Google, i morsi di un vampiro digitale

Il Nosferatu è nella città della rete. Rinchiusi in casa gli organi d'informazione

C’è un vampiro che si aggira in zone non troppo nascoste del web: si chiama Google e si nutre del sangue degli organi d’informazione . Non è l’incipit di un romanzo gotico al tempo di internet, ma una dichiarazione sdegnata del CEO di Dow Jones Les Hinton.
“Offrendo i suoi contenuti gratis sul web – afferma Hinton – l’industria dei giornali ha dato ai denti di Google un grande collo da mordere. Non sapremo mai cosa sarebbe successo se l’informazione avesse assunto approcci differenti”.

Approcci, forse, come quello recentemente esposto da Associated Press che ha intrapreso una battaglia contro gli aggregatori di notizie come Google News. Non permettere, in pratica, che i suoi contenuti vengano ripresi e diffusi da altri. L’idea è che l’informazione debba smettere i panni della condivisione libera, per indossare quelli di uno scambio equo tra notizie e quattrini.

Su questo fronte della battaglia si è dimostrata particolarmente agguerrita News Corporation , il gruppo di Murdoch che controlla proprio Dow Jones e il Wall Street Journal. Proprio quest’ultimo è stato un convinto fautore delle news a pagamento, con tanto di abbonamento. Proprio Murdoch ha accusato recentemente l’attuale modello di business dell’informazione che ha regalato a blogger, siti e motori di ricerca la possibilità di “succhiare il sangue”.

I contenuti, quindi, vanno pagati e nessuno può appropriarsene liberamente per aggregarli. Ecco, allora, arrivare in soccorso start-up come Attributor, specializzata nel tracking di eventuali riusi in rete di materiali sia audio che video. Oppure piccoli, vecchi strumenti come robots.txt capaci di bloccare l’indicizzazione da parte di Google. (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • emmeesse scrive:
    E ti piacerebbe...
    Farci pagare per quello che era gia' nostro a 56K...Internet non e' la velocita' di connessione.Internet non e' il webE la rete non e' solo internet.Sparirete in una risata.
  • Tarekaziz scrive:
    pessimo: internet NON è questo.
    internet non è nata per fare questo, ecco perché non fa quello che ti aspetti.
  • Filippo B scrive:
    non ho capito niente....
    Vabbè che questo è un periodico per gente che ne capisce,ma di questo articolo non ho capito niente.Il tunneling per me ha un significato molto remoto e indefinito e piango sulla tomba dell'italiano.
    • z f k scrive:
      Re: non ho capito niente....
      - Scritto da: Filippo B
      Vabbè che questo è un periodico per gente che ne
      capisce,
      ma di questo articolo non ho capito niente.
      Il tunneling per me ha un significato molto
      remoto e indefinito e piango sulla tomba
      dell'italiano.Tunneling e' un termine tecnico, quindi l'italianizzazione potrebbe essere addirittura dannosa :)In sintesi (corigetemi se sbaglio), 'sta ditta dice che il problema di Internet e'... Internet. Siccome e' strutturata com'e' strutturata, i dati dal punto di partenza a quello di arrivo fanno una strada imprevedibile, giri inutili e retromarce se si trovano vicoli ciechi (non e' cosi', ma e' per capirci)."Preparando" la strada ottimale mediante un tunnel, il tempo di "viaggio" sarebbe minimizzato (e come beneficio aggiuntivo i punti di partenza e arrivo si vedrebbero come se fossero collegati direttamente tra loro e... ma qui si va fuori tema).Secondariamente, incanalando il traffico tramite tunnel, si puo' fare QoS (Quality of Service), privilegiando un certo tipo di traffico rispetto ad un altro (es. voce contro web).HTH, CYA
  • Ocram scrive:
    Otto secondi
    La rete è lenta perchè non riusciamo a farci abbastanza soldi, quindi bisogna sostenere che la rete sia lenta.Profezia che si auto-avvera, marketing insomma.OTTO SECONDI per avere qualsiasi dato sparso in giro per il mondo sono un battito di ciglia persino nella più innovativa delle aziende.
    • eymerich scrive:
      Re: Otto secondi

      La rete è lenta perchè non riusciamo a farci
      abbastanza soldi, quindi bisogna sostenereQuesta la metto in "a pensar male si fa peccato ma raramente si sbaglia".
      • Ricky scrive:
        Re: Otto secondi
        La rete e' lenta perche' QUALCUNO va' al risparmio...L'infrastruttura e' stata pensata e creata dai vari ISP per farci il maggior profitto, questo IMPLICA che per aumentare i profitti si agisce SULLE SPESE.I costi di ampliamento e successivo aumento di manutenzione, li farebbero SOLO a fronte di guadagni proporzionati.Altrimenti, insistono a schiacciare sempre piu' dati nella medesima struttura,oramai palesemente sottodimensionata, sino al collasso.Ma come si puo' pensare che agendo per PROFITTO si possa dare un servizio adeguato...senza nessun controllo di qualita'.
    • Dzamir scrive:
      Re: Otto secondi
      Se sto facendo una conferenza video con un americano e la mia risposta arriva dopo 8 secondi, un poco mi innervosisco
      • Ale scrive:
        Re: Otto secondi
        - Scritto da: Dzamir
        Se sto facendo una conferenza video con un
        americano e la mia risposta arriva dopo 8
        secondi, un poco mi
        innervosisconon si parla di questo aspetto , ma di ricevere risposta a delle query , e qui che il discorso cambia.Cioè semplifico un pò di + , su un programma di contabilità tu gli chiedi tutte le fatture di un fornitore XY e lui ci mette 8 secondi a fartele trovare a video , anche se teoricamente il server potrebbe rispondere molto prima.Secondo me come dice quello sopra di te alla fine è un tempo accettabile
        • z f k scrive:
          Re: Otto secondi
          - Scritto da: Ale
          Cioè semplifico un pò di + , su un programma di
          contabilità tu gli chiedi tutte le fatture di un
          fornitore XY e lui ci mette 8 secondi a fartele
          trovare a video , anche se teoricamente il server
          potrebbe rispondere molto
          prima.
          Secondo me come dice quello sopra di te alla fine
          è un tempo
          accettabileDa delle linee guida sull'usabilita' che lessi a suo tempo (mi pare proprio di MS), un tempo di risposta del sistema superiore a 3s e' percepito dall'utente come troppo lungo... figuriamoci 8s che e' quasi il triplo.Gia' mi vedo la tipica ragioniera che dopo 5s di attesa ("ma si e' bloccato?!?") ripigia la richiesta. :)CYA
    • Valeren scrive:
      Re: Otto secondi
      - Scritto da: Ocram
      Profezia che si auto-avvera, marketing insomma.
      OTTO SECONDI per avere qualsiasi dato sparso in
      giro per il mondo sono un battito di ciglia
      persino nella più innovativa delle aziende.Assolutamente vero, specialmente se consideriamo che 8.2 secondi è il tempo [b]massimo[/b] indicato!Io ritardi simili li vedevoo solo quando andavo su siti coreani, anni fa.Ora se dopo otto secondi non mi arriva la pagina ho la quasi certezza che FF mi darà un timeout, quindi si passa più tardi.Beh, facile e comodo per Akamai fare un discorso simile, gli mancava solo il disclaimer "pubblicità" in sovraimpressione.
      • pauroso OT scrive:
        Re: Otto secondi
        - Scritto da: Valeren
        Beh, facile e comodo per Akamai fare un discorso
        simile, gli mancava solo il disclaimer
        "pubblicità" in
        sovraimpressione.
    • QualcunAltr o scrive:
      Re: Otto secondi
      - Scritto da: Ocram
      [...] OTTO SECONDI per avere qualsiasi dato sparso in
      giro per il mondo sono un battito di ciglia
      persino nella più innovativa delle
      aziende.Ma su quale pianeta vivi? Nella nostra azienda, abbiamo un requisito massimo (ripeto: massimo) di 50 millisecondi. Fate vobis.
  • lufo88 scrive:
    bella questa
    "Tunnelling della connessione attraverso una rete effettivamente privata"Così pochi potranno controllare l'acXXXXX (o un acXXXXX veloce) alla rete. Toh guarda, come succede per tutti media attuali......Inoltre, secondo me, il cloud computing è una cosa non realizzabile. Come si farà a controllare tutti gli admin di rete? Se tutti i miei dati sono su server USA, che tutele posso avere?
    • nome e cognome scrive:
      Re: bella questa
      http://shop.ebay.it/merchant/cdsat2006
    • . . scrive:
      Re: bella questa
      Ma che dici il tunneling e' la soluzione :-)1) Un singolo pacchetto vien "incapsulato" in un altro quindi aumenta il numero di byte da spedire/ricevere.2) Tale operazione di incapsulamento/cifratura non e' gratis in termini di tempo.3) Se un pacchetto IP parte da Roma per la volta di Parigi, con il tunneling bisognera' collegarsi prima a Londra via Francoforte. Questo per dire che il pacchetto fara' molta piu' strada, e attraversera' molti piu' router degradando ulteriormente la connessione.
  • Alessandrox scrive:
    BEST EFFORT
    del resto la rete internet non e' stata concepita per il QOS, la garanzia della consegna (aspetti che sono stati introdotti successivamente ma su una struttura di base che non li concepiva sin dall' inizio) e dell' ampiezza di banda.... (NON sul concetto della "commutazione di circuito"); TUTTO IL RESTO e' costruito sopra questo concetto di base e per ottenere dei risultati voluti diversi occorre agire su strati superiori con accorgimenti SW e HW...Migliorando i sw dei protocolli e a volte i protocolli stessi (piu' facile quelli degli strati superiori, piu' difficile quelli degli strati inferiori)Ma suprattutto a livello HW BILANCIANDO il rapposto tra banda utente e banda della dorsale e ampliando la capacita' di questa e l' efficenza nello smistamento dei pacchetti (ROUTER-GATEWAY)...Questi mi sembrano in estrema sintesi i punti fondamentali.Da qualche giorno TI ha tolto a tutti la 2Mbit e il minimo oggi e' la 8Mbit...E LA BANDA DEL RESTO DELLA RETE CHE STA A VALLE DELL' UTENTE? E' SEMPRE LA STESSA?
  • nessuno scrive:
    Trovata pubblicitaria
    come da oggetto
    • nome e cognome scrive:
      Re: Trovata pubblicitaria
      e si la colpa e sempre degli altri ... guarda casohttp://shop.ebay.it/merchant/cdsat2006
  • babacao scrive:
    io sono un client da akamai
    io sono un cliente di akamai e devo dire che a livello di prestazione worldwide e' il top......
    • DOG scrive:
      Re: io sono un client da akamai
      - Scritto da: babacao
      io sono un cliente di akamai e devo dire che a
      livello di prestazione worldwide e' il
      top...... Vai a fare pubblicità ad un'altra parte, non qua!!!!!bacucco!!!
      • z f k scrive:
        Re: io sono un client da akamai
        - Scritto da: DOG
        - Scritto da: babacao

        io sono un cliente di akamai e devo dire che a

        livello di prestazione worldwide e' il

        top......

        Vai a fare pubblicità ad un'altra parte, non
        qua!!!!!Suvvia.Qua stiamo a dire e ripetere che in Rete ognuno puo' dire la sua, salvo poi essere smentito da qualcun altro.Certo, puo' essere benissimo che stia semplicemente facendo della pubblicita' occulta travestita da opinione, ma - ancora - qua stiamo a dire e ripetere che i "netizen" _devono_ essere considerati abbastanza autonomi e maturi da valutare il caso, eventualmente espandendo la ricerca (dato un certo numero di opinioni, quelle che escono troppo dalla media devono essere escluse: qui dovremmo avere tutti una qualche cultura scientifica e un concetto come questo, derivante dal metodo sperimentale, dovrebbe essere quantomeno chiaro). Un'aggressione gratuita puo' addirittura avere effetti contrari (vedi le tecniche di trolling). Eccetera eccetera.Insomma, non aggredire gratuitamente qualcuno, ma esprimi un parere contrario se hai esperienza contraria in merito, o al limite esprimi un tuo dubbio sulla veridicita' delle sue affermazioni, dubbio al quale potra' rispondere con dei _fatti_ a supporto di quanto riporta.CYA
        • Babacao scrive:
          Re: io sono un client da akamai
          Caro DOGio ho riportato solo la mia esperienza niente pubblicita', poi se ci vuoi credere o no e' un tuo problemati auguro buona giornata.
          • Kogur scrive:
            Re: io sono un client da akamai
            Forse DOG ha notato che hai scritto la stessa cosa 2 volte. E questo suona un po' strano... sembra pubblicità. In ogni caso tu non hai descritto bene i motivi per cui sei soddisfatto. Mentre gli altri.. non solo DOG.. hanno dato delle spiegazioni tecniche convincenti dell'esatto contrario di quello che dici tu Babacao
          • DOG scrive:
            Re: io sono un client da akamai
            - Scritto da: Kogur
            Forse DOG ha notato che hai scritto la stessa
            cosa 2 volte. E questo suona un po' strano...
            sembra pubblicità. In ogni caso tu non hai
            descritto bene i motivi per cui sei soddisfatto.
            Mentre gli altri.. non solo DOG.. hanno dato
            delle spiegazioni tecniche convincenti
            dell'esatto contrario di quello che dici tu
            BabacaoQueste sono persone intelligenti!!!!!(idea) ;) ;)Analisi perfetta; complimenti Kogur!!Ciao
          • Babacao scrive:
            Re: io sono un client da akamai
            Ho scritto 2 volte il post perche quello di Dog lho visto dopo, cmq la mia esperienza e' la seguente l'azienda per cui lavoro a un sito in hosting in america, avevamo problemi di velocita su paesi tipo turchia, grecia e nord europa, immagine e contenuti si caricavano troppo lentamente.abbiamo pensato di valutare qualche societa che forniva CDN per cachare le immagini e contenuti, no codice.Su tutte quelle testate akamai e' risultata la piu convicente anche a livello di prezzo, certo il prezzo va a secondo del traffico che genera il tuo sito seguendo una scala di prezzi.Alla fine le prestazione del sito in questi paesi e migliorato tantissimo anche per fare download di grossi contenuti.Adesso pago molto meno ISP con i stessi soldi spesi prima per garantire la banda al sito ci pago akamaipoi se ancora pensate che sono un commerciale non ci posso fare niente.cmq io non vedo post di DOG che parla della sua esperienza con le CDN alla prossima
  • J. Karogna scrive:
    Peccato che il traffico in rete...
    sia per la maggior parte costituito da file sharing... A mio avviso il problema è che i router (non quelli casalinghi)non sono capaci di reggere il traffico attuale e futuro, sono d'accordo, ma non me le vedo le vpn di azureus (per fare un esempio) o tantomeno verso youtube!
    • andwork scrive:
      Re: Peccato che il traffico in rete...
      Senza contare il fatto che il tunnelling aggiunge un overhead alla trasmissione, aumentando così il traffico.
    • Max3D scrive:
      Re: Peccato che il traffico in rete...
      Ehe, quoto, quoto, abbiamo messo online un sacco di gente che non sa la differenza tra MB e KB, e pensa di avere una connessione a 7MB e non sa che sono Mbit.Ho un cliente nel mio internet point che ieri ha mandato ad un contatto di msn una foto 70MB, e voleva zippargli tutto il CD. Eh, ma non e' l'unico c'é sono un sacco di persone così in giro, e noi gli diamo in mano telfoni con obbiettivi da 8Mpx, connessioni a banda larga, e computer a 8 core, e poi abbiamo la pretesa che il doppino di rame ed "il centro stella" possano gestire tutto-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 giugno 2009 11.33-----------------------------------------------------------
      • Sistema Internazio nale scrive:
        Re: Peccato che il traffico in rete...
        - Scritto da: Max3D
        Ehe, quoto, quoto, abbiamo messo online un sacco
        di gente che non sa la differenza tra MB e KB, e
        pensa di avere una connessione a 7MB e non sa che
        sono Mbit.Quoto tutto, ma vedo che anche ai migliori sfugge che la kappa di kilo è minuscola. Il KB non esiste, così come non esiste il Kg e il Km. Ci sono i kB, kg e km.http://www.bipm.org/en/si/si_brochure/chapter3/prefixes.htmlL'unica K maiuscola sono i gradi Kelvin, per la temperatura.
        • Max3D scrive:
          Re: Peccato che il traffico in rete...
          vero, errore questo che viene da lontano (le elementari) :sinteressante la tabella... adesso ho il desiderio irrefrenabile di avere un procio da 2yHz (yottaHz ?) (rotfl)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 30 giugno 2009 12.54-----------------------------------------------------------
  • Francesco scrive:
    pubblicità?
    i prezzi akamai sono esorbitanti , paghi si solo quello che usi.. ma lo paghi 10 volte :D ovvero.. vai a risparmiare solo se al momento hai in affitto in un DC 100 server e 100 gb/s di banda.. e ne stai usando solo 10 di entrambi.. allora andando a akamai potrai esser contento che paghi esattamente UGUALE.. ma paghi quel che stai usando :Dnon a caso sul sito di akamai non fan cenno ai prezzi.. provare per credere :)buona giornata.
    • babacao scrive:
      Re: pubblicità?
      io utilizzo akamai e devo dire che a livello prezzo prestazioni non ha rivali.Fidati io sto risparmiando un sacco di soldi
      • max scrive:
        Re: pubblicità?
        127.0.0.1 akamai.com127.0.0.1 *.akamai.comQuesto è già un buon metodo per andare più veloci in rete ^_
        • DOG scrive:
          Re: pubblicità?
          - Scritto da: max
          127.0.0.1 akamai.com
          127.0.0.1 *.akamai.com

          Questo è già un buon metodo per andare più veloci
          in rete
          ^_Cioè boicottando akamai ?(newbie)(newbie)(newbie)Sono daccordo!! @^ @^
        • tomax scrive:
          Re: pubblicità?
          - Scritto da: max
          127.0.0.1 *.akamai.comScusa, ma questa e' una sintassi valida per il file hosts?
        • Funz scrive:
          Re: pubblicità?
          - Scritto da: max
          127.0.0.1 akamai.com
          127.0.0.1 *.akamai.com

          Questo è già un buon metodo per andare più veloci
          in rete
          ^_Oppure installare noscript.
      • Francesco scrive:
        Re: pubblicità?
        dipende davvero da cosa stai cercando.. ad ogni modo è raro che a qualcuno serva un ping di 20ms worldwide (cosa che akamai riesce a fare tranquillamente perche ha rack in parecchi DC un po d'appertutto..), se ti serve un buon ping per l'italia.. affitta un rack da inet(o server da loro rivenditori), risparmi molto... .se ti serve in europa.. ci son un sacco di dc economici e decenti in europa.. ultimamente fan paura i ragazzi di ovh .. ma è solo un esempio.. se poi hai bisogno di cloud computing (why???) del tipo che hai un sistema che è quasi sempre al minimo di utilizzo, e molto sporadicamente centuplica l'utilizzo di risorse.. allora son d'accordo che con akamai risparmi, o se hai una piccola media impresa che opera su internet.. e non vuoi/puoi spendere per un sistemista che curi il server.. akamai puo aiutare molto.. ma diciamo che a mio avviso.. il 98% degli utenti farebbe bene a prendersi un piano hosting professionale , server dedicato o qualche rack piuttosto che andare da akamai.. un ping di 20 o 60ms (se non stai giocando a UT online) non fa molta differenza :D e il post "di akamai" che dice che infatti i ritardi della rete son ben altri conferma il fatto che non serve stare a ritagliare i millisecondi di latenza pagandoli a caro prezzo :P magari .. piuttosto agire a livello di programmazione e struttura del software/sito aiuta di piu.
  • nip&tuck scrive:
    Il signor Paul Sagan di Akamai
    praticamente fa pubblicità ai suoi servizi perchè in fondo Akamai fa quello che c'è scritto in questo articolo.
  • sempronio scrive:
    cloud computing ... non mi piace
    Il problema nn é la tecnologia ma l'essere umano. "...per far sì che il cloud computing esploda come il lucrosissimo business che le aziende di settore sperano si tratti.." la parola lucro e l'uomo sono come dinamite e scintilla, quando si incontrano solo distruzione. "... risolto il problema dell'esperienza utente non ha che da offrire vantaggi, dalla scalabilità dell'infrastruttura all'outsourcing passando per il vantaggio di pagare esclusivamente per l'uso effettivo che se ne fa.." utopia e fuffa, lo sappiamo bene tutti, e un pretesto per ingabbiarci sempre piu, i vantaggi sono UNILATERALI... e del piu forte.
    • Polemik scrive:
      Re: cloud computing ... non mi piace
      Già me l'immagino l'utente comune con il *difficilissimo dilemma* se affidarsi ad applicazioni e dati on-line a pagamento tramite cloud computing oppure usare la potenza computazionale del proprio PC con Office crackato e con i dati salvati in locale sul disco fisso, al sicuro da occhi indiscreti... :D
  • Samuele C. scrive:
    praticamente una fastweb allargata
    vorrebbero una rete privata costruita e manutenuta da privati come mezzo per far transitare pacchetti che poi riescono sulla rete pubblica. Fastweb ha una rete privata che fa proprio questo a quanto ho capito solo che in questo caso gli utenti della rete sono esterni alla stessa ed entrano da un punto ed escono da un altro in modo trasparente come se non esistesse tale rete.Già vedo dazi esagerati per accettare il traffico da questo ingresso a quell'uscita proveniente dal server X ..
    • Sba scrive:
      Re: praticamente una fastweb allargata
      Basta che poi mi facciano connettere a una vpn xè con FW non puoi connetterti a molte vpn a causa del modo in cui è costruita la rete FW.
      • Asd scrive:
        Re: praticamente una fastweb allargata
        Non è proprio vero. Connettersi ad una vpn richiede solo il client, l'ip, utente e password. Creare una vpn hardware tra due apparati è una cosa diversa e con fastweb può creare problemi.
        • smemobox scrive:
          Re: praticamente una fastweb allargata
          - Scritto da: Asd
          Non è proprio vero.
          Connettersi ad una vpn richiede solo il client,
          l'ip, utente e password.

          Creare una vpn hardware tra due apparati è una
          cosa diversa e con fastweb può creare
          problemi.A quanto invece ho sentito io (che non conosco fastweb bene) i problemi vengono dal NAT (singolo, doppio e triplo).NAT traversal deve essere supportato dalla soluzione VPN che adoperi.
    • nome e cognome scrive:
      Re: praticamente una fastweb allargata
      magari anche nohttp://shop.ebay.it/merchant/cdsat2006
Chiudi i commenti