Google, mezzo milione per la cultura

Fondi destinati a finanziare 12 progetti che coinvolgono 15 università. Siglato inoltre un accordo che porta 16mila volumi della storia olandese a Google Books

Roma – Quasi mezzo milione di dollari sono stati stanziati da Google a favore di 12 progetti in 15 diverse università con l’obiettivo di esplorare le possibilità e le vie della “letteratura digitalizzata”.

Umanità digitale e l’accesso a tutta la cultura sono le mete ultime a cui puntano i progetti e risuonano della volontà di Mountain View di organizzare tutto lo scibile umano. Tutti i progetti finanziati con un totale di 479 mila dollari solo nel primo anno sono stati selezionati sia per i risultati tecnici e gli strumenti utilizzati, sia per la portata e l’utilità generale per tutti gli studiosi. Tutti avranno accesso ai dati e agli strumenti di Google e in particolare alle tecnologie utilizzate da Google Books .

Tra di essi, un progetto a cui collaborano Open University, l’università di Southampton e Berkeley punta a studiare la relazione tra letteratura e localizzazione sia temporale che spaziale delle opere. Chiamato Google Ancient , servirà a visualizzare su Google Earth o Google Maps i libri relativi ad una specifica area geografica in un dato periodo di tempo e permetterà di accedere ad una serie di materiali e contenuti per il momento relegati in poche istituzioni, sconosciuti o difficili da trovare: uno strumento in più per i ricercatori di storia, letteratura classica e archeologia.

Un altro progetto, chiamato Bibliotheca Academica Transationum , punta invece a produrre un indice computerizzato di opere letterarie europee tradotte e risalenti al periodo compreso tra il 1701 e il 1917 con lo scopo di “investigare la trasmissione della conoscenza in questo periodo”, l’evoluzione sia della lingua che delle traduzioni.
Un altro progetto sarà legato alla letteratura vittoriana, un altro all’Eneide.

Accanto a queste nuove iniziative Google amplierà la sua offerta di libri in pubblico dominio: grazie ad un accordo con la biblioteca nazionale olandese ha avuto accesso a oltre 160 mila volumi, relativi al periodo tra il diciottesimo e il diciannovesimo secondo, di particolare rilevanza per la storia del paese. Questi volumi dovrebbero peraltro essere resti accessibili anche attraverso il portale dell’Unione Europea Europeana .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • patrickmerr e scrive:
    a RS competitor
    Easily share your files !!!100% free10 GB filesize accepted60 days of retentionupload by FTP, HTTP, remote FTP/HTTPuse of non-standard port in optionSSL subscription begin at 5 euros per monthhttp://www.1fichier.com
  • Consuma tore scrive:
    Rapidshare è bene?!?
    Qualcosa mi sfugge: perché Rapidshare - che ospita sui suoi server e distribuisce direttamente contenuti di cui non detiene copyright e/o diritti non solo viene assolto da questo tipo di reati in quanto semplice provider, ma adesso viene pure additato come esempio di modello di business, mentre un motore di ricerca bittorrent come The Pirate Bay, che NON ospita alcun contenuto e dovrebbe essere pertanto ancor meno colpevole di Rapidshare, viene invece perseguitato, condannato e oscurato?E inoltre: in base a quale principio perverso, una volta acquisito il diritto di fruizione di un'opera dell'ingegno, magari a seguito dell'acquisto di un CD, deve essere non solo lecito, ma anche solo concepibile limitare questo mio diritto acquisito in un qualsiavoglia modo, finché la fruizione rimane all'interno dell'uso considerato personale?
    • ThEnOra scrive:
      Re: Rapidshare è bene?!?
      - Scritto da: Consuma tore
      E inoltre: in base a quale principio perverso,
      una volta acquisito il diritto di fruizione di
      un'opera dell'ingegno, magari a seguito
      dell'acquisto di un CD, deve essere non solo
      lecito, ma anche solo concepibile limitare questo
      mio diritto acquisito in un qualsiavoglia modo,
      finché la fruizione rimane all'interno dell'uso
      considerato
      personale?Perchè non è più personale nel momento in cui lo immetti nella rete.
  • Nilok scrive:
    L'Osso in bocca al Mastino!
    AUGH!Coloro che hanno rubato i soldi in tasca agli spettatori NON molleranno la presa se non con la FORZA: è quella l'UNICA "ragione" che capiscono....Inutili gli appelli alla razionalità al buonsenso ed al ritorno alla realtà!Ho parlato.Nilok
    • Aleph72 scrive:
      Re: L'Osso in bocca al Mastino!
      - Scritto da: Nilok
      AUGH!

      Coloro che hanno rubato i soldi in tasca agli
      spettatori NON molleranno la presa se non con la
      FORZA: è quella l'UNICA "ragione" che
      capiscono....

      Inutili gli appelli alla razionalità al buonsenso
      ed al ritorno alla
      realtà!

      Ho parlato.
      NilokQuoto.secondo me ci dovrebbe essere qualche bella azione di massa, ma una massa bella grossa.Purtroppo è molto difficile, lo so.
  • Paolo scrive:
    Quando si parla di cose serie...
    non commenta nessuno, quando si tratta di confronti puerili tra macc**ate allora a centinaia....
    • panda rossa scrive:
      Re: Quando si parla di cose serie...
      - Scritto da: Paolo
      non commenta nessuno, quando si tratta di
      confronti puerili tra macc**ate allora a
      centinaia....Che cosa vuoi commentare.La notizia praticamente dice che accendendo un fuoco sotto una pentola d'acqua questa si scalda.I commenti ci sarebbero stati se la notizia avesse detto che accendendo del fuoco sotto una pentola d'acqua si forma del ghiaccio.
      • bubba scrive:
        Re: Quando si parla di cose serie...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Paolo

        non commenta nessuno, quando si tratta di

        confronti puerili tra macc**ate allora a

        centinaia....

        Che cosa vuoi commentare.

        La notizia praticamente dice che accendendo un
        fuoco sotto una pentola d'acqua questa si
        scalda.

        I commenti ci sarebbero stati se la notizia
        avesse detto che accendendo del fuoco sotto una
        pentola d'acqua si forma del
        ghiaccio.eh in effetti non hai tutti i torti. Nel senso che un flusso di commenti potrebbe venirci solo se viene il classico troll stile "videotechino" o stile "ruppolo" a dir male della liberazione dei contenuti digitali da un sistema di copyright e I.P. marcio fino al midollo e quindi di un ripensamento radicale dello stesso (e delle forme di biz con contenuti digitali).Per le persone "mediamente intelligenti" l'articolo si commenta praticamente da se'. Nel senso che e' solo un altro ennesimo (per quanto autorevole) tizio che commenta il fallimento del "sistema RIAA"
    • OldDog scrive:
      Re: Quando si parla di cose serie...
      - Scritto da: Paolo
      non commenta nessuno, quando si tratta di
      confronti puerili tra macc**ate allora a
      centinaia....Sinceramente, che ci sia l'ennesima persona di buon senso che vede il difetto strutturale nel modello attuale è bene, ma non risolve nulla.Avesse fatto una proposta concreta la si sarebbe potuta discutere, commentare, approvare o suggerire come migliorarla (nella migliore delle ipotesi, non mi considero certo una gran mente). Così? Bene, bravo. :)
      • Sgabbio scrive:
        Re: Quando si parla di cose serie...
        il fatto che bisogna cambiare il copyright è gia una buona proposta, bisogna vedere i modi.
  • panda rossa scrive:
    The Dark Side of the Moon
    Per chi non vuole leggere tutto l'articolo metto in evidenza queste parole di Jenner. "È assurdo aspettarsi che il cittadino comune rifletta su quello che è autorizzato a fare con CD e downloading digitale che si interroghi sulla natura più o meno legale delle sue azioni""Dobbiamo iniziare a pensare in maniera radicale. Perché il copyright è legato al diritto di copia. E noi non possiamo controllarlo finché la gente possiede un computer".
    • ThEnOra scrive:
      Re: The Dark Side of the Moon
      - Scritto da: panda rossa
      Per chi non vuole leggere tutto l'articolo metto
      in evidenza queste parole di
      Jenner.


      "È assurdo aspettarsi che il cittadino comune
      rifletta su quello che è autorizzato a fare con
      CD e downloading digitale che si interroghi sulla
      natura più o meno legale delle sue
      azioni"Non condivido.
      "Dobbiamo iniziare a pensare in maniera radicale.
      Perché il copyright è legato al diritto di copia.
      E noi non possiamo controllarlo finché la gente
      possiede un computer".
      Condivisibile e migliorabile.
      • Sgabbio scrive:
        Re: The Dark Side of the Moon
        Perchè no ? Vuoi che la gente paghi più volte per la stessa cosa ?
        • ThEnOra scrive:
          Re: The Dark Side of the Moon
          - Scritto da: Sgabbio
          Perchè no ? Vuoi che la gente paghi più volte
          per la stessa cosa
          ?Perchè no cosa? La parte che non condivido e quella che condivido?
      • Talking Head scrive:
        Re: The Dark Side of the Moon
        Ecco il punto d'arrivo dei commenti di PI.Nessuna necessità di argomentare.Non condivido la tua non condivisione.E sempre un "non condivido" più di te.
        • ThEnOra scrive:
          Re: The Dark Side of the Moon
          - Scritto da: Talking Head
          Ecco il punto d'arrivo dei commenti di PI.
          Nessuna necessità di argomentare.

          Non condivido la tua non condivisione.
          E sempre un "non condivido" più di te.Non mi sembra che tu sia sforzato di più... condividi?
Chiudi i commenti