IBM svela il T-Rex dei mainframe

Il gigante vuole smentire chi ritiene i mainframe creature preistoriche prossime all'estinzione e rilascia T-Rex, nome in codice di un dinosauro pronto ad azzannare gli avversari


Armonk (USA) – Con il “soprannome” dato al suo nuovo e mastodontico mainframe, T-Rex, IBM è pronta a dimostrare che i dinosauri informatici sono ben lungi dall’estinguersi.

Il nuovo mostro che Big Blue si appresta a presentare domani porta il nome commerciale di z990 ed è capace di elaborare 450 milioni di istruzioni al secondo, un terzo in più di quanto può fare il più veloce mainframe attualmente offerto da IBM.

Il sistema disporrà inizialmente di 32 processori, ma IBM ha già pianificato, fra qui e l’inizio del 2004, modelli a 48 e 64 processori.

IBM sostiene che, nonostante tutti i necrologi scritti negli ultimi vent’anni, i mainframe non solo sono ancora vivi e vegeti, ma goderebbero di una seconda giovinezza: negli ultimi anni IBM è infatti riuscita non soltanto ad abbassare sensibilmente il costo di queste macchine, ma anche a svecchiare il concetto stesso di mainframe attraverso l’introduzione di nuovi software e funzionalità. Dopo il supporto a Linux , IBM si prepara ad esempio a portare sui propri mainframe la tecnologia di partizionamento, la stessa utilizzata per suddividere un sistema in più server virtuali e fra loro indipendenti.

IBM promuove i propri mainframe affermando che questi sono in grado di rimpiazzare decine o persino centinaia di server ad un costo competitivo e con vantaggi in termini di consolidamento, amministrazione e affidabilità.

Il colosso ha anche svelato nuovi dettagli su Blue Gene, un progetto attraverso cui vuole costruire una nuova generazione di supercomputer che possano riportare in USA un primato, quello del computer più veloce al mondo, soffiatole lo scorso anno dalla giapponese NEC con l’ Earth Simulator .

L’annuncio è anche dell’inizio della costruzione dei chip che verranno utilizzati nel primo supercomputer Blue Gene, il modello “L”, su cui girerà Linux e che sarà capace di gestire fino a 65 nodi: ogni nodo conterrà un chip in cui si troveranno integrate due CPU, quattro FPU, 4 MB di memoria e alcuni moduli per il networking.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Grasso che cola....
    Sono necessari 20GB per registrare 2 ore di video?Forse per applicazioni professionali spinte, non certo per l'utente comune.I professionisti possono tranquillamente spendere anche 100euro per DVD per avere il loro filmato digitale ad altissima definizione in un disco solo.Ma l'utente comune già con un DVD da 4.7GB la qualità di un film che gli riesce di ottenere è indistinguibile da quella del professionista considerato che il dispositivo di visualizzazione sarà un comune televisore (c'è chi addirittura riesce a farsi bastare un paio di CD in divx.....)Per questo motivo la vedo dura riuscire a convincere gli utenti che avranno bisogno di tali formati, che rimarranno di nicchia per pochi PRO ancora per molto tempo.La necessità più impellente ora è l'affermarsi di uno standard DVD universale che sostituisca definitivamente il VHS nelle case degli utenti.Personalmente attendo che terminino di scannarsi fra di loro prima di spendere soldi in un videoregistratore DVD....Tamerlano
    • Anonimo scrive:
      Re: Grasso che cola....
      condivido pienamenteGiò, un professionista video.- Scritto da: Anonimo

      Sono necessari 20GB per registrare 2 ore di
      video?

      Forse per applicazioni professionali spinte,
      non certo per l'utente comune.
      I professionisti possono tranquillamente
      spendere anche 100euro per DVD per avere il
      loro filmato digitale ad altissima
      definizione in un disco solo.

      Ma l'utente comune già con un DVD da 4.7GB
      la qualità di un film che gli riesce di
      ottenere è indistinguibile da quella del
      professionista considerato che il
      dispositivo di visualizzazione sarà un
      comune televisore (c'è chi addirittura
      riesce a farsi bastare un paio di CD in
      divx.....)

      Per questo motivo la vedo dura riuscire a
      convincere gli utenti che avranno bisogno di
      tali formati, che rimarranno di nicchia per
      pochi PRO ancora per molto tempo.

      La necessità più impellente ora è
      l'affermarsi di uno standard DVD universale
      che sostituisca definitivamente il VHS nelle
      case degli utenti.

      Personalmente attendo che terminino di
      scannarsi fra di loro prima di spendere
      soldi in un videoregistratore DVD....

      Tamerlano




      • Anonimo scrive:
        Re: Grasso che cola....

        - Scritto da: Anonimo



        Sono necessari 20GB per registrare 2 ore
        di

        video?



        Forse per applicazioni professionali
        spinte,

        non certo per l'utente comune.Ma chissenefrega dei video. Qui servono supporti per fare i backup di dati sempre più abbondanti.- Scritto da: Anonimo
        condivido pienamente

        Giò, un professionista video.Non certo un professionista del quoting...
      • Anonimo scrive:
        Re: Grasso che cola....

        condivido pienamente

        Giò, un professionista video.Che cacchio di professionista sei, io ho appena importato dalla mia videocamera MiniDV un filmato di 81 minuti e, standard senza compressione, occupa 14,3GBSicuramente non mi affiderei a te per un montaggio 8-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Grasso che cola....

      Sono necessari 20GB per registrare 2 ore di
      video?

      Forse per applicazioni professionali spinte,
      non certo per l'utente comune.Forse hai bevuto un paio di litri di arsenico candeggiato!E' chiaro che non hai mai registrato niente in vita tua, 2 ore nel formato standard DV delle videocamere digitali importato in AVI sul PC senza compressione occupa poco sotto i 20GB !
    • Anonimo scrive:
      Re: Grasso che cola....
      - Scritto da: Anonimo
      Ma l'utente comune già con un DVD da 4.7GB
      la qualità di un film che gli riesce di
      ottenere è indistinguibile da quella del
      professionista considerato che il
      dispositivo di visualizzazione sarà un
      comune televisore (c'è chi addirittura
      riesce a farsi bastare un paio di CD in
      divx.....)Eeesssì.. vabbe'... al massimo se lo vedi su un 28 pollici sfigato della Mivar... ma prova a riprodurre un DVD su un Panasonic, progressive scan o no, o su Philips Pixel Plus, o su un Sony WEGA e vedrai come si vede la bassa qualità! Per non parlare del plasma o dei videoproiettori... e comunque, che tu lo creda o no, il futuro sono i TV al plasma da piu' di 42 pollici, quindi il DVD sarà il minimo indispensabile.Luke
  • Anonimo scrive:
    siae
    fico..chissa' quanto bisognerebbe sborsare in piu' per pagare i diritti anticopia alla siae..
    • Anonimo scrive:
      17,4 euro solo di tassa Re: siae
      - Scritto da: Anonimo
      fico..chissa' quanto bisognerebbe sborsare
      in piu' per pagare i diritti anticopia alla
      siae..
      l'algoritmo di calcolo è abbastanza semplice:0,87 euro x gigabytequindi 0,87 x 20 = 17,4 euro solo di tassa.... fate voi....
  • Anonimo scrive:
    Perché non fanno un dvd da 3 e 1/2 ?
    Anziché mirare sempre e solo alla maggiore capacità, secondo me dovrebbero anche pensare alla praticità d'uso!Ancora non esiste un cd o dvd pratico e maneggevole come i vecchi floppy che non avevano bisogno delle scomodissime custodie e, grazie alle ridotte dimensioni, si potevano infilare in un taschino!
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché non fanno un dvd da 3 e 1/2 ?
      Eeeh, i vecchi comodi floppy senza custodia.... Cosi' comodi che 9 su 10 non funzionano mai :)
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché non fanno un dvd da 3 e 1/2 ?
      Il DVD non è il sostituto del floppy. IMHO, il sostituto del floppy è il pen drive usb.- Scritto da: Anonimo
      Anziché mirare sempre e solo alla maggiore
      capacità, secondo me dovrebbero anche
      pensare alla praticità d'uso!
      Ancora non esiste un cd o dvd pratico e
      maneggevole come i vecchi floppy che non
      avevano bisogno delle scomodissime custodie
      e, grazie alle ridotte dimensioni, si
      potevano infilare in un taschino!
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché non fanno un dvd da 3 e 1/2 ?
        Non ho detto che sarebbe un sostituto del floppy, ma che sarebbe pratico come un vecchio floppy e tra l'altro avrebbe una capacità molto superiore sia al dvd da 1 cm che al disco usb che dici tu.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perché non fanno un dvd da 3 e 1/2 ?
      - Scritto da: Anonimo
      Anziché mirare sempre e solo alla maggiore
      capacità, secondo me dovrebbero anche
      pensare alla praticità d'uso!
      Ancora non esiste un cd o dvd pratico e
      maneggevole come i vecchi floppy che non
      avevano bisogno delle scomodissime custodie
      e, grazie alle ridotte dimensioni, si
      potevano infilare in un taschino!Philips ha presentato un "cd" da 1 cm di diametro che contiene 3GB di dati... si scrive col blu-ray :) Il suo uso è pensato per device portatili, quali palmari, cellulari, player mp3, ecc..Speriamo lo commercializzino prestolo staff di blu-ray.it
      • Anonimo scrive:
        Re: Perché non fanno un dvd da 3 e 1/2 ?
        Un disco con un diametro di 1cm lo perdi anche nel portafoglio
        • Anonimo scrive:
          Re: Perché non fanno un dvd da 3 e 1/2 ?
          - Scritto da: Anonimo
          Un disco con un diametro di 1cm lo perdi
          anche nel portafoglioAl massimo lo ritrovi insieme ai bottoni....Pensa però se poi la moglie ti cuce la presentazione al direttore generale sulla camicia...
Chiudi i commenti