Google e NYT, notizie da prima pagina

Mentre alcuni editori si accordano per un'edicola digitale, altri ammiccano a BigG per un progetto che inserirà cronache in continuo aggiornamento in un singolo ambiente web. Intanto, Murdoch torna all'attacco. Con alleati anche nel Belpaese

Roma – È stato definito come un esperimento che fornirà una strada di lettura online più dinamica, un’esperienza differente di consultazione che permetterà a tutti gli utenti di seguire un determinato argomento d’attualità nel suo continuo divenire: tutto in una sola pagina web. I Google Labs hanno recentemente partorito un progetto chiamato Living Stories , unico ambiente online dove poter seguire vaste storie di cronaca come la guerra in Afghanistan. BigG ha potuto contare su almeno due collaborazioni prestigiose direttamente dal mondo della grande editoria: il Washington Post e il New York Times .

“Un tipico articolo di un quotidiano inizia con le notizie più importanti e interessanti – si legge in un post sul blog ufficiale di Google – prima di arricchirsi con informazioni e dettagli addizionali, d’importanza via via decrescente”. Un problema, secondo BigG, nel momento in cui ogni nuovo articolo viene presentato al lettore anche come un riepilogo degli eventi salienti, prescindendo da quanto sia effettivamente informato sull’argomento. Living Stories proverebbe così un approccio diverso nell’ambito dell’ online publishing , raccogliendo tutti gli aggiornamenti in una singola pagina , sotto una singola URL.

Un modo alternativo di giocare con formati diversi di presentazione, dunque, per provare a lanciare uno strumento che – negli auspici degli stessi autori del post – sarà a disposizione di qualunque editore interessato. Per capire meglio, Google ha presentato su Living Stories la copertura effettuata dal New York Times sulla guerra in Afghanistan, raccogliendo in una singola pagina dinamica una serie di link ad articoli, editoriali, fotografie, filmati video e grafici di varia natura.

In Living Stories gli utenti potranno scegliere come visualizzare i vari articoli sulla pagina, ad esempio in base agli eventi più importanti o a quelli più o meno recenti. In poche parole, si potrà rivivere un intero evento – tra gli altri sperimentati l’allarme globale per l’influenza A – attraverso una semplice attività di scrolling e selezione dei vari collegamenti. Il progetto dei Google Labs è attualmente limitato alla lingua inglese, non ancora pronto all’implementazione su dispositivi mobile.

Le pedine si stanno muovendo rapidamente sulla scacchiera, posizionandosi o sui riquadri apocalittici del fronte anti-aggregatori o su quelli che vedono ancora motori di ricerca come quello di Google come una tutela degli sviluppi futuri dei contenuti online. Mentre grandi editori come Time e News Corp hanno recentemente trovato un accordo per trovare standard comuni in vista di un’ edicola digitale , c’è chi sembra ammirare il lavoro dei tecnici di Mountain View.

Come Jim Follo, chief financial officer di The New York Times Company , che non pare disdegnare affatto esperimenti come quello di Living Stories . “Abbiamo un rapporto molto significativo con Google – ha spiegato Follo nel corso di una recente conferenza – una relazione chiaramente di successo. Al contrario di certi rapporti di alcuni dei nostri competitor”. Tra questi, Rupert Murdoch, ovvero il magnate dei media che più di altri ha accusato motori di ricerca e aggregatori di news, colpevoli di aver danneggiato oltre misura l’economia legata all’industria dei contenuti.

Murdoch è tornato con decisione sulla spinosa questione, pubblicando un editoriale sul Wall Street Journal intitolato Giornalismo e libertà . Per il tycoon di origini australiane il futuro dei giornali non è assolutamente in discussione, dal momento che sarebbe rimasta in piedi la fiducia di milioni di lettori. Le attuali tecnologie, da questo punto di vista, metterebbero gli editori nella fondamentale condizione di raggiungere ancora più utenti, un’arma necessaria per evitare un collasso da scarsa lungimiranza.

Per Murdoch, molte più persone utilizzano ereader e dispositivi mobile per leggere articoli come quelli del WSJ e questo dovrebbe spingere gli editori a fornire contenuti ad alta qualità, ovviamente a pagamento. “Il vecchio modello di business basato principalmente sulla pubblicità è morto” ha sostenuto Murdoch, spiegando che la crescita dell’ online advertising riempirebbe semplicemente il buco creatosi in quella cartacea. A questo proposito, Janet Robinson del NYT ha illustrato i risultati provenienti dal quarto trimestre del quotidiano statunitense: un aumento del 10 per cento per la raccolta pubblicitaria online a fronte di una caduta del 25 per cento per quella su carta stampata.

Il capo di News Corp ormai lo ripete da tempo: mentre coloro che creano contenuti originali sarebbero obbligati a sobbarcarsi tutti gli oneri economici, gli aggregatori otterrebbero tutti i benefici in maniera fraudolenta. “Il principio è chiaro – ha scritto Murdoch – per parafrasare un famoso economista, ci assicureremo di ottenere un compenso modesto, ma giusto per il valore di ciò che produciamo”. Parole simili sono uscite dalle labbra di Carlo De Benedetti, a guida del Gruppo editoriale L’Espresso , che ha accusato Google a pochi giorni di distanza dalla proposta del First Click Free .

Secondo De Benedetti, sarebbe un grosso errore pensare che Murdoch abbia ottenuto una vittoria contro un’azienda che avrebbe imposto una sorta di tangente preventiva con i cinque click gratuiti. “Costoro pensano che hanno il diritto di impadronirsi dei nostri contenuti e di usarli senza contribuire di un centesimo ai costi. Questo si chiama furto – ha sentenziato De Benedetti – Noi faremo in modo di ottenere un prezzo ragionevole, ma equo per il valore che offriamo”. Murdoch e De Benedetti sembrano insomma essersi praticamente scambiati i pensieri sulle attività del search engine di Mountain View.

Ad introdurre un nuovo focolaio di discussione il ministro per la Cultura francese Christine Albanel, che ha ottenuto l’incarico di allenare l’industria editoriale transalpina per la sfida delicata con l’economia digitale. Tra le tecniche che Albanel vorrebbe introdurre nell’allenamento speciale, la misura dei tre colpi – già nucleo della dottrina Sarkozy nella guerra al file sharing illegale – da rinforzare grazie alla collaborazione degli editori. “Il nostro governo – si legge in una lettera diramata dalle autorità – non può accettare il fatto di vedere un’altra industria culturale minacciata dal saccheggio della Rete”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Shiba scrive:
    Aggiornata anche la 64bit alpha (linux)
    http://labs.adobe.com/downloads/flashplayer10_64bit.htmlYeah 8)
  • netcopula scrive:
    ActiveX
    Passive User......piegato in avanti a ricevere piacevoli sorprese dalla vita. L'eredità del glorioso passado di Microsoft. Il giorno che spariranno dalla circolazione e smetteranno di ammorbare il mondo aprirò una bottiglia di Cristal.
  • gnulinux86 scrive:
    IE + Active X+ Flash Player= bug a go go
    Speriamo che il Ballot Screen riesca ad aiutare gli utenti a liberarsi di Internet Exploder il famoso browser bug retrocompatibile:http://secunia.com/advisories/37448/(rotfl)Chi naviga con Internet Explorer con i suoi Active X più Flash Player, fa la felicità di chi scrive malware.
    • dixie scrive:
      Re: IE + Active X+ Flash Player= bug a go go
      - Scritto da: gnulinux86
      Chi naviga con Internet Explorer con i suoi
      Active X più Flash Player, fa la felicità di chi
      scrive malwareguarda che le estensioni di firefox hanno la stessa pericolosità degli activex. Anzi, ti dirò di più, gli ActiveX su Vista sono più sicuri in quanto girano protetti in una sandbox con privilegi ancora più ridotti dell'utente limitato.
      • pabloski scrive:
        Re: IE + Active X+ Flash Player= bug a go go
        certo, se la sandbox non fosse buggato all'inverosimile per cui si trova sempre un modo per uscirne
      • gnulinux86 scrive:
        Re: IE + Active X+ Flash Player= bug a go go
        1. Cosa centra Firefox?2. Alcuni Active X si installano pure soli.3. Gli Active X sono famosi per i bug 0day.4. Perchè la Modalità Protetta di IE si disattiva se viene disattivato UAC?
  • dixie scrive:
    trovato malware in screensaver di Ubuntu
    (rotfl) "UBUNTU! Reports the following: 'Malware has been found hidden inside an innocuous 'waterfall' screensaver .deb file made available on popular artwork sharing site Gnome-Look.org. The .deb file installs a script with elevated privileges designed to perform a DDoS attack as well as keep itself updated via downloads." (rotfl)http://linux.slashdot.org/story/09/12/09/2215253/Malware-Found-Hidden-In-Screensaver-On-Gnome-Look
  • dixie scrive:
    altra ragione per passare a Vista
    solo 1 patch per Vista (oltre a quella di IE) ==
    altra ragione per passare a Vista
    • pabloski scrive:
      Re: altra ragione per passare a Vista
      mmm dovella avrebbe detto "altra ragione per passare a seven" :D
      • dixie scrive:
        Re: altra ragione per passare a Vista
        - Scritto da: pabloski
        mmm dovella avrebbe detto "altra ragione per
        passare a seven"
        :Dseven è vista sotto mentite spoglie
        • pabloski scrive:
          Re: altra ragione per passare a Vista
          soprattutto sotto più leggere spoglie :D
          • dixie scrive:
            Re: altra ragione per passare a Vista
            - Scritto da: pabloski
            soprattutto sotto più leggere spoglie :Deffetto placebo di chi ha avuto copie pirata o inzozzate da crapware
          • pabloski scrive:
            Re: altra ragione per passare a Vista
            oppure di chi ha comprato un notebook nuovo con vista originale e si è trovato di fronte un sistema che andava in crash quando mettevi il computer in standby e si fermava per 10-15 secondi a fare non si sa cosa quando veniva invocato uac
          • dixie scrive:
            Re: altra ragione per passare a Vista
            - Scritto da: pabloski
            oppure di chi ha comprato un notebook nuovo con
            vista originale e si è trovato di fronte un
            sistema che andava in crash quando mettevi il
            computer in standby
            e si fermava per 10-15
            secondi a fare non si sa cosa quando veniva
            invocato
            uacovvio che se ci lasciavi installato quella XXXXX di Norton 360 trial
          • krane scrive:
            Re: altra ragione per passare a Vista
            - Scritto da: dixie
            - Scritto da: pabloski

            oppure di chi ha comprato un notebook nuovo con

            vista originale e si è trovato di fronte un

            sistema che andava in crash quando mettevi il

            computer in standby

            e si fermava per 10-15

            secondi a fare non si sa cosa quando veniva

            invocato uac
            ovvio che se ci lasciavi installato quella XXXXX
            di Norton 360 trialQuindi perche' non citare la Symantec per crimini contro l'umanita' ?
  • advange scrive:
    MS09-072
    L'articolo parla di IE6, 7 e 8, da altre parti avevo letto anche IE5. Questa patch tappa 4 buchi, alcuni dei quali comuni a tutte e 4 le versioni di IE.Questo significa che c'era una falla grave su IE da 10 anni: niente di strano, per carità, ma serve a far capire chi parla male di Linux ricordando quella famosa falla rimasta aperta per 2 anni prima che fosse segnalata...
    • dixie scrive:
      Re: MS09-072
      - Scritto da: advange
      a far capire chi parla male di Linux
      ricordando quella famosa falla rimasta aperta per
      2 anni prima che fosse
      segnalata...il punto è che il codice della falla era sotto gli occhi di tutti, quindi è ancora più grave quanto è sucXXXXX a linux
      • pabloski scrive:
        Re: MS09-072
        è sotto gli occhi di tutti ma se non lo trovi non puoi risolverloil fatto che il codice sia leggibile non vuol dire che sarà letto da qualcuno, soprattutto quando si tratta di elementi periferici come il generatore di chiavi ssl di debian
        • dixie scrive:
          Re: MS09-072
          - Scritto da: pabloski
          si tratta di elementi periferici come il
          generatore di chiavi ssl di
          debianun generatore di chiavi ssl è la base della sicurezza, non può essere ignorato. Questo la dice lunga su quanto faccia schifo l'approccio alla sicurezza in linux
          • pabloski scrive:
            Re: MS09-072
            guarda che il problema era dovuto al mantainer del pacchetto openssl di debian ( quindi non tutte le distribuzioni linux )l'approccio architetturale alla sicurezza di linux è ottimo, tant'è che ci sono servizi vitali per la nostra società che girano su linux, funziona senza problemi e resistono a migliaia di attacchi giornalieri
          • dixie scrive:
            Re: MS09-072
            - Scritto da: pabloski
            l'approccio architetturale alla sicurezza di
            linux è ottimoè un po' antiquato.
            , tant'è che ci sono servizi vitali
            per la nostra società che girano su linux,girano su linux solo per il fatto che è un sistema operativo free e quindi modificabile a piacere, ma è lungi da essere il migliore.
          • pabloski scrive:
            Re: MS09-072
            - Scritto da: dixie
            è un po' antiquato.
            antiquato? ma se supporta pure le capabilities
            girano su linux solo per il fatto che è un
            sistema operativo free e quindi modificabile a
            piacere, ma è lungi da essere il
            migliore.in pratica stai dicendo che il pentagono non avrebbe i soldi per comprare server con windows?magari usano linux perchè è più performante, più stabile, meno crash, meno virus, ecc...
  • lalla63 scrive:
    dettaglio vulnerabilità flash (secunia)
    1) An error when parsing JPEG dimensions contained within an SWF file can be exploited to cause a heap-based buffer overflow.2) An unspecified error may allow injection of data and potentially lead to execution of arbitrary code.3) An unspecified error possibly related to "getProperty()" can be exploited to corrupt memory and may allow execution of arbitrary code.4) An unspecified error can be exploited to corrupt memory and may allow execution of arbitrary code.5) An integer overflow error when generating ActionScript exception handlers in Verifier::parseExceptionHandlers() can be exploited to corrupt memory.6) Various unspecified errors may potentially allow execution of arbitrary code.7) An error may disclose information about local file names.Si trovano ancora overflow, cioè mancanza di controllo sui dati manipolati che poi vanno a saturare i baffer o a causare errori sulle variabili; per quel poco che ne so io dovrebbero essere le basi della programmazione sicura, ok che un software come flash player punta sulla velocità di esecuzione ....... però si sa che chi fa malware non aspetta altro.
    • pabloski scrive:
      Re: dettaglio vulnerabilità flash (secunia)
      veramente tutti i programmi scritti in c/c++ presentano buffer e heap overflowlo stesso windows ne è pieno e sono ancora oggi una delle maggiori cause di esecuzione di codice non volutodel resto intel ha creato un flag apposito per impedire che venga eseguito codice dallo stack
      • Lanf scrive:
        Re: dettaglio vulnerabilità flash (secunia)
        Se non mi sbaglio saranno 20 anni che ci sono librerie per gestire input di dati di lunghezza arbitraria.
        • pabloski scrive:
          Re: dettaglio vulnerabilità flash (secunia)
          il problema è dove poi quei dati finisconocomunque alla fine li deve portare in una variabile all'interno del programma, mandarli ad una funzione ( che può causare il buffer overflow ), ecc...
      • dixie scrive:
        Re: dettaglio vulnerabilità flash (secunia)
        - Scritto da: pabloski
        lo stesso windows ne è pienolinux ne ha molti di più essendo programmato in C, ancora più insicuro del C++
  • lalla63 scrive:
    1,9Mb di flash con centinaia di bachi
    Come si fa a acrivere 1900kb (file di setup) di software che da anni è pieno di bachi gravi ? Lo capisco che scrivere software è difficile, che il baco c'è sempre, che solo l'uso e la diffusione evidenziano le magagne, ma qua si parlerà di poche centinaia di righe di codice, è così difficile debuggarle per bene una volta per tutte ?
    • tristezza scrive:
      Re: 1,9Mb di flash con centinaia di bachi
      adobe negli ultimi anni sta vivendo di luce riflessa, ma prima o poi finira' anche per loro la cuccagna.Fanno un PDF reader che e' ridicolo per dimensioni e bachi, idem per quella crosta di Flash
    • dixie scrive:
      Re: 1,9Mb di flash con centinaia di bachi
      - Scritto da: lalla63
      ma qua si parlerà di
      poche centinaia di righe di codicema la complessità di quel codice è paragonabile ad un browser, in quanto include un intero linguaggio di programmazione qual è il flash che è complesso.
    • pabloski scrive:
      Re: 1,9Mb di flash con centinaia di bachi
      poche centinaia di righe di codice?in passato ho creato un banale software per gestire una catena di montaggio e ammontava a circa 20.000 righe di codiceflash sarà qualche milione di righe di codice altro che poche centinaiaun centinaio di righe di codice danno vita ad eseguibili di poche decine di kilobytes
  • Alvaro Vitali scrive:
    Ma questi tappano buchi e basta?
    Ormai Microsoft e Adobe hanno acquisito un enorme know how nel tappare buchi; nessun concorrente raggiunge la loro professionalità.Se avete un tubo dell'acqua che perde, un pneumatico che si sgonfia, uno spiffero dalla finestra, non dovete fare altro che chiamare Microsoft e Apple ... e i buchi vengono tappati in men che non si dica!
    • FinalCut scrive:
      Re: Ma questi tappano buchi e basta?
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      finestra, non dovete fare altro che chiamare
      Microsoft e Apple ...Peccato che si parlava di Adobe e non Apple, hai copiato il trolling sbagliato... e poi non credere, una bella lista di bug di Mac OS X vengono direttamente dalle sue componenti open source, non che in questo (correggere bug) ci sia qualcosa di sbagliato. Il problema è quando i bug vengono lasciati aperti a tempo indeterminato o quando per chiuderne uno ne apri uno nuovo molto peggiore... (ogni riferimento a software house di base a Redmond è puramente casuale)(linux)(apple)
    • panda rossa scrive:
      Re: Ma questi tappano buchi e basta?
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Ormai Microsoft e Adobe hanno acquisito un enorme
      know how nel tappare buchi; nessun concorrente
      raggiunge la loro
      professionalità.

      Se avete un tubo dell'acqua che perde, un
      pneumatico che si sgonfia, uno spiffero dalla
      finestra, non dovete fare altro che chiamare
      Microsoft e Apple ... e i buchi vengono tappati
      in men che non si dica! E' una battuta la tua, vero?
  • panda rossa scrive:
    Indovinello.
    "L'aggiornamento è disponibile per tutte le piattaforme supportate da Flash: Windows, Linux e Mac OS X. Tranne in un caso, tutte le vulnerabilità possono essere sfruttate da malintenzionati per eseguire del codice a loro scelta."Indovinate un po' in quale caso la vulnerabilita' non puo' essere sfruttata?(linux)
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Indovinello.
      - Scritto da: panda rossa
      "L'aggiornamento è disponibile per tutte le
      piattaforme supportate da Flash: Windows, Linux e
      Mac OS X. Tranne in un caso, tutte le
      vulnerabilità possono essere sfruttate da
      malintenzionati per eseguire del codice a loro
      scelta."

      Indovinate un po' in quale caso la vulnerabilita'
      non puo' essere
      sfruttata?

      (linux)Mac Os X, ovviamente ;)(mac)
      • Shiba scrive:
        Re: Indovinello.
        ahahah, flash, osx, ahahah... ok la smetto, è che mi è semplicemente tornato alla mente un vecchio articolo :P:P
    • FinalCut scrive:
      Re: Indovinello.
      - Scritto da: panda rossa
      "L'aggiornamento è disponibile per tutte le
      piattaforme supportate da Flash: Windows, Linux e
      Mac OS X. Tranne in un caso, tutte le
      vulnerabilità possono essere sfruttate da
      malintenzionati per eseguire del codice a loro
      scelta."

      Indovinate un po' in quale caso la vulnerabilita'
      non puo' essere
      sfruttata?

      (linux)mmm hai frainteso mi pare, tutti gli OS sono potenzialmente a rischio, solo in un caso si corre un rischio differente.This update resolves a Windows-only local file name access vulnerability in the Flash Player ActiveX control that could potentially lead to information disclosure (CVE-2009-3951)Per una volta le guerre di religione lasciamo da parte. Il sistema perfetto non l'ha scritto nessuno. C'è solo un sistema che a ben ragione può dire di essere stato progettato peggio di altri.(linux)(apple)
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: Indovinello.
      - Scritto da: palloskydat tifoco


      ancora co sta storia che siete invulnerabili,
      siete solo dei pagliacci, leggi il link in alto e
      soffri, panda
      scassataE bravo furbo.Adesso pure io vado su un sito non certificato, scarico un malware e lo installo da root sul mio computer.E grazie al c... che così anche Linux diventa vulnerabile.Ma per favore!
      • panda rossa scrive:
        Re: Indovinello.
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        - Scritto da: palloskydat tifoco





        ancora co sta storia che siete invulnerabili,

        siete solo dei pagliacci, leggi il link in alto
        e

        soffri, panda

        scassata

        E bravo furbo.

        Adesso pure io vado su un sito non certificato,
        scarico un malware e lo installo da root sul mio
        computer.

        E grazie al c... che così anche Linux diventa
        vulnerabile.

        Ma per favore!Si, ma devi metterci molto del tuo!Vuoi mettere la semplicita' dei sistemi M$ in cui il browser sul sito non certificato ci va da solo, installa da solo il malware basato su activeX, e non hai bisogno neppure dei privilegi di admin che tanto il sistema mette a disposizione vulnerabilita' per scalare privilegi.L'utente non vuole andare in cantina a ricompilare il kernel, l'utente vuole infettarsi con un click!
      • palloskidat tifoco scrive:
        Re: Indovinello.
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        - Scritto da: palloskydat tifoco





        ancora co sta storia che siete invulnerabili,

        siete solo dei pagliacci, leggi il link in alto
        e

        soffri, panda

        scassata

        E bravo furbo.

        Adesso pure io vado su un sito non certificato,
        scarico un malware e lo installo da root sul mio
        computer.

        E grazie al c... che così anche Linux diventa
        vulnerabile.

        Ma per favore!Sento rumore di unghie sugli specchi. ti brucia a sapere che avete sparato caxxate per un ventennio co sta presunta vulnerabilita' di linux eh? come godo...
        • netcopula scrive:
          Re: Indovinello.
          - Scritto da: palloskidat tifoco
          Sento rumore di unghie sugli specchi. ti brucia a
          sapere che avete sparato caxxate per un ventennio
          co sta presunta vulnerabilita' di linux eh? come
          godo...Ricordo che in questo ventennio c'era qualcuno che non aveva il tempo di vantarsi visto che era occupato a rimuovere virus, XXXXXn e worm da masse di computer impestati, quando Microsoft considerava la sicurezza un optional...
          • palloskydat tifoco scrive:
            Re: Indovinello.
            - Scritto da: netcopula
            - Scritto da: palloskidat tifoco


            Sento rumore di unghie sugli specchi. ti brucia
            a

            sapere che avete sparato caxxate per un
            ventennio

            co sta presunta vulnerabilita' di linux eh? come

            godo...

            Ricordo che in questo ventennio c'era qualcuno
            che non aveva il tempo di vantarsi visto che era
            occupato a rimuovere virus, XXXXXn e worm da
            masse di computer impestati, quando Microsoft
            considerava la sicurezza un
            optional...gia', e c'era un ventennio in cui chi voleva solo cambiare sfondo al desktop (ammesso che lo sapesse fare apparire) doveva leggere guide in sanscrito e conoscere 20 linguaggi di programmazione, quando c'era invece chi con un click faceva quello che voleva ;)
          • palloskydat tifoco scrive:
            Re: Indovinello.
            - Scritto da: palloskydat tifoco
            - Scritto da: netcopula

            - Scritto da: palloskidat tifoco




            Sento rumore di unghie sugli specchi. ti
            brucia

            a


            sapere che avete sparato caxxate per un

            ventennio


            co sta presunta vulnerabilita' di linux eh?
            come


            godo...



            Ricordo che in questo ventennio c'era qualcuno

            che non aveva il tempo di vantarsi visto che era

            occupato a rimuovere virus, XXXXXn e worm da

            masse di computer impestati, quando Microsoft

            considerava la sicurezza un

            optional...
            gia', e c'era un ventennio in cui chi voleva solo
            cambiare sfondo al desktop (ammesso che lo
            sapesse fare apparire) doveva leggere guide in
            sanscrito e conoscere 20 linguaggi di
            programmazione, quando c'era invece chi con un
            click faceva quello che voleva
            ;)solo che ora le cose lato sicurezza per windows migliorano notevolmente, mentre su linux? stendiamo un velo pietoso :D
          • netcopula scrive:
            Re: Indovinello.
            - Scritto da: palloskydat tifoco
            solo che ora le cose lato sicurezza per windows
            migliorano notevolmente, mentre su linux?
            stendiamo un velo pietoso
            :DDirei che il velo pietoso lo possiamo stendere sulla tua evidente incompetenza.
          • netcopula scrive:
            Re: Indovinello.
            - Scritto da: palloskydat tifoco
            gia', e c'era un ventennio in cui chi voleva solo
            cambiare sfondo al desktop...Che sicuramente è un problema di sicurezza.
          • palloskidat tifoco scrive:
            Re: Indovinello.
            - Scritto da: netcopula
            - Scritto da: palloskydat tifoco


            gia', e c'era un ventennio in cui chi voleva
            solo

            cambiare sfondo al desktop...

            Che sicuramente è un problema di sicurezza.No il problema era (ed e' ) tutto il resto, ovvero la palese inusabilità di un sistema creato per smanettoni.
    • dixie scrive:
      Re: Indovinello.
      - Scritto da: panda rossa
      Indovinate un po' in quale caso la vulnerabilita'
      non puo' essere
      sfruttata?Su Vista non è sfruttabile in quanto c'è il DEP+ASLR+Integrity Levels di IE7/IE8+UAC
Chiudi i commenti