Google, trasparenza sulla localizzazione

Più facilmente accessibili e modificabili i dati sulla rilevazione automatica della posizione
Più facilmente accessibili e modificabili i dati sulla rilevazione automatica della posizione

Che Google puntasse forte sui servizi legati alla localizzazione era ormai evidente già con le voci che anticipavano il nuovo ruolo di Marissa Mayer nella localizzazione made in Mountain View . Ora arriva dalle pagine del blog ufficiale del motore di ricerca un’altra novità sul tema.

Puntando ad aumentare la trasparenza e il controllo dell’utente sui servizi che collegano la geolocalizzazione ai risultati di una ricerca, favorendo per prossimità alcuni risultati in particolare quando si parla di locali e servizi, Mountain View ha ora deciso di rendere evidente tale meccanismo, visualizzando nella fascia laterale sinistra di una query i dati relativi alla localizzazione dell’utente.

Che potrà modificare tale impostazione correggendo la ricerca per esigenze differenti o nel caso in cui la rilevazione automatica effettuata dalla tecnologia di Google sia errata, opzioni già a disposizione dell’utente, ma solo accedendo alla tendina raggiungibile dal menù “personalizzazioni”.

Ancora in fase di implementazione, il servizio non è immediatamente disponibile per tutte le lingue (per l’italiano appare per esempio non ancora attivo).

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti