HD-DVD? Sì, ma con i codici regionali

DVD Forum sta pianificando l'introduzione di un sistema di localizzazione regionale per gli HD-DVD. I prodotti venduti in Cina o Stati Uniti non saranno fruibili in Europa

Roma – L’era dei DVD video ad alta definizione è già iniziata e DVD Forum , l’organizzazione internazionale che riunisce le aziende del consorzio HD-DVD, ha preso atto che i riproduttori di film digitali HD attualmente in commercio non offrono supporto al cosiddetto region-code system : in pratica, i film venduti negli Stati Uniti, ancora per poco tempo, sono compatibili con i lettori HD-DVD venduti in Europa.

La mancanza di un sistema di compatibilità regionalizzato, emersa platealmente soltanto nelle ultime settimane con la commercializzazione dei primi prodotti, ha portato alla progettazione di un nuovo sistema di localizzazione regionale per molti versi simile a quello già in vigore sui DVD tradizionali.

Il sistema prevederà una suddivisione in quattro aree geografiche , come accade per i contenuti in formato Blu-Ray : Americhe, Asia, Eurafrica e Cina. La Repubblica Popolare Cinese, secondo il progetto redatto dai membri del DVD Forum, costituirà una regione a se stante, molto probabilmente per l’incomparabile peso demografico di questo importante mercato.

Una volta che il sistema dei codici regionali sarà sviluppato, si apprende dalle fonti interne del DVD Forum, “tutti i lettori in commercio saranno esclusivamente compatibili coi film distribuiti nelle loro aree di competenza: i dischi progettati per la zona A non saranno compatibili coi riproduttori HD-DVD appartenenti alla zona B”.

La decisione di DVD Forum risolleva una questione ormai antica e già affrontata : il mercato dell’intrattenimento audiovisivo è già senza frontiere, ed i film stranieri appartenenti a “regioni incompatibili” circolano in tutto il pianeta attraverso servizi come eBay , dunque il sistema di regionalizzazione per le pellicole HD-DVD potrebbe limitare inopinatamente la libertà di scelta e di acquisto dei consumatori.

L’opinione di molti osservatori è che l’introduzione dei codici regionali nello standard HD-DVD porterà ulteriore confusione nel mondo dell’alta fedeltà audiovisiva. I portavoce di uSwitch , un servizio dedito ad offrire maggiore trasparenza per i consumatori di prodotti e servizi, fanno capire che la situazione è già estremamente complessa: “La maggior parte delle persone, ora che gli apparecchi compatibili con i vari standard HDTV ed HD-DVD sono in commercio, non ha ancora capito che i contenuti ad alta definizione sono compatibili esclusivamente con gli appositi televisori o decoder”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    JPEG vs WMP
    Windows Media Photo: chissà che effetto avrà sul nuovo portentoso (così pare) formato di zio Bill, la definitiva opensourcizzazione del JPEG!Non so... sembrerebbe tutto a favore del JPEG, ma è poi così ovvio!?ps:e il JPG2000 invece non viene toccato da questa "sentenza"?
    • Anonimo scrive:
      Re: JPEG vs WMP
      - Scritto da:
      Windows Media Photo: chissà che effetto avrà sul
      nuovo portentoso (così pare) formato di zio Bill,
      la definitiva opensourcizzazione del
      JPEG!

      Non so... sembrerebbe tutto a favore del JPEG, ma
      è poi così
      ovvio!?

      ps:e il JPG2000 invece non viene toccato da
      questa
      "sentenza"?Ma se diventa un formato libero da royalty c'è spazio per un'evoluzione.Spero proprio entro l'anno di vedere implementate in jpeg alcune tecniche come quelle utilizzate in jpeg2000 e wmp.WMP è da evitare a prescindere. L'ennesimo tentativo di Microsoft di ipotecare il web e la fotografia e i loro formati.
  • burnit scrive:
    Opensource
    Beh... non è che c'era proprio bisogno di questa cosa per il software libero e opensource... il JPEG è già altamente diffuso senza pagare royalty.Ditemi che GIMP non può salvare in JPEG!!! Ma se anche Ksnapshot salva in JPEG! Bah...
    • Anonimo scrive:
      Re: Opensource
      di sicuro la firgent non andava a rompere le scatole a quelli di gimp, ma le palanche (e tante) ne aceva chieste a sony e affini e a microsoft...e in diverse case di digitali avevano pagato ...
  • Anonimo scrive:
    Il colpo del secolo.
    Un'estorsione da 100 milioni di dollari. Spero che dovranno retituire ogni centesimo!
  • Anonimo scrive:
    Pazienza
    Tanto ci siamo già intascati 100 milioni di dollari!
  • Anonimo scrive:
    Re: Il brevetto JPEG è "nullificato"

    E per questo capaci di nullificare le pretese dell'azienda.Interessante la parola nullificare! Tutto sommato rimango ancora affezionato alla parola annullare.
    • sathia scrive:
      Re: Il brevetto JPEG è "nullificato"
      - Scritto da:

      E per questo capaci di nullificare le pretese
      dell'azienda.

      Interessante la parola nullificare! Tutto sommato
      rimango ancora affezionato alla parola
      annullare.ahah,/annullificato
    • Anonimo scrive:
      Re: Il brevetto JPEG è "nullificato"
      - Scritto da:

      E per questo capaci di nullificare le pretese
      dell'azienda.

      Interessante la parola nullificare! Tutto sommato
      rimango ancora affezionato alla parola
      annullare.http://www.demauroparavia.it/74884
  • Anonimo scrive:
    Anche i parassiti...
    "Di interesse il fatto che le royalty già intascate da Forgent rimarranno comunque all'azienda, indipendentemente dall'esito definitivo del procedimento di revisione."Anche i parassiti sono esseri viventi e, quindi, hanno diritto di vivere :o
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche i parassiti...
      - Scritto da:
      "Di interesse il fatto che le royalty già
      intascate da Forgent rimarranno comunque
      all'azienda, indipendentemente dall'esito
      definitivo del procedimento di
      revisione."

      Anche i parassiti sono esseri viventi e, quindi,
      hanno diritto di vivere
      :oQuelli trovarsi un lavoro onesto, no eh!? Io li manderei in miniera a scavare il carbone con le unghie. Altro che tang ... ehm ... royalties
Chiudi i commenti