Il concerto online salverà la creatività

Crescono le alternative ai circuiti di distribuzione tradizionali in mano alle major. Artisti ed etichette indipendenti si affidano a nuovi canali: concerti in diretta online e piattaforme di streaming audiovisivo
Crescono le alternative ai circuiti di distribuzione tradizionali in mano alle major. Artisti ed etichette indipendenti si affidano a nuovi canali: concerti in diretta online e piattaforme di streaming audiovisivo


Roma – Non è sicuramente azzardato dire che le dinamiche economiche e tecniche della musica contemporanea siano state rivoluzionate dall’avvento della connettività a banda larga . La diffusione dei sistemi di condivisione P2P, al di fuori delle polemiche delle major del settore, ha definitivamente cambiato la scena DIY , do-it-yourself , composta prevalentemente da artisti indipendenti e giovanissimi talenti.

In pratica, la disponibilità di un’Internet ad alta velocità ha trasformato gli utenti in emittenti : chiunque, grazie anche a piattaforme di produzione multimediale completamente gratuite, come Dyne:bolic , può contemporaneamente diventare produttore, promotore e distributore delle proprie opere creative – monologhi radiofonici in podcast, canzoni in formato compresso, cortometraggi in streaming.

C’è chi si è accorto di questa possibilità ed ha deciso d’investirci: sono i creatori di Streaming Tank , giovane start-up nata per essere la piattaforma di lancio per registi e musicisti. Un servizio che ha già fatto la fortuna di alcuni gruppi come gli Arctic Monkeys , che senza l’appoggio delle major sono riusciti ugualmente a raggiungere un’audience tanto consistente da ottenere un premio dal prestigioso New Musical Express , autorevole rivista britannica.

“Dopo l’exploit degli Arctic Monkeys”, sostiene il direttore di Q Magazine , “tutti hanno finalmente capito che Internet è fondamentale per qualsiasi artista emergente”. Qualcuno ha addirittura iniziato a fare veri e propri web tour , ovvero concerti trasmessi su Internet. E’ il caso di Sandi Thom, un 23enne scozzese che ogni sera utilizza Streaming Tank per organizzare veri e propri show dal vivo direttamente… dalla propria cantina.

Nel giro di pochi mesi, grazie alla realtà del social networking ed al potere infinito del “passaparola”, Thom è riuscito ad crearsi un’audience online di almeno 60.000 ascoltatori, sempre interessati a seguirne i concerti. Una vera marea di persone, così vasta che solo uno stadio, tradizionalmente utilizzato per l’organizzazione di grandi concerti, riuscirebbe a contenere.

“Un tour via web è la migliore opzione per gli artisti squattrinati e senza macchina”, ha dichiarato Sandi Thom. “Con una webcam ed un po’ di spazio è possibile fare concerti di fronte a tutto il mondo, a costi più che abbordabili”, si legge in un’intervista rilasciata al Times .

L’industria musicale, forte del passaggio alla distribuzione online , è sulla strada di una vera mutazione genetica : un processo rapidissimo che le major, impegnate nella lotta senza frontiere allo spettro della pirateria, non sembrano ancora prendere sul serio.

Tommaso Lombardi

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 03 2006
Link copiato negli appunti