GoogleCL, il web dalla riga di comando

L'ultimo progetto di Mountain View è tutto dedicato agli specialisti del prompt e a chi preferisce lavorare con il testo invece che con tante belle icone colorate. O quando serve velocizzare il lavoro

Roma – La riga di comando è un paradigma che resiste al trascorrere del tempo , e ora entra a far parte anche del novero di possibilità del cloud computing . Mountain View ha presentato GoogleCL , una serie di “strumenti da riga di comando per le API Google Data” con cui gli utenti più avvezzi agli script e ai comandi testuali potranno automatizzare upload, fissare appuntamenti e pubblicare post sui server del colosso californiano dall’interno della shell del sistema operativo – sia esso Windows, Linux o Mac.

Nato da un progetto personale di Jason Holt e Tom Miller del team di Street View, GoogleCL è un’applicazione open source scritta in Python che sfrutta le librerie “Python Client” per facilitare le operazioni client-server.

Una volta installato tutto quanto è necessario per far funzionare i tool, l’utente potrà accedere a una nutrita schiera dei servizi Google più utilizzati (Blogger, Calendar, Contacts, Docs, Picasa, YouTube) per mezzo di comandi testuali singoli o script elaborati se necessario.

Per rendere più chiara l’idea di che cosa sia possibile fare con GoogleCL, sul sito del progetto gli sviluppatori hanno indicato alcuni esempi per ognuno dei servizi supportati: la riga di comando che piace a Mountain View può aggiungere un post su Blogger usando anche un file di testo semplice come “sorgente” per il contenuto, operare con gli appuntamenti su Calendar aggiungendo, elencando e cancellando, aprire un nuovo documento su Docs, caricare un’intera collezione di foto su Picasa o un video in formato .avi su YouTube.

GoogleCL è certamente uno dei prodotti meno “user-friendly” sin qui rilasciati da Mountain View, e con buone ragioni: lo strumento che avvicina prompt e “nuvole” telematiche ha prima di tutto lo scopo di facilitare il lavoro a chi preferisce l’efficienza e l’automazione dei processi alla semplicità dell’accesso alle appliance a mezzo interfaccia grafica.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cognome scrive:
    prima di dire razzate - redazione
    (a parte in un caso tutto italiano che scaricava sul 3D le colpe di una mancata pulizia degli occhiali).Bhe, questa frase non fa altro che confermare la totale ignoranza da parte del giornalista, su determinati argomenti, nella fattispecie, quelli medici.L'occhio è la parte piu sensibile e vulnerabile del corpo umano, una porta di ingresso per virus e batteri di ogni genere, conosciuti e sconosciuti.Se tu avessi avuto la sfortuna di essere ricoverato nello stesso ospedale dove sono stato io, non avresti scritto una boiata del genere.Ci sono malattie che colpiscono gli occhi totalmente sconosciute e che portano a una progressiva cecità, senza ritorno, se no con un trapianto di retina e a volte non basta.Gli occhialini sudici, mettiteli te e aggiornaci.Per quanto mi riguarda, me ne sto ben alla larga dall'inforcare occhiali indossati da chissà quante altre persone e magari affette da patologie.Divertiti! ;)
    • drainedbrai n scrive:
      Re: prima di dire razzate - redazione
      Di solito gli occhiali si mettono sul naso e non negli occhi ... secondo me è pura ipocondria.Cioè crederei di più se mi si dicesse che possono trasmettere funghi ed infezioni della pelle sul naso e dietro le orecchie.Poi, magari, ci sono casi documentati di infezioni oculari da 3d, ma finora io ho sentito solo chiacchiere.
  • il solito bene informato scrive:
    ho letto su "chi"...
    nonostante fosse un giornale scandalistico ho letto l'opinione di un oculista che andrebbe approfondita: il 3D per i bambini può essere utile per scoprire eventuali patologie e difetti alla vista.
  • ndr scrive:
    Ridicolo
    Da che mondo è mondo gli schermi se guardati troppo a lungo fanno venire il mal di testa. 3D o meno che sia.Hanno scoperto l'acqua calda, ma tutto è utile purchè se ne parli....tanta pubblicità gratis e tanti pecoroni dietro a brucare...
  • Demo scrive:
    Meno di 7 anni!!!
    Bambini con meno di 7 anni che giocano ai videogiochi???? Ma siamo veramente impazziti....mio figlio, che ha meno di 7 anni, fa i lego o va fuori a giocare a palla con gli amici e non mi è mai passato per la testa di accendergli il DS o l'XBOX o la PS3....Torniamo un attimo alla realtà, pls
    • asd scrive:
      Re: Meno di 7 anni!!!
      invece la tua e' unq fantasia, e questa e' la dura realta'..... rinXXXXXXXXti fin da piccoli!
      • Wolf01 scrive:
        Re: Meno di 7 anni!!!
        Ad iniziare dai 6 mesi di età con Teletubbies, Hello Kitty e Studio Aperto (eh si, centra pure quello, non noto la differenza con i Teletubbies)
    • frk scrive:
      Re: Meno di 7 anni!!!
      - Scritto da: Demo
      Bambini con meno di 7 anni che giocano ai
      videogiochi???? Ma siamo veramente
      impazziti....mio figlio, che ha meno di 7 anni,
      fa i lego o va fuori a giocare a palla con gli
      amici e non mi è mai passato per la testa di
      accendergli il DS o l'XBOX o la
      PS3....Se è per questo mia figlia a 15 mesi e disegna con glow draw sul mio iPhone...
      • Melania C. scrive:
        Re: Meno di 7 anni!!!
        - Scritto da: frk


        Se è per questo mia figlia a 15 mesi e disegna
        con glow draw sul mio
        iPhone...Ha con l'acca e non a... smettiamola di maltrattare l'Italiano, per cortesia. Basterebbe rileggere prima di premere invio. E' una forma di cortesia e rispetto verso la nostra Lingua e, soprattutto, verso chi legge.Cordialità,Melania
  • Sardugno scrive:
    Precisiamo...
    I bambini al di sotto dei sette anni non devono evitare del tutto il 3DS, ma solamente usarlo con la visualizzazione in 3-D disattivata. C'è una manopola apposta sul lato destro del monitor per farlo.
    • exMetallica scrive:
      Re: Precisiamo...
      Te lo giuro.
    • OldDog scrive:
      Re: Precisiamo...
      - Scritto da: Sardugno
      I bambini al di sotto dei sette anni non devono
      evitare del tutto il 3DS, ma solamente usarlo con
      la visualizzazione in 3-D disattivata. C'è una
      manopola apposta sul lato destro del monitor per
      farlo.Se lo slide 3D non è disattivabile da qualche forma di controllo, questo non fermerà NESSUN bambino dal riattivare il 3D, ovviamente.Ricordo quando lessi di una signora che, in visita alla sorella, raccontava che la porta le venne aperta dalla nipote (meno di 3 anni d'età) che subito dopo le chiuse alle spalle la porta, girando la chiave e spiegando tutta compunta "dobbiamo tener chiuso a chiave altrimenti io potrei uscire di casa". :D
      • Sardugno scrive:
        Re: Precisiamo...
        Basterebbe mettere una password sul 3DS per tenere disattivata la visualizzazione in 3D.Dopotutto la levetta sul lato dello schermo è digitale.
  • sentinel scrive:
    Ripeto: "Il Taglierbe"...
    ...Docet.
  • ITA84 scrive:
    Piccola correzione
    Nell'articolo si scrive "Secondo Fils-Aime, CEO di Nintendo America, i bambini con meno di 7 anni dovrebbero evitare del tutto la 3DS", ma non èesattamente così: il 3DS ha una levetta che permette di regolare l'intensità dell'effetto 3D, fino anche a rimuoverlo completamente. Ciò che si è detto è che i bambini non dovrebbero guardare immagini 3D in generale, e dato che sul 3DS il la visione stereoscopica può essere disabilitata il problema per loro non si porrebbe.Certo si dovrà vedere come aiutare i genitori degli under-7 a impedire ai loro figli di attivare l'effetto 3D (magari con un sistema analogo al Parental Lock), ma è probabile che ci stiano già lavorando.Mi pare ovvio che la Nintendo non voglia allontanare potenziali acquirenti della nuova console.
    • ITA84 scrive:
      Re: Piccola correzione
      Dimenticavo: da ormai parecchio tempo poi c'è sempre la solita raccomandazione di prendersi una pausa di almeno 15 minuti dopo un'ora di gioco, quindi la storia dei problemi che si presentano 'dopo diverse ore di gioco' non è molto rilevante di per se.
  • OldDog scrive:
    No under 7
    Tanto di cappello alla Nintendo, che fin d'ora raccomanda di non esporre bambini under 7 ai giochi in 3D.Chiaro che vogliono evitare accuse legali future, ma vorrei vedere quanti imprenditori italiani avrebbero rinunciato volontariamente a questa prima fetta di mercato. :-)
    • anonimo mb scrive:
      Re: No under 7
      Bisognerebbe precisare che Nintendo ebbe un grandissimo flop con una console stereoscopica che lancio qualche anno fa ( Virtual Boy ) e che dovette ritirare dal mercato proprio perchè accusata di causare mal di testa ed altri problemi.
  • Matteo scrive:
    Cervello e schermi...
    1) E' ben noto che le fonti luminose artificiali stimolino i neuroni.2) E' ben noto che i monitor (PC/TV) stimolino *particolarmente* i neuroni (provocano una forte eccitazione a livello neurale, tant'è che è consigliato staccarsi dal PC almeno un'ora prima del sonno per evitare disturbi)3) E' ben noto che i videogiochi abbiano un effetto di gran lunga più eccitante a livello neurale delle semplici immagini (lettura a video o film)Possibile che nessuno abbia mai neanche lontanamente considerato l'effetto devastante che può avere l'esposizione prolungata ad un videogioco 3D?E se anche l'hanno considerato, perché non renderlo noto? Troppi soldi in ballo?Io quando posso evito il cinema in 3D. Dopo aver visto Avatar ho avuto emicrania per altre 2-3 ore abbondanti.
    • Rover scrive:
      Re: Cervello e schermi...
      Difatti, io che soffro di emicrania senza 3D, me lo sono evitato.Comuqnue non siamo tutti uguali, ma sicuramente nelle persone predisposte può attivare meccanismi neuronali che portano al mal di testa.E la percentuale di persone non è neppure tanto ridotta.Attenzione soprattutto ai disturbi che possono essere indotti nei ragazzi, in quanto si potrebbe arrivare ad occasionali fenomeni di epilessia; anzi mi sembra sia già accaduto con uso prolungato di videogiochi.
      • OldDog scrive:
        Re: Cervello e schermi...
        - Scritto da: Rover
        Comunque non siamo tutti uguali, ma sicuramente
        nelle persone predisposte può attivare meccanismi
        neuronali che portano al mal di testa.
        E la percentuale di persone non è neppure tanto
        ridotta.
        Attenzione soprattutto ai disturbi che possono
        essere indotti nei ragazzi, in quanto si potrebbe
        arrivare ad occasionali fenomeni di epilessia;
        anzi mi sembra sia già accaduto con uso
        prolungato di videogiochi.Ormai ogni videogioco viene venduto con l'avvertenza dedicata a chi potrebbe soffrire di epilessia, sicuramente lo visualizza Nintendo DS all'accensione. Non ho mai letto di relazioni con il 3D, semmai con il rapido movimento e cambio di luci tipico dei giochi d'azione frenetica. Ricordo che il problema può manifestarsi anche con illuminazioni in movimento frenetico e pulsante, tipiche delle vecchie "strobo" da discoteca e di certi concerti.Ci sono diverse relazioni, invece, che sottolineano come problemi visivi latenti o poco avvertiti in condizioni normali possono manifestarsi in fastidiosi disturbi quando la visione è particolarmente impegnata.In altri termini, suggerisco a chi soffre nella visione di un film 3D di farsi fare un controllo visivo accurato, e ovviamente lo dico nell'interesse di valutare un possibile problema che nella vita ordinaria (penso alla guida dell'auto) potrebbe essere fonte di problemi ben più rischiosi. Disclaimer: ho problemi visivi (corretti con lenti) e per lavoro ho contatti con medici. :)
        • Matteo scrive:
          Re: Cervello e schermi...
          Difatti il pericolo principale credo siano attacchi di epilessia. Se possono verificarsi con un solo flusso video (proiezione classica), intuitivamente la probabilità potrebbe _come minimo_ raddoppiare con i flussi.I soggetti già consapevoli di essere a rischio dovrebbero evitare totalmente il 3D finché non si avrà un serio resoconto medico.Come ha segnalato un utente sotto, tanto di cappello a Ninendo che ha provveduto a segnalare la cosa. nVidia al contrario sta promuovendo la sua tecnologia 3D in pompa magna, senza avviso di cautela.
      • nintendo forever scrive:
        Re: Cervello e schermi...
        no solo!!!!anche guardando un film o un cartone animato purtroppo se sei predisposto puoi avere danni fisici.io per esempio sonoo un tipo che puo' stare davanti al pc a lavorare o giocare per molte ore.tieni conto che pero' di mio gia' dormo solo 5 ore in media...riesco a sopportaqre stress molto alti di natura proprio.altri purtroppo no.altri dopo 4 ore di lavoro devono assolutamente staccare o hanno forti emicranie.stessa cosa i videogiochi.
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: Cervello e schermi...
        contenuto non disponibile
    • nintendo forever scrive:
      Re: Cervello e schermi...
      la notizia e' proprio che hanno commissioato uno studio...in realta' lo fanno per pararsi il XXXX...se tu avessi mai giocato a giochi tipo wii sport sapresti che dopo un po' e' il gioco stesso che ti invita a riposarti prima di procedere con una nuova sessione.d'altra parte solo i XXXXXXXX lasciano i propri figli per piu' di 3 ore davanti ad un videogioco...e purtroppo di genitori XXXXXXXX ce ne sono un bel po'...
Chiudi i commenti