Hotfile dà, Hotfile toglie

Centinaia di utenti premium sono stati sospesi dal servizio di file hosting panamense. Spariti all'improvviso tutti i contenuti caricati. La motivazione risiederebbe nelle ripetute violazioni del copyright

Roma – A rivelarlo in esclusiva è stato un articolo pubblicato su TorrentFreak : i responsabili del servizio di file hosting Hotfile avrebbero lasciato di sasso centinaia di utenti registrati, annunciando all’improvviso l’avvenuta chiusura di altrettanti account premium .

Una comunicazione secca e repentina, inviata in automatico dal cyberlocker panamense a determinati utenti che avevano tentato l’accesso. “Siamo spiacenti di informarla che il suo account è stato sospeso – si può leggere in uno di questi messaggi – Dovrebbe aver già ricevuto un messaggio di posta elettronica contenente maggiori informazioni sull’accaduto”.

E TorrentFreak ha riportato il contenuto di una di queste email: “Il suo account è stato chiuso a causa di una violazione ripetuta del copyright”. Una semplice riga prima di scoprire che qualsiasi tipologia di contenuto caricato dall’utente era stata cestinata dai responsabili di Hotfile .

E non solo. Stando a quanto riportato dall’articolo, alcuni degli utenti coinvolti avrebbero dovuto ricevere dal servizio di file hosting il pagamento di cifre fino a mille dollari , normalmente previste nell’ambito del cosiddetto programma delle ricompense. Generalmente previste per gli utenti premium più attivi in fase di upload.

Non è chiaro se si tratti di una decisione presa in seguito all’ offensiva legale lanciata dalla Motion Picture Association of America (MPAA) contro il gestore di Hotfile Anton Titov. Il cyberlocker , secondo i detentori dei diritti, avrebbe lucrato sullo scambio sistematico dei vari contenuti made in Hollywood . I legali di MPAA avevano chiesto ad un giudice di Miami di optare per i cosiddetti statutory damage , pari a 150mila dollari a contenuto scaricato.

È tuttavia vero che già in passato Hotfile aveva provveduto alla sospensione di account particolarmente dediti alla condivisione illecita dei contenuti. Le stesse condizioni d’uso del cyberlocker proibiscono il caricamento/scaricamento in violazione del copyright. Le forbici del servizio di file hosting sembrano ora decisamente più affilate.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti