HP mette un nettop dentro la cornice

Come un computer, ma non è un computer. Legge file multimediali, va online ma senza browser. E con mini applicazioni appositamente realizzate per il suo sistema operativo basato su kernel Linux

Rispolverando alcuni dei concetti che Microsoft introdusse nel 2002 con i mai decollati Smart Display , HP si appresta a lanciare sul mercato un dispositivo a metà strada tra una cornice elettronica e un nettop.

HP DreamScreen DreamScreen , questo il nome del prodotto, consiste in uno schermo touch con dimensione compresa fra i 10 e i 13 pollici e risoluzione di 800 x 480 punti. Proprio come nei PC all-in-one, sul retro del pannello LCD trova alloggio un computer ultracompatto integrante una CPU ARM, una memoria flash da 2 GB (di cui 500 MB occupati dal sistema operativo), un modulo wireless 802.11g, un adattatore Fast Ethernet, due porte USB, un lettore di memory card 6-in-2 e un’uscita cuffie.

Va subito detto che, benché ne abbia l’aria, DreamScreen non è un tablet PC ai minimi termini: la sua funzione è infatti ben diversa da quella di un computer ultraportatile, e il suo campo d’impiego è ristretto alle mura domestiche. DreamScreen si potrebbe definire una cornice digitale “intelligente”: proprio come quest’ultima è stato concepito soprattutto per un uso statico, posizionato su un tavolo o una mensola o appeso a una parete. Inoltre, è in grado di riprodurre contenuti multimediali dalla memory card o via rete. Ma DreamScreen offre più di questo: grazie all’integrazione di un vero e proprio computer, il sistema di HP è altresì in grado di far girare semplici applicazioni, incluse quelle web-based.

Tra i widget già disponibili vi sono un client per Facebook ed uno per la webradio Pandora, una sveglia con orario internazionale, un servizio meteo e un calendario. In futuro HP conta di rilasciare un crescente numero di mini applicazioni e servizi, inclusi news ticker, lettori di feed RSS e client per i principali social network.

Un'altra veduta di DreamScreen

Da notare come DreamScreen non includa un browser web, assenza che contribuisce a sottolineare il suo carattere di appliance distinguendolo da un tablet o da un nettop. “DreamScreen non va inteso come un sostituto del PC, ma semmai come un suo complemento” ha commentato Ameer Karim di HP. “Questo dispositivo è stato concepito per essere usato nel modo più semplice possibile, con pochi tocchi di dito”.

Il sistema operativo utilizzato da DreamScreen poggia sul kernel Linux e utilizza un’interfaccia in stile media center, controllabile anche attraverso un telecomando in dotazione. I formati multimediali supportati dal software comprendono JPEG, PNG, BMP, MP3, WMA, AAC, WAV, MPEG1/2/4 e H.264.

I modelli di DreamScreen attualmente disponibili sono due: il 100, con schermo da 10,2 pollici e prezzo di 250 dollari, e il 130, con schermo da 13,3 pollici e prezzo di 300 dollari. I due modelli condividono le stesse specifiche tecniche, inclusa la risoluzione del display. Per il momento HP non ha pianificato la distribuzione dei due prodotti al di fuori degli USA, ma è facile intuire che se incontreranno il gradimento del pubblico statunitense non tarderanno ad arrivare anche in Europa.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Miii 1Ghz
    Ma sapete che botti che fa Windows Mobile a 1Ghz?Già il mio iPaq a 400Mhz era una sfilza di fuochi d'artificio. Un blocco ogni 4 ore di uso intensivo, si e no...E vogliamo parlare del mio navigatore GPS Takara con Windows Mobile? Mi è andato in crash per strada, ho dovuto fermarmi e resettarlo e reimpostare la destinazione per poter proseguire. Magnifico.Figuriamoci a 1Ghz i botti...Povera mobilità, nelle mani di Microsoft...Ho avuto dei Palm col vecchio PalmOS semplicemente indistruttibili sia come chassis che stabili come sistema operativo.Vedremo come funzionano quelli con questi ARM a 1Ghz, ma speriamo che si trovano anche con derivati Linux, perché io Windows Mobile non lo voglio più vedere.
    • Mettiuz scrive:
      Re: Miii 1Ghz
      Il Sony Ericsson X3 dovrebbe avere lo snapdragon e android ma a guardare le caratteristiche tecniche costerà sicuramente una fortuna
    • TheMist scrive:
      Re: Miii 1Ghz
      - Scritto da: iRoby
      Ma sapete che botti che fa Windows Mobile a 1Ghz?

      Già il mio iPaq a 400Mhz era una sfilza di fuochi
      d'artificio. Un blocco ogni 4 ore di uso
      intensivo, si e
      no...

      E vogliamo parlare del mio navigatore GPS Takara
      con Windows Mobile? Mi è andato in crash per
      strada, ho dovuto fermarmi e resettarlo e
      reimpostare la destinazione per poter proseguire.
      Magnifico.

      Figuriamoci a 1Ghz i botti...

      Povera mobilità, nelle mani di Microsoft...
      Ho avuto dei Palm col vecchio PalmOS
      semplicemente indistruttibili sia come chassis
      che stabili come sistema
      operativo.

      Vedremo come funzionano quelli con questi ARM a
      1Ghz, ma speriamo che si trovano anche con
      derivati Linux, perché io Windows Mobile non lo
      voglio più
      vedere.certo che parli proprio a vanvera è!l'iPaq...? pensa che gioiello che avevi...wow!mai provato htc con wm6.5? no?fallo e poi ne riparliamo con fatti alla mano!intanto fatti una bella googlelata vedi come va wm6.5byez!
  • Enjoy with Us scrive:
    Si ma fra quanto?
    quanto tempo ancora dovremo aspettare per avere una ampia scelta di netbook ARM based sotto il Kg e con autonomie di 8-12 ore?E soprattutto manterranno la promessa di prezzi contenuti, ossia secondo il mio punto di vista sotto i 300 euro?
    • nome e cognome scrive:
      Re: Si ma fra quanto?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      quanto tempo ancora dovremo aspettare per avere
      una ampia scelta di netbook ARM based sotto il Kg
      e con autonomie di 8-12
      ore?
      E soprattutto manterranno la promessa di prezzi
      contenuti, ossia secondo il mio punto di vista
      sotto i 300
      euro?Devi aspettare intanto che arrivi il cortex a9 in volumi quindi almeno un anno, poi che qualcuno decida di buttare qualche milioncino in un progetto destinato a fallire.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Si ma fra quanto?
        - Scritto da: nome e cognome
        - Scritto da: Enjoy with Us

        quanto tempo ancora dovremo aspettare per avere

        una ampia scelta di netbook ARM based sotto il
        Kg

        e con autonomie di 8-12

        ore?

        E soprattutto manterranno la promessa di prezzi

        contenuti, ossia secondo il mio punto di vista

        sotto i 300

        euro?

        Devi aspettare intanto che arrivi il cortex a9 in
        volumi quindi almeno un anno, poi che qualcuno
        decida di buttare qualche milioncino in un
        progetto destinato a
        fallire.E perchè mai dovrebbe fallire?
Chiudi i commenti