Google Chrome, estensioni e violazioni

Due popolari estensioni per il browser di Google cambiano proprietà e si trasformano in dispensatrici di spam. Gli ignari utenti protestano e Google cala la mannaia facendole sparire dallo store

Roma – Weekend di passione per gli utenti di Google Chrome, costretti loro malgrado a ricevere una quantità di pubblicità indesiderata superiore alla media. L’origine del problema? Un paio di popolari estensioni passate di mano e modificate in funzione spara-spam senza avvertire nessuno. Che rappresentano una chiara violazione della nostra policy, ha poi confermato Google.

Le due estensioni incriminate, “Add to Feedly” e “Tweet This Page”, sono state acquistate dagli spammer che ne hanno modificato il codice per visualizzare link affiliati sulle pagine web visitate dagli utenti, e la modifica è stata imposta in modo trasparente agli utenti grazie alla possibilità di aggiornare automaticamente le estensioni in Chrome.

Gli utenti si sono naturalmente lamentati e in gran numero, denunciando tra le altre cose la difficoltà di eliminare un’estensione una volta installata sul browser di Mountain View. A questo punto è dovuta quindi intervenire la corporation con un’azione di forza, forte della policy recentemente modificata e che impone delle restrizioni aggiuntive agli sviluppatori di estensioni.

Le estensioni incriminate hanno violato la policy laddove essa proibisce di implementare funzionalità differenti e discordanti (come la visualizzazione di advertising e di recensioni o rating di prodotti), ha confermato Google, ragion per cui le estensioni sono state rimosse dallo store web di Chrome.

Il fattaccio ha ovviamente portato la classificazione delle estensioni spara-spam verso i piani più bassi della classifica, e lo sviluppatore di Add to Feedly ha in seguito confessato pentimento per aver deciso di vendere la sua app a qualcuno che ha deciso di abusarne in questo modo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    non so voi...
    ...ma il del XXXXX non mi fido piu'.
  • Riddick scrive:
    Nessuna sorpresa, ora la difesa.
    Nessuna sorpresa, anzi mi sarei stupito se veramente gli USA avessero rinunciato a questo loro bel "giocattolo"!Il punto è uno solo: SE C'E' LA POSSIBILITA' TECNICA PER FARE SPIONAGGIO DI MASSA, CI SARA' SEMPRE QUALCUNO CHE FA SPIONAGGIO DI MASSA.E non è certo solo la NSA negli USA.Scandali, proteste, indignazione, nessuna di queste cose può servire a stoppare questa gente.Però lo scandalo e le reazioni consgeuenti possono servire per convincere la gente che è davvero il caso di DIFENDERE la propria privacy (e i mezzi tecnici ci sono).Perchè "lorsignori" non si fermeranno mai.
  • aaaa scrive:
    domanda...
    in cosa consiste esattamente la "riforma" (rispetto al precedente status quo)????? perche' a leggere sembra bizniz as usual...
    • prova123 scrive:
      Re: domanda...
      La riforma consisterà nel cambiare il nome alla NSA, così non si parlerà più di NSA :D . I politici sono ovunque uguali ...
  • debianaro scrive:
    ma per favore!
    Anche le aziende ICT non sono sembrate entusiaste del discorso di Obama e, con un comunicato congiunto che vede parlare insieme Google, Yahoo, Microsoft, AOL, LinkedIn, Facebook, Twitter ed Apple...Ma per favore!Personalmente mi fido più dell'NSA che di Google!
    • buddub scrive:
      Re: ma per favore!
      - Scritto da: debianaro
      Anche le aziende ICT non sono sembrate entusiaste
      del discorso di Obama e, con un comunicato
      congiunto che vede parlare insieme Google, Yahoo,
      Microsoft, AOL, LinkedIn, Facebook, Twitter ed
      Apple...

      Ma per favore! :

      Personalmente mi fido più dell'NSA che di Google!ma anche no
      • debianaro scrive:
        Re: ma per favore!
        Beh, non ho niente da nascondere all'NSA. Se mi trovassi la bussola ogni giorno piena di pubblicità mirata e un sacco di telefonate promozionali al n. di cellulare che ho dato a Google per la mia sicurezza (hai presente quello "per non restare chiuso fuori" dalla propria email?) invece mi darebbe parecchio fastidio! :-D
        • Sg@bbio scrive:
          Re: ma per favore!
          - Scritto da: debianaro
          Beh, non ho niente da nascondere all'NSA. Ho finito di leggere da qui qui.
          • sgabbio scrive:
            Re: ma per favore!
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: debianaro

            Beh, non ho niente da nascondere all'NSA.

            Ho finito di leggere da qui qui.01/10
          • debianaro scrive:
            Re: ma per favore!
            suvvia! Ironizzavo semplicemente sul fatto che a contestare Obama e lo scandalo dell'NSA fossero aziende come Microsoft, Google, Apple & c.Come del resto la Germania:http://punto-informatico.it/3298828/PI/News/germania-avvistato-trojan-stato.aspx
          • treccani scrive:
            Re: ma per favore!
            - Scritto da: Sg@bbio
            Ho finito di leggere da qui qui.Da qui qui?
          • boh scrive:
            Re: ma per favore!
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: debianaro

            Beh, non ho niente da nascondere all'NSA.

            Ho finito di leggere da qui qui.Da qui qui?
          • ... scrive:
            Re: ma per favore!
            - Scritto da: boh
            - Scritto da: Sg@bbio

            - Scritto da: debianaro


            Beh, non ho niente da nascondere all'NSA.



            Ho finito di leggere da qui qui.

            Da qui qui?E poi non ha smesso eh, no, ha finito.
          • ... scrive:
            Re: ma per favore!
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: boh

            - Scritto da: Sg@bbio


            - Scritto da: debianaro



            Beh, non ho niente da nascondere
            all'NSA.






            Ho finito di leggere da qui qui.



            Da qui qui?

            E poi non ha smesso eh, no, ha finito.E soprattutto "da".
Chiudi i commenti