Google dona a suocera perché nuora intenda

Il motore di ricerca dona tre milioni di dollari alla Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti per digitalizzare documenti e libri rari. E per abbattere i pregiudizi degli editori


Washington (USA) – La corsa verso il successo del discusso progetto librario di Google , Book Search , passa anche dall’approvazione dell’opinione pubblica statunitense. Ed è per questo motivo che l’azienda fondata da Brin e Page ha devoluto tre milioni di dollari alla Biblioteca del Congresso , dove è conservata la più importante collezione americana di manoscritti e libri rari.

Il gigante di Mountain View contribuirà alla realizzazione di un sistema per digitalizzare i volumi più preziosi della storica collezione della Biblioteca più grande, composta da più di 10 milioni di inestimabili esemplari provenienti da tutto il mondo: foto, documenti e lettere.

James Billington, responsabile e gestore dell’istituzione americana, ha accolto con calore la donazione di Google. L’auspicio di Billington è che “portare online i libri in nostro possesso è un’occasione unica”, augurandosi che la digitalizzazione dei manoscritti possa garantirne la longevità .

Il mastro libraio Billington, custode della storia americana, spera che altri paesi possano presto giovarsi delle tecnologie digitali per preservare la propria memoria collettiva . Ultimamente il ruolo di Google nel processo globale di digitalizzazione dei saperi ha alimentato forti polemiche riguardo al monopolio anglofono nel panorama telematico.

Sergey Brin, cofondatore del più importante motore di ricerca su Internet, ha sottolineato la vena “filantropica e benefica” dell’iniziativa, caratterizzata dall’intento di “condividere sempre più informazioni e renderle disponibile alle masse”. Tuttavia la mossa, contrapposta all’interessamento di Yahoo! per alcune biblioteche europee , sembra mirata ad ottenere preziosi elementi digitalizzati pronti per essere indicizzati da Google.

La missione dell’azienda di Brin, “riorganizzare la conoscenza globale”, è complicata – specialmente quando si tratta di organizzare informazioni stampate. Il gigante californiano è contrapposto agli interessi dei grandi editori , ed è già da tempo impegnato a fronteggiare le minacce legali di importanti case editrici statunitensi.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Quando entri in autostrada
    Beh, ma lo sapete o no che ogni volta che si entra in autostrada, anche senza telepass, c'è una telecamera che legge il num. di targa e lo infila in un database?Sempre per motivi di sicurezza, certo.... ma ormai siamo ultracontrollati.Al posto di:"il sistema permette agli inquirenti di conoscere esattamente la posizione di macchine sospette e criminali in fuga."Io scriverei:" il sistema permette agli inquirenti di conoscere esattamente la posizione di chiunque"Spaventa un po' di più, vero?
  • Solvalou scrive:
    Il controllo totale sarebbe bello.
    Se fosse totale e "democratico" ovvero tutti possono vedere quello che fanno _e hanno_ tutti gli altri. Fine dei reati. Sarebbe dura abituarsi alla mancanza di privacy ma ci sarebbero tanti vantaggi: questo infatti farebbe vedere la Verita', di come certa gente fa i soldi, di quello che succede nel mondo, etc.Ma in realta' qui si va verso il controllo totale del popolino da parte di una elite che non rispondera' mai delle proprie azioni nascondendosi dietro il famoso, biblico, "pace e sicurezza".Ad esempio, sono usciti fuori subito i filmati del presunto terrorista fatto fuori nella metro' londinese? Non me ne frega niente se escono fuori dopo due anni, possono essere benissimo stati ritoccati.
  • Anonimo scrive:
    Simile in italia da anni.
    Solo che non era networked...Le cam sono su alcune macchine delle forze dell'ordine, e nel baule c'è un pc con il database delle targhe da segnalare... se ne girano per roma e milano... niente di confindenziale, erano in mostra ad infosecurity 3 anni fa!
  • AnyFile scrive:
    Re: Qualche inesattezza...
    - Scritto da: Anonimo
    Delle 6 persone arrestate, 3 sono già state
    rimesse in libertà. A quanto pare il sistemone
    non è poi così infallibile come si vuol far
    credere.
    Gia' perche' una volta che hai identificato una targa cosa fai? Arresti la targa? Arresti la macchina? Per poter arrestare le persone devi averle identificate.
  • ufo1 scrive:
    Titolo in TOTALE errore
    Di fronte ad un crimine la partita può chiudersi qualche volta in pareggo, mai in vantaggio spesso in perdita.Esiste un sistema che ha assicurato il criminale alla giustizia? Bene! 1 a 1. Il criminale ha comunque "segnato" per primo.
    • soulista scrive:
      Re: Titolo in TOTALE errore
      - Scritto da: ufo1
      Di fronte ad un crimine la partita può chiudersi
      qualche volta in pareggo, mai in vantaggio spesso
      in perdita.
      Esiste un sistema che ha assicurato il criminale
      alla giustizia? Bene! 1 a 1. Il criminale ha
      comunque "segnato" per primo.Celentano docet?comunque quoto
  • Anonimo scrive:
    forse non c'entra niente, ma...
    segnalo questo sito:http://www.baitcar.com/Ha a che fare con delinquenza, controllo della polizia e internet.
  • Anonimo scrive:
    Re: Qualche inesattezza...

    Delle 6 persone arrestate, 3 sono già state
    rimesse in libertà. A quanto pare il sistemone
    non è poi così infallibile come si vuol far
    credere.Altre 3 pero' restano dentro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Qualche inesattezza...
    - Scritto da: Anonimo
    A quanto pare il sistemone
    non è poi così infallibile come si vuol far
    credere.Tra parentesi, cosa succede se i rapinatori a meta' della fuga cambiano auto? Immagino che finche' la targa della nuova macchina non sia nota, il sistemone sia inutile...
    • xander2k scrive:
      Re: Qualche inesattezza...
      - Scritto da: Anonimo

      - Scritto da: Anonimo

      A quanto pare il sistemone

      non è poi così infallibile come si vuol far

      credere.

      Tra parentesi, cosa succede se i rapinatori a
      meta' della fuga cambiano auto? Immagino che
      finche' la targa della nuova macchina non sia
      nota, il sistemone sia inutile...E' vero, sto sistemone è pieno di falle, buttiamolo via (rotfl) ROTFL!
      • AnyFile scrive:
        Re: Qualche inesattezza...
        Perfino nei film si vede che i criminali rubano un auto per usarla per fare i furti .... vuoi che i criminali (veri) non lo sappiano ....Il sistema di riconoscimento delle targhe serve per altro ... tipo far pagare pedaggi per l'ingresso in citta' in via automatizzata ... forse questi altri (rari) utilizzi servono ad indorare la pillola amara.
        • xander2k scrive:
          Re: Qualche inesattezza...
          - Scritto da: AnyFile
          Il sistema di riconoscimento delle targhe serve
          per altro ... tipo far pagare pedaggi per
          l'ingresso in citta' in via automatizzata ...E quindi guadagnarci in tempo e comodità. Come vedi c'è sempre un'altra chiave di lettura. Ricordalo.
          • AnyFile scrive:
            Re: Qualche inesattezza...
            - Scritto da: xander2k

            - Scritto da: AnyFile


            Il sistema di riconoscimento delle targhe serve

            per altro ... tipo far pagare pedaggi per

            l'ingresso in citta' in via automatizzata ...

            E quindi guadagnarci in tempo e comodità. Come
            vedi c'è sempre un'altra chiave di lettura.
            Ricordalo.Penso che ci guadagna piu' il comune con questo sistema che non l'automobilista. Per l'automobillista sarebbe senz'altro migliore il vecchio sistema in cui entrava in citta' senza pagare.
  • Anonimo scrive:
    Bello, peccato per sensazionalismo

    sfrutta anche tecnologie RFID
    per rintracciare le autovettureCome spiega il link, ciò non è vero nella pratica odierna. Quindi perché scriverlo nel contesto di questo articolo?
    • Anonimo scrive:
      Re: Bello, peccato per sensazionalismo
      vi ricordate due anni fa che un sistemaone ti faceva capitare a casa la polizia se mandavi un sms ad un amico con scritto "bomba" ??e poi ?? bho !piu sentito nulla. ti fanno prendere paura e basta.
      • AnyFile scrive:
        Re: Bello, peccato per sensazionalismo
        - Scritto da: Anonimo
        piu sentito nulla. ti fanno prendere paura e
        basta.e' una tecnica abbastanza normale nella prevenzione dei crimini basarsi sul terrore di ipertecnologice tecnicheovviamnte tale sistema e' un deterrente maggiore contro i nvelli criminali delle gang giovanili (cosa ahime' molto diffusa anche in Inghilterra) che non contro criminali porfessionisti o terroristi (per cui sostenere che serva ccontro il terrorismo vale poco ... chi ha alle spalle una forte organizazione riesce anche a procurarsi targhe false o auto rubate)
Chiudi i commenti