Hyperloop, competizione per la capsula

SpaceX annuncia l'avvio di una "Pod Competition" nel prossimo futuro, una sfida per sviluppare uno degli elementi principali del rivoluzionario sistema di trasporto proposto da Elon Musk

Roma – Si chiama SpaceX Hyperloop Pod Competition e ha l’obiettivo di selezionare – e magari realizzare in concreto – il migliore design della capsula in cui dovrebbero viaggiare i passeggeri di Hyperloop nel futuro prossimo venturo. La società di Elon Musk dice in ogni caso di voler agire solo come “facilitatore” per la realizzazione del sistema di trasporto di nuova generazione.

Come è abitudine per le iniziative proposte dal vulcanico Musk, l’idea di una competizione ingegneristica per scegliere il design di capsula migliore tra quelli proposti dal pubblico – aziende, istituti di ricerca e quant’altro – era già stata anticipata da Musk stesso qualche mese fa.

Le regole preliminari rilasciate in concomitanza con l’annuncio della Pod Competition rimandano ad agosto, quando verranno pubblicate le regole dettagliate del contest, e a settembre per proporre la propria creazione di capsula supersonica da far viaggiare sottovuoto nei lunghi tubi d’acciaio di Hyperloop.

SpaceX, come già detto, non ha intenzione di incaricarsi in maniera diretta della costruzione del nuovo, potenzialmente rivoluzionario sistema di trasporto per merci e passeggeri umani; quel che Musk intende fare, invece, è realizzare un primo tracciato Hyperlook di circa un miglio in California allo scopo di testare il sistema.

Il costo dell’operazione sarà di 100 milioni di dollari , una frazione dei 10 miliardi che secondo Musk sarebbero necessari a collegare Los Angeles e San Francisco riducendo i tempi di viaggio fra le due città – a 1.200 chilometri orari – a 30 minuti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    Le password nel cloud
    Il gestore di password nel cloud(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(newbie)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • prova123 scrive:
      Re: Le password nel cloud
      Chi pensa ad un gestore di password nel cloud evidentemente non è in grado nè di intendere nè di volere. IMHO se gli fanno l'analisi del DNA gli trovano evidenti tare genetiche.La perla: "ma i dati (criptati) degli utenti dovrebbero essere al sicuro anche in mano ai cyber-criminali" Andiamo bene! se usano il condizionale e non lo sanno loro ...Riepilogando: tutto ciò che è riservato non deve essere messo nel cloud. Win10 deve essere boicottato. Repetita juvant!
      • user o password non corretti scrive:
        Re: Le password nel cloud
        Chi non sa come funziona la crittografia dovrebbe astenersi dal fare certi commenti "leggermente" partigiani su questa o quella tecnologia di cui, evidentemente, non è in grado di valutare nulla.
        • panda rossa scrive:
          Re: Le password nel cloud
          - Scritto da: user o password non corretti
          Chi non sa come funziona la crittografia dovrebbe
          astenersi dal fare certi commenti "leggermente"
          partigiani su questa o quella tecnologia di cui,
          evidentemente, non è in grado di valutare
          nulla.La crittografia funziona nel seguente modo: "il giorno che trovano il modo di decrittografare i dati, lo faranno."Bug, anelli deboli, forza bruta, tutto quello che vuoi.Prima o poi salta.E infatti la buona norma della sicurezza prevede di ricrittografare tutto ogni volta che c'e' una evuluzione migliorativa.Se metti nel cloud, ti prendono il dato criptato, e poi quando sara' decrittabile lo potranno leggere.
          • Nome e cognome scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: user o password non corretti

            Chi non sa come funziona la crittografia
            dovrebbe

            astenersi dal fare certi commenti
            "leggermente"

            partigiani su questa o quella tecnologia di
            cui,

            evidentemente, non è in grado di valutare

            nulla.

            La crittografia funziona nel seguente modo: "il
            giorno che trovano il modo di decrittografare i
            dati, lo
            faranno."

            Bug, anelli deboli, forza bruta, tutto quello che
            vuoi.
            Prima o poi salta.
            E infatti la buona norma della sicurezza prevede
            di ricrittografare tutto ogni volta che c'e' una
            evuluzione
            migliorativa.

            Se metti nel cloud, ti prendono il dato criptato,
            e poi quando sara' decrittabile lo potranno
            leggere.Eh ma mica tutti ci possono arrivare a capirlo....
          • prova123 scrive:
            Re: Le password nel cloud
            Il cloud è l'unico punto debole di truecrypt 7.1a, in quanto l'unica vulnerabilità che ha è che in ram la password è in chiaro.Quando il niubbo moderno userà truecrypt con win10 senza rendersene conto consegnerà la password e keyfile a mamma microsoft. A questo punto aspetto le orde di fenomeni che diranno che anche la 7.1a non è sicura, provando a buttarla in caciara.Io aspetterò questi cialtroni con l'espressione della mucca che guarda passare il treno mentre mangia! :D
          • rico scrive:
            Re: Le password nel cloud
            Un articolo tecnico sull'argomento?
          • user o password non corretti scrive:
            Re: Le password nel cloud
            Hai perfettamente ragione ma non mi dirai che il tuo messaggio è equivalente a quello di prova123 perchè non è affatto vero, secondo il suo ragionamento non si deve usare TOR, non si deve usare SSL e così via, tanto è tutto bucabile e sono XXXXXXXX quelli che si fidano della crittografia.Tu hai semplicemente detto che quando si usa un qualsiasi servizio online per quanto crittografato si accetta un ragionevole rischio.Invece sarei interessato a leggere qualcosa di serio sull'argomento Win10 Truecrypt e non solo post su un forum. :P
        • prova123 scrive:
          Re: Le password nel cloud
          - Scritto da: user o password non corretti
          Chi non sa come funziona la crittografia dovrebbe
          astenersi dal fare certi commenti "leggermente"
          partigiani su questa o quella tecnologia di cui,
          evidentemente, non è in grado di valutare
          nulla.Chi nella vita ha scritto almeno una riga di software (in generale) decente capisce senza il minimo problema che l'algoritmo può essere perfetto, ma il problema è cosa accade ai dati dopo.Ti faccio un esempio:1.Cripta un gruppo di file con il RAR2.Fai un installer a sua volta criptatoTranquillo che la password del file rar (lunga quanto vuoi e con i caratteri che vuoi)te la dico in meno 5 minuti. :)Adesso hai capito ?PS: capisco che quando scrivi castronerie ti vergogni di quello che scrivi, la prossima volta usa il tuo nickname tanto l'hanno capito tutti chi sei, eviti solo di peggiorare la figura di palta.
          • Hop scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: prova123
            - Scritto da: user o password non corretti

            Chi non sa come funziona la crittografia
            dovrebbe

            astenersi dal fare certi commenti "leggermente"

            partigiani su questa o quella tecnologia di cui,

            evidentemente, non è in grado di valutare

            nulla.

            Chi nella vita ha scritto almeno una riga di
            software (in generale) decente capisce senza il
            minimo problema che l'algoritmo può essere
            perfetto, ma il problema è cosa accade ai dati
            dopo.

            Ti faccio un esempio:
            1.Cripta un gruppo di file con il RAR
            2.Fai un installer a sua volta criptato
            Tranquillo che la password del file rar (lunga
            quanto vuoi e con i caratteri che vuoi)te la dico
            in meno 5 minuti.
            :)E chi sei l'autore di duqu 2? :D
          • prova123 scrive:
            Re: Le password nel cloud
            (rotfl)ho sfruttato semplicemente la debolezza dei sistemi "complessi". L'esempio è perfetto per spiegare che tu puoi avere 2 software praticamente inaccessibili se non con forza bruta (la password era di circa 40 caratteri e c'era un pò di tutto) che quando li metti insieme il sistema diventa di burro pur utilizzando algoritmi di crittografia ineccepibili. Adesso pensa un pò cosa si può fare con un sistema operativo su "cloud".
        • max_cara scrive:
          Re: Le password nel cloud
          - Scritto da: user o password non corretti
          Chi non sa come funziona la crittografia dovrebbe
          astenersi dal fare certi commenti "leggermente"
          partigiani su questa o quella tecnologia di cui,
          evidentemente, non è in grado di valutare
          nulla.LastPass usa il condizionale. Fidati, ne capiscono 100.000.000.000 di volte più di te.
      • Funz scrive:
        Re: Le password nel cloud
        - Scritto da: prova123
        Riepilogando: tutto ciò che è riservato non deve
        essere messo nel cloud. Win10 deve essere
        boicottato. Repetita
        juvant!Ceterum censeo Redmundum esse delendam, Cupertinusque :p
        • prova123 scrive:
          Re: Le password nel cloud
          Io la penso diversamente, microsoft non deve essere distrutta altrimenti si reinizia tutto daccapo. La cosa importante è tenerla sotto scacco, è un "nemico" che si conosce bene, i suoi sistemi operativi sono più analizzati degli open source :D, solo che adesso con win10 sta provando a liberarsi dalle briglie. Ma come tutte le multinazionali enormi ha un punto debolissimo ha bisogno di tanto denaro ... se vorrà ancora avere il mio denaro dovrà abbandonare l'idea malsana di sistema operativo on cloud. Voglio vedere la faccia dei produttori di hw che a causa di questa cazz*ta non dovessero vendere hw per 6/7/8 mesi un anno ... noi abbiamo in tasca un'arma potentissima: il portafoglio. Vuoi il mio denaro? Fai il sistema come piace a me altrimenti pazienza non vedrai un centesimo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: prova123
            Io la penso diversamente, microsoft non deve
            essere distrutta altrimenti si reinizia tutto
            daccapo. Ma stiamo scherzando?M$ e' stata una palla al piede dell'evoluzione informatica molto piu' di quanto la chiesa cattolica e' stata una palla al piede della scienza nel medioevo.Senza M$ oggi avremmo reti globali e calcolo distribuito diponibile per tutti e completamente open.
          • Hop scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: prova123

            Io la penso diversamente, microsoft non deve

            essere distrutta altrimenti si reinizia tutto

            daccapo.

            Ma stiamo scherzando?
            M$ e' stata una palla al piede dell'evoluzione
            informatica molto piu' di quanto la chiesa
            cattolica e' stata una palla al piede della
            scienza nel
            medioevo.

            Senza M$ oggi avremmo reti globali e calcolo
            distribuito diponibile per tutti e completamente
            open.Da far girare sugli 8088 :DSenza un mercato di massa chi svilupperebbe l'hardware?
          • panda rossa scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: Hop
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: prova123


            Io la penso diversamente, microsoft non
            deve


            essere distrutta altrimenti si reinizia
            tutto


            daccapo.



            Ma stiamo scherzando?

            M$ e' stata una palla al piede
            dell'evoluzione

            informatica molto piu' di quanto la chiesa

            cattolica e' stata una palla al piede della

            scienza nel

            medioevo.



            Senza M$ oggi avremmo reti globali e calcolo

            distribuito diponibile per tutti e
            completamente

            open.
            Da far girare sugli 8088 :D
            Senza un mercato di massa chi svilupperebbe
            l'hardware?http://www.hwupgrade.it/news/sistemi/un-amiga-2000-di-30-anni-fa-gestisce-il-riscaldamento-di-un-intero-distretto-di-scuole-negli-usa_57663.html
          • Utente scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Hop

            - Scritto da: panda rossa


            - Scritto da: prova123



            Io la penso diversamente,
            microsoft
            non

            deve



            essere distrutta altrimenti si
            reinizia

            tutto



            daccapo.





            Ma stiamo scherzando?


            M$ e' stata una palla al piede

            dell'evoluzione


            informatica molto piu' di quanto la
            chiesa


            cattolica e' stata una palla al piede
            della


            scienza nel


            medioevo.





            Senza M$ oggi avremmo reti globali e
            calcolo


            distribuito diponibile per tutti e

            completamente


            open.

            Da far girare sugli 8088 :D

            Senza un mercato di massa chi svilupperebbe

            l'hardware?

            http://www.hwupgrade.it/news/sistemi/un-amiga-2000Infatti Amiga aveva (ha) un hardware avanzatissimo per l'epoca,purtroppo però la massa di utonti è stata infinocchiata daaltri sistemi più rozzi e spacciati per "professionali".Se ne avessero garantito lo sviluppo fino ai giorni nostri,adesso avremmo fra le mani dei super-ultra-mega-computer.Quindi ecco che significa "indirizzare" la massa verso unsistema piuttosto che un altro...
          • Funz scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: prova123
            Io la penso diversamente, microsoft non deve
            essere distrutta altrimenti si reinizia tuttoDistrutta, rasa al suolo la sede, la terra arata e cosparsa di sale :p
            daccapo. La cosa importante è tenerla sotto
            scacco, è un "nemico" che si conosce bene, i suoi
            sistemi operativi sono più analizzati degli open
            source :D, solo che adesso con win10 sta provando
            a liberarsi dalle briglie. Ma come tutte le
            multinazionali enormi ha un punto debolissimo ha
            bisogno di tanto denaro ... se vorrà ancora avere
            il mio denaro dovrà abbandonare l'idea malsana di
            sistema operativo on cloud. Voglio vedere lama se tutta la sua strategia attuale è centrata su quello. Se fallisce li, si troverà in brutte acque.
            faccia dei produttori di hw che a causa di questa
            cazz*ta non dovessero vendere hw per 6/7/8 mesi
            un anno ... noi abbiamo in tasca un'arma
            potentissima: il portafoglio. Vuoi il mio denaro?
            Fai il sistema come piace a me altrimenti
            pazienza non vedrai un
            centesimo.purtroppo noi che teniamo il portafoglio dalla parte del manico siamo la minoranza, il resto della gente non sa manco quello che compra.
    • aphex_twin scrive:
      Re: Le password nel cloud
      .... che fenomeni. :(
      • fenomeno scrive:
        Re: Le password nel cloud
        La mia passuord è 123456Cosa ne dici posso fidarmi?(newbie)
      • bubba scrive:
        Re: Le password nel cloud
        - Scritto da: aphex_twin
        .... che fenomeni. :(mettiamo un post serio? ...# idea generale #vcsjones wrote:I feel like LastPass needs to really lay out their security. They tout PBKDF2-SHA256 with 100k rounds. Sure, that is pretty good. But they also mention doing 5k rounds on the client side. What is the relationship between the client side PBKDF2 and server side? What about the salt that goes in there?rounds = user_rounds || 5000 // the iteration count is user-defined. default is 5kencryption_key = PBKDF2(HMAC-SHA256, password, salt, rounds) // this is what unlocks your vaultauth_key = sha256(encryption_key) // this is what is sent to the server for authenticationserver_hash = PBKDF2(HMAC-SHA256, auth_key, salt, 100000) // this is what is stored in the auth dbSo the full algorithm for the password stored in the database, which is what the attackers obtained, is:PBKDF2(HMAC-SHA256, sha256(PBKDF2(HMAC-SHA256, password, salt, rounds)), salt, 100000)Ain't nobody got time for that.# oclhashcat tests #http://hashcat.net/forum/thread-4446-post-25317.html( e' slow as hell :P chissa' con appositi asic ...)
        • Hop scrive:
          Re: Le password nel cloud
          - Scritto da: bubba
          - Scritto da: aphex_twin

          .... che fenomeni. :(
          mettiamo un post serio? ...
          Bravo, e poi chi lo capisce? ;)
          • panda rossa scrive:
            Re: Le password nel cloud
            - Scritto da: Hop
            - Scritto da: bubba

            - Scritto da: aphex_twin


            .... che fenomeni. :(

            mettiamo un post serio? ...


            Bravo, e poi chi lo capisce? ;)In questo forum quasi tutti.Pefino bertuccia.Tu no? (rotfl)
Chiudi i commenti