Google: il desktop ha i giorni contati

Il futuro è mobile e BigG ci vuole puntare: anche perché dei PC tradizionali entro tre anni saranno in pochi a preoccuparsene. Ipse dixit

Roma – Per Google entro tre anni il mercato dei PC fissi sarà “irrilevante” per la ricerca online.

“Già oggi in Giappone la maggior parte delle ricerche è effettuata tramite smartphone, non PC”. Le parole sono del vicepresidente per l’advertising globale John Herlihy, ma fanno eco al discorso del CEO Eric Schmidt al Mobile World Congress di Barcellona, in cui annunciava il maggior impegno profuso da Mountain View nel mobile rispetto al desktop e all’appello agli sviluppatori di fare lo stesso.

Con Android, Nexus One e Chrome OS , d’altronde, Google rappresenta perfettamente la sua intenzione di concentrarsi sul mobile e la volontà di puntare sul cloud computing, via attraverso la quale ogni apparecchio mobile sarà in grado di utilizzare applicazioni rapide.

Con l’ad mobile e la pubblicità geolocalizzata , novità recentemente acquistate o brevettate da BigG, dimostra poi di avere ben chiaro in mente il modello di business da adottare.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ricky scrive:
    BHA!
    Dipende dal costo, ma a me paiono delle porcherie.Sopratutto se si considera che appaiono ORA sul mercato , quando altri fornitori come OCZ , INTEL e CORSAIR mettono in campo prodotti ben piu' performanti.
  • rb1205 scrive:
    Competizione a 0
    Se con quei prezzi riescono a vendere quelle ciofeche di SSD (inteso in rapporto a quello che la concorrenza offre a prezzi uguali o minori, X25 in primis), temo che i tempi per l'instaurazione di competizione e coneguente calo dei prezzi siano molto lunghi.....
    • lroby scrive:
      Re: Competizione a 0
      - Scritto da: rb1205
      Se con quei prezzi riescono a vendere quelle
      ciofeche di SSD (inteso in rapporto a quello che
      la concorrenza offre a prezzi uguali o minori,
      X25 in primis), temo che i tempi per
      l'instaurazione di competizione e coneguente calo
      dei prezzi siano molto
      lunghi.....Ma in realtà più operatori fanno il loro ingresso sul mercato e più si innesca IMHO una reazione a fare prodotti sempre più performanti a parità di costo, soltanto che a mio avviso ci vorrà almeno ancora tutto il 2010 per avere dei prezzi un po più umani. e così nel frattempo risolvono tutti i possibili errori di gioventù dei prodotti stessi (sopratutto nei controlller a quello che vedo)
Chiudi i commenti