Hillary cambierà la privacy made in USA?

Hillary cambierà la privacy made in USA?

La neocandidata alla presidenza cova il progetto di trasformare l'atteggiamento americano verso la privacy. Già pronta una proposta di legge dal sapore rivoluzionario. Gli esperti sono abbastanza fiduciosi
La neocandidata alla presidenza cova il progetto di trasformare l'atteggiamento americano verso la privacy. Già pronta una proposta di legge dal sapore rivoluzionario. Gli esperti sono abbastanza fiduciosi

Washington (USA) – Se il futuro degli Stati Uniti si tingerà di una maggiore attenzione alla privacy dei suoi cittadini ciò potrebbe derivare dall'iniziativa politica della senatrice Hillary Rodham Clinton .

La celeberrima ex first lady non solo è in corsa per le presidenziali, ma anche per rivoluzionare le norme che sottendono alla privacy degli statunitensi, come riporta Wired . Nonostante la forte visibilità di queste settimane, però, Hillary non ha ancora affrontato la questione ma in cantiere c'è un progetto di legge, già argomentato lo scorso giugno . Il problema è il “quando” converrà presentarlo e se trasformarlo, o meno, in un cavallo di battaglia per la campagna elettorale.

La proposta contiene norme che affrontano di petto il problema della privacy elettronica e non solo. Ad esempio è citato il diritto dei cittadini a sapere esattamente che cosa viene fatto con le informazioni personali, e la possibilità di vietarne alcuni usi. “A tutti i livelli, le protezioni per i diritti dei cittadini sono fallaci, inadeguate o vecchie”, aveva dichiarato mesi fa.

Una tesi sostenuta da tempo dai gruppi di consumatori e dalle associazioni per le libertà civili. “Il progetto della senatrice Clinton è ben congeniato e senza dubbio il più sofisticato mai proposto da un candidato presidenziale”, ha dichiarato Chris Hoofnagle, docente di Legge presso School of Law di UC Berkeley . “Vuole rispondere alla frustrazione dei consumatori che patiscono il direct marketing , ma anche soprattutto sottolineare che la mancanza di privacy può portare alla perdita delle vere opportunità ed a un controllo sociale oppressivo”.

la senatrice La posizione della Clinton in qualche modo si è delineata negli anni '90, quando il Congresso e l'opinione pubblica hanno iniziato a preoccuparsi del controllo sui dati dei consumatori. Da allora ha iniziato a sostenere che le aziende dovrebbero concedere un maggiore controllo sui dati ai cittadini, e che nuove norme dovrebbero semplificare e velocizzare le cause civili frutto di abusi sulla privacy. “Alle società finanziarie, per regola, non dovrebbe essere permessa la condivisione dei dati sulle transazioni dei consumatori senza liberatoria. La legge attuale praticamente lo permette in alcuni casi a insaputa del correntista”, aveva dichiarato la senatrice.

Non tutti, però, concordano sulla capacità della senatrice di ottenere il supporto sufficiente. “La realtà di queste proposte è che al massimo farebbero uscire le informazioni economiche in un altro modo”, ha dichiarato Jim Harper, direttore del think tank The Cato Institute . “È facile da immaginare, ma cambiare il modo in cui si muovono le informazioni in Economia è molto, molto difficile da realizzare”.

“Penso che con il tempo queste idee torneranno a farsi attuali”, ha dichiarato Marc Rotenberg, direttore dell' Electronic Privacy Information Center .

Dario d'Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

30 01 2007
Link copiato negli appunti