IBM sfoggia un database alle vitamine

Preparandosi al rilascio della prima versione beta del suo nuovo dabatase, Big Blue snocciola alcune delle nuove caratteristiche di DB2: tra queste, il supporto ai dati XML
Preparandosi al rilascio della prima versione beta del suo nuovo dabatase, Big Blue snocciola alcune delle nuove caratteristiche di DB2: tra queste, il supporto ai dati XML


Atlanta (USA) – Anticipando di poche settimane l’avvio del beta testing del prodotto, IBM ha svelato nuovi dettagli sulla prossima major release del suo noto database di classe enterprise DB2. Anche nota con il nome in codice di Viper , la prossima versione di DB2 includerà per la prima volta funzionalità per la gestione dei dati XML.

In particolare, IBM sostiene che il nuovo motore del proprio DBMS sarà capace di fondere in maniera trasparente i dati relazionali classici con i dati XML senza dover operare una nuova formattazione di questi ultimi o doverli inserire all’interno di oggetti di grandi dimensioni residenti nel database. Questa caratteristica promette di rendere l’accesso alle informazioni più efficiente e flessibile e, nel contempo, di ridurre i costi associati alle attuali tecniche di data management. IBM afferma poi che Viper ridurrà la complessità e il tempo necessario a uno sviluppatore per creare applicazioni capaci di accedere simultaneamente a repository di dati sia relazionali che XML.

“DB2 Viper modificherà sostanzialmente le regole del gioco della gestione di un database”, ha dichiarato l’azienda. “Con Viper al cuore delle loro infrastrutture informatiche, i clienti potranno rapidamente evolvere da attività tradizionali di data management a rivoluzionarie tecniche di gestione delle informazioni che consentiranno di sfruttare le informazioni come un servizio”.

Le funzionalità XML native di Viper andranno a sposare le cosiddette Service-Oriented Architecture ( SOA ), che offrono la possibilità di accedere a enormi quantità di dati memorizzati in formati differenti.

Secondo IBM, DB2 Viper sarà anche il primo database a supportare simultaneamente tutti i tre metodi più comuni di partitioning dei database: range partitioning, clustering multidimensionale e hashing. Questo, a detta del colosso, permetterà alle aziende di organizzare e ordinare le informazioni in modo più adatto alle proprie esigenze.

La tecnologia XML nativa di Viper integrerà anche il supporto di XQuery , un nuovo linguaggio standard che estende XPath ed è appositamente progettato per trattare dati XML. Le applicazioni potranno usare XQuery, SQL o entrambi gli standard per recuperare documenti memorizzati con uno o entrambi i formati.

IBM ha infine confermato che prevede di estendere il supporto iniziale di Viper alla comunità di sviluppatori PHP utilizzando Zend Core for IBM . Clienti, sviluppatori e partner possono iscriversi al programma beta di DB2 Viper qui .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

17 11 2005
Link copiato negli appunti