Google, Mosca cieca

Addio di Mountain View alla Russia: l'ultima goccia è stato l'obbligo di conservare su server locali i dati dei suoi utenti russi

Roma – Google sta programmando di chiudere le sue operazioni ed i suoi uffici in Russia in seguito alle stringenti riforme alla normativa introdotte nel Paese.

A non piacere a Mountain View spingendola alla fuga sarebbe in particolare la prossima adozione di una legge che obbligherebbe le multinazionali ICT a conservare i dati dei propri utenti russi in server locali: sottoponendoli dunque alle possibilità di ispezione, accesso e controllo da parte delle autorità russe.

Con la Russia, insomma, Google ha deciso di prendere la stessa decisione che l’aveva portata fuori dalla Cina : chiudere le sue operazioni locali per non essere costretta a cedere alle pressioni censorie del Governo e non vestire i panni del collaborazionista. Nel caso cinese le relazioni con Pechino erano degenerate in seguito alle notizie che volevano hacker al soldo del Governo impegnati a infiltrare Gmail e leggi locali sempre più aggressive su contenuti ed accesso alle informazioni da parte delle autorità. Mountain View, nonostante la perdita di circa 600 milioni di dollari pronosticata dagli analisti finanziari per l’abbandono del ricco mercato, aveva semplicemente lasciato il paese appoggiandosi piuttosto ad Hong Kong per servire quegli utenti in grado di superare la Grande Muraglia digitale.

L’addio alla Russia significherebbe smantellare la sua presenza locale e gli uffici che al momento impiegano circa 50 persone.

La Russia, peraltro, negli ultimi anni è diventato terreno sempre più difficile per le aziende internazionali perché è stato investito da pesanti sanzioni economiche in seguito al conflitto in Ucraina e perché ha introdotto diverse leggi che minano la libertà di espressione online, costringendo alla schedatura i blog locali e introducendo una lista nera dei siti non accessibili nel paese.

Inoltre nell’ ultimo periodo le richieste di rimozione di contenuti fatte pervenire a Google da parte delle autorità sono aumentate del 125 per cento rispetto a quello precedente, così come hanno avuto un’impennata nell’ultimo anno le richieste di accesso ai dati.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Aniello Caputo scrive:
    ...
    ma che me ne frega a me del uorlduaidueb
  • erie scrive:
    Prepotenza
    Internet fa sicuramente paura a tutti coloro che vogliono spacciare le loro idee come verità assolute, vedi tutte le religioni!Fa paura ai politici, di tutto il mondo, che pensano di perdere il loro ascendente sul mondo degli umani ammaestrati e considerati come animali da sfruttare e dominare!Internet non deve perdere questa guerra, non battaglia, continuando a mantenere in contatto l'intero pianeta e distruggendo chiunque si opponga a tale inevitabile emancipazione umana.erie
    • Leguleio scrive:
      Re: Prepotenza

      Internet fa sicuramente paura a tutti coloro che
      vogliono spacciare le loro idee come verità
      assolute, vedi tutte le
      religioni!È noto che l'islam ha pronunciato una <I
      fatwā </I
      contro chiunque lo userà, e lo stesso ha fatto il papa, scomunicando in blocco gli internauti, come scomunicò i comunisti nel 1949. E il dalai lama?Se la fanno nelle brache dalla paura.
      Fa paura ai politici, di tutto il mondo, che
      pensano di perdere il loro ascendente sul mondo
      degli umani ammaestrati e considerati come
      animali da sfruttare e
      dominare!Anche lì, stanno prendendo le contromisure, infatti. Rimozione della linea ADSL e anche ISDN in tutte le zone che votano diversamente dalla maggioranza. Togliere diritto di navigazione a chi dissente.
      Internet non deve perdere questa guerra, non
      battaglia, continuando a mantenere in contatto
      l'intero pianeta e distruggendo chiunque si
      opponga a tale inevitabile emancipazione
      umana.Vabbè, questa è una parodia troppo sfacciata, si capisce. Il punto di partenza è <I
      Supergiovane </I
      di Elio e le Storie tese. "E ricordatevi: ovunque ci sia un giovane in difficoltà, ovunque ci siano persone, cose, animali, città, fiumi, fiori, governi, marche di automobili che cerchino di limitare la vostra gioventù, là ci sarà lui con le sue miccette sempre accese".Sostituire a gioventù internet.
      • Funz scrive:
        Re: Prepotenza
        - Scritto da: Leguleio

        Internet fa sicuramente paura a tutti coloro
        che

        vogliono spacciare le loro idee come verità

        assolute, vedi tutte le

        religioni!

        È noto che l'islam ha pronunciato una
        <I
        fatwā </I
        contro chiunque
        lo userà, e lo stesso ha fatto il papa,
        scomunicando in blocco gli internauti, come
        scomunicò i comunisti nel 1949. E il dalai
        lama?
        Se la fanno nelle brache dalla paura.no, ha ragione luiI religiosi non vogliono bloccare internet, visto che serve pure a loro per la propria propaganda. è talmente ovvio da essere persino banale. Stupisce (ma anche no) che tu non ci arrivi.

        Fa paura ai politici, di tutto il mondo, che

        pensano di perdere il loro ascendente sul
        mondo

        degli umani ammaestrati e considerati come

        animali da sfruttare e

        dominare!

        Anche lì, stanno prendendo le contromisure,
        infatti. Rimozione della linea ADSL e anche ISDN
        in tutte le zone che votano diversamente dalla
        maggioranza. Togliere diritto di navigazione a
        chi
        dissente.come al solito estremizzi e banalizzi un discorso sensato.Vecchia tattica per sminuire e ridicolizzare le affermazioni altrui senza argomentare. Bravo, te si che sai vincere le discussione...
        Vabbè, questa è una parodia troppo sfacciata, situ sei una parodia di un internauta Se non ti piace l'internet libera, perché non ti trasferisci in Russia, Nord Corea o Myanmar, tanto per "argomentare" come fai tu?Che ci fai qui assieme a noi che ci piace la libertà di pensiero? Sai cos'è, a proposito? Perché mi pare proprio che tu non ce l'abbia, né la libertà né un pensiero proprio.
        • Passante scrive:
          Re: Prepotenza
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: Leguleio
          Perché mi pare proprio che tu non ce l'abbia, né
          la libertà né un pensiero proprio.E nonostante glie lo dicano in tanti non si pone domande...Che piattume.
      • uomo leguleio scrive:
        Re: Prepotenza
        Purtroppo nessuno ha scomunicato i troll
    • Giulio Cesare scrive:
      Re: Prepotenza
      - Scritto da: erie
      Internet fa sicuramente paura
      Internet non deve perdere questa guerraInternet non è una persona, non è il soggetto, non vince e non perde nessuna guerra, è uno strumento.
Chiudi i commenti