Il futuro di Windows 7

E il futuro di Microsoft. E dei suoi partner. Come un sistema operativo, e una congiuntura economica, possono cambiare e hanno cambiato il destino della più grande software house del mondo
E il futuro di Microsoft. E dei suoi partner. Come un sistema operativo, e una congiuntura economica, possono cambiare e hanno cambiato il destino della più grande software house del mondo

New Orleans (LA) – Se c’è una cosa per cui questo WPC verrà ricordato non sarà probabilmente Office 2010 (pur con la sua declinazione web), e neppure Windows Azure : alla conferenza mondiale dei partner di Microsoft, per la prima volta in un contesto così ufficiale e pubblico, l’azienda di Redmond non ha fatto mistero del destino di Vista. Un destino cruento, che prevede la sua eliminazione dal ricordo degli utenti e delle aziende che vivono dei prodotti di BigM, soppiantato – questa è la speranza – da un Seven che sarà tutto quello che il suo predecessore non è stato: un sistema operativo con molte novità sul piano tecnologico, stabile, largamente compatibile e richiesto dalla clientela.

l'apertura in stile musicale Windows Vista non è stato tutto questo: i diversi manager, di ogni livello, che si sono avvicendati al microfono, nelle varie chiacchierate e interviste di questi giorni, non hanno fatto mistero degli errori compiuti e del fiasco. Vista non è entrato nel cuore della clientela, l’attaccamento degli utenti a XP è la dimostrazione del fatto che qualcosa non ha funzionato (oltre che un problema sul piano finanziario): ci sono stati errori, lo ha ammesso lo stesso Bill Veghte (un pezzo da novanta a Redmond) al cospetto di tutti i giornalisti europei, soprattutto per l’approccio seguito nell’elaborazione (troppo lenta) e nel lancio (senza un adeguato supporto dei partner commerciali di Microsoft, innanzi tutto per quanto attiene le periferiche hardware fondamentali come le VGA) di una delle più sfortunate versioni di Windows.

Quello che è successo a quel punto è che la crisi economica mondiale ha complicato ulteriormente le cose: il normale turnover dell’hardware che avviene in azienda e a casa dei consumatori si è improvvisamente arrestato , i grafici degli analisti hanno subito una brusca picchiata per quanto attiene le vendite. In un mercato in cui praticamente il sistema operativo è divenuto una commodity, in cui Windows o Mac OSX (Linux in un certo senso fa eccezione) si acquisiscono quasi esclusivamente con l’acquisto di un nuovo computer, Vista si è gradualmente trasformato da rivoluzione in incubo: e i partner, coloro che creano letteralmente il giro d’affari attorno ai prodotti Microsoft, ammettono di aver avuto non pochi problemi a veicolare innovazione e crescita dovendo restare agganciati ad hardware e software datato.

Oggi Microsoft tenta di giocare la carta del riscatto. I vari top-manager che si sono avvicendati sul palco hanno posto l’accento sulla gran quantità di nuove release di praticamente ogni prodotto targato Redmond: da Windows 7 a Office 2010, Azure, SharePoint, Dynamics, Windows Mobile, Windows Embedded, tutto verrà rinnovato nel giro dei prossimi 6-12 mesi. L’auspicio è che la ripresa economica, unita all’introduzione delle novità tecniche, invogli all’acquisto : il messaggio comunicato ai partner è, più o meno, “convincete i vostri clienti che è arrivato il momento di rinnovare”.

Il problema di Microsoft è e rimane la percezione che il pubblico avrà di questo messaggio : contrariamente a quanto si può pensare, la maggior parte dei dipendenti di BigM non sono venditori assetati di sangue, bensì normali impiegati che fanno del proprio meglio per sviluppare proposte convincenti per i diversi settori di cui si occupano. Il problema, di nuovo, è l’immagine che l’azienda proietta di sé. Sarà che i vincenti scatenano sempre l’invidia di tutti, ma alcune tecnologie che potrebbero essere positive garantendo anche un risparmio interessante sul piano economico vengono viste come l’ennesima invasione di campo da parte di un gigante che cerca di schiacciare tutti e di occupare ogni posto sulla scacchiera.

Microsoft è e resterà a lungo una grande software house, in effetti la più grande che c’è in circolazione, con un portafoglio di prodotti che nessuno oggi è in grado di eguagliare. Microsoft è l’azienda IT che investe di più in assoluto in ricerca e sviluppo: quest’anno fiscale, l’anno peggiore dal 1929, il totale di quanto verrà speso per l’innovazione raggiungerà i 9,5 miliardi di dollari . Una quantità di denaro impressionante che, sempre nelle speranze di Redmond, dovrebbe garantire il successo per gli anni a venire.

gli investimenti di MS in R&D

Il business, in ogni caso, sta cambiando: BigM lo ha detto, lo ha ripetuto, e ha intrapreso delle iniziative chiare per non restare legata ai vecchi cliché e ai business che fino ad oggi sono stati remunerativi ma che potrebbero inaridirsi anche nell’immediato futuro. Ai suo partner, presenti in massa alla conferenza, Microsoft l’ha detto senza riserve: datevi una svegliata, veniteci dietro , battetevi con i vostri e i nostri concorrenti per ottenere sempre maggiori fette di mercato. Le conseguenze di questa “tenacia”, così ha definito Steve Ballmer l’approccio aggressivo e combattivo di BigM al mercato, fino ad oggi ha permesso di guadagnare il 90 per cento del mercato dei sistemi operativi e oltre la metà di quello dei browser: in futuro, chissà.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

15 07 2009
Link copiato negli appunti