IBM sforna i processori di Wii

I primi processori che equipaggeranno la console Wii di Nintendo sono usciti dalle fabbriche, rispettando così la tabella di marcia seguita da Nintendo per l'erede di GameGube

Armonk (USA) – Verso la fine della scorsa settimana, IBM ha consegnato a Nintendo le prime partite di processori per Wii , la console da gioco che da qui a pochi mesi succederà a GameCube. Noto con il nome in codice Broadway , il chip di Wii si basa sulla celebre architettura PowerPC di Big Blue, la stessa utilizzata dal processore a triplo core di Xbox 360.

La tecnologia del gigante di Armonk era già stata impiegata da Nintendo per il processore Gekko di GameCube, e si trova oggi al cuore di tutte le console di nuova generazione: tra queste vi è inclusa l’imminente Playstation 3, che come noto adotta un processore Cell prodotto da IBM e sviluppato in collaborazione con Sony e Toshiba.

“Il team di IBM ha lavorato sodo per progettare, sviluppare e rilasciare questa versione personalizzata del microprocessore Power in tempo per il lancio globale del nuovo sistema di Nintendo”, ha commentato Ron Martino, Technology Collaboration director di IBM, in merito al chip di Wii.

Broadway viene prodotto con un processo a 90 nanometri Silicon-On-Insulator e, secondo IBM, assorbe fino al 20% in meno di energia rispetto a Gekko . Sulle reali performance del nuovo processore non si hanno ancora informazioni precise: per il momento, Big Blue si è limitata a dire che il nuovo chip è “significativamente” più veloce del suo predecessore .

Nintendo non ha ancora svelato né la data né il prezzo del debutto di Wii, tuttavia si è impegnata a lanciare la propria console entro la fine dell’anno ad un prezzo non superiore ai 250 dollari. Difficile dire se queste promesse varranno anche per il Vecchio Continente, dove Sony ha appena posticipato il debutto della PlayStation 3 .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Curiosità
    Ma nessuno conosce il criterio con cui Nokia affibbia il codice al nome del telefonino??Ho provato ad analizzare la denominazione di svariati modelli senza venire a capo di nulla... anche Internet non fornisce nessuna info a riguardo... Giusto per curiosità eh!! comunque voglio vedere come faranno a trovare un nome per ogni nuovo modello visto quanti ne sfornano!
Chiudi i commenti