo apparato, diciamo un router, ti dicesse di non rompere le scatole per la sostituzione e chiedere magari su it.comp.aiuto o it.usato ? ;)
            A me interessa risolvere il problema invece.
            E le risposte alle domande, in usenet si trovano,
            altrove ben
            difficilmente.
            a seconda della criticità del sistema è sempre meglio avere una coperta supplementare.

            Sicurezza di che tipo? Sicurezza di poter
            risolvere i problemi o sicurezza di poter far
            pagare a qualcuno quando i problemi non si
            riescono a
            risolvere?entrambe, con la clausola che il tipo che se il tipo che pago per risolvere i problemi non è capace allora restituisca quanto indebitamente preso. In certi casi è più veloce una telefonata che spulciare tonnellate di messaggi sul newsgroup. Soprattutto se capitano eventi che raramente sono stati dibattuti oppure si ha l'esigenza di ridurre al minimo il tempo di fermo macchina.
            Perche' sono due cose diverse, e la prima delle
            due non richiede alcun
            contratto.ma non fornisce neppure garanzie.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas


            solo che con newsgroup non hai la certezza che


            qualcuno ti risponda, e ti risponda in tempi


            rapidi.



            Guarda che stiamo parlando di usenet non


            e allora ? sbaglio o il bombardare il newsgroup
            di "sollecitazioni" viene considerato maleducato
            dalla netiquette ? e che senso ha quella regola
            se nel newsgroup trovi sempre e rapidamente la
            risposta
            ?Infatti non devi sollecitare.Devi cercare se il problema non e' gia' stato trattato in precedenza, e oggi con google che storicizza usenet e' molto piu' semplice.Poi se non hai trovato, posti il tuo problema dettagliando quanto piu' possibile.Le soluzioni arrivano.

            dell'assistenza M$, dove li' la certezza che ti

            rispondano male ce l'hai di

            sicuro.


            e da quando in quando hai bisogno dell'assistenza
            M$ ?La domanda giusta e' "quand'e' che non ne hai bisogno?"

            Il contratto di assistenza e' solo cartaccia per

            i commerciali ai quali interessano solo sla e

            penali.

            hai detto niente. Peccato che tutti i contratti
            "seri" prevedano sia sla che penali. Perche' ci si mettono di mezzo i commerciali che avendo meno competenze tecniche di un bradipo artereoslerotico, devono prendere come riferimento un parametro comprensibile al loro IQ negativo.
            Cosa
            penseresti di un produttore che, alla rottura di
            un suo apparato, diciamo un router, ti dicesse di
            non rompere le scatole per la sostituzione e
            chiedere magari su it.comp.aiuto o it.usato ?
            ;)L'hardware e' soggetto a rottura per definizione di hardware.Non puoi paragonare.

            A me interessa risolvere il problema invece.

            E le risposte alle domande, in usenet si
            trovano,

            altrove ben

            difficilmente.


            a seconda della criticità del sistema è sempre
            meglio avere una coperta
            supplementare.Compito del sistemista.Il bravo sistemista si preoccupa di tenere un backup del sistema.

            Sicurezza di che tipo? Sicurezza di poter

            risolvere i problemi o sicurezza di poter far

            pagare a qualcuno quando i problemi non si

            riescono a

            risolvere?

            entrambe, con la clausola che il tipo che se il
            tipo che pago per risolvere i problemi non è
            capace allora restituisca quanto indebitamente
            preso.Il tipo che paghi per risolvere il problema lo hai scelto tu.Se hai scelto sulla base del tariffario basso o della cravatta bella che indossa, e' colpa tua che lo hai scelto.
            In certi casi è più veloce una telefonata
            che spulciare tonnellate di messaggi sul
            newsgroup.Una telefonata a chi?Io che faccio anche assistenza non rispondo MAI al telefono, se prima non mi hai inviato tutti gli elementi per analizzare il problema per via telematica, in formato standard.
            Soprattutto se capitano eventi che
            raramente sono stati dibattuti oppure si ha
            l'esigenza di ridurre al minimo il tempo di fermo
            macchina.Un problema in produzione non causato da problematiche hardware, significa che c'e' stato piu' di un idiota in fase di progettazione/sviluppo/test/autorizzazione ad andare in produzione.Non puoi avere fretta DOPO, dovevi pensarci PRIMA.

            Perche' sono due cose diverse, e la prima delle

            due non richiede alcun

            contratto.

            ma non fornisce neppure garanzie.Non fornisce garanzie a te che non capisci niente.Io invece ho la garanzia che il mio problema lo posso risolvere, se c'e' soluzione.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Poi se non hai trovato, posti il tuo problema
            dettagliando quanto piu'
            possibile.
            Le soluzioni arrivano.
            e se non arrivano ? o se arrivano tardi ?


            dell'assistenza M$, dove li' la certezza che
            ti


            rispondano male ce l'hai di


            sicuro.




            e da quando in quando hai bisogno
            dell'assistenza

            M$ ?

            La domanda giusta e' "quand'e' che non ne hai
            bisogno?"
            quindi hai bisogno anche tu dell'assistenza M$ ?
            Perche' ci si mettono di mezzo i commerciali che
            avendo meno competenze tecniche di un bradipo
            artereoslerotico, devono prendere come
            riferimento un parametro comprensibile al loro IQ
            negativo.
            o forse hanno una visione leggermente più ampia di chi sta chiuso nella sala server.
            L'hardware e' soggetto a rottura per definizione
            di
            hardware.
            Non puoi paragonare.
            sei tu quello che ha parlato dell'inutilità dello SLA nei contratti, beh piaccia o no l'intervento dell'assistenza tecnica per un router è anche una questione di SLA e di penali, in caso di mancato intervento.
            Compito del sistemista.
            Il bravo sistemista si preoccupa di tenere un
            backup del
            sistema.
            e un sistemista idiota pensa di essere coperto al 100% solo perché ha il backup. E se il patatrack dell'applicazione è stato causato da una particolare combinazione di input ? se ci sono dei bug nel codice ? basta avere il backup per far funzionare tutto alla perfezione ?il backup è parte della soluzione ma non è detto che sia la soluzione.

            Il tipo che paghi per risolvere il problema lo
            hai scelto
            tu.e allora ?
            Se hai scelto sulla base del tariffario basso o
            della cravatta bella che indossa, e' colpa tua
            che lo hai
            scelto.
            a me importa che risolva il problema o, se non è capace che paghi per i danni che mi cagiona semplicemente.

            In certi casi è più veloce una telefonata

            che spulciare tonnellate di messaggi sul

            newsgroup.

            Una telefonata a chi?o una mail. dipende dal contratto la procedura per aprire un ticket di assitenza.
            Io che faccio anche assistenza non rispondo MAI
            al telefono, se prima non mi hai inviato tutti
            gli elementi per analizzare il problema per via
            telematica, in formato
            standard.embeh ? ogni azienda ha le sue regole per la gestione dell'assistenza interna e ai clienti.
            Un problema in produzione non causato da
            problematiche hardware, significa che c'e' stato
            piu' di un idiota in fase di
            progettazione/sviluppo/test/autorizzazione ad
            andare in
            produzione.
            bug ne possono sempre succedere. Non esiste codice 100% bugfree.
            Non puoi avere fretta DOPO, dovevi pensarci PRIMA.puoi farmi qualche esempio di programmi, ovviante più seri del ritrito hello world, che sono 100% bugfree ?

            Non fornisce garanzie a te che non capisci niente.
            Io invece ho la garanzia che il mio problema lo
            posso risolvere, se c'e'
            soluzione.Uau. Vuoi dire che sei capace di risolvere qualsiasi problema hw e sw di qualsiasi software, limitiamoci a quelli OS, che giri su un qualsiasi sistema ?
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas

            Poi se non hai trovato, posti il tuo problema

            dettagliando quanto piu'

            possibile.

            Le soluzioni arrivano.


            e se non arrivano ? o se arrivano tardi ?Scusa, ma di che scenario stiamo parlando?Problematica in fase di sviluppo, o problematica che si verifica in produzione per non aver fatto i test come si deve?



            dell'assistenza M$, dove li' la certezza che

            ti



            rispondano male ce l'hai di



            sicuro.






            e da quando in quando hai bisogno

            dell'assistenza


            M$ ?



            La domanda giusta e' "quand'e' che non ne hai

            bisogno?"



            quindi hai bisogno anche tu dell'assistenza M$ ?Io personalmente, per fortuna non piu'.Ma siccome dove lavoro, qualche macchina M$ c'e' (si riconosce facilmente il gruppo che le mantiene, dalle bestemmie che si sentono), mi dicono che l'assistenza non e' poi questo granche'...Alla fine le soluzioni sono sempre spegni e riaccendi, oppure fai un reboot tutte le notti, cose cosi'...

            Perche' ci si mettono di mezzo i commerciali che

            avendo meno competenze tecniche di un bradipo

            artereoslerotico, devono prendere come

            riferimento un parametro comprensibile al loro
            IQ

            negativo.


            o forse hanno una visione leggermente più ampia
            di chi sta chiuso nella sala server.Talmente ampia dal perdere completamente di vista il succo del problema.

            L'hardware e' soggetto a rottura per definizione

            di

            hardware.

            Non puoi paragonare.


            sei tu quello che ha parlato dell'inutilità dello
            SLA nei contratti, Nei contratti sul software!Il software non si rompe per usura!
            beh piaccia o no l'intervento
            dell'assistenza tecnica per un router è anche una
            questione di SLA e di penali, in caso di mancato
            intervento.Un router ha il difetto che per alcune tra le piu' svariate ragioni, si spegne.Puo' essere l'alimentazione, puo' essere il circuito, puo' essere qualunque cosa.Hanno fatto un contratto di assistenza, e io non posso neanche provare a spegnere e riaccendere. Commuto sul router di backup e chiamo l'assistenza.I quali di solito neanche controllano il problema: sostituiscono tutto e buonanotte.A conti fatti, con quello che spendono per quell'assistenza, potevano comprare 5 router, tenerne due in opera, e gli altri 3 in magazzino da sostituire al volo in caso di guasto.Sarebbe costato meno, con minor disservizio.Ma io sono un informatico, le cose commerciali non le capisco, non ho la visione ampia.

            Compito del sistemista.

            Il bravo sistemista si preoccupa di tenere un

            backup del

            sistema.


            e un sistemista idiota pensa di essere coperto al
            100% solo perché ha il backup. E se il patatrack
            dell'applicazione è stato causato da una
            particolare combinazione di input ? Forse non e' compito del sistemista?
            se ci sono
            dei bug nel codice ? Problema dei programmatori!In tal caso tolgo la camicia da sistemista, indosso la tuta da programmatore e vado di debug, ma perche' io faccio l'uno e l'altro.
            basta avere il backup per
            far funzionare tutto alla perfezione
            ?Basta avere il backup per rimettere il tutto in funzione in caso di terremoto e tsunami conseguente.Ma se il tutto non funzionava a monte, non guardare il sistemista.
            il backup è parte della soluzione ma non è detto
            che sia la soluzione.Il backup fa parte di tutte le buone norme che permettono al sistemista di far funzionare le cose.

            Il tipo che paghi per risolvere il problema lo

            hai scelto

            tu.

            e allora ?


            Se hai scelto sulla base del tariffario basso o

            della cravatta bella che indossa, e' colpa tua

            che lo hai

            scelto.


            a me importa che risolva il problema o, se non è
            capace che paghi per i danni che mi cagiona
            semplicemente.Ah, be'... se un sistemista fa danni per propria inettitudine, e' giusto che paghi i danni e che venga cacciato a calci.Ma perche' hai un sistemista inetto a gestire il tuo sistema?Non ci vuole molto a capire se uno e' un sistemista o ha solo la patente europea comprata al cepu.


            In certi casi è più veloce una telefonata


            che spulciare tonnellate di messaggi sul


            newsgroup.



            Una telefonata a chi?
            o una mail. dipende dal contratto la procedura
            per aprire un ticket di
            assitenza.


            Io che faccio anche assistenza non rispondo MAI

            al telefono, se prima non mi hai inviato tutti

            gli elementi per analizzare il problema per via

            telematica, in formato

            standard.

            embeh ? ogni azienda ha le sue regole per la
            gestione dell'assistenza interna e ai
            clienti.Cosi' va meglio.

            Un problema in produzione non causato da

            problematiche hardware, significa che c'e' stato

            piu' di un idiota in fase di

            progettazione/sviluppo/test/autorizzazione ad

            andare in

            produzione.


            bug ne possono sempre succedere. Non esiste
            codice 100% bugfree.Certo che no.Ma se il test e' stato fatto bene, il bug quando capita non e' mai su un flusso critico.Sara' sempre qualcosa di secondario e con basso impatto.

            Non puoi avere fretta DOPO, dovevi pensarci
            PRIMA.
            puoi farmi qualche esempio di programmi, ovviante
            più seri del ritrito hello world, che sono 100%
            bugfree ?Puoi farmi qualche esempio di procedure aziendali che hanno dei bug bloccanti di tutto il sistema?

            Non fornisce garanzie a te che non capisci
            niente.

            Io invece ho la garanzia che il mio problema lo

            posso risolvere, se c'e'

            soluzione.

            Uau. Vuoi dire che sei capace di risolvere
            qualsiasi problema hw e sw di qualsiasi software,
            limitiamoci a quelli OS, che giri su un qualsiasi
            sistema ?Non ho detto questo.Ho detto che se il problema HA soluzione, io posso trovare tale soluzione, non certo per conto mio, che ho comunque una conoscenza limitata, ma perche' so di essere in grado di andare a porre le domande giuste nei posti giusti, ed ottenere cosi' le risposte giuste.Se invece il problema non ha soluzione, allora neanche l'assistenza a pagamento te lo risolve, perche' la soluzione non c'e'.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Scusa, ma di che scenario stiamo parlando?
            Problematica in fase di sviluppo, o problematica
            che si verifica in produzione per non aver fatto
            i test come si
            deve?
            non puoi testare tutti i possibili casi d'uso con tutti i possibili input. Puoi cercare di prevedere e prevenire la maggior parte degli errori ma il bug ci può sempre essere.

            Nei contratti sul software!
            Il software non si rompe per usura!
            ma il software può avere bug.

            I quali di solito neanche controllano il
            problema: sostituiscono tutto e
            buonanotte.
            dal punto di vista di chi gestisce l'assistenza è il sistema più rapido. Sostituire l'apparato e poi, se è, ripararlo con calma. Senza problemi di tempi e clienti.
            Ma io sono un informatico, le cose commerciali
            non le capisco, non ho la visione
            ampia.
            bisognerebbe leggere il contratto e vedere cosa prevede.

            Ah, be'... se un sistemista fa danni per propria
            inettitudine, e' giusto che paghi i danni e che
            venga cacciato a
            calci.
            e questo lo prevede la SLA guardacaso.
            Ma perche' hai un sistemista inetto a gestire il
            tuo
            sistema?
            Non ci vuole molto a capire se uno e' un
            sistemista o ha solo la patente europea comprata
            al
            cepu.solo un buon sistemista può valutare un altro sistemista. E se non hai un sistemista come lo trovi ?

            Certo che no.
            Ma se il test e' stato fatto bene, il bug quando
            capita non e' mai su un flusso
            critico.
            Sara' sempre qualcosa di secondario e con basso
            impatto.
            Nella stragrande maggioranza dei casi è così. Peccato che talvolta capiti il patatrac.
            Puoi farmi qualche esempio di procedure aziendali
            che hanno dei bug bloccanti di tutto il
            sistema?
            rispondi ad una domanda con una domanda ?.

            Non ho detto questo.
            Ho detto che se il problema HA soluzione, io
            posso trovare tale soluzione, non certo per conto
            mio, che ho comunque una conoscenza limitata, ma
            perche' so di essere in grado di andare a porre
            le domande giuste nei posti giusti, ed ottenere
            cosi' le risposte
            giuste.
            e che problema c'è a pagare un qualcuno con queste caratteristiche per trovarti, in fretta, la soluzione ? e chiedere qualche garanzia ?
            Se invece il problema non ha soluzione, allora
            neanche l'assistenza a pagamento te lo risolve,
            perche' la soluzione non
            c'e'.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas

            Scusa, ma di che scenario stiamo parlando?

            Problematica in fase di sviluppo, o problematica

            che si verifica in produzione per non aver fatto

            i test come si

            deve?


            non puoi testare tutti i possibili casi d'uso con
            tutti i possibili input. Puoi cercare di
            prevedere e prevenire la maggior parte degli
            errori ma il bug ci può sempre
            essere.Vero. Non nego questo.Ma avendo testato i casi piu' frequenti e probabili, circoscrivo l'eventuale errore a situazioni meno frequenti, che non bloccano il resto.

            Nei contratti sul software!

            Il software non si rompe per usura!


            ma il software può avere bug.Il bug e' una cosa che c'e'. Non e' un difetto che si amplifica col tempo o con l'uso.

            I quali di solito neanche controllano il

            problema: sostituiscono tutto e

            buonanotte.


            dal punto di vista di chi gestisce l'assistenza è
            il sistema più rapido. Sostituire l'apparato e
            poi, se è, ripararlo con calma. Senza problemi di
            tempi e clienti.Questo e' un approccio che puo' avere la sua ragion d'essere quando i dispositivi costano poco.

            Ma io sono un informatico, le cose commerciali

            non le capisco, non ho la visione

            ampia.


            bisognerebbe leggere il contratto e vedere cosa
            prevede.Prevedera' quello che fanno.Non mi addentro in beghe non mie.

            Ah, be'... se un sistemista fa danni per propria

            inettitudine, e' giusto che paghi i danni e che

            venga cacciato a

            calci.


            e questo lo prevede la SLA guardacaso.La sla la applichi ai fornitori esterni, non ai dipendenti.

            Ma perche' hai un sistemista inetto a gestire il

            tuo

            sistema?

            Non ci vuole molto a capire se uno e' un

            sistemista o ha solo la patente europea comprata

            al

            cepu.

            solo un buon sistemista può valutare un altro
            sistemista. E se non hai un sistemista come lo
            trovi ?Referenze? Curriculum?

            Certo che no.

            Ma se il test e' stato fatto bene, il bug quando

            capita non e' mai su un flusso

            critico.

            Sara' sempre qualcosa di secondario e con basso

            impatto.


            Nella stragrande maggioranza dei casi è così.
            Peccato che talvolta capiti il
            patatrac.Per questo ci sono i sistemisti!

            Puoi farmi qualche esempio di procedure
            aziendali

            che hanno dei bug bloccanti di tutto il

            sistema?


            rispondi ad una domanda con una domanda ?.Non riesco ad inquadrare la problematica che stai ipotizzando tu.Io sto prendendo come riferimento le mie, e in nessun caso puo' capitare qui da me che si blocchi tutto per un problema software.Per quello non riesco a figurarmi lo scenario che stai ipotizzando.

            Non ho detto questo.

            Ho detto che se il problema HA soluzione, io

            posso trovare tale soluzione, non certo per
            conto

            mio, che ho comunque una conoscenza limitata, ma

            perche' so di essere in grado di andare a porre

            le domande giuste nei posti giusti, ed ottenere

            cosi' le risposte

            giuste.



            e che problema c'è a pagare un qualcuno con
            queste caratteristiche per trovarti, in fretta,
            la soluzione ? e chiedere qualche garanzia
            ?Nessuno.Ma e' l'approccio che dici tu ad essere sbagliato.Tu sostieni che pagando si risolve.Io dico che chiedendo alle persone giuste si risolve, e poi eventualmente le paghi.Il pagamento e' una conseguenza, non una soluzione.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Vero. Non nego questo.
            Ma avendo testato i casi piu' frequenti e
            probabili, circoscrivo l'eventuale errore a
            situazioni meno frequenti, che non bloccano il
            resto.
            dipende da quanto ti serve che vada avanti tutta la baracca.

            Il bug e' una cosa che c'e'.
            Non e' un difetto che si amplifica col tempo o
            con
            l'uso.
            e allora ? cosa c'è di male nel chiedere tempi certi di risposta dall'assistenza o un pronto supporto per la correzione del bug ?tempi certi per l'assistenza telefonica per l'uso del software in casi particolari ?

            Prevedera' quello che fanno.
            Non mi addentro in beghe non mie.
            se non conosci il contenuto del contratto come puoi giudicare se è conveniente o meno ?

            La sla la applichi ai fornitori esterni, non ai
            dipendenti.
            ovviamente.

            Referenze? il metodo principale
            Curriculum?
            serve qualcuno capace di verificare quanto sia verosimile la roba scritta sopra.

            Non riesco ad inquadrare la problematica che stai
            ipotizzando
            tu.
            Io sto prendendo come riferimento le mie, e in
            nessun caso puo' capitare qui da me che si
            blocchi tutto per un problema
            software.che si blocchi tutto è assurdo. Che si blocchi un proXXXXX, amministrativo critico, è sempre un rischio.Posso farti un esempio: mi è capitato di dover calcolare il numero di minuto di ritardo fra l'orario effettivo di un evento e l'orario previsto. Per norma se il ritardo supera le 24 ore l'evento viene annullato, quindi viene trasmessa l'informazione evento annullato e non viene considerato l'orario effettivo. Quindi puoi avere un ritardo di al più 1.440 minuti. Per il numero di minuti veniva usato un intero a 16 bit.E' capitato che qualche demente abbia spedito i dati in formato dataora con l'anno completamente sballato. Mi aspettavo qualcosa del tipo:orario previsto: "12:00:00 01-01-2011" orario reale "12:30:00 01-01-2011" e mi è arrivato qualcosa del tipo:orario previsto: "12:00:00 01-01-2011" orario reale "12:30:00 01-01- 3 011"con ovvi problemi di errori dovuti a overflow e XXXXXX vari. E conseguente blocco di tutto il codice che doveva procedere ad elaborare a scopo statistico i dati.
            Nessuno.
            Ma e' l'approccio che dici tu ad essere sbagliato.
            Tu sostieni che pagando si risolve.
            Io dico che chiedendo alle persone giuste si
            risolve, e poi eventualmente le
            paghi.non capisco la differenza. Di certo se ho un problema con il router non è che vado a pagare il panettiere.
            Il pagamento e' una conseguenza, non una
            soluzione.direi più una causa.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas

            Vero. Non nego questo.

            Ma avendo testato i casi piu' frequenti e

            probabili, circoscrivo l'eventuale errore a

            situazioni meno frequenti, che non bloccano il

            resto.


            dipende da quanto ti serve che vada avanti tutta
            la baracca.E' chiaro che parliamo di applicazioni critiche, che dal punto di vista dell'azienda sono fondamentali.Ma un problema causato da un dato di ingresso poco frequente, blocca solo quel dato, non tutta la baracca.

            Il bug e' una cosa che c'e'.

            Non e' un difetto che si amplifica col tempo o

            con

            l'uso.


            e allora ? cosa c'è di male nel chiedere tempi
            certi di risposta dall'assistenza o un pronto
            supporto per la correzione del bug
            ?
            tempi certi per l'assistenza telefonica per l'uso
            del software in casi particolari
            ?Che i tempi non sono certi!Non stiamo parlando di un motore, che se si guasta, puoi stimare a priori il tempo di riparazione.Stiamo parlando di software, che magari neanche hai scritto tu, ma sul quale devi fare assistenza.I tempi non sono certi.Non puoi pretendere tempi certi.

            Prevedera' quello che fanno.

            Non mi addentro in beghe non mie.


            se non conosci il contenuto del contratto come
            puoi giudicare se è conveniente o meno ?Piu' o meno so, fino ad oggi, quanto e' stato speso e quanto e' stato fatto.

            La sla la applichi ai fornitori esterni, non ai

            dipendenti.


            ovviamente.Il sistemista, e' opportuno che sia un dipendente.

            Referenze?
            il metodo principale


            Curriculum?


            serve qualcuno capace di verificare quanto sia
            verosimile la roba scritta
            sopra.Esiste anche il periodo di prova.Insomma, non stiamo mica parlando di stregoni (anche se il sistemista ci si avvicina molto)

            Non riesco ad inquadrare la problematica che
            stai

            ipotizzando

            tu.

            Io sto prendendo come riferimento le mie, e in

            nessun caso puo' capitare qui da me che si

            blocchi tutto per un problema

            software.

            che si blocchi tutto è assurdo. Che si blocchi un
            proXXXXX, amministrativo critico, è sempre un
            rischio.
            Posso farti un esempio: mi è capitato di dover
            calcolare il numero di minuto di ritardo fra
            l'orario effettivo di un evento e l'orario
            previsto. Per norma se il ritardo supera le 24
            ore l'evento viene annullato, quindi viene
            trasmessa l'informazione evento annullato e non
            viene considerato l'orario effettivo. Quindi puoi
            avere un ritardo di al più 1.440 minuti. Per il
            numero di minuti veniva usato un intero a 16
            bit.con 16 bit arrivi fino a 65536.32768 se consideri il segno meno.Mi stai forse dicendo che se il ritardo e' di un mese non te ne accorgi perche' l'accumulatore e' tornato a zero?
            E' capitato che qualche demente abbia spedito i
            dati in formato dataora con l'anno completamente
            sballato. Mi aspettavo qualcosa del
            tipo:

            orario previsto: "12:00:00 01-01-2011" orario
            reale "12:30:00 01-01-2011"


            e mi è arrivato qualcosa del tipo:

            orario previsto: "12:00:00 01-01-2011" orario
            reale "12:30:00
            01-01- 3 011"
            con ovvi problemi di errori dovuti a overflow e
            XXXXXX vari.
            E conseguente blocco di tutto il
            codice che doveva procedere ad elaborare a scopo
            statistico i
            dati.Non voglio entrare nel merito, ma mi aspetterei che l'errore fosse solo per quel record, non per tutto il file.Il record mal scritto viene scartato, oppure viene inserito lo stesso e solo quello e' mal parametrizzato.Il problema dovrebbe coinvolgere solo quella riga li', non tutto quanto.

            Nessuno.

            Ma e' l'approccio che dici tu ad essere
            sbagliato.

            Tu sostieni che pagando si risolve.

            Io dico che chiedendo alle persone giuste si

            risolve, e poi eventualmente le

            paghi.

            non capisco la differenza. Di certo se ho un
            problema con il router non è che vado a pagare il
            panettiere.Il punto e' il concetto di pagare.Tu stai dicendo: "pago, quindi risolvete".Io sto dicendo: "c'e' un problema, risolvete."Il pagare non rientra. Verra' dopo. Non deve avere a che fare.

            Il pagamento e' una conseguenza, non una

            soluzione.
            direi più una causa.Si, insomma. Ci siamo capiti.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            E' chiaro che parliamo di applicazioni critiche,
            che dal punto di vista dell'azienda sono
            fondamentali.
            Ma un problema causato da un dato di ingresso
            poco frequente, blocca solo quel dato, non tutta
            la
            baracca.
            dipende dalla procedura e da quanto è vitale quel dato.
            Che i tempi non sono certi!si parlava di tempi certi di "risposta" da parte dell'assistenza, non di tempi certi di soluzione del problema.
            Non stiamo parlando di un motore, che se si
            guasta, puoi stimare a priori il tempo di
            riparazione.stiamo parlando di risposta ad una comunicazione.
            I tempi non sono certi.
            Non puoi pretendere tempi certi.
            di riparazione, mica di risposta da parte del fornitore.
            Piu' o meno so, fino ad oggi, quanto e' stato
            speso e quanto e' stato
            fatto.
            quanto paghi di assicurazione ? quanto la tua assicurazione ha pagato in risarcimenti a terzi ?

            Esiste anche il periodo di prova.
            che rimane un rischio.

            con 16 bit arrivi fino a 65536.
            32768 se consideri il segno meno.

            Mi stai forse dicendo che se il ritardo e' di un
            mese non te ne accorgi perche' l'accumulatore e'
            tornato a
            zero?a) sono dati trasmessi da terzi che dovrebbero verificare loro i datib) un ritardo di un mese non è possibile perché per norma il ritardo può essere inferiore a 24 ore. Non ci possono essere ritardi superiori a 24 ore.

            Non voglio entrare nel merito, ma mi aspetterei
            che l'errore fosse solo per quel record, non per
            tutto il
            file.erano un paio di record con la data sballata.
            Il record mal scritto viene scartato, oppure
            viene inserito lo stesso e solo quello e' mal
            parametrizzato.
            la rottura è che ci dovevi fare calcoli precisi sopra. Risultato: aggiungi ulteriore validazione dell'input.
            Il punto e' il concetto di pagare.
            Tu stai dicendo: "pago, quindi risolvete".no: c'è un problema, io pago affinché lo risolviate.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas

            E' chiaro che parliamo di applicazioni critiche,

            che dal punto di vista dell'azienda sono

            fondamentali.

            Ma un problema causato da un dato di ingresso

            poco frequente, blocca solo quel dato, non tutta

            la

            baracca.


            dipende dalla procedura e da quanto è vitale quel
            dato.Nel tuo esempio specifico, il workaround consiste nel patchare a manina il file di input e rilanciare.Poi bisogna vedere caso per caso.

            Che i tempi non sono certi!
            si parlava di tempi certi di "risposta" da parte
            dell'assistenza, non di tempi certi di soluzione
            del problema.


            Non stiamo parlando di un motore, che se si

            guasta, puoi stimare a priori il tempo di

            riparazione.
            stiamo parlando di risposta ad una comunicazione.La risposta alla comunicazione e': "Abbiamo recepito il problema, ci stiamo lavorando."Di solito si usa un bot per fare questa cosa.Soprattutto quando il contratto impone degli sla. (geek)

            I tempi non sono certi.

            Non puoi pretendere tempi certi.


            di riparazione, mica di risposta da parte del
            fornitore.Vedi sopra.Se il problema e' la risposta, gli si da' una risposta.Che poi la risposta non serva ad un tubo, beh, mi pare evidente.

            Piu' o meno so, fino ad oggi, quanto e' stato

            speso e quanto e' stato

            fatto.


            quanto paghi di assicurazione ? quanto la tua
            assicurazione ha pagato in risarcimenti a terzi
            ?E il fatto che siccome "tanto sono assicurato", c'e' gente che guida ubriaca?

            Esiste anche il periodo di prova.


            che rimane un rischio.Dipende da come lo sfrutti il periodo di prova.

            con 16 bit arrivi fino a 65536.

            32768 se consideri il segno meno.



            Mi stai forse dicendo che se il ritardo e' di un

            mese non te ne accorgi perche' l'accumulatore e'

            tornato a

            zero?

            a) sono dati trasmessi da terzi che dovrebbero
            verificare loro i
            dati
            b) un ritardo di un mese non è possibile perché
            per norma il ritardo può essere inferiore a 24
            ore. Non ci possono essere ritardi superiori a 24
            ore.E quindi il fatto che si usi un accumulatore a 16 bit per contenere un numero che non puo' superare 2000 che problema comporterebbe?

            Non voglio entrare nel merito, ma mi aspetterei

            che l'errore fosse solo per quel record, non per

            tutto il

            file.
            erano un paio di record con la data sballata.Succede, quando c'e' di mezzo un passaggio manuale.

            Il record mal scritto viene scartato, oppure

            viene inserito lo stesso e solo quello e' mal

            parametrizzato.


            la rottura è che ci dovevi fare calcoli precisi
            sopra. Risultato: aggiungi ulteriore validazione
            dell'input.Non so che dirti.Anche a me e' sucXXXXX di avere a che fare con flussi simili.Io chiedo sempre quali sono i dati che passano per le mani di un operatore, e per quei dati devo prevedere un controllo di integrita' estremo.I dati che non sono soggetti a venire manipolati a mano, possono avere un controllo di integrita' meno rigoroso.Ma io lo dico perche' ci sono passato, e ne ho subito le conseguenze.Oggi una situazione come quella che hai descritto, a me non capiterebbe.Ad altri evidentemente si.Fa parte del bagaglio di esperienza.

            Il punto e' il concetto di pagare.

            Tu stai dicendo: "pago, quindi risolvete".
            no: c'è un problema, io pago affinché lo
            risolviate.C'e' un problema che va risolto.Il fatto che tu paghi non facilita ne' velocizza le cose.La risoluzione al problema DEVE essere indipendente dal pagare.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            La risposta alla comunicazione e': "Abbiamo
            recepito il problema, ci stiamo
            lavorando."per questo preferisco il telefono. Una segreteria telefonica la riconosci più facilmente :)

            E il fatto che siccome "tanto sono assicurato",
            c'e' gente che guida
            ubriaca?
            l'assicurazione rimette a posto le macchine che loro scassano, non la loro e men che meno le loro ossa.

            E quindi il fatto che si usi un accumulatore a 16
            bit per contenere un numero che non puo' superare
            2000 che problema
            comporterebbe?
            che un idiota t'ha mandato un dato sballato.
            Succede, quando c'e' di mezzo un passaggio
            manuale.
            hanno avuto rogne con i computer e avevano trasmesso un file preparato a manina. :(
            I dati che non sono soggetti a venire manipolati
            a mano, possono avere un controllo di integrita'
            meno
            rigoroso.
            in questo caso era scattato il "backup umano" :s

            C'e' un problema che va risolto.
            Il fatto che tu paghi non facilita ne' velocizza
            le
            cose.invece vale il contrario, più paghi più è probabile che il tuo problema verrà risolto velocemente o verranno messe a punto altre soluzioni.
            La risoluzione al problema DEVE essere
            indipendente dal
            pagare.che intendi ? che devo pagare anche se non risolvono ? o che qualcuno risolverà, quando, se non pago ?
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas

            La risposta alla comunicazione e': "Abbiamo

            recepito il problema, ci stiamo

            lavorando."

            per questo preferisco il telefono. Una segreteria
            telefonica la riconosci più facilmente
            :)Si, ma siamo sempre li'.Tu paghi solo per sentire una voce registrata o un bot che ti risponde per dire che il problema e' stato preso in carico, mentre a me interessa poter lavorare sul problema senza rotture di balle, fino a che non ho una soluzione.

            E il fatto che siccome "tanto sono assicurato",

            c'e' gente che guida

            ubriaca?


            l'assicurazione rimette a posto le macchine che
            loro scassano, non la loro e men che meno le loro
            ossa.Solo che questa gente tendenzialmente viaggia sul SUV.

            E quindi il fatto che si usi un accumulatore a
            16

            bit per contenere un numero che non puo'
            superare

            2000 che problema

            comporterebbe?


            che un idiota t'ha mandato un dato sballato.


            Succede, quando c'e' di mezzo un passaggio

            manuale.


            hanno avuto rogne con i computer e avevano
            trasmesso un file preparato a manina.
            :(Eh, caspita.Se un flusso non prevede intervento umano, non devono metterci le mani.Anche se hanno problemi col computer.

            I dati che non sono soggetti a venire manipolati

            a mano, possono avere un controllo di integrita'

            meno

            rigoroso.


            in questo caso era scattato il "backup umano" :sGhigliottina ci vuole!

            C'e' un problema che va risolto.

            Il fatto che tu paghi non facilita ne' velocizza

            le

            cose.

            invece vale il contrario, più paghi più è
            probabile che il tuo problema verrà risolto
            velocemente o verranno messe a punto altre
            soluzioni.In base a che cosa, il denaro dovrebbe aumentare i tempi di risoluzione?

            La risoluzione al problema DEVE essere

            indipendente dal

            pagare.

            che intendi ? che devo pagare anche se non
            risolvono ? o che qualcuno risolverà, quando, se
            non pago ?No, intendo che se hai un problema, le persone preposte a risolverlo lo risolvolo, perche' e' il loro lavoro.Io non so gli altri come sono abituati, ma a me non e' che una mazzetta da 100 euro buttata sulla scrivania riesce a migliorare o a sveltire le cose.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...


            Eh, caspita.
            Se un flusso non prevede intervento umano, non
            devono metterci le
            mani.
            Anche se hanno problemi col computer.
            il problema è che il nostro era un flusso "collaterale". Il flusso principale prevedeva l'archiviazione cartacea.
            In base a che cosa, il denaro dovrebbe aumentare
            i tempi di
            risoluzione?
            numero di persone che possono lavorare al problema, poter avere persone di maggiore capacità e competenza. Il primario cardiochirurgo non lo paghi quanto il pischello che ha appena finito il praticantato.
            No, intendo che se hai un problema, le persone
            preposte a risolverlo lo risolvolo, perche' e' il
            loro
            lavoro.
            e vengono pagate per il lavoro svolto. Non vedo dove ci sia lo scandalo.
            Io non so gli altri come sono abituati, ma a me
            non e' che una mazzetta da 100 euro buttata sulla
            scrivania riesce a migliorare o a sveltire le
            cose.nessuna mazzetta. Semplicemente la qualità si paga.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: shevathas


            In base a che cosa, il denaro dovrebbe aumentare

            i tempi di

            risoluzione?


            numero di persone che possono lavorare al
            problema, poter avere persone di maggiore
            capacità e competenza. Il primario cardiochirurgo
            non lo paghi quanto il pischello che ha appena
            finito il
            praticantato.Certo che no, ma il primario cardiochirurgo, di fronte ad una emergenza, non fa certo una questione di prezzo: viene coinvolto e risolve.

            No, intendo che se hai un problema, le persone

            preposte a risolverlo lo risolvolo, perche' e'
            il

            loro

            lavoro.


            e vengono pagate per il lavoro svolto. Non vedo
            dove ci sia lo
            scandalo.Non c'e' nessuno scandalo.A me pare di capire che il messaggio sia "pago e quindi pretendo"E io sto cercando di dire che non funziona cosi.

            Io non so gli altri come sono abituati, ma a me

            non e' che una mazzetta da 100 euro buttata
            sulla

            scrivania riesce a migliorare o a sveltire le

            cose.

            nessuna mazzetta. Semplicemente la qualità si
            paga.Ma la si paga dopo.
          • shevathas scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Non c'e' nessuno scandalo.
            A me pare di capire che il messaggio sia "pago e
            quindi
            pretendo"
            E io sto cercando di dire che non funziona cosi.
            e invece funziona proprio così. Tu quando paghi per un prodotto o per un servizio non pretendi forse di avere il lavoro per il quale hai o devi pagare ? se così non fosse saresti interessato ad una modernissimissimissima printz verde che fa 1.000 Km con un litro :-D la vendo al modico prezzo di 3.000 euro :D
            Ma la si paga dopo.ma la si paga.
    • dont feed the troll/dovella scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      - Scritto da: Logico
      Al lavoro, il grande capo ha deciso che non
      voleva più pagare licenze e bisognava passare al
      software
      open-source.Un dirigente che prenda una decisione del genere per quei motivi è un capo che non è supportato da un comparto tecnico di cui si fida.Sbaglia lui a non rinnovarlo.
      Ovviamente le mie lamentele basate su ESPERIENZA
      e competenza tecnica non sono state
      ascoltate.Evidentemtne, da quanto effettivamente risulta dal resto del tuo post, la tua competenza e la tua esperienza non ispirano fiducia.

      migrazione windows 2003 - Linux = roll-back dopo
      due mesi.Certo, ma fossi in te non me ne vanterei.
      Impossibile avere una policy di backup
      stabile, impossibile avere una gestione dei
      permessi utenti coerente. Impossibile eseguire
      una corretta e SEMPLICE policy di quota
      managementBeh se una cosa non la sai fare, farla per te è impossibile.Io per esempio non so fare il ricamo a maglia, per cui per me è impossibile fare un maglione con un fiore sopra.Ma questo non vuol dire che sia impossibile farlo in generale.

      migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e
      totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO con
      un paio di click, non ti serve nemmeno conoscere
      SQL. Se uno pretende di gestire un DBMS senza conoscere SQL, è un pessimo DBA o sistemista, indipendentemente dalla piattaforma usata.
      • Ottav(i)o Nano scrive:
        Re: La mia esperienza con Linux - fail...
        - Scritto da: dont feed the troll/dovella

        migrazione SQL Server - mysql: FAIL EPICO e

        totale. con il prodotto microsoft fai TUTTO con

        un paio di click, non ti serve nemmeno conoscere

        SQL.

        Se uno pretende di gestire un DBMS senza
        conoscere SQL, è un pessimo DBA o sistemista,
        indipendentemente dalla piattaforma
        usata.Tra l'altro MySql ora è di Oracle, ma si sa che Oracle è una EPIC FAIL come tutto ciò che non è Microsoft, no?Pensa che certe cose con Oracle si fanno ancora A RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel 2011!
        • nome e cognome scrive:
          Re: La mia esperienza con Linux - fail...

          Pensa che certe cose con Oracle si fanno ancora A
          RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel
          2011!Tipo?
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome

            Pensa che certe cose con Oracle si fanno ancora
            A

            RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel

            2011!

            Tipo?La consulenza si paga.
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: dont feed the troll/dovella
            - Scritto da: nome e cognome


            Pensa che certe cose con Oracle si fanno
            ancora

            A


            RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel


            2011!



            Tipo?


            La consulenza si paga.Cavoli, è vero, sono troppo stupido!La prossima volta col cavolo che rispondo senza un preventivo... :s
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome

            Pensa che certe cose con Oracle si fanno ancora
            A

            RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel

            2011!

            Tipo?sqlldr user@ORA/password control='data.ctl'Tipo...
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano
            - Scritto da: nome e cognome


            Pensa che certe cose con Oracle si fanno
            ancora

            A


            RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel


            2011!



            Tipo?

            sqlldr user@ORA/password control='data.ctl'
            Tipo...'mbe'?Chi ti proibisce di fare una bella icona colorata con quel comando li'?Troppo difficile?Ti faccio notare che non e' opportuno scrivere la password in chiaro.Neanche nella linea di comando.
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano

            - Scritto da: nome e cognome



            Pensa che certe cose con Oracle si fanno

            ancora


            A



            RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel



            2011!





            Tipo?



            sqlldr user@ORA/password control='data.ctl'

            Tipo...

            'mbe'?
            Chi ti proibisce di fare una bella icona colorata
            con quel comando
            li'?
            Troppo difficile?

            Ti faccio notare che non e' opportuno scrivere la
            password in
            chiaro.
            Neanche nella linea di comando.Da noi i sistemisti non sanno cliccare, non hanno nemmeno il mouse perché sui server blade non si capisce mai qual'è la porta PS2. E poi la password la sanno tutti, così non c'è problema di sicurezza.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: Ottav(i)o Nano


            - Scritto da: nome e cognome




            Pensa che certe cose con Oracle si fanno


            ancora



            A




            RIGA DI COMANDO! DA TERMINALE REMOTO! Nel




            2011!







            Tipo?





            sqlldr user@ORA/password control='data.ctl'


            Tipo...



            'mbe'?

            Chi ti proibisce di fare una bella icona
            colorata

            con quel comando

            li'?

            Troppo difficile?



            Ti faccio notare che non e' opportuno scrivere
            la

            password in

            chiaro.

            Neanche nella linea di comando.sqlldr user@ORA control='data.ctl'e ti chiede la password senza visualizzarla.Molto piu' sicuro.
            Da noi i sistemisti non sanno cliccare, non hanno
            nemmeno il mouse perché sui server blade non si
            capisce mai qual'è la porta PS2. E poi la
            password la sanno tutti, così non c'è problema di
            sicurezza.Complimenti.E i russi vi lasciano un po' di banda, o la usano tutta loro?
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            sqlldr user@ORA control='data.ctl'
            e ti chiede la password senza visualizzarla.
            Molto piu' sicuro.Ci ho provato, ma mi cron non era d'accordo...


            Da noi i sistemisti non sanno cliccare, non
            hanno

            nemmeno il mouse perché sui server blade non si

            capisce mai qual'è la porta PS2. E poi la

            password la sanno tutti, così non c'è problema
            di

            sicurezza.

            Complimenti.
            E i russi vi lasciano un po' di banda, o la usano
            tutta
            loro?Romeni sono...
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            sqlldr user@ORA control='data.ctl'
            e ti chiede la password senza visualizzarla.
            Molto piu' sicuro.Si immagino che Tivoli possa indovinare la password senza troppi problemi.
            Complimenti.
            E i russi vi lasciano un po' di banda, o la usano
            tutta
            loro?No, nessun russo riesce ad entrare tutto il sistema è piantato sullo schedulatore che chiede "Password?" da 10 anni.
          • Sistemista windows scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: panda rossa
            Complimenti.
            E i russi vi lasciano un po' di banda, o la usano
            tutta
            loro?Scusa, cosa centrano i russi? Siamo in italia, mica in russia! E poi il mio windows è la versione en-US crakkata! Sono in una botte di ferro!
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            sqlldr user@ORA/password control='data.ctl'
            Tipo...sql loader fa cosi' anni 80 ... http://www.oracle.com/technetwork/middleware/data-integrator/overview/index.htmlE se proprio non vuoi fatti una external (sempre da gui).
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome

            sqlldr user@ORA/password control='data.ctl'

            Tipo...

            sql loader fa cosi' anni 80 ...

            http://www.oracle.com/technetwork/middleware/data-

            E se proprio non vuoi fatti una external (sempre
            da
            gui).'mbe? Che ci hai contro gli '80? Stanno pure tornando di moda!
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome
            http://www.oracle.com/technetwork/middleware/data-Preferisco Pentaho...
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano
            - Scritto da: nome e cognome


            http://www.oracle.com/technetwork/middleware/data-
            Preferisco Pentaho...Ce ne sono mille, ma era per restare su Oracle senza usare roba old-fashion come sql loader.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano

            - Scritto da: nome e cognome





            http://www.oracle.com/technetwork/middleware/data-

            Preferisco Pentaho...

            Ce ne sono mille, ma era per restare su Oracle
            senza usare roba old-fashion come sql
            loader.Eh, gia'... la roba che funziona, sempre, dovunque e comunque, e' old fashion.Mi piacerebbe vederti con un file di dati di qualche giga, con un mouse e senza slqloader come li importi, old fashion.
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Mi piacerebbe vederti con un file di dati di
            qualche giga, con un mouse e senza slqloader come
            li importi, old
            fashion.ROTFL, non vorrei bloccarti la crescita ma gli strumenti di data integration moderni fanno esattamente quello, con mouse, clicca, clicca e gui. Invece di perdere il tuo tempo per scrivere un control file con la sua assurda sintassi anni 70/80 puoi perdere tempo nel capire perché nel file da qualche giga ti è stato rigettato un record.
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome

            Mi piacerebbe vederti con un file di dati di

            qualche giga, con un mouse e senza slqloader
            come

            li importi, old

            fashion.

            ROTFL, non vorrei bloccarti la crescita ma gli
            strumenti di data integration moderni fanno
            esattamente quello, con mouse, clicca, clicca e
            gui. Invece di perdere il tuo tempo per scrivere
            un control file con la sua assurda sintassi anni
            70/80 puoi perdere tempo nel capire perché nel
            file da qualche giga ti è stato rigettato un
            record.A me, con la mia sintassi anni 70/80 di record non ne rigetta.Visto che a te succede, devo dedurre che o e' un problema dello strumento clicca clicca, o, cosa molto piu' probabile, del solito problema tra sedia e tastiera.
          • Ottav(i)o Nano scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...
            - Scritto da: nome e cognome
            - Scritto da: Ottav(i)o Nano

            - Scritto da: nome e cognome





            http://www.oracle.com/technetwork/middleware/data-

            Preferisco Pentaho...

            Ce ne sono mille, ma era per restare su Oracle
            senza usare roba old-fashion come sql
            loader.Ancora co' 'sto oldfèscion? Ma io ci ho casa piena di modernariato!!!(rotfl)
          • nome e cognome scrive:
            Re: La mia esperienza con Linux - fail...

            Ancora co' 'sto oldfèscion? Ma io ci ho casa
            piena di
            modernariato!!!(rotfl)Anche e me piacciono le auto d'epoca ma per fare un viaggio lungo preferisco un'audi nuova di zecca.
    • Ubunto scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Ma tu cosa ci stai a fare in quella azienda mi domando...
    • Sistemista windows scrive:
      Re: La mia esperienza con Linux - fail...
      Scusa, ma quali licenze di windows? Basta crakkarlo e passa la paura! O)L'importante è ricordarsi di non scaricare gli aggiornamenti dal sito microsoft oppure ti bekkano! ;)
  • LaNberto scrive:
    Netbook edition
    in pensione, come i netbook del resto.
    • Shiba scrive:
      Re: Netbook edition
      - Scritto da: LaNberto
      in pensione, come i netbook del resto.Ma ti rileggi prima di postare?
      • iGonzolo scrive:
        Re: Netbook edition
        - Scritto da: Shiba
        - Scritto da: LaNberto

        in pensione, come i netbook del resto.

        Ma ti rileggi prima di postare?E come fa?Già non pensa prima di scrivere! (rotfl)
        • LaNberto scrive:
          Re: Netbook edition
          mio cuggino ha un netbook e ci scrive i romanzi, però una volta è morto.
          • Darwin scrive:
            Re: Netbook edition
            - Scritto da: LaNberto
            mio cuggino ha un netbook e ci scrive i romanzi,
            però una volta è
            morto.Condoglianze (troll3)
          • Shiba scrive:
            Re: Netbook edition
            - Scritto da: LaNberto
            mio cuggino ha un netbook e ci scrive i romanzi,
            però una volta è
            morto.Non ci posso credere, pure a mio cuggino! -.-
  • The Bilzzard of Oz scrive:
    Mah, secondo me ...
    ...era meglio Ubuntu 11.10 "Ozzy Osbourne"!!!
    • SardinianBoy scrive:
      Re: Mah, secondo me ...
      ..si ma LINUX È SEMPRE AVANTI ...LA MICROZZOZZ È SEMPRE INDIETRO! ^______________________________________^-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 marzo 2011 15.16-----------------------------------------------------------
      • nome e cognome scrive:
        Re: Mah, secondo me ...
        Modificato dall' autore il 11 marzo 2011 15.16
        --------------------------------------------------Eh gli amanti del trenino...
    • ciccio quanta ciccia scrive:
      Re: Mah, secondo me ...
      I'm going off the rails on a crazy train.... yeah!!!
    • Shiba scrive:
      Re: Mah, secondo me ...
      Orgasmic Oyster :D
    • KaysiX scrive:
      Re: Mah, secondo me ...
      ...seguita da Ubuntu 12.04 "Povero Pipistrello"!!!
      • Torsolo scrive:
        Re: Mah, secondo me ...
        Con la P non possono non mettere Penguin nel nome! L'allitterazione PP però in Italiano suona... OK, vada per Pissing Penguin.
      • HuSkY scrive:
        Re: Mah, secondo me ...
        - Scritto da: KaysiX
        ...seguita da Ubuntu 12.04 "Povero Pipistrello"!!!"Pregnant Penguin"
    • SatHack scrive:
      Re: Mah, secondo me ...
      - Scritto da: The Bilzzard of Oz
      ...era meglio Ubuntu 11.10 "Ozzy Osbourne"!!!quotatissimo
  • Alan Miammno scrive:
    In esclusiva un'immagine del ruggito
    [img]http://images1.wikia.nocookie.net/__cb20090306234933/nonciclopedia/images/thumb/8/86/Leone_vecchio_XXXXXXXX.jpg/180px-Leone_vecchio_XXXXXXXX.jpg[/img]
Chiudi i commenti