MPAA all'attacco di Hotfile

Le grandi major di Hollywood contro il cyberlocker panamense. Avrebbe lucrato sulla condivisione selvaggia dei contenuti, basandosi su un modello illecito a sottoscrizione

Roma – Una nuova offensiva legale , condotta dalle grandi major del cinema contro il cittadino russo Anton Titov, gestore del servizio di file hosting Hotfile. Il cyberlocker con base a Panama avrebbe permesso la condivisione online di migliaia di film, scaricati illegalmente dalla massa dei suoi utenti .

Un modello di business selvaggio, denuncia Motion Picture Association of America (MPAA), messo in piedi da Titov per lucrare sul download sistematico dei contenuti made in Hollywood . I rappresentanti della MPAA hanno così avviato un’azione legale presso un tribunale di Miami, accusando Hotfile di massiva violazione del copyright.

Il cyberlocker panamense avrebbe approfittato di migliaia di film caricati sulla sua piattaforma, offrendo ai suoi utenti la possibilità di abbonarsi per un mese di download illimitato. I legali di MPAA hanno quindi chiesto al giudice di Miami di optare per i cosiddetti statutory damage , una sanzione di circa 150mila dollari a contenuto scaricato .

C’è chi ha tuttavia sottolineato come il modello freemium offerto da servizi come Hotfile sia del tutto legittimo, così come le relative opzioni di sottoscrizione. Non solo legali, ma anche necessarie alla sopravvivenza economica di queste piattaforme. Da par suo, MPAA ha puntato il dito contro la stragrande maggioranza di contenuti illeciti presenti sul sito .

Non è la prima volta che Hotfile finisce nel mirino dei signori del copyright. Il conglomerato di media Liberty Media si era già scagliato contro Titov, reo di aver completamente ignorato qualsiasi avviso da parte delle major.

Le richieste di MPAA sembrano dunque chiare: Hotfile non potrebbe godere della protezione garantita dal cosiddetto safe harbor , il porto sicuro per gli intermediari previsto dal Digital Millennium Copyright Act (DMCA). Il cyberlocker non avrebbe mai fatto alcunché per soddisfare le pressanti richieste delle grandi sorelle statunitensi del film.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • FDG scrive:
    Va bene...
    Ogni commento è superfluo...:D
  • Santo Subito scrive:
    lavoriamo sul supporto, piuttosto.
    A parte che HTC già ha un servizio simile, tramite il quale customizzare la sua interfaccia "sense", la vera "guerra" imho si gioca sulla garanzia di supporto tecnico e disponibilità di aggiornamenti per i cellulari fuori catalogo: da questo punto di vista la frammentazione del mercato di android fornisce meno garanzie del monolitismo di apple. Alcuni marchi, come LG (ma vale anche per molti altri), sono tristemente noti per "lasciar perdere" ogni aggiornamento, anche il più ragionevole, appena un modello esce fuori produzione. E' vero che con android si può aggiornare il sistema tramite root, ma dubito che sia da considerare un'operazione banale ed alla portata di tutti, compresa la zia pina di 65 anni.Da questo punto di vista sarebbe utile, almeno da HTC che sembra concentrata esclusivamente nella produzione di prodotti hi-end, avere garanzie sulla longevità del proprio apparecchio, più che un'ennesima piattaforma market, che comunque avrebbe il vantaggio di una "certificazione" da parte del produttore.
    • Santo Subito scrive:
      Re: lavoriamo sul supporto, piuttosto.
      tradotto in soldoni: se spendo 500 euro per un cellulare, trovo sia ragionevole aspettarmi che la casa supporti al 100% quel modello per almeno 2-3 anni.Con questo genere di garanzia è ragionevole spendere qualcosa di più per comperare un HTC, senza questo genere di garanzia, posso decidere che i soldi siano spesi meglio per un iphone o decidere di spendere meno e prendere un Lg o un Samsung.
Chiudi i commenti