Google, milioni per arrivare al Congresso

Investimenti record per le attività di lobbying della Grande G. Spesi in tre mesi più di 5 milioni di dollari, per assicurarsi una costante presenza a Washington. Troppo numerose le questioni al vaglio delle autorità statunitensi

Roma – I suoi investimenti hanno superato quelli delle banche più potenti, dei signori del tabacco, dei vari competitor nel mercato IT. Il gigante Google ha speso qualcosa come 5,3 milioni di dollari in attività di lobbying a Washington.

Un vero e proprio record per l’azienda di Mountain View, anche perché stabilito in soli tre mesi dal gennaio al marzo 2012. Un incremento del 240 per cento rispetto allo stesso trimestre nello scorso anno , quando BigG investiva poco meno di 1,5 milioni per assicurarsi una costante presenza tra le gerarchie del potere.

Impressionante il paragone con altri rivali nel mercato high-tech . Apple ha speso appena 500mila dollari, mentre Microsoft si è fermato a quota 1,78 milioni . La Grande G ha addirittura superato Verizon Wireless, notoriamente uno dei più spendaccioni in attività di lobbying al Congresso.

“Come abbiamo potuto osservare nello scorso anno, esistono numerose questioni tecnologiche al vaglio di Washington – ha spiegato un portavoce del colosso di Mountain View – E queste sono tematiche importanti che hanno reso prevedibile un nostro intervento affinché la gente capisca il nostro modo di fare business”.

C’è chi ha accusato Google di aver ormai perduto il senso del motto don’t be evil . Il direttore di Consumer Watchdog John M. Simpson ha parlato di un “sorprendente cinismo” dimostrato dall’azienda di Brin e Page nell’affrontare di petto numerose questioni legate al business in G.

Dal tracciamento su Safari al rastrellamento di dati personali su servizi come ad esempio Street View. Google non sta certo vivendo un momento sereno, pressato dalle varie autorità sia in patria che al di qua dell’Atlantico. L’azienda ha anche ammesso attività di lobbying – non è chiaro se a favore o contro – per il famigerato Cyber Intelligence Sharing and Protection Act (CISPA) .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • maxsix scrive:
    Premio al cialtrone?
    Che bello che bello che bello.
  • AMEN scrive:
    Shinya Yamanaka però...
    Con tutto il bene che ha fatto Linus all'informatica, quello che ha fatto questo ricercatore per il bene dell'umanità direi che vale di più. Ovviamente questo è un parere personale.
    • Funz scrive:
      Re: Shinya Yamanaka però...
      - Scritto da: AMEN
      Con tutto il bene che ha fatto Linus
      all'informatica, quello che ha fatto questo
      ricercatore per il bene dell'umanità direi che
      vale di più. Ovviamente questo è un parere
      personale.Alla fine se non ricordo male gli hanno dato un ex-aequo e mezza milionata a testa :)
  • benkj scrive:
    questo è l'anno di Linus!
    strano che i bimbiminkia non se ne siano ancora accorti...
    • Pirata Sanguinari o scrive:
      Re: questo è l'anno di Linus!
      - Scritto da: benkj
      strano che i bimbiminkia non se ne siano ancora
      accorti...Come no... (rotfl)
    • collione scrive:
      Re: questo è l'anno di Linus!
      - Scritto da: benkj
      strano che i bimbiminkia non se ne siano ancora
      accorti...è per quello che stanno zitti :Dormai gli sta franando il terreno sotto i piedi :P
    • . . . scrive:
      Re: questo è l'anno di Linus!
      Saranno impegnati a leggere i piagnistei di Brin.
  • giulio capizzi scrive:
    la vera genialità
    è stata la creazione della GPL ...Onore al merito a: Stallman, Torvalds e tutti coloro che decidono di aprire il codice
    • collione scrive:
      Re: la vera genialità
      - Scritto da: giulio capizzi
      è stata la creazione della GPL ...
      Onore al merito a: Stallman, Torvalds e tutti
      coloro che decidono di aprire il
      codicenon andarlo a dire in giro, altrimenti http://developers.slashdot.org/story/12/04/22/0211251/open-source-project-licenses-trending-toward-open-rather-than-freea parte l'articolo trolloso del gallopino di microsoft, i commenti nemmeno sono leggeri :D
  • bubba scrive:
    bene per Torvalds, ma manca
    qualcosa tra il suo lavoro e i "73mila anni uomo di codice". Ossia TUTTA LA PAPPA PRONTA del progetto GNU & FSF (editor, shell, libraries, linker, compiler ,ecc ecc). Senza non si sarebbe andati molto lontani.
    • Andreabont scrive:
      Re: bene per Torvalds, ma manca
      Hai ragione, c'è anche da dire però che senza Linux tutto l'ecosistema GNU sarebbe rimasto chiuso in qualche hard-disk... diciamolo, Hurd (il kernel del progetto GNU) è ancora adesso in alto mare...Stallman ha creato il free software, Torvalds gli ha permesso di funzionare.
      • collione scrive:
        Re: bene per Torvalds, ma manca
        in parte si e in parte nognu è usato ( in parte o in tutto ) anche da altri sistemi operativi di sucXXXXX ( i bsd, minix ) e da sistemi commerciali di varia natura ( nel mondo arm, gcc è ormai la regola )linux è servito a pubblicizzare l'opensource e quindi a far venire a galla anche gnuhurd è purtroppo non pronto, perchè per 20 anni hanno perso tempo in questioni filosofiche, fini a sè stesseoggi si sono accorto che si può creare un os basato su l4, con tante feature interessanti ( i translators ad esempio ) e lo si può fare senza troppo sforzo ( ci lavorano si e no 4-5 programmatori )
      • bubba scrive:
        Re: bene per Torvalds, ma manca
        - Scritto da: Andreabont
        Hai ragione, c'è anche da dire però che senza
        Linux tutto l'ecosistema GNU sarebbe rimasto
        chiuso in qualche hard-disk... no questo proprio no... c'era troppa pappa buona... Avrebbe influenzato il nascente 386bsd, e magari/probabilmente sarebbe nato un fork GPL di bsd.
        diciamolo, Hurd
        (il kernel del progetto GNU) è ancora adesso in
        alto
        mare...si questo sicuro... e' rimasto un'araba fenice per tanto tempo (del resto e' logico... molti hanno visto nel crescente kernel linux il pezzo che mancava ... e hanno lasciato il sleep il povero hurd)
        • collione scrive:
          Re: bene per Torvalds, ma manca
          - Scritto da: bubba
          no questo proprio no... c'era troppa pappa
          buona... Avrebbe influenzato il nascente 386bsd,
          e magari/probabilmente sarebbe nato un fork GPL
          di bsd.
          però c'è da dire che ( non ne conosco ovviamente il motivo ) ma gli sviluppatori bsd hanno un odio feroce verso Stallman, la FSF, la GPL e il progetto GNUfai caso che si vantano, senza mezzi termini, di avere un proprio userland non GNUe stanno ancora festeggiando perchè pathscale gli ha regalato il compilatore ekopath e la libreria libcxxrtgli sviluppatori di freebsd si sono spinti oltre e, facendo i salti mortali, hanno adattato il kernel per essere compilabile con llvm e hanno reso quest'ultimo il compilatore di default al posto di gcc
          si questo sicuro... e' rimasto un'araba fenice
          per tanto tempo (del resto e' logico... molti
          hanno visto nel crescente kernel linux il pezzo
          che mancava ... e hanno lasciato il sleep il
          povero
          hurd)la domanda è "come mai?"che c'è di sbagliato in quel progetto? imho è stato il management ( Stallman in primis ) ad averlo fatto fallireun progetto i cui obiettivi non sono stati chiari per anni, basato sul microkernel più puzzone e schifoso che c'è ( mach ) e solo perchè "microkernel è figo"io sono ( come molti hanno avuto modo di leggere in passato ) un grande sostenitore dei microkernel, ma mach non si può guardare tanto fa schifocon le loro assurde posizioni ideologiche e la, di fatto, incapacità a concretizzare, hanno allontanato da hurd tutti i potenziali sviluppatori interessati
          • bubba scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: bubba


            no questo proprio no... c'era troppa pappa

            buona... Avrebbe influenzato il nascente
            386bsd,

            e magari/probabilmente sarebbe nato un fork GPL

            di bsd.



            però c'è da dire che ( non ne conosco ovviamente
            il motivo ) ma gli sviluppatori bsd hanno un odio
            feroce verso Stallman, la FSF, la GPL e il
            progetto
            GNUdubito che nei "momenti chiave" (1989/91) ci fosse odio feroce... molti di quelli che sbraitano ora, al tempo avevano i calzoni corti... e chi gia' cominciava a non averli (de raadt x dire) ancora non aveva iniziato a sbraitare :)Bsd era elegante e un ovvia scelta naturale ai tempi (infatti ci furono almeno 2 tentativi di porting per 386) [e NON escluderei affatto che abbiano usato Gcc per compilarli]... ma purtroppo per loro sono rimasti impegolati in beghe legali e forse anche in visioni differenti sul procedere ( deraat era in 386bsd, ma frustrato ha cofondato netbsd e ri-frustrato openbsd... il theo ha un BEL caratterino .. :) ...e nel mentre e' arrivato il finlandese..A parte singoli casi di ego, a volte ci sono "visioni di come van fatte le cose" che collidono.. e magari talvolta han ragione i bsd guys... cionondimeno, se pensiamo alla LICENZA, mi spiace per loro ma, io NON vedo motivi di scrivere codice bsd (se hai in mente l'opensource), quando puoi usare la GPL... magari a loro rode, perche -nei fatti- molta gente ha seguito questo ragionamento, ma c'est la vie..
            fai caso che si vantano, senza mezzi termini, di
            avere un proprio userland non
            GNU

            e stanno ancora festeggiando perchè pathscale gli
            ha regalato il compilatore ekopath e la libreria
            libcxxrt

            gli sviluppatori di freebsd si sono spinti oltre
            e, facendo i salti mortali, hanno adattato il
            kernel per essere compilabile con llvm e hanno
            reso quest'ultimo il compilatore di default al
            posto di
            gccquesta e' tutta robba piu MODERNA rispetto alla genesi da me rievocata... sinceramente sono parecchi anni che non seguo piu le intemperanze di theo e altri... (o meglio non seguo proprio piu BSD.. ed e' un male intendiamoci :P) ... quindi non saprei bene dirti niente... e' vero che linux e' venuto in guazzabuglio-mode rispetto a bsd.. cionondimeno molti piu coder preferivano linux a bsd... e, si sa', l'OS conta per quanto(e come) hw supporti... e poi diventa un cane che si morde la coda... ai tempi, per es, se dovevo infilare uno unix in hw 'big iron' (vax ecc) il primo nome in testa era "netbsd"... oggi non so, poi appunto, non sto piu facendo niente in quel segmento da anni..

            si questo sicuro... e' rimasto un'araba fenice

            per tanto tempo (del resto e' logico... molti

            hanno visto nel crescente kernel linux il pezzo

            che mancava ... e hanno lasciato il sleep il

            povero

            hurd)

            la domanda è "come mai?"

            che c'è di sbagliato in quel progetto? imho è
            stato il management ( Stallman in primis ) ad
            averlo fatto
            fallire

            un progetto i cui obiettivi non sono stati chiari
            per anni, basato sul microkernel più puzzone e
            schifoso che c'è ( mach ) e solo perchè
            "microkernel è
            figo"

            io sono ( come molti hanno avuto modo di leggere
            in passato ) un grande sostenitore dei
            microkernel, ma mach non si può guardare tanto fa
            schifo

            con le loro assurde posizioni ideologiche e la,
            di fatto, incapacità a concretizzare, hanno
            allontanato da hurd tutti i potenziali
            sviluppatori
            interessatiper dirla sinteticamente "non lo so". dubito ci sia una singola motivazione (avendo una gestazione ventennale)... il vecchio barbone lo conosciamo tutti.. non si puo dire sia particolarmente affabile o malleabile... ma Dio ci scampi! molto meglio averlo che non averlo :) Senza di lui NON avremmo molta roba che ora, non solo resiste, ma e' una realta potente. Non ho mai seguito, cmq, se non da molto lontano, la gestazione di hurd.. perche, ai miei occhi, e' sempre rimasto un alpha project... e di cose unstable ne avevo parecchie altre da guardare, piu interessanti :)
          • collione scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: bubba
            dubito che nei "momenti chiave" (1989/91) ci
            fosse odio feroce... molti di quelli chepure la vecchia guardia non era molto amichevole, ma certamente per motivi diversi dall'attuale generazionericordiamo che bsd nasce nell'università e nell'industria, loro sono i nobili del free softwareStallman è il reietto, quello che abbondonò l'accademia e creò un gruppo di peones del free softwaregnu per loro è il popolo, bsd è l'elitè ( e infatti se vai sul forum di freebsd e cerchi di confrontare freebsd/linux, ti arriva una scarica di ban addosso )
            Bsd era elegante e un ovvia scelta naturale ai
            tempi (infatti ci furono almeno 2 tentativi di
            porting per 386) [e NON escluderei affatto che
            abbiano usato Gcc per compilarli]... ma purtroppogcc l'hanno dovuto usare per forza, perchè non avevano altroperò le altre componenti dell'userland gnu erano inutili, in quanto loro c'hanno degli equivalenti ( del resto bsd aveva già un userland quando il progetto gnu non era nemmeno ancora nato )
            per loro sono rimasti impegolati in beghe legalicosì imparano :D
            il theo ha un BEL caratterino .. :)"a bunch of masturbating monkeys" :D
            A parte singoli casi di ego, a volte ci sono
            "visioni di come van fatte le cose" che
            collidono.. e magari talvolta han ragione i bsdforse questo è il problema più grande di linux, ovvero voler fondere tutte le possibili visioni, creando un guazzabugliomi ha spaventato di recente ( ho fatto un'installazione lfs ) la necessità di patchare ( con diverse patch ) svariati pacchetti, a cominciare dal kernel fino ad utility stupidissimeun progetto con una visione unitaria, non avrebbe tante patch perennemente in giro
            guys... cionondimeno, se pensiamo alla LICENZA,
            mi spiace per loro ma, io NON vedo motivi di
            scrivere codice bsd (se hai in mentenon scriverlo mai su un forum bsd :Dcomunque, aldilà di come la mettono loro, la bsd concede troppe libertà agli affaristinon dormirei tranquillo, sapendo che un guglielmo cancelli di turno può prendere la mia roba, infiocchettarla e venderla a peso d'oro
            conosciamo tutti.. non si puo dire sia
            particolarmente affabile o malleabile... ma Dio
            ci scampi! molto meglio averlo che non averlo :)come leader del movimento free software è il meglio che si possa averehurd ha purtroppo sofferto per il fatto di essere nato in un'epoca non pronta ad accettare le idee che voleva veicolaredel resto minix all'epoca era una ciofeca, guarda minix 3 oggiall'epoca l'hardware non permetteva certi "slanci di eleganza" e nemmeno i modelli teorici erano all'altezza delle aspettativeperò, a guardarlo oggi, hurd propone idee rivoluzionarie, decisamente valide e degne di essere messe in pratica
            Senza di lui NON avremmo molta roba che ora, non
            solo resiste, ma e' una realta potente. Non hodici bene, ormai c'è tutta l'industria elettronica che parteggia apertamente per l'opensourcea loro conviene dal punto di vista economico e tecnologico, a noi conviene dal punto di vista della libera circolazione della conoscenza
            sempre rimasto un alpha project... e di cose
            unstable ne avevo parecchie altre da guardare,
            piu interessanti
            :)non penso il riferimento sia a netbsd :Dè un os decisamente STABILE!!! :D
          • Darwin scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: bubba
            ma frustrato ha cofondato
            netbsd e ri-frustrato openbsd... il theo ha un
            BEL caratterino .. :)È vero che De Raadt non è il massimo della simpatia, però qui io spezzerei una lancia in suo favore.Dal team di NetBSD è stato cacciato in maniera veramente vergognosa. È vero che ha un carattere un po' rude, ma rimane comunque un ottimo sviluppatore (ce ne fossero di sviluppatori come De Raadt). E sinceramente il togliergli l'acXXXXX, come sviluppatore, al codice sorgente, a sua insaputa e ammettere il "ban" solo dopo che lui lo ha fatto presente in una Mailing List...beh mi sembra un po' un comportamento da vigliacchi.IMHO ha fatto bene a levare le tende e a forkare il progetto. Se non altro ha sviluppato un signor sistema operativo, quale è OpenBSD. :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 22 aprile 2012 15.50-----------------------------------------------------------
          • collione scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            ah, c'hanno talmente tanti sviluppatori da potersi permettere di scatenare guerre egoistiche? :Dadesso capisco perchè linux li ha fregati tuttise continuano così, è già troppo che non marciscano con i loro osdi freebsd, poi, c'è un aneddoto che non conoscevo e me lo spiegò uno sviluppatore americano su un forum ( uno che faceva parte del team di freebsd )in pratica, la stragrande maggioranza degli sviluppatori freebsd lavorano per apple attualmente e sviluppano e testano freebsd in una bella vm sotto macos :Dil tizio s'XXXXXXXva proprio su quest'ultimo punto e si spiega pure perchè adottare llvm ( made in apple ) e grand central ( sempre made in apple )adesso comincia ad essere tutto più chiaro 8)
          • Darwin scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: collione
            in pratica, la stragrande maggioranza degli
            sviluppatori freebsd lavorano per apple
            attualmente e sviluppano e testano freebsd in una
            bella vm sotto macos
            :DSi questo lo sapevo (o meglio: sapevo che molti committer erano sviluppatori di Darwin e che venivano pagati da Apple per sviluppare FreeBSD).Della VM non lo sapevo...Beh, farebbero bene a passare alle installazioni native, visto che la 9.0-RELEASE mi ha dato un bel po' di problemi..tanto da dover tornare alla 8.2 (ora aggiornata alla 8.3)... :S
            il tizio s'XXXXXXXva proprio su quest'ultimo
            puntoEh beh, direi che avesse ragione :|
            adesso comincia ad essere tutto più chiaro 8)Spero che FreeBSD non diventi una sussidiaria di Apple, anche se da una parte questa sarebbe una dura e buona lezione per i fanatici di quello schifo di licenza.Quando si da ad una multinazionale mangiasoldi la possibilità di scroccare il tuo lavoro con la scusa dell'open, questi sono i risultati.Fosse stato con la GPL, Stallman avrebbe fatto a Jobs e compagnia il culetto a tarallo (altro che Samsung e le cause per i rettangoli)...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 23 aprile 2012 01.27-----------------------------------------------------------
          • maxsix scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca

            Quando si da ad una multinazionale mangiasoldi la
            possibilità di scroccare il tuo lavoro con la
            scusa dell'open, questi sono i
            risultati.E quando si da al barbone ciccione di Stallman la stessa cosa va bene?
            Fosse stato con la GPL, Stallman avrebbe fatto a
            Jobs e compagnia il culetto a tarallo (altro che
            Samsung e le cause per i
            rettangoli)...Ma figurati. Stallman è li perchè andava bene così, un po' come il nostro Beppe Grillo nazionale.Questo lo sanno anche i sassi.
          • Pietro scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: maxsix

            Fosse stato con la GPL, Stallman avrebbe
            fatto
            a

            Jobs e compagnia il culetto a tarallo (altro
            che

            Samsung e le cause per i

            rettangoli)...

            Ma figurati.
            Stallman è li perchè andava bene così, un po'
            come il nostro Beppe Grillo
            nazionale.

            Questo lo sanno anche i sassi.Infatti, l'unico dubbio e' se l'abbiano messo li' i rettiliani o i MIB.
          • maxsix scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: Pietro
            - Scritto da: maxsix



            Fosse stato con la GPL, Stallman avrebbe

            fatto

            a


            Jobs e compagnia il culetto a tarallo
            (altro

            che


            Samsung e le cause per i


            rettangoli)...



            Ma figurati.

            Stallman è li perchè andava bene così, un po'

            come il nostro Beppe Grillo

            nazionale.



            Questo lo sanno anche i sassi.

            Infatti, l'unico dubbio e' se l'abbiano messo li'
            i rettiliani o i
            MIB.Se di razza aliena si tratta, beh, bei st****i.Certa immondizia se la potrebbero tenere a casa loro.
          • collione scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: maxsix
            E quando si da al barbone ciccione di Stallman la
            stessa cosa va
            bene?
            si può odiare Stallam o Torvalds ( o entrambi ), però è difficile non riconoscere che la gpl dà una protezione legale molto maggiore delle altre licenze free

            Ma figurati.
            Stallman è li perchè andava bene così, un po'
            come il nostro Beppe Grillo
            nazionale.

            Questo lo sanno anche i sassi.però, aldilà delle simpatie, sia Stallman che Beppe Grillo si sono esposti, hanno costruito qualcosa, noi altri che abbiamo fatto?è facile criticare, ma, al suo posto, tu saresti stato in grado di metter su la free software foundation?questo commento è molto simile a quelli che leggo su libero relativamente, appunto, a Beppe Grillogli danno addosso, dicono che vuole un posto a Montecitori e poi pretendo che arrivi sul suo cavallo bianco per liberarli dai servi delle bancheovviamente il tutto senza che a loro venga richiesto di muovere nemmeno un dito
          • Darwin scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: collione
            però c'è da dire che ( non ne conosco ovviamente
            il motivo ) ma gli sviluppatori bsd hanno un odio
            feroce verso Stallman, la FSF, la GPL e il
            progetto
            GNUPersonalmente verso GNU (oltre alla licenza) non ho mai notato un certo risentimento.Contro Linux, si (e parecchio), specie da De Raadt (quest'ultimo ne ha dette quattro pure a Stallman...ma d'altronde sappiamo com'è il buon Theo).
            fai caso che si vantano, senza mezzi termini, di
            avere un proprio userland non
            GNUBeh, non hanno tutti i torti. Hanno, attualmente, uno userland derivato dallo UNIX AT&T (anche se si è evoluto nella sua variante Berkeley)...non vedo cosa se ne dovrebbero fare di uno userland GNU, che sarebbe un replacement inutile (oltre che ideologicamente nocivo, visto il loro disgusto per la GPL). Perchè sostituire mettere un clone, quando puoi avere una derivazone dell'originale? ;)
            gli sviluppatori di freebsd si sono spinti oltre
            e, facendo i salti mortali, hanno adattato il
            kernel per essere compilabile con llvm e hanno
            reso quest'ultimo il compilatore di default al
            posto di
            gccQui secondo me hanno fatto bene.GCC era fermo alla versione 4.2 da troppo tempo, in quanto le versioni successive utilizzavano la GNU GPL v3 come licenza (che loro odiano più della morte). Era ora di aggiornare il compilatore, altrimenti si sarebbero ritrovati grossi problemi di compatibilità con le applicazioni più recenti nell'immediato futuro. Non dimentichiamochi che i BSD vivono attraverso i ports, quindi se il compilatore è vecchio e incompatibile, si rischia di non poter offrire aggiornamenti alle circa 23700 applicazioni disponibili nell'intero tree.Comunque per tutta la serie 9x è ancora GCC il compilatore di default.LLVM è stato portato all'interno del sistema operativo (e non più come port), ma non usa ancora clang, bensì GCC come backend.Con la 10x, si dovrebbe avere l'abbandono definitivo a GCC e l'utilizzo di LLVM/clang come compilatore di default. Quindi per un altro anno e mezzo (forse anche due anni) GCC rimarrà ancora il compilatore numero uno su FreeBSD (e penso anche sugli altri).Inoltre il passaggio a clang/LLVM era necessario in quanto la libdispatch (meglio conosciuto come Grand Central Dispatch) di Apple necessita di LLVM/clang per molte aree delle sue API. Di conseguenza, se gli sviluppatori di FreeBSD vogliono implementare questa libreria, devono necessariamente cambiare compilatore.
            la domanda è "come mai?"

            che c'è di sbagliato in quel progetto? imho è
            stato il management ( Stallman in primis ) ad
            averlo fatto
            fallire

            un progetto i cui obiettivi non sono stati chiari
            per anni, basato sul microkernel più puzzone e
            schifoso che c'è ( mach ) e solo perchè
            "microkernel è
            figo"

            io sono ( come molti hanno avuto modo di leggere
            in passato ) un grande sostenitore dei
            microkernel, ma mach non si può guardare tanto fa
            schifo

            con le loro assurde posizioni ideologiche e la,
            di fatto, incapacità a concretizzare, hanno
            allontanato da hurd tutti i potenziali
            sviluppatori
            interessatiquoto
          • Pirata Sanguinari o scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: bubba


            no questo proprio no... c'era troppa pappa

            buona... Avrebbe influenzato il nascente
            386bsd,

            e magari/probabilmente sarebbe nato un fork GPL

            di bsd.



            però c'è da dire che ( non ne conosco ovviamente
            il motivo ) ma gli sviluppatori bsd hanno un odio
            feroce verso Stallman, la FSF, la GPL e il
            progetto GNUMah... gli starà antipatico il fatto che il software GPL è di fatto "pubblico" e non solo "gratuito". Sono le fondamenta pubbliche della GPL ad aver garantito lo sviluppo dei software ad essa legati: io ti do il mio codice, puoi farci quello che vuoi a patto che in cambio tu faccia la stessa cosa (rendere pubblico il tuo codice). Un software GPL è pubblico e tale deve rimanere, questa natura del software GPL consente *legalmente*, anche di fronte ad impedimenti tecnici (spesso volutamente indotti da certi produttori) di forkare un software esistente e farne il porting verso piattaforme diverse da quella originale, o per la stessa piattaforma ma con funzionalità maggiori / meno castranti. Se di viralità vogliamo parlare, questo ne è un ottimo e positivo esempio.Per sua natura un software GPL non muore nelle mani di chi lo rilascia, ma si evolve con i contributi di chi lo adotta, migliorandolo. Dal punto di vista di chi contribuisce, questo fatto è un'ulteriore garanzia che a fronte della propria donazione altri fanno e faranno altrettanto.FreeBSD di che si lamenta? Non sono contenti che parte del loro kernel risieda in OSX, avendo ottenuto loro in cambio un sonoro gancio dalla Apple?
          • collione scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            credo che sia difficile far capire ai bsd-ini che la viralità della gpl è il motivo principale alla base del sucXXXXX dell'opensourcedel resto, prima della gpl, l'opensource cos'era? un comodo repository per le multinazionali da cui attingere codice fregadonsene di copyright e dei veri autoripersonalmente non licenzierei mai un software sotto bsd o similarise devo dare il mio codice al mondo, voglio che i contributi degli altri siano altrettanto pubblici e visibili
          • AMEN scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: collione

            con le loro assurde posizioni ideologiche e la,
            di fatto, incapacità a concretizzare, Ma scusate, ma non è proprio questo lo spirito puro dell'FSF?Ovvero, NON me ne frega niente dell'utente, quello che conta è la "filosofia" del progetto.Se poi, dopo 20 anni, esce un obbrobrio che supporta 2 periferiche in croce, chissenefrega, lo spirito FSF è salvo.Intanto il resto del mondo se ne è fregato del suddetto progetto ed è andato avanti. Bella cosa!!
          • Pirata Sanguinari o scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: AMEN
            - Scritto da: collione



            con le loro assurde posizioni ideologiche e
            la,

            di fatto, incapacità a concretizzare,

            Ma scusate, ma non è proprio questo lo spirito
            puro
            dell'FSF?
            Ovvero, NON me ne frega niente dell'utente,
            quello che conta è la "filosofia" del
            progetto.E questa dove l'hai letta? Sul sito della Microsoft?
            Se poi, dopo 20 anni, esce un obbrobrio che
            supporta 2 periferiche in croce, chissenefrega,
            lo spirito FSF è
            salvo.Dopo 20 anni il mondo è pieno di software rilasciato con licenza GPL, software che spesse volte è nettamente superiore delle controparti commerciali e che - in ogni caso - è destinato a migliorare sempre di più.Questo proprio grazie alla "filosofia" del free software, dove l'acXXXXX al codice è condizionato dalla condivisione delle modifiche (e migliorie) ad esso apportate.
          • AMEN scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: Pirata Sanguinari o

            Ovvero, NON me ne frega niente dell'utente,

            quello che conta è la "filosofia" del

            progetto.

            E questa dove l'hai letta? Sul sito della
            Microsoft?Assolutamente no. Constato la realtà e ne traggo ovvie conclusioni.Se spali XXXXX per anni su qualsiasi cosa come ha fatto Stallman (Win, Mac, Android, le console, ecc, ecc, ecc) e poi proponi Hurd, beh, forse facevi più bella figura a stare zitto.

            Se poi, dopo 20 anni, esce un obbrobrio che

            supporta 2 periferiche in croce, chissenefrega,

            lo spirito FSF è
            salvo.

            Dopo 20 anni il mondo è pieno di software
            rilasciato con licenza GPL, software che spesse
            volte è nettamente superiore delle controparti
            commerciali e che - in ogni caso - è destinato a
            migliorare sempre di più.Al di là del fatto che si parlava di hurd e non di software gpl, spesse volte il software commerciale è nettamente superiore a quello rilasciato sotto gpl (per dire i prodotti Mentor Graphics sono anni luce avanti qualsiasi prodotto gpl).
            Questo proprio grazie alla "filosofia" del free
            software, dove l'acXXXXX al codice è condizionato
            dalla condivisione delle modifiche (e migliorie)
            ad esso apportate.Anche i prodotti Autodesk continuano a migliorare, e pure quelli Adobe. E allora??
          • maxsix scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            [cut]
            Anche i prodotti Autodesk continuano a
            migliorare, e pure quelli Adobe. E
            allora??Hmmm, beh, anche no.......
          • collione scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: maxsix
            Hmmm, beh, anche no.......come no!?! il mitico flash :Dha raggiunto la frequenza di 100 crash al secondo (rotfl)
          • maxsix scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: maxsix


            Hmmm, beh, anche no.......

            come no!?! il mitico flash :D

            ha raggiunto la frequenza di 100 crash al secondo
            (rotfl)Vogliamo parlare di Indesign CS 5.5 e le sue meditazioni quando fa i PDF?lolBackgrounder eh....
          • collione scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: AMEN
            Assolutamente no. Constato la realtà e ne traggo
            ovvie
            conclusioni.dovresti guardare meglio al panorama opensource alloralo scopo primario è realizzare software che funziona, con in più l'aggiunta che dev'essere liberamente consultabileè questo lo spirito del free softwarefree software non significa roba che non funzionano e del resto, mi pare, che il mondo IT giri su software free in massima parte ( linux, freebsd, apache, php, python, ecc... )
            Se spali XXXXX per anni su qualsiasi cosa come ha
            fatto Stallman (Win, Mac, Android, le console,
            ecc, ecc, ecc) e poi proponi Hurd, beh, forse
            facevi più bella figura a stare
            zitto.
            hurd non è stato proposto, è in sviluppo e lo stesso Stallman ha più volte ribadito che, secondo lui, non vedrà mai la lucetuttavia c'è gente che ha ripreso in mano il progetto e lo sta concretizzando provai hurd 5 anni fa ed era morto, oggi presenta notevoli miglioramentilo sviluppo è ripreso e potrebbero aver imbroccato la via giustail perchè hurd non si è concretizzato negli ultimi 20 anni, è dovuto al fatto che era in anticipo sui tempihurd era microkernel quando i microkernel non era praticamente utilizzabili per nessuno scopo, tranne apparati embedded dedicati
            Al di là del fatto che si parlava di hurd e non
            di software gpl, spesse volte il software
            commerciale è nettamente superiore a quello
            rilasciato sotto gpl (per dire i prodotti Mentorma è anche vero il contrariogcc è molto superiore a qualunque compilatore commerciale, tranne icc di intel
            Anche i prodotti Autodesk continuano a
            migliorare, e pure quelli Adobe. E
            allora??così come i software opensource
          • Pirata Sanguinari o scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: ...

            ma è anche vero il contrario



            gcc è molto superiore a qualunque compilatore

            commerciale, tranne icc di

            intel[CUT]
            poco...ovvio che se devo solo ridimensionare una
            jpeg uso gimp poi, faccio pure
            prima)Ma tu hai mai usato una delle prime versioni di Blender? O una delle prime "distro" linux? O di OpenOffice?L'Open Source non ha cicli di rilascio dettati dal mercato (o comunque non li ha come riferimento principale), e geneticamente non ha la caratteristica di dare tutto, subito e perfetto. Non può avere per sua natura questi parametri come riferimento.Alla lunga però, proprio per il fatto che il codice dei software è "aperto", quei programmi che generano l'interesse e costruiscono attorno a sé una community, finiscono per raggiungere e superare i progetti commerciali: sia in stabilità che in features supportate.Questa è un'analisi fatta da Microsoft a fine anni 90, non solo mia.Ed è semplice il motivo, per quanto tempo sia necessario a raggiungere l'obiettivo, i programmi open non devono rispondere a una logica di investimento -
            profitto così stringente (nei tempi e nei numeri) come quella a cui è sottoposto il software proprietario.Blender stesso, dato che l'hai citato, non è nato come programma commerciale, ma come tool interno ad un azienda europea che si occupava di pubblicità e presentazioni grafiche (vado a memoria), solo in seguito all'abbandono del progetto (divenuto commerciale) ed all'acquisizione dei diritti da parte dei suoi stessi programmatori (che chiesero delle donazioni), Blender ha potuto riprendere una strada di crescita grazie all'open source.Oggi Blender non supporta il bump mapping? (Non è vero, ma supponiamo lo sia), domani o dopo domani lo avrà: e gratis. Capisci bene che un concorrente che si basi oggi sul supporto al bump mapping, domani risulterà spiazzato. Ed è ineludibile questo fatto se si parla di funzionalità "richieste": prima o poi arrivano. Libre Office non è al livello di Office? Oggi, e domani? Più passa il tempo e più la corda si stringe, sopratutto per software commerciali a fine ciclo (cioè che hanno già tutto).A questo si aggiunge il surplus di valore dato dalla disponibilità dei sorgenti e dalla possibilità *legale* di riadattare il software, cosa questa che è (spesso) preclusa ai software closed source.
          • pignolo scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            Io riassumerei il tuo intervento con la seguente frase:"Il codice binario può morire, ma il codice sorgente vivrà per sempre!"
          • AMEN scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca
            - Scritto da: Pirata Sanguinari o

            Alla lunga però, proprio per il fatto che il
            codice dei software è "aperto", quei programmi
            che generano l'interesse e costruiscono attorno a
            sé una community, Appunto, spesso si appoggiano alla "buona volontà"E se la buona volontà viene meno? Parliamo di tutti i progetti open abbandonati? O che rilasciano aggiornamenti/features ogni 3 anni? Una azienda dovrebbe affidarsi a tutto questo?Anche in questo campo bisogna fare riferimenti ad aziende serie (RedHat, per dire).
          • shevathas scrive:
            Re: bene per Torvalds, ma manca

            L'Open Source non ha cicli di rilascio dettati
            dal mercato (o comunque non li ha come
            riferimento principale), e geneticamente non ha
            la caratteristica di dare tutto, subito e
            perfetto. Non può avere per sua natura questi
            parametri come
            riferimento.
            il problema è che tali parametri invece li hanno le aziende che devono usare degli strumenti per rimanere nel mercato.
            Alla lunga però, proprio per il fatto che il
            codice dei software è "aperto", quei programmi
            che generano l'interesse e costruiscono attorno a
            sé una community, finiscono per raggiungere e
            superare i progetti commerciali: sia in stabilità
            che in features
            supportate.se invece non raggiungono un sufficente livello di interesse i progetti, di fatto, muoiono o rimangono in piedi per semplici appassionati. Diventando per niente appettibili su chi vorrebbe usare tali software come supporto per i suoi affari.
            Oggi Blender non supporta il bump mapping? (Non è
            vero, ma supponiamo lo sia), domani o dopo domani
            lo avrà: e gratis.
            il problema è: e se per il mio lavoro il bump mapping è essenziale e mi serve oggi che faccio ? prendo un software proprietario. Ma se inizio con un software proprietario perché dovrei poi cambiarlo dopo che l'ho studiato, mi sono abituato ad usarlo e sono capace di essere estremamente produttivo con quest'ultimo ? A conti fatti mi converrà tenermelo che investire per cambiarlo.

            A questo si aggiunge il surplus di valore dato
            dalla disponibilità dei sorgenti e dalla
            possibilità *legale* di riadattare il software,
            cosa questa che è (spesso) preclusa ai software
            closed
            source.ma con quali costi però ? tornando al tuo esempio a me il bump mapping serve in maniera essenziale, prendo i sorgenti di blender e pago una software house per implementarlo. Quanto mi costa ? Se costa poco bene, se costa molto (nell'ordine di 10 volte una licenza del concorrente proprietario) mi rivolgerò al software proprietario.
  • Alvaro Vitali scrive:
    Se vincesse sarebbe clamoroso.
    Oggigiorno, per vincere premi importanti, compreso il Nobel, bisogna appartenere a qualche lobby.Linus Torvalds non ha alle spalle alcun apparato di potere politico-affaristico, per cui ... è molto difficile che ottenga qualche riconoscimento importante.Per quanto riguarda OpenSuse, non è vero che Linus la ha bocciata; anzi, dopo averla provata le è piaciuta moltissimo e l'ha installata anche sul computer di sua figlia. Si è però lamentato perché OpenSuse gli ha chiesto la password di root per installare una stampante; secondo lui "questo genere di cose" scoraggerebbe chi intende avvicinarsi al mondo Linux.Questo sfogo di Torvalds ha suscitato parecchio clamore perché sembra uscito dalla bocca di un profano; a parte il fatto che è CUPS a chiedere la password di root, Linus dovrebbe sapere che anche su Windows e Mac succede la stessa cosa quando si richiede l'installazione di una periferica visibile a tutti gli utenti.
    • Mavalalala scrive:
      Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      le è piaciuta moltissimoWow Linus ha cambiato sesso! :$
      Questo sfogo di Torvalds ha suscitato parecchio
      clamore perché sembra uscito dalla bocca di un
      profano; a parte il fatto che è CUPS a chiedere
      la password di root, Linus dovrebbe sapere che
      anche su Windows e Mac succede la stessa cosa
      quando si richiede l'installazione di una
      periferica visibile a tutti gli
      utenti.Da quando Windows ti chiede la password di root?E il confronto fallo con le altre distro, non con le mele e le finestre.
      • collione scrive:
        Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
        - Scritto da: Mavalalala

        Da quando Windows ti chiede la password di root?occhio a quel "tutti gli utenti"le modifiche system-wide richiedono permessi di rootma del resto l'installazione di qualunque driver può essere fatta solo dopo aver elevato i privilegi tramite uac ( aka il sudo di windows )il fatto che non chieda la password tramite uac per elevare i privilegi, è una delle più grandi critiche mosse ad uac
        • Alvaro Vitali scrive:
          Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
          Comunque, alla fine Linus Torvalds ha vinto veramente:http://www.technologyacademy.fi/blog/2012/04/19/laureates/
          • collione scrive:
            Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
            personalmente non avevo dubbi, linux è una rivoluzione troppo grossa per non essere presa in considerazioneil problema è, semmai, il fatto che quel premio andrebbe dato a tutta la comunità
          • maxsix scrive:
            Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.


            il problema è, semmai, il fatto che quel premio
            andrebbe dato a tutta la
            comunità
            il problema è, semmai, il fatto che quel premio
            andrebbe dato SOLO a tutta la
            comunità e quel cialtrone di linus dovrebbe finire in una patria galera.Fixed.
        • xxx scrive:
          Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
          Solo per curiosità da ignorante...Ma quando scrivi"uac ( aka il sudo di windows
          )"In realtà non è più simile al comando su ?Scusate l'ot...- Scritto da: collione
          - Scritto da: Mavalalala




          Da quando Windows ti chiede la password di root?

          occhio a quel "tutti gli utenti"

          le modifiche system-wide richiedono permessi di
          root

          ma del resto l'installazione di qualunque driver
          può essere fatta solo dopo aver elevato i
          privilegi tramite uac ( aka il sudo di windows
          )

          il fatto che non chieda la password tramite uac
          per elevare i privilegi, è una delle più grandi
          critiche mosse ad
          uac
          • xxx scrive:
            Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
            Bho, io ho notato che non eredita l'enviroment dell'utente e quindi da li le mie perplessità...Magari sbaglio non avendoci molto lavorato, mi sa che cerco con calma qualche documentazione
          • xxx scrive:
            Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
            Vabbe troppa stanchezza ed orrori...passo che è meglio
          • mBho scrive:
            Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
            Cavoli allora io ho un linux bacato...Fatta prova orautente qualsiasiexport PIPPO="CIAO"su#echo $PIPPOCIAODamn, ho il baco?
          • pignolo scrive:
            Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
            - Scritto da: mBho
            Cavoli allora io ho un linux bacato...
            Fatta prova ora
            utente qualsiasi
            export PIPPO="CIAO"
            su
            #echo $PIPPOChe c'entra il cancelletto?
            CIAOCioè quello che ho detto io... (vedi i post sopra)
            Damn, ho il baco?No! È la stanchezza... ;)
    • 123456 scrive:
      Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
      Completamente daccordo! Basta vedere il nobel per la pace dato ad obama che poi ha pensato bene di scatenare la guerra in libia con decine di migliaia di morti civili ed un paese in ginocchio per i prossimi 50 anni. Oppure l'assassinio mirato (target killing) di Osama Bin Laden, di sua moglie e dei membri della sua famiglia in un paese straniero e sovrano.Questo per dire che tutti sti premi, di queste farlocche e presunte mega-super-organizzazioni, sono solo specchi per le allodole.
    • jackoverfull scrive:
      Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Per quanto riguarda OpenSuse, non è vero che
      Linus la ha bocciata; anzi, dopo averla provata
      le è piaciuta moltissimo e l'ha installata anche
      sul computer di sua figlia. Si è però lamentato
      perché OpenSuse gli ha chiesto la password di
      root per installare una stampante; secondo lui
      "questo genere di cose" scoraggerebbe chi intende
      avvicinarsi al mondo
      Linux.

      Questo sfogo di Torvalds ha suscitato parecchio
      clamore perché sembra uscito dalla bocca di un
      profano; a parte il fatto che è CUPS a chiedere
      la password di root, Linus dovrebbe sapere che
      anche su Windows e Mac succede la stessa cosa
      quando si richiede l'installazione di una
      periferica visibile a tutti gli
      utenti.No. Su Mac OS X (o su Ubuntu, o su qualsiasi sistema operativo che utilizzi sudo) ti viene richiesta la password di <i
      un amministratore </i
      , quella di root di norma è impostata su qualcosa di casuale. Ed è un buon compromesso, a mio parere, di sicuro migliore dall'avere un'unica password, magari diversa da quella dell'utente principale, da utilizzare a partire da uno qualsiasi degli utenti.
    • AMEN scrive:
      Re: Se vincesse sarebbe clamoroso.
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Oggigiorno, per vincere premi importanti,
      compreso il Nobel, bisogna appartenere a qualche
      lobby.
      Linus Torvalds non ha alle spalle alcun apparato
      di potere politico-affaristico, per cui ... è
      molto difficile che ottenga qualche
      riconoscimento importante.Nooo, la teoria del complotto nooo.P.S. Pur avendo rispetto per Linus, il premio lo darei a Yamanaka....
  • analast scrive:
    1 10 100 1000 MEGAGLIE
    il padre di linux ha si il merito di aver lanciato il sasso (ritirando poi la mano, sotto le lusinghe delle multinazioni del closed source), am ér essere onesti il premio andrebbe dato a tutti coloro che contribuiscono quotidianamante a rendere linux il sistema operativo migliore di sempre.capisco che e difficile premiare milioni di persone ma non ha senso dare il premio a uno, per il lavoro anche di tutantissimi altri.per non parlare di tutti coloro che fanno proselitismo e obbligano i conoscenti a disinstallare software prorpietario.tutti sono importanti, ma nessuno e- necessario!!!
    • RobyR scrive:
      Re: 1 10 100 1000 MEGAGLIE
      - Scritto da: analast
      il padre di linux ha si il merito di aver
      lanciato il sasso (ritirando poi la mano, sotto
      le lusinghe delle multinazioni del closed
      source), am ér essere onesti il premio andrebbe
      dato a tutti coloro che contribuiscono
      quotidianamante a rendere linux il sistema
      operativo migliore di
      sempre.
      capisco che e difficile premiare milioni di
      persone ma non ha senso dare il premio a uno, per
      il lavoro anche di tutantissimi
      altri.

      per non parlare di tutti coloro che fanno
      proselitismo e obbligano i conoscenti a
      disinstallare software
      prorpietario.

      tutti sono importanti, ma nessuno e- necessario!!!Come obbligano???? xD
      • jackoverfull scrive:
        Re: 1 10 100 1000 MEGAGLIE
        - Scritto da: RobyR
        - Scritto da: analast

        il padre di linux ha si il merito di aver

        lanciato il sasso (ritirando poi la mano, sotto

        le lusinghe delle multinazioni del closed

        source), am ér essere onesti il premio andrebbe

        dato a tutti coloro che contribuiscono

        quotidianamante a rendere linux il sistema

        operativo migliore di

        sempre.

        capisco che e difficile premiare milioni di

        persone ma non ha senso dare il premio a uno,
        per

        il lavoro anche di tutantissimi

        altri.



        per non parlare di tutti coloro che fanno

        proselitismo e obbligano i conoscenti a

        disinstallare software

        prorpietario.



        tutti sono importanti, ma nessuno e-
        necessario!!!
        Come obbligano???? xDEffettivamente.Vuoi windows? Vuoi office? Le alternative ci sono e le conosci, quindi chi è causa del suo mal pianga se stesso. Basta che poi non venga a chiedere a me.
        • RobyR scrive:
          Re: 1 10 100 1000 MEGAGLIE


          Vuoi windows? Vuoi office? Le alternative ci sono
          e le conosci, quindi chi è causa del suo mal
          pianga se stesso. Basta che poi non venga a
          chiedere a
          me.Io mi trovo bene con seven, ognuno è libero di usare quello che vuoleper non parlare di tutti coloro che fanno

          proselitismo e obbligano i conoscenti a

          disinstallare software

          prorpietario.Parlavo di questa frase??? LI obbligano con una pistola? xD
        • P.Inquino scrive:
          Re: 1 10 100 1000 MEGAGLIE
          - Scritto da: jackoverfull
          - Scritto da: RobyR

          - Scritto da: analast


          il padre di linux ha si il merito di
          aver


          lanciato il sasso (ritirando poi la
          mano,
          sotto


          le lusinghe delle multinazioni del
          closed


          source), am ér essere onesti il premio
          andrebbe


          dato a tutti coloro che contribuiscono


          quotidianamante a rendere linux il
          sistema


          operativo migliore di


          sempre.


          capisco che e difficile premiare
          milioni
          di


          persone ma non ha senso dare il premio
          a
          uno,

          per


          il lavoro anche di tutantissimi


          altri.





          per non parlare di tutti coloro che
          fanno


          proselitismo e obbligano i conoscenti a


          disinstallare software


          prorpietario.





          tutti sono importanti, ma nessuno e-

          necessario!!!

          Come obbligano???? xD
          Effettivamente.

          Vuoi windows? Vuoi office? Le alternative ci sono
          e le conosci, quindi chi è causa del suo mal
          pianga se stesso. Basta che poi non venga a
          chiedere a
          me.:D:D:D
    • AMEN scrive:
      Re: 1 10 100 1000 MEGAGLIE
      - Scritto da: analast

      per non parlare di tutti coloro che fanno
      proselitismo e obbligano i conoscenti a
      disinstallare software prorpietario.Alla faccia della libertà....
  • Emanuele More scrive:
    Non esiste una biografia ufficiale?
    E 'sto libro di che parla? http://www.anobii.com/books/Rivoluzionario_per_caso/9788811738961/01436eecba6b11d1d3/
    • Shu scrive:
      Re: Non esiste una biografia ufficiale?
      - Scritto da: Emanuele More
      E 'sto libro di che parla?
      http://www.anobii.com/books/Rivoluzionario_per_casNon è una biografia. E` un unico enorme sutra che porta all'illuminazione.:)Bye.
      • jackoverfull scrive:
        Re: Non esiste una biografia ufficiale?
        - Scritto da: Shu
        - Scritto da: Emanuele More

        E 'sto libro di che parla?


        http://www.anobii.com/books/Rivoluzionario_per_cas

        Non è una biografia. E` un unico enorme sutra che
        porta
        all'illuminazione.

        :)

        Bye.Io lo chiamerei proprio "biografia", in effettiO "autobiografia". L'unica vera pecca è che si ferma più o meno al 2000.
    • maxsix scrive:
      Re: Non esiste una biografia ufficiale?
      - Scritto da: Emanuele More
      E 'sto libro di che parla?
      http://www.anobii.com/books/Rivoluzionario_per_cashttp://www.scientology.it/books/catalog/scientology-the-fundamentals-of-thought-paperback.htmlE questo di che parla?Contesti diversi, stessa minestra.
  • collione scrive:
    il carattere????
    ecco qua http://www.pinoytux.com/linux/quoting-linus-torvalds-openbsd-crowd-is-a-bunch-of-monkeys"I think the OpenBSD crowd is a bunch of masturbating monkeys"(rotfl)
    • pipino il nome e cognome troppo corto scrive:
      Re: il carattere????
      - Scritto da: collione
      ecco qua
      http://www.pinoytux.com/linux/quoting-linus-torval

      "I think the OpenBSD crowd is a bunch of
      masturbating
      monkeys"

      (rotfl)Invece sarebbe Ubuntu "che ha l'approccio giusto"!?! Ma per favore. :(E no, non sono un Winaro, sono un convinto sostenitore di Linux e Unix... ma proprio Ubuntu l'approccio giusto NO. :(PS: non che Theo De Raadt abbia un carattere migliore comunque...
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: il carattere????
        Allora ci indichi una distro che abbia l'approccio giusto?
        • Nome e cognome scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Allora ci indichi una distro che abbia
          l'approccio
          giusto?Quelle sparite nel nulla.
          • pipino il nome e cognome troppo corto scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: Nome e cognome
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Allora ci indichi una distro che abbia

            l'approccio

            giusto?

            Quelle sparite nel nulla.Ecco, vedi di seguire un approccio di quel tipo anche tu.
          • Shiba scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: Nome e cognome
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Allora ci indichi una distro che abbia

            l'approccio

            giusto?

            Quelle sparite nel nulla.Avevano l'approccio giusto per sparire :D
        • pipino il nome e cognome troppo corto scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Allora ci indichi una distro che abbia
          l'approccio
          giusto?Sicuramente preferisco l'approccio dei BSD (ok, non è Linux) invece del continuo tentativo di snaturare Unix di Ubuntu.
        • cereal K scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Allora ci indichi una distro che abbia
          l'approccio
          giusto?debian
          • maxsix scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: cereal K
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Allora ci indichi una distro che abbia

            l'approccio

            giusto?

            debianNon sono più gli apt-get dist-upgrade di una volta....Proprio no.
        • benkj scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: uno qualsiasi
          Allora ci indichi una distro che abbia l'approccio giusto?L'approccio giusto è relativo. Ubuntu ha l'approccio giusto per il suo target, ossia l'utente comune. La gente che vuole un sistema difficile così che possa gasarsi sui forum è ridicola. Una distribuzione deve essere potente versatile ed intuitiva. Ubuntu era tutto ciò fino ad un paio d'anni fà. Ora purtroppo non posso dire più la stessa cosa...
          • krane scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: benkj
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Allora ci indichi una distro che abbia
            l'approccio giusto?
            L'approccio giusto è relativo. Ubuntu ha
            l'approccio giusto per il suo target, ossia
            l'utente comune. La gente che vuole un sistema
            difficile così che possa gasarsi sui forum è
            ridicola. Una distribuzione deve essere potente
            versatile ed intuitiva. Ubuntu era tutto ciò fino
            ad un paio d'anni fà. Ora purtroppo non posso
            dire più la stessa cosa...Xubuntu e passa la paura.
      • collione scrive:
        Re: il carattere????
        - Scritto da: pipino il nome e cognome troppo corto
        Invece sarebbe Ubuntu "che ha l'approccio
        giusto"!?! Ma per favore.
        :(
        non immaginavo conoscessi quest'affermazione di Torvalds :Dcomunque ubuntu è un linux per utonti e pure cloudizzati, idiotizzato e chi più ne ha più ne mettabasta guardare dash per capire che il loro target sono i bimboXXXXXXX che ascoltano musica pirata e vanno su feisbucma il bello è che potrebbero aver sucXXXXX, nel frattempo io dò un pacman -Syu :D
        • pipino il nome e cognome troppo corto scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: collione
          - Scritto da: pipino il nome e cognome troppo
          cortoNon so, ma mi sa che mi confondi con qualcun altro. :) Non mi pare di aver mai detto molto al riguardo... non con questo nick almeno. :D


          Invece sarebbe Ubuntu "che ha l'approccio

          giusto"!?! Ma per favore.

          :(



          non immaginavo conoscessi quest'affermazione di
          Torvalds
          :D

          comunque ubuntu è un linux per utonti e pure
          cloudizzati, idiotizzato e chi più ne ha più ne
          mettaAppunto... mi ricordo quando tolsero vim come editor di testo predefinito per rimpiazzarlo con una cosa più "semplice"... tra l'altro credo che abbiano cambiato editor almeno 2 o 3 volte dopo quello. Chiunque abbia un po' di dimestichezza con vim sa benissimo che sarà sì un po' meno immediato degli altri, ma dopo avere imparato ha usarlo è infinitamente più potente e veloce (l'unico altrettanto potente è il pachidermico e altrettanto ostico Emacs)
        • Shiba scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: collione
          - Scritto da: pipino il nome e cognome troppo
          corto


          Invece sarebbe Ubuntu "che ha l'approccio

          giusto"!?! Ma per favore.

          :(



          non immaginavo conoscessi quest'affermazione di
          Torvalds
          :D

          comunque ubuntu è un linux per utonti e pure
          cloudizzati, idiotizzato e chi più ne ha più ne
          metta

          basta guardare dash per capire che il loro target
          sono i bimboXXXXXXX che ascoltano musica pirata e
          vanno su
          feisbuc

          ma il bello è che potrebbero aver sucXXXXX, nel
          frattempo io dò un pacman -Syu
          :DRicordiamo agli amici a casa che nel mondo Linux più un software è usato, più fa schifo. È matematico.
          • cereal K scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: Shiba
            - Scritto da: collione

            - Scritto da: pipino il nome e cognome troppo

            corto




            Invece sarebbe Ubuntu "che ha
            l'approccio


            giusto"!?! Ma per favore.


            :(






            non immaginavo conoscessi quest'affermazione
            di

            Torvalds

            :D



            comunque ubuntu è un linux per utonti e pure

            cloudizzati, idiotizzato e chi più ne ha più
            ne

            metta



            basta guardare dash per capire che il loro
            target

            sono i bimboXXXXXXX che ascoltano musica
            pirata
            e

            vanno su

            feisbuc



            ma il bello è che potrebbero aver sucXXXXX,
            nel

            frattempo io dò un pacman -Syu

            :D

            Ricordiamo agli amici a casa che nel mondo Linux
            più un software è usato, più fa schifo. È
            matematico.non mi pare che ci siano molte critiche su apache, libreoffice, gimp, chromium, e cosi via, forse viene criticato proprio perche fa schifo, non credi?
          • Shiba scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: cereal K
            - Scritto da: Shiba

            - Scritto da: collione


            - Scritto da: pipino il nome e cognome
            troppo


            corto






            Invece sarebbe Ubuntu "che ha

            l'approccio



            giusto"!?! Ma per favore.



            :(









            non immaginavo conoscessi
            quest'affermazione

            di


            Torvalds


            :D





            comunque ubuntu è un linux per utonti e
            pure


            cloudizzati, idiotizzato e chi più ne
            ha
            più

            ne


            metta





            basta guardare dash per capire che il
            loro

            target


            sono i bimboXXXXXXX che ascoltano musica

            pirata

            e


            vanno su


            feisbuc





            ma il bello è che potrebbero aver
            sucXXXXX,

            nel


            frattempo io dò un pacman -Syu


            :D



            Ricordiamo agli amici a casa che nel mondo
            Linux

            più un software è usato, più fa schifo.
            È

            matematico.

            non mi pare che ci siano molte critiche su
            apache, libreoffice, gimp, chromium, e cosi via,
            forse viene criticato proprio perche fa schifo,
            non
            credi?Devono esistere alternative più o meno valide per poter prendere una posizione contro e scegliere un altro elemento di adorazione a caso.
          • collione scrive:
            Re: il carattere????
            ma infatti il 4.0 era orribile e, se ricordi, ci sono voluti un paio d'anni per risolvere tutti i problemi e problemucci, portare il software, sviluppare plasmoidi, insomma renderlo veramente usabilecerto, lo scheletro era figo pure allora, ma di uno scheletro non te ne fai niente
          • ottocentove ntitre scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: Shiba
            - Scritto da: collione

            - Scritto da: pipino il nome e cognome troppo

            corto




            Invece sarebbe Ubuntu "che ha
            l'approccio


            giusto"!?! Ma per favore.


            :(






            non immaginavo conoscessi quest'affermazione
            di

            Torvalds

            :D



            comunque ubuntu è un linux per utonti e pure

            cloudizzati, idiotizzato e chi più ne ha più
            ne

            metta



            basta guardare dash per capire che il loro
            target

            sono i bimboXXXXXXX che ascoltano musica
            pirata
            e

            vanno su

            feisbuc



            ma il bello è che potrebbero aver sucXXXXX,
            nel

            frattempo io dò un pacman -Syu

            :D

            Ricordiamo agli amici a casa che nel mondo Linux
            più un software è usato, più fa schifo. È
            matematico.[img]http://www.myfacewhen.net/uploads/526-hipster.jpg[/img]"Che distro uso? Probabilmente non la conosci."
          • Bravi scrive:
            Re: il carattere????
            Ok, bravi tutti, distro qui distro la'...ma imparare quotare no??
          • AMEN scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: Bravi
            Ok, bravi tutti, distro qui distro la'...ma
            imparare quotare no??+1
          • benkj scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: Shiba
            Ricordiamo agli amici a casa che nel mondo Linux
            più un software è usato, più fa schifo. È
            matematico.:DAll'inizio mi sembrava una trollata, poi forse qualcosa di vero c'è. Dopotutto quando ci sono le alternative uno è libero di scegliersi quello che vuole. E purtroppo da un pò di tempo più_usato=più_facile_da_usare per i nuovi utenti, è chiaro che i power users storcano il naso...
          • maxsix scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: benkj
            - Scritto da: Shiba

            Ricordiamo agli amici a casa che nel mondo
            Linux

            più un software è usato, più fa schifo.
            È

            matematico.
            :D

            All'inizio mi sembrava una trollata, poi forse
            qualcosa di vero c'è. Dopotutto quando ci sono le
            alternative uno è libero di scegliersi quello che
            vuole. E purtroppo da un pò di tempo
            più_usato=più_facile_da_usare per i nuovi utenti,
            è chiaro che i power users storcano il
            naso...Interessante postulato.Ma....Chi sono gli user (consumer)? Quelli che alla fine della filiera utilizzano il prodotto (software) e che ne decretano in modo certo e imprescindibile il sucXXXXX o il fallimento.Chi sono gli sviluppatori? Quelli che con santa conoscenza, intelletto, capacità cercano di portare la loro idea in un programma e che sia utilizzabile e con risultati certi.Chi sono i power user? Ecco qua si aprono i cancelli dell'inferno. Un accozzaglia di finti santoni che non sanno cos'è un indirizzo di memoria, che sanno tradurre l'acronimo di RAM ma che fanno fatica a capire cos'è un RAID. Sanno fare un grep ma non sanno fare un ln. Insomma un accozzaglia di gente che crede di essere da una parte, ma in realtà non lo è.E la parte, che è la loro pietra angolare, neppure esiste e fondamentalmente non interessa a nessuno delle 2 categorie suddette.
          • benkj scrive:
            Re: il carattere????
            quindi? lode ad unity e gnome3 perche' i power users non esistono?indipendentemente da chi abbia l'onore o meno di chiamarsi power user l'utente linux/unix di vecchia data e' abituato ad una concezione che piano piano stanno cercando di distruggere per far sì che i nuovi utenti siano più a loro agio.Se questo volesse portasse ad un miglioramento della user experience rispetto al passato sarebbe ok, ma non e' così. Per me unity e soprattutto gnome3 sono interfacce castrate, almeno per ora
          • benkj scrive:
            Re: il carattere????
            quindi? lode ad unity e gnome3 perche' i power users non esistono?indipendentemente da chi abbia l'onore o meno di chiamarsi power user l'utente linux/unix di vecchia data e' abituato ad una concezione che piano piano stanno cercando di distruggere per far sì che i nuovi utenti siano più a loro agio.Se questo volesse portasse ad un miglioramento della user experience rispetto al passato sarebbe ok, ma non e' così. Per me unity e soprattutto gnome3 sono interfacce castrate, almeno per ora
          • Darwin scrive:
            Re: il carattere????
            - Scritto da: maxsix
            Chi sono i power user? Ecco qua si aprono i
            cancelli dell'inferno. Un accozzaglia di finti
            santoni che non sanno cos'è un indirizzo di
            memoria,Il fatto che TU non lo sappia non vuol dire che gli altri non lo sappiano.
            che sanno tradurre l'acronimo di RAMEh beh si...bisogna essere Power User per sapere cosa vuol dire RAM.
            ma
            che fanno fatica a capire cos'è un RAID.Il fatto che TU non lo sappia non vuol dire che gli altri non lo sappiano.
            Sanno
            fare un grep ma non sanno fare un ln.Il fatto che TU non lo sappia non vuol dire che gli altri non lo sappiano.
            Insomma un
            accozzaglia di gente che crede di essere da una
            parte, ma in realtà non lo
            è.Guarda che quello che hai descritto è la tua fotocopia, non quella dei Power User.
        • Nicola scrive:
          Re: il carattere????
          Oppure Ubuntu è fatta per gli utenti come me che sanno installare Arch ma che non hanno voglia di star dietro a configurazioni e altre amenità.Ovvio che quelle distro, tra cui Gentoo, ti dà molto dal punto di vista didattico e di conoscenza di Linux.
      • LOL Ubuntu scrive:
        Re: il carattere????
        Ubuntu è il Windows delle distro. Tralasciando tutti gli standard che distrugge per implementare le sue "fighettate" da enduser brainless, se proprio si deve usare linux seriamente ci sono distro come Arch, Gentoo o Slack. Io sono un Linux user sia chiaro, ma sono contro ogni tentativo di Windowsizzare linux come fa Ubuntu. Preferisco rimanga una cosa di nicchia ma che sia ottima, invece di creare aborti come Unity (ma non solo Canonical eh) e distruggere quelli che sono i suoi punti di forza.
        • Shiba scrive:
          Re: il carattere????
          Uuuuh, Ubuntu == Windows erano parecchi anni che non lo sentivo! :D
          • Nicola scrive:
            Re: il carattere????
            Come ho detto sopra: non tutti vogliono stare dietro alle complicanze che possono portare Slackware, Arch e Gentoo :|
        • collione scrive:
          Re: il carattere????
          onestamente a me non frega di cosa ubuntu voglia diventareperò ubuntu non ha distrutto nessuno standard, anzi ha spinto per una sempre maggiore standardizzazionegrazie a loro e redhat è stato imposto il rispetto di lsbsempre grazie a loro e redhat è stato creato packagekitil fatto che vogliano rendere utonto-proof la loro interfaccia, è un problema solo loro e non tocca linux in nessun modose piacerà all'utonto avranno vinto, altrimenti perderanno, ma in ogni caso il peso di tali scelte resta sulle loro spalle
        • pignolo scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: W.O.P.R.
          Anzitutto dovrebbe esistere una gui dove tutto
          possa essere fatto senza avere alcun "terminale"
          installato, la cosa migliore che potrebbero fare
          è radere al suolo tutte le interfacce grafiche
          ora esistenti e crearne una davvero user
          friendly, Queste parole mi ricordano qualcosa...[img]http://imgs.xkcd.com/comics/standards.png[/img]
        • maxsix scrive:
          Re: il carattere????
          - Scritto da: W.O.P.R.[cut]
          Anzitutto dovrebbe esistere una gui dove tutto
          possa essere fatto senza avere alcun "terminale"
          installato, la cosa migliore che potrebbero fare
          è radere al suolo tutte le interfacce grafiche
          ora esistenti e crearne una davvero user
          friendly, dove uno che arriva da un altro sistema
          e che tenta di uscire dalla prigione mentale
          imposta dagli altri, non si senta spaesato e
          impaurito.Ti quoto con il sangue.Ma........Chi la fa?Chi ci mette il tempo?Chi ci mette la grana?E sopratutto, lo magno il tozzo di pane na volta che mi sono sbattuto?E sopratutto....A chi frega qualcosa?Dai su.
      • P.Inquino scrive:
        Re: il carattere????
        - Scritto da: pipino il nome e cognome troppo corto
        - Scritto da: collione

        ecco qua


        http://www.pinoytux.com/linux/quoting-linus-torval



        "I think the OpenBSD crowd is a bunch of

        masturbating

        monkeys"



        (rotfl)

        Invece sarebbe Ubuntu "che ha l'approccio
        giusto"!?! Ma per favore.
        :(

        E no, non sono un Winaro, sono un convinto
        sostenitore di Linux e Unix... ma proprio Ubuntu
        l'approccio giusto NO.
        :(

        PS: non che Theo De Raadt abbia un carattere
        migliore
        comunque...ma se fin poco tempo fa usava fedora? e ne era un convinto fervente ...mmoh
Chiudi i commenti