Google si fa il suo chip quantistico

Mountain View lavora in partnership con una università americana per la realizzazione di chip quantistici "fatti in casa", un'iniziativa che potrebbe preludere al debutto della corporation nell'ipotetico mercato del quantum computing

Roma – Google comunica di aver avviato una partnership tra il suo team di “Quantum Artificial Intelligence” (QAI) e un gruppo di ricercatori della UC Santa Barbara capitanato John Martinis, con l’obiettivo dichiarato di “progettare e realizzare nuovi processori” quantistici basati sull’uso di semiconduttori.

La nuova iniziativa hardware riafferma l’interesse di Mountain View per le potenzialità del quantum computing, un settore ad alto contenuto speculativo che vede la corporation sempre più protagonista dopo l’ adozione dei chip D-Wave (il cui funzionamento a base quantistica è solo ipotetico) e il lavoro congiunto con NASA avviato dal team QAI nel 2013.

Google loda i “risultati” sin qui ottenuti da Martinis in ambito di computing quantistico, anche se dice di voler continuare a collaborare sperimentalmente anche con la canadese D-Wave e le sue macchine “Vesuvius” e con NASA, per i processori “Washington” a 1000 qubit.

Dal punto di vista di Martinis, invece, la partnership con Google è un’opportunità preziosa per studiare le applicazioni di machine learning alla tecnologia dei computer quantistici, una possibilità che a ogni modo non impedisce al ricercatore di continuare il lavoro con i suoi studenti laureati all’università californiana e le strumentazioni presenti in loco.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • plox scrive:
    opera 24
    i browser li ho tutti, pensavo che questo nuovo opera avesse quacosa di diverso, infatti manca il tasto home e non riesco ad importare i preferiti. comunque continuerò a usare firefox, occhio IE non scherza in fatto di prestazioni, ma questo opera 24 ...
    • Gennarino scrive:
      Re: opera 24
      - Scritto da: plox
      occhio IE
      non scherza in fatto di prestazioni, ma questo
      opera 24
      ...é 'na ciofeca! ;)
    • user_ scrive:
      Re: opera 24
      A me non lo fa aggiornare, dice che è già aggiornataopera Version 12.17 Build 1863 Platform Win32 System Windows 7perchè ?ho win7 x64Ecco forse sarebbe il caso di lasciare opera 12.17 che ha l'icona per l'homepage e il supporto per i segnalibri...Edit:Ho risolto, ho disinstallato 12.17 e mantenuto userdata, poi ho installato opera 24 e ho importato i segnalibri su bookmarks bar (da speed dial -
      bookmark importer) , accessibili anche da un comodo menù a tendina a destra facente parte sempre della bm bar.E per quanto riguarda la homepage io avevo google.it,e guarda il caso,aprendo un nuovo tab c'è "google search" (da speed dial) e sotto icone configurabili (e removibili) a altri siti,e con dietro un'immagine di un bel paesaggio con piante e lago...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 settembre 2014 00.22-----------------------------------------------------------
  • plox scrive:
    opera 24
    e il tasto home che fine ha fatto? e l'importazione dei preferiti da un altro browser? via via disistallare immediatamente.
    • sentinel scrive:
      Re: opera 24
      - Scritto da: plox
      e il tasto home che fine ha fatto? e
      l'importazione dei preferiti da un altro browser?
      via via disistallare
      immediatamente.Ottimo e passa subito a Firefox!https://www.mozilla.org/it/firefox/new
    • Sg@bbio scrive:
      Re: opera 24
      Da quando i markettari hanno preso il sopravento su Opera Software, la prima cosa che hanno fatto è eliminare decenni di sviluppo per trasformare Opera in una brutta copia di google chrome, tanto da eliminare pure funzioni base come i segnalibri.
      • Antonio Mela scrive:
        Re: opera 24
        Non è che quelli di mozilla siano da meno, visto che pure loro da un po' di anni han fatto certe scelte (numerazione, interfaccia australis) che sembrano pensate apposta per seguire la scia di Chrome.
Chiudi i commenti