Google Glass, specifiche e API

Mountain View rende note le specifiche tecniche del suo nuovo gingillo. Ci sono anche le API necessarie a sviluppare "app" e a interfacciarsi con il sistema. Al netto dell'advertising di terze parti, vietato.

Roma – In contemporanea alla notizia dell’avvio della produzione dei primi esemplari di Glass, Google si è premurata di fornire anche qualche dettaglio concreto sulle specifiche tecniche del nuovo gadget occhialuto , senza dimenticare le API destinate agli sviluppatori di app e servizi accessori.

Google Glass, dicono le specifiche , avrà una risoluzione equivalente a quella di uno schermo ad alta definizione posto a circa 2,5 metri di distanza dall’osservatore, una fotocamera in grado di catturare foto (5 Megapixel) e video (720p), supporto per connettività WiFi e Bluetooth, 16 Gigabyte di storage (12 usabili) sincronizzati online con Google Drive, connessione micro-USB per la ricarica.

La durata della batteria è stimata in un giorno pieno con un utilizzo “tipico”; usare certe funzionalità come la registrazione di video porterà naturalmente a un consumo di energia maggiore. La app MyGlass servirà a usare le funzionalità SMS e GPS dello smartphone, ma solo nel caso in cui il cellulare monti Android 4.0.3 o superiori.

Per quanto riguarda le API , invece, Google prevede la possibilità di realizzare servizi basati su web (chiamati ” Glassware “) per interagire con Glass (Mirror API) senza la necessità di far girare codice nativo sul gadget.


I termini di servizio per gli sviluppatori, infine, risulteranno una gradita sorpresa per gli utenti maggiormente consapevoli delle problematiche legate alla privacy: Google al momento proibisce la monetizzazione dei download di applicazioni, la visualizzazione di advertising e la vendita dei dati utente a soggetti di terze parti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ishitawa scrive:
    e se i bracci robotici
    e se i bracci robotici schiacciamo un po troppo ?squech....salsa di geek...
  • La prudenzia non e mai troppo scrive:
    Brutto
    E chi non ha mai sognato di essere abbracciato da un cappotto che si muove da solo! Ma per favore! Ma che cos'è questa robina qua? :|Brutto!
    • Sgabbio scrive:
      Re: Brutto
      - Scritto da: La prudenzia non e mai troppo
      E chi non ha mai sognato di essere abbracciato da
      un cappotto che si muove da solo! Ma per favore!
      Ma che cos'è questa robina qua?
      :|

      Brutto!Si nota che si tratta di un prototipo..dai :D
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Brutto
      - Scritto da: La prudenzia non e mai troppo
      E chi non ha mai sognato di essere abbracciato da
      un cappotto che si muove da solo! Ma per favore!
      Ma che cos'è questa robina qua?
      :|

      Brutto!Considera la cultura giapponese: estremamente inquadrata, contatti fisici tra le persone considerati "inopportuni"... spesso l'isolamento è perfino incoraggiato.Certo, se invece di una giacca che abbraccia fosse una giacca che massaggia, magari un pensierino ce lo farei :p-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 17 aprile 2013 14.32-----------------------------------------------------------
  • ... scrive:
    a me...
    ...me pare na.....
Chiudi i commenti