HP punta su batterie più efficienti

Durano di più, si caricano più in fretta, rispettano l'ambiente e sono anche più sicure. Peccato solo siano anche più costose delle vecchie. Chissà se i consumatori si faranno convincere dal miraggio ecologico, in tempi di risparmio

Roma – Come già anticipato un anno fa , HP ha cominciato a rinnovare le proprie linee di accessori e ricambi per una buona parte del parco notebook aziendale (circa il 70 per cento), mettendo in commercio le nuove batterie agli ioni di litio “Sonata” prodotte dalla start-up Boston Power. Con una spesa non proprio economica l’utente può in un sol colpo aiutare l’ambiente e migliorare il rendimento energetico del portatile .

La tecnologia dietro Sonata rappresenta ancora un mistero in quanto a funzionamento pratico, ma chi le produce assicura che le batterie vengono ricaricate per l’80 per cento del totale in soli 30 minuti invece che in qualche ora, prevengono eventuali fenomeni di surriscaldamento con relativi fuochi d’artificio (leggi niente batterie esplosive in circolazione) e non perdono la loro capacità nominale dopo un numero cospicuo di cicli di carica/scarica , al contrario delle tradizionali unità li-ion .

La promessa di Boston Power è evidentemente ben più di una semplice promessa se HP ha deciso di supportare la tecnologia con il proprio marchio, sostituendo sia le batterie dei laptop in via di commercializzazione che quelle vendute come accessori e ricambi.

Gli accumulatori Sonata, venduti come toccasana per l’ambiente e la coscienza dei consumatore sull’orlo di una crisi di nervi in tempi di cataclismi economico-sistemici, vengono offerti con una garanzia di tre anni, vale a dire tre volte quella inclusa nelle altre batterie.

L’unico problema della nuova iniziativa di HP, a dirla tutta, è anche quello che potrebbe trasformare le batterie ecosostenibili in un boomerang sul mercato vale a dire il fattore prezzo : i 18 modelli di PC che verranno rinnovati con gli accumulatori Sonata costeranno il 20 per cento in più dei corrispondenti esemplari con batterie tradizionali, mentre l’acquisto del prodotto come accessorio costerà 150 dollari. Non proprio un toccasana in tempi di portafogli chiusi, o anche vuoti nel peggiore dei casi.

Tanto più che secondo le indagini di Forrester Research , se è vero che due terzi dei consumatori sostengono che i loro acquisti sono influenzati direttamente da principi di responsabilità sociale, soltanto il 18 per cento di chi dichiara queste buone intenzioni si dice disposto a spendere di più (in questo caso molto di più) per supportare con i fatti tali principi.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • disoccupataart49comma3 scrive:
    adesione flexiworker
    sarò in viaggio fra oggi e domani,in alto mare, ma alzo bandiera e saluto da parte di indipertutti (il sito dei disoccupati senza indennità di disoccupazione)http://indipertutti.altervista.org almeno libertà di scaricare ...!!matilde
  • OldNetizen scrive:
    Paghiamo al mega
    Non è in Italia che si paga un tot a mega in tasse per supporto vergine acquistato? Non vi sentite legittimati a riempirli come cavolo vi pare?
  • El Duro scrive:
    In italia ...siamo
    Come da sempre siamo sempre in italia con la i minuscola.Paese di ladri e truffatori e di tartassati.Solo il povero contribuente che ha sempre marciato inregola e pagato con il sangue, ora non ce la fa più: eallora non resta che imparare a rubare, come fanno i grandisignori. Ci sarebbe una soluzione: togliere quei soliti evecchi balzelli di "tasse" quelle che pagano sempre i poveri.
    • giancarlofff scrive:
      Re: In italia ...siamo
      Ma se i ladri hanno fondato perfino un partito.P.D.L.P.D.L.P.D.L.
    • ladro_infam e scrive:
      Re: In italia ...siamo
      ...se tu dici che siamo truffatori,ladri ecc...devi sapere che per essere così è perchè i nostri politici ci hanno insegnato per bene!
  • Vins scrive:
    Bah..
    Vorrei dire, a chi sostiene che qui non si parla della libera circolazione dei contenuti ma di "voglia di scroccare gratis prodotti commerciali", che la CULTURA non è composta solo dalle tesi e alle intuizioni filosofiche dei vecchi filosofi (o scienze, o matematica o affini), ma la cultura è TUTTO. Specialmente musica, film e quant'altro. E non venite a dirmi che non servono, perchè non si esiste solo per mangiare ma per "vivere"(nel vero senso della parola). E sfido chiunque ad avere una faccia tosta abbastanza da sostenere che riuscirebbe a vivere senza film, musica ecc accontentandosi delle uscite con gli amici o di giocare col figlio. Per carità, probabilmente sono tra le cose piu spiritualmente ed emotivamente remunerative, ma non si vive solo di quello. Il superfluo è l'indispensabile nella vita.Saluti da uno che la pensa come tanti e anche no.
    • samu scrive:
      Re: Bah..
      - Scritto da: Vins
      Vorrei dire, a chi sostiene che qui non si parla
      della libera circolazione dei contenuti ma di
      "voglia di scroccare gratis prodotti
      commerciali", che la CULTURA non è composta solo
      dalle tesi e alle intuizioni filosofiche dei
      vecchi filosofi (o scienze, o matematica o
      affini), ma la cultura è TUTTO.Britney spears e' cultura?Natale ai caraibi e' cultura? Dai smettila di nasconderti dietro un dito; la filosofia, la matematica hanno prodotto progressi (e regressi a volte) nella nostra vita.Film e Musica invece sono prodotti commerciali e basta, prodotti per lo svago delle persone e come tali vanno trattati.L'errore in italia e' che, per aiutare i soliti amici, hanno iniziato a finanziare il cinema nazionale, spacciandomelo per cultura... salvo poi vederlo come prodotto commerciale quando la gente lo scarica; sono daccordo che questa ambivalenza generi confusione e per questo propongo di eliminare il finanziamento al cinema, quei soldi sono sicuramente spesi meglio nelle pensioni, nella scuola o nella sanita.Per finire: se non riesci a vivere senza film o musica, vai e comprali, se invece li scarichi illegalmente commetti reato, molto semplice. Non sei daccordo con l'attuale normativa sul diritto d'autore ? Allora studiatela e inizia a lottare per un cambiamento di questa, invece che andare a scrocco e pretendere di avere ragione.
      • krane scrive:
        Re: Bah..
        - Scritto da: samu
        - Scritto da: Vins

        Vorrei dire, a chi sostiene che qui non si parla

        della libera circolazione dei contenuti ma di

        "voglia di scroccare gratis prodotti

        commerciali", che la CULTURA non è composta solo

        dalle tesi e alle intuizioni filosofiche dei

        vecchi filosofi (o scienze, o matematica o

        affini), ma la cultura è TUTTO.

        Britney spears e' cultura?
        Natale ai caraibi e' cultura?

        Dai smettila di nasconderti dietro un dito; la
        filosofia, la matematica hanno prodotto progressi
        (e regressi a volte) nella nostra
        vita.

        Film e Musica invece sono prodotti commerciali e
        basta, prodotti per lo svago delle persone e come
        tali vanno trattati.E noi come tali vogliamo che vengano trattati, non come rarita' preziose che devono essere andate a vedere nei musei o comprati a caro prezzo.
        L'errore in italia e' che, per aiutare i soliti
        amici, hanno iniziato a finanziare il cinema
        nazionale, spacciandomelo per cultura... salvo
        poi vederlo come prodotto commerciale quando la
        gente lo scarica; sono daccordo che questa
        ambivalenza generi confusione e per questo
        propongo di eliminare il finanziamento al cinema,
        quei soldi sono sicuramente spesi meglio nelle
        pensioni, nella scuola o nella sanita.Ottimo, su questo sono d'accordo.
        Per finire: se non riesci a vivere senza film o
        musica, vai e comprali, se invece li scarichi
        illegalmente commetti reato, molto semplice.E allora ?Se chi produce ritiene di non guadagnare abbastanza con il suo sistema di distribuzione che smetta di produrre oppure trovi un modo per distribuire dando un valore aggiunto maggiore a quello che viene percepito dalla gente.
        Non sei daccordo con l'attuale normativa sul
        diritto d'autore ? Allora studiatela e inizia a
        lottare per un cambiamento di questa, invece che
        andare a scrocco e pretendere di avere
        ragione.Le due cose sono indipendenti :- Da una parte c'e' la lotta per cambiare le cose che puo' essere effettuata da chi scarica o da chi non scarica.- Dall'altra c'e' chi scarica, che puo' lottare per cambiare o fregarsene, a sua scelta.
        • samu scrive:
          Re: Bah..
          - Scritto da: krane



          Film e Musica invece sono prodotti commerciali e

          basta, prodotti per lo svago delle persone e
          come

          tali vanno trattati.

          E noi come tali vogliamo che vengano trattati,
          non come rarita' preziose che devono essere
          andate a vedere nei musei o comprati a caro
          prezzo.Questo e' il mercato e chi produce puo' decidere il prezzo e le condizioni nessuno ti costringe ad accettarle.ti faccio un esempio:Io voglio una ferrari ma non mi posso permettere di spendere 500 000 euro quindi decido di rompere il vetro della concessionaria e di rubarne una . Poco importa che quando scarichi non c'e' un furto mentre con la ferrari si, la cosa importante della metafora di cui sopra e' che hai commesso un atto illegale.Se ritieni che il prezzo del prodotto che ti interessa e' eccessivo o le condizioni sono limitanti, allora non comprare quel prodotto.Se la maggioranza delle persone fa cosi' il produttore alla fine dovra' cambiare prezzo o condizioni per non fallire.Se viceversa alla maggioranza delle persone prezzo e condizioni vanno bene allora non fallira'.Sei libero di scegliere ma devi rispettare anche le scelte e le decisioni degli altri, queste sono le basi della democrazia.Se non sei daccordo puoi esprimere le tue perplessita' in modo civile e legale mediante gli strumenti appositamente creati e utilizzando la rete per raggiungere piu' persone possibili.Grazie allo scaricamento selvaggio, grazie alla pirateria, grazie a questa "lotta al sistema" abbiamo ottenuto solo la restrizione dei nostri diritti, una legislazione estremamente severa in materia e la ca**o di tassa dell'equo compenso; non ci vuole uno scienziato per capire che non e' questa la via da praticare.

          Per finire: se non riesci a vivere senza film o

          musica, vai e comprali, se invece li scarichi

          illegalmente commetti reato, molto semplice.

          E allora ?
          Se chi produce ritiene di non guadagnare
          abbastanza con il suo sistema di distribuzione
          che smetta di produrre oppure trovi un modo per
          distribuire dando un valore aggiunto maggiore a
          quello che viene percepito dalla
          gente.Non e' cosi' fintanto che gli si da la scusa di mettersi a piangere perche' la pirateria gli sta rovinando il mercato


          Non sei daccordo con l'attuale normativa sul

          diritto d'autore ? Allora studiatela e inizia a

          lottare per un cambiamento di questa, invece che

          andare a scrocco e pretendere di avere

          ragione.

          Le due cose sono indipendenti :
          - Da una parte c'e' la lotta per cambiare le cose
          che puo' essere effettuata da chi scarica o da
          chi non scarica.
          - Dall'altra c'e' chi scarica, che puo' lottare
          per cambiare o fregarsene, a sua scelta.C'e' anche la lotta civile, basata sul rispetto delle leggi e sull'utilizzare le stesse per rivendicare i propri diritti.Le persone non ascoltano le ragioni - magari giuste - dei terroristi, chiediti perche'.
          • krane scrive:
            Re: Bah..
            - Scritto da: samu
            - Scritto da: krane


            Film e Musica invece sono prodotti


            commerciali e basta, prodotti per lo


            svago delle persone e come


            tali vanno trattati.

            E noi come tali vogliamo che vengano trattati,

            non come rarita' preziose che devono essere

            andate a vedere nei musei o comprati a caro

            prezzo.
            Questo e' il mercato e chi produce puo' decidere
            il prezzo e le condizioni nessuno ti costringe ad
            accettarle.
            ti faccio un esempio:
            Io voglio una ferrari ma non mi posso permettere
            di spendere 500 000 euro quindi decido di rompere
            il vetro della concessionaria e di rubarne una .Alcune persone fanno esattamente quello, ma invece di cercarli e punire il singolo criminale tu vorresti che chiunque gira per le strade venga pesantemente controllato, le strade blindate, le uscite chiuse e tutti sottoposti a perquisizione con grande spreco di mezzi per evitare che circoli qualche auto rubata.
            Poco importa che quando scarichi non c'e' un
            furto mentre con la ferrari si, la cosa
            importante della metafora di cui sopra e' che hai
            commesso un atto illegale.E quindi ? Solo perche' qualche ferrari viene rubata tu vuoi impedire che la gente manifesti per far abbassare il prezzo della benzina.
            Se ritieni che il prezzo del prodotto che ti
            interessa e' eccessivo o le condizioni sono
            limitanti, allora non comprare quel prodotto.Infatti e' quello che faccio, solo che adesso oltre a non comprarlo posso anche scaricarlo, comprarlo dal nero all'angolo, copiarlo dall'amico; ma le due cose sono distinte.
            Se la maggioranza delle persone fa cosi' il
            produttore alla fine dovra' cambiare prezzo o
            condizioni per non fallire.E quindi ? Per il produttore cosa cambia se non compro e scarico o se non compro e compro dal nero che copia ? Cambia solo per la mafia.
            Se viceversa alla maggioranza delle persone
            prezzo e condizioni vanno bene allora non
            fallira'.Il che e' indipendente da fatto che le persone si procurino o non si procurino altrimenti il prodotto; il fatto e' che alle condizioni offerte la gente non compra e
            Sei libero di scegliere ma devi rispettare anche
            le scelte e le decisioni degli altri, queste sono
            le basi della democrazia.Chi ha comportamenti illegali e' a rischio di essere punito dalla legge, ma evidentemente il malus aggiunto da questo non e' sufficente a scoraggiare chi scarica, questo mi porta a pensare che il prezzo di acquisto dell'originare e' sproporzionato a quello che la gente ha intenzione di pagare.
            Se non sei daccordo puoi esprimere le tue
            perplessita' in modo civile e legale mediante gli
            strumenti appositamente creati e utilizzando la
            rete per raggiungere piu' persone possibili.Sembra che siccome qualcuno dei manifestanti ha precedenti penali allora tutti quelli che manifestano sono degli avanzi di galera, mi spiace ma le due cose sono distinte.
            Grazie allo scaricamento selvaggio, grazie alla
            pirateria, grazie a questa "lotta al sistema"
            abbiamo ottenuto solo la restrizione dei nostri
            diritti, una legislazione estremamente severa in
            materia e la ca**o di tassa dell'equo compenso;
            non ci vuole uno scienziato per capire che non e'
            questa la via da praticare.Assolutamente falso, altrimenti sarebbe sucXXXXX lo stesso quando si duplicavano le cassette o si compravano i cd dai neri che passavano nelle birrerie.


            Per finire: se non riesci a vivere senza


            film o musica, vai e comprali, se invece


            li scarichi illegalmente commetti reato,


            molto semplice.

            E allora ?

            Se chi produce ritiene di non guadagnare

            abbastanza con il suo sistema di distribuzione

            che smetta di produrre oppure trovi un modo per

            distribuire dando un valore aggiunto maggiore a

            quello che viene percepito dalla gente.
            Non e' cosi' fintanto che gli si da la scusa di
            mettersi a piangere perche' la pirateria gli sta
            rovinando il mercatoLa scusa l'ha sempre avuta, infatti si sono sempre lamentati delle cassette copiate, delle bancarelle con i cd copiati, semplicemente ora se la prendono con il nuovo mezzo come prima se la prendevano con gli altri.


            Non sei daccordo con l'attuale normativa sul


            diritto d'autore ? Allora studiatela e inizia


            a lottare per un cambiamento di questa, invece


            che andare a scrocco e pretendere di avere


            ragione.

            Le due cose sono indipendenti :

            - Da una parte c'e' la lotta per cambiare le

            cose che puo' essere effettuata da chi scarica

            o da chi non scarica.

            - Dall'altra c'e' chi scarica, che puo' lottare

            per cambiare o fregarsene, a sua scelta.
            C'e' anche la lotta civile, basata sul rispetto
            delle leggi e sull'utilizzare le stesse per
            rivendicare i propri diritti.E' quello che si sta cercando di fare, peccato che ci sia chi accusa chiunque di usare i torrent a scopi illegali sempre per forza illegali, fregandotene che ci siano anche un sacco di cose legali da scaricare.
            Le persone non ascoltano le ragioni - magari
            giuste - dei terroristi, chiediti perche'.Perche' i terroristi, come fai tu e le major, tendono a far confondere le acque: facendo credere che il mezzo coincida con le idee.
          • samu scrive:
            Re: Bah..
            - Scritto da: krane
            Alcune persone fanno esattamente quello, ma
            invece di cercarli e punire il singolo criminale
            tu vorresti che chiunque gira per le strade venga
            pesantemente controllato, le strade blindate, le
            uscite chiuse e tutti sottoposti a perquisizione
            con grande spreco di mezzi per evitare che
            circoli qualche auto
            rubata.Assolutamente no e' una tua supposizione e pure errata! ne per le auto ne' per internet.Giusto per chiarirci, non ho una videoteca :-)

            Poco importa che quando scarichi non c'e' un

            furto mentre con la ferrari si, la cosa

            importante della metafora di cui sopra e' che
            hai

            commesso un atto illegale.

            E quindi ? Solo perche' qualche ferrari viene
            rubata tu vuoi impedire che la gente manifesti
            per far abbassare il prezzo della
            benzina.Quello che voglio farti capire e' che se rubi un autoe poi scendi in piazza a protestare contro le leggi contro il furto sei un ipocrita.

            Se ritieni che il prezzo del prodotto che ti

            interessa e' eccessivo o le condizioni sono

            limitanti, allora non comprare quel prodotto.

            Infatti e' quello che faccio, solo che adesso
            oltre a non comprarlo posso anche scaricarlo,
            comprarlo dal nero all'angolo, copiarlo
            dall'amico; ma le due cose sono
            distinte.Con il lieve effetto collaterale che grazie alle tue azioni stai dando l'opportunita' agli "atto-litici" di fare leggi di controllo per internet.

            Se la maggioranza delle persone fa cosi' il

            produttore alla fine dovra' cambiare prezzo o

            condizioni per non fallire.

            E quindi ? Per il produttore cosa cambia se non
            compro e scarico o se non compro e compro dal
            nero che copia ? Cambia solo per la
            mafia.Cambia nel senso che con la scusa della pirateria gli dai i "numeri" necessari per andare in parlamento a piangere e urlare al fallimento.

            Sei libero di scegliere ma devi rispettare anche

            le scelte e le decisioni degli altri, queste
            sono

            le basi della democrazia.

            Chi ha comportamenti illegali e' a rischio di
            essere punito dalla legge, ma evidentemente il
            malus aggiunto da questo non e' sufficente a
            scoraggiare chi scarica, questo mi porta a
            pensare che il prezzo di acquisto dell'originare
            e' sproporzionato a quello che la gente ha
            intenzione di pagare.Ma questa non e' una scusa per commettere un illecito!Non stiamo parlando di beni di prima necessita', senza i quali muori, stiamo parlando di beni di svago sui quali e' lecito avere profitti; se il prezzo e' eccessivo nessuno ti obbliga a comprarlo, invece tu vuoi usufruire del prodotto senza averlo regolarmente acquistato e secondo te questo e' giusto ?Se ti interessa vedere un abbassamento dei prezzi non devi comprare il prodotto in nessun modo, se lo scarichi illegalmente invece dimostri che sei dipendente da quel prodotto e che quindi con le opportune strutture di controllo e leggi che ti impediscono di averlo a gratis correrai come un drogato al negozio ad acquistarlo/nolleggiarlo.E' questo che vuoi ? io no.

            Se non sei daccordo puoi esprimere le tue

            perplessita' in modo civile e legale mediante
            gli

            strumenti appositamente creati e utilizzando la

            rete per raggiungere piu' persone possibili.

            Sembra che siccome qualcuno dei manifestanti ha
            precedenti penali allora tutti quelli che
            manifestano sono degli avanzi di galera, mi
            spiace ma le due cose sono distinte.Sono cosi' distinte che la storia insegna il contrario ma evidentemente non c'e' piu' sordo di chi non vuol sentire.Ti ringrazio, grazie a gente come te che si sente in diritto di violare la legge per poter usufruire della "cultura" che solo britney spear puo' dare, a breve avro' la possibilita' di :- dover pagare una tassa sulla mia adsl - essere controllato in tutto il mio traffico internet- essere equiparato ad un terrorista perche' uso software GPLComplimenti, riuscirai a fare quello che M$ e univideo stan cercando di fare da anni.
          • krane scrive:
            Re: Bah..
            - Scritto da: samu
            - Scritto da: krane

            Alcune persone fanno esattamente quello, ma

            invece di cercarli e punire il singolo criminale

            tu vorresti che chiunque gira per le strade

            venga pesantemente controllato, le strade

            blindate, le uscite chiuse e tutti sottoposti

            a perquisizione con grande spreco di mezzi

            per evitare che circoli qualche auto rubata.
            Assolutamente no e' una tua supposizione e pure
            errata! ne per le auto ne' per internet.
            Giusto per chiarirci, non ho una videoteca :-)


            Poco importa che quando scarichi non c'e' un


            furto mentre con la ferrari si, la cosa


            importante della metafora di cui sopra e' che


            hai commesso un atto illegale.

            E quindi ? Solo perche' qualche ferrari viene

            rubata tu vuoi impedire che la gente manifesti

            per far abbassare il prezzo della benzina.
            Quello che voglio farti capire e' che se rubi un
            auto e poi scendi in piazza a protestare contro
            le leggi contro il furto sei un ipocrita.Anche le pubblicita' che parificano la copia al furto sono ipocrite.Anche la tassa dell'equo compenso e' ipocrita.Perche' sempre e solo il singolo cittadino non deve fare l'ipocrita ? E facciamolo anche noi ogni tanto !!


            Se ritieni che il prezzo del prodotto che ti


            interessa e' eccessivo o le condizioni sono


            limitanti, allora non comprare quel prodotto.

            Infatti e' quello che faccio, solo che adesso

            oltre a non comprarlo posso anche scaricarlo,

            comprarlo dal nero all'angolo, copiarlo

            dall'amico; ma le due cose sono distinte.
            Con il lieve effetto collaterale che grazie alle
            tue azioni stai dando l'opportunita' agli
            "atto-litici" di fare leggi di controllo per
            internet.Veramente quei numeri glie li stanno chiedendo da un po' e loro non li tirano fuori, ma tu sei sicuro che non sarebbe la stessa cosa se nessuno scaricasse ?La realta' dimostra il contrario, questi si stracciano le vesti ma tutti questi numeri non li tirano fuori, le analisi sono contrastanti tra loro, sei sicuro che non stai credendo a un sacco di ipocrisie e balle raccontate dalle major ?


            Se la maggioranza delle persone fa cosi' il


            produttore alla fine dovra' cambiare prezzo o


            condizioni per non fallire.

            E quindi ? Per il produttore cosa cambia se non

            compro e scarico o se non compro e compro dal

            nero che copia ? Cambia solo per la

            mafia.
            Cambia nel senso che con la scusa della pirateria
            gli dai i "numeri" necessari per andare in
            parlamento a piangere e urlare al fallimento.Se fosse cosi' non avrebbero problemi a darli questi numeri, cosa che invece nessuno fa, chi lo fa spara valori sempre diversi ed in contrasto tra loro.


            Sei libero di scegliere ma devi rispettare


            anche le scelte e le decisioni degli altri,


            queste sono le basi della democrazia.

            Chi ha comportamenti illegali e' a rischio di

            essere punito dalla legge, ma evidentemente il

            malus aggiunto da questo non e' sufficente a

            scoraggiare chi scarica, questo mi porta a

            pensare che il prezzo di acquisto dell'originare

            e' sproporzionato a quello che la gente ha

            intenzione di pagare.
            Ma questa non e' una scusa per commettere un
            illecito!La mia non era una scusante, ma una semplice analisi del fatto.
            Non stiamo parlando di beni di prima necessita',
            senza i quali muori, stiamo parlando di beni di
            svago sui quali e' lecito avere profitti; se il
            prezzo e' eccessivo nessuno ti obbliga a
            comprarlo, invece tu vuoi usufruire del prodotto
            senza averlo regolarmente acquistato e secondo te
            questo e' giusto ?Anche la galera per molti e' un prezzo eccessivo, eppure tra la fame ed il rischio di finire dentro c'e' chi sceglie il primo e chi il secondo.La stessa cosa per lo scaricamento, e' una questione di percezione del rischio e del risultato.
            Se ti interessa vedere un abbassamento dei prezzi
            non devi comprare il prodotto in nessun modo, se
            lo scarichi illegalmente invece dimostri che sei
            dipendente da quel prodotto e che quindi con le
            opportune strutture di controllo e leggi che ti
            impediscono di averlo a gratis correrai come un
            drogato al negozio ad acquistarlo/nolleggiarlo.Il discorso che fai tu non e' mai stato valido per niente, non vedo perche' dovrebbe esserlo per la musica scaricata.Altrimenti fammi qualche esempio in cui la gente che non ha dimostrato interesse per qualcosa ed ha ottenuto un abbassamento del prezzo.
            E' questo che vuoi ? io no.


            Se non sei daccordo puoi esprimere le tue


            perplessita' in modo civile e legale mediante


            gli strumenti appositamente creati e utilizzando


            la rete per raggiungere piu' persone possibili.

            Sembra che siccome qualcuno dei manifestanti ha

            precedenti penali allora tutti quelli che

            manifestano sono degli avanzi di galera, mi

            spiace ma le due cose sono distinte.
            Sono cosi' distinte che la storia insegna il
            contrario ma evidentemente non c'e' piu' sordo di
            chi non vuol sentire.Proprio perche' la storia insegna il contrario dovresti capire che il discorso che fai tu e' assolutamente impraticabile.
            Ti ringrazio, grazie a gente come te che si sente
            in diritto di violare la legge per poter
            usufruire della "cultura" Quindi ecco che solo perche' sono qui a discutere tu mi accusi apertamente di essere uno scaricatore selvaggio; vedi che non serve a niente non scaricare, tanto vieni accusato solo per essere favorevole al discorso.Quindi a che serve non scaricare nel privato ?
            che solo britney spear
            puo' dare, a breve avro' la possibilita' di :
            - dover pagare una tassa sulla mia adsl La paghi gia' sui supporti, e non hai nessun vantaggio per questo ne' mi sembra che ti dia fastidio la cosa, a me invece da' fastidio e vorrei qualcosa in cambio.
            - essere controllato in tutto il mio traffico
            internet
            - essere equiparato ad un terrorista perche' uso
            software GPL
            Complimenti, riuscirai a fare quello che M$ e
            univideo stan cercando di fare da anni.
  • il gelato che uccide scrive:
    Ma che c'entra ...
    Cosa c'entra la GPL la Creative Commons, la libertà di stampa e la possibilità di scrivere ciò che si vuole su internet, con il diritto a scaricarsi contenuti protetti da diritto d'autore da internet ?No perché se mischiate le carte, poi la gente non è che capisca molto, pensa magari che la libertà di usare un software GPL equive a copiarsi windows illegalmente.Dico questo perché spesso mi capita di trovare gente che per esempio si "scarica" Photoshop per modificare un paio di foto fatte col cellulare e quando gli spieghi che per un uso NON PROFESSIONALE è più che sufficiente GIMP ti risponde vabbè ma anche photoshop per me è gratis ed è più bello.Ecco ... siccome non sono casi limite mi sembra che parlare di open source e di pirateria nello stesso ambito sia una colossale ca..ta visto che di solito uno sono l'opposto dell'altro.
    • il gelato che uccide scrive:
      Re: Ma che c'entra ...
      Si ecco ... ho dimenticato un po` di virgole ... ma il succo è quello (rotfl)
    • krane scrive:
      Re: Ma che c'entra ...
      - Scritto da: il gelato che uccide
      Ecco ... siccome non sono casi limite mi sembra
      che parlare di open source e di pirateria nello
      stesso ambito sia una colossale ca..ta visto che
      di solito uno sono l'opposto dell'altro.E come confrontarli al meglio se non parlandone nello stesso contesto per far capire bene le differenze ?
      • samu scrive:
        Re: Ma che c'entra ...
        - Scritto da: krane
        - Scritto da: il gelato che uccide


        Ecco ... siccome non sono casi limite mi sembra

        che parlare di open source e di pirateria nello

        stesso ambito sia una colossale ca..ta visto che

        di solito uno sono l'opposto dell'altro.

        E come confrontarli al meglio se non parlandone
        nello stesso contesto per far capire bene le
        differenze ?Il rischio che il confronto generi confusione e' maggiore dell'eventuale chiarimento.Chi conosce entrambe le cose non ha necessita' di confrontarle, chi viceversa non le conosce rischia di confonderle.Diro' di piu', chi organizza quest'incontro non ha proprio idea di cosa sia la GPL e utilizza il nome come veicolo per portare avanti i propri interessi.Che cosa vuol dire "GPL society"? La Gpl esiste proprio grazie al diritto d'autore, la gpl ha validita' proprio grazie alle norme del diritto d'autore.. norme che secondo la frase della notizia hanno contribuito a fare il mondo brutto, pieno di guerre e inquinato.Poi nella notizia leggo:
        quello che i pirati vogliono dire forte al mondo che sono
        stufi di veder lucrare le major sulle loro intuizioni.veder lucrare le major sulle loro intuizioni... - cosa centra con la GPL ?- cosa centra con il diritto d'autore ?- cosa centra con la cultura ?Sono bei paroloni per giustificare atti illegali punto. Va benissimo, fatti vostri, ma non infangate il nome di chi veramente si fa un c*lo tanto cosi' per produrre software free.E smettetela anche di continuare a farmi passare il cd di Britney Spear o l'ultimo "Natale ai caraibi" per cultura.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 marzo 2009 17.49-----------------------------------------------------------
        • krane scrive:
          Re: Ma che c'entra ...
          - Scritto da: samu
          - Scritto da: krane

          - Scritto da: il gelato che uccideHey, perche' hai aggiunto questa roba qua sotto che io non avevo scritto ???

          quello che i pirati vogliono dire forte al
          mondo che sono


          stufi di veder lucrare le major sulle loro
          intuizioni.

          veder lucrare le major sulle loro intuizioni...
          - cosa centra con la GPL ?
          - cosa centra con il diritto d'autore ?
          - cosa centra con la cultura ?

          Sono bei paroloni per giustificare atti illegali
          punto. Va benissimo, fatti vostri, ma non
          infangate il nome di chi veramente si fa un c*lo
          tanto cosi' per produrre software
          free.

          E smettetela anche di continuare a farmi passare
          il cd di Britney Spear o l'ultimo "Natale ai
          caraibi" per
          cultura.
    • Angelo T scrive:
      Re: Ma che c'entra ...
      Sono d'accordo. Secondo me molti di questi che si lamentano della mancanza di libertà sotto sotto, intendono la libertà di rubare il lavoro degli altri.
    • CCC scrive:
      Re: Ma che c'entra ...
      - Scritto da: il gelato che uccide[...]
      Dico questo perché spesso mi capita di trovare
      gente che per esempio si "scarica" Photoshop per
      modificare un paio di foto fatte col cellulare e
      quando gli spieghi che per un uso NON
      PROFESSIONALE è più che sufficiente GIMP ti
      risponde vabbè ma anche photoshop per me è gratis
      ed è più
      bello.giusto per la precisione: ci sono molti grafici professionisti (e ne conosco personalmente alcuni) che GIMP lo usano PROFESSIONALMENTE... e di photoshop non sanno cosa farsene...
  • pippo75 scrive:
    Manca di coerenza il blog
    vado sul sito http://www.dicorinto.it/, passo in fondo alla pagina e trovo un link a:Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.5 License.apro questo link:http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/leggo tre punti, che sembrano quelli base- Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza.- In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza.- Questa licenza lascia impregiudicati i diritti morali.Loro voglio poter non rispettare la licenza di altri ( licenze più o meno ruspettive ), poi ti dicono che la loro invece deve essere rispettata.Per coerenza avrebbero dovuto dire, fato quello che volete del materiale.
    • hiccup scrive:
      Re: Manca di coerenza il blog
      - Scritto da: pippo75
      vado sul sito http://www.dicorinto.it/, passo in
      fondo alla pagina e trovo un link
      a:

      Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.5
      License.

      apro questo link:

      http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

      leggo tre punti, che sembrano quelli base

      - Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera,
      devi farlo secondo i termini di questa licenza,
      che va comunicata con
      chiarezza.
      - In ogni caso, puoi concordare col titolare dei
      diritti utilizzi di quest'opera non consentiti da
      questa
      licenza.
      - Questa licenza lascia impregiudicati i diritti
      morali.


      Loro voglio poter non rispettare la licenza di
      altri ( licenze più o meno ruspettive ), poi ti
      dicono che la loro invece deve essere
      rispettata.

      Per coerenza avrebbero dovuto dire, fato quello
      che volete del
      materiale.per coerenza dovrebbero uscire con un AK47 e sparare al primo che incontrano.Sai per coerenza schifata una legge schifate tutte.(rotfl)(cylon)(rotfl)
    • skyeye scrive:
      Re: Manca di coerenza il blog
      Ma di chi stai parlando?!?!? "Loro" sembra che parli di alieni!!!non e' che se io rilascio un prodotto sotto GPL automaticamente vuol dire che scarico musica illegalmente dal P2P!!
    • Arturo Di Corinto scrive:
      Re: Manca di coerenza il blog
      ...scusa ma se in un articolo io racconto che c'è della gente che mangia solo le rape devo mangiare solo rape pure io?E poi hai sorvolato su un passaggio importante del pezzo, e cioè che ci sono grandi quantità di materiali lecitamente scaricabili, come quelli sotto creative commons, appunto. Ecco, coi materiali del mio sito se ti sforzi a capire la licenza, ci puoi fare quello che vuoi, tranne un uso commerciale. Altrimenti accadrebbe che noi che produciamo per la comunità verremmo spossessati da un'azienda che prende i nostri materiali liberi e poi li mette sotto copyright, facendoli pagare e impedendone il riutilizzo.Non so se sono stato chiaro. Se vuoi ne riparliamo.a presto
      • bubba scrive:
        Re: Manca di coerenza il blog

        Non so se sono stato chiaro. Se vuoi ne
        riparliamo.
        a prestonon darti troppa pena... "pippo75" e' afflitto da trollismo qualunquista galoppante..
        • Scianao Maurizao scrive:
          Re: Manca di coerenza il blog
          - Scritto da: bubba

          Non so se sono stato chiaro. Se vuoi ne

          riparliamo.

          a presto
          non darti troppa pena... "pippo75" e' afflitto da
          trollismo qualunquista
          galoppante.. Un vidotecasauro...
        • samu scrive:
          Re: Manca di coerenza il blog
          - Scritto da: bubba

          Non so se sono stato chiaro. Se vuoi ne

          riparliamo.

          a presto
          non darti troppa pena... "pippo75" e' afflitto da
          trollismo qualunquista
          galoppante..Invece il concetto di pippo75 e' giusto: la GPL esiste e vive proprio in virtu' delle leggi sul diritto d'autore, essere contro il diritto d'autore e proporre la GPL e' quindi una contraddizione in termini.Mi spiego meglio: la differenza tra una GPL e la licenza del cd di britney spear e' che nel primo caso puoi prendere il programma, modificarlo, rivenderlo ecc. ecc. pur lasciando inalterato il testo della licenza e specificando da quale programma sei partito e fornendo i sorgenti.La "licenza" del cd di britney spear dice che devi pagare il cd XX euro e che non puoi copiarlo ne condividerlo con gli amici.E qui casca l'asino: perche' proporre la gpl e non rispettare la licenza del cd di BS ? La gpl non e' anarchia anzi, contrariamente alle leggende urbane dice chiaramente che cosa puoi fare e che cosa no.Se veramente si vuole protestare contro le major, se veramente si vuole lottare per una normativa sul diritto d'autore allora bisogna smettere di comprare CD, di andare al cinema e scaricare solo cio' che e' libero e condivisibile.Iniziative come questa festa invece altro non sono che la scusa perfetta per major, videotecatori e atto-litici (carlucci in primis) per lanciare anatemi sulla pirateria sulla necessita' della regolamentazione di internet contro pedofilia, terrorismo (.. e a breve l'alito cattivo ) .
          • skyeye scrive:
            Re: Manca di coerenza il blog
            - Scritto da: samu
            - Scritto da: bubba


            Non so se sono stato chiaro. Se vuoi ne


            riparliamo.


            a presto

            non darti troppa pena... "pippo75" e' afflitto
            da

            trollismo qualunquista

            galoppante..

            Invece il concetto di pippo75 e' giusto: la GPL
            esiste e vive proprio in virtu' delle leggi sul
            diritto d'autore, essere contro il diritto
            d'autore e proporre la GPL e' quindi una
            contraddizione in
            termini.
            Mi spiego meglio: la differenza tra una GPL e la
            licenza del cd di britney spear e' che nel primo
            caso puoi prendere il programma, modificarlo,
            rivenderlo ecc. ecc. pur lasciando inalterato il
            testo della licenza e specificando da quale
            programma sei partito e fornendo i
            sorgenti.

            La "licenza" del cd di britney spear dice che
            devi pagare il cd XX euro e che non puoi copiarlo
            ne condividerlo con gli
            amici.Pensavo che non avevi le idee chiare..
            E qui casca l'asino: perche' proporre la gpl e
            non rispettare la licenza del cd di BS ?

            La gpl non e' anarchia anzi, contrariamente alle
            leggende urbane dice chiaramente che cosa puoi
            fare e che cosa
            no.
            Se veramente si vuole protestare contro le major,
            se veramente si vuole lottare per una normativa
            sul diritto d'autore allora bisogna smettere di
            comprare CD, di andare al cinema e scaricare solo
            cio' che e' libero e
            condivisibile...invece mi sbagliavo...
            Iniziative come questa festa invece altro non
            sono che la scusa perfetta per major,
            videotecatori e atto-litici (carlucci in primis)
            per lanciare anatemi sulla pirateria sulla
            necessita' della regolamentazione di internet
            contro pedofilia, terrorismo (.. e a breve
            l'alito cattivo )
            .Ho capito!! non hai colto il senso della "festa".. non e' la festa del chi-scarica-di-piu'-roba-illegale e, con molto dispiacere, ti informo che non ci sara' nemmeno Britney Spear..:'(
    • CCC scrive:
      Re: Manca di coerenza il blog
      - Scritto da: pippo75
      vado sul sito http://www.dicorinto.it/, passo in
      fondo alla pagina e trovo un link
      a:

      Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.5
      License.

      apro questo link:

      http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

      leggo tre punti, che sembrano quelli base

      - Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera,
      devi farlo secondo i termini di questa licenza,
      che va comunicata con
      chiarezza.
      - In ogni caso, puoi concordare col titolare dei
      diritti utilizzi di quest'opera non consentiti da
      questa
      licenza.
      - Questa licenza lascia impregiudicati i diritti
      morali.


      Loro voglio poter non rispettare la licenza di
      altri ( licenze più o meno ruspettive ), poi ti
      dicono che la loro invece deve essere
      rispettata.

      Per coerenza avrebbero dovuto dire, fato quello
      che volete del
      materiale.pippo...te l'ho già dello per il post precedente e te lo ripeto ancora: prima di postare su cose che non conosci minimamente, perché non studi un pochino o ti informi un po'?lo dico anche nel tuo interesse: magari riusciresti ad evitare di fare qualcuna delle figure da ...o che fai sistematicamente...
      • pippo75 scrive:
        Re: Manca di coerenza il blog


        lo dico anche nel tuo interesse: magari
        riusciresti ad evitare di fare qualcuna delle
        figure da ...o che fai
        sistematicamente...A fare belle figure non sono interessato.Mi spieghi allora cosa sarebbe tutta questa problematica sul P2P.Lo fai con materiale Free/Open/Tuo e tutto è in regola ( basta avere materiale che pu○ essere condiviso ).Lo fai con materiale che non può essere condiviso, allora non si fa, perchè è ( come dici tu ) illegale.Mi hanno chiesto se mi piace che un CD costi 20 euro, non mi piace, ma difendo il diritto di chi lo vende di fare quel prezzo.dall'articolo:
        con il probabile risultato di renderla meno
        libera e meno inclusiva.dove l'hanno reso meno libera?
        "La cultura è di tutti ......"e cosa c'entra la cultura con il materiale protetto da diritto d'autore ( film, canzoni, programmi .... ).
        Persone che non credono più al mito dell'artista
        affamato che sarebbe danneggiato dal download
        illegale di musica e quindi, io non credo che non pagando l'imbianchino questo muoia di fame.La licenza del suo prodotto cosa dice? Posso ignorarla e fare quello che mi pare?
        "E poi la rete è piena di cose autoprodotte che è
        assolutamente lecito scaricare e condividere.
        Non è solo software libero, ma musica libera,
        film liberi e libri no-copyright. Perché non dovremmo?".Non dovremmo cosa?Condividerle, se l'autore è d'accordo.....
        assalto al copyrightNon mi va bene il copyright, non lo uso, ma rispetto il diritto degli altri.
        rivoluzione digitale ?Ma cosa vuole dire?
        "favorevole alla libera scaricabilità della musica"Forse stava facendo solo propaganda politica.
  • pippo75 scrive:
    Se condividere è lecito
    Anche quando presente nella licenza del prodotto allora posso dire che la licenza non ha valore.Quindi posso prendere un prodotto sotto licenza GPL ed ignorare anche quella.Ignoro la licenza Brutta, ignoro la licenza bella.Se qualcuno volesse condividere a scopo di lucro le vostre foto, sareste d'accordo?
    • skyeye scrive:
      Re: Se condividere è lecito
      Beh, se c'e' qualcuno disposto a pagare per una cosa gratuita.. ROTFL
      • samu scrive:
        Re: Se condividere è lecito
        - Scritto da: skyeye
        Beh, se c'e' qualcuno disposto a pagare per una
        cosa gratuita..
        ROTFLla GPL non dice che non puoi vendere il prodotto, la gpl dice che devi fornire il sorgente del prodotto che eventualmente vendi.Ignorare la GPL vuol dire prendere il programma e rivenderlo rifiutandosi di fornire i sorgenti o proibendo le modifiche al prodotto.Nella versione 3 vuol dire anche prendere il software e modificarlo per farlo funzionare con sistemi DRM.
    • hiccup scrive:
      Re: Se condividere è lecito
      - Scritto da: pippo75
      Anche quando presente nella licenza del prodotto
      allora posso dire che la licenza non ha
      valore.

      Quindi posso prendere un prodotto sotto licenza
      GPL ed ignorare anche
      quella.

      Ignoro la licenza Brutta, ignoro la licenza bella.

      Se qualcuno volesse condividere a scopo di lucro
      le vostre foto, sareste
      d'accordo?Questa e' un aspetto che mi sono chiesto spesso, e ho i seguenti dubbi:- per quale motivo le rendo pubbliche?- come le rendo pubbliche: in qualita' commerciale (stampabili, ingrandibili, senza watermark o altro, facilmente scaricabili)?- [OT] se non le ho rese pubbliche e sono state trafugate dal mio laptop personale, beh....Inoltre, secondo me, stai rimestando nel torbido:- non appoggiare il Copyright non vuol esattamente dire non appoggiare regolamentazione alcuna- non appoggiare restrizioni obsolete non vuol dire anarchia nel futuro- non appoggiare il diritto di autore per un'opera cui la collettivita' puo' avvantaggiarsi non e' lo stesso che rivendere foto semi-professionali di matrimonio [1]Se parti dall'assunto che criticare, aspramente, l'estabilishment del copyright come e' ora sia equivalente a dismettere ongi qualsivoglia normativa sulle opere stai sbagliando. Si tratta di evolvere ed aggiornare leggi e norme che sono dalla parte del proprietario del diritto (non del creatore) ai tempi correnti.Se il copyright delle foto/reportage/progetto foto' non e' piu' tuo ma lo hai ceduto alla agenzia cui lavori od a chi lo ha commissionato:- esattamente cosa protegge il copyright sulle foto? Tu l'autore?- cosa ti cambia se tali foto sono usate in una pubblicita' su internet senza pagare i diritti alla agenzia fotografica?L'argomento e' veramente complesso ed il ridurlo a:se eliminiamo una legge sciocca invitando tutti a non applicarla cosa ci impedira' di fare lo stesso con tutte le leggi a riguardo? Beh se vogliamo provocare e esagerare un poco:ahhrmem [sarcasm mode on]se si avvalla il fatto che il copyright e' inutile e tutti cominceranno a scaricare a "scrocco" cosa impedira' di rubare automobili (cit ;-) ), rapinare vecchiette, sparare a cani e gatti, uccidere i nostri vicini.Una volta messa in dubbio la legge l'armaghedon arrivera':fine di mondo.[sarcasm mode off][1] o sei stato assunto alla Magnum. Beh in questo caso non ti preoccupare: 1) ti pagano lo stesso, esponi lo stesso, ti commissionano lo stesso progetti 2) sanno come pubblicare foto digitali senza farsi XXXXXXX ;-) ) 3) guadagni dal diritto di autore, ma oramai guadagni di piu' con il tuo nome.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 marzo 2009 13.04-----------------------------------------------------------
    • mosilon scrive:
      Re: Se condividere è lecito
      a quello ci pensa corona - 500 euro a foto
    • CCC scrive:
      Re: Se condividere è lecito
      - Scritto da: pippo75
      Anche quando presente nella licenza del prodotto
      allora posso dire che la licenza non ha
      valore.e stai violando la normativa sul diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 s.m.i.)
      Quindi posso prendere un prodotto sotto licenza
      GPL ed ignorare anche
      quella.e stai violando la normativa sul diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 s.m.i.)
      Ignoro la licenza Brutta, ignoro la licenza bella.e stai violando la normativa sul diritto d'autore (legge 22 aprile 1941, n. 633 s.m.i.)
      Se qualcuno volesse condividere a scopo di lucro
      le vostre foto, sareste
      d'accordo?e stai violando la normativa sulla privacy (decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 s.m.i.):siccome c'è l'aggravante del lucro mi pare che ti fai un paio di anni di galera... e se la foto e di minorenne allora c'è la pedofilia di mezzo per cui rischi quasi l'ergastolo...in sostanza, mi pare che tu sia un po' confuso... hai idea molto vaga di cosa siano licenza d'uso e privacy (tanto da arrivare a confondere le due cose) e non conosci le relative normative (né il codice civile né quello penale...)quindi... prima di postare su queste cose, perché non studi un pochino o ti informi un po'?ciao
      • pippo75 scrive:
        Re: Se condividere è lecito

        in sostanza, mi pare che tu sia un po' confuso...
        hai idea molto vaga di cosa siano licenza d'uso e
        privacy (tanto da arrivare a confondere le due
        cose) e non conosci le relative normative (né il
        codice civile né quello
        penale...)Va bene, ammetto che posso non aver capito una mazza.Quale è il problema, convidino solo materiale la cui licenza lo permette e fine del discorso.Purtoppo molti vogliono condividere anche l'altro materiale.(Segue un Esempio campato per aria)D'accordo, tu per tua scelta vuoi violare la legge sul copyright, allora allo stesso modo io potrei chiedere che sia violabile la legge sulla privacy.Tu vuoi la libertà di diffondere una cosa, io volgio la libertà di diffondere l'altra.Non ti sta bene, tu vuoi essere tutelato sulla seconda, allo stesso modo io vorrei essere tutelato sulla prima.
        • krane scrive:
          Re: Se condividere è lecito
          - Scritto da: pippo75

          in sostanza, mi pare che tu sia un po'
          confuso...

          hai idea molto vaga di cosa siano licenza d'uso
          e

          privacy (tanto da arrivare a confondere le due

          cose) e non conosci le relative normative (né il

          codice civile né quello

          penale...)

          Va bene, ammetto che posso non aver capito una
          mazza.

          Quale è il problema, convidino solo materiale la
          cui licenza lo permette e fine del
          discorso.

          Purtoppo molti vogliono condividere anche l'altro
          materiale.

          (Segue un Esempio campato per aria)

          D'accordo, tu per tua scelta vuoi violare la
          legge sul copyright, allora allo stesso modo io
          potrei chiedere che sia violabile la legge sulla
          privacy.
          Tu vuoi la libertà di diffondere una cosa, io
          volgio la libertà di diffondere
          l'altra.

          Non ti sta bene, tu vuoi essere tutelato sulla
          seconda, allo stesso modo io vorrei essere
          tutelato sulla prima.Quindi tu pensi sia impossibile ridiscutere una legge senza metterle in discussione tutte ?Oppure ritieni le leggi simili ai 10 comandamenti, scritti da una divinita' e non da esseri umani passibili di sbagli e di adeguamento ai loro tempi ?
          • samu scrive:
            Re: Se condividere è lecito
            - Scritto da: krane
            Quindi tu pensi sia impossibile ridiscutere una
            legge senza metterle in discussione tutte
            ?

            Oppure ritieni le leggi simili ai 10
            comandamenti, scritti da una divinita' e non da
            esseri umani passibili di sbagli e di adeguamento
            ai loro tempi
            ?I modi e i metodi per ridiscutere le leggi ci sono e non consistono nel fare una festa il cui unico risultato sara' quello di dare piu' benzina da buttare sul fuoco ai vari barbareschi e carlucci.Puoi pensarla come vuoi ma se vuoi cambiare una legge fai una protesta civile e vedrai che troverai sostegno .Questa festa invece mi sembra solo una bambinata, ipocrita e ignorante quanto le dichiarazione della carlucci.
          • krane scrive:
            Re: Se condividere è lecito
            - Scritto da: samu
            - Scritto da: krane

            Quindi tu pensi sia impossibile ridiscutere una

            legge senza metterle in discussione tutte ?

            Oppure ritieni le leggi simili ai 10

            comandamenti, scritti da una divinita' e non da

            esseri umani passibili di sbagli e di

            adeguamento ai loro tempi ?
            I modi e i metodi per ridiscutere le leggi ci
            sono e non consistono nel fare una festa il cui
            unico risultato sara' quello di dare piu' benzina
            da buttare sul fuoco ai vari barbareschi e
            carlucci.Dici che si dovrebbe fare un partito per discutere la cosa in parlamento ? (Opps, gia' fatto c'e' gia' !)Oppure marce virtuali ? (Opps, gia' fatto !)O magare qualche manifestazione fisica ? (Opps, gia' fatto !)E' solo una forma di protesta come un'altra, perche' a te non piace come forma di protesta non importa e' solo la manifestazione di un segnale, come tanti e in diversa forma ci sono gia' stati ed altri ce ne saranno in futuro.
            Puoi pensarla come vuoi ma se vuoi cambiare una
            legge fai una protesta civile e vedrai che
            troverai sostegno.
            Questa festa invece mi sembra solo una bambinata,
            ipocrita e ignorante quanto le dichiarazione
            della carlucci.Come diceva Celentano : non importa come, purche' si parli, questo vale soprattutto nel teatrino italiano.
  • Bastard scrive:
    Benissimo
    Tutti i vari pirati, hacker e malfattori vari in un posto solo. Questo renderà più semplice il compito delle Forze dell'Ordine.In un unico, fulmineo, devastante intervento i nerd che pensano di sovvertire le istituzioni saranno rastrellati e puniti severamente. Di fronte all'impiego massiccio della forza di Stato tutti i loro discorsi bellicosi e le farneticazioni sulle loro mirabolanti "armi tecnologiche" e sulle "battaglie online" si riveleranno per quello che sono, cioè aria fritta.Il nerd, per sua natura vile, non può che ritirarsi piagnucolando di fronte alla minaccia della forza fisica. Non ci si lasci impietosire e si picchi! Si picchi forte, si picchi duramente, si sfracellino le ossa e si torcano gli arti. Ci si rallegri del grande pestaggio, si adoperi il manganello con gioia. Si usi massicciamente lo spray lacrimogeno, lo si riversi a litri nelle loro orbite.I nerd, i pirati, gli "hacker" hanno bisogno di una lezione di vita che può essere solo impartita nella giusta scuola. Quindi si affibbi loro una buona dose di scuola Diaz! Un po' della frizzante ed energetica aria di Bolzaneto aprirà loro le menti (che dopo una sonora randellata saranno più che disposte all'apprendimento) e consentirà loro di vedere la luce.Ovviamente la severa lezione dovrà essere coadiuvata da altri mezzi pedagogici quale l'immersione nelle tazze del XXXXX, le martellate sui genitali e abbondanti pestaggi e defecazioni facciali.Chi sopravviverà potrà essere restituito al tessuto sociale opportunamente ridimensionato.
  • Eclips scrive:
    errata corrige
    vole dire dove e quando...
  • Eclips scrive:
    dove e quando?
    Come faccio a sapere quando e quando? C'è un sito di riferimento o verrà annunciato su PI?
  • xxxxxxxxxx scrive:
    Attenti...
    ...a non dare l'impressione di essere solo interessatia scroccare in pace i contenuti (spesso poveri di cultura)prodotti e distribuiti dalle major.Cercate di porre l'accento sulla libera circolazionedella conoscenza e sulla riduzione dello sfruttamentodelle opere.E anche e soprattutto sul libero scambio di materiale,(scritto, audio o video) da perfetti sconosciuti, traprivati cittadini che lo fanno senza scopo di lucroma per il piacere di condividere informazioni.Se passerete per bambinetti cui interessa solo poterscaricare l'ultimo cartone animato hi-tech dal mulosecondo me avrete fallito, meritatamente.Ciao e divertitevi.
    • gabriella giudici scrive:
      Re: Attenti...
      You wrote:.a non dare l'impressione di essere solo interessatia scroccare in pace i contenuti (spesso poveri di cultura)prodotti e distribuiti dalle major.Cercate di porre l'accento sulla libera circolazionedella conoscenza e sulla riduzione dello sfruttamentodelle opere.E anche e soprattutto sul libero scambio di materiale,(scritto, audio o video) da perfetti sconosciuti, traprivati cittadini che lo fanno senza scopo di lucroma per il piacere di condividere informazioni.Ma non c'è contraddizione tra cultura libera e circolazione delle copie, salvo in un paese come il nostro ancora condizionato da un moralismo cattolico che faremmo bene a vedere per quel che è.
    • pippo75 scrive:
      Re: Attenti...

      Cercate di porre l'accento sulla libera
      circolazione
      della conoscenza e sulla riduzione dello
      sfruttamento
      delle opere.Alla gente della libera circolazione della conoscenza frega una mazza, questa eiste da anni, anche su internet.Guardate solo cose come wikipedia, usenet, miglia di forum dedicati.Non mi risulta che siano vietati.Solo che si vuole condividere il materiale commerciale spacciandolo per cultura ( e c'è molta coda di paglia ).
      scaricare l'ultimo cartone animato hi-tech dal
      mulo
      secondo me avrete fallito, meritatamente.Alle gentre non frega una mazza di fallire o no, basta scaricare gratis.La condivisione del proprio materiale non ha bisogno di fare proteste o simili, è perfettamente lecita.Ci sono milioni di siti dove le persona hanno messo il loro lavoro e possono farlo anche in Italia, queste protese a loro non servono.140 artisti inglesi si sono detti disponibili a condividere le loro canzoni, liberissimi di farlo ( la legge lo permette già da tempo ) , aspetto di vedere quando partono.
      • xxxxxxxxxx scrive:
        Re: Attenti...

        La condivisione del proprio materiale non ha
        bisogno di fare proteste o simili, è
        perfettamente
        lecita.
        Ci sono milioni di siti dove le persona hanno
        messo il loro lavoro e possono farlo anche in
        Italia, queste protese a loro non
        servono.Ok ma secondo me e' lecito protestare anche perl'eccessivo sfruttamento che ad oggi e' consentito.Secondo te e' sano dover pagare 20 euro un cde soprattutto l'obolo per riprodurre pubblicamentele canzoni dei Beatles a 30 anni di distanza dalloro sucXXXXX? Qui sono opinioni, io dico di no.Tu dirai che ognuno pone i limiti che vuole sullesue proprieta', giusto, ma allora ci dovrebberoriuscire tutti, non solo quelli che hanno del potere.Visto che poi in pratica se la pensata o l'operaXXXXXla fa uno sfigato qualunque che non ha i mezzi perdifenderla allora i soldi ce li fanno spesso altri,ora la frode (hai ragione, e' una frode)con questi nuovi strumenti informatici se la cuccaun po' anche chi non c'e' abituato.Benvenuti nella giungla. :-)
      • JiJJal scrive:
        Re: Attenti...
        - Scritto da: pippo75
        140 artisti inglesi si sono detti disponibili a
        condividere le loro canzoni, liberissimi di farlo
        ( la legge lo permette già da tempo ) , aspetto
        di vedere quando
        partono.www.nin.com(se piace il genere)
  • Aio Galapagos scrive:
    Lavorare no?
    Ma 'sta gente non c'ha proprio un caXXo da fare?
    • The Winner scrive:
      Re: Lavorare no?
      Pensi di lavorare solo tu?Pensi che loro mangino quello che scaricano?"Siamo quelli che di giorno gestiscono i backbone delle Telco, lavoriamo al chiodo per garantire la sicurezza della tua azienda, ma di notte produciamo software libero e contenuti liberi da copyright. Lo volete capire o no?"Io mi faccio il mazzo di giorno, e di notte mi diverto a fare sano hacking, che non vuol dire scaricare, vuol dire scrivere software.Non mi interessa se e chi lo userà, ma non mi sognerei mai di farlo pagare.Per evitare facili ironie, sottolineo, che oltre a fare sano hacking, qualche sera tr*mbo pure la moglie.
      • the best scrive:
        Re: Lavorare no?
        - Scritto da: The Winner
        Pensi di lavorare solo tu?
        Pensi che loro mangino quello che scaricano?

        "Siamo quelli che di giorno gestiscono i backbone
        delle Telco, lavoriamo al chiodo per garantire la
        sicurezza della tua azienda, ma di notte
        produciamo software libero e contenuti liberi da
        copyright. Lo volete capire o
        no?"

        Io mi faccio il mazzo di giorno, e di notte mi
        diverto a fare sano hacking, che non vuol dire
        scaricare, vuol dire scrivere
        software.
        Non mi interessa se e chi lo userà, ma non mi
        sognerei mai di farlo
        pagare.


        Per evitare facili ironie, sottolineo, che oltre

        a fare sano hacking, qualche sera tr*mbo pure la

        moglie.GENIUS!!!!
      • uomo comune scrive:
        Re: Lavorare no?
        E quando la Telco ti licenzierà come è sucXXXXX a molti continuerai a fare software gratis... o cercerai di fartelo pagare... con un sistema anticopia ?Fare l'hacker è un hobby, fare il pirata di contenuti è un fare il ladro comunque lo vedi, se poi devi vivere con il software lo devi bloccare, oppure campi di sano hacking e GPL?
        • panda rossa scrive:
          Re: Lavorare no?
          - Scritto da: uomo comune
          E quando la Telco ti licenzierà come è sucXXXXX a
          molti continuerai a fare software gratis... o
          cercerai di fartelo pagare... con un sistema
          anticopia
          ?E tu non hai capito niente, allora.Il business non e' quello di vendere il software, ma e' quello di farlo funzionare.
          Fare l'hacker è un hobby, fare il pirata di
          contenuti è un fare il ladro comunque lo vedi, se
          poi devi vivere con il software lo devi bloccare,Non si vive di software! Si vive di consulenza!Esattamente come gli artisti non vivono di cd venduti, ma di concerti!
          oppure campi di sano hacking e GPL?Trovati un hobby pure tu, dammi retta.Dicono che fare giardinaggio allunghi la vita...
          • ... scrive:
            Re: Lavorare no?

            Se una ditta, che dovrebbe essere fatta di
            professionisti, fare investimenti ed avere gente
            che lavora 8 ore, fa dei prodotti che non
            riescono ad essere concorrenziali con quelli di
            un singolo hobbista che programmucchia la sera e'
            giusto che
            chiuda.giustissimo!
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            giusto un corno.non c'entra nulla col discorso in primis.in secundis direi che su certi tipi di prodotto una ditta di medie dimensioni nn può competere cn un singolo professionista o cn una piccolissima azienda per un discorso di costi...e chi lavora sa di che parlo... il tizio che fa le 8 ora costa 1 occhio della testa... se gli devi dare anche dei locali e delle attrezzature + altri oneri (sicurezza sul lavoro ecc), si capisce come 2-3 soci di una stessa ditta nn legati da legame padrone-dipendente sono più avvantaggiati nei prodotti di nicchia a basso costo e a bassa diffusione.
          • krane scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio
            giusto un corno.
            non c'entra nulla col discorso in primis.A me sembra di si, forse sei tu che non hai capito bene...Del resto mi fai un esempio di un software fatto da hobbisti che abbia fatto concorrenza ad una grande ditta ?
            in secundis direi che su certi tipi di prodotto
            una ditta di medie dimensioni nn può competere cn
            un singolo professionista o cn una piccolissima
            azienda per un discorso di costi...E quindi ? Che dobbiamo pagare un prodotto il triplo perche' la ditta di medie dimensioni non riesce a competere ? Che cambi targhet.
            e chi lavora sa di che parlo...Dipende dal campo, tu lavori nel campo del free software che fa concorrenza al sw business, o sei il solito tuttologo all'italiana ?
            il tizio che fa le 8 ora costa 1 occhio della
            testa... se gli devi dare anche dei locali e
            delle attrezzature + altri oneri (sicurezza sul
            lavoro ecc), si capisce come 2-3 soci di una
            stessa ditta nn legati da legame
            padrone-dipendente sono più avvantaggiati nei
            prodotti di nicchia a basso costo e a bassa
            diffusione.E quindi ???
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: di passaggio

            giusto un corno.

            non c'entra nulla col discorso in primis.

            A me sembra di si, forse sei tu che non hai
            capito
            bene...
            Del resto mi fai un esempio di un software fatto
            da hobbisti che abbia fatto concorrenza ad una
            grande ditta
            ?ma tu ti alleni o proprio sei così?chi ha tirato in ballo la parola "hobbista"?di certo non io...una persona che fa SW nn è detto che sia un hobbista..può anche valere più di uno staff di 4-5 persone...cioè voi fate arrestare la gente mettendo in bocca parole nn loro. vergogna.


            in secundis direi che su certi tipi di prodotto

            una ditta di medie dimensioni nn può competere
            cn

            un singolo professionista o cn una piccolissima

            azienda per un discorso di costi...

            E quindi ? Che dobbiamo pagare un prodotto il
            triplo perche' la ditta di medie dimensioni non
            riesce a competere ? Che cambi
            targhet.appunto... qndi una ditta media non si può buttare in settori dove operano le piccole ditte...è proprio quello che volevo dire.hai capito. meglio tardi che mai.


            e chi lavora sa di che parlo...

            Dipende dal campo, tu lavori nel campo del free
            software che fa concorrenza al sw business, o sei
            il solito tuttologo all'italiana
            ?free software? giammai!tuttologo? io lavoro con quello che più mi aggrada, il resto "VADE RETRO"!


            il tizio che fa le 8 ora costa 1 occhio della

            testa... se gli devi dare anche dei locali e

            delle attrezzature + altri oneri (sicurezza sul

            lavoro ecc), si capisce come 2-3 soci di una

            stessa ditta nn legati da legame

            padrone-dipendente sono più avvantaggiati nei

            prodotti di nicchia a basso costo e a bassa

            diffusione.

            E quindi ???e quindi PENSAVO che avevi capito...
          • krane scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: di passaggio


            giusto un corno.


            non c'entra nulla col discorso in primis.

            A me sembra di si, forse sei tu che non hai

            capito bene...

            Del resto mi fai un esempio di un software fatto

            da hobbisti che abbia fatto concorrenza ad una

            grande ditta ?
            ma tu ti alleni o proprio sei così ?Pomeriggi e pomeriggi di sessioni di allenamento nel forum dei troll, tutti i freguentatori di quello mi sono testimoni.
            chi ha tirato in ballo la parola "hobbista"?
            di certo non io...Infatti l'ho tirata fuori io, capisco che ti piacciano i monologhi, ma se decidi di discorrere con qualcun altro puo' capitare che introduca concetti e parole che nel tuo monologo non avevi previsto.
            una persona che fa SW nn è detto che sia un
            hobbista..Ma va ? Di' giuro !
            può anche valere più di uno staff di 4-5
            persone...
            cioè voi fate arrestare la gente mettendo in
            bocca parole nn loro.
            vergogna.Ho anche quotato, quindi non ho messo in bocca proprio niente, se non ti va che la gente usi argomenti per rispondere ai tuoi non postare in luoghi dove i tuoi concetti e le tue affermazioni possano essere messe in discussione.


            in secundis direi che su certi tipi di


            prodotto una ditta di medie dimensioni


            nn può competere cn un singolo


            professionista o cn una piccolissima


            azienda per un discorso di costi...

            E quindi ? Che dobbiamo pagare un prodotto il

            triplo perche' la ditta di medie dimensioni non

            riesce a competere ? Che cambi targhet.
            appunto... quindi una ditta media non si può
            buttare in settori dove operano le piccole
            ditte...
            è proprio quello che volevo dire.
            hai capito. meglio tardi che mai.Ma sei un genio dell'economia, mai pensato di andare ad insegnare ? Io


            e chi lavora sa di che parlo...

            Dipende dal campo, tu lavori nel campo del free

            software che fa concorrenza al sw business, o

            sei il solito tuttologo all'italiana ?
            free software? giammai!
            tuttologo? io lavoro con quello che più mi
            aggrada, il resto "VADE RETRO"!Non si direbbe da quanto hai detto prima, in risposta a : Dicono che fare giardinaggio allunghi la vita..." di certo meglio che fare l'informatico. "


            il tizio che fa le 8 ora costa 1 occhio della


            testa... se gli devi dare anche dei locali e


            delle attrezzature + altri oneri (sicurezza


            sul lavoro ecc), si capisce come 2-3 soci di


            una stessa ditta nn legati da legame


            padrone-dipendente sono più avvantaggiati nei


            prodotti di nicchia a basso costo e a bassa


            diffusione.



            E quindi ???

            e quindi PENSAVO che avevi capito...Sei talmente radicato nel tuo modo di vedere il business che non riesci neanche a vedere la cosa da un altro punto di vista.
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?


            Pomeriggi e pomeriggi di sessioni di allenamento
            nel forum dei troll, tutti i freguentatori di
            quello mi sono
            testimoni.complimenti

            chi ha tirato in ballo la parola "hobbista"?

            di certo non io...

            Infatti l'ho tirata fuori io, capisco che ti
            piacciano i monologhi, ma se decidi di discorrere
            con qualcun altro puo' capitare che introduca
            concetti e parole che nel tuo monologo non avevi
            previsto.un discorso è che la usi, un discorso è che la fai dire a me.

            una persona che fa SW nn è detto che sia un

            hobbista..

            Ma va ? Di' giuro !boh... certo che sei strano.


            può anche valere più di uno staff di 4-5

            persone...

            cioè voi fate arrestare la gente mettendo in

            bocca parole nn loro.

            vergogna.

            Ho anche quotato, quindi non ho messo in bocca
            proprio niente, se non ti va che la gente usi
            argomenti per rispondere ai tuoi non postare in
            luoghi dove i tuoi concetti e le tue affermazioni
            possano essere messe in
            discussione.vabbè vabbè...solita solfa.




            in secundis direi che su certi tipi di



            prodotto una ditta di medie dimensioni



            nn può competere cn un singolo



            professionista o cn una piccolissima



            azienda per un discorso di costi...



            E quindi ? Che dobbiamo pagare un prodotto il


            triplo perche' la ditta di medie dimensioni
            non


            riesce a competere ? Che cambi targhet.


            appunto... quindi una ditta media non si può

            buttare in settori dove operano le piccole

            ditte...

            è proprio quello che volevo dire.

            hai capito. meglio tardi che mai.

            Ma sei un genio dell'economia, mai pensato di
            andare ad insegnare ? Iono mi annoia



            e chi lavora sa di che parlo...


            Dipende dal campo, tu lavori nel campo del
            free


            software che fa concorrenza al sw business, o


            sei il solito tuttologo all'italiana ?


            free software? giammai!

            tuttologo? io lavoro con quello che più mi

            aggrada, il resto "VADE RETRO"!

            Non si direbbe da quanto hai detto prima, in
            risposta a : Dicono che fare giardinaggio
            allunghi la
            vita...

            " di certo meglio che fare l'informatico. "
            assurda la profondità della mente umana... nn capisco la tua deduzione.



            il tizio che fa le 8 ora costa 1 occhio
            della



            testa... se gli devi dare anche dei locali e



            delle attrezzature + altri oneri (sicurezza



            sul lavoro ecc), si capisce come 2-3 soci
            di




            una stessa ditta nn legati da legame



            padrone-dipendente sono più avvantaggiati
            nei



            prodotti di nicchia a basso costo e a bassa



            diffusione.





            E quindi ???



            e quindi PENSAVO che avevi capito...

            Sei talmente radicato nel tuo modo di vedere il
            business che non riesci neanche a vedere la cosa
            da un altro punto di
            vista.anche se così fosse nn è un problema.cmq credo che sia tu a nn riuscire a vedere le cose da altri punti di vista.perchè io ammetto l'esistenza valida di punti di vista diversi, VOI andate in giro a sindacare, offendere o chissà cos'altro su cose diverse (ma nn ti preoccupare, è tipico del "bravo" informatico)
          • skyeye scrive:
            Re: Lavorare no?
            Si dice che l'eccezione conferma la regola, no?E un esempio di questa "azienda"? quante ce ne sono?
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            sicuramente ce ne sono...la mia una di queste.Un'altra nella mia stessa provincia.ma ce ne saranno altre in tutta italia.
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            senti nn hai capito niente.sei limitatissimo tu!
          • panda rossa scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio

            Trovati un hobby pure tu, dammi retta.

            Dicono che fare giardinaggio allunghi la vita...

            di certo meglio che fare l'informatico.E allora non lo fare l'informatico.Non sei capace, non ti piace, sei fossilizzato su una idea di business dello scorso secolo.Nessun dottore ti ha ordinato di fare l'informatico.Se lo ritieni meglio, vai a coltivarti l'orticello e poi vendi le zucchine fresche al mercato.
          • krane scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: di passaggio


            Trovati un hobby pure tu, dammi retta.


            Dicono che fare giardinaggio allunghi la


            vita...

            di certo meglio che fare l'informatico.
            E allora non lo fare l'informatico.
            Non sei capace, non ti piace, sei fossilizzato su
            una idea di business dello scorso
            secolo.

            Nessun dottore ti ha ordinato di fare
            l'informatico.
            Se lo ritieni meglio, vai a coltivarti
            l'orticello e poi vendi le zucchine fresche al
            mercato.Scherzi ? Poi si metterebbe ad insultare chi si fa l'orticello per conto suo accusandolo di rubargli il pane !!!
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            no, spero solo che il tuo sia distrutto dalle cavallette però.
          • krane scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio
            no, spero solo che il tuo sia distrutto dalle
            cavallette però.Un lavoratore malmesso, se auguri ad un hobbista di fallire perche' hai paura che ti faccia concorrenza (rotfl)
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            hobbysta?
          • krane scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio
            hobbysta?Ma leggi quando rispondi ?
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            no, vado a caso... ho un elenco di 100 risposte predefinite e un programmino che me ne sceglie 1 in maniera random... :-O
          • krane scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio
            no, vado a caso... ho un elenco di 100 risposte
            predefinite e un programmino che me ne sceglie 1
            in maniera random...
            :-OSuorCarlaVittoria con un DB di frasi diverse in pratica.
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?

            E allora non lo fare l'informatico.sono anche affari miei, sai...
            Non sei capace, probabile, ma ne sai qualcosa tu delle mie capacità?
            non ti piace, probabile, ma ne sai qualcosa tu se mi piace?
            sei fossilizzato su
            una idea di business dello scorso
            secolo.qua nn commento per educazione.Bel modello che avete proposto voi!avete rovinato l'informatica che una volta era l'eldorado.... e io me lo son perso xkè sn più giovane di quello che pensi.un modello che accentra nelle mani di realtà più o meno grandi, "grazie" a tutta una serie di elementi.
            Nessun dottore ti ha ordinato di fare
            l'informatico.ti sbagli. ho un certificato medico che parla chiaro.
            Se lo ritieni meglio, vai a coltivarti
            l'orticello e poi vendi le zucchine fresche al
            mercato.magari potessi farlo!
          • panda rossa scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio

            E allora non lo fare l'informatico.

            sono anche affari miei, sai...


            Non sei capace,

            probabile, ma ne sai qualcosa tu delle mie
            capacità?Lo deduco da come ti presenti qua: non e' difficile.


            non ti piace,

            probabile, ma ne sai qualcosa tu se mi piace?Lo hai detto tu che non ti piace.

            sei fossilizzato su

            una idea di business dello scorso

            secolo.

            qua nn commento per educazione.
            Bel modello che avete proposto voi!
            avete rovinato l'informatica che una volta era
            l'eldorado.... e io me lo son perso xkè sn più
            giovane di quello che
            pensi.
            un modello che accentra nelle mani di realtà più
            o meno grandi, "grazie" a tutta una serie di
            elementi.Visto che sei piu' giovane di quello che penso deduco che ti sei perso completamente gli anni '80 dove l'informatica e il business relativo erano costituiti dall'hardware, e il software era solo un corredo, un gadget gratuito, un valore aggiunto dell'hardware.La decadenza e' cominciata quando qualcuno ha ben pensato di speculare sul software invece di lasciare che il software fosse liberamente prodotto dalla comunita' e da chi lo sapeva scrivere.

            Nessun dottore ti ha ordinato di fare

            l'informatico.

            ti sbagli. ho un certificato medico che parla
            chiaro.Non so quale sia il tuo problema, ma visto che tiri in ballo una tua personalissima questione, ne approfitto per sottolineare come l'accessibilita' (e il rispetto degli standard) sia uno dei capisaldi del software libero, mentre e' regolarmente disattesa e calpestata da chi produce software commerciale con annesse protezioni.
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?

            Lo deduco da come ti presenti qua: non e'
            difficile.deduci pure quel che ti pare..io ho già fatto le mie deduzioni su di te da molto molto tempo, bollandoti come una delle peggiori persone presenti qui su PI.grazie.





            non ti piace,



            probabile, ma ne sai qualcosa tu se mi piace?

            Lo hai detto tu che non ti piace.lo hai dedotto tu... si potevan trarre altre conclusioni anche... basta nn avere un cervello binario in grado di dire solo 1 o 0.



            sei fossilizzato su


            una idea di business dello scorso


            secolo.



            Visto che sei piu' giovane di quello che penso
            deduco che ti sei perso completamente gli anni
            '80 dove l'informatica e il business relativo
            erano costituiti dall'hardware, e il software era
            solo un corredo, un gadget gratuito, un valore
            aggiunto
            dell'hardware.ah ora ti sei ben qualificato... tu sì che ne capisci! dimenticato i tempi di quando un software gestionale su misura te lo facevi pagare 7 milioni di lire (che sono molto più di 3500 euro)....allora dovremmo essere tutti tecnici dell'HW...NO alla programmazione SW.complimenti.
            La decadenza e' cominciata quando qualcuno ha ben
            pensato di speculare sul software invece di
            lasciare che il software fosse liberamente
            prodotto dalla comunita' e da chi lo sapeva
            scrivere.no la decandenza è iniziato quando s'è diffuso il web, sw craccati ecc ecc... poi aggiungendo altri concetti pericolosi a livello mentale.



            Nessun dottore ti ha ordinato di fare


            l'informatico.



            ti sbagli. ho un certificato medico che parla

            chiaro.

            Non so quale sia il tuo problema, non ti preoccupare
            ma visto che
            tiri in ballo una tua personalissima questione,
            ne approfitto per sottolineare come
            l'accessibilita' (e il rispetto degli standard)
            sia uno dei capisaldi del software libero,già il termine sw libero me le fa girare non di molto.poi nn mi sn mica schierato contro gli standard. sono 2 concetti scissi.
            mentre
            e' regolarmente disattesa e calpestata da chi
            produce software commerciale con annesse
            protezioni.discorso generico che invece va valutato di caso in caso
          • panda rossa scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: di passaggio

            Lo deduco da come ti presenti qua: non e'

            difficile.

            deduci pure quel che ti pare..
            io ho già fatto le mie deduzioni su di te da
            molto molto tempo, bollandoti come una delle
            peggiori persone presenti qui su
            PI.
            grazie.Indubbiamente: se hai preso te stesso come riferimento del quanto di meglio, la tua valutazione nei miei confronti mi riempie di orgoglio.



            non ti piace,





            probabile, ma ne sai qualcosa tu se mi piace?



            Lo hai detto tu che non ti piace.

            lo hai dedotto tu... si potevan trarre altre
            conclusioni anche... basta nn avere un cervello
            binario in grado di dire solo 1 o
            0.A me basta saper leggere.
            ah ora ti sei ben qualificato... tu sì che ne
            capisci! dimenticato i tempi di quando un
            software gestionale su misura te lo facevi pagare
            7 milioni di lire (che sono molto più di 3500
            euro)....appunto: "su misura". Parole tue.Tradotto in parle mie vuol dire "consulenza"

            La decadenza e' cominciata quando qualcuno ha
            ben

            pensato di speculare sul software invece di

            lasciare che il software fosse liberamente

            prodotto dalla comunita' e da chi lo sapeva

            scrivere.

            no la decandenza è iniziato quando s'è diffuso il
            web, Il web saranno neanche 10 anni che e' diffuso.
            sw craccati ecc ecc... sw craccati sono cose che fanno gli utenti windows.su unix di roba craccata non ne gira.
            poi aggiungendo altri
            concetti pericolosi a livello
            mentale.E' gia'... e' pericoloso pensare con la propria testa.
            già il termine sw libero me le fa girare non di
            molto.Non e' un problema mio.
            poi nn mi sn mica schierato contro gli standard.
            sono 2 concetti scissi.Scissi dove? Indicami un solo software proprietario che rispetti gli standard.

            mentre

            e' regolarmente disattesa e calpestata da chi

            produce software commerciale con annesse

            protezioni.
            discorso generico che invece va valutato di caso
            in casoPuo' darsi, ma fino ad ora, tutti i casi con cui ho avuto a che fare ci rientrano. Siamo al 100% della mia personalissima casistica (che e' bella vasta).
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?

            Indubbiamente: se hai preso te stesso come
            riferimento del quanto di meglio, la tua
            valutazione nei miei confronti mi riempie di
            orgoglio.son felice per te
            A me basta saper leggere.ti consiglio di impegnarti di più allora

            appunto: "su misura". Parole tue.
            Tradotto in parle mie vuol dire "consulenza"bella visione limitata.Puoi fare un prodotto su misura per una persona o anche un prodottino per studi medici ecc... ovvio che poi te li segui e hai tutto l'interesse a seguirteli, ma appunto, nn hai regalato un bel niente, nemmeno 7 milioni delle vecchie lire!e poi, x tua conoscenza, una cosa è dare assistenza su installazione ed uso (ed è impensabile scindere questo dal sw), una cosa è "consulenza", che può avere una miriade di altri oneri.




            Il web saranno neanche 10 anni che e' diffuso.appunto, mica ho detto che si parla degli ultimi 30!


            sw craccati ecc ecc...
            sw craccati sono cose che fanno gli utenti
            windows.
            su unix di roba craccata non ne gira.certo, nessuno si prende la briga di craccare lì, visto che si "aiuterebbe" una infinitesima parte di utenti pc e visto che lì si parla molto di free. in ogni caso non capisco l'utilità di questa tua precisazione.


            poi aggiungendo altri

            concetti pericolosi a livello

            mentale.

            E' gia'... e' pericoloso pensare con la propria
            testa.come sopra. no senso.


            già il termine sw libero me le fa girare non di

            molto.

            Non e' un problema mio.più che altro nn te ne accorgi.o cmq tu ne parli. chissà che lavoro fai nella vita.e nn mi interessa affatto saperlo. attualmente nn è nemmeno un problema mio cmq.


            poi nn mi sn mica schierato contro gli
            standard.


            sono 2 concetti scissi.

            Scissi dove? Indicami un solo software
            proprietario che rispetti gli
            standard.Non mi metto lì a far ricerche o indicarti roba! ma se hai 1 solo briciolo di cervello sai che in linea di principio sono 2 concetti diversi, e che si può fare sw closed rispettando gli standard! senza contare che dimmi che standard ci deve essere in un gestionale che legge da db!usi un db, i dati stanno lì... stop... ti fai un'applicazione terza che li legge. Se hai 2 briciole di cervello ti rendi conto che spesso nn lo si fa di proposito... e a ragione direi!ma qsto vale anche se fai la famigerata consulenza (e tutte le società che rientrano sotto qsto nome le chiuderei, visto che in genere tra l'altro sballottolano e maltrattano i dipendenti), xkè un cliente può anche cambiare un consulente. L'informatica a me serve per mangiare, non per fare arte.



            mentre


            e' regolarmente disattesa e calpestata da chi


            produce software commerciale con annesse


            protezioni.


            discorso generico che invece va valutato di caso

            in caso

            Puo' darsi, ma fino ad ora, tutti i casi con cui
            ho avuto a che fare ci rientrano. Siamo al 100%
            della mia personalissima casistica (che e' bella
            vasta).non è in ogni caso un problema.Il fatto che vi sia un 100% non implica che LOGICAMENTE (che parolone eh?) i concetti siano scissi e che puoi fare open senza seguire gli standar o closed seguendoli.Su quanto sia utile/intelligente/sensato/conveniente è appunto da discutere di caso in caso.Senza contare che spesso si parla solo di "mode" e paroloni per riempirsi la bocca e fare "figura"
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            e cosa c'entra con quello che avrei scritto io?
        • Wolf01 scrive:
          Re: Lavorare no?
          Non si vive vendendo software, si vende software come pretesto per fare assistenza e vivere di quella... oh bhe, questo dal punto di vista delle piccole software house
          • di passaggio scrive:
            Re: Lavorare no?
            solo piccole dici? mmmm... mi sa che puoi metterci dentro anche "medie".E fin qui nn ci sarebbe nulla di strano e di male... poi però "si va oltre" facendosi belli dicendo che il sw si deve regalare...ma saranno affari miei se decido di farmi pagare il sw 1000 euro e poi farmi dare 500 euro all'anno o decidere di farmi pagare direttamente 2000 euro all'anno!
        • 01234 scrive:
          Re: Lavorare no?
          ancora aristiamo al furto....ma :-O
      • Vihai Varlog scrive:
        Re: Lavorare no?
        - Scritto da: The Winner

        sicurezza della tua azienda, ma di notte
        produciamo software libero e contenuti liberi da
        copyright.Seza Copyright la GPL non vale una XXXX... o rilasci tutto al pubblico dominio?
    • Zago scrive:
      Re: Lavorare no?
      - Scritto da: Aio Galapagos
      Ma 'sta gente non c'ha proprio un caXXo da fare?hai commentato, quindi in quel momento anche tu non avevi un caxxo da fare ...invece di fare quel commento idiota potevi occupare quel tempo in modo costruttivo...tipo creare codice utile ...
    • Name scrive:
      Re: Lavorare no?
      Guardiamola sotto un altro punto di vista: senza di loro non esisterebbero i software P2P (ne linux, per dirne una). E tu non avresti la tua bella collezione di musica e film trash italiani anni '70. O magari neanche il sistema operativo che ti sta sotto il c**o in questo momento.Sei sicuro di preferirli a lavoro?E non dire che hai solo media originali perché non ci crederebbe neanche mia nipote di 3 anni.
    • Scianao Maurizao scrive:
      Re: Lavorare no?
      - Scritto da: Aio Galapagos
      Ma 'sta gente non c'ha proprio un caXXo da fare?E i videotecari che caXXo fanno nella vita?
    • pinco scrive:
      Re: Lavorare no?
      evidentemente non fa un XXXXX come tè!!!!
    • Luca Vincenti scrive:
      Re: Lavorare no?
      Quoto scherzosamente galapagos...ma io la chiamerei "La Festa degli scrocconi" senza troppa filosofia...
      • the best scrive:
        Re: Lavorare no?
        bravo!!! continua a pagare 20==40000 lire, un cd del c4zzo cn 5 canzoni di XXXXX è 1 bella
        • uomo comune scrive:
          Re: Lavorare no?
          Se il cd è di qualità pago 20 volentieri, altrimenti non lo compro e non lo scarico. Non vedo il problema.Il costo è un falso problema, guarda il fatturato delle suonerie e renderai conto che molta gente paga un euro per un trillo di 20 secondi, poi magari scarica un album intero senza pagare niente: se tu fossi un musicista saresti d'accordo?
          • krane scrive:
            Re: Lavorare no?
            - Scritto da: uomo comune
            Se il cd è di qualità pago 20 volentieri,
            altrimenti non lo compro e non lo scarico. Non
            vedo il problema.
            Il costo è un falso problema, guarda il fatturato
            delle suonerie e renderai conto che molta gente
            paga un euro per un trillo di 20 secondi, poi
            magari scarica un album intero senza pagare
            niente: se tu fossi un musicista saresti
            d'accordo?Cosa cambia al musicista ? Becca piu' soldi con le suonerie !!!!E comunque i musicisti a lavorare a fare concerti no ?Soprattutto senza una siae che chiede pacchi di soldi ai gruppi emergenti solo per suonare nelle birrerie.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Lavorare no?
            se tu fossi un musicista saresti
            d'accordo?Certamente no, starebbe a significare che la bella vita senza fare un ca22o è finita !
          • 01234 scrive:
            Re: Lavorare no?
            è un falso problema per chi di soldi ne ha un bel po'per molti anche un cd di 20 euro è un lusso, specie se poi c'è una sola canzone degna...5 sarebbero più che sufficienti a dare ampii ricavi, ma non sia mai...
    • ilPestifero scrive:
      Re: Lavorare no?
      Leggi certi articoli e pensi che non tutto è perduto.Che nonostante una ristretta oligarchia (governi, major, fmi etc.) faccia di tutto per tenere in scacco il popolo bue, la gente giorno dopo giorno acquisisce nuova consapevolezza.Poi leggi certi commenti e ti risvegli.In italia:(
    • CCC scrive:
      Re: Lavorare no?
      - Scritto da: Aio Galapagos
      Ma 'sta gente non c'ha proprio un caXXo da fare?e tu allora? che ci fai qui a postare il nulla?perché non stai a lavorare?
    • 01234 scrive:
      Re: Lavorare no?
      troll?
    • asd asd scrive:
      Re: Lavorare no?
      nn siamo mica capre come te ;Dmeglio un giorno da leone che ...
  • io sono.... scrive:
    mosilon
    io sono un pirata....tutto il resto è mafia
  • bubba scrive:
    ottimo, ma occhio..
    Usate l'intelligenza e l'arguzia.. per cose tipo "indicate le destinazioni dove si trovano materiali da scaricare" e riguardo la tipologia di materiali che verrano scaricati.... poiche e' solo dannoso far sfoggio di forza (e non di arguzia), sapendo che spirri vari vi stanno guardando.
    • Name scrive:
      Re: ottimo, ma occhio..
      In ogni caso se si creasse una flash mob penso che le forze dell'ordine se ne accorgerebbero, che ne pensi? ;)E poi far capire che c'è qualcuno che non la pensa come i nostri politici è anche quello che vogliono.
      • Bastard scrive:
        Re: ottimo, ma occhio..
        - Scritto da: Name
        In ogni caso se si creasse una flash mob penso
        che le forze dell'ordine se ne accorgerebbero,
        che ne pensi?Assolutamente, e la reazione sarebbe immediata, rapida e giustamente violenta! Manganellate sul cranio, frantumazione dei denti, slogamento delle mandibole.Così si puniscono i pedoterroristi.
  • francososo scrive:
    ottima iniziativa
    ottima iniziativa : ma ci vorrebbe qualcosa di più grande ... a livello europeo !
    • nodata scrive:
      Re: ottima iniziativa
      Finalmente !!!Sono manifestazioni che esistono da tempo in tutto il mondo. Ora, finalmente, sarà tenuta anche in Italia che come al solito è il fanalino di coda per quanto riguarda la cultura informatica. Meglio tardi che mai.
      • pippo75 scrive:
        Re: ottima iniziativa


        Sono manifestazioni che esistono da tempo in
        tutto il mondo. Ora, finalmente, sarà tenuta
        anche in Italia che come al solito è il fanalino
        di coda per quanto riguarda la cultura
        informatica. Meglio tardi che
        mai.Informatica.l'ultima frase " in un'intervista a Vanity Fair, in quanto "favorevole alla libera scaricabilità della musica".A quando l'informatica su "novella 2001".
        • skyeye scrive:
          Re: ottima iniziativa
          Ma ti e' mai passato per le mani Vanity Fair? dico anche solo per sbaglio? Purtroppo Vanity fair in Italia rimane uno dei pochi giornali liberi per politica e cultura!!
    • Paolo Brini scrive:
      Re: ottima iniziativa
      - Scritto da: francososo
      ottima iniziativa : ma ci vorrebbe qualcosa di
      più grande ... a livello europeo
      !Ciao! Si, certo, la Festa ha risonanza europea... vi posso anticipare che sarà certamente presente, fra gli altri, anche un candidato svedese al Parlamento Europeo. ;)
Chiudi i commenti