Il computer del 2050

Interfacce tattili, computer indossabili. Ma anche anelli che collaborano a sbrigare gli impegni quotidiani e schermi che si sciolgono in una tazza di tè. E c'è spazio per molto altro

Roma – Mancano pochi giorni per scoprire il vincitore dell’edizione 2007-2008 di NextGen PC Design Competition , un concorso lanciato da Microsoft e da Industrial Designers Society of America ( IDSA ) per sfruttare la genialità e l’intuizione dei cittadini della rete ed immaginare il computer del futuro . Il risultato sono creazioni incredibili sotto ogni aspetto, in grado di ridisegnare e rivoluzionare l’approccio all’hardware e all’interfaccia. E con la possibilità, se divenissero un giorno realtà, di cambiare anche la vita di chi li utilizza.

The Cup Libero sfogo alla fantasia, nessun vincolo tecnologico: ai partecipanti non è stato chiesto di rispettare alcuna regola particolare. L’unica richiesta è stata di tentare di immaginare un prodotto che comprendesse hardware e software , un connubio cioè in grado di cambiare non solo l’estetica di quel che ingombra la scrivania, ma anche il modo in cui lo si utilizza e con il quale le persone interagiscono tra loro.

L’esempio più lampante di questa spinta è forse The Cup , un computer a forma di tazza . Non occorre saper usare un computer per avere The Cup , basta saper usare una tazza: per copiare le informazioni basta versarle da un recipiente all’altro, per sommare i contenuti basta sovrapporre le tazze. Per mostrare quanto si vuole condividere, perché non rovesciare il contenuto della tazza su una superficie qualsiasi? L’interfaccia sparisce, si fanno strada i gesti quotidiani: chiunque sia in grado di tenere in mano una tazza può usare The Cup .

INFO Live Per chi invece la tecnologia se la vuole portare addosso, le idee non scarseggiano. C’è INFO Live , un orologio che è allo stesso tempo archivio mobile, interfaccia con l’universo online e agenda personale. Per chi ancora non si fosse convinto, è anche fatto di materiali ricilati e ha dunque un minore impatto ambientale. Se poi si è in cerca di qualcosa di più femminile, c’è Momenta : sembra una collana, ma è in realtà un guscio che contiene un registratore per gli istanti più importanti della propria vita . Cattura gli attimi e li riversa online, senza bisogno di portarsi appresso macchina fotografica, videocamera e laptop.

Momenta

Per i più impegnati ci sono Yuno PC , Yuno PC la mug con lo schermo multitouch che corre lungo tutta la superficie e tiene aggiornato il proprietario sulle ultime notizie , il Backpacker’s Diary , che in ogni pagina mostra una funzione diversa e che si ricarica con i pannelli fotovoltaici integrati, oppure TRVL , che fa da passaporto e biglietto, ma anche da telefono, computer, agenda, navigatore e dizionario, con un corpo traslucido e multifunzione .

Se non bastasse, ci sono pure la tavolozza digitale per l’artista digitale, il computer pensato per dare una mano in cucina, quello che si integra con l’abitazione e ne regola lo stato e il divertimento per i suoi abitanti o che stimola la collaborazione per far nascere idee geniali.

TRVL

Backpacker's Diary Quale sarà quello che si è spinto più avanti nel concetto di innovazione? Qual è quello che cambia il modo in cui gli utenti interagiscono con il PC , che unisce l’estetica ad una tecnologia all’avanguardia? I giudici terranno conto di questi fattori, della possibilità di trasformare realmente le idee in un prodotto in plastica e silicio, e della sua vocazione ecologica . Il vincitore guadagnerà 10mila dollari, al preferito del pubblico andranno invece 2.500 dollari. A tutti, invece, andrà l’onore di aver contribuito ad immaginare un futuro in cui i computer saranno sempre più coinvolti nelle attività quotidiane, e magari saranno alla portata anche di chi oggi è, suo malgrado, digital divided.

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Holo2 scrive:
    NIN finiti!
    Ci credo che l'abbia regalato,fa veramente ridere questa musica.Ad esclusione di piccoli sprazzi,questa roba è la fine conclamata dei NIN.
  • cozzatattup iane scrive:
    la musica si, i musicisti non so
    io sono assolutamente favorevole ma ho un altro lavoro.sul fatto che la musica sopravvive, non ci sono dubbi, la musica sopravvive sempre al suo creatore.ma il musicista... sopravvive?non lo so.proprio io non lo so
    • il signor rossi scrive:
      Re: la musica si, i musicisti non so
      - Scritto da: cozzatattup iane
      io sono assolutamente favorevole ma ho un altro
      lavoro.
      sul fatto che la musica sopravvive, non ci sono
      dubbi, la musica sopravvive sempre al suo
      creatore.
      ma il musicista... sopravvive?

      non lo so.

      proprio io non lo soguarda che il 99% dei musicisti sopravvive suonando e/o insegnando, solo l'1% sopravvive vendendo dischi (anzi, anche meno direi).
      • eaman1 scrive:
        Re: la musica si, i musicisti non so
        - Scritto da: il signor rossi
        guarda che il 99% dei musicisti sopravvive
        suonando e/o insegnando, solo l'1% sopravvive
        vendendo dischi (anzi, anche meno
        direi).E considerando che britney spears spreca in una giornata di inutilita' quello che un musicista valido guadagna in sei mesi...Oppure elton jhon, bha.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 maggio 2008 04.10-----------------------------------------------------------
        • Zarbon scrive:
          Re: la musica si, i musicisti non so
          Non mi pare proprio che Britney Spears rientri nella categoria "musicisti"..così offendi i veri musicisti
  • HostFat scrive:
    Precisi
    Sito funzionale, completo e preciso ( con tutti i formati )A me piace la precisione in queste cose.
Chiudi i commenti