Il display è una bolla di sapone

Un team di ricerca internazionale ha realizzato un display ultrasottile controllando "bolle di sapone" con onde ultrasoniche. Lo schermo così prodotto è trasparente, resistente e (volendo) pure in 3D
Un team di ricerca internazionale ha realizzato un display ultrasottile controllando "bolle di sapone" con onde ultrasoniche. Lo schermo così prodotto è trasparente, resistente e (volendo) pure in 3D

Un gruppo di ricercatori nippo-statunitense ha creato il “display colloidale”, vale a dire un sottile strato di una sostanza simile a quella usata per le bolle di sapone che ha la capacità di visualizzare immagini se sottoposta a opportune sollecitazioni sonore.

Gli autori dello studio hanno in particolare usato emettitori di onde ultrasoniche per modificare le proprietà del mix colloide usato per il display – un intruglio di particelle trasparente come una bolla di sapone ma che non si scioglie in acqua.


L’intruglio-display fa passare (e rifrange) la luce ma anche gli oggetti senza perdere la sua consistenza, e con le onde ultrasoniche adeguatamente dirette e orchestrate è possibile visualizzare immagini e spezzoni video sul display.

I ricercatori – che hanno già provveduto a fare domanda per brevettare la loro idea – hanno altresì ottenuto un effetto di rappresentazione 3D (olografico) usando più display colloidali in serie. La prospettiva futura del lavoro è di migliorare l’ingegnerizzazione dei display con immagini trasparenti e dettagliate.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 07 2012
Link copiato negli appunti