Il buco nero è made in China

Ricercatori asiatici mimano le caratteristiche fisiche dell'omonimo fenomeno cosmico per realizzare un buco nero formato mignon. Che non distorce la gravità e lo spazio-tempo: ma assorbe tutta la luce che gli capita a tiro

Roma – Per chi fosse stanco di attendere le meraviglie scientifiche rese possibili dai possenti benché claudicanti super-magneti del Large Hadron Collider del CERN , dall’Asia arriva la sorprendente ma poco ferale notizia che Qiang Chen e Tie Jun Cui, ricercatori dell’Università di Nanjing, sono riusciti là dove gli acceleratori di particelle hanno sinora fallito: vale a dire nella realizzazione di quello che può essere (più o meno) considerato come il primo buco nero artificiale realizzato dall’uomo .

Non si tratta, com’è facile intuire visto che la razza umana e la Terra sono ancora in circolazione, di un’enorme “palla” super-densa e puntiforme di materia, energia e spazio-tempo capace di stritolare in una singolarità astrofisica il tutto nel niente, quanto piuttosto di un più “banale” setup di 60 strati concentrici capaci di “risuonare” in accordo con le onde elettromagnetiche corrispondenti alla luce visibile sino a farla sparire (più o meno) per sempre.

La banalità della descrizione nasconde ovviamente i dettagli di una tecnologia avanzata, che per l’occasione corrisponde ai ben noti metamateriali , vale a dire composti in grado di deviare e incanalare la luce già alla base dello specchio super-riflettente e del mantello invisibile della Duke University .

I layer esterni del buco nero cinese hanno appunto la capacità di piegare le radiazioni elettromagnetiche della luce visibile direzionandole verso il centro dell’apparato. Così incanalata la luce si avvicina sempre di più alla “singolarità” dello pseudo-buco nero e, in perfetta sincronia con quanto succede nei black hole reali, una volta varcata la soglia dell’ orizzonte degli eventi (in questo caso i 20 strati più interni) letteralmente sparisce e si trasforma in qualcosa di completamente diverso .

Gli strati interni del buco nero risuonano infatti in maniera differente rispetto a quelli esterni, convertendo la luce in calore piuttosto che limitandosi a deviarne il corso. Niente singolarità, annullamento delle leggi fisiche e canali di collegamento tra universi differenti insomma, anche se i ricercatori assicurano: quello che entra non può più uscire , e “la luce viene totalmente assorbita all’interno del nucleo”. Resta qualche dubbio su che fine faccia.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pippo de pippis scrive:
    Ma speriamo di no
    Se c'è un motivo per cui funzionano e non si piantano come dei polmoni è proprio che almeno loro sono stati risparmiati da Java che è un mostro succhia risorse e batterie!
    • Vault Dweller scrive:
      Re: Ma speriamo di no
      - Scritto da: pippo de pippis
      Se c'è un motivo per cui funzionano e non si
      piantano come dei polmoni è proprio che almeno
      loro sono stati risparmiati da Java che è un
      mostro succhia risorse e
      batterie!Ehm... sai che Java è pressoché ovunque ... esatto anche sui netbook, solo che vista la loro portabilità hanno deciso di aggiungere alle classi della J2SE alcune classi della J2ME... ma dopotutto si sa che leggere le notizie prima di commentarle è un optional...
      • pippO scrive:
        Re: Ma speriamo di no

        - Scritto da: pippo de pippis

        Se c'è un motivo per cui funzionano e non si

        piantano come dei polmoni è proprio che almeno

        loro sono stati risparmiati da Java che è un

        mostro succhia risorse e

        batterie!

        Ehm... sai che Java è pressoché ovunque ...
        esatto anche sui netbook, solo che vista la loro
        portabilità hanno deciso di aggiungere alle
        classi della J2SE alcune classi della J2ME... ma
        dopotutto si sa che leggere le notizie prima di
        commentarle è un
        optional...Tranne che sulle macchine apple... :)Beati loro :D
        • ecco scrive:
          Re: Ma speriamo di no
          I Mac hanno supporto nativo per Java!
        • Vault Dweller scrive:
          Re: Ma speriamo di no
          - Scritto da: pippO

          - Scritto da: pippo de pippis


          Se c'è un motivo per cui funzionano e non si


          piantano come dei polmoni è proprio che almeno


          loro sono stati risparmiati da Java che è un


          mostro succhia risorse e


          batterie!



          Ehm... sai che Java è pressoché ovunque ...

          esatto anche sui netbook, solo che vista la loro

          portabilità hanno deciso di aggiungere alle

          classi della J2SE alcune classi della J2ME... ma

          dopotutto si sa che leggere le notizie prima di

          commentarle è un

          optional...
          Tranne che sulle macchine apple... :)
          Beati loro :DStrano .. mi sembrava che qui (http://support.apple.com/downloads/Java_for_Mac_OS_X_10_5_Update_1) ci fosse scritto java ma evidentemente dato che si tratta di apple mi sarò sbagliato...
    • Mauro scrive:
      Re: Ma speriamo di no
      Mi sa che sei rimasto un po' indietro con le tue convinzioni su Java...
      • iRoby scrive:
        Re: Ma speriamo di no
        È l'itaglia...Dove si vive di preconcetti e sentito dire...Succede un po' in tutti i campi, è la sindrome del cugggino onnisciente. :)
    • poiuy scrive:
      Re: Ma speriamo di no
      E' un flame vero?http://www.idiom.com/~zilla/Computer/javaCbenchmark.html
  • Enjoy with Us scrive:
    Java ME?
    Che brutto nome hanno scelto, non mi sebra che ME evochi tanti buoni ricordi in campo informatico...
    • lroby scrive:
      Re: Java ME?
      - Scritto da: Enjoy with Us
      Che brutto nome hanno scelto, non mi sebra che ME
      evochi tanti buoni ricordi in campo
      informatico...Invece a me ricorda un bel periodo, ovvero quando potevo usare un s.o. decisamente migliore del win98se (che supportava pendrive e hdd usb in automatico senza drivers da aggiungere a mano), più stabile e veloce, e più adeguato rispetto al w2k (che pesava troppo per i pc domestici dell'epoca).
      • iRoby scrive:
        Re: Java ME?
        WinME stabile e veloce? Brrrrrrrrr :s
        • pabloski scrive:
          Re: Java ME?
          buhahahahha, ti quotocerto che ultimamente lroby ne spara di XXXXXXX :Dwinme era peggio di nt4 in quanto a stabilitàok c'ha provato su :D
      • MaestroX scrive:
        Re: Java ME?
        ME????????? E' il peggiore sistema operativo della storia!!!Da vomitare... e mi fermo qui se no parto con le parolacce su questo Frankenstein del software.
    • Josafat scrive:
      Re: Java ME?
      La MicroEdition di Java mi sa che è nata anche prima di della Millenium Edition di Windows...
Chiudi i commenti