HP mette un nettop dentro la cornice

HP mette un nettop dentro la cornice

Come un computer, ma non è un computer. Legge file multimediali, va online ma senza browser. E con mini applicazioni appositamente realizzate per il suo sistema operativo basato su kernel Linux
Come un computer, ma non è un computer. Legge file multimediali, va online ma senza browser. E con mini applicazioni appositamente realizzate per il suo sistema operativo basato su kernel Linux

Rispolverando alcuni dei concetti che Microsoft introdusse nel 2002 con i mai decollati Smart Display , HP si appresta a lanciare sul mercato un dispositivo a metà strada tra una cornice elettronica e un nettop.

HP DreamScreen DreamScreen , questo il nome del prodotto, consiste in uno schermo touch con dimensione compresa fra i 10 e i 13 pollici e risoluzione di 800 x 480 punti. Proprio come nei PC all-in-one, sul retro del pannello LCD trova alloggio un computer ultracompatto integrante una CPU ARM, una memoria flash da 2 GB (di cui 500 MB occupati dal sistema operativo), un modulo wireless 802.11g, un adattatore Fast Ethernet, due porte USB, un lettore di memory card 6-in-2 e un'uscita cuffie.

Va subito detto che, benché ne abbia l'aria, DreamScreen non è un tablet PC ai minimi termini: la sua funzione è infatti ben diversa da quella di un computer ultraportatile, e il suo campo d'impiego è ristretto alle mura domestiche. DreamScreen si potrebbe definire una cornice digitale “intelligente”: proprio come quest'ultima è stato concepito soprattutto per un uso statico, posizionato su un tavolo o una mensola o appeso a una parete. Inoltre, è in grado di riprodurre contenuti multimediali dalla memory card o via rete. Ma DreamScreen offre più di questo: grazie all'integrazione di un vero e proprio computer, il sistema di HP è altresì in grado di far girare semplici applicazioni, incluse quelle web-based.

Tra i widget già disponibili vi sono un client per Facebook ed uno per la webradio Pandora, una sveglia con orario internazionale, un servizio meteo e un calendario. In futuro HP conta di rilasciare un crescente numero di mini applicazioni e servizi, inclusi news ticker, lettori di feed RSS e client per i principali social network.

Un'altra veduta di DreamScreen

Da notare come DreamScreen non includa un browser web, assenza che contribuisce a sottolineare il suo carattere di appliance distinguendolo da un tablet o da un nettop. “DreamScreen non va inteso come un sostituto del PC, ma semmai come un suo complemento” ha commentato Ameer Karim di HP. “Questo dispositivo è stato concepito per essere usato nel modo più semplice possibile, con pochi tocchi di dito”.

Il sistema operativo utilizzato da DreamScreen poggia sul kernel Linux e utilizza un'interfaccia in stile media center, controllabile anche attraverso un telecomando in dotazione. I formati multimediali supportati dal software comprendono JPEG, PNG, BMP, MP3, WMA, AAC, WAV, MPEG1/2/4 e H.264.

I modelli di DreamScreen attualmente disponibili sono due: il 100, con schermo da 10,2 pollici e prezzo di 250 dollari, e il 130, con schermo da 13,3 pollici e prezzo di 300 dollari. I due modelli condividono le stesse specifiche tecniche, inclusa la risoluzione del display. Per il momento HP non ha pianificato la distribuzione dei due prodotti al di fuori degli USA, ma è facile intuire che se incontreranno il gradimento del pubblico statunitense non tarderanno ad arrivare anche in Europa.

Alessandro Del Rosso

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti