GTA, grosso guaio per TakeTwo

L'amministrazione di Los Angeles fa causa ai produttori del videogioco più discusso degli ultimi tempi, accusati di aver venduto ai minorenni un prodotto destinato ai soli adulti. Chieste scuse e danni formato monster
L'amministrazione di Los Angeles fa causa ai produttori del videogioco più discusso degli ultimi tempi, accusati di aver venduto ai minorenni un prodotto destinato ai soli adulti. Chieste scuse e danni formato monster


Los Angeles (USA) – Città degli Angeli vs Take2Interactive : l’amministrazione di L.A. si scaglia contro i produttori di Grand Theft Auto, il pluripremiato videogioco creato da Rockstar Games . L’ultimo episodio della serie di sfortunati eventi abbattutisi sul titolo, forte di un successo da record, è una ingentissima richiesta danni : i procuratori della città di Los Angeles pretendono 10 milioni di dollari , il blocco totale delle vendite del titolo e soprattutto le scuse dei responsabili di Take2.

Il capo d’accusa impugnato dall’avvocato Rocky Delgadillo, concorrenza sleale , è collegato direttamente allo scandalo che ha incendiato Take2 la scorsa estate, quando i programmatori di Rockstar Games sono stati tacciati di aver inserito contenuti pornografici all’interno del gioco.

“I signori della Take2 hanno ingannato i consumatori”, sostiene Delgadillo, “rilasciando un videogioco con contenuti proibiti sapientemente nascosti”. Tutto questo, naturalmente, all’insaputa dell’agenzia ESRB , che si occupa di applicare censure su tutti i prodotti multimediali per l’intrattenimento digitale. “Essere ingannevoli e meschini fa parte dei personaggi di Grand Theft Auto San Andreas”, ha dichiarato Delgadillo in un’intervista rilasciata all’agenzia di stampa Reuters , “ed alla Take2 hanno dimostrato di assomigliare ai protagonisti dei loro stessi videogiochi”.

Inizialmente venduto senza alcuna limitazione di sorta, GTA è stato recentemente proibito ai minori grazie ad un nuovo rating emesso da ESRB. La denuncia esposta dalla città di Los Angeles richiede la confisca dei profitti creati dalla vendita di GTA, in base ad una stima sul numero di copie vendute durante il periodo precedente al cambio di rating .

Inoltre, aggiunge Delgadillo, “vogliamo che l’azienda presenti le proprie scuse a tutti coloro che hanno acquistato incautamente un videogioco proibito e pornografico”, attraverso “l’invio di lettere a tutti coloro che hanno posseduto GTA prima del divieto”.

La vendita ai minorenni di materiale considerato “proibito” è considerato un fatto molto grave negli Stati Uniti, specialmente se c’è di mezzo la pornografia . La gravità di questa vicenda, temono in molti, potrà avere forti ripercussioni sull’intero assetto economico ed aziendale di Take2Interactive: sarà l’inizio di una spirale discendente fatta di denunce e class-action più disparate? Qualcuno è già convinto di sì.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 01 2006
Link copiato negli appunti