IDC: nessuno fermerà la corsa di Linux

La causa SCO-Linux non riuscirà a fermare la corsa del Pinguino. A dirlo è IDC, secondo cui nei prossimi quattro anni la vendita di server Linux crescerà notevolmente in Europa
La causa SCO-Linux non riuscirà a fermare la corsa del Pinguino. A dirlo è IDC, secondo cui nei prossimi quattro anni la vendita di server Linux crescerà notevolmente in Europa


Roma – I server basati su Linux quest’anno raggiungeranno, nell’Europa occidentale, le 162.000 unità, una cifra che è destinata a triplicare entro il 2007. A sostenerlo è la società di analisi di mercato IDC che, in un rapporto sponsorizzato dalla manifestazione Linuxworld , sostiene che nei prossimi quattro anni niente, nemmeno la causa in corso fra SCO e IBM, riuscirà a fermare la corsa di un sistema operativo che, soprattutto in Europa, ha ormai messo profonde radici.

“Non vedo nulla al momento che possa fermare Linux. Il fatto è che tutti i maggiori produttori di server, sia in Europa che nel mondo, sono pronti a vendere e supportare server Linux. Questo continuerà ad alimentare la diffusione di Linux”, ha dichiarato Martin Hingley, vice president dell’European Systems Group di IDC. “La causa fra SCO e IBM potrà rallentare il mercato Linux solo temporaneamente, ma non fermerà la crescita di questo sistema operativo nel medio-lungo periodo”.

IDC prevede che, entro il 2007, il valore del mercato Linux europeo passerà da 621 milioni di dollari a 1,9 miliardi di dollari, una crescita che, secondo la società di analisi, è guidata dai bassi costi di possesso e di licensing di Linux. L’incremento dei ricavi relativi alla vendita di soluzioni e servizi relativi a Linux è fondamentale, secondo IDC, all’entrata di nuovi soggetti nel mercato open source. Lo scorso anno, ad esempio, i sistemi con Linux hanno rappresentato il 15% del volume totale di server venduti nel mondo, ma solo il 5,1% dei ricavi.

IDC sostiene che Linux è ormai pronto per diffondersi anche nel settore desktop aziendale: secondo la propria indagine, il 15.5% degli utenti business starebbe infatti prendendo in considerazione il passaggio ad un sistema operativo desktop basato su Linux. In questo settore il Pinguino potrebbe ricevere una forte spinta da Sun, che per questa estate conta di rilasciare PC Linux desktop a basso costo con Star Office preinstallato, da Oracle, che all’inizio dell’anno ha stipulato varie alleanze per portare Linux nel desktop, e da Ximian, che ha recentemente rilasciato la seconda versione del proprio ambiente desktop enterprise basato su Gnome.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 06 2003
Link copiato negli appunti