I videogame aiutano i più giovani

Una ricerca del Centro Studi sull'Adolescenza afferma che la Tv danneggia le capacità creative mentre videogiochi, libri e fumetti possono essere importanti
Una ricerca del Centro Studi sull'Adolescenza afferma che la Tv danneggia le capacità creative mentre videogiochi, libri e fumetti possono essere importanti


Roma – Il ruolo dei videogiochi nella crescita è da anni un argomento assai dibattuto e destinato a sollevare ancora numerosi dibattiti. Una indicazione sul fatto che i videogame possono contribuire allo sviluppo della persona, allo stimolare il ragionamento e la logica arriva da una ricerca del Centro Studi sull’Adolescenza.

Gli esperti hanno lavorato sui “media” che circondano i ragazzi tra i 10 e i 17 anni analizzando le risposte e le reazioni di 800 studenti di quell’età. E hanno stabilito che la televisione “fa male”.

“L’esposizione al piccolo schermo – ha infatti dichiarato la psicoterapeuta Mariolina Palumbo, che ha coordinato l’indagine – fa male alla vivacità tipica dei ragazzi, alla loro naturale curiosità e può spingere anche verso situazioni di autismo”.

E’ evidente che ciò va messo in proporzione al tempo effettivamente speso dinanzi alla televisione e alla programmazione cui si è esposti. Spiegano infatti gli esperti che guardare la televisione per più di due ore al giorno a quell’età può tradursi in difficoltà di applicazione nello studio. Ma non è solo questo: la realtà proposta da una certa programmazione inficerebbe anche la fantasia dei più giovani.

A fare da contraltare sono i videogiochi, capaci di impattare positivamente sulle capacità logiche e di analisi dei problemi, ma anche i libri, perché la loro lettura porta con sé capacità fantastiche e di ragionamento. “Assolti” anche i fumetti perché contribuiscono a sviluppare l’osservazione, la capacità nel disegno, la logica.

“Super Mario – ha affermato Palumbo – l’idraulico virtuale protagonista di videogiochi e di fumetti, è il personaggio che più sviluppa la voglia di raggiungere gli obiettivi, stimolando la fantasia”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

28 03 2002
Link copiato negli appunti