I filtri? Servono a schivare mamme inviperite

Le connessioni protette all'aeroporto di Denver sono uno strumento indispensabile e piacciono a tutti. Rassicurano i genitori che lasciano pascolare i figli fra i gate, computer alla mano
Le connessioni protette all'aeroporto di Denver sono uno strumento indispensabile e piacciono a tutti. Rassicurano i genitori che lasciano pascolare i figli fra i gate, computer alla mano

Filtri all’aeroporto di Denver? Schermate blu che bloccano l’accesso a certi contenuti? Sì. Permettono di soddisfare la sete di connettività dei viaggiatori e di prevenire le invettive di genitori preoccupati per i propri figli, che altrimenti rischierebbero di imbattersi di immagini inappropriate, approfittando del WiFi gratuito del terminal.

Accesso vietato Molto rumore per nulla, assicurano i rappresentanti della struttura aeroportuale: se il celeberrimo musicista David Byrne non avesse tentato di accedere a uno dei suoi siti preferiti dalla rete WiFi, se non avesse sollevato tutto quel polverone puntando il dito contro filtri che filtrano a sproposito, tutto sarebbe passato inosservato.

Byrne aveva infatti segnalato che il sistema di sicurezza, che protegge gli utenti del WiFi dell’aeroporto quanto i cittadini di paesi censori, non gli aveva permesso di navigare sul celebre blog BoingBoing . Era preoccupato del fatto che il famigerato messaggio che impediva l’accesso alla pagina avvertisse che blog e wiki sono categorie potenzialmente soggette a blocchi.

Ma non di soli blog e wiki si tratta, avverte The Denver Post : Vanity Fair è inaccessibile, troppo provocatorio , così come sono provocatorie le foto di Sport Illustrated che raffigurano gli statuari corpi nei nuotatori a bordo piscina.

A vigilare sulle sessioni online di viaggiatori c’è Webwasher, spiega Chuck Cannon, tecnico dell’aeroporto, ed è operativo dal momento in cui l’aeroporto ha iniziato a fornire connettività gratuita. Il sistema di filtraggio permette di garantire il servizio dribblando le lamentele di coloro che online si imbattono in contenuti inappropriati, in primis le famiglie. I figli, evidentemente, hanno abbandonato passatempi dinamici quali il nascondino fra i gate e il salto della poltroncina: dotati di PDA e portatili si scatenano online e rischiano di imbattersi in contenuti inadatti a loro. Contenuti dei quali le famiglie puntualmente si lamentano, attribuendo la responsabilità al personale tecnico che gestisce il sistema WiFi.

Per questo motivo i filtri sono un buon compromesso, assicura Cannon: le pagine bloccate sono solo l’1 per cento su quasi due milioni di pagine caricate e le proteste formali da parte di coloro che imputano all’aeroporto pratiche censorie sono state solo due nel giro di tre mesi di operatività a pieno ritmo, con 4mila connessioni al giorno.

Non che i viaggiatori navighino esclusivamente le pagine a prova di Webwasher, non che si siano rassegnati alla selezione della rete operata a monte dal servizio dell’aeroporto. È un habitué del terminal di Denver a segnalare a BoingBoing che non esiste modo di inoltrare ai gestori del servizio un reclamo riguardo alla pratiche censorie.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 03 2008
Link copiato negli appunti