IBM e il computer cognitivo

Big Blue continua a lavorare alacremente alla macchina che può emulare i ragionamenti del cervello umano, finanziato dai militari della DARPA

Roma – Leggendo dell’ultimo progetto IBM la mente torna per l’ennesima volta a SkyNET, il rivoluzionario e immaginario supercomputer della saga cinematografica di Terminator, basato su un innovativo processore a rete neuronica. Un cervello elettronico che si comporta come un cervello umano.

Il progetto SyNAPSE (Systems of Neuromorphic Adaptive Plastic Scalable Electronics), in fase di sviluppo da anni , usa infatti neuroscienza, nanotecnologia e supercomputing per imitare il nostro sistema nervoso ed emulare capacità come percezione e cognizione. I prototipi dei chip messi a punto da IBM, realizzati con componenti a 45 nm, lavorano con un’impressionante rete neurale di memorie integrate che simula il comportamento delle sinapsi, possono imparare dagli errori, formulare ipotesi e trovare connessioni tra i fatti.

Il team capitanato BigBlue, composto anche da quattro università americane ha compiuto ora un ulteriore passo avanti nella gestione dei dati neurologici in tempo reale, con nuovi algoritmi che simulano ancora più efficacemente il lavoro della corteccia cerebrale.

I computer attuali gestiscono le istruzioni singolarmente, in modo lineare, basandosi ancora sulla struttura logico-funzionale proposta dal matematico Von Neumann . Con il modello SyNAPSE il dispositivo può invece prendere decisioni proprie partendo dagli eventi in corso, senza alcuna programmazione impostata, prevedere l’arrivo di uno Tsunami, intuire dei rischi nei mercati finanziari o rielaborare una strategia di guerra. Per questo motivo la DARPA , l’agenzia di ricerca scientifica della Difesa USA, ha già investito 21 milioni di dollari nella ricerca.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Metal_neo scrive:
    Povera lingua
    Io invece eliminerei certi termini dal dizionario prima di iniziarli a vederli dei temi. È un linguaggio che fa parte della rete dove dovrebbe restare. Spero che vedendoli sul dizionario qualcuno non si inventi di usarli anche in testi normali. Si vedono già le k e le x dove non servono. I socialnetwork restano comunque un forte strumento di comunicazione ma anche di lobotomia colettiva. Ormai le foto non si passano più su chaivetta via mail, si viene "taggati una volta casa". La privacy ringrazia.
    • sentinel scrive:
      Re: Povera lingua
      - Scritto da: Metal_neo
      Io invece eliminerei certi termini dal dizionario
      prima di iniziarli a vederli dei temi. È un
      linguaggio che fa parte della rete dove dovrebbe
      restare. Spero che vedendoli sul dizionario
      qualcuno non si inventi di usarli anche in testi
      normali. Si vedono già le k e le x dove non
      servono. I socialnetwork restano comunque un
      forte strumento di comunicazione ma anche di
      lobotomia colettiva. Ormai le foto non si passano
      più su chaivetta via mail, si viene "taggati una
      volta casa". La privacy
      ringrazia.Ogni tanto fa piacere leggere commenti come il tuo,quindi quoto tutto... Aggiungerei che, essendo informaticodella prima ora ed a conoscenza dei rischi dell'aperturadella propria privacy online, cerco spesso di informarecorrettamente amici/parenti/conoscenti su come regolarsi.Ma come hai detto tu, i "social network"(!) fanno addormentaresempre di più il cervello. Come dissi tempo fa, non è arrivatoil Web 2.0, ma il Web -2.0: cioè Internet ha fatto due passiindietro!
      • Homer S. scrive:
        Re: Povera lingua
        XXXXXXX.La lingua si evolve. Ed è normale che lo faccia, che vi piaccia o no.Altrimenti saremmo qua a parlare in etrusco...
        • Zapper scrive:
          Re: Povera lingua
          - Scritto da: Homer S.
          XXXXXXX.
          La lingua si evolve. Ed è normale che lo faccia,
          che vi piaccia o
          no.
          Altrimenti saremmo qua a parlare in etrusco...XXXXXXX. La nostra lingua non deriva dell'etrusco. Oltre alla vostra lingua, non conoscete neanche la sua storia.
          • Fabio Filippi scrive:
            Re: Povera lingua
            Vabbeh, era un modo di dire. Anche se molti termini latini sono presi dall'etrusco...Comunque è così, la lingua si evolve. Un conto è parlare di k e x un altro conto è parlare di termini nuovi*. Ad esempio, quale parola (inglese o italiana) corrisponde al termine "noob"? Novizio? Pivello? XXXXX? Non credo si possa trovarne una con la stessa valenza. E questo vale anche per altre parole.Il fatto che debbano rimanere dentro i pc non vuol dire niente, primo perchè anche se ci rimangono è comunque lingua scritta e quindi il vocabolario la deve registare secondo perchè per fortuna chi usa il termine "noob" (categoria in cui non mi annovero) ha una vita sociale e quindi è portato a usare termini anche in altri contesti, almeno che non abbia il cervello a compartimento stagno..*L'uso della k lo trovo accettabile anche se non corretto, sopperisce al fatto di dove usare due consonanti (ch) per un solo fonema. Così come cs is usa per x (clacson ad esempio). L'uso di x come 'per' è solo una forma di abbreviazione e non avrebbe senso in altri contesti perchè porterebbe a possibili fraintendimenti: Generale Bixio o Biperio?.
          • iome scrive:
            Re: Povera lingua
            - Scritto da: Fabio Filippi
            Vabbeh, era un modo di dire. Anche se molti
            termini latini sono presi
            dall'etrusco...

            Comunque è così, la lingua si evolve. Un conto è
            parlare di k e x un altro conto è parlare di
            termini nuovi*. Ad esempio, quale parola (inglese
            o italiana) corrisponde al termine "noob"?
            Novizio? Pivello? XXXXX? Non credo si possa
            trovarne una con la stessa valenza.Principiante.
            E questo vale anche per altre parole.Avere un vocabolario povero non e' una buona scura per adottare inutili neologismi, tra l'altro orrendi e/o da lingue straniere.
            *L'uso della k lo trovo accettabile anche se non
            corretto, sopperisce al fatto di dove usare due
            consonanti (ch) per un solo fonema. Così come cs
            is usa per x (clacson ad esempio). L'uso di x
            come 'per' è solo una forma di abbreviazione e
            non avrebbe senso in altri contesti perchè
            porterebbe a possibili fraintendimenti: Generale
            Bixio o Biperio?.Ma si, buttiamo nel XXXXX la nostra lingua e adottiamo questo pseudo-inglese 2.0....
          • harvey scrive:
            Re: Povera lingua
            - Scritto da: Fabio Filippi
            Comunque è così, la lingua si evolve. Un conto è
            parlare di k e x un altro conto è parlare di
            termini nuovi*. Ad esempio, quale parola (inglese
            o italiana) corrisponde al termine "noob"?
            Novizio? Pivello? XXXXX? Non credo si possa
            trovarne una con la stessa valenza. E questo vale
            anche per altre
            parole.Guarda c'e' una marea di persone che usano questi termini nuovi solo per fare i fighi e gli acculturate. Solo qualche termine informatico non e' traducibile, ma sono pochi.
            *L'uso della k lo trovo accettabile anche se non
            corretto, sopperisce al fatto di dove usare due
            consonanti (ch) per un solo fonema. Così come cs
            is usa per x (clacson ad esempio). L'uso di x
            come 'per' è solo una forma di abbreviazione e
            non avrebbe senso in altri contesti perchè
            porterebbe a possibili fraintendimenti: Generale
            Bixio o
            Biperio?.Le abbreviazioni del genere sono uno schifo unico. Fa tanta fatica usare due consonanti al posto di una? XXXXXXX che risparmio!
      • Zapper scrive:
        Re: Povera lingua
        - Scritto da: sentinel
        - Scritto da: Metal_neo

        Io invece eliminerei certi termini dal

        dizionario [...]

        linguaggio che fa parte della rete dove
        dovrebbe

        restare. Spero che vedendoli sul dizionario

        qualcuno non si inventi di usarli anche in
        testi

        normali. Si vedono già le k e le x dove non

        servono. [...]

        Ogni tanto fa piacere leggere commenti come il
        tuo,
        quindi <b
        quoto </b
        tutto...Ti fa tanto piacere, che ti esprimi proprio come lui disprezza.Almeno tu forse sai cosa significa quel termine storpiato, molti neanche quello.
        • iome scrive:
          Re: Povera lingua
          - Scritto da: Zapper
          - Scritto da: sentinel

          - Scritto da: Metal_neo


          Io invece eliminerei certi termini dal


          dizionario [...]


          linguaggio che fa parte della rete dove

          dovrebbe


          restare. Spero che vedendoli sul
          dizionario


          qualcuno non si inventi di usarli anche
          in

          testi


          normali. Si vedono già le k e le x dove
          non


          servono. [...]



          Ogni tanto fa piacere leggere commenti come
          il

          tuo,

          quindi <b
          quoto </b
          tutto...

          Ti fa tanto piacere, che ti esprimi proprio come
          lui
          disprezza.
          Almeno tu forse sai cosa significa quel termine
          storpiato, molti neanche
          quello.Quando ci vuole, ci vuole.Sottoscrivo tutto.
    • harvey scrive:
      Re: Povera lingua
      - Scritto da: Metal_neo
      Io invece eliminerei certi termini dal dizionario
      prima di iniziarli a vederli dei temi.Quanta tristezza leggere comment i come i tuoi...Il dizionario deve indicare tutte le parole, non solo quelle usate dai professoroni, ma quelle usati dalla gente.Siccome colo conoscono il loro lavoro si evolvono
      • Metal_neo scrive:
        Re: Povera lingua
        Beh, in effetti rileggendo i commenti mi viene da essere meno "conservatore". Io lo vedo tanto come slang dei netizien e non so perchè ma viene da storcere il naso a vedere quelle parole nei dizionari. Però è anche vero (non ci avevo pensato prima) che tornano molto utili quei termini nei dizionari. Leggendo e guardando materiale in inglese mi trovo spesso e volentieri con slang "molto slang" e devo andare a cercare quei termini su dizionari online specializzati nello slang per trovarne il significato.
Chiudi i commenti