Il cerotto che legge nei traumi cranici

Lo sta perfezionando il Palo Alto Research Center per conto delle Forze Armate statunitensi. Servirà ad attenuare certi rischi per i soldati esposti in zone di guerra

Roma – Una delle preoccupazioni per le Forze Armate statunitensi è rappresentato dai militari rientrati dall’Iraq con patologie da trauma cranico, una circostanza dai postumi di difficile individuazione, derivante da improvvise esplosioni o rumori intensi come le granate, ed altri scenari simili. Per questo il Pentagono ha finanziato con 5 milioni di dollari il Palo Alto Research Center ( PARC ): volevano un sistema pratico e semplice per avere riscontro immediato della presenza di simili traumi.

il zenzore E il PARC ha risposto all’appello, con una “semplice” striscia adesiva, da attaccare all’elmetto, in grado di rilevare l’avvenuto manifestarsi di forti esplosioni, rumori ed altri eventi traumatici con immediatezza ed affidabilità. La striscia adesiva, che costerà meno di un dollaro ad esemplare, è uno strato di plastica flessibile su cui viene “stampato” tutto l’occorrente: memoria, sensori e microprocessore. Dura sette giorni , dopodiché può scaricare i suoi dati nel database medico dei militari, quindi si sostituisce.

“I TBI stanno diventando la firma della guerra ma, per capirli, abbiamo bisogno di dati”, dice Kevin “Kit” Parker, professore assistente di ingegneria biomedica presso l’ Università di Harvard ed Ufficiale della Riserva delle Forze Armate americane, impegnato in Afghanistan tra il 2002 e il 2003.

La speciale fascetta adesiva in sviluppo sarà prodotta impiegando tecnologia ink-jet, con una particolare modalità appositamente sviluppata per altri strumenti elettronici flessibili. Avrà le dimensioni di un “cerottone”, circa 8 per 8 centimetri. Potrà curvarsi su un raggio di un paio di centimetri e disporrà di accelerometro, misuratore di pressione acustica e di intensità luminosa, nonché di un termometro ambientale.

Unico problema che la novità non può risolvere è la necessità di tutelare il militare da una “seconda esposizione”: secondo Robert Cantu , neurochirurgo dell’Emerson Hospital, “il ripetersi di un evento particolarmente traumatico può anche condurre al decesso, nel 50 per cento dei casi”. Tuttavia, di certo è meglio che impiegare – come fatto sinora – personale militare con ben pochi riguardi per i rischi traumatici a cui potrebbe essere esposto.

Marco Valerio Principato

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • O.o scrive:
    Yeah e pensate al backup
    come da titolo XDPensate un po al backup che ci deve star dietro a tutto quanto ghghgP.s.: Suppongo si allarghi sempre di piu il tutto. Tipo wikipedia....o sbaglio alla grande ???
    • maroo scrive:
      Re: Yeah e pensate al backup
      mbe dipende....io lavoro su Oracle e dipende che tipo di backup, cmq generalmente se proprio va male puo' allargarsi di un 1% !!!
  • riccio scrive:
    interessante
    figata una biblioteca tutta digitalizzata..
  • Marco Marcoaldi scrive:
    Sono un privato ....
    ed ho 2 Tera e mezzi !!!!!A fine giugno ho intenzione di comprare un NAS casalingo da altri 2 tera (di cui 1 utilizzabile in quanto RAID 1).Non mi sembra che 78 tera siano eccezionali come cifre !
    • ABC scrive:
      Re: Sono un privato ....

      Non mi sembra che 78 tera siano eccezionali come
      cifre
      !Si, è vero.Ma qui si parla di 78 Tera di testo. Chi ha voglia di scrivere così tanto? Perché è vero che puoi avere un film (un DVD) che ti occupa 4 GB, e allora 78 tera sono "solo" 19968 DVD/film. Ma 78TB di libri (di testo) sono anche molti ma moltiiii di più. Ossia, come dice l'articolo "Oltre due milioni di volumi, oltre 737 milioni di pagine, 1713 tonnellate di carta". Non male! E' appunto questo il bello: potresti eliminare gli scaffali che usi per sostenere queste 1713 tonnellate di carta e metterli su hard disk in formato digitale, appunto sono solo "78TB" che volendo anche per un privato sono (se appassionato di dischi rigidi...) raggiungibili (mentre ci sarebbero più difficoltà nel creare un nuovo deposito e a "clonare/copiare" tutto quel materiale dal e in, formato cartaceo).
      • Massi cadenti scrive:
        Re: Sono un privato ....
        - Scritto da: ABC

        Non mi sembra che 78 tera siano eccezionali come

        cifre

        !

        Si, è vero.
        Ma qui si parla di 78 Tera di testo.Che probabilmente sono molti di più, se com'è probabile quel testo è compresso visto che i file di testo sono tra le cose meglio comprimibili dopo i file midi. Si arriva mediamente al 90% e molto spesso anche oltre. Quindi 78 tera in formato compresso sarebbero non compressi, se è come penso, circa 7 PETAbyte (cioè 7000 terabyte)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 ottobre 2008 02.16-----------------------------------------------------------
        • ciko scrive:
          Re: Sono un privato ....


          Si, è vero.

          Ma qui si parla di 78 Tera di testo.

          Che probabilmente sono molti di più, se com'è
          probabile quel testo è compresso visto che i file
          di testo sono tra le cose meglio comprimibili
          dopo i file midi. Si arriva mediamente al 90% e
          molto spesso anche oltre. Quindi 78 tera in
          formato compresso sarebbero non compressi, se è
          come penso, circa 7 PETAbyte (cioè 7000
          terabyte)beh dai, non credo che siano in plain/textsuppongo che adottino formati di impaginazione tipo pdf (di cui esiste una versione standard - iso mi sembra) o postscript...cio' non toglie che siano cmq TANTI 78 tera
        • io io scrive:
          Re: Sono un privato ....
          mmmm mi sa che sono pagine scannerizzate, non ricopiate in formato testo....
      • io si scrive:
        Re: Sono un privato ....
        http://shop.ebay.it/merchant/cdsat2006
    • tmx scrive:
      Re: Sono un privato ....
      in effetti non sono tanti (in assoluto). sono proporzionati al contenuto.quando vorranno fare l'archivio universale dei film però dovranno usare qualche petabyte...
    • nifft scrive:
      Re: Sono un privato ....
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      ed ho 2 Tera e mezzi !!!!!

      A fine giugno ho intenzione di comprare un NAS
      casalingo da altri 2 tera (di cui 1 utilizzabile
      in quanto RAID
      1).

      Non mi sembra che 78 tera siano eccezionali come
      cifre
      !Fregato... io ho 3 dischi da un tera collegati... 1 tera di questi è dedicato solo ai libri... (quando c'è una gara di chi ce l'ha più lungo non so resistere...)
      • frik-- scrive:
        Re: Sono un privato ....
        ue interessante... scambi?
      • Booker scrive:
        Re: Sono un privato ....

        Fregato... io ho 3 dischi da un tera collegati...
        1 tera di questi è dedicato solo ai libri...
        (quando c'è una gara di chi ce l'ha più lungo non
        so
        resistere...)Se vuoi vincere veramente la gara questo bel Tera di libri te lo devi essere letto almeno per 1/100, avere un harem di un 1000 donne e non tromb.... neanche una non e' averlo tanto lungo ....
        • nifft scrive:
          Re: Sono un privato ....
          - Scritto da: Booker

          Fregato... io ho 3 dischi da un tera
          collegati...

          1 tera di questi è dedicato solo ai libri...

          (quando c'è una gara di chi ce l'ha più lungo
          non

          so

          resistere...)

          Se vuoi vincere veramente la gara questo bel Tera
          di libri te lo devi essere letto almeno per
          1/100, avere un harem di un 1000 donne e non
          tromb.... neanche una non e' averlo tanto lungo
          ....In realtà meno dell'1%. Purtroppo è da un bel po' che ho poco tempo libero... E neanche un lettore di testi elettronici decente... Io continuo ad accumulare per hobby da collezionista...
          • Booker scrive:
            Re: Sono un privato ....

            In realtà meno dell'1%. Purtroppo è da un bel po'
            che ho poco tempo libero... E neanche un lettore
            di testi elettronici decente... Io continuo ad
            accumulare per hobby da
            collezionista...Tranq, ho meno libri elettronici e una percentuale un po' piu' alta di lettura degli interi tomi, piu' pezzi qua e la' comunque piu' o meno ho lo stesso andazzo (e non tanto x collezione e se poi mi serve materiale su un certo argomento, ma celo ovviamente ...)
    • attonito scrive:
      Re: Sono un privato ....

      A fine giugno ho intenzione di comprare un NAS
      casalingo da altri 2 tera (di cui 1 utilizzabile
      in quanto RAID 1).Sei un appassionato di storage (e sui gusti non si discute) oppure hai veramente bisogno di tutto qeullo spazio? E se si, che ci memorizzi? Multimedia, suppongo.
    • Gauss scrive:
      Re: Sono un privato ....
      Prova a riempire il tuo figoso NAS da 2tb con un file di testo scritto da te...quando hai finito di scrivere vieni qua e facci sapere.O era solo per farci vedere tu quanto ce l'hai grosso (lo storage)?
    • cxar scrive:
      Re: Sono un privato ....
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      ed ho 2 Tera e mezzi !!!!!

      A fine giugno ho intenzione di comprare un NAS
      casalingo da altri 2 tera (di cui 1 utilizzabile
      in quanto RAID
      1).

      Non mi sembra che 78 tera siano eccezionali come
      cifre
      !Dubito che 2+1/2 TB di film porno o musica MP3 "pesino", culturalmente parlando, quanto 2+1/2 TB dei tomi che questo progetto intende digitalizzare. Se poi ci mettiamo anche che i testi digitali, di per sè, occupano davvero poco spazio... =)
    • Booker scrive:
      Re: Sono un privato ....
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      ed ho 2 Tera e mezzi !!!!!

      A fine giugno ho intenzione di comprare un NAS
      casalingo da altri 2 tera (di cui 1 utilizzabile
      in quanto RAID
      1).

      Non mi sembra che 78 tera siano eccezionali come
      cifre
      !Gia' il tuo e' un tera di putt...., qui abbiamo 78 tera di sapere. Peraltro pure loro avranno un raid ma mica scassone come quello che hai comperato tu, in fondo non si tratta di una libreria di qualche centinaio di film, album musicali e roba del genere di cui fruisci tu, ma di un materiale che puo' avere migliaia e migliaia di accessi contemporanei. Non e' mica lo stesso se per un giorno non va un cavolo. Quindi hanno una bella SAN come si deve, sistemi di back up come si deve, linee ridondate ecc.Te la spiego in un altra maniera: Tizio (tutto orgoglioso e tronfio) io ho 10 ettari negli Stati Uniti, mbe' io sono un poveraccio e ho sempre 10 ettari negli Stati Uniti nella Valle della Morte precisamente. E il primo, si' ma i miei sono terreno edificabile in quel di Manhattan .... Insomma la quantita' e' una qualita' ma non e' l'unica qualita' e alle volte non basta per capire il valore di qualcosa.
    • Luigi Gelli scrive:
      Re: Sono un privato ....
      2 tera e mezzo di PORNO è da dilettanti allo sbaraglio :-)..ma credevo si parlasse di Biblioteche, no ?http://www.openitaly.net
      • Booker scrive:
        Re: Sono un privato ....
        - Scritto da: Luigi Gelli
        2 tera e mezzo di PORNO è da dilettanti allo
        sbaraglio
        :-)

        ..ma credevo si parlasse di Biblioteche, no ?

        http://www.openitaly.netFare confusione e' facile, sai c'e' il genere an..., e quindi quando ha letto cul-tura (ovvero riempi posteriori detto in altra maniera) ha travisato.
    • nattu_panno_dam scrive:
      Re: Sono un privato ....
      - Scritto da: Marco Marcoaldi
      ed ho 2 Tera e mezzi !!!!!

      A fine giugno ho intenzione di comprare un NAS
      casalingo da altri 2 tera (di cui 1 utilizzabile
      in quanto RAID
      1).

      Non mi sembra che 78 tera siano eccezionali come
      cifre
      !Direi che la trollata è abbastanza riuscita. :)
  • tuba scrive:
    formati, leggibilità, interscambio
    visto che deve essere una cosa pubblica, fruibile nel tempo e accessibile da tutti una "biblioteca" del genere dovrà per forza:1) usare formati APERTI completamente in modo che chiunque possa, se capace, scrivere un programma che legge questi file2) leggibili da tutti vuole dire che, come su wikibooks.org ad esempio, chiunque potrà leggere e consultare la libreria. non escludo comunque servizi a pagamento forniti dallo stato come la stampa e la rilegatura di un libro ad esempio3) biblioteca statunitense non vuol dire che solo chi abita negli stati uniti può leggere e consultare l'archivio. con i supporti cartacei se una copia di un libro esiste solo in una biblioteca chi non ce l'ha farà fatica a fruirneinvece con file digitali la copia e la distribuzione del sapere umano nel mondo sarà molto più veloce
    • davide73 scrive:
      Re: formati, leggibilità, interscambio
      Com'è che queste cose quando le fa Google nessuno dice niente, mentre se le fanno altri allora tutti a richiedere "apertura"??- Scritto da: tuba
      visto che deve essere una cosa pubblica, fruibile
      nel tempo e accessibile da tutti una "biblioteca"
      del genere dovrà per
      forza:

      1) usare formati APERTI completamente in modo che
      chiunque possa, se capace, scrivere un programma
      che legge questi
      file

      2) leggibili da tutti vuole dire che, come su
      wikibooks.org ad esempio, chiunque potrà leggere
      e consultare la libreria. non escludo comunque
      servizi a pagamento forniti dallo stato come la
      stampa e la rilegatura di un libro ad
      esempio

      3) biblioteca statunitense non vuol dire che solo
      chi abita negli stati uniti può leggere e
      consultare l'archivio. con i supporti cartacei se
      una copia di un libro esiste solo in una
      biblioteca chi non ce l'ha farà fatica a
      fruirne
      invece con file digitali la copia e la
      distribuzione del sapere umano nel mondo sarà
      molto più
      veloce
      • longinous scrive:
        Re: formati, leggibilità, interscambio
        - Scritto da: davide73
        Com'è che queste cose quando le fa Google nessuno
        dice niente, mentre se le fanno altri allora
        tutti a richiedere
        "apertura"??
        aspetta, te lo riscrivo:

        visto che deve essere una cosa pubblica ,
        fruibile

        nel tempo e accessibile da tutti Ecco perché
        • davide73 scrive:
          Re: formati, leggibilità, interscambio
          Aspetta che te lo riscrivo anch'io...Com'è che queste cose quando le fa Googlenessuno dice niente, mentre se le fanno altri alloratutti a richiedere "apertura"??Non discuto sul fatto che queste cose debbano o meno essere aperte ed il perché, ma piuttosto perché tali questioni non escano quando ne è Google l'artefice.- Scritto da: longinous
          - Scritto da: davide73

          Com'è che queste cose quando le fa Google
          nessuno

          dice niente, mentre se le fanno altri allora

          tutti a richiedere

          "apertura"??



          aspetta, te lo riscrivo:




          visto che deve essere una cosa
          pubblica ,

          fruibile


          nel tempo e accessibile da tutti


          Ecco perché
          • denis scrive:
            Re: formati, leggibilità, interscambio
            perchè Google è una multinazionale e cerca sempre di acquisire diritti speciali (a fini di profitto) sul materiale che tratta, mentre se lo fa un consorzio c'è un po' (pochino) di sicurezza in più sull'effettiva fruibilità del materiale.
          • longinous scrive:
            Re: formati, leggibilità, interscambio
            - Scritto da: davide73
            Aspetta che te lo riscrivo anch'io...

            Com'è che queste cose quando le fa Google
            nessuno dice niente, mentre se le fanno altri
            allora
            tutti a richiedere "apertura"??Ma sei gnucco?Pubblico -
            pretendo formati aperti visto che pago pure io che NON uso windowsPrivato (google) -
            al massimo posso chiederlo, non pretenderlo, e comunqueso già che li userà.
            Non discuto sul fatto che queste cose debbano o
            meno essere aperte ed il perché, ma piuttosto
            perché tali questioni non escano quando ne è
            Google
            l'artefice.Perché google è un'azienda privata che usa già formati open di suo, mentre nel pubblico la lunga mano oliatrice di MS si fa sentire già di più.Ora è più chiaro?
Chiudi i commenti