Il British Museum si (ri)apre alla rete

Opere d'arte e documenti che ripercorrono millenni di storia, immagini tridimensionali e monografie: il museo londinese si reinventa sul web per la gioia di tutti

Roma – Esplorare le gallerie da dietro uno schermo, offrire ai netizen di tutto il mondo la possibilità di saggiare il patrimonio storico e artistico del museo londinese: questo l’obiettivo del redesign del sito del British Museum .

Il museo londinese Da almeno dieci anni il museo offriva ai cittadini della rete una vetrina online, ma si trattava di un semplice assaggio per invogliare i visitatori a recarsi a Londra, per ammirare di persona le opere d’arte e i documenti della collezione. Il nuovo sito, al pari di quelli approntati da istituzioni museali e archivi di tutto il mondo, si posizione in maniera completamente differente. Non ha nulla a che vedere con un distributore di informazioni di servizio, nulla a che vedere con una rassegna di notizie riguardo alle esposizioni temporanee: il nuovo sito del British Museum offre ai netizen online un’esperienza. Un’esperienza diversa e complementare rispetto a quella offerta da una visita fisica al museo.

Per approntare la nuova versione del British Museum è stato necessario un lavoro durato un anno e mezzo: si è valutata con attenzione l’architettura informativa, affinché i contenuti fossero il più possibile integrati e capaci di rispondere alle esigenze di visitatori con gli interessi più variegati, si è posto l’accento sull’accessibilità. “Abbiamo iniziato ad analizzare la maniera in cui le persone con deficit visivi potessero navigare nel sito e fruire dei servizi che offriamo – ha spiegato Matthew Cock, a capo della sezione del museo dedicata ai nuovi media – e stiamo lavorando a strumenti che possano supportare coloro che soffrono di problemi uditivi”.

Sono finora 275mila le opere ospitate dal sito dell’istituzione londinese, quattromila gli articoli monografici , numerosi i file audio che descrivono le opere. Sono molteplici le possibilità offerte per visitare il British Museum online : è possibile procedere per tematiche che raccolgono trasversalmente gli artefatti, si può percorrere il museo sala per sala , è possibile affidarsi al motore di ricerca. Prima di uscire, l’invito a sbirciare nello store online : è possibile acquistare cataloghi e repliche delle opere esposte, nonché prenotare biglietti e audioguide in prospettiva di una visita offline.

Per ora il sito ospita immagini bidimensionali di disegni, dipinti e oggetti da ammirare frontalmente e da stampare. Nel giro dei prossimi due anni il sito si arricchirà della collezione completa del museo: sette milioni di opere che includeranno sculture e testimonianze tridimensionali da visionare da vicino, da ruotare e manipolare.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • www scrive:
    l'unica protezione possibile...
    E' accompagnare sempre i proprio figli nella navigazione, fino all'età in cui non vogliamo che vedano del porno, se lasciati soli prima o poi ci guarderanno... è la curiosità umana che funziona così... erigere barriere è ridicolo, un po' come l'era del proibizionismo degli alcolici...
  • kattle87 scrive:
    gnocca la tizia della foto...
    come da topic O)
  • anoninona scrive:
    Ma i genitori?
    Invece di scaricare la colpa sugli altri, come fanno al moige, se i genitori si occupassero di più di navigare con i figli, mettere i filtri, etc. non ci sarebbero questi problemi.E invece no, gli altri devono educare per loro, perché non ne sono capaci...
    • massimo scrive:
      Re: Ma i genitori?
      non sempre è colpa dei genitori.da noi a Padova una scuola elementare ha digitato la parola "mondo" in google immagini con degli alunni e ne è venuta fuori una foto hard.....fai te...Come si può segnalare a google??
  • nodata scrive:
    Questa non l'ho capita...
    I leader dell'hardcore chiedono a Google e Yahoo di porre delle bariere più efficaci per i bambini ?Ma incominciassero a farlo loro...Cos'è uno scarica barile ? Se i minori ci visitano è colpa di Google e di Yahoo ? Ma perfavore... La libertà in rete ci deve essere, ma se a questi signori sta così a cuore il minore che le mettano loro le barriere. Ma poi a loro sta veramente a cuore il minore o gli sta più a cuore il loro portafoglio visto le continue cause e rimborsi che sono costretti a sostenere ?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 18 febbraio 2008 12.45-----------------------------------------------------------
    • Sgabbio scrive:
      Re: Questa non l'ho capita...
      più che altro alcune aziende del settore che non si sono mai adattate per escetticismo stanno piangendo lacrime di coccodrillo, basta vedere le sparate su siti come youporn...
    • massimo scrive:
      Re: Questa non l'ho capita...
      beh credo che google e yahoo dovrebbero attivarsi di piu visto che l'internet ora viene usato in età elementare
  • sandro scrive:
    Luca ha ragione
    "Che dopo l'epoca dei moralisti contro i pornografi, si stia preparando una crociata di pornografi contro altri pornografi?"già ... mi sa proprio che è così !!
    • Putrido scrive:
      Re: Luca ha ragione
      Moralista: chi tende a giudicare ogni cosa da un punto di vista morale o si atteggia a rigido e intransigente difensore della moralità.Moralità: qualità di ciò che è conforme ai principi della morale.Morale: conforme ai valori e ai principi ritenuti giusti e onesti in una determinata società o gruppo sociale. In pratica è un cane che si morde la coda. Anche la persona più dissoluta segue una propria morale e quindi è tacciabile di essere moralista quando giudica gli altri secondo le proprie regole di vita.[img]http://www.crazyjumpers.it/allegati%20mail/cane_che_si_morde_la_coda2.gif[/img]
  • IoMe scrive:
    Link sull'immagine
    Che c'entra quel blog "NoTicketOnTheBus" con l'immagine di Jenna Jameson? (rotfl)Che sia forse un modo subdolo per catturare qualche click? :D
  • fabioamd87 scrive:
    google e yahoo!
    lol msn non se lo son filato...
Chiudi i commenti