Green500, qual è il supercomputer più verde?

Aggiornata la classifica dei supercomputer più efficienti al mondo, capaci di fornire il migliore rapporto tra performance e energia consumata. Big Blue è verdissima

Roma – Da tre anni a questa parte non esiste più soltanto una classifica dei supercomputer più potenti al mondo, l’ormai famosa TOP500 , ma anche quella dei supercomputer che forniscono il miglior rapporto tra performance e consumi. La Green500 , questo il nome della lista, è stata aggiornata negli scorsi giorni con la pubblicazione della quinta edizione semestrale.

A guidare la giovane classifica dei supercomputer più efficienti al mondo è ancora lei, IBM. Quando si parla di efficienza energetica il gigante di Armonk non si limita a vincere, come accade nella TOP500 , ma domina incontrastata: tra i primi 20 sistemi in classifica ben 18 si basano su soluzioni di IBM, e in particolare su cluster di BladeCenter o sulla piattaforma Blue Gene/P.

Va sottolineato come generalmente non ci sia alcuna attinenza tra potenza di calcolo ed efficienza energetica: il primo supercomputer in classifica, capace di eseguire 536 megaFLOPS per ogni watt di energia consumata, nella TOP500 occupa una posizione di coda (422esimo posto). Il quarto sistema elencato nella Green500 è invece l’attuale “campione del mondo”, Roadrunner , capace di erogare oltre 1 petaFLOPS.

Gli autori della Green500 evidenziano come, rispetto alla scorsa edizione, l’efficienza media sia aumentata del 10 per cento – da 98 MFLOPS/Watt a 108 MFLOPS/Watt – a fronte di un incremento del 15 per cento della potenza di calcolo complessiva. “Se è vero che i supercomputer elencati nella Green500 consumano collettivamente più energia, questa energia viene utilizzata in modo più efficiente rispetto al passato”, si legge sul sito della classifica.

“I moderni supercomputer non possono più focalizzarsi unicamente sulle pure performance”, ha affermato David Turek, dirigente di IBM per il deep computing. “Per essere competitivi questi sistemi devono anche essere efficienti dal punto di vista energetico. IBM ha una lunga storia di innovazione con cui è stata capace di incrementare l’efficienza energetica dei suoi sistemi a tutti i livelli di progettazione, questo con l’obiettivo di ridurre sia i costi dei data center che l’uso di energia”.

A meritare una menzione, secondo l’organizzazione, è anche il supercomputer GRAPE-DR classificatosi al quinto posto: questo sistema, assemblato dall’Università di Tokyo e installato presso il National Astronomical Observatory giapponese, ha la peculiarità di utilizzare oltre 2 milioni di unità di elaborazione. A dimostrazione, dicono gli esperti, che la strategia del divide et impera funziona particolarmente bene quando si tratta di massimizzare il rapporto tra potenza ed assorbimento energetico. “Che l’approccio di aggregare un grande numero di processori a bassa potenza diverrà un trend da tenere d’occhio?”, si chiedono i redattori della Green500.

Il dato precedente sembra per altro sposarsi con l’incremento dei sistemi che utilizzano processori comunemente reperibili sul mercato, in specie quelli con architettura x86 a quattro e sei core.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • E beh scrive:
    E beh speriamo che crepino
    Speriamo che MPAA crepi. Per ammazzarla, dobbiamo usare e far usare sistemi serverless. Così, fra 5-6 anni,festeggeremo la vittoria e la morte di questa mafia.
    • Get Real scrive:
      Re: E beh speriamo che crepino
      - Scritto da: E beh
      Speriamo che MPAA crepi. Per ammazzarla, dobbiamo
      usare e far usare sistemi serverless. Così, fra
      5-6 anni,festeggeremo la vittoria e la morte di
      questa
      mafia.Previsione più realistica: tra 5-6 anni MPAA e soci saranno i PADRONI indiscussi di internet. Si farà solo quello che vorranno loro, con la complicità dei nostri governi che si faranno mano armata delle major.
      • Skywalker scrive:
        Re: E beh speriamo che crepino
        Guarda che l'Italia non è il mondo.Da noi la tua è una previsione realistica.In Svezia è realistico un Piratpartiet al 51%.Ognuno di noi avrà il mondo che si sarà costruito.
  • Paolinovaiv aivai scrive:
    La guerra contro i mulini a vento
    Per uno che chiude ne aprono altri 10. Penso che i siti sul genere isohunt siano ormai diverse centinaia in giro per il mondo.
    • Get Real scrive:
      Re: La guerra contro i mulini a vento
      - Scritto da: Paolinovaiv aivai
      Per uno che chiude ne aprono altri 10. Penso che
      i siti sul genere isohunt siano ormai diverse
      centinaia in giro per il
      mondo.Perché pensi che si accaniscano tanto contro un singolo individuo? Se mostrano che possono ridurre la vita di un uomo ad un inferno in terra fino al termine dei suoi giorni, per ognuno che chiude se ne apriranno esattamente zero perché nessuno ci tiene a farsi annientare così.
  • Undertaker scrive:
    fair game
    Praticamente una vendetta mafiosa, una specie di morte civile tramite cause e risarcimenti danni mirata a rendere la vita miserabile a persone di cui MPAA si vuole vendicare.La famigerata tattica del "fair game", che peró si riveló spesso un boomerang per la nota setta religiosa che la usó in grande stile per colpire critici e personaggi scomodi.Speriamo che, anche in questo caso si ritorca contro queste arroganti sanguisughe.
    • The passenger scrive:
      Re: fair game
      Lo spero anche io.- Scritto da: Undertaker
      Praticamente una vendetta mafiosa, una specie di
      morte civile tramite cause e risarcimenti danni
      mirata a rendere la vita miserabile a persone di
      cui MPAA si vuole
      vendicare.

      La famigerata tattica del "fair game", che peró
      si riveló spesso un boomerang per la nota setta
      religiosa che la usó in grande stile per colpire
      critici e personaggi
      scomodi.

      Speriamo che, anche in questo caso si ritorca
      contro queste arroganti
      sanguisughe.
    • BluEdoG scrive:
      Re: fair game
      - Scritto da: Undertaker
      Praticamente una vendetta mafiosa, una specie diE' vero è uno stile mafioso, perchè se avessero realmente a interesse i loro diritti, il target sarebbe la chiusura di isohunt, non la caccia all'uomo.
    • Wolf01 scrive:
      Re: fair game
      Sono peggio dei baNbini, meritano di essere bannati a vita dai tribunali, non se ne può più delle loro minacce.Se intraprendessero delle cause "normali" sarebbe anche giusto, ma tra condanne esemplari, estorsioni, minacce e vendette stanno veramente rasentando il ridicolo.Sono solo dei troll, peggio di quelli che girano qui su PI.
    • Get Real scrive:
      Re: fair game
      - Scritto da: Undertaker
      Praticamente una vendetta mafiosa, una specie di
      morte civile tramite cause e risarcimenti danni
      mirata a rendere la vita miserabile a persone di
      cui MPAA si vuole
      vendicare.
      Non é tanto una vendetta quanto un'intimidazione nei confronti di tutti coloro che pensano di seguire le orme di Fung. Lo faranno a pezzi, statene certi, distruggeranno la sua vita, lo ridurranno alla schiavitù da debito e sarà già tanto se il tizio non si suiciderà.Questo semplicemente per dire a chiunque osi ancora opporsi all'alleanza tra Economia e Politica: "noi faremo questo a tutti voi, che siate uno, cento o centomila. Vi porteremo via tutto, vi cacceremo dalle vostre case, distruggeremo le vostre famiglie e vi ridurremo nella povertà più nera. Arrendetevi o sarete distrutti."Contro un potere simile non c'è vittoria. Internet, e non solo, apparterrà a loro per sempre.
    • Funz scrive:
      Re: fair game
      L'operazione simpatia della MAFIAA si colora di nuovi toni e argomenti, e prosegue alla grande!
Chiudi i commenti