I requisiti di Windows 8.1, il taglio di Surface RT

Redmond annuncia le nuove specifiche hardware che gli OEM dovranno adottare nei prossimi mesi e anni per vendere prodotti "certificati" Windows 8. Nel frattempo taglia il prezzo del suo tablet ARM
Redmond annuncia le nuove specifiche hardware che gli OEM dovranno adottare nei prossimi mesi e anni per vendere prodotti "certificati" Windows 8. Nel frattempo taglia il prezzo del suo tablet ARM

Microsoft ha colto l’occasione della Worldwide Partner Conference per rendere noti i requisiti hardware necessari a commercializzare prodotti certificati Windows 8.1, una serie di periferiche e funzionalità che dovranno andare di pari passo con una comunicazione al cliente finale maggiormente focalizzata.

i requisiti per la certificazione di windows 8.1

L’iniziativa di Microsoft è parte di una accresciuta attenzione nei confronti dei produttori OEM, un tentativo di migliorare le sorti sin qui non brillantissime dell’OS a piastrelle: le nuove funzionalità hardware richieste dai dispositivi Windows 8.1 comprendono gli hard disk SATA ibridi (memoria flash + unità magnetiche), GPU con model driver WDDM 1.3, supporto alle comunicazioni di prossimità (NFC), Precision Touchpad (quest’ultimo richiesto per dispositivi ARM e opzionale per sistemi x86-64), fotocamera frontale da 720p, supporto allo standard Bluetooth accanto al WiFi.

Questi e altri requisiti hardware (inclusi speaker e microfoni ad “alta fedeltà” per le applicazioni di videoconferenza in ottica enterprise) entreranno in vigore a partire dal gennaio 2014, mentre per l’anno successivo (gennaio 2015) è prevista l’adozione obbligatoria di un modulo TPM 2.0 (Trusted Platform Module) per le comunicazioni cifrate.

Microsoft ci tiene a sottolineare che gli OEM, oltre ad adottare i nuovi requisiti, dovranno fornire maggiore attenzione alle necessità dell’acquirente nel proporre l’acquisto di un dispositivo Windows 8(.1) sia che si tratti di esigenze di business, di reparti IT o degli utenti che i PC/gadget dovranno alla fine usarli. In altre parole, la comunicazione commerciale dovrà comunque indirizzare al prodotto giusto per il compito per cui l’acquirente vuole impiegarlo.

Per quanto riguarda i prodotti consumer e i gadget portatili – un mercato in cui l’azienda di Redmond ha intenzione di giocare un ruolo molto più incisivo che in passato – Microsoft pensa a tagliare i prezzi dei sistemi Surface RT (CPU ARM e OS Windows RT) del 30 per cento (150 dollari): la versione da 32 GB del dispositivo ora costa 349 dollari, mentre quella da 64 GB a 499 dollari. In Italia ora il prezzo di Surface RT parte da 337 euro .

Il taglio ai prezzi di Surface RT è l’ennesimo tentativo di Microsoft di incrementare le vendite di un sistema (Windows 8, e nel caso anche Windows RT) che non ha esattamente scatenato un’epidemia virale: le colpe di questo scarso successo, almeno negli USA e secondo gli analisti di IDC, vanno attribuite a un mercato dei PC sostanzialmente saturato e alla maggiore attrattiva di Windows 7 per il business. I cicli di upgrade sono rallentati in maniera considerevole, dice IDC, ma le cose dovrebbero ora stabilizzarsi.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 07 2013
Link copiato negli appunti