Il futuro di webOS in una app. Per Android

Far rivivere il defunto sistema mobile sviluppato da Palm. Trasformandolo in una app eseguibile sui dispositivi basati su Android. I progressi sono già notevoli

Roma – Trasformare il defunto e redivivo webOS in una app per Android: è l’operazione in cui si stanno misurando gli sviluppatori di Phoenix International Communications , che intende far rinascere (di nuovo) dalle sue ceneri il sistema mobile creato da Palm e poi mandato al macero da una gestione non proprio oculatissima da parte di Hewlett-Packard.

Già presentato come proof-of-concept un mese addietro, il progetto “webOS-on-Android” viene ora mostrato come funzionante, pur con tutti i limiti di un livello di sviluppo ancora nelle fasi iniziali: il video seguente mostra webOS che gira su un Nexus 4G, in una versione che Phoenix definisce “pre-alpha”.


Al momento la app-OS va lanciata via terminale, manca di un qualsivoglia supporto all’accelerazione hardware ed è dunque contraddistinta da prestazioni meno che dignitose .

Phoenix ha poi fatto uso di componenti realizzati per il porting open source di webOS come la tastiera virtuale per la digitazione touch.

Nondimeno si tratta di un inizio, anzi, di un progresso, e Phoenix dice di voler impegnare le energie dei suoi sviluppatori – volontari – per far rinascere non solo webOS ma anche un intero ecosistema hardware (smartphone, tablet) capace di sfruttarne le funzionalità.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Fabrizio Cinti scrive:
    Non solo per i disabili...
    ... ma anche per chi si danna per fare l'orecchio a una lingua straniera, i sottotitoli automatici sono un bell'ausilio.
  • Quelo scrive:
    Le Public
    "Le Public" è SINGOLARE sia in Italiano che in Francese, l'unico modo per tradurre quella oscenità cioè "il pubblico hanno in questo modo il palco" è di tradurre prima il francese in inglese e poi l'inglese in italiano.Capisc'ammè ... ;)
    • artima scrive:
      Re: Le Public
      Hai notato come traduce "bene" Google, dall'inglese all'italiano? Osceno è a dir poco. E Bing? Le cavolate che escono dal Giapponese all'italiano...Si fa prima a leggere in originale, l'intuizione aiuta di più!! A parer mio, o si traduce seriamente, o che lascino perdere, per carità!
  • Francesco scrive:
    Ci siamo!
    Ci siamo!http://it.wikipedia.org/wiki/Traduttore_universale#Star_TrekIl prossimo sarà il teletrasporto o la propulsione a curvatura?
    • krane scrive:
      Re: Ci siamo!
      - Scritto da: Francesco
      Ci siamo!

      http://it.wikipedia.org/wiki/Traduttore_universale

      Il prossimo sarà il teletrasporto o la
      propulsione a curvatura?La seconda che hai detto: http://www.tomshw.it/cont/news/la-nasa-lavora-al-motore-a-curvatura-di-star-trek/39737/1.html
    • Fulmy(nato) scrive:
      Re: Ci siamo!
      - Scritto da: Francesco
      Ci siamo!Shaka, quando caddero le mura!http://it.wikipedia.org/wiki/Specie_di_Star_Trek:_The_Next_Generation#Tamariani ;)
      • krane scrive:
        Re: Ci siamo!
        - Scritto da: Fulmy(nato)
        - Scritto da: Francesco

        Ci siamo!
        Shaka, quando caddero le mura!
        http://it.wikipedia.org/wiki/Specie_di_Star_Trek:_
        ;)Speriamo presto Sokath, i suoi occhi non più coperti.
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Ci siamo!
      - Scritto da: Francesco
      Ci siamo!

      http://it.wikipedia.org/wiki/Traduttore_universale

      Il prossimo sarà il teletrasporto o la
      propulsione a
      curvatura?Il teletrasporto.O meglio, verrà prima il replicatore, che è un teletrasporto semplificato.Per la propulsione a curvatura ci sono prima un po' di leggi fisiche da superare. Ci arriveranno, ma in molto più tempo.
      • Quelo scrive:
        Re: Ci siamo!
        - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato
        Il teletrasporto.
        O meglio, verrà prima il replicatore, che è un
        teletrasporto
        semplificato.
        Per la propulsione a curvatura ci sono prima un
        po' di leggi fisiche da superare. Ci arriveranno,
        ma in molto più
        tempo.Si, perché invece il principio di indeterminazione di Heisenberg è una quisquillia.Ci hanno pensato nella Next Generation quando hanno introdotto oltre che gli "smorzatori inerziali" anche i "compensatori di Heisenberg", peccato però che quando hanno chiesto agli autori "e come funzionano ?" gli hanno risposto : "funzionano bene !".
        • krane scrive:
          Re: Ci siamo!
          - Scritto da: Quelo
          - Scritto da: Luco, giudice di linea mancato

          Il teletrasporto.

          O meglio, verrà prima il replicatore, che è

          un teletrasporto semplificato.

          Per la propulsione a curvatura ci sono prima

          un po' di leggi fisiche da superare. Ci

          arriveranno, ma in molto più tempo.
          Si, perché invece il principio di
          indeterminazione di Heisenberg è una
          quisquillia.

          Ci hanno pensato nella Next Generation quando
          hanno introdotto oltre che gli "smorzatori
          inerziali" anche i "compensatori di Heisenberg",
          peccato però che quando hanno chiesto agli autori
          "e come funzionano ?" gli hanno risposto :
          "funzionano bene !".E che ti aspettavi ? Un trattato di fisica del 23' secolo ???(rotfl)
Chiudi i commenti