Il Galeone di Linux pronto a salpare

Il piccolo browser open source Galeon è arrivato alla versione 1.0 ed è ora pronto a solcare mari più profondi in compagnia di Gnome
Il piccolo browser open source Galeon è arrivato alla versione 1.0 ed è ora pronto a solcare mari più profondi in compagnia di Gnome


Web – Fra la discreta scelta di browser open source disponibili per Linux, negli ultimi tempi è andata crescendo la fama di Galeon, un navigatore per Gnome che proprio in questi giorni ha raggiunto la “maturità” con l’arrivo della versione 1.0.

Galeon, che per funzionare ha bisogno di Mozilla 0.9.6 – un altro popolare browser open source di cui sfrutta il motore di rendering Gecko -, al momento può essere scaricato nella versione per Red Hat e per Slackware, ma a breve sarà disponibile anche per altre distribuzioni di Linux.

La versione 1.0 di Galeon arriva dopo un anno e mezzo di lavoro, un periodo di tempo in cui l’obiettivo dei suoi autori è stato quello di creare un browser “veloce, leggero e pienamente aderente agli standard”.

Il piccolo team di sviluppo che ha dato vita al progetto Galeon sostiene che Mozilla ha un ottimo motore di rendering ma, come molti altri browser sulla piazza, è piuttosto pesante e ha un’interfaccia “sovraffollata” e poco razionale. Il team sostiene che con Galeon ha invece voluto offrire alla comunità Linux che utilizza l’ambiente grafico Gnome un browser con “la più semplice interfaccia possibile” – sottolineando che “semplice non vuol necessariamente dire meno potente” – ed in grado di mantenersi leggero ed efficiente anche in presenza di macchine poco dotate in termini di processore e memoria.

“La filosofia Unix – si legge sul manifesto del progetto – induce a progettare piccoli strumenti che fanno una cosa, e la fanno bene”. Un concetto che in Galeon sembra essere stato applicato alla lettera: questo browser è infatti privo di e-mail, newsgroup, file management, instant messenging e, come sostengono i suoi sviluppatori, di “macchina per fare il caffè”.

In compenso Galeon è stato progettato per la modularità ed è in grado di interfacciarsi con semplicità ad applicazioni e componenti esterni attraverso le specifiche CORBA e Bonobo.

Nonostante la sua natura “pratica”, Galeon non rinuncia alla facoltà di agghindarsi con i temi, scaricabili qui .

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 11 2001
Link copiato negli appunti