Google, più soldi per i cacciatori di bug

BigG promette taglie più sostanziose per i cacciatori di bug. In palio fino a 15mila euro per chi smaschera gli errori
BigG promette taglie più sostanziose per i cacciatori di bug. In palio fino a 15mila euro per chi smaschera gli errori

Per celebrare il successo del Vulnerability Reward Program e per sottolineare il proprio impegno rispetto alla sicurezza, Google ha deciso di aggiornare le regole del programma che offre una ricompensa a tutti i cacciatori di bug. In sostanza, BigG chiede a tutti gli utenti del Web di scovare nel suo stesso codice le imperfezioni e i punti deboli, così da ridurne la vulnerabilità e gli errori.

In base al nuovo tariffario, Google promette fino a 15mila euro a chi sarà in grado di segnalare le più grandi lacune nella sicurezza. “La ricompensa è lì per loro” hanno scritto in un post sul blog di Mountain View Adam Mein e Michal Zalewski, del team dedicato alla sicurezza.
Un’altra novità introdotta consiste nel dare la possibilità ai vincitori di donare l’importo in beneficenza.

Lanciato nel novembre 2010, il Vulnerability Reward Program ha ricevuto oltre 780 segnalazioni di vulnerabilità e ha ricompensato 200 cacciatori di bug con circa 350mila euro. “Siamo sicuri, al di là di ogni dubbio, che il programma ha reso gli utenti di Google più sicuri” sostengono Mein e Zalewski. (G.T.)

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 04 2012
Link copiato negli appunti